Per le aziende locali di oggi, esistono diversi modi per commercializzare il tuo marchio online. La maggior parte dei tuoi potenziali clienti utilizza ancora Google per trovare attività commerciali nelle loro vicinanze, aziende in cui spenderanno i loro soldi guadagnati duramente. In effetti, l’ 80% delle ricerche con “intento locale” genera una conversione.

ISCRIVITI ALLE NOSTRE MAILING LIST PER IMPARARE TRUCCHI MAI VISTI SUL MARKETING, SEO E GUADAGNO ONLINE!

Questo pone la domanda: “Qual è il modo migliore per attirare l’attenzione dei ricercatori locali su Google?” 

La risposta: attraverso il marketing di Google Maps.

Che cos’è il marketing di Google Maps?

Il marketing di Google Maps è il processo di ottimizzazione della presenza online del tuo marchio in Google Maps, con l’obiettivo di aumentare la visibilità online del tuo marchio.

Quando cerchi una query su Google con intenti locali, vedi spesso qualcosa del genere:

Il marketing di Google Maps utilizza una serie di strategie e tattiche per aiutare la tua azienda a diventare una di quelle tre posizioni nei pacchetti di mappe locali.

Perché il marketing è importante per Google Maps?

Il motivo per cui ogni azienda locale dovrebbe preoccuparsi del posizionamento su Google Maps è semplice: potenziale visibilità del marchio.

Non sorprende che Google sia di gran lunga il motore di ricerca più popolare. Ma che dire di Google Maps in particolare?

Uno studio ha rilevato che quasi il 70% degli utenti di smartphone afferma di utilizzare Google Maps più frequentemente . Inoltre, su 3,5 miliardi di ricerche che avvengono su Google ogni giorno, sempre più sono considerati con intenti locali. Secondo Google , l’83% degli americani che hanno visitato un negozio ha dichiarato di aver utilizzato la ricerca online prima di entrare.

Pertanto, qualsiasi azienda seriamente intenzionata a farsi trovare al giorno d’oggi deve sfruttare il potere che sta dietro al marketing di Google Maps. Questo è il motivo per cui noi di Ratynski Digital focalizziamo gran parte del nostro tempo SEO locale nel far classificare i nostri clienti sia in Google Maps sia nei risultati di ricerca organici.

Prima di poter classificare in Google Maps, assicurati di aver configurato e ottimizzato il tuo profilo Google My Business .

Che cos’è Google My Business?

Google My Business (GMB) è una piattaforma gratuita fornita da Google in cui le aziende locali possono creare un profilo che viene visualizzato su una varietà di prodotti Google.

Per qualificarsi per un profilo GMB è necessario contattare di persona i propri clienti durante l’orario di lavoro indicato. Ciò può significare che hai una posizione in cui i clienti vengono a trovarti, o forse viaggi per vedere i tuoi clienti.

Un profilo GMB può visualizzare una varietà di informazioni sulla tua attività come:

  • Nome commerciale
  • Descrizione dell’attività
  • Recensioni
  • Numero di telefono
  • Indirizzo
  • Sito web
  • Categoria aziendale o industria
  • Posizioni che servi
  • Ore di lavoro
  • Prodotti e servizi
  • Fotografie

E molto altro a seconda del tuo settore!

Lo scopo di creare un profilo Google My Business per il tuo marchio è aumentare classifiche, traffico e entrate.

Come impostare Google My Business

Passaggio 1: vai alla pagina GMB .

  • Fai clic sul pulsante blu che dice “Gestisci ora” (assicurati di aver effettuato l’accesso al tuo account Google).

Passaggio 2: crea la scheda e assegna un nome al profilo della tua attività.

  • Assegna un nome alla nuova scheda e inizia ad aggiungere tutte le informazioni importanti sulla tua attività. 
  • È importante notare che prima di creare il profilo GMB, è necessario acquisire familiarità con le linee guida di Google . E per favore, non creare spam GMB. La creazione di elenchi falsi o spam non solo offrirà un’esperienza utente orribile per i tuoi potenziali clienti, ma ti metterà anche a rischio di sanzioni e sospensioni.

Passaggio 3: aggiungi quante più informazioni pertinenti sulla tua attività commerciale possibile.

  • Ricordi tutti quei diversi tipi di informazioni che ho menzionato sopra? Questo è quando riesci ad aggiungere quelli al tuo profilo. Approfitta di questa piattaforma gratuita e prova a includere quante più informazioni pertinenti possibile. Tieni presente che vorrai evitare di aggiungere categorie GMB che NON sono rilevanti  per la tua attività. Dovresti anche lavorare per mantenere accurate tutte le informazioni di contatto di Google My Business e assicurarti che corrispondano al tuo sito web.

Passaggio 4: verifica il tuo profilo.

  • Se si tratta di un account nuovo di zecca, dovrai verificare l’indirizzo fisico con una cartolina che verrà inviata via mail da Google.
  • Se stai rivendicando una scheda già esistente su Google Maps ma non verificata, potresti essere in grado di verificare il profilo tramite email o telefono.

Step 5: fai scoppiare lo champagne – ce l’hai fatta! Vai tranquillo.

Ora che siamo tutti pronti, immergiamoci nel SEO di Google Maps.

Principali fattori di ranking di Google Maps

È importante avere una solida conoscenza dei fattori di posizionamento di Google Maps prima di poter aspettarsi di vedere risultati di alto livello. Una volta capito come funziona, il marketing di Google Maps diventa facile come far funzionare il forno da forno Easy di 7 anni.

Va bene, forse non è così facile, ma tutto sarà molto più chiaro. Per un’immersione profonda, ti consiglio di dare un’occhiata allo studio sui fattori di classifica locale di Moz 2018 , ma tratterò i principali fattori qui.

In breve, ci sono otto fattori di classificazione che contribuiscono al posizionamento in Google Maps e nel pacchetto locale:

  1. Segnali di Google My Business
  2. Segnali di collegamento
  3. Rivedi i segnali
  4. Segnali sulla pagina
  5. Segnali di citazione
  6. Segnali comportamentali
  7. Personalizzazione
  8. Segnali sociali

È importante tenere presente che l’algoritmo locale funziona diversamente dall’algoritmo di ricerca organica di Google. La regina SEO Joy Hawkins fa un ottimo lavoro spiegando queste differenze dell’algoritmo in modo approfondito in questa lavagna venerdì .

L’algoritmo locale di Google analizza tutti i segnali sopra elencati e classifica gli elenchi in base alle seguenti tre aree:

  • Prossimità: quanto è vicina l’azienda al ricercatore?
  • Prominenza: quanto è popolare o autorevole il business nella zona?
  • Rilevanza: quanto è vicina la scheda alla domanda del ricercatore?

Ora che hai una comprensione di come funziona l’algoritmo locale e dei suoi numerosi fattori di classifica, parliamo di modi specifici per ottimizzare il tuo profilo GMB per migliorare il tuo posizionamento su Google Maps.

Come ottimizzare per Google Maps

Per dare il via alle tue ottimizzazioni, controlla che TUTTE le informazioni sulla tua attività siano complete e accurate al 100%. Ciò include l’aggiunta dei numerosi servizi che potresti offrire, nonché la descrizione di tali servizi.

Sherri Bonelli ha scritto un post completo sull’ottimizzazione delle informazioni sulla tua lista GMB . Ha fatto un ottimo lavoro nel trattare questo argomento, quindi mi concentrerò invece su altri tre fattori che avranno il maggiore impatto nel minor tempo possibile:

1. Ottieni più recensioni online

Le recensioni continuano a essere uno dei componenti più importanti per il posizionamento in Google Maps, ma il vantaggio di creare più recensioni non è puramente ai fini della SEO (non da un colpo lungo).

Le recensioni offrono un’esperienza cliente molto migliore. Aiutano a costruire prove sociali, gestire le aspettative dei clienti e possono vendere il tuo prodotto o servizio prima ancora di entrare in contatto con il cliente.

Con l’ 82% dei consumatori che legge recensioni online per le imprese locali, ogni imprenditore deve comprendere l’importanza e il potere delle recensioni.

Google comprende il desiderio del cliente di leggere le recensioni prima di visitare un negozio o fidarsi di un marchio. A causa di ciò, hanno pesantemente considerato recensioni nell’algoritmo locale (recensioni di Google e di terze parti).

Tieni presente che il “fattore di revisione” non è semplicemente una misurazione di chi ha più recensioni. Questo è certamente un pezzo del puzzle, ma Google prende in considerazione anche molti altri aspetti come:

  • Se una recensione ha testo insieme alla valutazione a stelle o meno.
  • Le parole scelte per scrivere la recensione.
  • La valutazione in stelle complessiva attribuita al business.
  • La coerenza delle recensioni.
  • Sentimento generale della recensione.

Gli imprenditori devono formare regolarmente se stessi (e il loro team) per chiedere recensioni ai propri clienti. È importante impostare sistemi e processi per rendere periodica la generazione di revisioni.

Consiglio anche di impostare un processo o acquistare un servizio che aiuti nella gestione delle recensioni. Ad esempio, Moz Local offre la possibilità di monitorare il flusso di recensioni, nonché di commentare e rispondere a quelle recensioni non appena arrivano (tutto in una dashboard coerente). Rispondi sempre alle tue recensioni!

Suggerimento pro : non chiedere una recensione troppo presto. Troppe aziende richiedono una recensione per un prodotto o servizio prima che i loro clienti abbiano avuto l’opportunità di sperimentarlo pienamente (e di trarne effettivamente vantaggio). Solo dopo aver avuto la possibilità di risolvere il loro problema con il tuo prodotto o servizio dovresti chiedere una recensione.

2. Creare collegamenti locali

I collegamenti sono ancora uno dei maggiori fattori di classifica nell’algoritmo di Google (sia nella classifica organica che in Google Maps). In effetti, la creazione di collegamenti locali è particolarmente importante se si desidera classificare in Google Maps.

È vero che qualsiasi link non contrassegnato come nofollow passerà “autorità”, il che probabilmente aiuterà con le classifiche. Tuttavia, i collegamenti locali sono particolarmente importanti perché hanno una probabilità molto più alta di condurre affari reali.

Uno dei modi migliori per iniziare a costruire collegamenti locali è utilizzare le relazioni locali in città. Pensa alle altre aziende con cui lavori a stretto contatto, alle organizzazioni che sostieni, o anche alle aziende che potrebbero qualificarsi come una ” nicchia di spalla “.

Per il più alto tasso di successo, inizia con le aziende con cui hai già una relazione o conosci bene. Potresti offrire di scrivere o registrare una testimonianza in cambio di un link, o forse potresti co-creare un contenuto a beneficio di entrambi il tuo pubblico.

Ecco esattamente come farlo:
  1. Crea un elenco di nicchie che offrono servizi che complimentano (ma non competono) con la tua attività.
  2. Considera come potresti essere in grado di incorporare queste altre società nella tua diffusione dei contenuti.

Ad esempio, un’azienda di pulizie di tappeti può decidere di creare un contenuto davvero utile su modi convenienti per aumentare il valore di una casa in un mercato specifico. Potrebbero includere consigli su abbellimento, pittura e, naturalmente, pulizia dei tappeti. Prima di scrivere il contenuto, potevano contattare alcune aziende locali di pittura, architettura del paesaggio o servizi a domicilio nell’area e chiedere se quelle aziende sarebbero disposte a collaborare al contenuto e forse aggiungere un link alle loro pagine delle risorse.

Questo processo può funzionare anche se al momento non hai relazioni esistenti con l’azienda. Ecco un modello di base che puoi utilizzare: 

Ciao [NAME],

Mi chiamo [IL TUO NOME] da [BUSINESS]. In realtà siamo vicini di affari in un certo senso, in quanto ci troviamo non troppo lontano da te in [CITTÀ]. Passo spesso da [LORO BUSINESS] sulla strada per [LANDMARK / DESTINATION LOCALE].

Ho pensato che fosse finalmente giunto il momento di allungare la mano e salutarti e farti sapere che se c’è qualcosa di cui tu o la tua squadra avete bisogno, fatecelo sapere.

Inoltre, sto lavorando alla stesura di un articolo su [INSERIRE L’argomento BLOG QUI]. Dal momento che entrambe le nostre attività servono un pubblico simile e si complimentano a vicenda, mi chiedevo se ti piacerebbe essere presente nell’articolo?

Includerò una sezione su [ARGOMENTO SULLA LORO INDUSTRIA] e vorrei usare una frase o due con il tuo consiglio proveniente dalla [LORO INDUSTRIA]. Potrebbe anche essere un’ottima aggiunta alla pagina delle risorse sul tuo sito web. Per favore fatemi sapere se questo è qualcosa che potrebbe interessarvi.

In entrambi i casi, grazie per il tuo tempo ed è un piacere conoscerti!

[IL TUO NOME]

Suggerimento professionale : se stai lavorando per creare link con un budget, potrebbe essere utile ottenere l’approvazione per il link prima di investire tempo e risorse nelle collaborazioni sui contenuti.

3. Combatti lo spam GMB sulla mappa

Questa ottimizzazione finale è meno di una “ottimizzazione” e più di una tattica. Questa tattica è potente perché, a differenza della maggior parte delle ottimizzazioni GMB, l’obiettivo non è fare qualcosa di meglio della concorrenza, è quello di rimuovere i concorrenti che stanno tentando di imbrogliare per classifiche più alte. 

Quanto è potente questo approccio? Molto.

Diamo un’occhiata a questo SERP di Google Maps come esempio:

A prima vista, tutti questi elenchi sembrano legittimi. Tuttavia, dopo circa due minuti di indagine puoi capire rapidamente che alcuni sono falsi. Uno di questi non ha un sito Web e collegamenti a Nerdwallet, alcuni utilizzano recensioni false e alcuni utilizzano persino indirizzi falsi (uno utilizza l’indirizzo DMV).

Ora immagina di essere un’assicurazione DCAP (una vera compagnia) e stai cercando di posizionarti più in alto su Google Maps. Se rimuovi correttamente i primi quattro elenchi di spam, ora sei passato alla posizione n. 1 senza apportare ulteriori ottimizzazioni.

Cominciando a vedere la logica dietro questo approccio?

Sfortunatamente, Google Maps ha ancora abbastanza spam in tutto il suo ecosistema. In effetti, tra i primi 20 spot nell’esempio sopra, sono stato in grado di trovare sette inserzioni false e altre tre estremamente discutibili. Questo approccio può funzionare indipendentemente dal fatto che una scheda utilizzi un nome commerciale, un riempimento di parole chiave improprio o sia interamente una posizione falsa.

Come rimuovere o modificare lo spam di Google My Business

Crea un registro dettagliato di ogni elenco GMB che trovi e di quali modifiche sono necessarie. Questo aiuterà in seguito se le modifiche continuano a essere ripristinate.

Quindi, vai su Google Maps, trova la scheda e fai clic su “Suggerisci una modifica”.

A seconda del problema, puoi selezionare:

  • “Cambia nome o altri dettagli”
  • “Rimuovi questo posto”

Se stai cercando di rimuovere il riempimento parole chiave dal nome dell’attività commerciale di una scheda, seleziona semplicemente “cambia nome o altri dettagli” e apporta le modifiche necessarie.

Se hai a che fare con spam di qualche tipo, dovrai selezionare “Rimuovi questo luogo” e quindi selezionare il problema esatto dall’elenco a discesa.

Quando si suggerisce una modifica non si completa il lavoro

Sfortunatamente, l’invio di una modifica sullo spam non sempre lo taglia. In questo caso, il modo migliore per gestire questi elenchi di spam è utilizzare il Modulo di reclamo per i ricorsi commerciali di Google .

Quando si utilizza il modulo di ricorso, è necessario fornire prove prima che abbia luogo l’azione richiesta. Per ulteriori informazioni, assicurati di controllare questa utile risorsa .

Elenco di controllo SEO di Google Maps

A questo punto, probabilmente capisci l’importanza di compilare il tuo profilo Google My Business fino al completamento. Ma non è tutto ciò che serve per classificare in Google Maps: il ranking richiede ottimizzazioni complete su una varietà di livelli e spesso non c’è solo una cosa magica.

Per aiutarti a coprire tutte le tue basi, ho creato questo elenco di controllo SEO di Google Maps che ti aiuterà a individuare aree specifiche per il miglioramento.

Monitoraggio dei risultati e analisi GMB

Il monitoraggio dei risultati è fondamentale in ogni aspetto della SEO e del marketing online e Google My Business non è diverso. La maggior parte delle analisi dei profili si troverà nel tuo account Google My Business.

Puoi trovare queste informazioni accedendo al tuo account e selezionando “approfondimenti” sul lato sinistro. Ecco un esempio di come appare l’account Google My Business di Roadside Dental Marketing.

Da lì, dovresti essere in grado di vedere cose come:

  • Quali query di ricerca specifiche hanno attivato la tua scheda.
  • Con quale frequenza la tua inserzione è apparsa nella ricerca di Google
  • Con quale frequenza la tua inserzione è apparsa su Google Maps.
  • Che tipo di azioni dei clienti sono state intraprese (ad esempio, visitare il tuo sito Web, richiedere indicazioni stradali, telefonate).
  • Da dove i clienti richiedono informazioni commerciali da.
  • In quali giorni della tua settimana ricevi più chiamate.
  • Quante foto sono state visualizzate e in che modo tale numero si confronta con la concorrenza.

L’unica cosa che l’analitica GMB NON offre è qualsiasi tipo di tracciamento dei ranghi. Per fortuna, le persone brillanti di Moz stanno lavorando su Local Market Analytics (beta). LMA non offre solo il monitoraggio dei ranghi a livello locale, ma contiene anche numerose informazioni sulla concorrenza all’interno di un mercato di riferimento.

Conclusione

Pur coprendo le basi del GMB va bene e dandy, le ottimizzazioni globali associate al miglioramento continuo sono ciò che separa veramente il grano dalla paglia. Testare regolarmente diverse ottimizzazioni all’interno del proprio settore e mercato e monitorare attentamente i risultati. In caso di dubbi, fai tutto ciò che è nel miglior interesse del tuo cliente. Devono sempre venire per primi.

Investendo nel marketing di Google Maps, sarai in grado di indirizzare i lead locali alla tua attività su base coerente. Se ti trovi con qualche domanda, fammi sapere nei commenti qui sotto o su Twitter e risponderò felicemente!