Un trader dovrebbe misurare i profitti in percentuali, pips o rischio/rendimento (R)?

L’articolo di oggi riguarda un concetto apparentemente ovvio; come misurare i profitti di trading. Tuttavia, la maggior parte dei trader inizia a misurare i propri profitti (e perdite) in modo totalmente sbagliato, ma in realtà non è colpa loro. Il pensiero convenzionale e ciò che viene generalmente diffuso su Internet o raccomandato dai broker e persino in molti libri, non è il modo in cui i veri trader professionisti pensano di misurare le prestazioni di trading o di gestire il rischio (vanno di pari passo).

Quindi, oggi, voglio darti una lezione del mondo reale che probabilmente non è quella che hai letto o sentito altrove, su come misurare correttamente le tue prestazioni di trading e il rischio sul mercato. Dopotutto, questa è una componente fondamentale della tua carriera di trading, e se non hai questa parte come puoi aspettarti di fare soldi sul mercato? Penso che tu sia d’accordo.

Come saprai, se segui il mio blog da un po’ di tempo, sono principalmente uno swing trader e questo è lo stile di trading su cui ci concentriamo qui e che insegno ai miei studenti. Perché è importante? Bene, perché a seconda di come stai facendo trading, vorrai misurare i tuoi profitti in modo diverso, e per gli swing trader come te e me, c’è un modo per misurare i profitti che è chiaramente più logico e semplicemente “migliore” rispetto al resto.

Tuttavia, prima di addentrarci nel modo in cui misuro il rischio e la ricompensa mentre faccio trading sui mercati, siamo onesti e trasparenti e esaminiamo i tre modi principali in cui i trader misurano questo. Discuteremo ciascuno di essi e poi spiegherò su quale dei trader si concentra la maggior parte dei professionisti e perché.

I 3 principali mezzi di misurazione dei profitti:

  • Il metodo “2%” – Un trader sceglie una percentuale del proprio conto da rischiare per operazione (di solito 2 o 3%) e si attiene a quella percentuale di rischio, qualunque cosa accada. L’idea di base qui è che quando un trader vince, aumenterà gradualmente la dimensione della sua posizione in modo naturale rispetto alla dimensione del conto. Tuttavia, ciò che di solito accade è che i trader perdono (per una serie di motivi discussi nei miei altri articoli, dai un’occhiata a questa lezione sul perché i trader falliscono  di più), e poi sono bloccati a negoziare dimensioni di posizione sempre più piccole a causa della regola del 2% ( il 2% significa meno soldi rischiati mentre perdi), rendendo più difficile solo tornare al loro importo iniziale, per non parlare di fare soldi!
  • Misurazione di pips o punti – Un trader si concentra sui pips o sui punti guadagnati o persi per operazione. Non ci concentreremo molto su questo metodo perché è così ridicolo. Il trading è un gioco in cui si vince e si perde denaro, non punti o pips, quindi l’idea che concentrarsi sui pip migliorerà in qualche modo le tue prestazioni rendendoti meno consapevole dei soldi, è semplicemente stupida. Sarai sempre consapevole dei soldi, non importa quale. Solo controllando adeguatamente il rischio per operazione puoi controllare le tue emozioni, e ciò significa che devi sapere cosa stai rischiando per operazione in forma monetaria (dollari, sterline, yen, ecc.).
  • Misurazione basata su “R” o Rischio $ fisso : un trader predetermina quanti soldi si sentono a proprio agio con la potenziale perdita per operazione e rischia lo stesso importo su ogni operazione fino a quando non decide di cambiare quell’importo in dollari. L’importo in dollari che stanno rischiando per operazione è noto come “R” dove R = Rischio. La ricompensa è misurata in multipli di rischio, quindi una ricompensa 2R è 2 volte R, ecc. Sì, c’è una certa discrezione in questo metodo, ma onestamente, la discrezione e l’ istinto nel trading sono una parte importante di ciò che separa i vincitori dal perdenti. Ti spiegherò di più mentre leggerai…

Fatto: le dimensioni non contano.

Uno studio recente che ho letto su quello che le donne pensavano fosse la caratteristica più importante di un uomo… scherzando! LOL. Ma seriamente…

Il rischio per operazione deve essere un processo di riflessione più profondo, deve essere personale in base alle circostanze e all’intero profilo di rischio e alla posizione finanziaria del trader. Per esempio:

Il trader A che rischia il 2% del suo conto da $ 5.000 le sue circostanze di vita completamente diverse (finanze, ecc.) rispetto al trader B che rischierebbe anche il 2% del suo conto da $ 5.000, come suggerito dalla regola del 2%.

Ora, rispondimi a questo: perché mai due INDIVIDUI TOTALMENTE DIVERSI RISCHERANNO LA STESSA PERCENTUALE dei loro conti di trading quando l’importo effettivo di denaro che rischieranno da quel 2% potrebbe o non potrebbe avere senso date le loro circostanze specifiche? Non ha senso vero? La regola del 2% è progettata solo per essere “facile” e per “avere senso” per il trader medio principiante, ma come ho detto prima, tutto ciò che fa davvero è far perdere lentamente ai trader. Per un commerciante esperto, la regola del 2% è una condanna a morte per “mille tagli”, per così dire.

Questo è che il modello di rischio $ ha MOLTO più senso: perché ogni trader ha un profilo di rischio diverso e situazioni personali che influenzeranno (o dovrebbero) considerare quanti soldi possono comodamente rischiare per operazione. La regola del rischio del 2% è semplicemente un numero arbitrario in termini di dollari, che può avere o meno senso per un dato trader con circostanze e finanze uniche.

Inoltre, nel Forex, la dimensione del conto è davvero arbitraria perché un conto Forex è semplicemente un conto a margine, il che significa che è lì solo per detenere un deposito su una posizione con leva. Qualsiasi trader che comprenda questi fatti non metterebbe mai TUTTO il proprio denaro di trading nel proprio conto di trading perché semplicemente non è necessario e non è sicuro o redditizio come tenere quel denaro altrove.

L’importo con cui fondi il tuo conto di trading non riflette necessariamente tutto il reddito che devi fare trading e non riflette il tuo patrimonio netto complessivo . Tuttavia, nel trading di azioni, hai bisogno di molti più soldi in deposito perché c’è meno leva disponibile. In genere, se si desidera controllare un valore di 100.000 azioni, è necessario disporre di 100.000 nel proprio account. Il Forex è molto più sfruttato come ho già detto, e questo significa che per controllare diciamo 100k di valuta, che è 1 lotto standard, hai solo bisogno di circa $ 5.000 nel tuo conto di trading.

Il mito del compounding e la regola del 2%

Uno dei motivi principali, se non il motivo principale per cui così tante persone spingono la ” regola di gestione del denaro del 2% ” è che sembra dimostrare che man mano che il tuo account cresce, sarai in grado di aumentare la dimensione della posizione in modo esponenziale. In teoria, questo è corretto, ma nel mondo reale è spazzatura. Mi permetto di spiegare…

I trader professionisti prelevano denaro (profitti) dai loro conti di trading ogni tanto (in genere una volta al mese o ogni 3) e poi il loro conto torna a un “livello di base”. Quindi, con un modello del 2%, non aumenteresti per sempre la dimensione della posizione, perché non ha senso non prelevare mai alcun profitto di trading, dopotutto, il punto di provare a fare soldi con il trading è usare effettivamente i soldi, giusto? Il modello di rischio $ fisso ha senso per i trader professionisti che vogliono trarre un reddito reale dal loro trading; è come faccio commercio ed è quanti altri conosco commercio.

Quindi, se il trading è un’attività di reddito e ritiriamo i profitti per vivere/spendere, allora la capitalizzazione è drammaticamente influenzata e semplicemente non è come sembra. Non credere a tutto ciò che leggi o ascolti su Internet; non esiste un metodo di gestione del rischio/denaro che ti permetta di comporre magicamente per sempre, semplicemente non è realistico.

Quando usi la regola del 2% o % R, aumenterai la dimensione della posizione man mano che il tuo account cresce, ma una volta che prendi soldi dal conto, bang, la dimensione della tua posizione subisce un enorme successo e improvvisamente stai scambiando importi molto più piccoli di te erano solo. Il modello di rischio $ fisso evita questo e mantiene tutto bello, uniforme e coerente.

Quanto dovresti effettivamente rischiare per operazione?

Ok, quindi a questo punto potresti pensare “Nial, come faccio a sapere quanto dovrei rischiare per operazione?”

La risposta è molto meno complessa di quanto si possa pensare. Credo nel determinare un importo in dollari che ti senti a tuo agio nel perdere su qualsiasi operazione e attenersi a tale importo in dollari almeno fino a quando non avrai raddoppiato o triplicato il tuo conto, momento in cui puoi considerare di aumentarlo.

Tale importo deve essere un importo che soddisfi i seguenti requisiti:

  1. Quando rischi questo importo in dollari, puoi dormire sonni tranquilli la notte senza preoccuparti delle negoziazioni o controllarle dal tuo telefono o altro dispositivo.
  2. Quando rischi questo importo in dollari, non sei incollato allo schermo del tuo computer diventando emotivo ad ogni tick a favore o contro la tua posizione.
  3. Quando rischi questo importo, dovresti essere in grado di “dimenticare” il tuo trade per un giorno o due alla volta, se necessario… e NON essere sorpreso dal risultato quando controlli di nuovo il tuo trade. Pensa, ‘ imposta e dimentica ‘.
  4. Quando rischi questo importo, dovresti essere in grado di prendere comodamente 10 perdite consecutive come buffer, senza provare un significativo dolore emotivo o finanziario. Non che lo faresti SE avessi padroneggiato una strategia di trading efficace come i miei 3 modelli di azione dei prezzi principali , ma è importante che tu permetta quel buffer per ragioni psicologiche.

Rischio $ fisso vs. % di rischio

“Dobbiamo essere logici, qual è una vera misurazione della performance di un trader?”

Se hai letto altri miei articoli su questo argomento, ho sostenuto il modello di rischio del dollaro fisso e contro la regola del 2% , ma nel caso ti fossi perso quella lezione, voglio discutere di nuovo perché preferisco il primo al secondo…

L’argomento principale che sostengo su questo argomento è che sebbene la regola del 2% faccia crescere un conto in modo relativamente rapido quando un trader ottiene una serie di vincitori, in realtà rallenta la crescita del conto dopo che un trader colpisce una serie di perdenti e rende molto difficile riportare il conto al punto in cui si trovava in precedenza.

Questo perché con il modello di rischio % R scambi meno lotti man mano che il valore del tuo conto diminuisce, mentre questo può essere utile per limitare le perdite, ma essenzialmente ti mette anche in un solco da cui è molto difficile uscire. Ad esempio, se prendi il 50% di $ 10.000, sei a $ 5.000 e per tornare a $ 10.000 devi ottenere un rendimento del 100%, è molto lontano dal pareggio e quindi dalla redditività usando la regola del 2%, perché tu stanno effettivamente scambiando una dimensione di posizione molto più piccola una volta che tiri giù così lontano.

Questo è il motivo per cui dico che il modello del 2% fondamentalmente porta un trader a “morte per mille tagli”, perché tende a perdere solo lentamente poiché la dimensione della posizione si riduce dopo ogni perdita. Sgonfia la loro fiducia e finiscono per fare trading eccessivo perché i trader iniziano a pensare “Dal momento che la dimensione della mia posizione sta diminuendo ad ogni operazione, va bene se scambio più spesso” … e mentre potrebbero non pensare esattamente questo … è spesso ciò che accade.

Personalmente credo che il modello % R renda pigri i trader… li fa assumere configurazioni che altrimenti non farebbero… perché ora stanno rischiando meno soldi per operazione, non apprezzano quel denaro tanto… è la natura umana.

Conclusione…

Se ricordi solo una cosa di questa lezione, ricorda che il modo più logico per un trader con un margine di trading efficace per misurare le prestazioni di trading o (profitti) è il rischio fisso o modello R.

Anche se non raccomando ai trader di usare la “regola del 2%” o un modello a % fissa, io raccomando di rischiare un importo in dollari che ti senti totalmente a tuo agio con la perdita su un dato trade. Ricorda, non sai mai quale operazione perderà e quale vincerà su qualsiasi serie di operazioni , quindi è sciocco aumentare il rischio su una determinata operazione solo perché “ti senti” più sicuro di essa. Se l’importo che stai rischiando per operazione ti tiene sveglio / incapace di addormentarti la notte, stai rischiando troppo, quindi componilo.

Ricorda, i trader professionisti hanno imparato a usare discrezione o “istinto” per valutare se intraprendere o meno un’operazione specifica e sono molto pignoli su quali operazioni intraprendere. Questo avviene attraverso il tempo sullo schermo e la pratica, quindi dovresti dedicare un po’ di tempo a sviluppare le tue abilità su una piattaforma di trading demo prima di andare in diretta. Sebbene l’argomento di oggi fosse la gestione del denaro, ricorda che ci vuole anche una solida psicologia del trading e un buon metodo di trading per diventare un trader di successo. Se desideri saperne di più sul mio metodo di gestione del denaro a rischio fisso e su come negoziare un grafico basato sull’analisi dell’azione dei prezzi, consulta il mio corso avanzato di trading dell’azione dei prezzi per ulteriori informazioni.