Cerca

Un semplice hack per combinare Facebook Ads e Google Ads

Quando guardi il tuo budget per il marketing online, può essere difficile decidere se concentrare le tue risorse su Google Ads  o Facebook Ads . Entrambe le piattaforme hanno un’enorme portata e gran parte di questi utenti sono i tuoi potenziali clienti : devi solo trovarli.

Personalmente, penso che sia importante spendere soldi per entrambi, ma ho un piccolo trucco per renderli ancora più efficaci …

Google Ads vs Facebook Ads

Google elabora più di 63.000 ricerche al secondo (circa 5,4 miliardi di ricerche al giorno e 2 trilioni all’anno). Ciò rappresenta un’enorme opportunità per qualsiasi azienda che può attingere alle giuste parole chiave che gli utenti stanno cercando :

Ricerca Google

Facebook, d’altra parte, vanta 1,56 miliardi di utenti attivi giornalieri e 2,38 miliardi di utenti attivi mensili. È più del 20% dell’intera popolazione mondiale e include sicuramente i tuoi potenziali clienti , se puoi indirizzare il pubblico giusto con i giusti interessi: 

Annunci di Facebook

Gli annunci Google sono un ottimo modo per trovare nuovi clienti. Gli annunci di Facebook sono un ottimo modo per aiutare i clienti a trovarti. Il retargeting intelligente ti consente di creare un’esperienza su entrambe le piattaforme che porterà a conversioni più elevate.

Il mio trucco di retargeting

Se stai spendendo soldi sia per Google Ads che per Facebook Ads, puoi utilizzare il monitoraggio della campagna di Google per eseguire un targeting davvero granulare per i tuoi annunci Facebook.

Quando imposti una campagna Google Ads, ti ritroverai con i parametri di monitoraggio alla fine degli URL di click-through. Se li imposti manualmente, avranno i parametri Urchin Tracking Module (UTM) , che avranno il seguente aspetto:

  • utm_source: il sito web da cui proviene l’utente, ad esempio utm_source = google
  • utm_medium: il tipo di collegamento, ad esempio utm_medium = email
  • utm_campaign: la promozione specifica, come utm_campaign = newuser
  • utm_term: i termini di ricerca specifici associati all’annuncio, come utm_term = marketing + agenzia
  • utm_content: ciò su cui l’utente ha effettivamente fatto clic, ad esempio utm_content = logo

Se utilizzi la codifica automatica di Google, il tuo URL avrà un ID clic Google , quindi apparirà come gclid = seguito da un mucchio di sciocchezze : lettere, numeri e caratteri speciali. E se utilizzi un tag manager e uno strumento di analisi di terze parti, potresti avere parametri che hanno un aspetto completamente diverso.

Indipendentemente dall’aspetto dei tuoi URL, puoi inserirli in Facebook per il monitoraggio, a condizione che tu abbia il Pixel di Facebook impostato per il tuo sito web o le pagine di destinazione (suggerimento bonus: assicurati di avere il Pixel di Facebook impostato per il tuo sito web o pagine di destinazione!).

Quindi puoi utilizzarli per creare segmenti di pubblico personalizzati di persone che hanno interagito con i tuoi annunci Google ma non hanno convertito e reindirizzarli. Ad esempio, se qualcuno cerca “agenzia di marketing digitale” e fa clic su un annuncio Google per single grain, possiamo quindi offrire loro un annuncio personalizzato in base ai termini di ricerca: “Stai cercando un’agenzia di marketing digitale? Ulteriori informazioni sui servizi di Single Grain “. Hai la foto.

Screenshot 2019 04 29T112134.774

Il retargeting va in entrambe le direzioni

Quando gli utenti vedono un annuncio su Facebook che li interessa, alcuni lo faranno clic. Ma molti di loro non lo faranno; invece, cercheranno su Google per saperne di più sull’azienda e leggere le recensioni. Se non esegui il remarketing per quelle persone, stai perdendo un’enorme opportunità.

Per raggiungere queste persone, utilizza il nome del tuo marchio come parola chiave della campagna e utilizza messaggi simili nel tuo annuncio a quelli che hanno visto su Facebook. In questo modo, quando avranno letto tutte le fantastiche recensioni sul tuo prodotto o servizio, potranno fare clic su quell’annuncio e acquistarlo.

Puoi impostare una campagna di remarketing di Google Ads nello stesso modo in cui hai impostato quella di Facebook, aggiungendo i codici UTM ai tuoi URL in Facebook Ads Manager e quindi portando quegli URL direttamente in Google Ads.

Per saperne di più:

Non dimenticare la regola del sette

Ricorda sempre che le persone devono connettersi con il tuo marchio una media di sette volte prima di decidere di intraprendere un’azione. Se riesci a diffondere i tuoi messaggi senza interruzioni su molte piattaforme, sarà molto più efficace che offrire loro lo stesso annuncio Google o Facebook più e più volte.

Ma il marketing attraverso piattaforme, noto anche come marketing omnicanale , ha un altro vantaggio: è più veloce. Se utilizzi solo Google Ads, potrebbe essere necessario molto tempo prima che un utente visualizzi il tuo messaggio sette volte. Idem per gli annunci di Facebook. Ma se stai facendo entrambe le cose, puoi raggiungere quel punto di contatto molto più rapidamente e se stai facendo entrambe le cose insieme al marketing su Twitter, LinkedIn o YouTube, pensa solo a quanto velocemente raggiungerai quel punto di sette esposizione.

Un altro vantaggio del marketing omnicanale è che riduce i costi complessivi per acquisire un cliente. Un mio amico che lavorava per Expedia mi ha detto che quando hanno iniziato a pubblicare spot televisivi oltre ai loro annunci online e radiofonici, i loro costi di acquisizione hanno iniziato a scendere del 10-20% sui canali perché le persone notavano gli annunci ovunque. Erano più efficaci perché l’azienda raggiungeva le persone su così tante piattaforme diverse contemporaneamente.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Come creare annunci di retargeting che convertono

Detto questo, non è sufficiente scegliere come target le stesse persone su Facebook che hanno visto i tuoi annunci su Google. Devi indirizzarli con i messaggi giusti.

Qualcuno che ha già visitato il tuo sito web e qualcuno che non ha mai sentito parlare di te risponderà a diversi tipi di messaggi. Tieni a mente i seguenti suggerimenti per convertire gli utenti su Facebook che non hai ricevuto su Google.

1) Concentrarsi sulla personalizzazione

Più conosci il tuo pubblico, meglio sarai in grado di indirizzarlo con i messaggi giusti. La personalizzazione ha dimostrato di fornire da cinque a otto volte il ROI  sulla spesa di marketing e può aumentare le vendite del 10% o più. 

La personalizzazione può essere semplice come includere i termini di ricerca che hanno utilizzato su Google nella copia dell’annuncio o complicata come mostrare loro un prodotto specifico che hanno aggiunto al carrello dopo aver fatto clic sul tuo sito Web da un annuncio Google ma non acquistato. Assicurati solo di sfruttare il loro comportamento su Google per ottenere i migliori risultati.

Ulteriori informazioni: la guida completa per iniziare con la personalizzazione del sito web

2) Usa forti inviti all’azione

Cosa vuoi che faccia un utente? Clic? Iscriviti? Richiedi di saperne di più? Qualunque sia il caso, diglielo nella copia. Usa parole attive. Spiega chiaramente cosa otterranno se completano l’azione che hai definito:

CTA

Ulteriori informazioni: come creare inviti all’azione che causano effettivamente un’azione

3) Approfitta delle immagini

Gli annunci di testo di Google non hanno molto da offrire visivamente, quindi quando esegui il retargeting di persone che hanno interagito con i tuoi annunci Google su Facebook, hai una nuova opportunità per stupirli davvero. L’impiego di elementi visivi e contenuti video forti insieme a messaggi che riconosceranno da Google è un ottimo modo per renderli più interessati al tuo marchio:

Annuncio Wayfair

Immergiti più a fondo: 30 annunci Facebook vincenti e perché sono così efficaci

4) Prova un diverso tipo di presentazione

È probabile che la tua presentazione su Google Ads sia stata semplice e funzionale. Prova un approccio diverso per i tuoi annunci di Facebook, come fare appello alle aspirazioni o alle emozioni degli spettatori. Ad esempio, se la tua presentazione su Google fosse “Impara a migliorare il tuo SEO”, la tua presentazione su Facebook potrebbe essere “Schiaccia i tuoi concorrenti in SEO” o “Diventa un esperto in SEO”.

Testimonianze e case study sono un’ottima tattica di retargeting anche per il pubblico di Facebook. Se qualcuno era abbastanza interessato al tuo annuncio Google da fare clic su di esso, crea i tuoi futuri messaggi di Facebook intorno a ciò che i clienti esistenti hanno da dire sulle loro esperienze. “Questi pantaloni da yoga mi hanno cambiato la vita”, ad esempio, è un messaggio molto più forte di “Pantaloni da yoga che puoi indossare per lavorare”.

5) Lavora sui tuoi titoli

Rendi i tuoi titoli brevi, dolci e forti. Non utilizzare più di cinque parole e assicurati che le tue parole chiave siano incluse. Indica in modo chiaro e conciso qual è il tuo prodotto, servizio e / o proposta di valore.

Uno studio di Buzzsumo su 100 milioni di titoli ha rilevato che per i titoli su Facebook, questa frase riceve il doppio dell’impegno: “ti farà”. I titoli con frasi emotive hanno sempre un buon rendimento anche su Facebook, come:

  • Ti fa venire la pelle d’oca
  • È troppo carino
  • Sciogli il tuo cuore
  • Non riesco a smettere di ridere
  • Lacrime di gioia
  • Scioccato nel vedere

Approfondisci: come scrivere titoli di eroi per aumentare le percentuali di clic

6) Non dimenticare i dispositivi mobili

Gli annunci di Facebook non hanno lo stesso aspetto su desktop e dispositivi mobili e gli utenti non interagiscono con essi allo stesso modo. Considera l’idea di progettare annunci diversi per entrambi per aumentare le tue probabilità di ottenere risultati di clic e conversioni.

Ulteriori informazioni: come produrre annunci video di Facebook a pagamento per dispositivi mobili come un professionista

7) Non dimenticare il pubblico simile

La funzione di pubblico sosia di Facebook è un potente strumento di targeting ed è uno che dovresti usare, soprattutto quando sai già che un pubblico è interessato al tuo marchio. I segmenti di pubblico simili sono composti da altri utenti simili a quelli di un tuo pubblico esistente, in questo caso quelli che hanno fatto clic sui tuoi annunci Google. È un modo efficace per trovare nuove persone che potrebbero interagire con il tuo annuncio.

Se utilizzi segmenti di pubblico simili, valuta la possibilità di creare un set diverso di annunci per loro con messaggi diversi. La maggior parte di loro non avrà mai sentito parlare del tuo marchio prima, quindi potresti dover concentrarti sul fare un’introduzione, piuttosto che ripetere una proposta di valore a cui sono sempre stati esposti.

8) A / B testa i tuoi annunci

Un buon marketing consiste nel testare tutto. Non puoi presumere che i tuoi annunci di Facebook vengano convertiti solo perché hai un pubblico che in precedenza ha fatto clic sui tuoi annunci Google.

Sperimenta diversi tipi di annunci, inviti all’azione, elementi visivi e parole chiave per vedere quali risuonano con il tuo pubblico personalizzato. Continua a testare fino a quando i tuoi numeri di clic non sono dove desideri essere, quindi fai altri test per superare i tuoi obiettivi.

Metti alla prova anche le tue esperienze pubblicitarie combinate. Ad esempio, se hai creato cinque annunci Google e cinque annunci Facebook, prova tutte le diverse combinazioni per vedere quali particolari elementi collaterali funzionano meglio insieme. Potresti scoprire che un annuncio Google con un CTR inferiore funziona effettivamente meglio di uno con un CTR più elevato se combinato con un determinato annuncio di remarketing di Facebook. La linea di fondo è che non lo saprai finché non proverai tutto.

Approfondisci: 9 regole per la creazione di annunci che convertono

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Se devi davvero sceglierne uno, scegli Facebook

So di aver detto che dovresti fare entrambe le cose, ma se davvero non hai il budget per pubblicare annunci sia su Google che su Facebook, allora mi concentrerei su Facebook. Non puoi battere le opzioni di targeting di Facebook, sia dal punto di vista della campagna che da quello analitico. C’è così tanto da imparare sul tuo pubblico e puoi imparare così tanto solo tramite Google.

Pubblica i tuoi annunci di Facebook, raccogli tutti i dati e poi, lungo la strada, quando hai un budget esteso, sarai in un’ottima posizione per utilizzare questo trucco.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close