Un confronto tra le tecniche SEO White Hat, Grey Hat e Black Hat

White-Hat-e-Black-Hat-SEO

Conosci la differenza tra SEO white hat, black hat e gray hat e scopri come le tecniche SEO white hat possono aiutare nella crescita della tua attività.
L’ottimizzazione per i motori di ricerca, essendo una grande industria a sé stante, si è evoluta nel corso degli anni e, con ciò, le persone hanno anche iniziato a utilizzare diverse tecniche SEO che rientrano nelle categorie di white hat, gray hat e black hat SEO. Per capire cosa sono queste tecniche SEO, proviamo a capirle fin da zero.

Cos’è il White Hat SEO?

White hat SEO si riferisce alle tattiche SEO utilizzate con i termini e le condizioni dei principali motori di ricerca, incluso Google. In generale, il white hat SEO si riferisce a qualsiasi pratica che migliora le classifiche di ricerca sulla pagina dei risultati dei motori di ricerca (SERP) mantenendo l’integrità del tuo sito web e rispettando i termini di servizio del motore di ricerca. Ad esempio, un sito Web ottimizzato per i motori di ricerca, ma che si concentra ancora sulla pertinenza e sul posizionamento, utilizza la SEO white hat. Alcuni altri esempi di implementazione del White Hat SEO sono l’offerta di contenuti e servizi di qualità, utilizzando parole chiave descrittive, rendendo il sito facile da navigare e backlink e link building per migliorare la popolarità dei link.

Cos’è il black hat SEO?

Black hat SEO si riferisce a un insieme di pratiche non etiche che vengono implementate per aumentare il ranking di una pagina o di un sito Web nelle SERP (pagine dei risultati dei motori di ricerca). Black hat SEO utilizza strategie, tecniche e tattiche SEO aggressive che si concentrano solo sui motori di ricerca e di solito non seguono le linee guida dei motori di ricerca. Qualsiasi azienda deve apparire nei risultati di ricerca e, per questo, è molto importante che qualsiasi organizzazione si posizioni nell’elenco dei risultati dei motori di ricerca. La SEO black hat viene anche definita SEO non etica poiché di recente viene utilizzata più comunemente per descrivere hacker di computer, creatori di virus e coloro che eseguono azioni non etiche con i computer.

Cos’è il Gray Hat SEO?

Le tecniche di Grey Hat SEO sono un insieme di tecniche e strategie che generalmente non seguono le linee guida di Google ma possono comunque essere considerate accettabili. È la via di mezzo tra il White Hat SEO e il Black Hat SEO. È tecnicamente legale ma rischioso. Le pratiche di Grey Hat SEO rimangono mal definite o sconsiderate dalle linee guida pubblicate dai motori di ricerca e che possono essere sgradevoli. Ad esempio, avere un numero definito di parole chiave è positivo per la SEO, ma mettere troppe parole chiave è dannoso per la SEO. Gray Hat SEO fa il lavoro di trovare la giusta quantità di equilibrio tra i due.
Passiamo ora alla discussione su queste tecniche SEO e cerchiamo di capire qual è la differenza tra SEO white hat e black hat.

Quali sono le tecniche SEO white hat?

La creazione di un sito web senza SEO non sarà fruttuosa in quanto non aiuterà a generare traffico. È importante per i webmaster che creino il sito Web in modo tale da aiutare a generare più traffico. Oggi il marketing online è diventato il più grande strumento di promozione in quanto aiuta con il posizionamento del sito web.
Le tecniche SEO white hat sono etiche, il che aiuta a migliorare la qualità dei contenuti nel tuo sito web. È importante per gli esperti SEO che includano parole chiave pertinenti insieme a meta tag che possono rendere il tuo sito web diverso dagli altri. La creazione di backlink a tali siti può aiutare gli utenti ad acquisire una maggiore conoscenza del campo correlato.
Diamo uno sguardo ad alcuni degli elementi inclusi nelle tecniche SEO white hat:

1. Immagini:

Mettere immagini pertinenti ed etichettate che attireranno gli utenti e forniranno un’immagine chiara dei prodotti e dei servizi.

2. Titolo della pagina:

Gli esperti SEO dovrebbero anche inserire titoli di pagina unici e buoni.

3. Contenuto di qualità:

Crea contenuti di qualità per le persone in modo che si interessino a leggere il contenuto e condividerlo. Il contenuto di qualità è scritto a beneficio dei lettori. La creazione di contenuti di qualità è il modo migliore per classificare il tuo sito e blog nei motori di ricerca.

4. Parole chiave pertinenti:

È molto importante prestare attenzione alle parole chiave durante la scrittura di un contenuto. Le parole chiave devono essere uniche e occorre attenersi ad alcune parole chiave primarie e secondarie specifiche.

5. Caricamento veloce della pagina:

Dal punto di vista della SEO, la velocità del sito è un simbolo di posizionamento nei motori di ricerca. Rendere un sito reattivo, veloce e semplice non frustra i visitatori. I siti che sono lenti nel rispondere alle richieste dei visitatori generalmente si posizionano più in basso nelle SERP.

6. Navigazione semplice del sito web:

Migliora il sito nelle classifiche di ricerca. Aiuta i visitatori a trovare le cose senza essere frustrati.

Quali sono le tecniche SEO black hat?

Le tecniche di SEO black hat comprendono pratiche di promozione non etiche. Questo viene fatto per posizionare il sito web in cima ai risultati di ricerca. Le tecniche SEO black hat vengono utilizzate principalmente dalle aziende per posizionare il sito Web in cima ai risultati di ricerca in un arco di tempo più breve. Alcuni esempi di tecniche SEO black hat includono troppe parole chiave in eccesso, testo invisibile, utilizzo di pagine doorway e aggiunta di parole chiave non correlate al contenuto della pagina.
Queste tecniche SEO black hat negative utilizzano contenuti nascosti con parole chiave imbottite con l’aiuto di codici che non possono essere visti facilmente dagli utenti. Le persone che praticano le tecniche SEO del cappello nero usano doorway insieme a pagine gateway che possono facilmente reindirizzare i motori di ricerca che vengono caricati con parole chiave false insieme ai contenuti. Le tecniche SEO black hat includono l’uso di tecniche di link farming che a volte possono essere utilizzate per classificare il sito web. Una delle parti rischiose di questa tecnica è che avrà pagine libere che hanno l’elenco di siti Web di natura non correlata. Il coinvolgimento in queste pratiche può anche comportare il divieto del tuo sito web.

Quali sono le tecniche SEO del cappello grigio?

Questa è anche una delle tecniche per la promozione online dei prodotti attraverso i siti web. Sebbene le tecniche di SEO dal cappello grigio siano considerate di natura legale, non sono perfette e le migliori come le tecniche SEO bianche.In questa tecnica, i principali processi dei domini SEO che erano scaduti in precedenza vengono riuniti per aggiungere contenuti e backlink che verranno utilizzati per il tuo sito web.
Implica il trucco principale di ridisegnare il sito Web che può essere reso completamente gratuito da Google. Mostrerà il sito Web aggiornato anche se il contenuto utilizzato in quel sito Web è vecchio. Utilizzerà anche parole chiave non associate per ingannare i robot dei motori di ricerca. Questo mostrerà che queste parole chiave sono associate ad alcune tecniche che possono rientrare nella categoria delle tecniche SEO dal cappello grigio.
Le persone che adottano queste tecniche useranno anche contenuti filati che sono una delle principali tecniche delle tecniche SEO del cappello grigio. Copiano il contenuto da altri siti Web e lo utilizzano sul proprio sito Web modificando solo le parole chiave.

Rischi associati al SEO cappello grigio e cappello nero

Le tattiche SEO black hat o gray hat SEO sono quelle che sfidano consapevolmente le linee guida del motore di ricerca per ottenere classifiche più veloci e migliori. Sebbene questi possano corrispondere agli obiettivi a breve termine, i motori di ricerca alla fine utilizzeranno queste tattiche, causando un calo del traffico verso il sito. I rischi dell’utilizzo di tecniche SEO black hat e gray hat SEO sono troppo grandi per molte aziende, che semplicemente non possono scommettere sull’autorità e sulla reputazione del sito. Anche per le aziende che possono permettersi di correre il rischio, gli algoritmi di Google stanno diventando sempre più sofisticati, il che significa che diventerà sempre più difficile superare in astuzia i motori di ricerca con tattiche grigie e nere. Diamo un’occhiata ad alcuni rischi comuni:

1. SEO negativo:

Questa è un’attività illegale che mira a far crollare il sito di un concorrente. L’acquisto di collegamenti errati per loro conto, il raschiamento del loro contenuto e l’intonacatura su molti siti o persino l’hacking di un sito per modificarlo sono alcune tecniche che devono essere evitate.

2. Link a pagamento:

L’acquisto di link a volte viene utilizzato come scorciatoia per migliorare il posizionamento e il traffico; tuttavia, dovrebbe essere rigorosamente evitato. I link a pagamento sono sufficienti per manipolare il posizionamento nei motori di ricerca e non è una strategia SEO etica.

3. Cloaking:

Il cloaking è una tecnica che mostra un tipo di contenuto o URL allo spider del programma e un altro all’utente, che è una strategia ad alto rischio in quanto i motori di ricerca penalizzano pesantemente o mettono in blacklist i siti che utilizzano il cloaking. Il cloaking viene facilmente individuato dai motori di ricerca e le sanzioni sono troppo alte perché valga la pena rischiare.

4. Parole chiave in eccesso:

Il riempimento di parole chiave implica un uso eccessivo delle stesse parole chiave in una pagina per massimizzarne la visibilità e il traffico. Il contenuto pieno di parole chiave non sembra naturale e per questo motivo non è facile da usare.

Le tecniche sopra menzionate sono piuttosto rischiose da praticare perché prima o poi verranno rilevate. Un sito web può essere bandito o addirittura penalizzato. Essere bannati è raro perché significa la rimozione definitiva di un particolare sito Web dalle SERP. La penalizzazione è una conseguenza comune da pagare e porta anche ad abbassare i ranghi del sito web. Evita di utilizzare queste tattiche e tecniche per rimanere in attività per molto tempo.

Longevità delle tecniche SEO cappello bianco, cappello nero e cappello grigio

Quando si tratta di SEO, l’obiettivo è solitamente quello di riuscire e mantenere la posizione più alta all’interno dei motori di ricerca, indipendentemente dal tipo / nicchia del sito web.

White hat SEO:

Senza complicare le cose, il white hat SEO si spiega al meglio come una raccolta di tecniche per migliorare eticamente il posizionamento di un sito web nelle SERP. La qualità è l’ingrediente chiave in una strategia SEO white hat. Dal tipo di contenuto che pubblichi all’esperienza utente complessiva, il tuo sito deve essere di alta qualità. In breve, il white hat SEO è il modo più pulito per aumentare il posizionamento nei motori di ricerca poiché fa una media di contenuti di qualità e mira alla soddisfazione degli utenti a tutti i livelli.

SEO black hat:

Black hat SEO inizia con una nota sbagliata, poiché l’idea alla base è di non seguire le regole stabilite dai motori di ricerca. La SEO black hat fornisce risultati a breve termine in termini di traffico ed esposizione. Ma a lungo termine, ci sono possibilità che il tuo sito venga pesantemente penalizzato o rimosso completamente dal motore di ricerca. Il Black Hat SEO è implementato da una serie di webmaster che si concentrano esclusivamente su rendimenti rapidi piuttosto che su guadagni a lungo termine. Alcuni esempi sono l’estrazione di contenuti da altri siti e il loro utilizzo sul proprio sito Web, la creazione di contenuti automatizzati o la creazione di contenuti automatizzati di bassa qualità, ecc. La SEO black hat è un rigoroso no-no, se si sta costruendo un’attività reale ed etica.

SEO cappello grigio:

È una miscela di entrambe le tecniche del cappello bianco e nero ed è una tattica che è una delle categorie, ma con alcune modifiche ai metodi di lavoro dei motori di ricerca che potrebbero cambiare in seguito. È da qualche parte nel mezzo e non è esattamente etico, ma non è nemmeno completamente sbagliato. Non è necessariamente una cattiva pratica ma viene fatta con l’intenzione di andare avanti in classifica. C’è una linea sfocata e non è qualcosa che vorresti dire volentieri a Google che stai facendo. Non è una cattiva pratica in generale, ma viene fatta in modo da poter andare avanti quando si tratta di classifiche.

In conclusione: attenersi alla SEO white hat

Dopo aver conosciuto tutti i rischi associati alla SEO black hat e gray hat, si può tranquillamente presumere che le tecniche SEO white hat siano le opzioni più sicure. White Hat SEO garantisce che il sito funzioni bene nelle SERP. White Hat SEO utilizza tecniche organiche e garantisce anche che il sito funzioni bene quando vengono cercati dagli utenti. Migliora le possibilità di posizionamento del sito web. Soprattutto, segue le linee guida di Google che garantiscono una buona esperienza utente. Sebbene ci vorrà del tempo per vedere il risultato desiderato quando si seguono le tecniche SEO white hat, ha comunque un impatto duraturo e l’attesa ne vale la pena. Le tecniche utilizzate nella SEO white hat conferiscono al sito Web un posizionamento stabile con parole chiave, contenuti, immagini, meta informazioni e video.