Cerca

Sul Typecasting, Branding e Successo

Ogni tipo di attività, ogni linea di lavoro ha la sua giusta quota di sfide uniche. E quello che troverai con così tante di queste sfide è che sono assolutamente in contrasto l’uno con l’altro. Se gestisci un ristorante, ovviamente vuoi utilizzare ingredienti di altissima qualità, ma devi essere altrettanto attento ai prezzi del tuo menu. Vuoi offrire un prodotto o un servizio unico al mondo, ma se hai un’idea troppo lontana, nessuno sarà interessato.

Quando si tratta di intrattenimento, proprio come con i blog o come influencer online, una delle più grandi sfide che dovrai affrontare è farsi notare. Può essere davvero difficile sfondare quel rapporto segnale-rumore quando c’è tanto talento (o così tanti contenuti) là fuori. Per ogni Tom Hanks o Jennifer Lawrence, ci sono migliaia (milioni?) Di potenziali aspiranti che si contendono di “entrare nel business”.

ISCRIVITI ALLE NOSTRE MAILING LIST PER IMPARARE TRUCCHI MAI VISTI SUL MARKETING, SEO E GUADAGNO ONLINE!

Ma allo stesso tempo, molti di questi attori e attrici evitano attivamente di essere “tipizzati” per paura di limitare le opportunità future. Hanno paura che i direttori di casting possano vederli solo in un modo e non saranno mai in grado di “espandersi” e mostrare cos’altro sono in grado di fare. Ma il typecasting è davvero così brutto?

 

Imprigionato in gabbia

L’attore Damon Herriman interpreterà Charles Manson in due progetti separati che verranno pubblicati nello stesso periodo. È stato scelto nella seconda stagione di “Mindhunter” su Netflix, presumibilmente interpretando l’omicida di massa quando è già dietro le sbarre. In “C’era una volta a Hollywood”, un film diretto dal leggendario Quentin Tarantino, Herriman cerca di interpretare il ruolo di Manson mentre è ancora “libero” ed espande la sua “famiglia”.

Alcuni attori potrebbero aver paura di non solo raffigurare lo stesso “tipo” di personaggio così vicino, per non parlare dello stesso identico individuo che è in realtà basato su una persona reale. Ma pensaci in questo modo. A tutti gli effetti, Damon Herriman è un parente sconosciuto a Hollywood. A questo punto, non è immediatamente ovvio quanto saranno grandi questi ruoli … ma uno potrebbe rivelarsi un’opportunità di rottura. In quale altro tempo hai la possibilità di lavorare con Tarantino e David Fincher?

Non si tratta solo dello stipendio. Si tratta della potenziale esposizione e delle connessioni che può ottenere da queste opportunità. In un certo senso, il mio lavoro qui con John ha “tipizzato” me in alcuni occhi come il ragazzo che scrive sui social media e sul marketing su Internet. Certo, la mia carriera si espande ben oltre, ma non tutti la vedono. E va bene. Questo “successo” o “importanza” per associazione è stato fondamentale per la mia carriera.

 

Abbastanza il Central Perk

Sai chi è un incredibile esempio di “typesign” di successo? Jennifer Aniston. La maggior parte di noi conosce il suo meglio per interpretare Rachel Green nella sitcom degli amici degli anni ’90. Infatti, anche la sua acconciatura iconica divenne nota come “la Rachel” nei circoli della moda. Ma se guardassi attraverso la filmografia di Jennifer Aniston negli ultimi 25 anni, vedrai che ha interpretato in continuazione varianti del personaggio di Rachel più e più volte.

Anche se ci sono alcune deviazioni là, per essere sicuro, ha sistematicamente giocato un tipo molto simile di personalità in così tanti di questi film. Di solito single, straordinariamente bello, funzionante o borghese, e coinvolto in una sorta di complessa situazione romantica. E questo ha davvero, davvero funzionato bene per lei.

Oggi vale circa $ 220 milioni, grazie a ruoli cinematografici e contratti di promozione del prodotto. Questo è più di qualsiasi altro cast principale di Friends. Courtney Cox, che ha interpretato Monica, arriva al secondo posto a $ 120 milioni e Lisa Kudrow (Phoebe) fa il pieno a circa $ 70 milioni. I tre attori maschili – Matt LeBlanc (Joey), Matthew Perry (Chandler) e David Schwimmer (Ross) – sono stimati in circa 80 milioni di dollari.

 

Adattarsi e distinguersi

Un paio di anni fa, mi sono imbattuto in questo webcomic di Owlturd che illustrava come ci si sente quando ci inscatoliamo. Ha parlato di come cerchiamo di conformarci alle aspettative degli altri, perché abbiamo paura di essere diversi.

Va bene essere diversi. Va bene essere unici. Ma sai una cosa? Va bene anche essere un cubo se un cubo è chi sei veramente. Abbraccia il tuo cubismo e riconosci il fatto che essere “typecast” in qualunque cosa tu voglia fare non è affatto una brutta cosa. Colpisci la padella quando è calda, mungila la mucca per tutto quello che vale, e poi preparati a fare perno se le circostanze dovessero cambiare.

Solo perché la gente si aspetta che tu rimanga un cubo per sempre non significa che non puoi essere una Rachel domani. Ricorda che è passata dall’abbandonare il proprio matrimonio a servire il caffè al Central Perk per lavorare a Bloomingdale’s, a Ralph Lauren e persino a Louis Vuitton. Sembra il territorio del dot comlifestyle .

Lascia il tuo prezioso commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

[email protected]

Close