Riepilogo post:

  • L’email marketing è il canale di marketing più efficace e per ogni $ 1 speso, puoi aspettarti un ritorno sull’investimento di $ 51. Stai ottenendo un ROI elevato dalle tue campagne di email marketing?
  • Una strategia di email marketing di successo è più che tattica. Ti forniamo 5 strategie, tra cui esempi di vita reale di come Amazon, HubSpot e il presidente Barack Obama utilizzano l’e-mail marketing per avere successo.
  • Con 3 strategie esclusive di email marketing, ti consentiamo di approfondire e condividere casi di studio su come abbiamo utilizzato l’email marketing per ottenere una percentuale di apertura del 94% e una percentuale di clic del 30%.

Più di 290 miliardi di e-mail vengono inviate ogni giorno .

Questa cifra dovrebbe raggiungere 347 miliardi di e-mail giornaliere entro la fine del 2023.

Le strategie di email marketing sono cambiate nel corso degli anni.

Ciò che ha funzionato cinque anni fa, ora non funziona più.

Ma è ancora un attore chiave per qualsiasi strategia di marketing.

In effetti, per l’email marketing dei migliori marketer online è il loro canale di marketing.

Perchè lo chiedi?

È perché porta i risultati e offre il miglior ROI di marketing :

Valutazioni del ROI del canale di marketing

Giusto!

L’email marketing supera tutte le strategie di marketing online, inclusi SEO, PPC e marketing dei contenuti!

Una strategia di email marketing è una parte importante di qualsiasi strategia di marketing. L’e-mail è il modo più economico per promuovere i tuoi prodotti, comunicare con i tuoi clienti e raggiungere i tuoi obiettivi aziendali.

E in media, per ogni $ 1 speso per l’email marketing, puoi aspettarti un ritorno di $ 51  (rispetto ai $ 39 dell’anno scorso)!

Non male, vero?

Qui condivideremo le migliori strategie di email marketing che è possibile utilizzare per ottenere risultati straordinari tramite l’email marketing.

5 strategie per migliori campagne di email marketing

Quando segui queste strategie di email marketing, anche l’e-mail diventerà il tuo canale più importante!

Iniziamo.

1. Personalizza i tuoi messaggi

Quando diciamo marketing e-mail personalizzato, non intendiamo che tu invii una singola e-mail a ogni singolo abbonato. Personalizzazione significa che si utilizzano i dati dei clienti per creare un messaggio personalizzato.

Un grande esempio di un’azienda che fa bene la personalizzazione è Amazon .

Tutte le e-mail di Amazon sono personalizzate.

Non è “Caro cliente stimato”, ma “Caro Steven”.

Non è “Potrebbero piacerti … (generati casualmente)”, ma “Potrebbero piacerti (basandomi sulla mia cronologia degli acquisti)”.

Per Amazon, l’email marketing non è solo un altro canale di marketing. È la chiave dell’esperienza complessiva del cliente .

Jeff Bezos, CEO di Amazon, è una mente e-mail. Jeff Bezos comprende il valore delle e-mail ed è noto per aver letto i reclami dei clienti . È anche il motivo per cui oltre il 35% di tutte le vendite di prodotti proviene da raccomandazioni (sia via e-mail che su schermo).

E non è solo Amazon che ha visto questo tipo di risultati attraverso la personalizzazione.

Uno studio di Experian ha scoperto che le e-mail personalizzate offrono tassi di transazione 6 volte superiori !

Dividiamolo in numeri che tutti possiamo capire:

La ricerca più recente ha rilevato che l’email marketing genera  $ 0,08 di entrate per email .

Potrebbe non sembrare molto …

Ma se invii una campagna e-mail a 500.000 abbonati, puoi generare entrate fino a $ 40.000 .

Sono un sacco di entrate aggiuntive!

Ma se usi la personalizzazione nelle tue e-mail, puoi aspettarti  molto di più!

Secondo una nuova ricerca ,

La personalizzazione può generare $ 20 in ROI per ogni $ 1 investito.

Come va per un’opportunità di guadagno?

La parte migliore è questa:

Il 70% dei marchi non utilizza la personalizzazione nell’ambito della propria strategia di email marketing.

Ciò significa che personalizzando le tue e-mail ti distingui dalla concorrenza.

La forma più semplice di personalizzazione è rivolgersi al lettore per nome. La maggior parte dei provider di servizi di posta elettronica (ESP) offre questo all’interno delle proprie funzionalità e questa tattica da sola migliorerà le prestazioni della campagna.

Ad esempio, le righe dell’oggetto e-mail personalizzate con il nome di un destinatario possono aumentare le tariffe di apertura del 16% in più di quelle aperte.

Tariffe aperte con il nome dei destinatari nella riga dell'oggetto

 

Considerando che il 47% di tutte le e-mail viene aperto solo per oggetto , questo è un modo sicuro per ottenere più bulbi oculari sulla tua e-mail.

Oltre a utilizzare il nome del cliente, ecco alcuni altri suggerimenti per aiutarti a iniziare con la personalizzazione:

  • Richiedi le informazioni giuste in anticipo: la grande personalizzazione inizia molto prima di premere il pulsante ‘invia’. Tutto inizia con il modulo di iscrizione. Senza dati come nome, azienda e posizione, sarai molto limitato con la tua comunicazione personalizzata. Ricorda di chiedere solo le informazioni di cui hai bisogno, anziché le informazioni che desideri. Questo è uno dei modi in cui il GDPR ha avuto un impatto sui team di marketing .
  • Usa un vero indirizzo e-mail di risposta: quando usi donotreply@example.com , toglie l’autenticità alla messaggistica. Vuoi che i tuoi lettori interagiscano e rispondano alle tue campagne. Utilizzare un indirizzo di risposta reale migliorerà la credibilità e sembrerà più personale.
  • Usa la tua vera firma e-mail: proprio come usando un vero indirizzo e-mail di risposta, vuoi usare informazioni di contatto reali all’interno dell’e-mail e il modo migliore per farlo è includere i tuoi dettagli di contatto nella firma e-mail. Offrire ai tuoi lettori l’opportunità di contattarti o entrare in contatto con te online è un ottimo modo per essere personale e costruire una relazione con loro.

2. Segmenta i tuoi iscritti

Secondo gli esperti di marketing via e-mail, quest’anno la segmentazione è al secondo posto nella lista delle principali iniziative.

Principali iniziative per l'email marketing

Sai perché è così alto?

È perché quando segmentate il vostro database, le vostre campagne e-mail diventano molto più mirate al vostro pubblico.

Diamo un’occhiata a un esempio:

Stai organizzando un evento di networking per i proprietari di piccole imprese situati entro un raggio di 20 miglia.

Come puoi aspettarti di ottenere il miglior risultato per il tuo evento?

La risposta è la  segmentazione.

Il modo migliore per convincere i proprietari di piccole imprese a presentarsi al tuo evento sarebbe quello di creare un segmento di persone che si elencano come proprietari di una piccola impresa che vive entro le 20 miglia dal tuo evento e quindi inviare loro un invito via e-mail. La parte di segmentazione è semplice e può essere facilmente eseguita tramite il software CRM .

Confronta questo con l’invio di una e-mail all’intero database, con gli abbonati sparsi in tutto il paese (o continente).

Quanto è fastidioso ricevere un’e-mail che ti invita a un evento che si trova dall’altra parte del mondo?

È molto fastidioso!

Prima di iniziare a segmentare il database, diamo un’occhiata a quanto può essere prezioso.

Uno studio condotto da HubSpot ha rilevato che tutti gli indicatori KPI di email marketing hanno prestazioni migliori quando segmentate l’elenco di e-mail.

I risultati della segmentazione includono maggiori prestazioni in:

segmentazione dell'elenco di email marketing

Se segmentate le vostre liste, otterrete migliori tassi di apertura , entrate, lead, transazioni e più clienti.

Un altro vantaggio è che la segmentazione va di pari passo con il GDPR e l’email marketing .

Ma funziona veramente?

Sì!

Ecco un esempio delle nostre campagne di email marketing:

Di recente abbiamo inviato due campagne di email marketing. Entrambe le campagne avevano la stessa linea tematica e lo stesso contenuto.

La prima campagna è stata inviata alla nostra lista e-mail non segmentata, mentre la seconda è stata inviata alla nostra lista segmentata (segmentata per interesse).

La prima e-mail non segmentata ha ottenuto un’incredibile percentuale di apertura del 42% e una percentuale di clic del 4,5%.

Tuttavia, la campagna di posta elettronica segmentata ha ottenuto una percentuale di apertura del 94% e una percentuale di clic del 38%!

Vantaggi della segmentazione degli elenchi di abbonati e-mail

Direi che è piuttosto prezioso, vero?

Ed è per questo che così tanti marketer stanno segmentando le loro e-mail, giusto?

Sbagliato.

Poiché 9 e-mail marketer su 10 non segmentano il loro database .

Quindi, ecco alcuni esempi per iniziare con la segmentazione:

  • Segmento per settore: offri servizi e prodotti ad aziende o consumatori? Conoscere il settore dei tuoi abbonati è un ottimo modo per segmentare le tue campagne e-mail. Ad esempio, un’azienda che vende parti di automobili si impegnerebbe a un tasso molto più elevato se riceve campagne di posta elettronica sui prodotti di automobili, rispetto a un’azienda che vende software.
  • Segmenta per dimensione dell’azienda : noto anche come marketing basato sull’account , segmentare le campagne e-mail per dimensione dell’azienda o entrate annuali è un ottimo modo per aumentare i tassi di risposta. Una piccola impresa che impiega 5 persone non è probabilmente pronta per la più grande conferenza di settore dell’anno, mentre un’azienda che impiega 750 persone potrebbe essere la soluzione migliore.
  • Segmento dal ciclo di vendita : i compratori all’inizio della carriera non sarà pronto per un aggressivo passo di vendite o uno-a-uno, ma demo, saranno più capaci di apprezzare per ricevere un white paper di ricerca del settore. All’altra estremità del ciclo, gli acquirenti che sono pronti ad acquistare risponderanno bene ai webinar sui prodotti o alle offerte di prova gratuite .

3. Invia e-mail ottimizzate per dispositivi mobili

Nel 2012, il 27% di tutte le e-mail di marketing è stato aperto su un dispositivo mobile.

Entro il 2014, quel numero è salito al 42% .

Ora arriva al 61%!

Questi sono numeri enormi!

E cosa fai appena ti svegli la mattina?

Se sei come me, immagino che tu abbia il tuo telefono vicino al tuo letto e la prima cosa che fai ogni mattina è controllare il tuo telefono per chiamate, messaggi e sì, hai indovinato, e-mail …

Non ti preoccupare, non sei l’unico. Il 62% di noi lo fa .

Quando invii un’e-mail a un abbonato che legge le e-mail sul proprio dispositivo mobile, ma l’e-mail non è ottimizzata per quel dispositivo, cosa pensi che faccia?

Principalmente, cancelleranno o cancelleranno .

Quindi perché quasi la metà di tutte le email non è ancora ottimizzata per i dispositivi mobili?

Percentuale di e-mail ottimizzate per dispositivi mobili

Peggio ancora, la nostra ricerca di e-mail marketing ha scoperto che il 20% delle campagne e-mail non è ottimizzato per i dispositivi mobili .

Tuttavia, dall’altra parte della scala, e quando le campagne e-mail sono ottimizzate per i dispositivi mobili, generano un sacco di entrate !

Il ricavo medio per e-mail mobile è di $ 0,40, che è più del 4x di un clic di posta elettronica desktop, secondo Yesmail .

Le entrate per e-mail sui dispositivi mobili sono 4 volte superiori rispetto al desktop

E il 55% degli utenti di smartphone ha effettuato almeno un acquisto dopo aver ricevuto un’e-mail promozionale mobile.

Inoltre, uno studio condotto da Flexmail ha rilevato che il 36% delle aziende B2B che hanno ottimizzato le proprie campagne e-mail per dispositivi mobili ha visto un miglioramento complessivo delle prestazioni della posta elettronica.

Quindi, come si ottimizzano le campagne per i dispositivi mobili?

Non preoccuparti, ecco alcuni suggerimenti su come farlo.

  • Implementare la progettazione e-mail reattiva (ROSSO): la creazione di una progettazione e-mail reattiva significa che l’esperienza utente è ottimizzata indipendentemente dal dispositivo o dalla schermata che utilizzano. La maggior parte dei provider di servizi di posta elettronica (ESP) offre questa soluzione all’interno della propria funzionalità di posta elettronica.
  • Mantieni breve la riga dell’oggetto e la pre-intestazione : la riga dell’oggetto è cruciale. Tienilo breve in modo che il lettore sappia esattamente di cosa tratta l’argomento email. E il testo di pre-intestazione (noto anche come testo snippet), non lasciarlo sprecare usando “Per visualizzare questa e-mail nel tuo browser …”. Riassumi invece l’e-mail o includi un invito all’azione (ad esempio, usa “FREESHIP” per ottenere la spedizione gratuita).
  • Rendi il CTA grande e ovvio: le dimensioni dei dispositivi mobili variano. Mentre un collegamento testuale può funzionare su un tablet o su uno schermo più grande, potresti alienare i tuoi lettori che hanno uno schermo più piccolo (o mani più grandi!) Se il tuo invito all’azione è troppo piccolo. Rendi l’invito all’azione, grande, audace e semplice da fare clic.

4. Copia di prova, design e pulsanti

Sia che testiate la vostra home page, landing page o modelli di e-mail, i test ci forniscono dati per prendere decisioni pratiche che miglioreranno le nostre prestazioni di marketing.

E l’email marketing non è diverso.

Certo, probabilmente hai già testato le linee tematiche prima – chi non l’ha fatto?

Oggetto più comune forma di test nell'email marketing

Anche l’ex  presidente degli Stati Uniti ha testato A / B le sue righe dell’oggetto email ….

Credi che sto scherzando?

L’email marketing ha avuto un ruolo importante nel successo della campagna presidenziale del 2012 di Obama .

Inviando diverse variazioni apportate alla riga dell’oggetto a un piccolo campione di abbonati, sono stati in grado di calcolare l’importo delle donazioni che potevano aspettarsi di ricevere in base ai risultati.

Le dimensioni del campione hanno rivelato che l’oggetto più scarso (“L’unica cosa che i sondaggi hanno avuto ragione ..”), se inviato a tutto il database, genererebbe $ 403.603 in donazioni.

La linea tematica più performante (“Sarò speso”) avrebbe dovuto generare donazioni per $ 2.540.866.

Questa è una differenza enorme!

In effetti, la linea tematica più performante ha superato le aspettative e ha generato un totale di $ 2.673.278 .

Si tratta di ulteriori $ 2,2 milioni di donazioni raccolte a causa di un cambiamento nell’oggetto dell’e-mail!

Il presidente Barack Obama ha raccolto ulteriori 2 milioni di dollari in donazioni dividendo il test dell’oggetto della sua e-mail

Ma non è solo l’oggetto che puoi testare attraverso l’email marketing.

Puoi anche testare:

  • Dall’indirizzo: il nome che appare nel campo “da” ha un impatto enorme sul fatto che il lettore apra la tua email. In effetti, il nome del mittente è il motivo principale per cui le persone aprono la tua email . Metti alla prova il tuo indirizzo inviando le tue campagne dal nome di una persona, persona + azienda o dal tuo CEO.
  • Campagne in chiaro o HTML: come la maggior parte degli esperti di marketing, sono sicuro che stai già inviando una versione in chiaro della tua email. Tuttavia, hai pensato di testare una campagna di posta elettronica che è solo testo normale? E quando aggiungi un elemento di personalizzazione, le e-mail in testo semplice sembrano essere scritte solo per il lettore.
  • E-mail lunghe o brevi : puoi mantenere le tue e-mail brevi e dolci oppure puoi creare e-mail lunghe e dettagliate. Le e-mail in formato lungo possono includere copie più dettagliate mentre le e-mail più brevi invieranno il lettore direttamente a una pagina di destinazione mirata. Il modo migliore per vedere cosa funziona meglio? Provalo.

(Non sei sicuro di come progettare le tue campagne e-mail? Abbiamo raccolto 19 dei migliori esempi di marketing e-mail B2B dalle principali aziende SaaS del mondo.)

5. Se possibile, automatizzare le campagne e-mail

Le e-mail basate su trigger sono e-mail che vengono inviate automaticamente in base al comportamento dell’utente.

Le forme più comuni di e-mail trigger sono e-mail di benvenuto, e-mail di ringraziamento e e-mail transazionali, come e-mail di conferma dell’ordine e ricevute e-mail.

I dati dietro le email di trigger ci mostrano che le email di trigger hanno prestazioni molto migliori rispetto alle email tradizionali.

Ad esempio, Epsilon ha scoperto che :

  • I tassi di apertura per le email di attivazione sono fino al 49% (il 95% in più rispetto ai tassi di apertura delle e-mail tradizionali)
  • La percentuale media di clic (CTR) per le email di trigger è più del doppio rispetto alle tradizionali percentuali di clic della posta elettronica
  • I migliori siti Web di conversione al mondo, i siti che convertono fino al 40% del loro traffico, utilizzano le email di attivazione.

E non solo, la ricerca Forrester ha  scoperto che le campagne di email marketing basate su trigger possono generare 4 volte più entrate e 18 volte maggiori profitti!

Sembra troppo bello per essere vero?

Beh, non lo è. L’abbiamo provato. E funziona!

Di seguito è riportato un confronto per la nostra campagna di posta elettronica tradizionale (a sinistra) con la nostra campagna di posta elettronica attivata (a destra):

Le campagne e-mail attivate superano le campagne e-mail tradizionali

Le nostre e-mail attivate hanno generato percentuali di apertura 5 volte più elevate e percentuali di clic 15 volte più elevate.

Oggi, solo il 25% degli esperti di marketing utilizza attualmente le email attivate e rappresenta una bassa percentuale del volume totale delle email , pari a circa il 2,6%. Tuttavia, possono essere responsabili fino al 20% delle entrate del tuo marketing via email !

Le email attivate funzionano davvero bene perché colpiscono il punto debole dell’email marketing .

Che aspetto ha il punto di forza dell’email marketing, chiedi?

Sembra così:

Il punto di forza dell'email marketing

E il motivo per cui si esibiscono così bene è a causa del contesto .

Considerare il seguente scenario;

Visiti un sito Web, sfogli la linea di prodotti e aggiungi articoli al carrello ma inizi a avere dubbi e decidi di partire prima di completare un acquisto.

Suona familiare?

Questo succede in ogni singolo negozio di eCommerce, ogni singolo giorno.

Ma cosa succede se, un’ora dopo, ricevi un’email che include il prodotto esatto per cui stavi acquistando?

E se questa e-mail includesse non solo un collegamento rapido al carrello, ma un codice di spedizione gratuito o uno sconto del 10%?

Ora hai maggiori probabilità di completare l’acquisto, vero?

Questo è il potere delle email di trigger.

Ma impostare e-mail attivate è costoso e complesso, non è vero?

Non deve essere. È possibile iniziare utilizzando i risponditori automatici nel software del servizio clienti per replicare l’aspetto dell’automazione. Questo è quello che facciamo per tutte le nostre email attivate esistenti e ne siamo felici.

Ecco alcuni esempi di mail di trigger che è possibile inviare;

  • Attivazione: un nuovo utente crea un account ma non utilizza il prodotto entro i primi 7 giorni. Crea una campagna di “attivazione” che invia un’email automatizzata con le informazioni di accesso, i passaggi su come iniziare e includi una dimostrazione video per ulteriore supporto. Puoi anche invitarli a una riunione individuale per guidarli attraverso il prodotto e rispondere a qualsiasi domanda possano avere.
  • Recupero : un cliente esistente si avvicina presto alla fine della sua iscrizione annuale. Il cliente non ha utilizzato il tuo prodotto per 3 mesi e hai bisogno di un modo per riconquistarli e conservarli per un altro anno. Creare un’e-mail di “ripristino” che invii un’e-mail automatica a tutti i clienti che stanno per terminare il contratto con un elenco di nuove funzionalità del prodotto e un breve piano sulle versioni previste nei prossimi sei mesi.
  • Sorpresa: la fedeltà del cliente è la chiave del successo. E puoi ricompensare i tuoi clienti fedeli dando loro qualcosa gratis ogni tanto. Crea un’e-mail “a sorpresa” che invii un’e-mail automatica ai tuoi migliori clienti che offra una licenza annuale gratuita al tuo software affinché possano utilizzarli, una carta regalo o anche un codice coupon per riscattare una confezione di cupcake. È un piccolo costo per la tua attività, ma la ricompensa è enorme!

Conclusione

L’email marketing continua a fornire risultati.

Ma l’email marketing si è evoluto. Non è più così semplice come inviare la stessa e-mail a tutti.

È ora di aggiornare la tua strategia di email marketing.

Ora devi inviare messaggi mirati. Messaggi personalizzati e ottimizzati per più dispositivi.

È inoltre necessario testare nuovi elementi. Le tendenze cambiano rapidamente e ciò che ha funzionato 12 mesi fa potrebbe non avere successo oggi. Sii aperto ai test. E quando capisci cosa funziona, trova il modo di automatizzarlo tramite email attivate.

Se implementi queste nuove modifiche nella tua strategia di email marketing, i tuoi clienti saranno più reattivi, le prestazioni della tua campagna miglioreranno e la tua attività continuerà a crescere.

Cosa pensi che abbia successo una moderna strategia di email marketing?

Fammi sapere lasciando un breve commento qui sotto.