Cerca

Setup del negozio online: 12 cose che devi fare per avviare e far funzionare il tuo nuovo negozio

Installazione del negozio online

Quindi hai le ossa nude di un nuovo negozio online istituito … E adesso?

Ogni nuovo imprenditore di e-commerce ha attraversato questa fase: hai capito come creare effettivamente un sito Web, ma dove vai da qui? Sappiamo come si sentono i nuovi imprenditori persi e sopraffatti a questo punto nel processo di configurazione, quindi questo post ti fornisce 12 cose che devi fare per configurare correttamente il tuo nuovo negozio online.

Ottenere queste 12 cose ti aiuterà a gestire in futuro un negozio online migliore, più professionale e più efficiente, quindi prenditi il ​​tempo per metterle in pratica. Sarai felice di averlo fatto! Non sono certamente il lato glamour della creazione di un business online, ma sono comunque essenziali e pratici.

Entriamo subito.

Nota: queste 12 lezioni provengono dal nostro piano di marketing e-commerce di 52 settimane , che abbiamo creato per aiutare i commercianti di e-commerce con nuovi negozi di e-commerce a creare i loro negozi per il successo. Se ottieni valore da questo post e vuoi vedere di più, controlla il piano completo.

Preparati

Imposta Google Analytics

Avere un negozio online è fantastico, ma non va bene se stai operando solo su intuizioni e congetture. Google Analytics offre approfondimenti potenti e flessibili nel tuo negozio online in grado di fornire metriche basate sui dati per potenziare il tuo processo decisionale.

Google Analytics è uno strumento che può essere collegato alla tua presenza sul Web – nel tuo caso, al tuo negozio online – e fornisce analisi sulle tue pagine Web, i tuoi visitatori e ciò che fanno i tuoi visitatori. Per iniziare a visualizzare gli approfondimenti, Google Analytics deve essere configurato e deve aver avuto il tempo di raccogliere dati. Per questo motivo, prima di iniziare, prima puoi iniziare a raccogliere i frutti.

PERCHÉ È IMPORTANTE

Sebbene la maggior parte delle piattaforme di e-commerce abbia implementato il proprio tipo di analisi, nessuna di esse si avvicina a ciò che Google Analytics può offrirti e, soprattutto, è gratuita! Questo lo rende un must per tutti i proprietari di negozi online.

Con Google Analytics, sarai in grado di vedere da dove arrivano i tuoi clienti (suggerimento: ciò significa che dovresti concentrarti su quelle aree di più!), Quali prodotti sono più popolari, i dati demografici dei tuoi visitatori, quali pagine web sono più visitate , e molto di più.

Le opzioni di dati sono infinite e sebbene comprendere a fondo Google Analytics sia uno sforzo che dura tutta la vita e ha un po ‘di una curva di apprendimento, anche le intuizioni di base possono essere immensamente utili per te e il tuo negozio. Inoltre, Google Analytics è anche importante da implementare ora perché man mano che il tuo negozio cresce e decidi di venderlo o di contattare gli investitori per un finanziamento, una delle prime cose che vorranno esaminare sono i tuoi dati di Google Analytics. È uno strumento standard di settore utilizzato su tutte le piattaforme per la revisione delle metriche critiche di un’azienda, quindi impostalo in modo da poter tenere traccia delle tue.

COME INIZIARE

La configurazione del tuo account Google Analytics sarà uguale per tutti, ma collegarlo al tuo negozio online varierà a seconda della piattaforma che stai utilizzando.

Il primo passo sarà quello di andare su Google Analytics . Lì, dovresti accedere con un account Gmail.

Fai clic su “Ammin” nell’angolo in basso a sinistra, accanto all’icona a forma di ingranaggio.

Impostazione dell'amministratore del sito di Google Analytics

Nella colonna “Account” , crea un account in cui posizionare la proprietà (o seleziona un account esistente se ne hai già uno).

Come creare un account Google Analytics

Nella colonna “Proprietà”, fai clic su “Crea nuova proprietà”.

Crea proprietà di Google Analytics

Compila i dati richiesti, incluso il nome della proprietà (che è visibile solo a te), l’URL del sito Web, il fuso orario, ecc. Quindi fai clic su “Ottieni ID di monitoraggio”.

A seconda della piattaforma di e-commerce che usi, collega il negozio al tuo account. Per la maggior parte delle piattaforme, dovrai semplicemente incollare l’ID di monitoraggio nella finestra delle tue impostazioni su quella piattaforma. Scopri di più su come collegare Google Analytics al tuo negozio Shopify qui , connetti Google Analytics al tuo negozio BigCommerce qui e collega Google Analytics al tuo negozio WooCommerce qui .

Impostazione del codice di monitoraggio di Google Analytics

Abilita le impostazioni e-commerce andando di nuovo su Admin (nell’angolo in basso a sinistra con l’icona a forma di ingranaggio), quindi facendo clic su “Visualizza impostazioni” nella colonna “Visualizza”.

Impostazioni di visualizzazione di Google Analytics

Scegli la scheda “Impostazioni e-commerce” sul lato sinistro per accedere alla sezione delle impostazioni e-commerce.

Google Analytics Configura impostazioni e-commerce

Attiva il pulsante “Abilita e-commerce” su “Attiva” , quindi fai clic su “Passaggio successivo”, quindi su “Invia”.

Configurazione delle impostazioni e-commerce di Google Analytics

Ora avrai un account Google Analytics completamente funzionale che traccia l’attività del tuo negozio, incluso il numero di prodotti venduti.

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

Imposta Google Search Console e gli Strumenti per i Webmaster di Bing

Google Search Console e Bing Webmaster Tools sono servizi gratuiti che ti aiutano a valutare e migliorare le prestazioni del tuo sito nella ricerca. Con l’aiuto degli strumenti per i webmaster, puoi vedere cose come:

  • Le prestazioni complessive del tuo negozio sui motori di ricerca
  • Pagine con le migliori prestazioni
  • Pagine con errori (errori 404, problemi di scansione e indicizzazione, ecc.)
  • Principali query di ricerca per le quali il tuo negozio è in classifica
  • È anche un modo per Google e Bing di contattarti in caso di problemi o errori con il tuo sito e la sua visibilità nei motori di ricerca

Conoscendo le prestazioni del tuo sito Web e i suoi punti deboli, puoi risolvere i problemi e aumentare la visibilità del tuo negozio sui motori di ricerca.

PERCHÉ È IMPORTANTE

Ogni giorno, le persone eseguono 5,6 miliardi di ricerche su Google e 8,73 milioni di ricerche su Bing. Questo è il pubblico a cui stai perdendo se il tuo negozio non soddisfa i loro requisiti o se le tue pagine presentano errori e / o non possono essere sottoposte a scansione.

Gli strumenti per i webmaster ti aiutano a mantenere il tuo sito Web in buone condizioni, mostrandoti esattamente dove si trovano i problemi e cosa sta danneggiando le tue classifiche. Questi strumenti ti mostrano anche dove stai già facendo un buon lavoro in modo da poter ulteriormente ottimizzare il tuo negozio per classifiche ancora più alte.

COME INIZIARE

Passaggio 1: aggiungi il tuo sito Web a Google Search Console

Vai a Google Search Console e accedi con un account Gmail. Quindi, fai clic su ” Aggiungi proprietà” nel menu a discesa della ricerca.

Configurazione di Google Search Console

Inserisci l’URL del tuo negozio e fai clic su “Continua”.

Negozio online Google Analytics Setup

Ora, se hai già collegato il tuo negozio nella sezione uno, Configura Google Analytics, il tuo sito web verrà verificato automaticamente. Se non l’hai ancora fatto, puoi verificare il tuo negozio seguendo queste istruzioni per Shopify , BigCommerce e WooCommerce .

Termina l’installazione caricando la sitemap del tuo negozio. Scopri come trovare l’URL della Sitemap per Shopify , BigCommerce e WooCommerce . Una volta che hai l’URL della Sitemap, vai su “Sitemap” e invialo.

Passaggio 2: aggiungi il tuo sito Web agli Strumenti per i Webmaster di Bing

Vai a Strumenti per i Webmaster di Bing e registrati con il tuo account Outlook, Gmail o Facebook. Per aggiungere il tuo sito Web, vai su “I miei siti”, inserisci l’URL del tuo negozio e fai clic su “Aggiungi”.

Procedura di configurazione del webmaster Bing

Successivamente, aggiungi la sitemap del tuo negozio (trovala allo stesso modo di Google Search Console) e fai clic su “Aggiungi”.

Configurazione del sito web per web Bing

Vedrai le istruzioni di verifica in modo da poter completare il collegamento del tuo negozio con Bing verificando la tua proprietà. Esistono tre opzioni: scegli quella che richiede la copia e l’incollaggio di un metatag nella tua pagina web. Se hai bisogno di aiuto, ecco come farlo per Shopify e WooCommerce .

Processo di configurazione degli strumenti per webmaster di Bing

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

Nota: ricorda che la quota di mercato di Google in termini di utilizzo della ricerca è del 92,86%, mentre quella di Bing è del 2,38%. Quando inizi una nuova attività, devi dare la priorità al tuo tempo, quindi, guarda Google Search Console come qualcosa che devi tenere d’occhio, mentre controlli gli Strumenti per i Webmaster di Bing come qualcosa che dovresti fare quando hai del tempo extra.

Imposta il tuo provider di posta elettronica

Un componente cruciale di qualsiasi negozio di e-commerce è il suo fornitore di servizi di posta elettronica. Non è solo la base di tutte le e-mail transazionali (si pensi alle conferme degli ordini, alle conferme di spedizione e alle e-mail di feedback) ma è anche un potente strumento di marketing. Questa è una parte obbligatoria dell’avere un’attività di e-commerce e crearla dovrebbe essere una priorità.

PERCHÉ È IMPORTANTE

L’importanza dell’email non può essere sopravvalutata; è uno degli strumenti di base per gestire con successo la tua attività perché include l’invio di conferme di ordini e spedizioni che sono diventati una componente prevista dello shopping online. Costruiscono la fiducia con il consumatore, poiché le e-mail transazionali forniscono un feedback diretto sul successo di un ordine e impostano le aspettative su quando è possibile ricevere l’acquisto. Questo porta chiarezza e fiducia nello shopping online che altrimenti potrebbe correre il rischio di essere poco chiaro e ombroso.

Altrettanto importante, è che è uno dei canali di marketing più efficaci che tu abbia mai avuto. Uno studio ha rilevato che il 76% degli acquirenti online ha effettuato un acquisto a seguito di una campagna di posta elettronica. Sottoutilizzare la posta elettronica nella tua strategia di marketing sarebbe una perdita per la tua azienda.

COME INIZIARE

Il primo passo per la configurazione con un provider di posta elettronica è scegliere quale provider di posta elettronica utilizzare. Ci sono molti tra cui scegliere e sei libero di selezionare quale piattaforma ti parla di più (vedi il nostro elenco di app consigliate di seguito) ma in questo caso, useremo Klaviyo per illustrare il processo di avvio.

Il primo passo è creare un account con il provider di posta elettronica e quindi connettere il tuo negozio all’account. Klaviyo ti chiederà quale piattaforma di e-commerce stai utilizzando. Semplificano la connessione con i negozi su Shopify , WooCommerce , Magento , BigCommerce , Volusion , OpenCart e altro ancora. Con Shopify, dovrai solo inserire il nome del tuo negozio, mentre con WooCommerce dovrai fornire le tue chiavi API.

Quando il tuo negozio è collegato a Klaviyo, ti verrà richiesto di impostare un design di base per i tuoi modelli di email. Carica il tuo logo (preferibilmente senza uno sfondo, quindi probabilmente utilizzerai un file PNG con uno sfondo trasparente), imposta le maniglie dei social media e scegli i colori che desideri che si riflettano nelle tue e-mail. Dovrebbero avere gli stessi colori di ciò che è visibile sul tuo sito Web per garantire la continuità visiva del marchio. Klaviyo richiede che i colori siano indicati in formato Hex Color Code. Se non conosci i codici colore esadecimali del tuo sito Web, utilizza questa estensione di Chrome per scegliere i colori dal tuo sito Web.

Una volta configurato, puoi utilizzare la serie già impostata di Welcome Email Flows e creare le tue e-mail. Ti consigliamo di mettere insieme queste e-mail:

  • Email di conferma dell’ordine
  • Email di conferma della spedizione

Dopo averlo fatto, puoi passare alla creazione del tuo sistema di email marketing per includere:

  • Email di richiesta revisione / feedback del prodotto
  • Email di vendita incrociata
  • Grazie per esserti iscritto alle e-mail
  • Promemoria carrello abbandonato

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

ESEMPI

Preparati su Gravatar

Gravatar sta per Avatar riconosciuto globalmente ed è un’immagine legata al tuo indirizzo e-mail che appare accanto al tuo nome sul Web ogni volta che commenti un blog, un forum, Slack , e-mail o addirittura pubblichi un articolo. In altre parole, Gravatar è un piccolo colpo alla testa associato in modo univoco al tuo indirizzo e-mail che ti fornisce un’identità visiva unificata e riconoscibile su Internet.

Oggi, il servizio Gravatar è riconosciuto a livello globale e utilizzato da milioni di persone e siti Web tra cui WordPress , GitHub , Hootsuite , Disqus , ModX e altri.

In questa sezione, ti mostreremo perché e come impostare e utilizzare Gravatar.

PERCHÉ È IMPORTANTE

Se non hai impostato Gravatar, verrà visualizzata un’immagine predefinita come headshot vicino ai tuoi commenti o post online che non è molto personale o affidabile, vero? Certo, puoi aggiungere la tua descrizione biografica e l’immagine a ciascuna piattaforma di blog separatamente, ma Gravatar ti consente di risparmiare tempo e stabilire un’identità universale su molti canali.

L’uso di Gravatar è un’opportunità gratuita per migliorare la tua immagine personale o il tuo marchio mentre pubblichi o commenti articoli o esegui altre azioni sul Web. I motivi principali per la creazione di un account Gravatar sono:

  • Crea un profilo di esperti: se desideri dimostrare la tua competenza nella tua area di business, dovresti impegnarti con argomenti pertinenti in blog, forum e altri siti Web rispettabili del settore. Se usi un profilo Gravatar, sarai immediatamente riconosciuto per chi sei grazie all’immagine associata e al tuo profilo con il tuo nome completo, descrizione e link al tuo sito web e blog.
  • Aumenta il traffico verso il tuo negozio e-commerce o sito Web: se aggiungi collegamenti al tuo profilo Gravatar, chiunque veda i tuoi commenti può dare un’occhiata al tuo profilo e infine atterrare sul tuo sito Web o negozio di e-commerce. Questo, a sua volta, ti porta più traffico e potenzialmente aumenta l’influenza del tuo marchio.
  • Promuovi i tuoi social network : puoi aggiungere collegamenti ai profili dei social media nel tuo profilo Gravatar, aumentandone così il riconoscimento.
  • Potenzia l’autorità del tuo marchio: puoi aggiungere il logo della tua azienda come uno dei tuoi Gravatars, questo può aiutare a far crescere la consapevolezza e l’autorità del tuo marchio.

COME CREARE IL TUO GRAVATAR

La configurazione di un Gravatar è gratuita e richiede meno di 5 minuti. Ecco come farlo:

Passaggio 1: Iscriviti

Vai al sito web di Gravatar e registrati con la tua e-mail o account WordPress (se non ne hai già uno, WordPress ti chiederà di crearne uno). È possibile aggiungere indirizzi e-mail e Gravatari illimitati per account.

Passaggio 2: scegli la tua immagine

Aggiungi una o più immagini nella scheda “I miei Gravatars”. Puoi scegliere un colpo alla testa professionale, un’immagine informale di te o persino il logo del tuo marchio. La foto che sceglierai dipenderà dal tipo di immagine che vuoi costruire intorno a te e al tuo marchio.

Puoi anche aggiungere diversi indirizzi e-mail nella scheda “I miei Gravatars”. Ad esempio, puoi creare Gravatars diversi per la tua e-mail personale e professionale. In alternativa, puoi aggiungere la tua e-mail informativa e il logo della tua azienda come Gravatar separato.

Passaggio 3: personalizzare le informazioni

Aggiungi il tuo nome, descrizione e altri dettagli nella scheda “Il mio profilo”. Nel caso del Gravatar ufficiale dell’azienda, aggiungi i collegamenti al tuo sito web o al tuo negozio di e-commerce nella descrizione.

Installazione Gravatar

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

Nota: diversi provider di posta elettronica estraggono anche immagini da Gravatar, tra cui Airmail , Postbox e Thunderbird . Gmail , tuttavia, non lo fa. È una buona idea caricare anche le tue immagini su Gravatar e Gmail, garantendo la personalizzazione del maggior numero possibile di indirizzi email.

Imposta popup e intenti di uscita

I popup di acquisizione e-mail e le intenzioni di uscita (a volte denominati “lightbox”) sono quei riquadri che si aprono in primo piano in un sito Web e attirano l’attenzione su ciò che il proprietario del sito Web desidera evidenziare. I popup possono comparire immediatamente quando si visita il sito o dopo aver trascorso un determinato periodo di tempo sul sito Web (ad esempio, dopo 10 secondi o dopo aver fatto scorrere il 50% della pagina, ecc.) Mentre i popup con intento di uscita vengono visualizzati solo quando il il visitatore inizia a spostare il cursore verso il “retro” o il pulsante “x” per uscire dalla pagina.

I contenuti del popup possono variare dall’offrire al visitatore di iscriversi alla tua lista e-mail, raccogliere un omaggio digitale come un ebook o ricevere uno sconto per un acquisto.

PERCHÉ È IMPORTANTE

I popup del sito Web attirano direttamente l’attenzione del visitatore sull’unica cosa che tu, il proprietario del negozio, desideri evidenziare. Combina tutto ciò fornendo valore per il tuo visitatore (offrendo qualcosa a loro) e avrai una ricetta garantita per il successo.

Gli obiettivi che puoi raggiungere con i popup possono variare:

  • Chiedi ai visitatori di effettuare un acquisto offrendo un codice di sconto all’arrivo nel tuo negozio. Avranno maggiori probabilità di acquistare se sanno già che stanno ottenendo uno sconto.
  • Catturali nella tua canalizzazione di vendita raccogliendo la loro e-mail. Con la loro e-mail, puoi quindi inviare loro e-mail della campagna e altre promozioni per riscaldarle per effettuare un acquisto.
  • Mantieni i visitatori nella tua sfera di influenza catturandoli mentre stanno per andarsene. O chiedi loro di unirsi alla tua lista e-mail, dare loro uno sconto last-ditch o ricordare loro le offerte di spedizione gratuite per farli rimanere.

In sostanza, i popup sono ciò che ti consente di trattenere un visitatore. Poiché è probabile che solo il 2% dei visitatori per la prima volta effettui un acquisto , sarebbe un peccato buttare via il 98% che era interessato ma per qualche motivo non ha acquistato.

Per trattenere più di quei potenziali acquirenti, inseriscili nella tua lista e-mail o aiutali a fare un acquisto con l’uso dei popup e, di conseguenza, aumenta il tasso di conversione in modo drammatico. Ciò garantisce che gli sforzi utilizzati per aumentare il traffico non saranno vani perché ne trarrai il massimo dai popup.

COME INIZIARE

Passaggio 1: identifica il tuo obiettivo

Per iniziare, considera innanzitutto il tuo obiettivo. In base allo scopo del popup, avrai contenuti diversi sul popup stesso. Ecco alcuni esempi di obiettivi che potresti avere per i tuoi popup insieme al tipo di contenuto che dovrebbe contenere il popup:

  • L’obiettivo è catturare i visitatori in partenza: creare un popup di intenti di uscita con un’offerta per iscriversi alla newsletter
  • L’obiettivo è fare una vendita: offrire uno sconto quando il visitatore entra nel tuo negozio
  • L’obiettivo è far crescere la tua newsletter via e-mail: mostrare un popup con contenuti scaricabili gratuiti, come un ebook o una guida, e chiedere ai visitatori di fornire il proprio indirizzo e-mail per ottenere il contenuto

Passaggio 2: scegli il tuo provider popup

Quando conosci il tuo obiettivo, scegli il tuo provider popup. Ci sono molti tra cui scegliere, ma suggeriamo i popup Sumo , che possono essere implementati in qualsiasi sito Web online inclusi i negozi di e-commerce.

Passaggio 3: crea il tuo popup

Quindi, devi mettere insieme il tuo popup. Ciò include la scelta del design, del tema del colore, della copia e dei pulsanti di invito all’azione (CTA).

Per CTA efficaci, trasforma la copia dei pulsanti in un testo allettante che richiede al visitatore di scegliere la tua offerta. Ad esempio, invece di utilizzare l’opzione “No” predefinita sul pulsante, puoi passare a “No, non voglio il 15% di sconto”, come questo:

Passaggio 4: vai in diretta

Infine, avvia i popup sul tuo sito! Non è mai troppo presto e certamente non è mai troppo tardi.

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

ESEMPI

Nota: se dovessi chiedere a qualcuno cosa pensano dei popup, molto probabilmente diranno che li trovano invadenti. C’è un modo per renderli non invadenti. Prima di tutto, assicurati di mettere al primo posto le esigenze dei tuoi visitatori anziché le tue. Concentrati sulla fornitura di valore, sia che offra uno sconto per un acquisto o che offra un omaggio utile su cui vorranno mettere le mani.
Nota: in Europa è in vigore il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), il che significa che non è consentito raccogliere gli indirizzi e-mail degli europei senza la loro esplicita autorizzazione. Assicurati di avere un’opzione di spunta nel tuo popup che è vuota e che può essere archiviata. Altrimenti, il tuo popup dovrà avere una dichiarazione di non responsabilità che specifica che inserendo la sua e-mail, accetta di ricevere e-mail promozionali.

Imposta email transazionali

Le e-mail transazionali sono messaggi di posta elettronica automatizzati inviati dopo che un cliente ha eseguito un’azione specifica all’interno del sito Web. Queste e-mail non sono di natura promozionale e spesso contengono informazioni importanti come la registrazione o la conferma dell’acquisto, le notifiche di spedizione, le istruzioni di reimpostazione della password o gli aggiornamenti di stato.

Per rimanere in contatto con il tuo pubblico, è indispensabile disporre di e-mail transazionali per ogni possibile interazione sul tuo sito web. Ad esempio, se il cliente si iscrive alla newsletter tramite un popup o un modulo di iscrizione, assicurarsi che segua un’e-mail automatizzata di ringraziamento. Se effettuano un acquisto, assicurati di ricevere un’e-mail di conferma dell’ordine per assicurarti che ritengano che il loro acquisto sia stato riconosciuto da parte tua.

Se eseguite correttamente, le e-mail transazionali possono diventare un modo efficace per migliorare il tuo marchio e rappresentarne la voce, il design e la personalità.

PERCHÉ È IMPORTANTE

Le tariffe aperte per le e-mail transazionali sono significativamente più alte (circa il 47% rispetto al 21,6% per le e-mail non transazionali ) poiché gli acquirenti vogliono sapere che il loro acquisto è confermato o quando arriverà il loro ordine.

Le e-mail transazionali sono spesso considerate come comunicazioni tecniche o amministrative che devono essere separate dalle newsletter e da altre azioni di marketing, ma poiché le e-mail transazionali hanno una maggiore probabilità di attirare l’attenzione del cliente, sempre più esperti di marketing vedono questo canale di comunicazione come un’opportunità per costruire i loro marchi .

Se le e-mail transazionali vengono eseguite in modo intelligente e intuitivo, possono generare vendite ripetute e aumentare il coinvolgimento dei clienti. Secondo The Transactional Email Report di Experian, il ricavo medio per email transazionale è da due a cinque volte maggiore di quello delle e-mail in blocco standard.

Alcune idee per personalizzare le e-mail transazionali:

  • Fai in modo che le tue e-mail riflettano il design e il tono della voce del tuo marchio
  • Includi video dimostrativi e / o guide per l’utente per i prodotti appena acquistati
  • Aggiungi collegamenti ai tuoi profili sui social media (o alle tue app mobili, se pertinenti)
  • Offri offerte esclusive per i prossimi acquisti
  • Incorporare il cross-selling in base alla stagionalità e alla cronologia degli acquisti

COME IMPOSTARE LE EMAIL TRANSAZIONALI

Le più grandi piattaforme di e-commerce, come Shopify o WooCommerce , offrono sistemi di posta elettronica transazionali integrati che puoi modificare in base alle tue esigenze aziendali. Ad esempio, puoi utilizzare i modelli di e-mail transazionali di Shopify per raggiungere il tuo pubblico dopo aver effettuato un nuovo ordine, abbandonato un carrello, inviato gli ordini e molto altro.

Impostazione dell'ordine del negozio online

Per impostare e-mail transazionali senza utilizzare i modelli forniti dalla tua piattaforma di e-commerce, devi scegliere una piattaforma di posta elettronica dedicata per questo e probabilmente avrai bisogno dell’assistenza di uno sviluppatore o almeno alcune conoscenze HTML e API. Con il tempo, puoi imparare come codificare il contenuto dell’e-mail (ad esempio testo, inviti all’azione e elementi visivi), ma lo sviluppatore sarà comunque quello che imposta i trigger e le condizioni per l’invio dell’e-mail.

Alcune e-mail transazionali che apportano il massimo valore:

  • Email di conferma dell’ordine: quando un visitatore effettua un acquisto, riceve un’e-mail automatica di conferma. Questo dà la tranquillità che il loro ordine è stato ricevuto con successo. Puoi anche utilizzare queste e-mail per suggerire altri prodotti che potrebbero piacere ai tuoi clienti o fornire un codice promozionale da utilizzare per il loro prossimo ordine.
  • Email di conferma della spedizione: quando il prodotto viene inviato, l’acquirente riceve un’email che lo informa. Questo pone le aspettative in merito ai tempi di spedizione, e quindi i clienti sanno che possono iniziare ad aspettarsi il loro ordine.
  • Email di carrello abbandonate: ricorda ai tuoi visitatori che hanno lasciato un articolo nel carrello. Dai loro una spinta in più per completare l’acquisto fornendo un codice di sconto.

Se hai deciso di creare il tuo flusso di e-mail transazionale, pensa a tutti i casi rilevanti in cui dovrai inviare tali e-mail. Quindi, determinare i trigger e preparare il contenuto per le e-mail.

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

ESEMPI

Nota: considera A / B testare le tue email transazionali per vedere quali elementi funzionano meglio. Puoi testare qualsiasi cosa, dal nome del mittente e dalla riga dell’oggetto, al titolo, agli elementi visivi e ai pulsanti di invito all’azione all’interno dell’e-mail.
Attenzione: se la vostra azienda opera all’interno dell’UE o lavora con soggetti interessati dell’UE, le vostre e-mail transazionali dovranno essere conformi al Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). In molti casi, ciò significa che non è possibile includere elementi di marketing nelle e-mail a meno che i destinatari non abbiano esplicitamente acconsentito. Se acconsentono, le tue e-mail dovranno dirlo in una dichiarazione di non responsabilità inclusa a piè di pagina delle tue e-mail. Tieni presente che poiché non puoi offrire al cliente la possibilità di rinunciare a e-mail di reimpostazione della password, e-mail di avviso di sicurezza o ricevute, ciò significa che non puoi includere nulla di simile al materiale di marketing in questi tipi di invii. Maggiori informazioni sul GDPR e le e-mail transazionali qui .

Monitora i tuoi concorrenti

Essere consapevoli delle azioni, dei punti di forza e dei punti deboli del proprio concorrente è uno dei punti fondamentali di qualsiasi attività commerciale. In passato, avresti dovuto ascoltare il passaparola della gente del posto o contare quanti clienti entrano nel tuo negozio rispetto al negozio del tuo rivale. Fortunatamente, oggi è molto più facile tenere d’occhio la concorrenza. Ad esempio, segui il lancio di nuovi prodotti o servizi, gli eventi a cui partecipano e l’esposizione che ottengono sul Web.

In questa sezione, ti mostreremo gli strumenti e i siti Web che ti aiuteranno a scoprire esattamente dove ti trovi tra i tuoi concorrenti.

PERCHÉ È IMPORTANTE

Innanzitutto, essere informato sulle offerte dei concorrenti ti consente di vedere i loro punti di forza e di debolezza e di costruire il tuo vantaggio competitivo . Puoi adattare la tua offerta per abbinare o battere la concorrenza o elaborare una strategia per distinguerti dalla massa.

In secondo luogo, può ispirare il tuo contenuto e la tua strategia. Se vedi che un marchio sta andando bene, puoi sezionare ciò che stanno facendo e, quindi, decodificare il loro successo. Vedrai in che modo comunicano in modo efficace, in che modo generano hype e entrate per i nuovi prodotti e come coinvolgono la loro comunità. Queste sono tutte cose che possono fungere da percorso su cui puoi informare la tua strategia.

Infine, puoi risparmiare tempo e denaro guardando i grandi giocatori nella tua nicchia. Perché? Perché probabilmente hanno investito ingenti somme di denaro in ricerche di mercato e hanno scoperto cosa funziona nel modo più duro. In questo modo, si arriva alle spalle alle tendenze senza dover investire in ricerca e sviluppo da soli.

COME INIZIARE

Per monitorare i tuoi concorrenti, devi entrare nella loro orbita. Ecco alcune tattiche per assicurarti di ottenere il massimo dai tuoi concorrenti.

Passaggio 1: fai un elenco dei tuoi principali concorrenti

Idealmente, compila un foglio di calcolo che contrassegna tutte le attività online dei tuoi concorrenti: la loro presenza su Google, i prezzi e le migliori funzionalità, ad esempio.

Passaggio 2: Google i tuoi concorrenti

Controlla la loro presenza su Google (quali pagine vengono visualizzate) e visita il loro sito Web. Inoltre, Google il nome del tuo prodotto, servizio o nicchia in diverse varianti e controlla quale azienda viene prima. Prova ad analizzare perché: utilizzano pubblicità a pagamento, hanno un’offerta migliore, un dominio di un sito Web più elevato, ecc.?

Passaggio 3: seguire e monitorare i social network

Presta attenzione al contenuto e alla frequenza dei post dei tuoi concorrenti. Cerca i nomi e gli argomenti delle società in base agli hashtag e scopri quali parole chiave sarebbero intelligenti da usare per te.

Passaggio 4: iscriviti alla loro mailing list

Presta attenzione ai nuovi prodotti o alle funzionalità rilasciate dai tuoi concorrenti, alle offerte speciali che offrono, alla frequenza delle campagne che inviano e ai CTA che utilizzano. Puoi anche sfogliare il database di email davvero buone per esempi di e-mail di alta qualità di altre aziende del tuo settore.

Passaggio 5: monitorare attentamente le recensioni dei clienti

A seconda del tuo settore, è probabile che i tuoi clienti lascino le loro recensioni su Facebook, Trustpilot, Reddit e altri siti in cui le persone parlano delle loro esperienze. Nota quante recensioni i concorrenti hanno confrontato con la tua attività e quanto sono soddisfatte le persone, quali sono i principali reclami, ecc.

Passaggio 6: utilizzare gli strumenti che avvisano l’utente quando viene menzionato un concorrente

Utilizza gli strumenti per monitorare le menzioni online o quando qualcosa cambia nel loro sito (trova questi strumenti nella sezione App consigliate di seguito).

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

  • Menzione : ti avvisa ogni volta che tu o i tuoi concorrenti siete citati online. Si integra anche con Slack , portando le notifiche in un canale Slack-Mention dedicato e offrendo riepiloghi giornalieri
  • Visualping : consente di selezionare una parte della pagina Web di un concorrente (come una pagina dei prezzi) e di ricevere una notifica ogni volta che cambia
  • SpyFu : mostra quali parole chiave e parole d’ordine acquistano i tuoi concorrenti
  • Avvisi di Google : utile per ottenere le tue menzioni personali e della concorrenza
  • SocialMention : uno strumento per tracciare le menzioni sui social media e sui blog
  • Adbeat : aiuta a monitorare le strategie pubblicitarie del tuo concorrente
  • SEMrush : utilizza SEMrush per tracciare le parole chiave più redditizie per i tuoi concorrenti
Attenzione: sebbene seguire i tuoi concorrenti e apprendere dalla loro esperienza sia uno strumento eccellente per la generazione di idee e in generale per informare la tua strategia di e-commerce, dovresti stare molto attento a non iniziare a copiare i tuoi concorrenti. Assicurati che i tuoi contenuti siano fedeli al tuo marchio e abbiano il tuo giro su di essi per renderli unici e pertinenti per il tuo pubblico.

operazioni

Nota: hai imparato un sacco finora? Queste sono solo alcune delle lezioni del nostro piano di marketing di 52 settimane. Per altre 40 lezioni che ti aiuteranno a configurare il tuo negozio e ottenere traffico su di esso, controlla l’intero piano di marketing di 52 settimane .

Tieni traccia delle tue entrate commerciali

Gestire la tua attività è tutto divertente e giochi fino a quando non devi iniziare a organizzare le tue entrate. Non c’è scampo; ad un certo punto, dovrai iniziare a occuparti di quel disordine di carte nel tuo cassetto superiore, nella parte inferiore della valigetta e nella tasca della giacca.

Per fortuna, non è necessario farlo alla vecchia maniera scrivendo tutto su un quaderno o mettendo tutte le ricevute in una scatola da scarpe vuota e dimenticarsene. Ci stiamo muovendo verso un mondo più senza carta e abbiamo anche la tecnologia dalla nostra parte. Ci sono molti strumenti di tracciamento delle ricevute disponibili per aiutarti a risparmiare tempo prezioso, oltre a fornire accesso alle tue ricevute da più posizioni, cosa che il tuo commercialista apprezzerà.

Nota: è importante notare che la contabilità è un argomento complicato che ha molte variabili. Dovresti sempre condurre la tua due diligence e consultare i tuoi contabili e / o avvocati prima di accettare e attuare qualsiasi consiglio online.

PERCHÉ È IMPORTANTE

Prima di tutto, una buona tenuta dei registri (e che include tenere traccia delle entrate) ti aiuterà a monitorare l’avanzamento della tua attività, preparare i rendiconti finanziari e le dichiarazioni dei redditi. Conservare le entrate ti aiuterà anche con le detrazioni fiscali e potrebbe risparmiare denaro a lungo termine.

Inoltre, utilizzando gli scanner delle ricevute e le app di tracciamento, sarai in grado di estrarre automaticamente le informazioni chiave, come la data, il commerciante, l’importo speso e il metodo di pagamento, per tenere sotto controllo le tue finanze in movimento.

Mentre potrebbe essere necessario un po ‘di tempo per abituarsi alle nuove tecnologie, mantenere le tue ricevute online ridurrà drasticamente il tempo e gli sforzi che dedichi al monitoraggio e all’organizzazione delle spese. Inoltre, renderà più semplice la consegna di tali informazioni al proprio commercialista ed eviterà problemi dovuti alla preparazione delle tasse.

COME INIZIARE

Fin dall’inizio, dovresti stabilire un sistema per organizzare le tue ricevute. Vuole:

  • Attenersi a sistemi collaudati e ricevute di file in raccoglitori e cartelle?
  • O accetterai la tecnologia e utilizzerai servizi e app online, come Shoeboxed e altri elencati di seguito?

Sta a te decidere. Una cosa che puoi fare indipendentemente dalla tua scelta è creare un account e-mail separato dedicato esclusivamente alle ricevute e alle spese. Ciò significa che ogni volta che ricevi una ricevuta, la scansiona e la inoltri a questo indirizzo e-mail e raccogli tutte le ricevute lì. Ti consigliamo inoltre di creare un indirizzo email “accounting@tuodominio.com” che puoi utilizzare per inoltrare tutte le ricevute commerciali digitali in modo che rimangano organizzate nella loro casella di posta. Iscriviti a tutti i tuoi strumenti aziendali con questa e-mail di contabilità e quindi imposta una regola nella tua casella di posta in modo che tutto ciò che viene inviato a quell’indirizzo di posta elettronica venga automaticamente inoltrato alla casella di posta “Ricevute aziendali”.

In questo modo, sarà molto più semplice tenere traccia delle tue spese e cercare una ricevuta specifica invece di passare attraverso diversi luoghi di archiviazione possibili come account di posta elettronica, telefono, computer e altri dispositivi.

Puoi anche connettere quell’e -mail a un’app di tracciamento delle ricevute, come Neat o Shoeboxed in modo che tutte le ricevute vengano inoltrate e registrate automaticamente.

Quindi, a quali tipi di ricevute dovresti prestare maggiore attenzione e sicuramente conservare?

  • Pasti e intrattenimento: documenta tutti i tuoi incontri di lavoro e registra lo scopo e i partecipanti di ogni pasto e gita sul retro della ricevuta
  • Viaggi d’affari: conservare eventuali ricevute relative ai viaggi quando si viaggia per motivi di lavoro
  • Spese relative al veicolo: registra dove, quando e perché hai utilizzato il veicolo per affari
  • Ricevute per regali: conservare le ricevute per tutti i regali commerciali acquistati
  • Ricevute del Ministero degli Interni: conservare le ricevute per i costi relativi alla gestione del Ministero degli interni

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

Nota: alla fine arriverà un momento in cui è possibile eliminare le vecchie ricevute, tuttavia non sarà così presto. Assicurati di controllare i regolamenti per sapere quali termini si applicano alla tua attività.

Best practice sulla sicurezza online

È sorprendente quanto spesso proteggere le nostre attività possa essere l’ultimo compito nelle nostre liste di cose da fare. Indipendentemente dalla fase in cui si trova la tua azienda, sia che tu abbia appena avviato o sia in crescita con successo, assicurati di prendere le misure di base per proteggerla. Dopo tutto, se non proteggerai la tua attività, chi lo farà?

PERCHÉ È IMPORTANTE

Quando parliamo della sicurezza del tuo negozio, questo include molte cose, dagli attacchi online alla perdita di file in caso di crash del computer. Keeper Security ha condotto un sondaggio e ha riscontrato i problemi di sicurezza più comuni che devono affrontare le piccole imprese e qui sono:

  • Phishing (48%): un tentativo di indurre gli utenti a condividere informazioni sensibili online come password, nomi utente e dettagli della carta di credito
  • Attacchi basati sul Web (43%): programmi scritti per sondare il computer di un utente e sfruttare falle di sicurezza
  • Malware (36%): un virus o qualsiasi altro tipo di software destinato a danneggiare un computer o un sistema informatico
  • Dispositivi e / o file persi o rubati (30%): smarrimento di dispositivi o documenti importanti
  • Denial of Services (26%): inondazioni di un sito Web con traffico (bot) falso per rallentarlo o renderlo offline

Ora, quando si tratta di attacchi online, potresti pensare che come proprietario di una piccola impresa non stai facendo appello agli hacker. Sfortunatamente, ti sbagli. Secondo i dati di SCORE , il 43% di tutti gli attacchi informatici è diretto alle piccole imprese e questo numero dovrebbe aumentare. Anche coloro che cadono vittime di attacchi informatici non si sono mai ripresi completamente, con il 60% scoperto di essere fuori dal mercato entro sei mesi.

Se non vuoi rischiare i dati sensibili tuoi e dei tuoi clienti, trova un po ‘di tempo nel tuo programma per proteggere la tua attività.

COME INIZIARE

Ecco le basi per proteggere la tua attività online:

  • Usa password univoche su tutti gli account: assicurati che le tue password siano sicure, il che significa nulla di comune (come “12345”) o indovinabile (come il tuo nome). Utilizzare un gestore di password come Dashlane per archiviare tutte le password e generare password complesse.
  • Imposta autenticazione a 2 fattori: ciò significa che ci saranno due livelli di autenticazione per poter accedere all’account. Ad esempio, se imposti l’autenticazione a 2 fattori per il tuo account Gmail, dovrai prima digitare la tua password seguita da un codice univoco a cui potrai accedere tramite e-mail, sms o da un’app di autenticazione come Authy . I servizi più popolari supportano l’autenticazione a 2 fattori. Trova tutti i posti per cui puoi impostare 2FA con l’ elenco dei fattori a due fattori .
  • Proteggi la tua e-mail: Innanzitutto, attiva l’autenticazione a 2 fattori: proteggerà la tua e-mail da eventuali attacchi. In secondo luogo, fai attenzione alle e-mail di phishing e al malware e non rispondere ad esse.
  • Usa una VPN su WiFi condiviso: una rete privata virtuale (VPN) è uno strumento che puoi usare per crittografare la tua connessione Internet che aiuta a proteggere le tue credenziali di accesso e altre informazioni sensibili dagli hacker che condividono lo stesso WiFi pubblico come te. L’uso di una VPN è indispensabile se lavori in bar, aeroporti o qualsiasi tipo di spazio pubblico, ma in genere è solo un buon strumento da utilizzare in ogni momento. Scopri NordVPN per impostare la propria VPN.
  • Crittografa i tuoi dispositivi: in modo che in caso vengano rubati o persi, nessuno può accedere ai tuoi file. Ecco come:
  • Backup di tutto: il sito Web, i file del computer, tutto. Non vuoi che la tua azienda si fermi (o muoia) solo perché hai perso file importanti come schizzi di prodotti, file di stampa, certificati di copyright o perché si verifica un incidente e il tuo sito Web si arresta in modo anomalo. Usa Rewind ( Rewind Review ) per eseguire il backup del tuo negozio Shopify o BigCommerce e usa VaultPress per eseguire il backup del tuo sito WordPress o del tuo negozio WooCommerce.
  • Riconoscere gli ordini fraudolenti: nei prossimi 5 anni, si stima che i rivenditori perdano oltre $ 130 miliardi in caso di ordini fraudolenti. Prestare attenzione a bandiere rosse come ordini superiori alla media, posizioni insolite, transazioni multiple in un breve periodo di tempo, ecc. Il processore di pagamento potrebbe anche essere in grado di aiutarti a individuare acquisti fraudolenti che possono aiutarti a evitarli.
  • Diversifica il tuo flusso di marketing e ricavi: vendi i tuoi prodotti su più piattaforme e usa diversi canali di marketing per promuovere la tua attività in modo da proteggere il tuo business e il flusso di entrate anche nel caso in cui improvvise modifiche delle politiche di terze parti comportino la negazione dei servizi. Questa è una cosa relativamente comune che può accadere ai venditori su mercati come Amazon o Etsy e se hai messo tutte le tue uova in un paniere può essere catastrofico per la tua attività se ti viene mai bandito da un canale di vendita.

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

Imposta le tue politiche

Le politiche del sito Web sono un insieme di regole, procedure e linee guida che definiscono i principi operativi di un negozio online. In poche parole, le politiche del sito Web spiegano cosa possono aspettarsi i clienti dal sito Web, come funziona, che tipo di dati raccoglie e perché, i diritti e gli obblighi di un utente del sito Web, le politiche di spedizione e restituzione del negozio, ecc.

Ecco le 3 politiche del sito Web che ogni negozio di e-commerce deve avere:

  • Informativa sulla privacy: descrive quali dati (e-mail, indirizzo fisico, cookie e cronologia di navigazione, ecc.) Vengono raccolti dai visitatori e dagli acquirenti del sito Web e per quali scopi. In alcuni paesi e stati, una legge sulla privacy è richiesta dalla legge.
  • Termini di servizio: definisce ciò che i clienti possono aspettarsi dalla tua attività, nonché i loro diritti e doveri. Fondamentalmente, è un accordo tra il negozio e i suoi utenti.
  • Politica sui resi : indica in che modo un negozio gestisce i resi e / o gli scambi. Una politica di restituzione intuitiva può rendere il tuo negozio più affidabile e incoraggiare i consumatori a fare acquisti con te.

PERCHÉ È IMPORTANTE

California, Unione Europea, Canada, Australia e altre giurisdizioni richiedono legalmente che i venditori online dichiarino le loro politiche sulla privacy. Non importa dove si trova la tua attività, se vendi in questi stati e paesi, devi disporre di politiche che descrivano come il tuo negozio raccoglie e utilizza i dati dei clienti.

Mentre alcune giurisdizioni sono abbastanza indulgenti con le politiche sulla privacy, altre impongono leggi severe per proteggere i dati dei clienti. Ad esempio, il GDPR ( Regolamento generale sulla protezione dei dati) dell’UE impone multe per non conformità che possono arrivare fino a $ 22,8 milioni o al 4% delle entrate annuali, a seconda di quale sia maggiore.

Oltre al rispetto delle leggi, ci sono altri motivi per cui il tuo negozio ha bisogno di politiche:

  • Aumenta la fiducia: le chiare politiche del negozio rendono la tua azienda trasparente e affidabile. In effetti, un sondaggio ha rilevato che il 63% dei consumatori online esamina la politica di restituzione di un negozio e solo allora prende la propria decisione di acquisto.
  • Favorisce le conversioni: naturalmente, quando le persone trovano un’azienda affidabile, sono più disposte a effettuare un acquisto.
  • È richiesto da soluzioni di terze parti: servizi come Google AdWords , Google Analytics , Facebook e molti altri servizi che elaborano i dati dei clienti e quindi ti consentono di utilizzare i dati per il tuo marketing (pensa: retargeting, analisi del traffico, ecc.), Richiedono online negozi per avere una politica sulla privacy.

COME INIZIARE

Passaggio 1: trova un modello
La buona notizia è che non devi scrivere le politiche del tuo negozio da zero o assumere un avvocato per farlo. Internet è pieno di modelli che puoi personalizzare e utilizzare per il tuo negozio. Ecco come appare un buon modello:

  • È facile da leggere e capire: evita i modelli che usano il gergo o frasi complesse, o rischi di lasciare confusi e sospetti i tuoi clienti. Inoltre, se vendi in Europa, ricorda che secondo il GDPR la tua politica sulla privacy deve essere chiara e facile da leggere, oppure puoi essere multato.
  • È breve: non prolungare le politiche più del necessario, altrimenti i tuoi clienti non le leggeranno. Assicurati che le tue politiche forniscano ai visitatori tutte le informazioni necessarie in modo chiaro e conciso.
  • Comprende tutti i termini importanti: Ciascuno dei criteri del tuo sito Web (termini di servizio, politica sulla privacy e politica sui rimborsi) dovrebbe includere termini diversi. Di seguito cosa dovrebbe includere ciascuna delle politiche.

Termini di servizio:

  • Dettagli sul pagamento: quali forme di pagamento accettate, quale valuta verranno addebitate ai clienti, ecc.
  • Informazioni sulla consegna: quali metodi di spedizione offri, tempi medi di consegna, ecc.
  • Resi e rimborsi: indipendentemente dall’accettazione dei resi, dall’offerta di scambi di prodotti, dalla modalità di elaborazione dei rimborsi, ecc.
  • Garanzia: offrite una garanzia e per quanto tempo?
  • Marchi: quando le persone possono o meno utilizzare i tuoi prodotti e quali riferimenti devono fornire

Politica sulla riservatezza:

  • Quali informazioni raccoglie la tua azienda e per quali scopi
  • Archiviazione, manutenzione e sicurezza dei dati raccolti
  • Se la tua azienda condivide i dati con terze parti
  • Il processo di aggiornamento delle informazioni dell’utente (ad esempio, come annullare l’iscrizione e cancellare i propri dati)
  • La tua politica sui cookie, inclusi i tipi di cookie utilizzati dalla tua azienda e per quali scopi
  • Potenziale modifica della politica sulla privacy che è fondamentalmente una dichiarazione di non responsabilità che la vostra politica sulla privacy può cambiare e ottenere aggiornata

Termini di restituzione:

  • La tua finestra di ritorno
  • In quali condizioni deve essere restituito il prodotto (non utilizzato, mai indossato, tag ancora intatti, ecc.)
  • Come avviare un rimborso
  • Dove restituire la merce
  • Chi paga per la spedizione di ritorno
  • Come verrà fornito il rimborso (sia nella stessa forma di pagamento in cui è stato raccolto, crediti del negozio, una carta regalo per il negozio, un prodotto sostitutivo, ecc.) E in che lasso di tempo verrà elaborato il rimborso

Passaggio 2: aggiungere politiche al tuo sito Web
Esistono due modi per visualizzare le politiche sul tuo sito Web:

Browsewrap: come link nel piè di pagina del tuo sito Web

Negozio online Sfoglia configurazione a capo

Clickwrap: come una casella che gli utenti devono controllare alla cassa quando effettuano un acquisto o quando si iscrivono alla newsletter

Negozio online Fai clic su Imposta a capo

Il modo migliore è implementare entrambi i metodi Browswrap e Clickwrap, in questo modo i tuoi visitatori hanno maggiori probabilità di sentirsi sicuri e informati.

Attenzione: quando si tratta dell’informativa sulla privacy, il GDPR europeo richiede l’uso del metodo clickwrap. Cioè, le persone devono essere in grado di decidere se vogliono ricevere e-mail promozionali dopo aver effettuato un acquisto sul tuo negozio o aver effettuato la registrazione ai tuoi servizi.

RISORSE RACCOMANDATE

Attività di outsourcing

Quando costruisci un’azienda, può essere allettante provare a fare tutto da solo, tuttavia, hai solo 24 ore al giorno per creare i tuoi prodotti, scrivere la copia per le tue pagine web, pianificare la logistica, fare la contabilità, supervisionare il marketing e PR, gestire l’assistenza clienti e molto altro ancora. Non ci sarà mai abbastanza tempo per fare tutto da soli quindi è per questo che è importante trovare altri professionisti per fare un po ‘di lavoro al posto tuo. Si chiama outsourcing.

L’outsourcing è la pratica di utilizzare una parte esterna, ad esempio un’altra società o un libero professionista anziché i dipendenti dell’azienda, per eseguire determinati servizi o funzioni lavorative. Lo scopo è quello di delegare compiti a qualcun altro al fine di liberare il proprio tempo.

Ecco alcune delle attività che puoi prendere in considerazione per l’outsourcing:

  • Content marketing
  • Design del logo
  • Contabilità
  • Ricerca
  • Ottimizzazione delle conversioni
  • Disegno grafico
  • Traduzione
  • Social media
  • Produzione di foto / video

PERCHÉ È IMPORTANTE

La ricerca mostra che quando si tenta di gestire più progetti contemporaneamente, è possibile riscontrare un calo della produttività del 40%, il completamento dei progetti richiede più tempo e l’aumento dei livelli di stress generale. Soprattutto per le piccole imprese o le startup, qualsiasi riduzione delle attività quotidiane ti consentirà di spostare l’attenzione su più attività generatrici di entrate.

Un altro ottimo motivo per esternalizzare è che ti consente di accedere a talenti specializzati nelle vicinanze o in tutto il mondo. Ci sono così tanti compiti che è meglio lasciare ai professionisti piuttosto che cercare di armeggiarli da soli, quindi quelle cose sono meglio esternalizzate alle persone che possono eseguirle in modo corretto ed efficiente. Pensala in questo modo: se ti ci vorrà un sacco di tempo per capire come fare un lavoro mediocre in qualcosa, stai meglio esternalizzando il compito a qualcuno che può completarlo meglio e più velocemente di te.

Inoltre, avere una nuova prospettiva da parte di qualcuno al di fuori del tuo team può portare a approcci innovativi e creativi e soluzioni all’avanguardia che altrimenti ti rimarrebbero nascoste.

Ultimo ma non meno importante, l’outsourcing può anche farti risparmiare denaro. Quando esternalizzi a un libero professionista o appaltatore non dovrai sostenere gli stessi costi che assumeresti un dipendente, inoltre assumendo qualcuno per completare un’attività che non sai come fare, ti fa risparmiare il tempo necessario per imparare come farlo da soli e il tempo è denaro a lungo termine. Esternalizzare il lavoro che non puoi fare alle persone che possono, quindi non devi spendere di più in seguito per correggere gli errori che hai fatto cercando di fare tutto da solo.

COME INIZIARE

Passaggio 1: identificare le attività esternalizzabili

Inizia a capire che tipo di lavoro vuoi fare: sono i social media? Contabilità? Creazione di contenuti? Prova a pensare agli aspetti della tua attività in cui hai bisogno di aiuto o esperienza, ma non hai abbastanza ore al giorno per fare da solo.

Quindi, definire l’ambito del lavoro sia che si tratti di un’attività a breve termine che si desidera esternalizzare o se si sta cercando di collaborare per progetti ricorrenti.

Passaggio 2: trova un appaltatore

Quindi, trova l’appaltatore giusto. Se conosci un professionista con cui hai lavorato in precedenza (o hai consigli da amici o colleghi), inizia a cercare lì.

Altrimenti, ci sono mercati di libero professionista virtuali come Upwork o FreeeUp , in cui è possibile connettersi con professionisti di tutto il mondo. Controlla il loro portfolio per vedere se il loro set di competenze e le tariffe soddisfano le tue esigenze e se ci sono testimonianze di clienti precedenti per fornire affidabilità. Quindi mettiti in contatto con i liberi professionisti o gli appaltatori a cui sei interessato con eventuali domande aggiuntive sulla loro conoscenza ed esperienza, quando saranno presto disponibili e sui loro requisiti di compensazione.

Passaggio 3: fornire un brief e definire la relazione di lavoro

Una volta stabilito un rapporto di lavoro con il contraente, fornire istruzioni dettagliate sull’attività, nonché preparare un contratto che possa includere informazioni quali:

  • Quale lavoro fornirà il libero professionista e quando
  • Se il progetto è a prezzo fisso o orario
  • Prezzi
  • Quando e come verranno effettuati i pagamenti

La comunicazione è la chiave per una grande esperienza di outsourcing, quindi assicurati di comunicare durante il progetto per assicurarti che il lavoro sia stato svolto e che le tue aspettative siano soddisfatte.

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

ESEMPI

Nota: trovare un libero professionista non è il momento di risparmiare denaro. Ciò non significa che devi pagare le tariffe più alte, soprattutto se hai un budget limitato, tuttavia, dovresti evitare di scegliere l’opzione più economica là fuori in quanto potrebbe portare a lavori di scarsa qualità e risultati deludenti. Invece, cerca il terreno sicuro da qualche parte nel mezzo della fascia di prezzo.

Genera traffico

Nota: in questo post abbiamo incluso solo un metodo per aiutarti a ottenere traffico verso il tuo negozio online, ma nel nostro piano di marketing di 52 settimane copriamo molti altri metodi che puoi utilizzare per attirare effettivamente le persone sul tuo sito. Stai lottando per indirizzare il traffico verso il tuo negozio? Allora dai un’occhiata!

Configurare l’automazione dei social media

L’automazione dei social media è il processo di creazione e pianificazione anticipata dei post sui social media. Invece di riservare più volte al giorno il tempo per la creazione e la pubblicazione di aggiornamenti in tempo reale, è possibile pubblicarli in orari prestabiliti o persino utilizzare uno strumento che filtra o ricicla automaticamente i contenuti pertinenti sui canali social per conto dell’utente. L’automazione di questo processo aiuta a risparmiare tempo e ti consente di concentrarti su altre attività da svolgere.

Puoi automatizzare i tuoi canali di social media utilizzando gli strumenti di automazione dei social media che suggeriscono sia automaticamente i contenuti che puoi condividere, sia programmano i post in anticipo. Alcuni strumenti sono in grado di utilizzare i tuoi post esistenti e riutilizzarli in vari formati e altri possono persino pubblicare i tuoi aggiornamenti a volte in cui l’app ha calcolato che il tuo pubblico è al massimo delle attività.

PERCHÉ È IMPORTANTE

La configurazione di un sistema automatizzato per la pianificazione dei tuoi post sui social media ti aiuterà a:

  • Mantieni contenuti coerenti: i dati mostrano che la coerenza è uno dei fattori più importanti per cui le persone continuano a seguire un marchio, aiutandoti così a creare un follower e una base di clienti più grandi. La configurazione di un sistema automatizzato e la pianificazione anticipata dei post possono garantire che i tuoi account social siano attivi anche se sei offline.
  • Controlla la tua strategia sui social media: quando tutti i post sono programmati attraverso la stessa piattaforma, sarà più facile supervisionare il tipo di contenuto condiviso, nonché il momento in cui lo pubblichi.
  • Risparmia tempo: invece di spendere ore per accedere e uscire manualmente da ciascuna piattaforma di social media, puoi utilizzare una dashboard centralizzata sullo strumento di automazione per creare e pianificare i contenuti in anticipo.

COME INIZIARE

Passaggio 1: selezionare uno strumento di automazione

Inizia scegliendo uno strumento di automazione dei social media dall’elenco seguente. Sulla piattaforma dello strumento, accedi agli account di social media per i quali desideri automatizzare i post.

Passaggio 2: Pianifica post

Per pianificare gli aggiornamenti, inserire il testo, aggiungere file multimediali (immagini o video) e tutti i collegamenti che si desidera condividere. Se hai più di un account connesso, puoi selezionare con quali account condividere il post.

Puoi pubblicare i post immediatamente, aggiungerli alla coda e lasciare che lo strumento di automazione scelga il momento migliore per la pubblicazione, oppure puoi pianificare i post da solo, scegliendo una data e un’ora specifiche. Riempi il tuo calendario dei contenuti dei social media programmando tutti i post che desideri. Puoi anche utilizzare le librerie dei contenuti degli strumenti per inserire post pertinenti e rafforzare i tuoi contenuti.

La maggior parte degli strumenti di automazione dei social media ti consente di accedere alla loro pagina di analisi in cui puoi vedere che tipo di coinvolgimento c’è nei tuoi post. Tieni d’occhio il tipo di post che funziona bene e condividi più contenuti che risuonano con il tuo pubblico.

RISORSE RACCOMANDATE

APP CONSIGLIATE

ESEMPI

Esempio di calendario dei social media buffer

Attenzione: tenere presente che l’automazione dei social media non è un sostituto dell’impegno live. Devi ancora avere conversazioni significative con la tua community, vedere cosa dicono i tuoi follower e rispondere ai loro commenti il ​​più spesso possibile per far crescere account social di successo.

Conclusione

Una volta superato questo elenco, il tuo nuovo negozio online sarà configurato in modo da affrontare le attività future. Sarai pronto ad acquisire traffico sul sito Web, convertire clienti, delegare lavoro a liberi professionisti e appaltatori e iniziare a commercializzare il tuo nuovo negozio. Per ulteriori idee su come commercializzare il tuo negozio per nuovi clienti in modo da poter ottenere più traffico e vendite, controlla il resto del nostro piano di marketing di 52 settimane . Copriamo in dettaglio come puoi effettivamente portare le persone nel tuo negozio e cosa puoi fare per tenerle lì in modo che effettuino un acquisto.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close