Cerca

Ridimensionando i comuni miti sui Pro Blogger

Che ci crediate o no, scrivo contenuti su Internet da 20 anni. Per i primi anni, l’ho trattato in gran parte come un hobby. Ho iniziato con la mia newsletter, che alla fine si è trasformata in un sito Web su Geocities. Ricorda Geocities? Ho anche contribuito alla rivista online del mio amico e gestito una newsletter per studenti mentre frequentavo l’università. Per quei primi anni, l’idea stessa di monetizzazione non era nemmeno entrata nella mia coscienza.

Ciò è cambiato nel 2006 e ho iniziato a imparare sempre di più su come avrei potuto prendere questo hobby e trasformarlo in una carriera praticabile. In questi giorni, mi guadagno da vivere come scrittore ed editore freelance professionista. Ho scritto per un certo numero di blog, incluso il mio, e mentre non sono vicino a John Chow, lo faccio bene. E mentre rifletto su questi ultimi due decenni, non posso fare a meno di pensare a quei miti sul blog professionale che ho incontrato lungo la strada.

ISCRIVITI ALLE NOSTRE MAILING LIST PER IMPARARE TRUCCHI MAI VISTI SUL MARKETING, SEO E GUADAGNO ONLINE!

Inutile dire che molti dei miei colleghi blogger del 2006 non sono più in giro. Ma sono ancora qui, perché ho imparato a superare questi malintesi e interpretazioni comuni.

 

Guarda tutto quello che roba gratis

Uno sviluppo più recente che abbiamo visto nel settore è l’ascesa di “influencer” e ” influencer marketing “. Considerando che una volta i blogger venivano licenziati come hobbisti da molte aziende e marchi, ora sono visti come una grande parte del macchina di marketing e un ottimo modo “autentico” per raggiungere il pubblico (e i clienti).

Ogni tanto vengo invitato alle anteprime dei “media” e agli eventi “influencer / blogger”. A volte, torno a casa con qualche “malloppo” o una forma o l’altra. Potresti anche vedere alcuni dei tuoi amici di blogger ricevere campioni “gratuiti” di prodotti da testare e condividere con i loro follower.

E mentre può e dovrebbe esserci una chiara delimitazione tra media a pagamento e media guadagnati, devi capire che nessuna di queste cose è “gratuita”. Alla fine, c’è qualche aspettativa di un quid pro quo. Per quanto tu possa desiderare di ottenere “materiale gratuito” come blogger, stai “pagando” per esso offrendo un’esposizione “gratuita” … e dovrai guadagnare un po ‘di denaro reale, dato che non puoi esattamente pagare per il tuo affitto o mutuo in swag e merch.

 

Sta solo scrivendo, vero?

Il blog sta solo scrivendo, giusto? E non ha nemmeno bisogno di essere una buona scrittura, perché stai solo scrivendo in un tono così casual. Assolutamente. Ad esempio, come parleresti semplicemente con i tuoi amici, perché nessuno ha bisogno di un blog tutto super serio e roba del genere, giusto?

Non esattamente. Se vuoi farlo diventare un “blogger professionista”, devi trattarlo come un business. Ciò significa occuparsi della logistica della gestione di un sito Web. Ciò comporta tutto ciò che riguarda la contabilità, la contabilità e la presentazione della dichiarazione dei redditi. Hai marketing, ottimizzazione della monetizzazione e gestione dei social media. E questo è al di sopra e al di là della creazione di contenuti che va oltre la scrittura, come imparare a scattare foto fantastiche o a riutilizzare i contenuti su altre piattaforme.

Anche se non vuoi essere Casey Neistat , dovresti davvero considerare di costruire una forte presenza di video su YouTube . Ciò richiede l’apprendimento di una nuova serie di abilità e ti costringe a flettere una serie completamente diversa di muscoli. Il vlogging non è un blog, ma si nutre tutti della stessa bestia di contenuti.

Il blog non è “solo” la scrittura. E questo non minimizza nemmeno il valore e l’abilità di una buona scrittura.

 

Se lo costruisci …

Questo ripercorre il punto precedente. Tante persone vanno nel blog pensando di poter semplicemente mettere insieme un sito Web, lanciare alcuni contenuti, popolare la pagina con link di affiliazione e banner pubblicitari, e quindi aspettare solo che i soldi arrivino. Solo che non funziona del tutto quel modo.

Se lo costruisci, non verranno. A meno che tu non abbia dei contenuti davvero eccezionali. A meno che non ti colleghi con altri blogger, influencer ed editori in modo che possano aiutare a spargere la voce su ciò che hai da offrire. A meno che tu non sia attivo sui social media, interagendo in modo significativo con le persone senza assolutamente provare a vendere loro qualcosa.

Un blog che non viene letto da nessuno non farà soldi.

 

Chiunque può farlo

Ho scritto un post sul blog completamente separato sulla mentalità sbagliata secondo cui chiunque può farlo . Ad un certo livello, è vero. I costi di avvio di un blog sono notevolmente minimi, poiché è probabile che tu abbia già un computer e una connessione a Internet. Gli account sui social media sono gratuiti. Tutto ciò che serve è un dominio e un po ‘di web hosting. Altre spese, fondamentalmente parlando, possono essere gratuite o notevolmente a basso costo.

Ma non tutti possono farlo. Devi portare non solo abilità uniche, ma una combinazione unica di abilità se vuoi farne un blogger professionista. Ricorda, non è solo la scrittura. È il marchio, il marketing, la monetizzazione … tutto. E poi c’è l’intero cambiamento di mentalità, riconoscendo che probabilmente non sarai il blogger più popolare fin dall’inizio (e potresti non essere nemmeno il più popolare). Hai bisogno di una ferma determinazione per continuare ad andare avanti quando tutti dicono che non puoi.

Puoi farlo? Cosa stai facendo per far avanzare la tua carriera nel blog?

Lascia il tuo prezioso commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

[email protected]

Close