Cerca

Quanto velocemente dovrebbe caricarsi un sito web e come velocizzarlo

  1. In breve, il tuo sito web dovrebbe caricarsi il più velocemente possibile!
  2. Il tempo di caricamento ideale del sito Web per i siti mobili è di 1-2 secondi.
  3. Il 53% delle visite al sito per dispositivi mobili viene abbandonato se il caricamento delle pagine richiede più di 3 secondi.
  4. Un ritardo di 2 secondi nel tempo di caricamento ha portato a tassi di abbandono fino all’87%.
  5. Google stesso punta a un tempo di caricamento inferiore a mezzo secondo
  6. UN SITO MOLTO LENTO può essere un fattore di posizionamento NEGATIVO di Google.
  7. Il tempo di caricamento medio per i siti mobili è di 19 secondi sulle connessioni 3G. I modelli prevedono che i publisher i cui siti per dispositivi mobili vengono caricati in 5 secondi guadagnino fino a due volte più entrate pubblicitarie per dispositivi mobili rispetto a quelli i cui siti vengono caricati in 19 secondi.
  8. Le persone non tornavano a siti web che impiegavano più di quattro secondi per caricarsi e formavano una “percezione negativa” di un’azienda con un sito mal assemblato o che raccontavano le loro esperienze a familiari e amici.
  9. I tempi di caricamento lenti sono una delle ragioni principali per cui i visitatori abbandonano una procedura di pagamento.
  10. Negli studi, il caricamento del tempo della pagina va da 1 a 3 secondi: la probabilità di rimbalzo aumenta del 32%.
  11. Negli studi, il caricamento del tempo della pagina va da 1 a 5 secondi: la probabilità di rimbalzo aumenta del 90%.
  12. Negli studi, il caricamento del tempo della pagina va da 1 a 6 secondi: la probabilità di rimbalzo aumenta del 106%.
  13. Negli studi, il caricamento del tempo della pagina va da 1 a 10 secondi: la probabilità di rimbalzo aumenta del 123%.
  14. In uno studio recente, il tempo di caricamento medio di una pagina web è stato di 3,21 secondi.
  15. In uno studio recente, il tempo di caricamento medio di una pagina web per dispositivi mobili è di 22 secondi.
  16. Per ogni 100 ms di diminuzione della velocità di caricamento della home page, la base clienti di un’azienda ha registrato un aumento dell’1,11% nella conversione basata sulla sessione
  17. Gli utenti leggono meno articoli ogni giorno mentre riscontrano ritardi nel caricamento di ciascuna pagina web. La velocità del sito influisce negativamente sulla profondità della sessione di un utente, non importa quanto piccolo sia il ritardo.
  18. Due terzi dei consumatori del Regno Unito (67%) citano i tempi di caricamento lenti come il motivo principale per cui abbandonerebbero un acquisto online.
  19. Il 47% dei consumatori si aspetta che una pagina web venga caricata in due secondi o meno.
  20. Il 40% dei consumatori attenderà non più di tre secondi per il rendering di una pagina Web prima di abbandonare il sito
  21. Il 52% degli acquirenti online ha affermato che il caricamento rapido della pagina è importante per la fedeltà al sito.
  22. Gli acquirenti spesso si distraggono quando vengono costretti ad aspettare il caricamento di una pagina. Il 14% inizierà a fare acquisti in un altro sito e il 23% smetterà di fare acquisti o si allontanerà dal proprio computer.
  23. Ricorda di ottimizzare le tue immagini: la cosa più importante che puoi fare per ridurre i tempi di download. Carica le immagini di sfondo tramite CSS esterno. Riduci al minimo lo spazio bianco, i ritorni di riga e i tag di commento. Rimuovi i META tag e i contenuti META non necessari. Riduci al minimo javascript non necessario e altri script lato client. Un approccio tecnico per migliorare l’esperienza dell’utente, mi sembra, inizierebbe con la velocità del sito.
  24. Un sito più veloce dovrebbe migliorare i livelli di soddisfazione dei visitatori e il numero di conversioni.
  25. Google potrebbe eseguire la scansione del tuo sito più lentamente se hai un sito molto lento (confermato da Google).
  26. Siti di vendita al dettaglio e di viaggio: il 79% degli acquirenti online che subiscono una visita insoddisfacente ha meno probabilità di acquistare di nuovo da quel sito. Il 64% acquisterebbe semplicemente da un altro negozio online.
  27. I siti di vendita al dettaglio di automobili impiegano in media 6 secondi per caricarsi.
  28. I siti di merci confezionate del cliente impiegano in media 6,1 secondi per caricarsi.
  29. I siti finanziari impiegano in media 5,1 secondi per caricarsi.
  30. I siti sanitari impiegano in media 5,6 secondi per caricarsi.
  31. I siti multimediali impiegano in media 5,5 secondi per caricarsi.
  32. I siti di vendita al dettaglio impiegano in media 6 secondi per caricarsi.
  33. I siti tecnologici impiegano in media 6,8 secondi per caricarsi.
  34. I siti di viaggio impiegano in media 6,7 ​​secondi per caricarsi.
  35. Migliorare il punteggio di velocità del tuo sito desktop isolatamente dallo sviluppo di un’esperienza utente avvincente, non porterà magicamente a classifiche MIGLIORI in Google a breve termine.
  36. Le classifiche sono un processo sfumato e ci sono oltre 200 segnali, ma ora la velocità è uno di questi. Sappi che “contenuto” e pertinenza “sono ancora fondamentali. La velocità di caricamento del sito web e della pagina può influenzare le classifiche di Google, ma non tanto quanto i link di alta qualità, buoni titoli e contenuti che soddisfano l’intento dei visitatori di un motore di ricerca.

Leggi per uno sguardo più tortuoso su come la velocità del sito influisce sui tassi di soddisfazione dei visitatori e sui tuoi profitti.

Ogni secondo conta

CITAZIONE : “Ci sono stati studi di Akamai che hanno riscontrato che due secondi è effettivamente la soglia per l’accettabilità del sito di e-commerce. Significa che questo è ciò con cui gli utenti amano fare acquisti. In Google puntiamo a meno di mezzo secondo “. Maile Ohye, Google, 2010

Alla gente piacciono i siti veloci.

E così fa Google. In effetti, a Google piacciono così tanto i siti veloci che sta spostando i siti web verso quello che chiama un indice ” mobile first “.

CITAZIONE : “S peed è sicuramente un fattore di ranking?  . “John Mueller, Google 2019

La “velocità del sito”, ci viene detto da Google nel video e nella citazione sopra, è un fattore di ranking. Ma come con qualsiasi fattore, Google conferma che è un segnale di ranking, di solito è piccolo e “sfumato”.

Bing vuole anche siti veloci:

CITAZIONE : ” Tempo di caricamento della pagina: tempi di caricamento della pagina lenti possono indurre un visitatore a lasciare il tuo sito web, potenzialmente prima che il contenuto sia stato caricato, per cercare informazioni altrove. Bing potrebbe considerarlo un’esperienza utente scadente e un risultato di ricerca insoddisfacente. I caricamenti delle pagine più veloci sono sempre migliori, ma i webmaster dovrebbero bilanciare la velocità di caricamento della pagina assoluta con un’esperienza utente positiva e utile. “Bing Webmaster Guidelines  2020

Quanto velocemente devono caricarsi i siti web? Ebbene, non esiste una soglia specifica, in quanto tale;

CITAZIONE : ” Quindi abbiamo dati ipotetici e dati pratici, quindi non abbiamo una soglia da rivelare, ma fondamentalmente la raccomandazione che direi è solo di rendere i siti veloci per gli utenti, questo è ciò a cui si riduce . “Martin Splitt, Google, 2019

Un sito veloce è una buona esperienza utente (UX) e una UX soddisfacente porta a conversioni più elevate, e ora che Google sta spingendo un ” mobile first index “, è tempo che coloro che hanno investito in SEO agiscano.

CITAZIONE : “La velocità di caricamento del tuo sito web è fondamentale, ma spesso è un elemento completamente ignorato in qualsiasi attività commerciale online e ciò include il marketing di ricerca e l’ottimizzazione dei motori di ricerca. E questo include i tempi di caricamento della pagina sui dispositivi mobili: il tempo medio necessario per caricare completamente una pagina di destinazione mobile è di 22 secondi, secondo una nuova analisi. Tuttavia, il 53% delle visite viene abbandonato se un sito per dispositivi mobili impiega più di tre secondi per caricarsi . Questo è un grosso problema. “Dainial An, Google, 2017

I siti molto lenti sono una cattiva esperienza utente e Google si occupa di una  buona UX in questi giorni.

Il fatto è che un sito web più veloce è positivo per tutti, da Google ai tuoi clienti. Se hai un team web e non sai cos’altro fare (e hai massimizzato altre aree di opportunità per il momento) istruisci i tuoi sviluppatori a migliorare la velocità del tuo sito web per te e per gli utenti di Google.

 

Screenshot 2015-05-14 01.02.07

Quanto è la “velocità del sito web” un fattore di ranking di Google?

“Quanto un  sito molto lento è un fattore di ranking negativo “, storicamente, è stata un’interpretazione più utile dell’affermazione che “la velocità del sito Web è un fattore di ranking di Google “.

UN SITO LENTO può essere un fattore di ranking NEGATIVO.

Ho chiaramente assistito a siti Web molto lenti (di 10 secondi e più) che hanno avuto un impatto negativo su Google e, in secondo luogo, da dichiarazioni fatte dai googler:

CITAZIONE : “Diciamo che abbiamo un piccolo fattore lì per le pagine che sono molto lente da caricare, dove ne teniamo conto .” John Mueller, Google, 2015

Google potrebbe eseguire la scansione del tuo sito più lentamente se hai un sito lento. E questo è davvero negativo, soprattutto se stai aggiungendo molti nuovi contenuti o apportando molte modifiche ai contenuti del sito.

CITAZIONE : “Stiamo riscontrando un tempo di risposta estremamente elevato per le richieste effettuate al tuo sito (a volte, oltre 2 secondi per recuperare un singolo URL ). Questo ci ha portato a limitare notevolmente il numero di URL di cui eseguiremo la scansione dal tuo sito “. John Mueller, Google, 2015

John ha detto specificamente che 2 secondi interrompono l’attività di CRAWLING, non l’abilità di CLASSIFICA, ma ottieni l’immagine.

John Mueller ha recentemente dichiarato:

CITAZIONE : “RE: [la velocità di una pagina]  Quindi diciamo che abbiamo un piccolo fattore lì per le pagine che sono molto lente da caricare, dove lo teniamo in considerazione .” John Mueller, Google, 2015

e

CITAZIONE : “Assicurati che le [pagine web] si caricino velocemente, per i tuoi utenti. Miro a meno di 2-3 secondi “ John Mueller, Google, 2016

e da un altro googler alla domanda su un sito che si stava caricando in 5 secondi:

CITAZIONE : “ Non me ne preoccuperei troppo. Fatelo il più velocemente possibile. “Gary Illyes, Google, 2016

e

CITAZIONE : ” Immagino che ci siano due aspetti qui quando si guarda alla velocità del server. Da un lato c’è il tipo di velocità percepita nel browser, nel tempo necessario per il rendering di una pagina, e questo è sicuramente un fattore di ranking , probabilmente non è il più grande fattore di ranking. E di solito proviamo a distinguere tra siti che sono molto lenti e siti che sono abbastanza normali. Quindi la semplice ottimizzazione su base millisecondo non influirà su nulla nei risultati della ricerca…. l’altra parte della velocità del server è più per quanto riguarda la scansione, quindi quanto velocemente possiamo eseguire la scansione delle pagine dal tuo sito web, e questo non è direttamente un fattore di ranking, ma influisce sulla velocità con cui possiamo raccogliere contenuti nuovi e modificati sul tuo sito. “John Mueller, Google, 2016

Nel 2017 Google ha dichiarato, per quanto riguarda la scansione e l’indicizzazione del tuo sito:

CITAZIONE : ” Per Googlebot un sito veloce è un segno di server sani, quindi può ottenere più contenuti con lo stesso numero di connessioni. D’altro canto, un numero significativo di errori 5xx o timeout di connessione segnala il contrario e la scansione rallenta “. Gary Illyes, Google, 2017

Per quanto riguarda il ” mobile first index “, Google potrebbe non utilizzare immediatamente la velocità mobile come fattore di ranking, ma:

CITAZIONE : “ Non credo che saremmo in grado di farlo dall’inizio. Questo è un buon punto però. Forse dovremmo chiarire che da qualche parte…. Ma per la maggior parte nello stesso modo in cui usiamo la velocità per desktop, non ci vedo farlo all’inizio. È qualcosa che vorremmo fare a lungo termine, ma non all’inizio “. John Mueller, Google, 2016

Successivamente è stato confermato da Google che la velocità del sito sarebbe effettivamente un fattore di ranking sui siti mobili una volta che è stato completamente implementato:

CITAZIONE : ” [Google] annuncia che a partire da luglio 2018, la velocità della pagina sarà un fattore di ranking per le ricerche da dispositivi mobili . Lo “Speed ​​Update”, come lo chiamiamo, interesserà solo le pagine che offrono agli utenti l’esperienza più lenta e solo una piccola percentuale di query. Applica lo stesso standard a tutte le pagine, indipendentemente dalla tecnologia utilizzata per costruire la pagina. L’intento della query di ricerca è ancora un segnale molto forte, quindi una pagina lenta può comunque avere una posizione elevata se ha contenuti interessanti e pertinenti. ”  , Google, 2018

Quanto velocemente dovrebbe caricare il tuo sito web?

Storicamente la maggior parte di noi si è concentrata sul far caricare le nostre versioni desktop del nostro sito il più velocemente possibile, ma con Google che passa prima all’indice mobile e all’aumento del numero di utenti sui dispositivi mobili, ora dobbiamo anche concentrarci sulla velocità mobile, anche .

Una ricerca di Doubleclick (di proprietà di Google) pubblicata a settembre 2016 da Alex Shellhammer , DOUBLECLICK, 2016 suggerisce:

CITAZIONE : “Il tempo di caricamento medio per i siti mobili è di 19 secondi su connessioni 3G.”

e

CITAZIONE : “I siti a caricamento lento frustrano gli utenti e hanno un impatto negativo sugli editori. Nel nostro nuovo studio, “The Need for Mobile Speed”, abbiamo rilevato che il 53% delle visite al sito per dispositivi mobili viene abbandonato se il caricamento delle pagine richiede più di 3 secondi “.

e

CITAZIONE : “siti che si caricano in 5 secondi contro 19 secondi osservati:  visibilità dell’annuncio maggiore del 25% (e)  sessioni medie più lunghe del 70% (e)  frequenze di rimbalzo inferiori del 35%”

Il rapporto conclude:

CITAZIONE : “Sebbene vi siano diversi fattori che influiscono sulle entrate, il nostro modello prevede che i publisher i cui siti per dispositivi mobili vengono caricati in 5 secondi guadagnino fino a due volte più entrate pubblicitarie per dispositivi mobili rispetto a quelli i cui siti vengono caricati in 19 secondi”.

Daniel An , Google, 2018 ha anche prodotto la seguente infografica sui benchmark del settore del caricamento delle pagine:

La pagina mobile accelera i nuovi benchmark di settore

Casi di studio recenti sulle prestazioni della velocità del sito

CITAZIONE : ” Considera questo: i siti per dispositivi mobili sono in ritardo rispetto ai siti desktop in metriche di coinvolgimento chiave come il tempo medio sul sito, le pagine per visita e la frequenza di rimbalzo. Per i rivenditori, ciò può essere particolarmente costoso poiché il 30% di tutti gli acquisti online ora avviene tramite telefoni cellulari. Il sito mobile al dettaglio medio negli Stati Uniti è stato  caricato  in 6,9 secondi nel luglio 2016 , ma, secondo i dati più recenti, il 40% dei consumatori abbandonerà una pagina che  impiega più di  tre secondi per caricarsi. E il 79% degli acquirenti insoddisfatti delle prestazioni del sito afferma che è meno propenso ad acquistare di nuovo dallo stesso sito. ” Daniel An e Pat Meenan, Google, 2016

All’inizio del 2018, Pingdom ci ha offerto alcune nuove informazioni su come il tempo di caricamento influisce sulla frequenza di rimbalzo:

CITAZIONE: "Quello che abbiamo scoperto è che, non sorprende, il tempo di caricamento di una pagina influisce direttamente sulla frequenza di rimbalzo".

CITAZIONE : ” Dai milioni di test eseguiti utilizzando i test di velocità del nostro sito web, abbiamo scoperto che  il tempo di caricamento medio di una pagina web è di 3,21 secondi … [] Quello che abbiamo scoperto è che, non sorprende, il tempo di caricamento di una pagina ha un impatto diretto sulla frequenza di rimbalzo … [ ] non appena il tempo di caricamento della pagina supera i 3 secondi, la frequenza di rimbalzo aumenta fino al  38%  nel momento in cui raggiunge i 5 secondi! “Pingdom, 2018

Sono disponibili altri casi di studio sulla velocità dei siti di terze parti a sostegno di questi risultati di Google, Pingdom e Doubleclick up:

  1. Nel 2016 Ancestory.com ha registrato un aumento positivo del 7% nelle conversioni dopo aver migliorato il tempo di rendering delle pagine web del 68%, riducendo il blocco delle pagine del 46% e riducendo il tempo di caricamento del 64%.
  2. Nel 2016, una presentazione di AliExpress ha affermato di aver ridotto il tempo di caricamento delle proprie pagine del 36% e registrato un aumento del 10,5% degli ordini e un aumento del 27% dei tassi di conversione per i nuovi clienti.
  3. Nel 2016, la latenza artificiale aggiunta al Telegraph ha comportato un calo delle visualizzazioni di pagina dell’11% per un ritardo di 4 secondi e del 44% per un ritardo di 20 secondi.
  4. Nel 2016, The Trainline ha ridotto la latenza di 0,3 secondi nella sua canalizzazione e le entrate sono aumentate di altri 8 milioni di sterline all’anno.
  5. Nel 2016, Instagram ha aumentato le impressioni e le interazioni di scorrimento del profilo utente semplicemente accelerando il proprio sito.
  6. Nel 2016, FT ha dichiarato che i test del nuovo e più veloce FT.com hanno portato gli utenti fino al 30% in più a interagire con il sito.
  7. Nel 2017, Zitmaxx Wonen ha ridotto il tempo di caricamento a 3 secondi e le conversioni sono aumentate del 50,2%. I ricavi da dispositivi mobili sono aumentati del 98,7%.
  8. Nel 2017, COOK ha aumentato il tasso di conversione del 7% dopo aver ridotto il tempo medio di caricamento della pagina di 0,85 secondi. Anche la frequenza di rimbalzo è diminuita del 7%.
  9. Nel 2017, l’ ottimizzazione delle prestazioni di Pinterest ha comportato una riduzione del 40% del tempo di attesa, un aumento del 15% del traffico organico e un aumento del 15% del tasso di conversione delle iscrizioni.
  10. Nel 2017, la BBC ha dichiarato di perdere un ulteriore 10% di utenti per ogni secondo aggiuntivo necessario al caricamento del proprio sito
  11. Nel 2018, Carousell ha implementato modifiche che hanno ridotto il tempo di caricamento della pagina del 65%. Questa riduzione ha comportato un aumento del 63% del traffico organico; ha visto un aumento di tre volte nella percentuale di clic pubblicitari e le prime chat sono aumentate del 46%.
  12. Nel 2018, Web Studio Sparkbox ha distribuito aggiornamenti delle prestazioni e pagine AMP sul proprio sito che li hanno portati a migliorare la conversione della soluzione driver all’interno del traffico organico. Questo tasso è aumentato al 5,57%, più del doppio del tasso iniziale del 2,69%.
  13. Nel 2018, Zalando ha completato un lavoro che ha ridotto il tempo di caricamento di 100 ms e ciò ha comportato un aumento dei ricavi dello 0,7%.
  14. Nel 2018, Tokopedia ha ridotto il tempo di rendering da 14 secondi a 2 secondi per le connessioni 3G. La realizzazione di questa riduzione ha comportato un impressionante aumento del 19% dei visitatori; nuovi utenti in aumento del 7%; miglioramento delle sessioni totali del 35%; utenti attivi migliorati del 17% e sessioni per utente aumentate del 16%.
  15. Nel 2018, Missguided ha deciso che per i visitatori Android avrebbero rimosso BazaarVoice. Ciò ha significato un miglioramento di 4 secondi per il tempo di caricamento medio della pagina e ha comportato un aumento del 26% delle entrate.

Molto interessante:

CITAZIONE : “Per ogni 100 ms di diminuzione della velocità di caricamento della home page, la base di clienti di Mobify ha registrato un aumento dell’1,11 % nella conversione basata sulla sessione , pari a un aumento medio annuo dei ricavi di $ 376.789. Allo stesso modo, per ogni 100 ms di diminuzione della velocità di caricamento della pagina di pagamento, i clienti di Mobify hanno registrato un aumento dell’1,55 % * nella conversione basata sulla sessione , pari a un aumento medio annuo delle entrate di $ 526.147 ‘   (da wpostats, 2016 )

chart-1-1024x584

Anche un altro esperimento recente molto interessante sulla velocità condotto a Forbes, 2016 ha concluso:

CITAZIONE : “durante il periodo di prova, gli utenti leggono meno articoli ogni giorno mentre riscontrano ritardi nel caricamento di ciascuna pagina web”.

Tempo di caricamento della pagina 7 giorni di impatto 28 giorni
1 secondo più lento -4,9% -4,6%
2 secondi più lentamente -5,0%
3 secondi più lentamente -7,2% -7,9%

CITAZIONE : “È chiaro dal nostro test che la velocità del nostro sito web influisce su entrambi questi flussi di entrate, a breve termine, per centinaia di migliaia di sterline e milioni a lungo termine. La velocità del sito influisce negativamente sulla profondità della sessione di un utente, non importa quanto piccolo sia il ritardo. I siti lenti hanno anche un effetto negativo sul numero di articoli letti dalle persone. In gran parte, più lento è il sito, maggiore sarà l’effetto. I dati suggeriscono, sia in termini di esperienza utente che di impatto finanziario, che ci sono vantaggi evidenti e molto apprezzati nel rendere il sito ancora più veloce. Da questa ricerca abbiamo scelto di investire ancora più tempo per rendere ogni aspetto del nuovo sito FT.com ancora più veloce nei prossimi mesi. ” FORBES, 2016

Altre ricerche sono difficili da trovare ma indicherebbero il più velocemente possibile .

In questo video del 2014, i tempi di caricamento lenti sono uno dei motivi principali per cui le persone abbandonano un processo di checkout:

La ricerca (anche se dal 2013) suggerisce che i tempi di caricamento lenti stanno avendo un maggiore impatto sui siti di e-commerce:

CITAZIONE : “un ritardo di 2 secondi nel tempo di caricamento durante una transazione ha portato a tassi di abbandono fino all’87% . Questo è significativamente più alto del tasso di abbandono di base del 67%. ” Tammy Everts, Radware, 2013

tasso di abbandono dovuto alla velocità del sito

In uno studio del 2012, è stato rilevato che:

CITAZIONE : “due terzi dei consumatori del Regno Unito (67%) citano i tempi di caricamento lenti come motivo principale per cui abbandonerebbero un acquisto online”. David Moth, Econsultancy.com, 2012

chart_1

Maile Ohye, di Google, nel  2010 , ha affermato:

CITAZIONE : ” 2 secondi è la soglia per l’accettabilità del sito di e-commerce. In Google puntiamo a meno di mezzo secondo . 

Questa affermazione era basata su una ricerca indipendente commissionata da una società chiamata Akamai nel 2009:

CITAZIONE : ” Sulla base del feedback di 1.048 acquirenti online che sono stati intervistati, Forrester Consulting ha concluso i seguenti risultati chiave:

  • Il 47% dei consumatori si aspetta che una pagina web venga caricata in due secondi o meno
  • Il 40% dei consumatori attenderà non più di tre secondi per il rendering di una pagina Web prima di abbandonare il sito.
  • Il 52% degli acquirenti online ha affermato che il caricamento rapido della pagina è importante per la fedeltà al sito.
  • Gli acquirenti spesso si distraggono quando vengono costretti ad aspettare il caricamento di una pagina. Il 14% inizierà a fare acquisti in un altro sito e il 23% smetterà di fare acquisti o si allontanerà dal proprio computer.
  • I siti di vendita al dettaglio e di viaggio che sottoperformano le vendite portano a un calo delle vendite. Il 79% degli acquirenti online che subiscono una visita insoddisfacente ha meno probabilità di acquistare di nuovo da quel sito. Il 64% acquisterebbe semplicemente da un altro negozio online.

Ulteriori risultati indicano che il caricamento rapido della pagina è un fattore chiave per la fedeltà di un consumatore a un sito di e-commerce , soprattutto per chi spende molto. Il 79% degli acquirenti online che subiscono una visita insoddisfacente ha meno probabilità di acquistare di nuovo dallo stesso sito, mentre il 27% è meno propenso ad acquistare dal negozio fisico dello stesso sito, suggerendo che l’impatto di una brutta esperienza online andrà oltre il Web e può comportare una perdita di vendite in negozio “. Akamai 2009

Un decennio fa, una ricerca commissionata dalla stessa organizzazione affermava che gli acquirenti web avevano maggiori probabilità di abbandonare un sito web se il caricamento richiedeva più di quattro secondi.

La ricerca di Akamai nel 2006 ha rivelato la pazienza in diminuzione degli utenti con i siti Web che richiedono tempo per essere visualizzati.

Akamai ha affermato che il  75% delle 1.058 persone a cui è stato chiesto di non tornare su siti Web che hanno impiegato più di * quattro * secondi per caricarsi .

Il tempo impiegato da un sito per apparire sullo schermo è arrivato secondo ai prezzi elevati e ai costi di spedizione nell’elenco degli odio per animali domestici degli acquirenti, ha rivelato la ricerca. Akamai ha consultato un gruppo che faceva regolarmente acquisti online per scoprire cosa gli piace e cosa non piace dei siti di e-tailing. Circa la metà degli acquirenti di rete maturi, che acquistano online da più di due anni o che spendono online più di $ 1.500 all’anno, ha classificato il tempo di caricamento della pagina come una priorità. Akamai afferma che un terzo degli intervistati abbandona i siti che richiedono tempo per il caricamento è difficile da navigare o impiega troppo tempo per gestire la procedura di pagamento.

La soglia di quattro secondi è la metà del tempo in cui ricerche precedenti, condotte durante i primi giorni del boom degli acquisti sul web, suggerivano che gli acquirenti avrebbero aspettato che un sito finisse il caricamento. A peggiorare le cose, la ricerca ha scoperto che l’esperienza che gli acquirenti hanno su un sito di vendita al dettaglio colora l’intera visione dell’azienda dietro di essa.

Circa il 30% di coloro che hanno risposto ha affermato di aver formato una “percezione negativa” di un’azienda con un sito mal assemblato o avrebbe raccontato alla propria famiglia e ai propri amici le proprie esperienze. Ulteriori ricerche di Akamai hanno rilevato che quasi la metà dei negozi online nell’elenco dei primi 500 siti di shopping negli Stati Uniti impiega più tempo della soglia dei quattro secondi per completare il caricamento.

Il sondaggio ha interrogato 1.058 acquirenti in rete durante i primi sei mesi del 2006. I consulenti Jupiter Research hanno condotto il sondaggio per Akamai.

La validità di questa ricerca al 100% dipende dalla tua esperienza. Ad esempio, se SAPETE che le informazioni di cui avete bisogno si trovano probabilmente su una pagina web specifica, probabilmente attenderete molto più a lungo di dieci secondi per vedere le informazioni. Ma se non lo fai …

Innegabilmente, tuttavia, è da tempo convinzione nella progettazione di siti Web di buone pratiche che il tuo sito web debba caricarsi velocemente se vuoi mantenere i visitatori felici. Questa ricerca ha solo confermato questo.

E questo è stato molti anni fa.

Oggi, la velocità del sito è un’area critica per lo sviluppo di siti Web e per l’e-commerce redditizio.

Gli utenti desktop si aspettano che un sito venga caricato entro uno o due secondi. Gli utenti mobili sono un po ‘più pazienti, per ora.

Guarda di seguito come i tempi di caricamento lenti influiscono sulla tua attività:

In che modo il tempo di caricamento influisce sui profitti

Velocità di download

Google fornisce molto aiuto ai webmaster per contribuire a rendere più veloce un sito web. Google fornisce anche la seguente ricerca:

 

 

La larghezza di banda o la capacità di inviare e ricevere dati è una considerazione importante quando si progetta un documento elettronico per la distribuzione su Internet.

È importante che il collegamento a Internet (dal computer che serve le pagine ai clienti) abbia una capacità sufficiente per poter gestire il carico previsto.

In caso contrario, la risposta agli utenti sarà lenta in modo insoddisfacente.

Alcune persone ancora oggi si connettono a Internet tramite una linea telefonica, utilizzando un modem con una velocità da 28,8 a 56 kilobit al secondo (kbit / s).

Questa comunicazione “a banda stretta” richiede all’utente di attendere mentre viene stabilita una connessione dial-up prima di poter accedere a Internet e significa che l’uso di Internet, quando connesso, è lento.

I servizi a banda larga offrono velocità di trasmissione dati notevolmente più elevate, consentendo la fornitura di servizi, come l’accesso a Internet ad alta velocità. Queste possono anche essere connessioni “sempre attive” a Internet.

Tuttavia, ciò che sembra ottimo e si scarica rapidamente entro i confini della connessione di rete ad alta velocità del gestore Web non funziona necessariamente altrettanto bene per l’utente medio di Internet.

Probabilmente è meglio presumere che il tuo utente abbia una capacità di connessione LENTA e mirare a fornire loro un’esperienza utente soddisfacente possibile.

Quindi – vincono tutti.

Come accelerare i tempi di caricamento del tuo sito web

Ottimizza le tue immagini !!

  • Ricorda di ottimizzare le tue immagini: la cosa più importante che puoi fare per ridurre i tempi di download. Ottimizzare significa solo salvare per il web ‘in Photoshop, ad esempio. Conserva JPG per fotografie e GIF per immagini con grandi blocchi di colore piatto.
  • Esistono diversi modi per ottimizzare le immagini ed eccone uno se hai Adobe Photoshop. Per i tuoi JPG, PNG e altri file che potresti avere che non sono GIF, aprili in Adobe Photoshop e vai semplicemente su File> Salva per Web e riduci l’immagine al 70% (JPG) Probabilmente non noterai nemmeno il differenza di qualità, ma avrai quasi dimezzato le dimensioni dell’immagine.

Carica le immagini di sfondo tramite CSS esterno

  • È possibile presentare immagini come parte dello sfondo, richiamate tramite fogli di stile CSS esterni.
  • I browser scaricano le immagini di sfondo dopo tutto il resto. Usando questa tecnica, il tuo testo verrà caricato istantaneamente e gli utenti del tuo sito possono vagare liberamente per la pagina mentre le tue fantasiose immagini da 50kb vengono scaricate.
  • Il “link” viene sempre aggiunto alla sezione Head, ovvero ovunque tra <head> e </head>, aggiungi questo codice: <link rel = “stylesheet” type = “text / CSS” href = “your-CSS. CSS “>

Riduci al minimo gli spazi vuoti, i ritorni di riga e i tag di commento

  • Ogni singola lettera o spazio nel codice HTML occupa un byte. Non sembra molto, ma tutto si somma. Abbiamo scoperto che lavorando attraverso il sorgente della tua pagina ed eliminando spazi bianchi e commenti non necessari, puoi ridurre fino al 10% o addirittura oltre (se il tuo HTML è inefficiente) il 10% delle dimensioni del file.

Rimuovi i META tag e i contenuti META non necessari

  • Cerca di includere solo i meta tag necessari alla tua pagina.

Riduci al minimo javascript non necessario e altri script lato client

  • Javascript e altri elementi “funzionali” lato client nella pagina potrebbero rallentare la pagina. Rimuoverli se non del tutto necessario.

Raccomandazioni del governo britannico:

“I documenti pubblicati sul Web devono essere ridotti, essere collegati in modo efficiente e contenere solo i dati e la grafica di cui hanno bisogno”.

Linee guida per i siti web del governo britannico
Manuale illustrato per i team di gestione Web

Il mio caso di studio Testare la velocità del sito come fattore di ranking

Qualche tempo fa ho deciso di velocizzare il sito Hobo per vedere se l’aumento della velocità di download delle pagine avesse un impatto positivo sul posizionamento o sulla quantità di traffico che Google ha inviato al tuo sito.

Abbiamo esaminato una pagina effettiva su Hobo e tutti i file coinvolti nella creazione della pagina e abbiamo cercato di vedere dove potevamo migliorare la velocità.

Essenzialmente abbiamo preso  299kb (Whoops!) E l’abbiamo ridotto a una dimensione target “vecchia scuola” da 50.000  :

  • rielaborando il nostro modello di tema WP personalizzato e CSS
  • comprimendo file CSS e Javascript
  • riducendo le dimensioni dell’immagine
  • disattivando plugin con prestazioni insufficienti
  • rimuovendo alcuni Javascript
  • convalidare CSS e HTML
  • migliorare l’accessibilità della pagina
  • facendo caricare il nostro script del modulo solo sulla pagina dei contatti
  • Lato server di compressione Gzip

Prima

  • Tempo di caricamento totale: 10,5 secondi
  • Oggetti totali: 78 (299,2 KB)
  • Oggetti esterni: 4 (3,6 KB)
  • (X) HTML: 1 (22,5 KB)
  • CSS: 6 (43,5 KB)
  • Script: 3 (97,8 KB)
  • Immagini: 68 (135,5KB)

Dopo

  • Tempo di caricamento totale: 0,3 secondi
  • Totale oggetti: 12 (50,8 KB)
  • Oggetti esterni: 1 (1,3 KB)
  • (X) HTML: 1 (16,5 KB)
  • CSS: 3 (8,2 KB)
  • Script: 0
  • Immagini: 8 (26,2KB)

Il primo posto in cui ho controllato Pingdom, e puoi vedere dalle immagini sottostanti, che abbiamo notevolmente migliorato i punteggi di velocità della pagina per le pagine importanti principalmente concentrandoci sull’ottimizzazione delle dimensioni del file immagine:

Pagina Carica tempo Grafico cronologia velocità

… abbiamo anche preso una scorciatoia e installato  WP BJ LAZY LOAD sul nostro sito WordPress per velocizzare ulteriormente le cose. Questo plugin funziona bene anche con WP SUPERCACHE , che migliora notevolmente la velocità del sito.

Questa era una manovra rischiosa perché all’epoca non avevamo idea di come Google avrebbe gestito queste configurazioni di “caricamento lento”, in cui il contenuto viene caricato sull’utente che scorre la pagina verso il basso.

Finora ha funzionato tutto e il miglioramento del tempo di caricamento offerto dal plugin ne è valsa la pena.

Continuerò a concentrarmi sul miglioramento della velocità del mio sito quando posso.

Questo è un ottimo video sull’accelerazione delle pagine web, rivolto specificamente agli sviluppatori – e userò i consigli in esso contenuti per migliorare ulteriormente la velocità su questo sito:

Che effetto ha avuto il miglioramento della velocità di caricamento della pagina sulle mie classifiche?

Queste enormi differenze nella velocità di download hanno avuto un impatto positivo o negativo sul posizionamento del sito Web di Hobo?

Dopotutto, Google ha affermato che la velocità del sito era tra i suoi “fattori di ranking” … prima di tutti i più recenti chiarimenti dei googler.

Ebbene,  no , non che io abbia misurato con precisione a breve termine.

Migliorare il punteggio di velocità del tuo sito desktop isolatamente dallo sviluppo di un’esperienza utente avvincente, non porterà magicamente a classifiche MIGLIORI in Google a breve termine.

Come molti SEO hanno detto all’epoca, e Maile Ohye ha confermato nel video del 2010:

CITAZIONE : “Le classifiche sono un processo sfumato e ci sono oltre 200 segnali, ma ora la velocità è uno di questi. Sappi che “contenuto” e pertinenza “sono ancora fondamentali.” Maile Ohye, Google, 2010

Questo segnale di posizionamento e un leggero miglioramento della velocità sono una giustificazione per spendere ore a sviluppare nuovamente il tuo sito? Di per sé – non lo era – quando devi scegliere tra attività di pulizia SEO, riqualificazione del sito Web, marketing dei contenuti o rendere la tua pagina più pertinente in primo luogo.

Un approccio tecnico per migliorare l’esperienza degli utenti, mi sembra, sarebbe iniziare con la velocità del sito.

Un sito più veloce dovrebbe migliorare i livelli di soddisfazione dei visitatori e il numero di conversioni, ad esempio. Questo potrebbe avere un effetto di secondo ordine sulle tue classifiche nel tempo, poiché molti SEO pensano che QUERY COMPLETION E SEGNALI DI SODDISFAZIONE siano misure significative nel modo in cui Google ordina le pagine dei risultati dei motori di ricerca.

Ad essere onesti, non mi sarei mai aspettato tempi di caricamento del sito Web più rapidi per migliorare direttamente il posizionamento del mio sito Web.

Tuttavia, volevo un sito più veloce, per tutti i vantaggi che ho elencato all’inizio di questo articolo.

Uso ancora Google  Search Console (AKA Google Webmaster Tools) e gli altri strumenti menzionati per tenere d’occhio la velocità di download del sito web e l’accessibilità.

La velocità di caricamento del sito web e della pagina è un fattore di ranking di Google, ma….

CITAZIONE : “contenuto” e pertinenza “sono ancora primari”  Maile Ohye, Google, 2010

La velocità di caricamento del sito Web e della pagina può influire sulle classifiche di Google, ma non tanto quanto i link, buoni titoli e contenuti che soddisfano le intenzioni dei visitatori di un motore di ricerca. Il mio test sopra ha confermato ciò che avevo già pensato.

Un host veloce potrebbe essere considerato un prerequisito e anche un sito veloce se il tuo web designer ha qualche indizio.

In questi giorni mi viene chiesto molto sulla velocità del server e sulle classifiche di Google. Potrebbe far  parte dell’algoritmo a un livello MOLTO minuto  (perché no?), Ma  piccoli differenziali nel caricamento della velocità della pagina  non saranno mai così importanti dell’utilità o della pertinenza effettiva della pagina che si desidera classificare.

Non puoi mettere il rossetto su un maiale, ed è rischioso, a lungo termine, provarci.

Se il tuo server è dog * & ^% e il tuo sito web impiega pochi minuti per caricarsi, è una cattiva esperienza utente e il tuo sito probabilmente non farà bene il tuo business online, in qualunque momento presto. E se questo è il caso, la velocità del sito sarà  un ranking negativo per il tuo sito.

Ecco un paio di video eccellenti di Google per aiutarti a velocizzare il caricamento del tuo sito web:

e

Test e strumenti gratuiti per la velocità di caricamento di pagine e siti web

Esistono alcuni eccellenti strumenti per la velocità della pagina con cui puoi eseguire rapporti gratuiti per aiutarti a creare un sito Web a caricamento rapido:

  1. https://developers.google.com/speed/pagespeed/insights/
  2. https://www.webpagetest.org/
  3. https://gtmetrix.com/
  4. https://tools.pingdom.com/
  5. https://www.uptrends.com/tools/website-speed-test
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close