Cerca

Quanto spesso devi Postare su Facebook?

Facebook era il Santo Graal per il marketing online. Se chiedessi a un editore da dove proveniva la maggior parte del loro traffico nel 2016, è probabile che ti dicano che proveniva da Facebook. E non dovevano spendere un centesimo per questo.

Quindi Facebook ha cambiato il suo algoritmo di newsfeed . Alcune delle modifiche includevano:

  • Mostra meno titoli “clickbait”
  • Priorità ai contenuti video, in particolare i video dal vivo
  • Visualizzazione di più post di amici e familiari e meno di marchi
  • Valutare il coinvolgimento più dei Mi piace
  • Retrocessione dei post di “esca di coinvolgimento”

Questi cambiamenti sono stati tutti ottimi per l’utente finale? Sicuro. Sono stati ottimi anche per i profitti di Facebook, perché gli aggiornamenti hanno costretto i marchi a pagare per promuovere post che altrimenti sarebbero probabilmente passati inosservati. Ma i marchi hanno subito un enorme colpo di traffico. Alcuni addirittura fallirono.

Quindi dovremmo eliminare tutti le nostre pagine aziendali di Facebook e concentrare i nostri sforzi su un’altra piattaforma social, giusto? Purtroppo non è così semplice. Facebook ha 1,5 miliardi di utenti attivi al giorno : gli unici due siti Web dell’intera Internet che ricevono più traffico sono Google e YouTube. È dove si trovano i tuoi utenti, quindi devi esserci anche tu. 

Il marketing di Facebook nel 2019 è molto diverso da quello che aveva nel 2016. Ciò non significa che non sia ancora una fonte di traffico potenzialmente praticabile. Significa solo che devi essere più strategico su come sfruttarlo.

Quando si tratta di pubblicare, meno è meglio

Ai tempi d’oro del marketing su Facebook, la strategia prevalente per i marchi era quella di pubblicare più volte al giorno. In questo modo, le persone che hanno seguito il tuo marchio vedrebbero probabilmente un post indipendentemente da quando hanno effettuato l’accesso.

Oggi, i marchi che pubblicano più volte al giorno rischiano di essere retrocessi per pratiche di spam. Inoltre, gli utenti sono ormai abituati a vedere meno contenuti dei marchi. Più vedono da un’unica fonte che non è un familiare o un amico, più è probabile che posticipino o smettano di seguire il contenuto di quella pagina.

Il coinvolgimento è molto importante per assicurarti di apparire nel newsfeed. Il tasso di coinvolgimento medio per un post di Facebook è dello 0,09% : 

Studio benchmark 2019 009 700w

È un numero terribile. Anche l’anno scorso è stato terribile, allo 0,16%, ma la spinta di Facebook a dare la priorità ai contenuti di amici e familiari nel 2018 ha peggiorato le cose. Se gli utenti vedono i tuoi post nei loro feed di notizie e non si impegnano, ti presenterai ancora meno.

Nonostante creiamo molti contenuti (video, post di blog e podcast) su Single Grain, limitiamo comunque i nostri post su Facebook a due al giorno. E alcune persone credono che pubblichi ancora troppo spesso. In un recente episodio del podcast della Marketing School , Neil Patel ha condiviso che pensa che due post al giorno siano troppi. Pubblica solo una volta al giorno, al massimo. 

Al momento della stesura di questo articolo, Neil ha quasi un milione di follower su Facebook e ogni mese ottiene circa 30.000 visitatori del suo sito web. E certo, vorremmo tutti 30.000 visitatori in più ogni mese, ma quando guardi quanti follower ha, non è in realtà una percentuale di clic eccezionale , specialmente se consideri che deve pagare per aumentare alcuni dei quei post.

Allora qual è il numero giusto?

Come per la maggior parte delle cose nel marketing, non esiste un numero magico. Ma una buona regola pratica è che è meglio pubblicare troppo poco che troppo su Facebook.CLICCA PER TWITTARESperimentane uno al giorno per una settimana. Poi due. Scopri quale ti porta più traffico e coinvolgimento, quindi attieniti a quel programma.

Non solo stai potenzialmente danneggiando l’efficacia della tua pagina Facebook se pubblichi troppo, ma stai anche perdendo tempo che potrebbe essere speso meglio su altri canali di marketing e tattiche.

Immergiti più in profondità:

Come migliorare la tua copertura organica su Facebook

Supponiamo che tu abbia stabilito che un post al giorno ti porterà i migliori risultati. Ora, come ti assicuri che il post venga visto? Ci sono molti modi, e più ne provi, maggiori saranno le possibilità di apparire nei newsfeed.

Concentrati sulla qualità, non sulla quantità

Se hai intenzione di pubblicare qualcosa su Facebook, assicurati che sia buono. Se stai pubblicando un’immagine, assicurati che sia accattivante e dimensionata correttamente. Se stai pubblicando un collegamento a un post del blog, assicurati che l’immagine che viene inserita abbia un bell’aspetto e che la copia sia forte. E , questo è importante , assicurati che la pagina di destinazione fornisca ciò che hai promesso.

Se pubblichi contenuti video, assicurati che l’illuminazione, l’inquadratura e lo sfondo siano buoni. Assicurati che l’audio sia chiaro. Anche il contenuto video dovrebbe essere conciso e coinvolgente.

Se pubblichi meno spesso, hai il tempo di assicurarti che ogni post sia qualcosa che aumenterà il coinvolgimento. Non lesinare qui.

Crea più contenuti video

Facebook ama i video, così come gli utenti di Facebook. I video di Facebook Live sono ancora più efficaci: ottengono un numero di interazioni 6 volte maggiore  rispetto ai video normali. E i video di Facebook Live sono molto più facili da produrre rispetto ai contenuti pre-filmati. Devi solo accendere una fotocamera e andare.

I video che tendono a ottenere molto coinvolgimento includono suggerimenti rapidi, demo di prodotti o testimonianze. Evita i video che funzionano come pubblicità. Invece, crea qualcosa che aggiunge davvero valore per i tuoi follower.

Immergiti più in profondità:

Pubblica al momento giusto 

Probabilmente hai letto più di un articolo che ti dice i giorni e gli orari migliori per pubblicare su ciascun social network, incluso Facebook. Ecco perché dovresti ignorarli: ogni pubblico è diverso.

Pensare in questo modo. Se il tuo pubblico di destinazione è il marketing, probabilmente starà sui social media tutto il giorno. Ma cosa succede se il tuo pubblico è costituito da insegnanti? Ci sono buone probabilità che non accedano affatto tra le 8:00 e le 15:00. E se vuoi contattare le mamme che stanno a casa? La mattina presto, la sera tardi e la notte quando i bambini sono a scuola oa letto saranno probabilmente il tuo punto debole.

La buona notizia è che è facile capire quando il tuo pubblico è online. È proprio lì in Facebook Audience Insights . Da lì, puoi testare la pubblicazione di diversi tipi di contenuti nei momenti migliori e capire un calendario dei contenuti e un programma di pubblicazione efficaci per il tuo marchio.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Spark Engagement

Se desideri un maggiore coinvolgimento e una maggiore visibilità su Facebook, devi avviare una conversazione. Ma devi anche stare attento a come lo fai.

I post “Engagement bait”  quelli che chiedevano esplicitamente a un utente di mettere mi piace o condividere un post  erano molto popolari. Erano anche efficaci. Con l’evolversi degli algoritmi di Facebook, tuttavia, quei post sono stati retrocessi.

Ciò non significa che non dovresti cercare di far parlare il tuo pubblico. Significa solo che devi rendere le interazioni significative. Ecco un esempio:

  • Cattivo : “Fai clic su Mi piace se accetti di pubblicare solo due volte al giorno su Facebook!”
  • Bene : “Con che frequenza pubblichi su Facebook? Hai sperimentato strategie diverse? Fateci sapere cosa ne pensate.”

Altri due modi per stimolare il coinvolgimento sono la pubblicazione di contenuti che attirano le emozioni degli utenti e la ricerca di un modo per legare un evento attuale su cui tutti hanno un’opinione. Una citazione pertinente a cui un utente può riferirsi si tradurrà in Mi piace, condivisioni e commenti. Quindi farà riferimento a una notizia calda, specialmente se è una che provoca reazioni contrastanti tra il tuo pubblico.

Immergiti più in profondità:

Indirizza il tuo pubblico

L’ottimizzazione del pubblico di Facebook  è un nuovo strumento di targeting organico che consente alle pagine di indirizzare i post a coloro che hanno maggiori probabilità di interagire con loro. Questo strumento è utile se hai:

  •  Contenuto specifico per posizione : puoi assicurarti di mostrarlo solo ai follower che vivono in quel luogo.
  • Contenuti su un’ampia varietà di argomenti : il tuo pubblico è probabilmente interessato solo ai contenuti su determinati argomenti e Facebook ha una buona idea di cosa siano questi argomenti. Utilizza gli strumenti della piattaforma per indirizzare i contenuti agli utenti che sono già interessati all’argomento.
  • Età e sesso : se sei un rivenditore e pubblichi una svendita su prendisole da donna, essere in grado di individuare il pubblico giusto è essenziale.

Targeting FB

L’ottimizzazione del pubblico sostituisce la precedente funzione di targeting per interessi e viene attivata automaticamente sulle pagine con 5.000 o più Mi piace (quelle che non hanno raggiunto questa metrica possono attivarla manualmente nelle Impostazioni della loro pagina). Una volta attivato, utilizza questo strumento per aiutare Facebook a “dare la priorità ai post che hanno maggiori probabilità di essere coinvolgenti per una persona senza limitare la visibilità per gli altri”.

Ridurre Riutilizzare Riciclare 

È probabile che tu abbia alcuni contenuti meno recenti che sono stati un importante fattore di traffico per te. Se è sempreverde, non c’è motivo per non tenerlo nella rotazione del post. Gli utenti non lo vedranno così spesso come in passato e, quando lo vedranno, saranno più propensi a interagire con esso.

Probabilmente non è necessario dirlo, ma assicurati che qualsiasi contenuto precedente che stai postando sia aggiornato, senza collegamenti interrotti o informazioni obsolete. E assicurati di scambiare l’immagine in primo piano e il testo della descrizione di tanto in tanto per mantenerli aggiornati.

Pensa oltre il newsfeed

Mentre le aziende continuano a trovare canali di algoritmi di feed di notizie di Facebook che spingono i loro contenuti nell’oscurità, alcuni stanno trovando modi creativi per commercializzare su Facebook al di fuori del newsfeed. Ecco alcuni dei modi in cui lo stanno facendo:

Gruppi Facebook

Se hai un gran numero di follower, creare un gruppo Facebook è un ottimo modo per tenerli coinvolti durante le discussioni. Il tuo gruppo non dovrebbe occuparsi solo dei tuoi affari, però. Mantienilo focalizzato sul settore.

Ad esempio, se sei un’azienda SEO, crea un gruppo incentrato sulla condivisione di suggerimenti e trucchi SEO. Tra una discussione e l’altra, puoi promuovere i tuoi contenuti relativi alla SEO. Diventare attivi in ​​altri gruppi nel tuo settore contribuirà anche a migliorare il profilo della tua azienda. Gruppi dedicati alle sfide  come ad esempio “30 Giorni per una migliore SEO”  vedi anche alti livelli di join e l’impegno.

Immergiti più in profondità:

Facebook Messenger

Più di un miliardo di persone  utilizza Facebook Messenger. Poiché si tratta di un canale di marketing relativamente nuovo, le aziende stanno attualmente sperimentando diversi modi per utilizzarlo per coinvolgere i clienti. Ad esempio, HubSpot ha sperimentato l’utilizzo per fornire contenuti e ha ottenuto un enorme tasso di apertura dell’80% .   

L’uso di chatbots in Messenger è in crescita come pure  e funziona. Sephora ha utilizzato un chatbot per prenotare i servizi in negozio e ha registrato un aumento dell’11% delle prenotazioni , per non parlare dell’aumento delle vendite da tali prenotazioni. 

L’utilizzo di questi canali Facebook alternativi potrebbe richiedere alcuni tentativi ed errori, ma se riesci a decifrarli, dovrai fare meno affidamento sul feed di notizie per una copertura organica.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Vale la pena aumentare i post

Nel 2019, la realtà è che devi pagare per giocare su Facebook. Aumentare la tua portata organica è vitale, ma può solo portarti lontano. Se vuoi aumentare in modo significativo il tuo pubblico , e chi non lo vuole?   devi pagare per questo.

Facciamo una combinazione di post potenziati, annunci di Facebook e retargeting oltre a cercare di aumentare la nostra portata organica, e per noi funziona bene. Non promuoviamo ogni post, solo quelli che sappiamo riceveranno coinvolgimento.

Ad un certo punto, anche le migliori strategie di copertura organica svaniranno ed è probabile che Facebook diventerà una piattaforma rigorosamente a pagamento per gli inserzionisti in futuro. Fortunatamente, è una piattaforma relativamente economica su cui fare pubblicità e le ampie opzioni di targeting lo rendono davvero efficace.

Il modo in cui utilizziamo Facebook per il marketing continuerà ad evolversi, ma non credo che ci sarà mai un momento in cui non sarà un canale di marketing necessario per la maggior parte delle aziende.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close