L’opportunità di sbirciare in un nuovo decennio è entusiasmante. E spaventoso. Soprattutto per una disciplina di marketing che sembra cambiare così rapidamente – e che ha i suoi cambiamenti così fortemente dibattuti – come il SEO. Nel corso dell’ultimo decennio, il panorama SEO è cambiato in molti modi profondi, spesso di pari passo con l’introduzione di nuove tecnologie, come gli assistenti vocali, l’intelligenza artificiale (AI) e l’ascesa e l’evoluzione delle esperienze mobili. Google e altri motori di ricerca hanno svolto un ruolo centrale.

Questo ritmo di cambiamento promette solo di accelerare nel prossimo decennio, il che rende la vita dei professionisti del marketing particolarmente complicata. Come esperti di marketing digitale , abbiamo il privilegio di lavorare quotidianamente su strategie SEO con i clienti e abbiamo un interesse acquisito nel comprendere e anticipare ciò che sta arrivando per la SEO nel 2021 (e oltre).

Ecco le principali tendenze SEO per il 2021 da cui siamo seduti al Cardinal Digital Marketing , inclusi alcuni importanti elementi di azione su cui i marketer digitali possono iniziare a lavorare oggi per stare al passo con i tempi nel 2021.

 

1. L’esperienza utente (UX) sarà al centro della scena

Di cosa parliamo quando parliamo di user experience (UX)? Bene, l’utente, prima di tutto. Persone . Ora, sappiamo che migliorare l’esperienza delle persone una volta che raggiungono le nostre pagine è essenziale: questa è l’UX 101. A quanto pare, tuttavia, una buona esperienza utente avrà un impatto più evidente sul posizionamento nei motori di ricerca in futuro.

Secondo un post del blog di Google Webmaster Central di maggio 2020 , Google Search includerà ora una manciata considerevole di segnali UX nelle sue classifiche, inclusi i nuovi Core Web Vitals di Google . Ecco ulteriori dettagli dal team di Google:

“I principali aspetti vitali del Web sono un insieme di metriche incentrate sull’utente del mondo reale che quantificano gli aspetti chiave dell’esperienza utente. Misurano le dimensioni dell’usabilità del Web come il tempo di caricamento, l’interattività e la stabilità del contenuto durante il caricamento (quindi non tocchi accidentalmente quel pulsante quando si sposta sotto il dito: che fastidio!) “.

L’hai preso? Metriche incentrate sull’utente . Con questi aggiornamenti al suo algoritmo di ricerca, Google sta segnalando la propria maggiore enfasi sulle esperienze web “piacevoli” per le persone , sulle cose che si caricano velocemente, sono facili da usare e trovare e sono accessibili su tutti i dispositivi e piattaforme. I siti in grado di offrire questo livello di esperienza utente saranno ricompensati con una migliore visibilità della ricerca.

Su cosa dovrebbero concentrarsi i professionisti del marketing quando si tratta di UX

Per coincidenza, queste sono precisamente le aree su cui consigliamo di concentrarci se consideri l’UX del tuo sito. È davvero un’opportunità per camminare un miglio nei panni dei visitatori del tuo sito web, per essere ricompensati nel reparto SEO per aver dato la priorità a buone esperienze utente.

Fortunatamente per te, ora c’è un rapporto Core Web Vitals dedicato che puoi estrarre tramite Google Search Console per avere un’idea di dove si trovano le tue pagine dal punto di vista UX, rispetto a tutti i segnali di ranking UX di Google, oltre a suggerimenti su come apportare miglioramenti.

Un esempio del nuovo report Core Web Vitals.

Con queste informazioni in mano, ti consigliamo di dare al tuo sito web un vortice su desktop, iPhone e Android e qualsiasi altro dispositivo o piattaforma tramite cui i tuoi utenti accedono al tuo sito. Ci sono pagine del tuo sito che si caricano lentamente? Hai dei pop-up in esecuzione che, per quanto importanti per la generazione della domanda, siano effettivamente fastidiosi e invadenti per gli utenti finali? Infine, ci sono esperienze che non si traducono bene sui dispositivi mobili?

Come per qualsiasi cosa, dai la priorità ai contenuti e alle esperienze di contenuto che creano il massimo valore per gli utenti e influiscono in modo più diretto sulle metriche aziendali. Forse le pagine dei tuoi prodotti si posizionano molto bene e sono considerate “pietra angolare”; ora potrebbe essere il momento di controllarli da una prospettiva UX per assicurarti di offrire la migliore esperienza possibile.

I voti scadenti in una qualsiasi di queste “metriche incentrate sull’utente” non solo degradano l’esperienza utente per il pubblico del tuo sito web, ma ora possono anche danneggiare le tue classifiche di ricerca. Ricorda, il tuo sito web dovrebbe essere:

  • Veloce . Ad esempio, molto velocemente, quindi il tempo per l’interattività è così minimo che gli utenti non se ne accorgono.
  • Privo di fastidiosi pop-up a schermo intero . I professionisti del marketing amano la lead gen, la creazione di elenchi e l’espansione della copertura. Quindi amano i pop-up, naturalmente. Gli utenti, d’altra parte, non li sopportano, per la stragrande maggioranza . L’algoritmo di ricerca di Google è stato aggiornato in risposta a questo sentimento.
  • Mobile-friendly e reattivo su tutti i dispositivi e le piattaforme . Ciò include smartphone e tablet, laptop e computer desktop. Include i sistemi operativi iOS, Android e Windows.

 

2. La ricerca semantica sarà ancora più importante

Le persone e il modo in cui le persone cercano cose su Internet saranno un tema centrale per la maggior parte di queste tendenze SEO del 2021. La ricerca semantica non è diversa. Per comprendere la ricerca semantica, iniziamo con la semantica . In sostanza, la semantica è lo studio delle parole, delle loro relazioni e del significato di tali relazioni in contesti specifici.

Perfetto per Google, vero? Dopotutto, setacciare oceani di dati per fornire i migliori risultati in base alla query di ricerca di un utente è una sorta di lavoro principale di un motore di ricerca, giusto? Nel contesto dei motori di ricerca, la “ricerca semantica” è il modo in cui i motori di ricerca utilizzano tutti i dati a disposizione per determinare il contesto, l’intento e il significato di cui hanno bisogno per offrire il contenuto più pertinente e completo possibile.

Un esempio di ricerca semantica al lavoro

Ecco un divertente esempio di ricerca semantica al suo meglio. Uno dei membri del nostro staff era a casa durante il fine settimana con una canzone bloccata nella sua testa. Bene, il ritornello. L’unico problema era che il ritornello non aveva parole, solo una cantante donna che cantava “do do do”.

Ora, il membro dello staff sapeva che la canzone era degli anni Novanta, quindi ha digitato “90s song do do do” e, boom: l’elenco di YouTube per “Tom’s Diner” di Suzanne Vega era proprio nel frammento in primo piano, esattamente la canzone stava cercando.

Con ogni aggiornamento, l’algoritmo di Google sta migliorando nel capire come cerchiamo e nel fornirci le informazioni rilevanti che vogliamo, come i testi oscuri degli anni ’90.

Ancora una volta, tutto torna a offrire la migliore esperienza di ricerca possibile consentendo alle persone di ottenere rapidamente i risultati di ricerca migliori e pertinenti utilizzando termini di ricerca in linguaggio naturale. Questo è il modo in cui i motori di ricerca riuniscono molte informazioni diverse da fonti disparate per costruire grafici della conoscenza o snippet nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP). Guarda i risultati per la “ricerca semantica”:

La ricerca semantica consiste nel fornire agli utenti i risultati di ricerca migliori e pertinenti utilizzando termini di ricerca in linguaggio naturale.

Su cosa dovrebbero concentrarsi i professionisti del marketing con la ricerca semantica

Migliorare il valore di ricerca semantica del tuo sito richiede un’attenzione costante: non esiste un modo semplice per farlo. Esistono, tuttavia, semplici principi che i tuoi team possono seguire mentre pianificano, costruiscono e aggiornano i contenuti per il calendario dei contenuti 2021.

Dipende davvero da come e perché i tuoi utenti eseguono ricerche. Quali risposte, informazioni, contenuti o persino esperienze stanno probabilmente cercando? Nel nostro mondo, potenziali clienti, clienti e partner si rivolgono a noi per contenuti autorevoli, utilizzabili e ricchi sugli argomenti più recenti del marketing digitale . All’interno di questo ampio gruppo, abbiamo utenti con domande ed esigenze specifiche del settore, come l’assistenza sanitaria. Questi sono ottimi punti di partenza per determinare le intenzioni dei nostri utenti.

Mentre costruiamo i nostri contenuti , ecco le aree su cui ci concentriamo quando si tratta di ricerca semantica:

  • Sviluppa contenuti che rispondano alle domande del tuo mercato di riferimento . Pensa alle domande frequenti e a un formato di domande e risposte, solo con maggiore profondità. Potresti dedicare intere parti di contenuto a una domanda particolare, rispondendo alla domanda all’inizio dell’articolo (“cos’è la ricerca semantica”, ad esempio) prima di approfondire i dettagli.
  • Scrivi per le persone, non per i motori di ricerca . Ciò significa sviluppare contenuti che siano al punto, concisi e scritti in frasi di facile comprensione. Includi punti elenco ed elenchi che consentono alle persone di scorrere facilmente e trovare le informazioni di cui hanno bisogno. Infine, scrivi in ​​modo naturale!
  • Utilizza dati strutturati dove ha senso . L’utilizzo di un prodotto, una domanda, un articolo, una valutazione o uno schema di revisione aiuta i bot a trovare e comprendere le tue pagine con maggiore facilità (che i motori di ricerca apprezzano, soprattutto per l’uso nei rich snippet).
  • Implementa collegamenti interni contestuali sul tuo sito web . Il collegamento interno va oltre la creazione di percorsi di clic logici ad argomenti correlati per gli utenti. Fatto strategicamente, crea una mappa ben strutturata e ricca di dati di contenuti correlati attorno a un argomento o termine di ricerca centrale. Afferma John McAlpin, Direttore SEO di Cardinal, “Strumenti come InLinks possono aiutare i SEO ad automatizzare questo processo di implementazione dello schema e dei collegamenti interni, ma ci vorrà un cambiamento nella comprensione di come i motori di ricerca interpretano i dati”.
  • Ottimizza i contenuti per argomenti anziché per parole chiave . Una strategia consiste nel creare gruppi di contenuti di valore attorno a un argomento di alto livello. Un cluster di argomenti sulla SEO, ad esempio, potrebbe includere argomenti secondari dedicati alla SEO tecnica, alla SEO in-page e al backlinking. Man mano che costruisci e ottimizzi i raggruppamenti di argomenti, crei naturalmente un nesso di parole chiave correlate a coda corta e a coda più lunga, che si prestano bene a classifiche migliori. “Dovremo concentrarci sull’ottimizzazione per gli argomenti, anziché per le parole chiave”, continua McAlpin, “ed essere il più completi possibile su tali argomenti”.

 

3. L’intento di ricerca sarà importante più delle parole chiave

Sebbene faccia certamente parte della ricerca semantica, riteniamo che l’ intento di ricerca meriti una sezione dedicata. Nel 2019, Google ha lanciato il suo aggiornamento BERT . Sebbene ti invitiamo a leggere il riepilogo di Google sui dettagli tecnici (modelli di elaborazione del linguaggio naturale, reti neurali, ecc.), È sufficiente dire che da BERT, il motore di ricerca di Google è diventato molto più “colloquiale”. Ciò significa che l’algoritmo di Google può ora interpretare l’ intenzione , ad esempio acquistare qualcosa o trovare un luogo nelle vicinanze, anche da query più lunghe che utilizzano il linguaggio naturale.

Google è il nuovo chatbot preferito da tutti.

Perché è così importante? Bene, prima di tutto, è un’evoluzione dell’esperienza dei motori di ricerca per accogliere la crescente popolarità degli assistenti vocali e della ricerca vocale . Le persone ora parlano in modo naturale in Siri, o Alexa, facendo domande e trattando quelle piattaforme di intelligenza artificiale conversazionale come motori di ricerca: una sorta di esperienza di ricerca “senza tocco”. Più in generale, l’attenzione sull’intento di ricerca è un segnale per il mercato che le persone preferiscono cercare come parlano e Google si sta adattando per soddisfare questa esigenza.

Su cosa dovrebbero concentrarsi i professionisti del marketing per quanto riguarda l’intento di ricerca

Ciò che questo significa per i professionisti del marketing è che Google è molto più bravo a individuare i contenuti pertinenti in base all’intento di una persona quando ha effettuato la ricerca. Da una prospettiva SEO , ciò significa concentrarsi solo sulle parole chiave in cima alla canalizzazione e a coda corta non lo taglia più: non è solo il modo in cui le persone tendono più a cercare. Invece, le persone cercano con quattro diversi “intenti” principali:

  • Ottenere informazioni
  • Fare un acquisto
  • Acquista e confronta i prodotti
  • Vai a un determinato sito web

Come sottolinea Google, l’ intento di ricerca sta ridefinendo del tutto la canalizzazione di marketing . Ecco un estratto da Think With Google:

” Smetti di fare marketing alla media: sii utile. Le persone rispondono a marchi che comprendono le loro esigenze. Quindi, è importante ottimizzare i tuoi media sia per la pertinenza per il consumatore che per il valore della vita per il marchio “.

Gli esperti di marketing dovrebbero costruire contenuti intorno a una solida comprensione delle intenzioni del loro pubblico e di come i loro contenuti potrebbero soddisfare tale esigenza. Di conseguenza, la ricerca delle migliori parole chiave per le quali desideri classificarti come marchio o che il tuo pubblico di destinazione tende a utilizzare, non è abbastanza buona. Invece, approfondisci i bisogni che queste ricerche effettivamente segnalano. Le persone vogliono acquistare da te? Trova le tue informazioni di contatto? Ottenere informazioni sui prezzi o un preventivo? C’è una domanda particolare a cui le persone pensano che tu possa rispondere? Inizia con un attento esame di quei tipici viaggi dei clienti, con la consapevolezza che non esistono due viaggi esattamente uguali.

Da lì, ti consigliamo di:

  • Scrivi contenuti in linea con le intenzioni del tuo cliente target . Ciò significa contenuto scritto in frasi chiare e concise e che utilizza un linguaggio naturale (il modo in cui le persone parlano). Se vendi scarpe da tennis ecologiche, ad esempio, ei tuoi potenziali clienti cercano prodotti come i tuoi, ti consigliamo di creare contenuti sui vantaggi delle scarpe ecologiche, su come sono fatte, ecc.
  • Sviluppa domande frequenti su query naturali e utilizza uno schema per queste domande frequenti per inviare segnali più forti a Google che il tuo è un contenuto autorevole che deve classificare. Prendiamo ad esempio le nostre offerte SEO di Cardinal. Riceviamo molti visitatori del sito che ci confrontano con altre agenzie di marketing digitale. Molti hanno domande simili sui costi, su cosa ci rende diversi e su quanto tempo impiegheranno per vedere i risultati. Abbiamo creato domande frequenti specifiche del settore per soddisfare questa esigenza comune.

Sul tuo sito web, includi domande frequenti che rispondano a domande comuni e le formuli in modo naturale. 

  • Considera i quattro intenti e le parole chiave del bucket in queste categorie per aiutare a informare la tua strategia SEO. Ahrefs fornisce una grande suddivisione dei “modificatori” di parole chiave che indicano un certo tipo di intento.
  • Cerca i tipi di contenuti che gli utenti desiderano per un determinato intento . Ad esempio, se stai cercando di classificare i contenuti per le persone con intenzione di acquisto, potresti scoprire che le panoramiche e le recensioni dei video hanno una posizione elevata nelle SERP in cui desideri che i tuoi contenuti appaiano. Potrebbero essere pagine di destinazione o post di blog. Ma le SERP riveleranno molto sul tipo di contenuto che le persone vogliono in base alle loro intenzioni.

 

4. Google My Business sarà essenziale per la SEO locale

La ricerca basata sulla posizione si basa su una premessa di base: quando una persona che si trova a San Diego cerca su Google Maps “tacos di strada”, probabilmente desidera visualizzare i risultati limitati all’area geografica circostante. (I tacos di strada a Philadelphia vanno bene e bene, ma …) Anche se l’esperienza di ricerca potrebbe sembrare semplice dal punto di vista dell’utente, ci sono un sacco di contenuti, dati e ottimizzazione che entrano in gioco sul lato dei motori di ricerca.

“Oltre 1.000.000.000 di persone utilizzano Google Maps ogni mese.”

Se la ricerca locale fa parte del tuo mix di marketing digitale (supponendo che tu abbia sedi fisiche per la tua attività, dovrebbe assolutamente esserlo), ti consigliamo di assicurarti che la tua scheda Google My Business sia completa, ricca di dettagli e aggiornata su su base continuativa. Perché? Innanzitutto, l’ottimizzazione di Google My Business influisce notevolmente sulle esperienze di ricerca locale. Il coinvolgimento e l’attività su una scheda GMB sono forti segnali di posizionamento per Google, quindi più completa e ottimizzata la tua scheda, maggiori sono le probabilità che la tua attività venga visualizzata nelle ricerche locali.

Google sa che una ricerca di tacos a metà giornata dovrebbe mostrare al ricercatore le opzioni locali nelle vicinanze dove possono soddisfare la loro voglia.

E la domanda di ricerca locale è … enorme : più di un miliardo di persone utilizza Google Maps ogni mese e oltre 5 milioni di app e siti web utilizzano i prodotti principali di Google Maps Platform ogni settimana. Ecco perché Google rilascia continuamente nuove funzionalità che le aziende possono utilizzare, come post, nuovi servizi e opzioni di prodotto (incluse alcune specifiche per COVID-19) e messaggistica diretta al cliente. Vogliono che sia facile per le molte persone che cercano …

  • Servizi
  • Ore
  • Indirizzi
  • Numeri di telefono
  • Menu
  • Siti web aziendali
  • Recensioni e valutazioni

… tutto ciò può essere trovato in un’unica scheda di Google My Business.

Poi ovviamente c’è COVID-19. Durante la pandemia, le persone stanno cercando opzioni locali intorno a loro, sia a causa delle restrizioni di blocco, sia per supportare le imprese locali durante quello che è stato un momento difficile per rimanere in attività. Le persone stanno controllando se le attività commerciali sono ancora aperte e se i loro orari o servizi sono cambiati (in particolare i ristoranti). Stanno controllando i menu e ordinando cibo da asporto. Google My Business è un modo ad alta visibilità per comunicare questi aggiornamenti a qualsiasi cliente, nuovo o esistente, che ti sta cercando.

Utilizza la dashboard di Google My Business per mantenere aggiornata la tua scheda.

 

Cosa dovrebbero fare i professionisti del marketing con Google My Business

Una scheda Google My Business ben ottimizzata può persuadere gli utenti a considerare la tua attività. Invia anche segnali preziosi a Google, che possono aumentare le tue classifiche SEO locali.

La prima cosa da fare è registrarsi, rivendicare la tua attività e verificarla tramite il servizio Google My Business , un processo che può richiedere un paio di settimane (ti inviano il passaggio di verifica finale tramite posta).

Una volta stabilita e verificata la tua posizione, consulta la tua scheda Google My Business e ottimizza ogni aspetto della scheda che puoi. Fortunatamente, Google rende questo processo molto intuitivo e semplice: quando accedi, verrai avvisato della “completezza” del tuo profilo, nonché di un piano per completare tutte le informazioni in sospeso che devi ancora aggiungere, come posizione, orari, numero di telefono e altro ancora.

Una volta completata la tua inserzione, è il momento di essere proattivi sfruttando i nuovi aspetti della piattaforma. Puoi:

  • Rispondi alle domande frequenti sui tuoi prodotti o servizi.
  • Aggiungi foto settimanali pertinenti alla tua attività e alla base di clienti. Queste potrebbero essere foto della tua posizione o nuove voci di menu.
  • Condividi post aziendali regolari per annunciare nuovi prodotti, eventi o offerte speciali.
  • Crea un sito utilizzando il generatore di siti web di Google My Business.

 

5. La qualità dei contenuti sarà ancora il re

Molte cose probabilmente andranno nel dimenticatoio nel 2021, ma “il contenuto è re” non è una di queste. I marketer adorano lanciare questa frase, ma cosa significa in realtà? Innanzitutto, è un promemoria che “EAT” – competenza, autorevolezza e affidabilità – è ancora importante, soprattutto per le aziende che rientrano nella categoria “i tuoi soldi, la tua vita” (YMYL). In effetti, alcuni esperti SEO ritengono che il Core Update di Google di maggio 2020 sia stato una sorta di aggiornamento EAT, che Google sta segnalando al mondo che si preoccupa molto di più della qualità dei contenuti che dell’autorità di un determinato dominio.

Questo è tornato utile dall’epidemia di COVID-19. Dall’epidemia e dalle successive misure di blocco, le tendenze di ricerca rivelano che il coronavirus è stato un enorme argomento di interesse . E quando le persone hanno bisogno di risposte, aggiornamenti e fatti affidabili per qualcosa di così critico e potenzialmente urgente come il coronavirus, non vuoi essere l’azienda che si affretta a soddisfare questa domanda (e di conseguenza perde prezioso traffico di ricerca).

Cosa dovrebbero fare i professionisti del marketing per i contenuti di qualità

Questo è il tipo di approccio che puoi adottare sul tuo sito web. Vale a dire, è tempo di considerare le informazioni che le persone cercano e di cui hanno prima bisogno. Poiché l’enfasi sulla qualità dei contenuti continua a crescere, ora è il momento di mettere in atto una solida strategia di content marketing per il 2021. Ecco alcuni buoni punti di partenza:

  • Crea buyer personas . Non lo sottolineeremo mai abbastanza. I giorni di “spruzza e prega” sono ormai lontani. In qualità di azienda, è necessario comprendere i buyer personas di destinazione – i loro desideri e bisogni, obiezioni e punti deboli – in modo da poter adattare i contenuti a ciascuno di conseguenza.
  • Conduci ricerche sull’intento di ricerca . Abbiamo già menzionato l’intento di ricerca, ma deve essere una considerazione centrale quando si tratta di pianificazione dei contenuti. Dai un’occhiata ai termini di ricerca che portano i visitatori al tuo sito web o ai termini che desideri portare traffico al tuo sito web. Cosa cercano veramente quelle persone? Rispondere a questa domanda è un ottimo modo per creare contenuti che siano in linea con ciò che le persone stanno effettivamente cercando.
  • Crea contenuti nei formati desiderati dagli utenti . Il video potrebbe essere di gran moda, il che va benissimo. Ma i tuoi utenti di destinazione potrebbero desiderare un certo tipo di video, come un rapido vlog, webinar o tutorial. O forse stanno cercando casi di studio e white paper. Crea il tipo di contenuto che vogliono consumare.
  • Assumi contenuti efficaci e copywriter . La quantità e la densità delle parole chiave non la taglieranno più. L’algoritmo di ricerca di Google, e le persone che lo utilizzano, se è per questo, vogliono più di quanto un produttore di contenuti o uno scrittore di contenuti a tariffa ridotta possa probabilmente fornire. Assumi scrittori esperti in grado di affrontare argomenti approfonditi (oltre 2500 parole), adattarsi allo stile e al tono del tuo marchio e comprendere i tuoi personaggi e la canalizzazione di marketing. Se possibile, assumi scrittori specializzati nella scrittura per il tuo spazio verticale o aziendale.

 

6. Il video continuerà a invadere la SERP

Cerca su Google praticamente qualsiasi cosa in questi giorni e la prima cosa che probabilmente vedrai nella SERP è un video carousel. Google ha introdotto i caroselli video nelle SERP nel 2018. Da allora, il video ha solo guadagnato importanza. Se si considera il fatto che il secondo motore di ricerca più grande al mondo è YouTube, anch’esso un’entità di Google, tutto ha molto senso.

Per forti indicatori che il video non sta andando da nessuna parte, considera queste statistiche da un recente sondaggio wyzowl :

  • L’85% delle aziende utilizza il video come strumento di marketing e il 92% degli esperti di marketing considera il video una parte importante della propria strategia di marketing
  • L’87% dei marketer di video segnala un aumento del traffico sul proprio sito Web come risultato dei propri video
  • Il 96% delle persone ha guardato video esplicativi su prodotti o servizi
  • L’84% delle persone cita i video come parte di ciò che li ha convinti a comprare qualcosa

Come indicano le ultime due statistiche, questa enfasi sul video riguarda davvero la domanda degli utenti. Nel bene e nel male, la maggior parte delle persone preferisce guardare un video veloce piuttosto che leggere un lungo articolo. È veloce. Si presta bene al multi-tasking. È ottimizzato per i dispositivi mobili. E l’algoritmo di Google si sta evolvendo di conseguenza. Perché dove le persone tendono a interagire maggiormente con i video?

Sui motori di ricerca.

Anno dopo anno, le persone si sintonizzano su più contenuti video e l’algoritmo di Google si evolve di conseguenza.


Cosa dovrebbero fare i professionisti del marketing con i video

Questo, ovviamente, introduce un altro aspetto della SEO su cui gli esperti di marketing devono concentrarsi nel 2021. Questo spostamento di preferenza verso i video, sia per le persone che per gli algoritmi di ricerca, significa che è tempo che le aziende 1) inizi a pianificare e creare molti più video contenuto e 2) ottimizzare i propri video per migliorare la visibilità della ricerca, le visualizzazioni e il traffico del sito web.

Più facile a dirsi che a farsi. Secondo lo stesso sondaggio wyzowl, il 20% dei marketer afferma di non utilizzare il video nel proprio marketing mix perché è troppo costoso. Tuttavia, la creazione di video può essere costosa o economica come vuoi che sia. Ecco alcuni modi creativi per iniziare a creare video da ciò che hai già senza spendere il budget:

  • Riutilizza le prime dieci o venti pagine che indirizzano la ricerca organica al tuo sito in contenuti video . Per contenuti di forma più lunga, suddividi le parti chiave in video separati che possono essere utilizzati da soli in altri canali.
  • Conduci interviste con il personale, i clienti o i leader di pensiero in cui il tuo pubblico troverà valore. Puoi anche intervistare i clienti per casi di studio e utilizzare quel contenuto video come materiale di testimonianza in tutto il tuo sito web.
  • Pubblica o riutilizza i replay dei webinar sul tuo canale YouTube o sito web (o entrambi).
  • Riutilizza le registrazioni dei podcast in video più brevi su argomenti specifici disponendo l’audio dell’intervista su un video grafico / illustrato / in motion graphics.
  • Ottimizza i tuoi contenuti video per la SEO di YouTube , inclusi tutti i titoli, i metadati, le miniature e così via. Assicurati di ottimizzare i tuoi video anche per il caricamento lento, in modo che le pagine del sito con video non danneggino il tuo posizionamento a causa della bassa velocità della pagina.
  • Sfrutta i video in diretta tramite Facebook, LinkedIn e Twitter . Forse le principali parti interessate o leader di pensiero nella tua organizzazione possono tenere chat dal vivo ogni settimana. Non è necessaria molta produzione su questi: questa capacità è incorporata in ciascuna di queste piattaforme di social media.

 

7. I risultati della ricerca con zero clic continueranno ad evolversi

Noti una tendenza qui? Aggiornamenti agli algoritmi di ricerca, video marketing, strategie SEO: sono tutti incentrati su ciò che desidera l’utente finale. Lo stesso vale per i cosiddetti risultati di ricerca “zero clic”. Come suggerisce il suo moniker, un risultato di ricerca senza clic fornisce tutte le informazioni di cui una persona ha bisogno per rispondere alla sua domanda o richiesta, senza bisogno di perdere altro tempo facendo clic su un sito web.

Vai avanti, cerca su Google “coronavirus” e guarda la SERP. Troverai un glossario sul lato sinistro con informazioni su sintomi, statistiche e test. Riceverai le ultime notizie locali e nazionali. E otterrai una mappa localizzata dell’intensità dell’epidemia e del volume dei casi per la tua zona. È chiaro che Google è determinato a fornire uno sportello unico di informazioni autorevoli su ciò che è un argomento delicato e serio.

Questa esperienza di ricerca “one-stop-shop” continua a guadagnare importanza. A partire dal 2019, le ricerche senza clic rappresentano oltre il 50% di tutte le ricerche su Google . E Google sta diventando davvero bravo a fornire ai propri utenti tutto ciò di cui hanno bisogno su una singola pagina SERP, attraverso cose come snippet in primo piano, grafici della conoscenza e caroselli video. Ora ci sono persino caroselli di e-commerce, che consentono alle persone di confrontare i prezzi di un prodotto di diversi rivenditori senza dover fare clic su un sito. E gli elenchi duplicati, in cui un titolare di snippet guadagnerebbe anche il primo posto nell’elenco tradizionale dei risultati di ricerca, sono ormai un ricordo del passato.

I risultati della ricerca senza clic stanno migliorando sempre di più.

Cosa dovrebbero fare gli esperti di marketing sui risultati di ricerca senza clic

Google sta facendo del suo meglio per mantenere il traffico di ricerca su entità Google come Ricerca Google, Google My Business e YouTube. Il video carousel di YouTube è un ottimo esempio: non solo l’algoritmo di Google sta probabilmente favorendo i video di YouTube per questa importante area della SERP; ma quando gli utenti fanno clic, passano a un’altra proprietà di Google (YouTube).

La buona notizia è che i professionisti del marketing possono ottimizzare e classificare i contenuti sia per i risultati di ricerca senza clic che per i relativi canali Google. Abbiamo già trattato l’importanza di creare regolarmente contenuti video ben ottimizzati, nonché la necessità di una scheda Google My Business completa e aggiornata di frequente (per tutte le tue sedi). Abbiamo anche menzionato lo schema, che puoi creare per tutti gli “snippet fodder” che piacciono a Google, come domande frequenti, informazioni sulla posizione ed eventi. Tieni d’occhio il nuovo markup dei dati strutturati , che Google rilascia regolarmente.

 

I risultati di ricerca senza clic stanno migliorando sempre di più e mantengono gli utenti nelle proprietà di Google.

Infine, ricorda che, mentre il posizionamento per i risultati di ricerca senza clic aiuta con il tuo SEO e, potenzialmente, le tue prestazioni SEO complessive, l’esperienza è, in base alla progettazione, pensata per rendere non necessario un clic sul tuo sito web. Tienilo a mente e valuta la possibilità di ottimizzare il tuo sito web e i tuoi contenuti per parole chiave che ti portano effettivamente traffico e conversioni qualificati.

 

8. COVID-19 lascerà un impatto duraturo

L’algoritmo di ricerca di Google è incentrato sui segnali e la società ne ha inviati alcuni piuttosto forti quando la situazione del COVID-19 ha iniziato a svilupparsi nel marzo 2020. Ad esempio, la società ha rapidamente interrotto le nuove recensioni di Google per un breve periodo di tempo, sia per proteggere le aziende in un periodo in cui molti stavano fallendo , e per alleggerire il carico sul proprio personale oberato di lavoro (vedere: Guida per le aziende colpite da COVID-19 per informazioni regolarmente aggiornate da Google). Google ha anche rilasciato l’aggiornamento principale di maggio 2020, un aggiornamento davvero, davvero grande, proprio nel bel mezzo dell’epidemia. L’aggiornamento sembrava segnalare la maggiore preferenza di siti Web autorevoli e di alta qualità.

Sebbene le cose possano certamente cambiare in futuro, questi sembrano cambiamenti paradigmatici per il mondo del SEO. Se non altro, indicano che un colosso come Google è disposto a dare forma ai risultati in risposta a problemi globali e che probabilmente la prossima volta che una sorta di conflagrazione globale alza la sua brutta testa.

Cosa dovrebbero considerare i marketer nel mondo post-COVID-19

Ci auguriamo che ciò non accada, ma offre a noi esperti di marketing alcune linee guida mentre pianifichiamo per il prossimo decennio.

Innanzitutto, dobbiamo ricordare che non sappiamo con certezza se ci sarà un cosiddetto mondo “post-COVID-19”. Potrebbe essere solo un mondo che convive con COVID. C’è ancora molto da determinare e molte altre chip probabilmente cadranno.

Ciò che questa crisi ha fatto è svelare i punti ciechi e l’impreparazione generale per molte organizzazioni, alcune delle quali devono ancora riprendersi. Andando avanti, ecco un paio di ottimi consigli per esperti di marketing e strateghi SEO :

  • Sviluppare una strategia di comunicazione di crisi in collaborazione con il team di comunicazione aziendale. Ricorda, questo non è un “come classificare le parole chiave in una situazione di crisi”, ma piuttosto “come ottenere contenuti utili, tempestivi, a volte urgenti di fronte al pubblico che ne ha bisogno”. Se le informazioni di cui il tuo pubblico ha bisogno sono come acquistare la prossima auto durante un’epidemia di coronavirus, così sia. Ma abbi un piano per comunicare i dettagli.
  • Preparati ad aggiornare rapidamente le tue proprietà web . I tuoi clienti, clienti, partner e potenziali clienti usciranno dalle falegnamerie durante una crisi. Vorranno informazioni su come la crisi ha influito sul tuo prodotto o servizio e, cosa più importante, su come ha influenzato la loro relazione con il tuo prodotto o servizio. Siete aperti? Ancora in attività? Come sono cambiate le tue offerte? La chiave è inserire rapidamente queste informazioni nel tuo sito web, nella scheda di Google My Business e in altre proprietà web in caso di crisi, prima che i tuoi clienti vadano a cercare altrove.

 

La homepage di MedNOW mostra un popup che descrive il loro nuovo test rapido COVID-19. Mantenendo i pazienti aggiornati sulla loro risposta a COVID-19 e sulle loro offerte, MedNOW porterà più traffico al loro sito web e alle loro posizioni.

  • Pensa a come puoi aiutare . Potete offrire servizi o prodotti gratuiti ai primi soccorritori? La tua base di clienti potrebbe beneficiare di uno sconto in caso di crisi? Aziende come Ahrefs e Moz, ad esempio, stanno rendendo gratuiti i corsi regolarmente pagati. Kaspersky offre software antivirus gratuito per endpoint alle organizzazioni mediche. Una crisi è un buon momento anche per le aziende per restituire.

 

 

2021: l’inizio del primo decennio del popolo?

Sicuramente si sente in questo modo, e speriamo di sì. Le persone e le loro esperienze sono al centro di quasi tutte le tendenze SEO che abbiamo delineato per il 2021. Tutte, dall’ascesa della ricerca semantica e delle SERP zero-click alla maggiore prevalenza dei video, guidano la nave verso di più Esperienze “deliziose”, come piace a Google definirle. Che si tratti di ottenere gli orari dei film locali, fare acquisti comparativi sui siti di e-commerce o cercare informazioni vitali nel bel mezzo di una pandemia globale, Google e altri motori di ricerca continuano a lanciare aggiornamenti nel nome del miglioramento di tutte queste esperienze.

Questo crea un sacco di compiti per il mondo del marketing digitale e della SEO . Sempre più spesso, ci sono pochissimi modi, se del caso, per ingannare il sistema quando si tratta di SEO. Invece, ti consigliamo di concentrare il tuo tempo e le tue energie sullo sviluppo di contenuti di alta qualità che siano in linea con le persone e le intenzioni dei tuoi clienti, con le esigenze fondamentali che motivano le persone che servi a saltare su Google e iniziare a cercare in primo luogo. La costruzione di solide strategie di content marketing , tra cui buyer personas ben definite, ricerca sull’intento di ricerca, buoni contenuti e copywriter e una forte UX sono tutti buoni punti di partenza.

Da lì, si tratta di perfezionare, armeggiare, ottimizzare e migliorare in base a ciò che i dati ci dicono.