Prevedere il prezzo dell’oro è un gioco da pazzi

A volte è frustrante vedere l’attenzione concentrata sulle previsioni per il prezzo dell’oro. Più sensazionale e spettacolare è la previsione dei prezzi, maggiore è la cacofonia.

Vale la pena dare un’occhiata ad alcune di queste previsioni per aiutare a mettere le cose in prospettiva.

TITOLO: Previsioni dell’oro $ 6000 e analisi dell’estrazione dell’oro tramite visualizzazione 23 gennaio 2012

Citazione: ” Se l’attuale mercato rialzista dell’oro seguisse i tempi e l’estensione del mercato rialzista degli anni ’70, il prezzo dell’oro raggiungerebbe $ 6000 prima del 2014″.

Prezzo dell’oro il 23 gennaio 2012: $ 1679,00 per oncia.

Prezzo dell’oro il 14 marzo 2014: $ 1382,00 per oncia.

Prezzo dell’oro il 31 dicembre 2014: $ 1181,00 per oncia.

Quanto può essere lontana dalla base una previsione del prezzo? Non solo l’oro non ha raggiunto il prezzo target, ma è andato nella direzione opposta – a partire dallo stesso mese – e ha continuato a diminuire del trenta percento nei due anni successivi, finendo a $ 1205,00 l’oncia il 31 dicembre 2013.

Il problema non è la plausibilità di $ 6000,00 oro. È molto plausibile e possibile; forse anche probabile. Tuttavia, la previsione era specificamente orientata al tempo e terribilmente mal giudicata in termini di direzione e tempistica.

Tutto ciò è scusabile. A meno che tu non sia il titolare di un servizio di abbonamento e/o fornisca consigli di investimento ad altri o fornisca consigli di trading.

TITOLO: JPMorgan prevede oro $ 1.800 entro la metà del 2013 1 febbraio 2013

Citazione: ” JPMorgan vede l’oro a $ 1.800 entro la metà del 2013 mentre il Sud Africa “in crisi” e “escalation dell’instabilità” in Medio Oriente JP Morgan Chase & Co. ha affermato che l’oro salirà a $ 1.800 l’oncia entro la metà del 2013, con l’industria mineraria in Sud Africa “in crisi”, secondo Bloomberg. 

Il prezzo dell’oro alla data in cui è apparso il titolo era di $ 1667,00 l’oncia. Cinque mesi dopo, il 29 giugno 2013, il prezzo dell’oro era di $ 1233,00 l’oncia.

La richiesta di $ 1800,00 d’oro era una previsione “sicura”. Solo un aumento dell’8% rispetto al livello esistente (allora) di $ 1667,00 avrebbe comportato un prezzo dell’oro di $ 1800,00.

Ma, come nell’esempio precedente, il prezzo è andato a sud con una vendetta; questa volta scendendo del ventisei percento in cinque brevi mesi.

TITOLO: Trump Win segnala $ 1.500 d’oro… 10 novembre 2016

Citazione: “Una vittoria presidenziale di Trump negli Stati Uniti segnala 1.500 dollari l’oncia per l’oro… a medio termine”.

Prezzo dell’oro il 10 novembre 2016: $ 1258,00 per oncia.

Prezzo dell’oro il 31 luglio 2017: $ 1268,00 per oncia.

Apparentemente l’oro non ha visto il “segnale” poiché il suo prezzo attuale è quasi identico al suo prezzo nel giorno in cui la previsione è apparsa sulla stampa subito dopo le elezioni dello scorso novembre.

E cosa intende lo scrittore per “termine intermedio”? Più lungo è l’intervallo di tempo, minore è il valore della previsione. L’aumento previsto del dollaro ammonta al venti per cento. Se ci vogliono due anni, ciò equivale a circa il dieci percento all’anno. In tal caso – o se ci vogliono più di due anni – vale il titolo in grassetto?

TITOLO: Trump invierà il prezzo dell’oro a $ 10.000 il 10 novembre 2016

I prezzi e le date dell’oro sono gli stessi dell’esempio sopra. Con l’oro esattamente dove era dieci mesi fa, quando potremmo aspettarci qualche progresso verso quell’obiettivo di prezzo?

Le previsioni sui prezzi più stravaganti di solito sono incentrate su un guasto o un collasso del sistema monetario. Il crollo si verifica a seguito del completo ripudio del dollaro USA dopo decenni di deprezzamento del valore. Le persone semplicemente si rifiutano di accettare e detenere dollari USA in cambio dei beni e servizi offerti.

Ora supponiamo che in quel momento tu possieda dell’oro. Lo venderesti? A che prezzo? Per quanti dollari USA senza valore ti separeresti da un’oncia d’oro?

Se qualcuno oggi ti offrisse un miliardo di dollari di monopolio per un’oncia d’oro, lo prenderesti? Che ne dici di dieci miliardi?

Ok, quindi cosa succede se vediamo un precipitoso calo del valore del dollaro USA nei prossimi anni? Diciamo che il calo equivale a una perdita di potere d’acquisto per il dollaro del cinquanta per cento rispetto ai livelli attuali. Ciò equivarrebbe a un prezzo dell’oro di circa $ 2500,00 per oncia, un raddoppio rispetto ai livelli attuali.

Questo è valido se l’oro e il dollaro USA sono attualmente in equilibrio (penso che lo siano). In altre parole, l’attuale prezzo dell’oro a $ 1250/60 è un riflesso accurato del calo cumulativo del valore del dollaro USA dal 1913.

Il calo del cinquanta per cento del potere d’acquisto del dollaro USA si rifletterebbe in prezzi più elevati per altri beni e servizi; un modello che è diventato fin troppo familiare negli ultimi cento anni.

Se esiste un mercato funzionante, e supponendo che tu venda dell’oro e porti profitti, quanto costerà di più per qualsiasi altra cosa tu possa decidere di acquistare? Pensi davvero di poter acquistare altri oggetti di valore a prezzi “scontati” in quel momento?

L’oro, nel 1913, era di $ 20,00 l’oncia. Attualmente è di $ 1260,00 per oncia. Questo è un aumento di oltre sessanta volte. Ma non rappresenta un profitto. Perché il livello generale dei prezzi di beni e servizi oggi – in generale – è sessanta volte superiore a quello del 1913.

Ci sono momenti in cui puoi trarre profitto da movimenti bruschi dell’oro in situazioni a breve termine. In generale, questi sono appena prima dei grandi movimenti del suo prezzo in dollari USA che riflettono la realizzazione del calo cumulativo del potere d’acquisto del dollaro. E, in misura minore, riconoscere quando le aspettative degli altri portano il prezzo dell’oro ben oltre l’equilibrio rispetto al dollaro USA.

Nel 1999/2000 l’oro ha raggiunto minimi di $ 250-275,00 per oncia. Subito dopo ha intrapreso una corsa decennale culminata in un picco di prezzo vicino a $ 1900,00 l’oncia nel 2011.

Dopo il picco nel 2011, l’oro è sceso nei cinque anni successivi a un minimo di poco superiore a $ 1000,00 l’oncia. Un rimbalzo di breve durata all’inizio del 2016 lo ha riportato vicino ai livelli attuali ($ 1250-1350,00) dove generalmente è rimasto senza rotture né al rialzo né al ribasso in misura significativa.

Dov’erano tutti questi “esperti” nel 1999/2000 e cosa prevedevano allora?

E dal 2011/2012? Hanno detto più o meno la stessa cosa più e più volte. Acquista ora! Comprare di più! Prima che sia troppo tardi!

Un giorno, sarà troppo tardi. Ma ora è più una questione di sopravvivenza finanziaria che mai. L’ossessione per i profitti, la previsione e il trading ha oscurato i veri fondamentali.

E in un modo o nell’altro, è probabile che i profitti della maggior parte delle persone vadano in fumo prima che facciano qualcosa di significativo con loro.

L’oro – l’oro fisico – è denaro reale. È denaro reale perché è una riserva di valore. E il suo valore è costante. Il valore del dollaro USA continua a diminuire nel tempo. Il valore in costante calo del dollaro USA e la percezione che le persone ne hanno, così come le loro aspettative su di esso, determinano il prezzo dell’oro.

L’inflazione è una minaccia insidiosa per la nostra sicurezza finanziaria ed economica. Ci è stato imposto al punto che rischiamo di perdere molto più del valore del nostro denaro. I mercati dei capitali stanno affrontando rischi di proporzioni immensamente maggiori rispetto a quelli del 2008-09. L’attività economica è finanziata principalmente dal credito e siamo attaccati dalla droga del denaro e dai prezzi più alti – per tutto. Spesso ci viene detto che l’inflazione è spontanea e che dobbiamo imparare a gestirne gli effetti. Quello non è vero.

L’inflazione è intenzionale e praticata da governi e banche centrali di tutto il mondo. E i suoi effetti sono imprevedibili e distruttivi. Inoltre, gli effetti dell’inflazione sono cumulativi; quindi, tendono ad essere più volatili, in corso. E sepolto sotto tutte le debolezze superficiali c’è lo spettro della riserva frazionaria. È la versione legalizzata dello schema Ponzi.