Cerca

Perché WordPress è gratuito e quali sono i costi nascosti?

La concorrenza per lo sviluppo di siti Web e l’ hosting Web è così accanita che chiunque desideri creare un sito Web o avviare un blog può iniziare con un pacchetto completo per quasi nulla. Andando meglio, puoi avviare un sito di blog su WordPress gratuitamente.

  • Perché WordPress è gratuito?
  • Qual è il trucco?
  • Quali sono i costi nascosti?

“Per ora non devi sapere”, dice il vecchio proverbio dello Yorkshire, motivo per cui queste domande appaiono immediatamente. Risponderemo a queste domande e altro ancora per consentirti di comprendere meglio cosa rende WordPress gratuito, quali funzionalità sono gratuite e quali funzionalità devi pagare in più per poterle aggiungere al tuo sito web.

Domande frequenti su WordPress

Il modo migliore per esaminare le varie funzionalità e i vantaggi della piattaforma WordPress gratuita è inviare tutte le domande possibili e fornire risposte a ciascuna di esse. Con questo obiettivo in mente, esaminiamo la prima domanda.

Cos’è il software open source?

WordPress è gratuito perché è un software open source. L’open source è un software accessibile al pubblico che consente all’utente di aggiungerlo, modificarlo e ridistribuirlo nel modo che preferisce. Secondo  Opensource.com , “I progetti, i prodotti o le iniziative open source abbracciano e celebrano i principi di scambio aperto, partecipazione collaborativa, prototipazione rapida, trasparenza, meritocrazia e sviluppo orientato alla comunità”. I programmatori possono aggiungere funzionalità per migliorare il software open source o per riparare parti del programma che non sempre funzionano correttamente.

Take Away:  il software open source è un software accessibile al pubblico per migliorare e ridistribuire liberamente.

Perché WordPress non è venduto come software?

Come software open source, WordPress è un progetto della comunità in cui decine di migliaia di persone hanno contribuito alla funzionalità del software a cui ora hai accesso. Puoi solo immaginare la difficoltà che potrebbe derivare dal tentativo di vendere software con così tanti collaboratori. Individuare chi otterrebbe quale parte del reddito prodotta per cui i contributi sarebbero quasi impossibili.

Take Away:  Come accennato in precedenza, la filosofia alla base del software open source sono i principi della partecipazione collaborativa e dello scambio aperto, quindi non ha senso cercare di vendere qualcosa a cui hanno contribuito decine di migliaia di persone; se fosse addirittura possibile.

WordPress è protetto da copyright?

WordPress è protetto da copyright, ma è concesso in licenza in modo speciale in modo che i contributi di ciascun programmatore siano protetti da copyright. Questo tipo speciale di licenza è noto come General Public License. CyberChimps  fornisce una buona descrizione, affermando che GPL “fornisce ai destinatari di un programma per computer i diritti sulla” Definizione del software libero “. È una licenza copyleft, il che significa che consente agli utenti di distribuire liberamente copie di opere modificate, preservando gli stessi diritti, ma alla fine mantiene le condizioni originali del copyright. ”Di conseguenza, sebbene i programmatori possano modificare, utilizzare e ridistribuire il codice all’interno del software, qualsiasi modifica risultante è protetta da copyright ai sensi della GPL di WordPress.

Take Away:  No, WordPress non è privo di copyright. Segue i protocolli di copyright GPL in modo che tutte le aggiunte e le modifiche vengano aggiunte ai diritti d’autore.

Tutti i temi e plug-in WordPress premium sono concessi in licenza GPL?

Quei temi che utilizzano ampiamente la funzionalità di WordPress sono considerati un derivato di WordPress, quindi sono concessi in licenza con WordPress GPL. Secondo WordPress.org, l’opinione legale ufficiale relativa allo stato dei temi e dei plugin può essere riassunta in una frase: “PHP nei temi di WordPress deve essere GPL, grafica e CSS possono essere ma non sono richiesti”. Https: // wordpress .org / news / 2009/07 / themes-are-gpl-too / A causa di questa legalità, WordPress supporta e ospita solo temi e plugin che sono GPL al 100% e funzionalità senza javascript e CSS sarebbero estremamente limitate.

Take Away: temi e plug-in WordPress Premium sono essenzialmente dotati di licenza GPL.

GPL è ereditato dai contenuti pubblicati con WordPress?

A questa domanda è un po ‘più difficile rispondere. Faremo un esempio per dare una mano. Come la maggior parte degli utenti di WordPress, scrivi i tuoi contenuti o pubblica fotografie sul tuo blog che sono opere originali. Questo contenuto è opera tua e detieni il copyright completo di quel contenuto. Tuttavia, se il tuo contenuto è una dimostrazione di come utilizzare una particolare funzione di WordPress e include esempi dal software WordPress, quel post specifico del blog rientrerebbe nella licenza GPL perché il codice utilizzato negli esempi è un lavoro derivato.

Take Away: le opere d’arte pubblicate, le foto, i contenuti scritti, ecc. Non ereditano GPL.

Se è gratuito, come si fa a guadagnare soldi con WordPress?

Questa è la domanda che disturba la maggior parte delle persone perché non ha senso che una società investa così tanto tempo, sforzi, larghezza di banda, ecc. In qualcosa che non fornirebbe assolutamente alcun profitto. La semplice risposta è che i prodotti o i servizi basati sul software open source WordPress sono fonti di reddito. Ricordi quella domanda su quali sono i costi nascosti? Per una risposta più approfondita, prendiamoci un momento per creare una distinzione tra WordPress.com e WordPress.org:

WordPress.com

Questa è la versione gratuita di WordPress, che include molte limitazioni. Ecco alcune delle sue caratteristiche per il confronto:

• temi limitati
• plug-in non consentiti
• hosting gratuito con 3 GB di spazio di archiviazione
• agli utenti non è consentito vendere annunci
• il marchio WP è sempre presente
• il controllo SEO è limitato
• non è possibile creare un negozio online
• non è possibile creare un sito di appartenenza

Queste limitazioni possono essere eliminate acquistando alcune funzionalità premium.

WordPress.org

A titolo di confronto, WordPress.org non ha tutti i limiti della versione gratuita. Ecco come vengono gestite le stesse funzionalità:

• supporto tematico completo
• sono ammessi tutti i plug-in
• acquisti registrazione di dominio e hosting con vari livelli di archiviazione
• libertà di vendere annunci e mantenere ciò che fai
• il tuo sito è privo di marchio WP
• hai tutte le funzionalità SEO disponibili
• tu puoi creare un negozio online
• puoi creare un sito di appartenenza.

Altri prodotti e servizi basati su WordPress

Intorno a WordPress sono state create aziende multimilionarie creando temi e plugin commerciali e offrendo hosting WordPress. Inoltre, i consulenti e gli sviluppatori di WordPress forniscono spesso servizi ai clienti che richiedono applicazioni personalizzate, plugin , temi , ecc.

Take Away: la parola chiave da tenere a mente quando si parla di WordPress è la parola “limitato”. WordPress gratuito è limitato, ma la versione commerciale non lo è. Inoltre, si guadagna denaro con prodotti commerciali basati su WordPress e dagli sviluppatori che hanno creato prodotti personalizzati per i loro clienti.

Maggiori informazioni su WordPress

Anche se dovresti avere la maggior parte delle tue domande su WordPress, chiarire eventuali altri problemi o domande che potresti avere su WordPress può probabilmente realizzarti fornendo informazioni un po ‘più proprietarie su WordPress.

Il marchio WordPress

Il logo WordPress, così come le parole WordPress e WordCamp, sono marchi registrati di proprietà di WordPress Foundation e il suo codice viene rilasciato come software open source in base alle restrizioni sul copyright GPL. Poiché gestisce WordPress sotto GPL, è necessario operare una distinzione tra siti o risorse ufficiali, siti di marchi registrati e quelli gestiti dalla community. Fondamentalmente, i siti gestiti dalla comunità non includono la parola “WordPress” nel loro nome di dominio. Invece, qualsiasi sito gestito dalla comunità, che desidera associare il proprio dominio a WordPress, utilizza WP.

Take Away: fai attenzione ai siti che usano il nome completo “WordPress” nel loro nome di dominio. A meno che non siano veri siti ufficiali, marchi, siti di community legittimi costruiti attorno a WordPress conoscono e rispettano le politiche sui marchi di WordPress e utilizzeranno invece WP.

Costi coinvolti nell’uso di WordPress

Nel rispondere ad alcune delle domande precedenti, abbiamo mostrato come WordPress.com è gratuito , ma ciò che puoi fare sul tuo sito WordPress.com è limitato. Coloro che ritengono necessario rimuovere alcune di queste limitazioni possono utilizzare l’ hosting di WordPress e altre funzionalità al fine di sviluppare completamente il proprio sito Web in base alle proprie esigenze. È qui che entrano in gioco i costi dell’utilizzo di WordPress.

Anche se potresti dover pagare per un nome di dominio o hosting, ci sono siti di hosting che pagano meno di $ 3 al mese per questo particolare servizio. Inoltre, molte persone scelgono anche di pagare per plugin o temi personalizzati al fine di promuovere i propri design e caratteristiche del proprio marchio.

Bluehost è una di queste aziende che offre hosting WordPress a soli $ 2,95 al mese , oltre a ottenere un NOME DOMINIO GRATUITO. Puoi  usare questo link per ottenere questa offerta. 

Take Away:  per un blogger occasionale, il sito WordPress gratuito e limitato funzionerà probabilmente bene, ma chiunque sia intenzionato a fare affari e sviluppare un marchio utilizzando il software WordPress sarà meglio servito a pagare per un nome di dominio unico e un marchio personalizzato disegni.

Inoltre, se stai pianificando di guadagnare online con il tuo blog, possedere il tuo dominio e il tuo hosting è di vitale importanza, in quanto ci sono limitazioni all’uso della versione gratuita di WordPress (WordPress.com) e cosa puoi fare in termini di promozione servizi e prodotti di altre persone.

Conclusione

Il proverbio, “per ora non ti devi”, di solito suona vero. Nel caso di WordPress, puoi ottenere un sito Web di blog gratuito e limitato con la maggior parte di ciò di cui hai bisogno per creare un blog e una presenza casuale sul Web. WordPress.com è un ottimo modo per bagnarti i piedi nella progettazione e nello sviluppo di siti Web; forse anche iniziare a affermarsi come esperto in determinate aree. Tuttavia, coloro che necessitano di un sito Web più sostanziale per lo sviluppo del business, scopriranno che le opzioni gratuite di WordPress sono molto limitate e in qualche modo carenti quando si tratta di stabilire il riconoscimento del marchio e produrre un profitto dai tuoi sforzi.