Cerca

Perché non uso GoDaddy (e non dovresti nemmeno tu)

GoDaddy è un host web molto famoso e registrar di domini. Spendono MOLTO denaro in pubblicità, anche durante il Superbowl, l’apice dell’esposizione quando si tratta di pubblicità.

Quindi, quando la persona media, non tecnica, ha bisogno di un sito Web, GoDaddy è spesso il primo nome che viene in mente. Non molte persone sono come mia moglie, che passerà settimane a cercare l’acquisto di un paio di cuffie. Quindi la tua persona media guarderà il sito di GoDaddy, vedrà che è economico e offre un servizio clienti e si iscrive.

E la maggior parte delle volte, non incontrano problemi. Se tutto ciò che vuoi è creare un’installazione WordPress con un clic, scegli un tema e vai, allora GoDaddy potrebbe funzionare per te.

Tuttavia.

Se un giorno decidi di aver bisogno di un aiuto professionale con il tuo sito Web, magari una riprogettazione o un carrello per poter vendere prodotti, lo sviluppatore dovrà interagire con il tuo server per apportare le modifiche necessarie.

Questo è quando le cose diventano dolorose.

Come sviluppatore, ho cercato molto duramente di evitare di gestire GoDaddy. Ma come sviluppatore freelance, a volte devi andare dove sono i clienti. Nell’ultimo anno ho incontrato diversi clienti che hanno siti esistenti su GoDaddy perché non l’ho scoperto fino a quando non era troppo tardi, o perché mi piacevano e / o avevo un interesse personale nel loro progetto o missione.

Quindi ho avuto diverse occasioni l’anno scorso per confermare che no, non è la mia immaginazione, GoDaddy fa davvero schifo.

L’esperienza utente

Ogni volta che devo accedere al sito GoDaddy del mio cliente, devo nuotare attraverso un mare di pubblicità per arrivare a quello che sono venuto lì per fare. L’interfaccia è goffa e confusa, anche per qualcuno che interagisce con tali cose per vivere.

Pannello di amministrazione di GoDaddy

VUOI GLI ANNUNCI CON QUELLO?

Site5 Cpanel

Bello e semplice, così posso trovare quello di cui ho bisogno.

 

Un cliente è stato accusato di analisi del sito, quindi sono andato alla ricerca dei dati in modo da poter prendere decisioni informate sulle decisioni di interazione dell’utente. Ho trovato una sezione chiamata “Statistiche e monitor” e ho fatto clic sul pulsante Registri del traffico.

I registri del traffico GoDaddy non portano da nessuna parte.

Questi non sono i registri che stai cercando.

Mi ha portato a una pagina di supporto che indirizza gli utenti ad accedere alla sezione Statistiche e monitor e fare clic sul pulsante Registri del traffico.

Terribili istruzioni GoDaddy

È come un episodio di Twilight Zone. (Bambini, chiedete ai vostri genitori).

Per coloro che prestano attenzione potresti aver notato che è un ciclo infinito che porta sempre e solo a istruzioni per fare ciò che hai appena fatto .

Il tempo è denaro

Uno dei miei primi clienti voleva che trasferissi i siti di qualcuno da un host diverso (probabilmente perfettamente perfetto) a GoDaddy. Ero sconvolto. Aveva cercato di convincere le parti interessate che era una cattiva idea, ma qualcun altro di cui si fidavano ha insistito sul fatto che GoDaddy fosse la strada da percorrere, quindi erano determinati. [1]

La mossa, che avrebbe dovuto richiedere alcune ore al massimo, ha richiesto due giorni, a causa di un problema tecnico dopo l’altro. Per un cliente che stava pagando a ore per il lavoro, è stato un successo piuttosto significativo per la linea di fondo. Sono abbastanza sicuro che l’agenzia abbia perso il cliente perché erano così scontenti di quanto tempo ci voleva e dei costi crescenti.

È stata dopo quell’esperienza che ho introdotto per la prima volta una clausola “NoDaddy” nei miei contratti, specificando che non avrei lanciato nuovi siti Web su GoDaddy.

Il tuo server è la base su cui vive il tuo sito web. Puoi costruire la dimora più bella del mondo, ma se si trova sulle fondamenta della palude, avrai problemi.

GoDaddy è un incubo tecnico

La distribuzione è il processo di avvio di una modifica a un sito in modo che sia visibile al mondo. È anche il punto in cui è probabile che tutto ciò che può andare storto vada storto.

Molti sviluppatori, incluso me stesso, utilizzano processi di distribuzione automatizzati . Sto usando lo stesso sistema da molti anni e funziona bene. Posso usarlo con la maggior parte dei provider di hosting, anche su piani di hosting condivisi, che è ciò che i proprietari di piccole e medie imprese tendono ad avere.

Triumph.gif

Quando distribuisco un sacco di codice con un comando e vado a fare un pisolino.

Ma non GoDaddy.

despair.gif

Quando devo usare GoDaddy.

Di recente, dopo aver assunto un altro client GoDaddy, ho deciso di indagare per vedere se c’era un modo per aggirare il problema. Ho trascorso quattro ore a cercare di implementare un’alternativa e mi sono ritrovato vuoto. Per accedere automaticamente a un server, senza password, è necessario utilizzare qualcosa chiamato SSH che è l’abbreviazione di “Secure Shell”. Il server riceve una chiave speciale e il tuo computer riceve una chiave speciale di cui il server è a conoscenza. Quando lo script richiede l’accesso, il server esamina la chiave e, se viene riconosciuto, dice “OK, sei autorizzato a entrare”.

Per utilizzare SSH con un piano di hosting condiviso GoDaddy, DEVI utilizzare il nome utente e la password di trasferimento file principali. Ciò significa, invece di creare un utente e una password separati per lo sviluppatore, tu come cliente devi cedere le tue credenziali personali. Data la tendenza delle persone a utilizzare lo stesso nome utente e password per molti servizi diversi, ciò significa che è meglio che il tuo sviluppatore sia affidabile.

Anche dopo aver ottenuto l’accesso richiesto, alla fine, nulla ha funzionato, a causa delle restrizioni che GoDaddy ha in atto e che non ho trovato su nessun altro host. Un altro fastidio è la mancanza del software di controllo della versione [2] che viene fornito di serie su ogni altro host con cui abbia mai lavorato. [3]

Godaddyhostingsucks.com ha spiegazioni più approfondite della loro inettitudine tecnica.

Che cosa significa questo per te?

Ciò significa che ogni volta che è necessario inviare un miglioramento al server, anziché utilizzare un processo automatizzato che richiede al massimo 30 secondi, i file devono essere copiati manualmente tramite FTP (File Transfer Protocol). Questo può richiedere da alcuni minuti a un’ora. Se qualcosa va storto nel mezzo, il tuo sito potrebbe finire in uno stato in cui i file necessari sono incompleti, rendendolo inutile fino a quando il problema non viene risolto. Per un sito ad alto traffico, qualsiasi tempo morto può essere estremamente costoso.

È anche molto più difficile ripristinare le cose al loro stato precedente, qualcosa che richiede solo un comando e pochi secondi con un buon sistema automatizzato.

Ho stimato che nell’ultimo anno ho sprecato almeno 4 ore (e di solito molto più) per progetto, combattendo con i server GoDaddy. Poiché il tempo è denaro, ciò significa che qualcuno paga per quel tempo.

Anche se addebito il doppio della mia tariffa normale per il tempo trascorso a gestire un servizio orribile, non compenserebbe il tempo perso per altre cose che potrei fare, come passare il tempo con la mia famiglia invece di stare sveglio fino a tardi a sistemare le distribuzioni fallite .

E quelli sono solo i problemi tecnici.

Oltre a tutte le ragioni pratiche di cui sopra, ci sono una serie di ragioni morali per cui odio il GoDaddy.

GoDaddy ha una storia di pubblicità sessista e umiliante per le donne

Annuncio Jillian Michaels GoDaddy

Cosa stanno vendendo esattamente?

È abbastanza difficile essere una donna nel settore tecnologico. Non mi interessa sostenere le aziende che fanno soldi ritrarre le donne come oggetti e usare le tette per vendere i loro servizi. Per anni è stato Jillian Michaels di grande fama perdente a sfoggiare il nome GoDaddy attraverso un reggiseno sportivo stretto, negli spot di GoDaddy. E poi, naturalmente, c’è stata la famigerata pubblicità durante Superbowl 2012 .

The Great Elephant Killing Debacle del 2011

L’amministratore delegato di GoDaddy, Bob Parsons [4], ha pubblicato un video su YouTube di se stesso, sparando e uccidendo un elefante nello Zimbabwe. C’è stato un clamore generale sull’intera faccenda e molte persone hanno approfittato delle offerte della concorrenza per trasferire i loro servizi agli host con una visione del mondo più umana. [5]

GoDaddy supporta SOPA

SOPA è lo Stop Online Piracy Act e se ti piace avere un Internet gratuito e aperto, dovresti essere preoccupato per questo. Colorlines.com lo riassume in questo modo :

Lo Stop Online Piracy Act (SOPA) ha reso l’intera Internet in armi oggi. I sostenitori della giustizia dei media affermano che il disegno di legge è un anatema per il funzionamento di base di Internet; per un sistema basato sulla relativa libertà e connettività, SOPA funzionerebbe come avaro gatekeeper del mondo online, dando al governo il potere di chiudere del tutto i siti web.

Storie dell’orrore del servizio clienti sopra.

Ogni tanto penso: “Forse sono irragionevole qui. È davvero così male ?

Esco con molti colleghi sviluppatori su Twitter. Quindi ho inviato alcuni tweet per vedere cosa avevano da dire.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close