Perché non sono entrato in questa operazione di trading?

Dopo aver completato i nostri corsi e tutorial, la maggior parte dei trader non ha problemi a leggere i grafici e in genere possono trovare buone operazioni abbastanza facilmente. Tuttavia, sembra esserci un grande divario tra l’essere in grado di trovare buoni scambi e l’essere in grado di premere il grilletto su di essi. La prima cosa che trovo parlando con molti trader principianti e frustrati è che hanno un problema semplicemente nell’eseguire lo scambio, non nel trovarlo.

Cos’è che fa sì che le persone intelligenti che sono accurate lettori di grafici e cercatori di scambi abbiano una tale difficoltà a decidere di premere il grilletto su un’operazione perfettamente buona?

Ecco perché probabilmente non hai accettato questo scambio…

Spesso, un grande motivo per cui le persone non premono il grilletto su operazioni perfettamente buone è che semplicemente mancano di fiducia nelle proprie capacità. I trader, in particolare i principianti, spesso pensano che il trading sia molto più difficile di quanto non sia in realtà. Quindi, si rimettono in discussione quando guardano una configurazione commerciale ovvia e invece di eseguire semplicemente lo scambio, iniziano a cercarlo e a interrogarsi, perché semplicemente “non potrebbe essere così facile, vero?”

Un altro motivo per cui le persone hanno problemi a premere il grilletto su configurazioni commerciali perfettamente buone è che quando passano da denaro falso a denaro reale, le cose possono cambiare. C’è emozione quando passi ai soldi veri perché c’è qualcosa in gioco ora. Sai che potresti perdere soldi per cui hai lavorato duramente, questo può rovinare la tua mentalità di trading . Considerando che, quando facevi trading demo con denaro falso, probabilmente eri totalmente calmo e prendevi facilmente le configurazioni di trading ovvie, senza ripensamenti. Pertanto, gestire il rischio fino a un importo in dollari che ti senti a tuo agio con una potenziale perdita per operazione, è di fondamentale importanza quando inizi a fare trading dal vivo, perché devi rimuovere quanta più emozione possibile per raggiungere quella mentalità di demo-trading.

Poi, c’è il problema della “Legge di Murphy”, che sostanzialmente significa che tutto ciò che può andare storto, andrà storto. Funziona qualcosa del genere, hai avuto delle ottime chiamate / operazioni che non hai preso e poi arriva un’altra operazione simile e la scambi ed è quella su dieci che si traduce in una perdita, quindi la tua fiducia subisce un enorme successo e diventi “timido” al prossimo buon scambio, non prenderlo, e si scopre che è un vincitore. Questo può ovviamente diventare un circolo vizioso che può farti sentire frustrato e farti finire per prendere cattive operazioni ad un certo punto, perché ti arrabbi così tanto con tutte quelle buone che ti sei perso che alla fine salti su una cattiva, il che comporta maggiori perdite. È quasi comico, se non ci fossero soldi in gioco.

C’è anche qualcosa che chiamo dipendenza dal senno di poi che influisce sulla fiducia nel premere il grilletto sui mestieri. Molti trader non se ne rendono nemmeno conto, ma sono dipendenti dalla loro analisi con il senno di poi. Hanno paura di entrare in uno scambio senza essere in grado di vedere cosa succede dopo sul grafico. Questa è una grande ragione per cui generalmente non sono un fan del back-testing, ma preferisco il forward-testing, o il demo-trading in tempo reale, per testare le tue abilità prima di andare in diretta.

Come smettere di aver paura dei buoni mestieri…

Ecco alcuni passaggi che puoi fare per allenarti a uscire da queste abitudini e sconfiggere i tuoi demoni mentali…

Per liberarti dalla paura di premere il grilletto su un’operazione, devi ricordare che per fare soldi sul mercato, devi prendere il maggior numero possibile di istanze del tuo vantaggio di trading e, nel tempo, se quel vantaggio è redditizio, dovrebbe pagare. Questa è un’idea del defunto grande Mark Douglas che spiego più approfonditamente in un recente articolo che ho scritto sulla base dei suoi insegnamenti, leggilo qui .

L’idea è che dovresti negoziare le operazioni di cui sei sicuro e anche quelle di cui sei sicuro anche solo al 50%. Alla fine della giornata, quanto sei sicuro di un particolare segnale commerciale può variare notevolmente, a seconda di molte variabili, alcune delle quali probabilmente non hanno nemmeno nulla a che fare con i grafici (come è andata la tua giornata, lo stato delle tue relazioni, ecc. ).

Ora, questo non significa uscire e “spruzzare proiettili ovunque”. Si dovrebbe filtrare i commerci, ma non li over-filtrare; non convincerti che non c’è mai un trade che valga la pena fare trading. Devi filtrare ma non troppo. Dai un’occhiata a un articolo che ho scritto su come filtrare le operazioni buone da quelle negative .

L’obiettivo è essere sicuri del tuo margine di trading e sostenerti quando appare sui grafici. Dovrai pensare come un cecchino , ma non aver paura di premere il grilletto.

Alcuni passaggi che puoi fare…

  1. Se ti ritrovi a lottare per premere il grilletto, riduci la dimensione del lotto in modo che almeno ti trovi in ​​queste posizioni e senti l’influenza del denaro reale sulla linea, quindi questo ti impedirà di odiarti con il senno di poi se chiami il commercio ma non scambiarlo.
  2. Meno guardi i tuoi grafici, meno avrai tempo per pensare se è giusto o sbagliato. Fissare un grafico consentirà a chiunque di convincersi di qualsiasi cosa. Limita il tempo di visualizzazione a 15-30 minuti al giorno. Inoltre, concentrarsi sui grafici giornalieri e sul trading di fine giornata aiuterà con la psicologia del filtraggio.
  3. Non cercare solo segnali di trading a barra singola, leggi e senti il ​​grafico da sinistra a destra. Pensa a un grafico come leggere un libro da sinistra a destra; devi sapere cosa è successo nella pagina precedente per sapere cosa sta succedendo nella pagina corrente e per fare un piano per quello che potrebbe succedere dopo. Il mercato è un libro in corso, essendo scritto mentre parliamo, è importante sapere quale immagine viene dipinta dal mercato.

Nell’esempio del grafico giornaliero GBPJPY qui sotto, non c’era niente da fare durante questo periodo gigantesco di dati ma una volta ottenuto quel pin potevamo leggere cosa era successo; consolidamento, falsa rottura, conferma (segnale pin bar). Non entreremo nei dettagli qui, ma abbiamo visto un falso segnale di rottura sul GBPJPY, coloro che erano short sono stati catturati short, e questo pin era un segnale e la copertura short che ne è seguita, ha alimentato la corsa al rialzo.

Il segnale in sé è una conferma, ma per avere più fiducia dobbiamo leggere cosa è successo da destra a sinistra…Il segnale è la LUCE LAMPEGGIANTE, poi vai a leggere cosa è successo sul grafico…

L’analisi dell’azione del prezzo non riguarda solo i segnali di una singola barra, ma riguarda la lettura dei grafici e la lettura della “storia” che l’azione del prezzo ti sta raccontando da sinistra a destra, proprio come le pagine di un libro. Ho dedicato un’intera sezione del mio corso di trading professionale  a questo potente concetto e per molti dei miei studenti questo è stato il momento “ah ah” nella loro carriera di trading. Dare un’occhiata a un grafico dei prezzi, essere in grado di leggerlo come una lingua e anticipare con sicurezza la prossima mossa dei mercati è un’abilità a cui tutti i trader dovrebbero aspirare.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: