Lo stack di marketing determina l’infrastruttura prima del contenuto

Il successo in un canale multimediale guadagnato come la ricerca organica dipende dai contenuti. In particolare, sulla produzione di contenuti utili che hanno la capacità di classificare. Google ha concentrato i suoi recenti aggiornamenti algoritmici in gran parte sulla promozione di ottimi contenuti e collegamenti naturali e sulla penalizzazione dei contenuti deboli con collegamenti senza scrupoli (vedi anche: Medic, BERT e i suoi predecessori legacy come Panda, Penguin e Hummingbird).

ISCRIVITI ALLE NOSTRE MAILING LIST PER IMPARARE TRUCCHI MAI VISTI SUL MARKETING, SEO E GUADAGNO ONLINE!

Ma poiché i professionisti SEO danno la priorità ai consigli sui contenuti, alla ricerca di parole chiave e alle strategie di acquisizione dei link (i fattori più immediati nell’ottenimento delle classifiche), rischiano di svalutare i cambiamenti tecnici – inclusa la velocità del sito – che fanno assolutamente guadagnare più denaro ai loro clienti organici esistenti.

Nessun contenuto o iniziativa di canale funziona senza infrastruttura (ovvero siti Web veloci) e analisi. Sono fondamentali per il successo del marketing digitale.

Il content marketing è innegabilmente efficace nel far classificare i siti nei motori di ricerca, il che potrebbe saziare la curiosità di un cliente su ciò che SEO può fare per la loro visibilità. E potresti anche essere in grado di ottenere un posizionamento lento dei siti lenti, ma la mancanza di attenzione alle infrastrutture alla fine tornerà a perseguitarti nei tassi di conversione.

Studio della velocità del sito

L’invio di potenziali clienti generati da buoni contenuti a siti Web con esperienze lente erode la fiducia letteralmente dal secondo.

Il nostro ultimo aggiornamento sullo studio della velocità del sito ha esaminato 10 siti Web che coprono una serie di settori e 26.000 pagine di destinazione diverse, con prestazioni che vanno da pagine estremamente lente (fino a 9 secondi) a estremamente veloci (meno di un secondo).

I risultati hanno mostrato che ogni secondo in cui puoi radere dalla velocità di caricamento della tua pagina si ottengono intensi vantaggi del tasso di conversione che sfidano le differenze nei verticali o negli approcci di vendita.

Le pagine caricate in meno di un secondo sono state convertite a una velocità circa 2,5 volte superiore rispetto alle pagine caricate più lentamente di cinque secondi o più.

Ma i guadagni non erano limitati alle pagine veloci e lente. Anche la differenza nei tassi di conversione tra pagine “veloci” (tempi di caricamento di due secondi) e pagine “molto veloci” (meno di un secondo) era più del doppio. Questo mi porta al prossimo punto.

Gli utenti richiederanno siti ancora più veloci

Abbiamo condotto questo sondaggio per la prima volta nel 2014 e, rispetto ad oggi, la differenza tra siti “molto veloci” e siti “veloci” non era così netta come lo è ora. Quando lo eseguiremo di nuovo tra cinque anni, ci aspettiamo che la differenza sia ancora più drammatica. Perché? Adozione 5G.

Il rapporto sulla mobilità di Ericsson, pubblicato nel novembre dello scorso anno, prevedeva che la copertura del 5G avrebbe coperto il 65% della popolazione mondiale nel 2025 .

Un altro studio condotto da Parks Associates lo scorso aprile mostra che, mentre l’adozione di Internet da parte di gigabit è rallentata negli Stati Uniti, l’adozione a banda larga in tutto il mondo dovrebbe raggiungere un miliardo di famiglie in tutto il mondo entro il 2023 .

Quando si tiene conto di entrambe queste tendenze, l’unica cosa che limita l’esperienza di un utente mobile o desktop sarà una scarsa infrastruttura Web.

Dare priorità alla velocità del sito

Se hai letto fino a questo punto, concorderai che i vantaggi del tasso di conversione di un sito veloce sono significativi e la domanda del mercato per esperienze utente veloci si sta espandendo rapidamente. Ma quali passi pratici dovresti adottare per una maggiore velocità della pagina e quali di questi passaggi dovresti dare la priorità?

Moz, ovviamente, ha un’ottima guida sulle migliori pratiche relative alla velocità della pagina . Da quell’elenco, hai i seguenti consigli:

  • Abilita la compressione
  • Minimizza JavaScript, CSS e HTML
  • Ridurre i reindirizzamenti
  • Rimuovere JavaScript che blocca il rendering
  • Sfrutta la memorizzazione nella cache del browser
  • Migliora i tempi di risposta del server
  • Utilizzare una rete di distribuzione del contenuto (CDN)
  • Ottimizza immagini e video

Se dovessi riordinare tali consigli in termini di difficoltà di implementazione per il marketer di ricerca medio e impatto sulla velocità del sito, probabilmente andrebbe qualcosa del genere:

Bassa difficoltà, basso impatto

Ottimizza immagini e video

Gli esperti di marketing di qualsiasi livello possono installare un plug-in WordPress come Smush e ridurre automaticamente le dimensioni di qualsiasi immagine caricata in un contenuto nuovo o esistente. Consente di risparmiare una notevole quantità di tempo quando ogni immagine di una pagina viene adeguatamente dimensionata e compressa.

Minimizza JavaScript, CSS e HTML

La minimizzazione del codice è un’altra vittoria rapida. Ci sono molti strumenti là fuori che minimizzano il codice, come minifycode.com . Questi strumenti essenzialmente eliminano tutti gli spazi nel codice, il che consente di risparmiare qualche chilobyte di dimensione qua e là. Questi si sommano in un’intera esperienza. Potrebbe essere necessario uno sviluppatore per implementare queste modifiche, ma chiunque può copiare e incollare il codice negli strumenti e inviare la versione ridotta al team che esegue il lavoro.

Rimuovere JavaScript che blocca il rendering

La migrazione a una piattaforma di gestione dei tag come Google Tag Manager può togliere il peso JavaScript dalle tue pagine e metterle in un contenitore in cui possono essere caricate più velocemente o più lentamente di cui hanno bisogno senza compromettere il resto del contenuto o della funzionalità della pagina . I Tag Manager sono davvero facili da usare anche per persone non tecniche!

Media difficoltà, medio impatto

I tre consigli seguenti possono essere un po ‘più difficili a seconda di chi gestisce il CMS o il server Web esistente. Potrebbe essere facile come fare clic su una casella di controllo o difficile come scrivere regole di reindirizzamento personalizzate sulla configurazione. Probabilmente dovrai consultarti con uno sviluppatore IT e / o web per farlo.

Ridurre i reindirizzamenti

La maggior parte dei SEO può inoltrare una mappa di reindirizzamento URL a un client o a un stakeholder interno per determinare facilmente i reindirizzamenti lato server. Ma alcuni siti includono schemi di reindirizzamento lato client più complicati che utilizzano JavaScript. Lavorare con uno sviluppatore front-end per affrontare le modifiche ai reindirizzamenti basati su script può essere complicato se quei file JS influiscono sulla funzionalità del sito in altri modi materiali.

Abilita la compressione

Abilitare la compressione in Apache o IIS è un processo piuttosto semplice, ma richiede l’accesso ai server e ai file htaccess su cui le organizzazioni IT sono riluttanti al controllo degli esperti di marketing.

Sfrutta la memorizzazione nella cache del browser

Allo stesso modo, la memorizzazione nella cache del browser delle risorse del sito Web che non cambia molto spesso è facile da eseguire se si ha il controllo del file htaccess. In caso contrario, esistono plug-in o estensioni di memorizzazione nella cache per varie piattaforme CMS che gli esperti di marketing possono installare per gestire queste impostazioni.

Alta difficoltà, alto impatto

Migliora i tempi di risposta del server

I modi più comuni per migliorare i tempi di risposta includono la ricerca di un servizio di hosting web più affidabile, l’ottimizzazione dei database che forniscono funzionalità al sito e il monitoraggio degli utilizzi di PHP. Ancora una volta, tutte queste cose rientrano nell’ambito IT e richiedono l’esecuzione di ulteriori processi decisionali e costi.

Utilizzare una rete di distribuzione del contenuto (CDN)

L’adozione di una CDN può richiedere molto tempo, denaro (centinaia o migliaia di dollari al mese per dominio a seconda del traffico del sito) e richiedere competenze che il marketer o il consulente medio non deve abilitare. Ma se riesci a farlo, gli studi suggeriscono che Google sta misurando il tempo al primo byte come fattore di classifica e i profitti possono essere enormi.

Godspeed, a tutti!

Spero che questo ti spinga a uscire e fare progressi sulle iniziative di velocità del sito nella tua organizzazione o per i tuoi clienti. Non solo vale la pena dal punto di vista commerciale, ma rende attivamente Internet un posto migliore per la persona media. Queste sono entrambe le cose di cui ogni operatore di ricerca può essere orgoglioso.