Cerca

Perché evitare Bluehost come provider di Web Hosting

Introduzione:

Logo Bluehost - evita Bluehost - recensione negativa di BluehostEro un cliente Bluehost. Questo stesso sito web è stato ospitato su un server Bluehost per i primi sei mesi della sua esistenza. A partire da ora, non è più così. Ora sto scrivendo una recensione negativa su Bluehost. Per quanto riguarda la forma di questa recensione negativa di Bluehost, vorrei dirti cosa è successo a questo sito (e a me) che ha definitivamente allontanato la mia attività da Bluehost (e, solo per sicurezza, lontano da tutte le altre società ai sensi dell’EIG anche ombrello ).

D’ora in poi, a causa delle loro incoerenti prestazioni del server, possibilmente pratiche di servizio losche e assistenza ai clienti estremamente scadente, eviterò Bluehost e incoraggerò qualsiasi sviluppatore web a leggere questo per evitare anche Bluehost.

Il meglio di Bluehost:

Quando ho aperto questo sito Web, mi sono affidato fortemente alla ricerca basata su Google per scegliere il mio hosting. Questo mi ha portato ad articoli di vari SEO autoproclamati e guru del blog che raccomandavano fervidamente Bluehost come scelta. All’epoca, non sapevo che la maggior parte di quegli articoli fossero stati creati appositamente per generare denaro di affiliazione per i “guru” in questione.

All’epoca non ero a conoscenza del fatto che ci fossero forum online (come / r / webhosting e Web Hosting Talk ) in cui le persone che devono effettivamente lavorare con diverse opzioni di hosting si riuniscono e discutono l’argomento, sostenendo quasi universalmente le persone per evitare EIG aziende e così per evitare Bluehost.

Certo, all’inizio, non ero scontento di Bluehost. Con promozioni e un lungo periodo di iscrizione, il costo mensile del loro hosting di basso livello era a buon mercato. E sembrava essere funzionale per la maggior parte, anche se c’erano occasionalmente (e senza preavviso) intervalli casuali di più giorni con tempi di inattività da qualche parte tra 5 e 60 minuti al giorno.

Notifiche di interruzione Jethost Bluehost - evitare Bluehost - recensione Bluehost negativa

Fig. 1: Alcune email che ho ricevuto quando Bluehost era al suo meglio

Ma giorno per giorno, Bluehost andava generalmente bene. Certo, le pagine dei loro account erano essenzialmente grandi elenchi di annunci per tutti i tipi di componenti aggiuntivi, estensioni, aggiornamenti e altro; e, certamente, nonostante l’enormità dell’azienda la loro linea telefonica di assistenza clienti spesso aveva periodi di attesa di almeno 20 minuti; ma le persone potevano accedere ai miei contenuti e, anche se non è mai stato velocissimo, è sembrato abbastanza veloce per un blog WordPress auto-ospitato più o meno ottimizzato.

Il peggiore di Bluehost:

Una bella domenica mi sono svegliato e ho aperto il mio sito. Si è aperto bene, ma quando ho provato a navigare in uno dei miei articoli (i contenuti che avevano meno probabilità di essere già per lo più memorizzati nella cache), ho notato che il sito si caricava incredibilmente lentamente.

Ora, il mio computer non è incredibilmente veloce, quindi ho fatto quello che chiunque poteva fare: ho aperto Google PageSpeed ​​Insights, WebPageTest.org, Pingdom e GTmetrix e ho testato alcuni dei miei articoli in tutti. Da questi test ho appreso due cose: (1) i miei articoli impiegavano fino a 25 secondi per caricarsi e (2) il maggior dispendio di tempo (di oltre il 90%) era ottenere una risposta dalla prima richiesta al server.

Ora, se non hai davvero lavorato molto con i siti Web, 25 secondi potrebbero non sembrare terribilmente lunghi. Ma questo è un tempo di caricamento orrendamente lungo – così male che è quasi garantito che inizi immediatamente a influenzare negativamente tutto, dalle visite alla fidelizzazione dei visitatori alle classifiche dei motori di ricerca. La maggior parte delle pagine Web funzionali si carica in un paio di secondi al massimo. E il giorno prima, tutti i miei articoli avevano navigato insieme a velocità di caricamento tipiche che variavano da 1 a 4 secondi.

Cascata dei risultati di Pingdom - evita Bluehost - recensione negativa di Bluehost

Fig.2: Risultati pingdom tipici della prima settimana di aprile: puoi vedere questi risultati archiviati qui

A questo punto, ero ancora pienamente preparato a pensare di aver fatto qualcosa di sbagliato. Ma non sapevo cosa avrei potuto fare. Non avevo apportato alcuna modifica al sito nelle precedenti 24 ore per giustificare questo improvviso cambiamento. Non avevo aggiunto alcun nuovo contenuto, né aggiornato nulla, né modificato alcun codice, né installato alcun plug-in, né. . . fatto di tutto. E nessuno dei miei strumenti e delle mie statistiche indicava qualcosa di simile a un attacco. Quindi ho verificato lo stato del server nel mio account Bluehost: diceva che tutto era a posto.

Ho pensato che forse era un colpo di fortuna, e si sarebbe risolto presto. Ma solo per essere al sicuro, ho contattato l’assistenza telefonica di Bluehost. Il socio dall’altra parte ha detto qualcosa su come i database possono essere rimescolati dopo essere stati sul server per un po ‘, ma che l’aveva risolto e dovrebbe essere meglio presto. La risposta mi sembrò forse un po ‘una mezza verità piena di gergo intesa a sbarazzarmi di me, ma se il sito avrebbe funzionato sarei stato contento, quindi l’ho ringraziato e ho riattaccato.

The Very Peor of Bluehost:

Questa è la parte in cui sono iniziate le cose che mi hanno ispirato non solo a evitare Bluehost, ma a scrivere questa recensione negativa su Bluehost, consigliando a chiunque la legga di evitare Bluehost. Il giorno successivo il problema persisteva (in effetti stavo registrando i tempi di caricamento di tutto da 11 a 45 secondi!), Quindi ho chiamato nuovamente Bluehost. Il collaboratore dell’assistenza tecnica al telefono questa volta non ha trovato una soluzione definitiva per me e ha invece sostenuto che dedico un po ‘di tempo a ottimizzare meglio il sito.

Un po ‘scontento di quella risposta, l’ho ringraziato e ho riattaccato. Non l’ho contraddetto dicendogli che il sito aveva funzionato perfettamente allo stato attuale la settimana precedente, poiché ero ben consapevole che aveva ragione in una certa misura: il sito avrebbe potuto essere ottimizzato in qualche modo meglio. Quindi mi misi al lavoro riducendo le domande; compressione di immagini; specificando le dimensioni dell’immagine; fornendo immagini che non necessitavano di essere ridimensionate; minimizzare file javascript, HTML e CSS; disinstallare plugin non necessari; tagliare le immagini non necessarie nella barra laterale e nel piè di pagina; e ritagliando tutti i widget di condivisione social tranne uno.

Immagine ben ottimizzata - evita Bluehost - recensione negativa di Bluehost

Fig. 3: Una dimostrazione poco pratica

Qual è stato il risultato dei miei molteplici e noiosi giorni di ottimizzazione? Nessun effetto sui tempi di caricamento. I tempi, infatti, sono rimasti irregolari, a volte apparentemente ragionevolmente bassi e poi tornando a numeri enormi. In effetti, la media sembrava essere leggermente aumentata, a quasi 30 secondi. A questo punto mi stavo preoccupando per il mio sito. Il numero dei visitatori stava precipitando; era in uno stato che era insolitamente, insopportabilmente e non commercialmente lento; e sapevo che sarebbe passato solo un breve lasso di tempo prima che iniziasse a influenzare le mie classifiche dei motori di ricerca.

Quindi, armato della consapevolezza che l’ottimizzazione non era la risposta a questo picco bizzarro e improvviso nei tempi di risposta del server, ho cercato di nuovo di supportarlo. Dopo aver spiegato l’intera situazione, l’addetto al telefono ha detto che non stava vedendo una soluzione semplice al problema da parte sua e ha rinviato il caso a un ticket di supporto in modo che un tecnico più capace potesse dargli un’occhiata. Sono stato gratificato al pensiero di una persona qualificata che ha esaminato il mio problema e fornito una soluzione.

The Unredeemable, Absolute Worst of Bluehost:

Quello che è successo dopo è stato il primo dei tre scioperi che mi ha portato a evitare Bluehost e scrivere questa recensione negativa su Bluehost. Il giorno dopo ho ricevuto una risposta via email da uno dei loro tecnici. Tutto ciò che conteneva era una frase che mi diceva di ottimizzare il mio sito, con un link ai risultati GTmetrix per la mia homepage e nient’altro. . .

Questo “tecnico qualificato” mi aveva inviato una risposta frustrante e inutile. Avevo usato GTmetrix e molti altri servizi per monitorare la situazione e ottimizzare il sito per tutta la settimana. Così ho presentato un nuovo ticket di supporto, spiegando la mia situazione in dettaglio con schermate di riferimento e una sequenza temporale completa. Il secondo avvertimento che mi ha portato a evitare Bluehost e scrivere questa recensione negativa su Bluehost è stato quando non hanno risposto a quell’email per almeno due giorni (punto di ordine: non hanno mai risposto a quel ticket di supporto – tecnicamente, suppongo, che supporto il biglietto è ancora aperto ).

Email di "supporto" di Bluehost - evitare Bluehost - recensione negativa di Bluehost

Fig. 4: un’e-mail insoddisfacente da un professionista del server autoproclamato

Quindi, a questo punto, il mio sito, nel quale avevo riversato migliaia di ore di sforzi, ricerca, scrittura e design, non funzionava da sette giorni consecutivi. E ora Google Search Console aveva iniziato a fornirmi avvisi sulle pagine indicizzate con risposte lente, avvisandomi che “verificai problemi con il mio server”. Così ho deciso di chiamare l’assistenza, spiegare con calma cosa stava succedendo e rimanere in linea fino a quando non ho avuto una risposta diretta sul perché il server stava rispondendo a una velocità così ridicolmente lenta.

Ho chiamato e ho aspettato, e poi ho spiegato la mia situazione. Nonostante abbia detto al membro del personale di supporto che ciò era accaduto improvvisamente dopo mesi di normali tempi di caricamento, e nonostante tutte le prove da (ora cinque, contando la console di ricerca) fonti separate mi dicevano che il problema era con il server, il personale membro ha insistito sul fatto che l’ottimizzazione era il problema. Gli ho detto che questa non poteva essere la risposta e ho aggiunto le informazioni supplementari che avevo ottimizzato in modo esauriente l’ottimizzazione per diversi giorni durante la settimana senza alcun effetto misurabile.

Ha brevemente conferito a un supervisore (o almeno me lo ha detto), poi è tornato e ha ribadito che l’ulteriore ottimizzazione era l’unica soluzione. A questo punto ha fatto quello che ritengo essere la manovra imperdonabile, e il terzo e ultimo sciopero che mi ha portato a evitare Bluehost e scrivere una recensione negativa su Bluehost: ha menzionato, come fatto potenzialmente correlato, che ero a un livello basso pianificare e che Bluehost possa fornire migliori opzioni di hosting o facilitare l’acquisto di un servizio per accelerare il sito (non ricordo se si trattava di una società di sviluppatori che avrebbe controllato il sito, o un CDN o qualcos’altro).

Quella fu l’ultima goccia. Nel mezzo di una serie di risposte di supporto inutili, dopo una settimana di rottura del mio sito e mentre mi veniva mentito in modo trasparente (o forse solo per essere stato trattato da uno staff di supporto tecnico che conosce meno dell’hosting di me) un rappresentante del mio provider di hosting ha insinuato che dare loro più denaro potrebbe risolvere il problema. Ho deciso allora e là di lasciare indietro Bluehost ed evitare Bluehost per sempre. Quella stessa notte, ho acquistato l’hosting da una società non EIG e ho avviato la migrazione del mio sito sul nuovo server host. (Per inciso, più tardi quella settimana ho anche spostato il mio dominio in un registrar diverso e ho avviato una cancellazione del rimborso del mio account Bluehost – in tutta onestà dovrei menzionare che Bluehost ha elaborato la mia cancellazione e il rimborso in modo rapido ed efficiente.)

Risultati Pingdom - evita Bluehost - recensione negativa di Bluehost

Fig. 5: Sei test, tutti dalla stessa area server – per riferimento, la mia migrazione dell’host è avvenuta il 5 aprile

Ora, dopo tutto ciò, potrebbe ancora essere il caso che il problema con il sito fosse da parte mia? Bene, forse per qualche miracolo che potrebbe essere vero, ma le prove indicano il contrario: i test Pingdom archiviati sopra (di quella stessa pagina dalla Figura 2 — puoi usare lo stesso link per confermare questo grafico), ad esempio, mostra un cambia da 20 secondi a 2 secondi quando si passa da Bluehost a un provider non EIG. E se hai paura che stia raccogliendo i risultati di una pagina per questi elementi visivi, non esitare a notare che questa è la stessa storia raccontata dalle classifiche in tutti questi archivi, incluso questo , questo , questo , questo , questo uno , questo e questo.

Questo mi porta a credere che tutti gli strumenti che stavo usando fossero corretti nella segnalazione dei problemi del server. L’unica modifica è stata l’hosting e il mio nuovo piano ha caratteristiche e limiti d’uso quasi identici (nessuno dei quali ero lontanamente vicino all’approccio con nessuno dei due host). Ma a parte il mio problema specifico, la pessima qualità del loro supporto sarebbe stata sufficiente a farmi evitare Bluehost in entrambi i casi.

Conclusione:

Quindi, perché dovresti evitare Bluehost? Perché nel migliore dei casi mi hanno offerto un hosting incoerente, mi hanno incoraggiato ad ogni turno e hanno sperimentato tempi di inattività inspiegabili, mentre nel peggiore dei casi hanno rovinato la mia connessione, mi hanno mentito (o hanno dimostrato profonda ignoranza tecnica) e hanno tentato di vergognarmi nel risolvere il problema acquistando un aggiornamento o un componente aggiuntivo.

Poiché so che molti lettori saranno curiosi, se vuoi davvero sapere dove è ospitato questo sito, menziono e (affiliato) il link alla nuova società nel mio articolo aggiornato sulle basi di avvio di un sito web di blog . Ma non sto citando o collegando direttamente ad esso – o qualsiasi altra raccomandazione singolare – in questo articolo. Non voglio che tu pensi che ho scritto tutto questo come parte di una sorta di stratagemma di marketing con recensioni negative con un collegamento a uno dei concorrenti di Bluehost alla fine. L’unico scopo di questo articolo è di spiegare le mie esperienze e di sostenere, se possibile, di evitare Bluehost (e tutti i marchi EIG ).

Ma non crederci sulla parola! Questa è solo una recensione negativa di Bluehost. Fai le tue ricerche e trascorri un po ‘di tempo a navigare in quei forum che ho menzionato sopra prima di prendere una decisione di hosting per te stesso. Non ve ne pentirete prendere il vostro tempo, ma vi pentirete correre in affari con un cattivo ospite.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close