Cerca

Occupato non è la stessa cosa di Esaurito

Il burnout non è certo un fenomeno nuovo di zecca, ma è un problema che è stato esacerbato dalle opportunità autonome dell’economia online. Poiché siamo praticamente tutti connessi a Internet in un dato momento e i costi di avvio per un business online sono praticamente nulli, chiunque può farlo. O almeno chiunque può provare a farlo.

HAI BISOGNO D'AIUTO?

CONTATTACI COMPILANDO IL FORM SOTTO:


Non può costare quasi nulla per avviare un blog, entrare per la prima volta in affiliate marketing o lanciare un canale YouTube. E il potenziale rialzo è teoricamente senza limiti. Con una sola pentola virale, potresti colpire il proverbiale jackpot e farsi una doccia di fama e fortuna oltre i tuoi sogni più sfrenati. Tranne quando lavori per te in questo modo, piuttosto che cronometrare le ore in un lavoro tradizionale in un’azienda tradizionale, non sei mai fuori tempo.

C’è sempre qualcosa che potresti fare per far crescere la tua attività. Potresti passare del tempo sulla ricerca per parole chiave. Potresti scrivere un altro post sul blog. E nel caso di qualcosa come l’algoritmo di YouTube, ti sembra che tu debba creare contenuti nuovi di zecca costantemente e coerentemente se vuoi rimanere nelle loro grazie. Ciò ha portato a un problema crescente tra le fiorenti superstar di YouTube.

Stanno bruciando. YouTuber Matt Lees ha detto che “il lavoro più divertente che si possa immaginare è diventato profondamente cupo”. Il Markegloy del Telegraph sottolinea che “i creatori si sentono bruciati dalla pressione di inseguire i successi e intrattenere un pubblico infinitamente esigente.” Elle Mills esplose sulla scena e ha proclamato che “questo è tutto [lei] mai voluto” e tuttavia “l’ansia e la depressione continuano a peggiorare”.

Ha 19 anni o almeno lo era quando ha pubblicato il video sulla sua esperienza con il burnout.

Di conseguenza, le persone hanno affermato che YouTube sta fallendo i suoi creatori quando si tratta di combattere questa cosiddetta “crisi del burnout”.

Questo problema non è certamente limitato solo agli utenti di YouTube. Se vuoi avere un blog di successo, uno dei principali principi del successo è che devi pubblicare regolarmente e in modo coerente. Non vi fa alcun favore se scrivete una raffica di contenuti che inonda il vostro blog per alcuni giorni, solo per lasciarlo con i tumbleweed per settimane a seguire. Hai bisogno di nuovi contenuti. Tutto il tempo. Non finisce mai.

E devi anche interagire con il tuo pubblico sul tuo blog e sui social media. C’è questa costante pressione e senso dell’obbligo, perché hai la sensazione che se mai rallenterai, questo castello di carte crollerà e non sarai in grado di fare nulla con i pezzi rotti. Il treno del sugo avrà lasciato la stazione. Almeno, questa è la paura. Ed è legittimo.

Vedi quel ragazzo lì? Assomiglia ad un ragazzo con unità, ambizione e motivazione. È uno spaccone, un archetipo che siamo venuti per adorare tra i professionisti moderni. Lui è il ragazzo che è disposto a mettere le ore in più e correre quel miglio in più per portare a termine il lavoro.

E se è contento di fare tutto quel lavoro, se è felice di fare tutto quel lavoro extra, allora è sicuramente un ragazzo molto impegnato. Ma lui non è bruciato. Solo perché sei molto occupato, fare qualunque cosa tu faccia, non significa che stai bruciando. Se ti alzi ogni mattina e sei ancora molto motivato a fare la cosa, se sei ancora molto impegnato con il compito a portata di mano, non sei esaurito.

Contrasta quell’esperienza con qualcuno come questo.

Forse una volta ti sei divertito a postare video giornalieri su YouTube. Forse quel diluvio di vedute e simpatie e commenti ha mandato un afflusso di endorfine attraverso il tuo cervello, ti ha riempito di pensieri e sentimenti felici che ti spingevano a fare tutto da capo, giorno dopo giorno, tutti i giorni.

Ma ad un certo punto, quella cosa che è stata divertente e gratificante diventa solo un altro obbligo frustrante. Non ti vuoi alzare la mattina per fare la cosa. Ti senti come se dovessi farlo, piuttosto che vuoi farlo. E anche se pensi di doverlo fare, è difficile trovare l’energia e concentrarti per farlo, che si tratti di un nuovo video, di un nuovo post sul blog, di una nuova campagna di marketing di affiliazione creativa o di qualsiasi altra cosa.

Capisco. Ognuno ha i suoi giorni e siamo estremamente fortunati a guadagnarci da vivere facendo Internet facendo ciò che amiamo. Ma se quei giorni duri cominciano davvero a superare il bene, se sei più impegnato e hai solo voglia di raggomitolarti in una palla nell’angolo e arrenderti, è il burnout.

La risposta è prendersi una pausa? Può essere. Forse una risposta migliore è capire che puoi rimuovere te stesso dall’equazione, ridimensionando il tuo business online in modo che possa funzionare con o senza di te. Forse la risposta è trovare un modo per raggiungere lo stile di vita di dot com. Può essere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.