Cerca

Ma che cosa hai intenzione di fare a riguardo?

Di là da dietro la retorica, ho scritto su alcuni dei detti più comuni che mi infastidiscono. Le parole contano Ad esempio, mi infastidisce molto quando la gente dice qualcosa come “è il mio venerdì” di mercoledì. Scusa Irene. Solo perché lavori su un programma non tradizionale non significa che puoi rinominare e ridefinire i giorni della settimana. Se così fosse, come scrittore freelance indipendente e blogger professionista, ogni giorno della settimana è il mio lunedì e il mio venerdì.

E un’altra di quelle frasi che mi infastidisce davvero (ma per una ragione completamente diversa) è “è quello che è”. L’hai sicuramente sentito. Potresti averlo detto anche tu stesso; So di avere. Ma mi infastidisce, perché perpetua questa diea che sei solo una vittima indifesa e sfortunata. Quella vita è semplicemente qualcosa che ti succede e tu sei solo un agente passivo in tutta questa faccenda.

Questo semplicemente non è il caso. Non puoi semplicemente scrollare le spalle e rinunciare così facilmente. Se lo fai, giocherai sempre il ruolo della vittima e non sarai mai in grado di cambiare le tue circostanze. Prendi le redini. Avere il controllo del proprio destino

Ora, non sto dicendo che tutti iniziano con le stesse opportunità e le stesse circostanze. Alcune persone iniziano sicuramente con una gamba su tutti gli altri e alcune persone provengono da una situazione molto più impegnativa. Non è giusto. La vita non è giusta Ma questo non significa che dovresti semplicemente scrollare le spalle con un atteggiamento disfattista e dire “Ma cosa hai intenzione di fare al riguardo?”

Perché è esattamente la cosa. Cosa * stai * intenzione di fare al riguardo? Questa è davvero la domanda chiave qui, in quanto aiuta a illustrare la differenza tra colpa e responsabilità. Potrebbe non essere colpa tua se sei cresciuto in un quartiere meno che desiderabile. Non è colpa tua se non sei nato con un cucchiaio d’argento in bocca. Ma ora è tua responsabilità, come adulto a pieno titolo, fare qualcosa al riguardo.

Riconosci ciò che puoi controllare e concentrarti su quello. Ecco un esempio eccellente.

Ho praticamente zero conoscenze nautiche di sorta. Se dovessi accettare l’atteggiamento disfattista di “è ciò che è” o “cosa farai a riguardo”, accetterei semplicemente la mia ignoranza e presumo che non saprei mai nulla delle barche o della vela di sempre. Certo, riconosciamo tutti che questo è sciocco. Potrei leggere libri, seguire un corso, guardare video di YouTube … ci sono molte opportunità per imparare.

Facendo un ulteriore passo avanti, penso che tutti possiamo essere d’accordo sul fatto che, in quanto essere umano, non ho alcun controllo su dove soffia il vento. Vuol dire che non ho il controllo su quale rotta la nave salpa? Di nuovo, ovviamente no. Non conosco le specifiche di come funziona (se lo sai, mi illumini nei commenti qui sotto), ma hai la possibilità di impostare e regolare le vele in qualsiasi modo desideri.

In questo modo, mentre non puoi controllare il vento, puoi controllare (in una certa misura) dove vuoi che la tua barca a vela vada. Se fossimo sempre alla completa e totale pietà del vento, tutte quelle navi nel corso degli anni non sarebbero mai potute andare dove volevano andare. Colombo non sarebbe mai arrivato al Nord America e probabilmente non sarei qui a digitare queste parole.

Se ti trovi in ​​una linea di pensiero “cosa hai intenzione di fare in proposito?”, Prendi la domanda alla lettera. Potrebbe essere o non essere colpa tua se Google ha sbattuto il tuo sito nel dimenticatoio. Ora, è tua responsabilità raccogliere i pezzi e riprovare.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close