Cerca

Legge di Parkinson: lavorare al tuo limite di tempo

Di gran lunga uno dei più grandi benefici per vivere lo stile di vita di dot com è che puoi impostare il tuo programma. Hai il tempo di lavorare liberamente su ciò che vuoi, quando vuoi, dove vuoi. Ma come ci ha detto tanti anni fa il caro vecchio zio Ben, con un grande potere derivano grandi responsabilità.

Vedi, ecco la cosa. Quando lavori in un’azienda più tradizionale e lavori in modo più convenzionale per guadagnare il tuo stipendio regolare, è facile lasciare il lavoro al lavoro. Riconosco che con l’avvento delle e-mail e delle app di lavoro remote questo non è sempre il caso, ma almeno in teoria puoi “svegliare” alle 9 di mattina e “svegli” alle 5 di sera. Quelle sono le tue ore.

Freelance, blogging, Internet marketing e lo stile di vita delle dot com sono diversi. In teoria, mentre lavori su quello che vuoi, quando vuoi, dove vuoi, puoi teoricamente lavorare 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Internet non si spegne mai e non ha “orari di lavoro regolari”. C’è sempre qualcosa da fare, quindi potresti sentirti obbligato a farlo.

La scrittura e le sue cose?

Siamo un po ‘più specifici. Diciamo che vuoi auto-pubblicare un libro. Se questo è un progetto secondario per te, potresti decidere di “lavorarci sopra quando avrò tempo”. Senza una scadenza definitiva e senza un piano fisso per quanto pianifichi di fare ogni giorno, settimana o mese , questo “progetto parallelo” potrebbe essere calciato sempre più lontano lungo la strada.

Questo è esattamente quello che è successo con me sia per Beyond the Margins che Beyond the Baby Babble. Perché l’ho lasciato aperto, ci avrei lavorato su qualche volta e la data di pubblicazione “stimata” continuava a muoversi sempre più in basso nel calendario.

 

Più tempo, più problemi

Questo è un esempio di quella che viene chiamata la legge di Parkinson. Prende il nome dallo scrittore britannico del XX secolo Cyril Northcote Parkinson, e da non confondere con la malattia di Parkinson (dal nome del medico inglese del XIX secolo James Parkinson), la legge di Parkinson afferma che “il lavoro si espande per riempire il tempo disponibile per il suo completamento”. In altre parole , concediti più tempo per fare qualcosa e vedrai automaticamente come riempire tutto quel tempo facendo quella cosa.

Ecco una buona visuale per aiutarti a capire meglio questo principio. Quando sei uscito per la prima volta dalla tua casa di famiglia, forse ti sei trasferito in un dormitorio universitario. Avevi la tua camera da letto, ma avevi condiviso lo spazio di vita con altri studenti. Dopo il college, ti trasferisci nel tuo appartamento e improvvisamente hai il tuo salotto, la cucina e la sala da pranzo. Comprate gli arredi per riempire quello spazio. Dopo esserti sposata, ti trasferisci in una casa di partenza con la tua dolce metà con altre camere da letto e uno spazio di vita più grande, così comprerai più cose per riempire quello spazio.

Mentre ascendi nei ranghi del sontuoso stile di vita delle dot com e acquisti una villa da 5.000 piedi quadrati, improvvisamente hai molto più spazio personale di quanto tu non abbia mai avuto prima. Quindi, lo riempi con più mobili e più cose. Come hai acquisito più spazio, hai più cose per riempire quello spazio. Il tempo funziona allo stesso modo. Concediti il ​​tempo e lo riempirai senza pensarci davvero.

 

Dove sono quei rapporti TPS?

Quindi, cosa significa questo dal punto di vista della produttività e dell’efficacia? Come ho detto prima, non c’è niente di più motivante di una scadenza imminente … anche se quella scadenza è completamente arbitraria e completamente autoimposta.

Il modo per contrastare gli effetti della legge di Parkinson è decidere in anticipo esattamente quanto tempo si vuole dedicare a un determinato compito o progetto. E poi attenersi a quella linea temporale. Ciò contribuirà a ridurre al minimo l’attrattiva della paralisi dell’analisi. Questo ti costringerà a prendere più azioni invece di pensare semplicemente ad agire. E poi le cose verranno effettivamente fatte. Deducendoti meno tempo a fare qualcosa, sei costretto a concentrarti e rimanere concentrato sul compito. Sei costretto a concentrarti.

E tu sai la parte migliore di farlo in questo modo? Non solo il tuo lavoro sarà completato, ma ti lascerai anche abbastanza “tempo libero” per crogiolarti nella gloria dello stile di vita delle dot com.

Open

info@ibdi.it

Close