Le mie riflessioni sulla corretta gestione del denaro nel (Trading Money Management)

Ho scritto alcuni articoli sul tema della gestione del denaro e l’idea principale che cerco di trasmettere è che è arbitrario per qualcuno scambiare una percentuale del proprio conto. Ci sono molti fattori che influenzano il modo in cui un trader dovrebbe gestire i propri soldi sul mercato; patrimonio netto, abilità e fiducia nel trading personale, tolleranza al rischio, ecc., il punto è che ogni trader è diverso e ha circostanze diverse che determinano il modo migliore per gestire i propri soldi.

A causa di queste diverse circostanze tra i trader, semplicemente non ha senso raccomandare (come fanno molti “esperti”) che i trader rischino il 2% o qualche altra percentuale del loro conto. Il mio approccio alla gestione del denaro è molto più personale poiché credo che il piano di gestione del denaro di ogni trader dovrebbe variare a seconda delle circostanze individuali.

Perché non dovresti rischiare una % fissa del tuo account

Supponiamo per un momento che tu abbia un drawdown del 50% sul tuo conto di trading, cosa non inaudita nemmeno per un trader professionista. Se hai un tale drawdown e stai rischiando il 2% su ogni operazione, ti ci vorrà molto tempo per riportare il tuo account al punto in cui era. Se perdi il 50% del tuo account, devi guadagnare il 100% su di esso solo per recuperare quella perdita, e rischiare il 2% per operazione non è il modo in cui un professionista si riprenderebbe da una tale perdita, perché ci vorrebbe praticamente per sempre.

Se sei un trader esperto e fiducioso, perché dovresti relegarti a rischiare solo il 2% su ogni operazione che fai? Forse se sei un day trader che inserisce molte posizioni al giorno, questo approccio del 2% potrebbe avere senso, ma come ho discusso nel mio articolo sul perché odio il day trading , non sono un day trader e non insegno o perdono il giorno commercio.

Il modo in cui faccio trading e il modo in cui insegno ai miei studenti a fare trading è di adottare un approccio molto paziente, da cecchino, in modo da non fare troppo trading. Invece, possiamo fare solo una piccola manciata di operazioni ogni mese, ma siamo fiduciosi su tali operazioni e, di conseguenza, ci diamo la possibilità di realizzare un buon profitto su di esse.

Ad esempio, se rischi il 2% per operazione e supponiamo che effettui 25 operazioni al mese, hai effettivamente rischiato il 50% del tuo account quel mese (2% x 25). In alternativa, se hai rischiato di dire il 10% del tuo account su solo 3 operazioni al mese, sarebbe solo il 30%. Questo è forse un esempio grezzo, ma il mio punto è multiforme:

1. Semplicemente non ci sono molte opportunità di trading ad alta probabilità che si presentano in un dato mese sul mercato. Se fai trading molto spesso come nel mio primo esempio sopra, stai facendo trading in eccesso e rischi inutilmente i tuoi soldi nel mercato, essenzialmente stai giocando d’azzardo.

2. Se invece operiamo meno frequentemente, ma forse scambiamo una posizione di dimensioni maggiori quando facciamo trading, ci stiamo dando un’opportunità molto migliore per fare soldi riducendo lo stress, la frustrazione e la mentalità dei “giocatori d’azzardo”. Questo ovviamente presuppone che tu sappia come fare trading correttamente e che tu sappia qual è il tuo vantaggio di trading e che ti stai attenendo ad esso / aspettando pazientemente che si presenti.

Ora, prima che qualcuno salti alle conclusioni del mio esempio sopra, non sto necessariamente perdonando il rischio del “10%” del tuo account per operazione. Il mio punto era mostrare che il trading meno frequente, ma più preciso e qualificato, può consentirti di essere sicuro perché sai che rischierai una dimensione di posizione decente sui trade che esegui. Molte persone pensano che se scambiano grafici giornalieri e scambiano con lo swing , si stanno “perdendo” delle opportunità perché potrebbero non essere sul mercato tutti i giorni come un day trader, ma quello che sto cercando di mostrarti è che questo è un modo errato pensare al trading.

Il modo corretto di pensare al trading e in particolare alla gestione del denaro, è che il trading meno ma più preciso e disciplinato ti darà molte opportunità per fare “un sacco” di soldi, devi solo avere la pazienza e la forza mentale per farcela lavoro.

Devi proteggere i tuoi soldi da te stesso

Uno degli aspetti più importanti della corretta gestione del denaro come trader è proteggere i tuoi soldi. Più specificamente, sto parlando di proteggere i tuoi soldi dai rischi del trading troppo frequente o del gioco d’azzardo nel mercato.

Può essere estremamente allettante tornare sul mercato dopo aver ottenuto un’operazione vincente. In effetti, ho scoperto che sembra essere quasi una tendenza umana innata a concentrarsi eccessivamente sulla ricerca di “un’altra opportunità di trading” subito dopo aver vinto un’operazione. Le tue difese si abbassano dopo una vittoria, così come la tua percezione generale di quanto sia davvero rischioso il trading. In sostanza, un commercio vincente può cullarci in un senso di autocompiacimento in una certa misura.

In qualità di trader il cui obiettivo numero uno è proteggere i propri soldi e ottenere il massimo da essi sul mercato, devi essere molto vigile dopo un’operazione vincente in modo da non perdere la disciplina che probabilmente ti ha portato a quella operazione vincente il primo posto.

Non c’è sensazione peggiore che restituire tutti i profitti che hai appena realizzato su un’operazione che hai pazientemente tenuto per multipli perché sei saltato dentro e fuori dal mercato un sacco di volte il giorno successivo. Uno dei modi migliori per proteggere i tuoi soldi è attenersi alla tua strategia di trading, indipendentemente dal fatto che tu abbia appena vinto o perso in un’operazione, e non lasciare che i risultati delle tue operazioni precedenti influenzino la tua prossima operazione.

Il tuo conto di trading è un conto a margine

A causa del fatto che un conto di trading Forex o, allo stesso modo, un conto di trading di futures, ha un’elevata leva finanziaria, non è necessario tenere tutti i soldi del trading nel conto o calcolare il rischio per operazione in base a una percentuale di quel conto.

Per fare un confronto, prendi ad esempio un conto di trading azionario. Un conto di trading azionario non viene sfruttato allo stesso modo di un conto di trading Forex o futures. Per questo motivo, devi mantenere la maggior parte o tutti i tuoi soldi di trading in un conto di trading azionario, e non è un “conto a margine” come Forex o futures.

Margine significa che puoi controllare un valore di valuta o merce molto più grande di quello che potresti acquistare con il denaro che hai a disposizione, e la leva finanziaria è ciò che consente che ciò accada. Ad esempio, per controllare diciamo $ 100.000 di valuta o 1 lotto standard, hai solo bisogno di circa $ 1.000 nel tuo conto di trading con un rapporto di margine di 100: 1 o “leva”.

Quindi, come puoi vedere, quando facciamo trading su uno strumento ad alta leva finanziaria come il Forex, non abbiamo bisogno di tenere tutti i nostri soldi di trading nel nostro conto, quindi non ha senso calcolare il nostro rischio in base alla nostra “dimensione del conto”. Invece, propongo un modo molto più personale e forse intuitivo per determinare quanto rischiare per operazione…

Quindi, quanto dovrei rischiare per operazione?

Probabilmente ricevo questa domanda su “quanto rischiare per operazione” o “quanto finanziare il mio account”, più di ogni altra sulla linea di supporto e-mail.

La risposta è molto più semplice di quello che potresti credere attualmente. Credo nel determinare un importo in dollari che ti senti a tuo agio nel perdere su qualsiasi operazione e attenersi a tale importo in dollari almeno fino a quando non avrai raddoppiato o triplicato il tuo conto, momento in cui puoi considerare di aumentarlo.

Tale importo deve essere un importo che soddisfi i seguenti requisiti:

1. Quando rischi questo importo in dollari, puoi dormire sonni tranquilli la notte senza preoccuparti delle negoziazioni o controllarle dal tuo telefono o altro dispositivo.

2. Quando rischi questo importo in dollari, non sei incollato allo schermo del tuo computer diventando emotivo ad ogni tick a favore o contro la tua posizione.

3. Quando rischi questo importo, dovresti essere in grado di “dimenticare” il tuo trade per un giorno o due alla volta se necessario… e NON essere sorpreso dal risultato quando controlli di nuovo il tuo trade. Pensa, ‘ imposta e dimentica ‘.

4. Quando rischi questo importo, dovresti essere in grado di prendere comodamente 10 perdite consecutive come buffer, senza provare un significativo dolore emotivo o finanziario. Non che lo faresti SE ti attenessi a una strategia di trading efficace come le mie strategie di azione dei prezzi , ma è importante che tu permetta quel buffer per ragioni psicologiche.

In sintesi, la gestione del denaro non dovrebbe essere basata su una percentuale arbitraria del tuo capitale di trading complessivo. Piuttosto, varierà e dovrebbe variare da trader a trader a seconda di cose come il tuo patrimonio netto, abilità e fiducia nel trading e la tua tolleranza al rischio su base per operazione. Poiché queste cose variano da persona a persona / da trader a trader, la quantità di denaro che rischi sul mercato e l’importo che rischi su una determinata operazione, deve essere un importo che funzioni per la tua situazione personale. Ancora più importante, e se non ricordi nient’altro di questa lezione, il tuo rischio non dovrebbe mai superare ciò che sei mentalmente ed emotivamente a posto con una potenziale perdita in qualsiasi dato trade.

Ricordati di lasciare un commento qui sotto e non esitare a scrivermi qui  con qualsiasi domanda o dubbio tu possa avere.