Google Adsense. Sembra che la piattaforma pubblicitaria Adsense di Google sia il meccanismo predefinito che i blogger utilizzano per guadagnare dai loro siti.

È un sistema facile in cui entrare, ma anche questa è una parte considerevole del problema. È troppo facile. Oggi parleremo di alcune alternative ad Adsense.

La barriera all’ingresso in Adsense è così bassa che gli annunci non sono personalizzabili e, francamente, i blogger hanno pochissimo controllo su ciò che mostrano al loro pubblico. Questo può essere un modo imprevedibile per la monetizzazione del sito web. Peggio ancora, il pagamento del costo per clic di Google ha mostrato segni di calo .

Questo è un grosso problema per i blogger che vogliono che i loro siti vengano monetizzati e guadagnino entrate extra. Google Adsense offre molta flessibilità. Tuttavia, a meno che tu non abbia un’eccezionale esperienza con la psicologia della pubblicazione di annunci come il posizionamento degli annunci per banner pubblicitari, potresti spararti ai piedi. Google non ottimizzerà il posizionamento degli annunci sul tuo sito. Questo è il tuo lavoro. Non testeranno le migliori immagini, posizioni o tipi di annunci sul tuo sito web. Di nuovo, è tutto su di te.

E questo è uno degli svantaggi più significativi di Adsense. La maggior parte dei blogger semplicemente non sono esperti di marketing e capire come le persone prendono decisioni di acquisto in base al posizionamento degli annunci, va ben oltre la portata della maggior parte dei blogger. La maggior parte vuole solo scrivere e guadagnare un po ‘di soldi.

Per esempio:

    • Il tasso di riempimento influisce sulle entrate (tasso di riempimento = numero di annunci con risposta rispetto a numero di richieste di annunci effettuate)
    • Il contenuto del sito web influenza l’efficacia di un banner pubblicitario.
    • Quanti annunci puoi visualizzare per guadagnare denaro?
  • Preferisci annunci CPM, annunci PPC o qualcosa di diverso? Altro su questo di seguito!

E per molti blogger, le entrate (guadagni) di Adsense sono incostante.

Ho iniziato anche con Google Adsense , ma come ho scoperto presto, stavo lasciando i soldi sul tavolo. Esistono molti altri modi per monetizzare i blog che pagano meglio, offrono maggiore flessibilità e maggiore controllo sugli annunci che i blogger mostrano al loro pubblico, e questa è una componente enorme per costruire una reputazione positiva come blogger.

La reputazione è importante.

Se stai scrivendo un blog sul risparmio di denaro e sulle finanze personali, gli annunci su auto nuove o dispositivi elettronici costosi sono contrari al tuo intero messaggio. L’incapacità di controllare la pubblicità uccide la credibilità e l’autenticità di troppi blogger.

Ma fortunatamente, ci sono un sacco di alternative a Google Adsense di cui i blogger devono essere consapevoli.

Le cinque migliori alternative a Google Adsense

Google Adsense non è l’unico gioco in città. Ecco le migliori alternative ad Adsense.

# 1: offerte interattive

Uno dei migliori fornitori di annunci è un servizio chiamato Offerte interattive . A rigor di termini, le offerte interattive non sono necessariamente un’alternativa ad Adsense perché possono essere utilizzate insieme. L’obiettivo delle offerte interattive (e di altre reti pubblicitarie simili) non è quello di mostrare solo un mucchio di pubblicità non mirate e prive di significato a un vasto pubblico, quasi come lanciare una vasta rete in un mare di pesci.

Quando stai pescando un particolare tipo di pesce (il tuo pubblico di destinazione), è consigliabile scegliere dove si trovano quei pesci . Collegare i tuoi annunci al pubblico giusto , nel posto giusto, e il momento giusto è il modo in cui i blogger ottengono il massimo profitto. Traffico mirato. Questo è ciò che separa gli annunci medi da quelli BUONI. Annunci che pagano dividendi.

Questa è la migliore pubblicità di testo e il suo potenziale è enorme.

Ed ecco la mia parte preferita: supportano completamente gli annunci pubblicitari basati su e-mail.

Ascolta, blogger : la tua mailing list è probabilmente la fonte di entrate più sottoutilizzata che tu abbia mai sperimentato come blogger. Gli elenchi di e-mail sono maturi per la monetizzazione e semplicemente non puoi farlo con Google Adsense (ed è contrario ai termini di servizio di altri servizi di monetizzazione come Amazon.com). Se ti sei preso la briga di creare un enorme elenco di email, fai pubblicità a loro.

Non sprecare un’occasione privilegiata per generare entrate, specialmente con la tua lista di posta elettronica.

Le offerte interattive hanno pagamenti altamente competitivi, il che significa che guadagni più soldi per clic rispetto a molti altri servizi disponibili. Il loro sistema di costo per clic significa che stai generando entrate anche se la persona dall’altra parte non acquista un prodotto o non si iscrive. Fanno clic. Vieni pagato.

In effetti, il CPC (costo per clic) medio è di $ 2, uno dei migliori del settore .

Supportano anche SMS, Push e Display ads, offrendo un servizio completo, one-stop-shop praticamente per qualsiasi tipo di monetizzazione del blog. Inoltre, puoi scegliere i singoli annunci che desideri vengano visualizzati dai tuoi lettori. Questa è una grande attrazione che la maggior parte dei blogger ama avere.

Ti consigliamo vivamente di controllare le offerte interattive se stai cercando di monetizzare il tuo blog, in modo intelligente. Se pensi che potrebbero essere una buona misura, iscriviti e fai un tentativo.

# 2: Mediavine

Mediavine è una rete pubblicitaria display che sta guadagnando terreno tra molti blogger, in particolare i blogger di cibo e finanza personale. Forniscono annunci nella barra laterale in-content e “sticky” destinati a generare entrate tramite annunci display sul tuo sito web. Sfortunatamente, non supportano in modo pulito gli annunci basati su email come le offerte interattive.

Tuttavia, sono uno dei principali fornitori di annunci display nel settore se il tuo unico (o principale) obiettivo è monetizzare le pagine front-end del tuo blog. Al momento della stesura di questo documento, richiedono almeno 25.000 sessioni al mese prima di poter fare domanda per il programma (nota che le sessioni sono diverse dalle visualizzazioni di pagina).

Tutti i clienti Mediavine hanno accesso a una semplice dashboard per visualizzare i tuoi guadagni e pagamenti, RPM e altri numeri che potrebbero interessarti. È relativamente facile da usare.

Inoltre, i blogger possono disattivare gli annunci per argomento (ad esempio, alcol, appuntamenti, fast food, ecc.). Sebbene Mediavine non supporti la possibilità di selezionare e scegliere annunci specifici da visualizzare, la possibilità di rinunciare è sicuramente la flessibilità che la maggior parte dei blogger deve avere.

L’assistenza clienti di Mediavine è puntuale e molto coinvolta, sicuramente un enorme passo avanti rispetto a Google Adsense.

E, se ti è stato vietato l’utilizzo di Google Adsense, puoi comunque utilizzare Mediavine se soddisfi gli altri requisiti dell’azienda.

# 3: marketing di affiliazione di Amazon.com

Tra le diverse reti di affiliazione, Amazon è probabilmente la più utilizzata. Molti blogger fanno parte del programma di affiliazione di Amazon.com . Come parte di questo programma, Amazon paga ai blog di riferimento una percentuale della vendita da ogni clic dal sito web di un blogger. Con molto traffico, il marketing di affiliazione di Amazon può generare molte entrate.

Ma prima devi avere il traffico web . Altrimenti, i prodotti di affiliazione di marketing non funzionano.

E dovrai essere un affiliato di marketing abbastanza intelligente da convincere le persone a fare effettivamente clic su quei collegamenti di prodotto. Alcuni blogger lo fanno molto bene, ma molto spesso richiede molta esperienza e tentativi ed errori prima che i blogger inizino a fare soldi seri da Amazon.

In uno dei miei blog, potremmo tirare da $ 80 a $ 100 al mese – quasi nulla di cui scrivere a casa. Nella maggior parte dei mesi, stiamo generando $ 20 a $ 25 dollari.

Il marketing di affiliazione è laborioso e ci vuole molto tempo per farlo bene. Non è qualcosa che i blogger organizzano in un fine settimana e poi vanno in pensione un mese dopo.

È abbastanza facile fare pubblicità con la piattaforma Amazon, ma non puoi fare pubblicità con link di affiliazione all’interno di un’e-mail. In effetti, è rigorosamente contro le loro politiche , il che significa che ancora una volta stai sottoutilizzando uno dei maggiori potenziali creatori di denaro che hai a tua disposizione. La tua mailing list.

# 4: monumetrico

“Gestione degli annunci eseguita correttamente”, secondo il loro sito web, Monumetric (precedentemente noto come “The Blogger Network”) è un altro servizio di gestione degli annunci che monetizza i blog attraverso l’uso di annunci display. Suddividono i loro servizi in base al numero di visualizzazioni di pagina del blog:

Monumetric è un passo avanti rispetto a Google Adsense per diversi motivi:

  • Fino a sei annunci per pagina (Google Adsense limita i blogger a solo tre)

Ma ci sono anche diversi svantaggi di Monumetric.

  • È $ 99 dollari se hai meno di 80.000 visualizzazioni di pagina al mese.

E, se ti è stato vietato l’utilizzo di Google Adsense, puoi comunque utilizzare Monumetric se soddisfi gli altri requisiti dell’azienda.

# 5: marketing di affiliazione

Il marketing di affiliazione, in generale, è una strada che molti blogger utilizzano per monetizzare i propri siti web con prodotti o servizi di nicchia specifici (all’interno e all’esterno di Amazon).

In breve, il marketing di affiliazione è il luogo in cui i blogger ricevono una commissione per la pubblicità di prodotti o servizi specifici. In genere, questo viene monitorato tramite un “link di riferimento” o “link di affiliazione”. Il collegamento contiene un codice che identifica in modo univoco il blogger e, se l’utente fa clic sul collegamento ed esegue una sorta di azione (come iscriversi al servizio!), Il blogger riceve una commissione.

Alcuni esempi di ciò che i blogger commercializzano con link di affiliazione:

  • Carte di credito
  • Corsi di apprendimento
  • Servizi online gratuiti
  • Bonus di upsell
  • Buoni, fogli di calcolo e calcolatrici

Davvero, le possibilità sono infinite. Che tu ci creda o no, il marketing di affiliazione avviene ovunque. E attraverso servizi come Teachable e Send Owl, l’impostazione di servizi di affiliazione per prodotti e servizi che hai progettato è semplice ed efficace per quasi tutti.

Ma il marketing di affiliazione non è facile . Ci vuole molta esperienza e tentativi ed errori per farlo bene. I blogger non possono schiaffeggiare un prodotto e aspettarsi che le persone si accalcino verso di esso tramite il loro link di affiliazione. Inoltre, nella maggior parte dei casi, anche le relazioni di affiliazione devono essere rivelate.

Inoltre, la maggior parte dei programmi di affiliazione richiede l’iscrizione, non solo un clic. Significa che non è sufficiente per un lettore fare clic su un link di affiliazione per ottenere credito. Nella maggior parte dei casi, dovranno effettivamente acquistare prima di ottenere denaro. È un CPA o un costo per azione impostato piuttosto che un CPC (costo per clic o pagamento per clic).

I blogger di successo fanno funzionare il marketing di affiliazione, ma non è facile.

Come scegliere la migliore alternativa ad Adsense

Sebbene Google Adsense potrebbe essere la piattaforma pubblicitaria più semplice in cui entrare, raramente è la più remunerativa. La flessibilità che deriva dalla scelta e dalla scelta del posizionamento dell’annuncio significa anche che è maturo per il fallimento a meno che tu non sia un esperto di marketing.

E ti stai perdendo lo sfruttamento della tua lista di posta elettronica. Servizi come Offerte interattive e Skimlink hanno contribuito a colmare quel vuoto con la pubblicità basata su testo. Viglink è emersa come un’altra opzione interessante. È giusto per te e il tuo blog?

Ecco alcune domande da porsi quando si decide su una piattaforma pubblicitaria per il proprio blog:

  • Quanti soldi sto cercando di fare? Sto cercando di diventare ricco in modo sporco o solo di guadagnare qualche soldo in più qua e là?
  • Quanto è grande una mailing list? Posso trarne profitto (la risposta è probabilmente SI)?
  • Quante visualizzazioni di pagina / sessioni ho? Potrei anche candidarmi a servizi come Mediavine e Monumetric?
  • Posso scegliere e scegliere singoli annunci? Ne ho nemmeno bisogno?
  • Quali tipi di annunci sono supportati? Ad esempio, posso visualizzare annunci di testo, basati su immagini e video? E sono tutti ottimizzati per i dispositivi mobili?

E presta molta attenzione a come sei pagato.

  • In un modello di costo per clic (CPC) (il mio preferito) , i blogger vengono pagati ogni volta che un lettore fa clic su un annuncio.
  • In un modello di costo per miglio (CPM) , i blogger ricevono un importo fisso di denaro per ogni 1.000 impressioni di annunci (display). Questo è anche noto come costo per mille.
  • Nel modello del costo per visualizzazione (CPV) , il blogger viene pagato ogni volta che l’annuncio viene visualizzato e visualizzato da un lettore.
  • In un modello di costo per azione (CPA) , il blogger viene pagato solo dopo che il lettore esegue un’azione, come l’acquisto di un prodotto, l’installazione di un plug-in o l’iscrizione a una mailing list.