Cerca

La guida definitiva per AdSense e reti pubblicitarie (Ad Network)

Questo post tratta le basi delle reti pubblicitarie, comprese le strategie per aumentare le entrate e condurre esperimenti efficaci. Toccheremo alcune reti pubblicitarie di grandi dimensioni, ma ci concentreremo sul player dominante: Google AdSense.

Incluso in questa guida

  • Tutto ciò che i blogger e i publisher devono sapere su AdSense
  • Tre semplici modi per guadagnare di più con AdSense
  • Altri sette esperimenti AdSense per aumentare i tuoi guadagni
  • Tre unità AdSense non tradizionali (e come usarle)
  • 8 suggerimenti per eseguire un esperimento AdSense efficace
  • Quali sono le migliori reti pubblicitarie?
  • 5 reti pubblicitarie da utilizzare con Google AdSense
  • Introduzione agli esperimenti di Google AdSense
  • Come guadagnare di più con gli annunci display con le unità di collegamento
  • Qual è la migliore rete pubblicitaria per il tuo sito Web?

Tutto ciò che gli editori e i blogger devono sapere su AdSense

Se sei un blogger o un editore che sta cercando di monetizzare un sito Web tramite la  pubblicità display , è probabile che entrerai presto in contatto con Google AdSense (se non l’hai già fatto). Come uno dei modi più semplici per trasformare le visualizzazioni di pagina in entrate pubblicitarie, AdSense è stato utilizzato da un’ampia varietà di imprenditori che cercano di guadagnare con proprietà web.

AdSense è diventato estremamente popolare per alcuni motivi; oltre ad essere relativamente facile da usare, è generalmente considerata la rete pubblicitaria che offre ai partner le migliori opportunità di monetizzazione. Questo è il risultato sia di un profondo banco di inserzionisti che di una ripartizione delle entrate relativamente generosa che consente agli editori di portare a casa la maggior parte del denaro generato dai loro siti. Se stai pensando di registrarti con AdSense per generare un po ‘di denaro dalla pubblicità display, ecco un rapido esempio di come funziona tutto.

Che cos’è AdSense?

AdSense è una rete pubblicitaria gestita da Google. Google funge da intermediario, collegando gli acquirenti dell’inventario degli annunci (ad es. Inserzionisti) con i venditori dell’inventario degli annunci (ad es. Editori di siti Web che mostrano annunci display). Gli inserzionisti vengono su AdSense e chiedono efficacemente a Google di pubblicare i loro annunci su siti Web che soddisfano determinati criteri (ad esempio, si concentrano su prodotti di consumo).

I publisher vengono su AdSense e chiedono efficacemente a Google di mostrare sul proprio sito annunci che soddisfano determinati criteri. AdSense abbina inserzionisti ed editori e, di conseguenza, i visitatori di molti siti là fuori vedono annunci pubblicitari quando arrivano su un sito.

Quindi perché i publisher hanno bisogno di reti come AdSense?

In un mondo perfetto (almeno dal punto di vista della monetizzazione), lavoreresti direttamente con gli inserzionisti; accetteresti i termini di una campagna pubblicitaria e ti taglierebbero un assegno per l’intera spesa ogni mese. Molti editori, tuttavia, non hanno le dimensioni per soddisfare gli inserzionisti più grandi. In altre parole, non ha senso per Coca-Cola negoziare direttamente con migliaia di piccoli editori che offrono 25.000 impressioni al mese. È molto più semplice firmare un accordo con AdSense che consente loro di acquistare 250 milioni di impressioni su un numero di siti diversi.

C’è anche un risparmio di tempo da parte dell’editore; invece di investire tempo e denaro nella costituzione di una forza vendita, possono richiedere l’ammissione ad AdSense, lanciare alcuni interruttori ed essere operativi. In tal senso, AdSense è come un fondo comune per editori; consente loro di ottenere una scala e una visibilità immediate (raggruppando il loro inventario insieme ad altri editori) agli inserzionisti che non otterrebbero da soli.

Nozioni di base di AdSense

C’è molto da sapere su come iniziare con AdSense, ma ecco alcune delle basi:

Entrata:  per iniziare a generare entrate tramite AdSense, devi prima ottenere l’approvazione. Per avviare tale processo è necessario un account Google e un sito Web da inviare. Se il tuo sito è conforme agli  standard stabiliti da Google  (ovvero, sei un editore di qualità e non uno spammer), non dovresti avere problemi ad ottenere l’approvazione.

Divisione delle entrate:  AdSense fa soldi per Google perché le entrate generate sono suddivise tra rete ed editore. La divisione è  piuttosto favorevole per gli editori ; raccoglierai il 68% delle entrate generate dagli annunci di contenuto e il 51% delle entrate dagli annunci mostrati nei risultati di ricerca.

Essere pagati: le  entrate di AdSense vengono generalmente pagate entro un mese dal guadagno, tramite assegno o deposito diretto. C’è una guida più approfondita a tutto ciò che AdSense ha messo e gestito da Google; consulta  quella guida  per una panoramica più approfondita di tutte le questioni che incidono sui partner.

Cosa fare e cosa non fare

Una volta che hai un account AdSense attivo e funzionante, ci sono un certo numero di “best practice” per massimizzare le entrate e garantire un’esperienza fluida. Innanzitutto, ecco cosa NON fare se decidi di utilizzare Google AdSense come modo per monetizzare il tuo traffico:

  • Non superare i limiti per le unità pubblicitarie.  Esiste un limite rigoroso per il numero di unità pubblicitarie che puoi mostrare su ogni pagina. Non includere più di tre unità pubblicitarie, tre unità di link e due caselle di ricerca per pagina.
  • Non condividere troppo sul tuo successo (o sulla sua mancanza).  I termini e condizioni di AdSense specificano inoltre che i partner non rendono pubbliche le proprie entrate. Ciò significa che nessun blog sui CPM generati dai tuoi annunci o sull’ammontare del tuo controllo recente.
  • Non fare clic sui tuoi annunci.  Fare clic sui propri annunci, che sta effettivamente cercando di rubare agli inserzionisti presenti sul proprio sito, potrebbe essere il modo migliore per essere banditi da AdSense.
  • Non utilizzare pratiche ingannevoli per generare clic. Oltre all’ovvio “imbroglio” di fare clic sui tuoi annunci, ci sono altri modi in cui i publisher possono provare a indurre i loro visitatori a fare clic sui loro annunci AdSense. Ad esempio, inserire annunci sotto un’intestazione che recita “Funzionalità” potrebbe indurre gli spettatori a credere che stiano navigando verso una serie di strumenti sul tuo sito (quando in realtà stanno facendo clic su un annuncio). Fondamentalmente, non essere ingannevole nei tuoi posizionamenti e sarai bravo agli occhi di AdSense.

Ecco alcuni suggerimenti per un’esperienza AdSense di successo (e redditizia):

  • Approfitta dei tutorial là fuori.  Google vuole che i suoi partner abbiano successo e monetizzino in modo efficiente; più soldi guadagni con la pubblicità display, più grande è il loro taglio. Quindi non dovrebbe sorprendere il fatto che abbiano pubblicato moltissime best practice e che mantengano un blog Inside AdSense regolarmente aggiornato  .
  • Sperimenta con diversi layout e implementazioni.  Hai molto controllo su quali annunci vengono visualizzati sul tuo sito e su come vengono visualizzati. Sperimenta impostazioni diverse per trovare la combinazione più adatta a te. Abbiamo diverse idee se stai cercando ispirazione. Dai un’occhiata al nostro elenco di  tre semplici modi per guadagnare di più con AdSense e, se vuoi ancora di più, prova altri  sette esperimenti AdSense per aumentare i tuoi guadagni .

Alternative AdSense

Se sei un editore che sta cercando di guadagnare denaro pubblicando annunci display, AdSense non è certamente l’unica opzione disponibile. Esistono innumerevoli altre reti là fuori che operano sostanzialmente nello stesso modo: abbinare inserzionisti ed editori e tagliare le entrate per i loro servizi. Alcune delle alternative includono:

Linea di fondo

AdSense è un componente dell ‘”equazione delle entrate” per migliaia di piccoli blogger ed editori là fuori, che in molti casi rappresentano una parte significativa delle entrate totali. Le esperienze di vari utenti di AdSense sono tutte uniche e dipendono in gran parte dagli investimenti effettuati e dalle ricerche condotte per implementare correttamente e le ottimizzazioni in corso.

• • •

Torna in cima

Altri sette esperimenti AdSense per aumentare i tuoi guadagni

La regola numero uno di AdSense è quella di sperimentare sempre. In un recente post sul blog abbiamo presentato tre semplici esperimenti AdSense che possono essere eseguiti senza alcun lavoro di sviluppo: le semplici attività che possono aiutarti a bagnarti i piedi e comprendere il concetto di ottimizzazione. Ci stiamo allontanando dall’estremità poco profonda del pool con alcuni suggerimenti più avanzati per gli esperimenti di AdSense che puoi provare nella ricerca per trovare la lineup ottimale per il tuo sito web. Leggi i sette esperimenti di AdSense per aumentare le tue entrate .

• • •
Torna in cima

Tre unità AdSense non tradizionali (e come usarle)

Google AdSense è uno dei modi più comuni per molti proprietari di siti Web di monetizzare il proprio traffico, generando entrate attraverso annunci display offerti ai visitatori. E se stai utilizzando (o hai utilizzato) AdSense, è probabile che tu abbia familiarità principalmente con le unità pubblicitarie “consigliate” che più comunemente compaiono sui siti AdSense: il rettangolo medio 300 x 250, la classifica 728 x 90, ecc.

Le unità pubblicitarie consigliate sono consigliate per un motivo; sono i più comunemente prodotti dagli inserzionisti, il che significa che gli editori otterranno i più alti tassi di riempimento e offerte più competitive per lo spazio pubblicitario disponibile. Ma non sono l’estensione dell’universo AdSense; ci sono molte altre opzioni di unità pubblicitarie che possono essere utilizzate per confondere il layout del tuo sito o come alternative potenzialmente più redditizie alle unità tradizionali.

Di seguito esaminiamo tre unità AdSense meno utilizzate e mostriamo come altri siti Web le utilizzano per monetizzare efficacemente il loro traffico.

Grattacielo grande 300 x 600

Il 300 x 600 è diventato sempre più popolare negli ultimi anni, ma non è ancora utilizzato quasi altrettanto ampiamente delle unità AdSense primarie. L’utilizzo di questa unità pubblicitaria generalmente aumenterà la quantità di immobili che hai dedicato agli annunci sul tuo sito; se disponi di un layout del sito che non sarà compromesso da ciò, vale la pena testarlo.

Come usarlo:  il modo più semplice per implementare un 300 x 600 è sostituire i 300 x 250 esistenti, generalmente all’interno dei contenuti sul lato destro o sinistro. Ecco un esempio dal sito politico The Hill.Implementazione 300x600300 x 600 ha il vantaggio di consentirti di pubblicare più annunci di testo per pagina; questa unità includerà fino a sei annunci di testo, anziché tre o quattro con un rettangolo. (Nota comunque che c’è un limite di 300 x 600 per pagina.) Arun su Skipser ha una buona panoramica di 300 x 600 , incluso il modo in cui si accumula fino al più tradizionale 300 x 250.

600 x 125 nel rettangolo di contenuto

L’integrazione più stretta degli annunci nei tuoi contenuti è uno dei modi più semplici per garantire che i tuoi visitatori li vedano (e facciano clic). Invece di mettere annunci in posizioni “banner blind” come la barra di scorrimento destra o sinistra, molti siti li inseriscono tra grossi blocchi di contenuti. Il rettangolo 600 x 125 è un’unità che si adatta perfettamente agli articoli o ad altri contenuti pesanti di testo.

Come usarlo:  il bello di questa unità è che può essere posizionato all’interno della maggior parte dei contenuti senza sporgere troppo. Questa dimensione è utile per l’inserimento negli articoli, l’interruzione dell’esperienza utente e la probabilità che vedano gli annunci che stai pubblicando. Ecco un esempio dal Chicago Tribune.Queste unità di collegamento sono l'articolo centrale

Classifica grande 970 x 90

Questa è una delle unità AdSense più recenti, distribuita negli ultimi due mesi. Probabilmente è troppo largo per la maggior parte dei siti, ma può funzionare per quelli che occupano l’intera larghezza di un browser. Tieni presente che questa unità pubblicitaria sarà ancora in grado di pubblicare annunci 728 x 90, quindi implementarla al posto di una classifica più tradizionale non ridurrà la domanda per il tuo spazio pubblicitario. In effetti, sembra che in questo momento queste unità pubblicitarie mostrino principalmente annunci 728 x 90.

Come usarlo:  questa unità pubblicitaria viene utilizzata al meglio in sostituzione / alternativa alle classifiche tradizionali 728 x 90. Poiché questa unità pubblicitaria è molto nuova, non ci sono ancora molti esempi disponibili. E dove sono abilitati, Google offre principalmente 728 x 90 tradizionali. Ma alcuni dei primi utenti hanno già in azione questa unità pubblicitaria.970 x 90 in azioneSe disponi di un ampio sito in grado di ospitare questa unità e attivare annunci di testo, con questa unità offrirai più annunci per pagina (Marketing Land ha un esempio di come apparirebbe ). Anche in questo caso, c’è un piccolo svantaggio per i siti di grandi dimensioni qui poiché Google passerà automaticamente a un tradizionale 728 x 90 se non può riempire lo spazio con una “grande classifica”. Ecco il post dal blog ufficiale di AdSense che annuncia l’introduzione di 970 × 90 .

Linea di fondo

Quando si configura un sito con AdSense, la maggior parte dei publisher gravita verso le unità pubblicitarie tradizionali. Nella maggior parte dei casi, questa è probabilmente la decisione giusta. Ma molto è cambiato da quando la prima generazione di unità pubblicitarie ha fatto il suo debutto; ora ci sono una serie di offerte innovative che hanno il potenziale per attirare più clic e aumentare le entrate.

• • •
Torna in cima

 

8 suggerimenti per ottimizzare un esperimento AdSense efficace

Se sei uno dei tanti editori e blogger che hanno fatto affidamento sulla pubblicità display tramite AdSense come fonte primaria di entrate, c’è un percorso verso guadagni più alti determinando le impostazioni ottimali di AdSense per il tuo sito. Come abbiamo  coperto  in precedenza , ci sono innumerevoli opportunità di armeggiare con le impostazioni di AdSense e layout che si tradurrà in diversi versamenti. Se eseguito correttamente, questo processo alla fine dovrebbe aiutarti a generare più entrate da ogni visualizzazione di pagina sul tuo sito. Ecco i nostri suggerimenti per ottenere il massimo dai tuoi esperimenti AdSense:

Suggerimento n. 1: ottieni una linea di base

Prima di poter iniziare a creare varianti, devi impostare una linea di base: i numeri che proverai a battere con ogni esperimento che esegui. Se il tuo sito riceve abbastanza traffico per rendere la pubblicità display un flusso di entrate fattibile, probabilmente lo hai già; si tratta solo di estrarre i dati storici sul rendimento da AdSense. Il che ci porta a …

Suggerimento n. 2: mantenere registri meticolosi

Nella fretta di migliorare i guadagni, tenere traccia delle tue modifiche probabilmente sembra un’attività noiosa (perché è un’attività noiosa). Ma è importante documentare cosa hai provato e in che misura ha funzionato o meno. Tieni un “Diario AdSense” di ogni test che esegui, inclusi i dettagli sugli input esatti (ovvero le impostazioni che hai utilizzato) e gli output (i soldi che hai fatto e i CPM generati).

Suggerimento n. 3: sapere quali sono le metriche

Quando esegui un esperimento, assicurati di sapere quali metriche esaminerai in seguito per determinare l’impatto delle modifiche. Può sembrare ovvio, ma le entrate totali sono irrilevanti poiché dipendono dal numero di impressioni pubblicate. Anche il costo per clic (CPC) e il CTR sono metriche insignificanti, poiché ognuna racconta solo metà della storia. Quello che  non  vuole prendere in considerazione è il fatturato generato per 1.000 pagine visualizzate; questa metrica è un riflesso standardizzato di ciò che guadagni per una quantità fissa di traffico.AdSense: questioni eCPMSe disponi di altre fonti di entrate come link di affiliazione o widget di lead gen, dovresti anche tenere conto dell’impatto che qualsiasi modifica ad AdSense ha su di esse.

Suggerimento n. 4: scegli una variabile

L’ottimizzazione del tuo account AdSense richiederà più cicli di test, il che richiede tempo. Non provare a fare tutto in una volta. Ecco il modo sbagliato di affrontare questo:

  • Variabile: unità pubblicitaria 300 × 600, testo e immagini, testo blu, sfondo bianco, carattere Arial

Supponiamo che il controllo fornisca un CPM di $ 5,00 rispetto a un CPM di $ 6,00 per la variazione. Sai che la variazione ha funzionato meglio, ma non hai idea di quale variabile abbia davvero guidato la possibilità. È possibile che alcune delle modifiche apportate abbiano danneggiato i tuoi guadagni, ma sono state compensate dall’impatto positivo di altre. L’obiettivo di un esperimento è determinare l’impatto della modifica di una singola variabile, non l’impatto delle modifiche all’ingrosso. Cambia una variabile alla volta, altrimenti finirai per non avere idea di quale sia la vera causa delle modifiche.

Suggerimento n. 5: assicurati che le tue conclusioni siano significative

Nella fretta di arrivare alle impostazioni AdSense ottimali, può esserci la tentazione di trarre conclusioni dagli esperimenti prima che abbiano avuto la possibilità di ottenere risultati significativi. In particolare, gli esperimenti di monetizzazione devono accumulare una dimensione del campione abbastanza grande per essere sicuri che i risultati che stai vedendo sono veramente indicativi di ciò che ci si può aspettare in futuro. Assicurati che le conclusioni che raggiungi siano statisticamente significative, altrimenti rischi di abbracciare le ottimizzazioni sbagliate e di farti del male a lungo termine.

Per ulteriori informazioni su questo argomento, Paras Chopra ha un  buon articolo che include uno strumento gratuito . Get Data Driven  e  Visual Website Optimizer  hanno anche belle risorse gratuite per il calcolo della significatività statistica. Questi strumenti sono progettati per misurare il significato dei test divisi, ma possono essere utilizzati anche per determinare il significato dei tuoi esperimenti AdSense.Test di significato

Suggerimento n. 6: nessun cambiamento è troppo piccolo

Non sentire la necessità di apportare modifiche all’ingrosso alle tue unità pubblicitarie per vedere un impatto. A volte i cambiamenti sottili – usando un carattere diverso o passando da un blu scuro a un blu chiaro per i collegamenti – sono tutto ciò che serve per vedere un cambiamento materiale nei guadagni. Non c’è niente di sbagliato in piccoli passi precisi; di conseguenza, conoscerai l’esatto impatto della modifica di una variabile relativamente minore.

Suggerimento n. 7: vai contro il tuo intestino

Inevitabilmente, entrerai nel processo di sperimentazione con preconcetti su quali variazioni pensi che “vinceranno” e quali pensi che “perderanno”. Spesso c’è un’esitazione nel condurre esperimenti che includono layout o combinazioni creative che  riteniamo  inefficaci (spesso perché sono brutti). C’è una vecchia massima calcistica, “Ecco perché giocano.” Questo vale anche per la monetizzazione degli annunci display: c’è un motivo per cui esegui l’esperimento. A volte, il perdente vincerà e sorprenderà tutti. Non c’è da vergognarsi se il tuo intestino si è dimostrato sbagliato, specialmente se ti fa guadagnare più soldi nel processo.

Suggerimento n. 8: non lasciarti scoraggiare dalle “perdite”

Quando inizi a testare i layout di AdSense, probabilmente ti aspetterai vincite immediate e miglioramenti costanti. Ma non è così se funziona. In effetti, ci sono ottime possibilità che il tuo primo test AdSense riduca le tue entrate. E va benissimo. Non scoraggiarti quando gli esperimenti consecutivi portano a forti cali del CPM. Ciò dimostra che il processo sta funzionando; le modifiche che stai apportando stanno avendo un impatto significativo sui guadagni, anche se inizialmente nella direzione sbagliata. Prendilo come conferma che i test che stai eseguendo possono produrre risultati significativi e non come indicazione che dovresti smettere.

Suggerimento bonus: scopri queste fantastiche risorse

Sia che ti stia preparando per i test di AdSense o che tu sia già nel processo, ci sono diverse grandi risorse che possono aiutarti a testare in modo più efficiente:

Linea di fondo

La chiave del successo di AdSense è la sperimentazione; gli editori più efficienti provano sempre qualcosa e cercano sempre di migliorare leggermente i loro guadagni. Le chiavi per un buon test sono descritte sopra; è importante rimanere disciplinati nei tuoi esperimenti e diventare creativi negli approcci che segui.

• • •

Torna in cima

Quali sono le migliori reti pubblicitarie?

Se stai cercando di monetizzare il tuo traffico Web attraverso la pubblicità, ci sono diverse opportunità là fuori. Se la vendita diretta agli inserzionisti non è al momento né pratica né possibile, l’utilizzo di una rete pubblicitaria per riempire il tuo inventario è probabilmente l’alternativa più efficace. La parte difficile, ovviamente, è sapere quale rete pubblicitaria sarà la più adatta per monetizzare il tuo sito, app o altra risorsa basata sul Web; per la maggior parte degli editori, ci sono dozzine di reti che vorrebbero avere il tuo business.

Siamo qui per aiutarti: abbiamo classificato e recensito le migliori reti pubblicitarie !

Le 5 principali reti pubblicitarie da utilizzare con Google AdSense

Per molti siti Web monetizzati almeno in parte tramite la pubblicità display, AdSense di Google è spesso la soluzione principale utilizzata. AdSense è così popolare perché è generalmente la migliore opzione là fuori per blogger ed editori; offre il più vasto elenco di inserzionisti, tecnologia di prima classe e in genere RPM che battono qualsiasi altra rete. Se AdSense ha uno svantaggio significativo, è che può essere limitato in alcuni aspetti. Dai tipi di unità pubblicitarie offerti al numero di annunci che possono essere utilizzati su una singola pagina, molti utenti desiderano che ci sia qualcosa di più da fare con AdSense.

Altre letture: le  5 principali reti pubblicitarie da utilizzare con Google AdSense

• • •

Torna in cima

Introduzione agli esperimenti di Google AdSense

Nel 2013, Google ha introdotto una  nuova fantastica funzionalità nel suo programma AdSense  che consente agli editori di sperimentare scientificamente le impostazioni al fine di massimizzare le entrate derivanti dalla pubblicità display. Sebbene sia sempre stato possibile eseguire questi tipi di test, in precedenza era necessario un po ‘più di lavoro per tenere traccia dei risultati e determinare conclusioni statisticamente significative. La nuova interfaccia rende più facile che mai partire per una ricerca per trovare le impostazioni ottimali assolute per il tuo sito.

Se ti piace l’idea di sperimentare le impostazioni per migliorare i tuoi guadagni ma non sei sicuro da dove cominciare, questo articolo si spera che ti darà alcune idee (e che il tuo primo esperimento sia attivo e funzionante in pochissimo tempo). Se vuoi più idee, abbiamo due guide aggiuntive con molta ispirazione:

Alcune cose da notare prima di saltare:

  • Il fallimento è OK.  In effetti, la maggior parte dei tuoi esperimenti probabilmente  abbasserà i  tuoi guadagni. Va benissimo; infatti, significa che questo processo sta funzionando!
  • Potrebbe essere necessario essere pazienti.  Soprattutto se non disponi di un sito enorme, potrebbero essere necessari alcuni minuti prima che i dati vengano raccolti e i tuoi guadagni mostrino un cambiamento significativo.
  • La spinta potrebbe non essere enorme.  Non aspettarti di diventare ricco durante la notte. La sperimentazione approfondita delle impostazioni non raddoppierà o triplicherà immediatamente le tue entrate AdSense. Si spera che vedrai un miglioramento del 10% o più che gradualmente si trasformerà in più denaro nel corso di mesi e anni.

Detto questo, immergiamoci. Ecco le  istruzioni su come impostare un esperimento in AdSense .

Esperimento n. 1: Link Color

La modifica del colore del link dei link pubblicitari è un ottimo punto di partenza, semplicemente perché può avere un impatto così grande sulla percentuale di clic e quindi sulle entrate complessive. Questo può essere un esperimento particolarmente prezioso se i link sul tuo sito appaiono in modo diverso rispetto alle impostazioni predefinite di Google. Ad esempio, i collegamenti non cliccati su MonetizePros.com sono arancioni e non lo standard “Google blue”:MPOrangeLinksper impostare uno di questi esperimenti, segui i passaggi evidenziati nella guida a cui abbiamo collegato sopra. Se non lo hai a portata di mano, segui questo percorso: AdSense Home >> I miei annunci >> Contenuti (guida a sinistra) >> Esperimenti (Beta) >> Nuovo esperimentoDa lì, puoi scegliere uno degli stili predefiniti o crearne uno tuo. Ad esempio, possiamo scegliere di scegliere un colore di collegamento che corrisponda maggiormente ai collegamenti sul nostro sito selezionando “Usa impostazioni personalizzate” e quindi impostando il colore del titolo su arancione:Experiment1

Esperimento n. 2: solo immagine vs. immagine + testo

Per le unità pubblicitarie banner come 728 × 90 o 300 × 250, è possibile attivare un’impostazione che garantisca la pubblicazione solo degli annunci illustrati. Questo è comunemente fatto al fine di presentare un’indicazione più elevata della qualità in loco: gli annunci illustrati rendono il tuo sito migliore rispetto agli annunci di testo che possono ingombrare lo spazio. Il problema è che gli annunci di testo spesso offrono prestazioni molto migliori rispetto agli annunci di sole immagini. Le parole generalmente svolgono un lavoro migliore trasmettendo l’invito all’azione e il valore aggiunto rispetto a un’immagine, il che significa che gli annunci di testo ottengono una percentuale di clic più elevata rispetto agli annunci di sole immagini.

Con la nuova interfaccia degli esperimenti, puoi capire quanto sia grande questa differenza. Imposta un nuovo esperimento indirizzato a un’unità pubblicitaria (ad esempio un rettangolo 300 × 250) attualmente impostato per visualizzare solo immagini. Per la variante, consenti sia annunci di testo che illustrati. Dovresti vedere un miglioramento dei guadagni quasi immediatamente, costringendoti a prendere una decisione su quanto valga per te la qualità associata ai banner di sola immagine.

Esperimento n. 3: stile di sfondo e bordo

Un altro aspetto importante delle tue unità pubblicitarie è il bordo che le circonda e aiuta a distinguerle dal resto del sito. La modifica del colore e dello stile del bordo influirà sull’aspetto delle unità pubblicitarie ai visitatori e quindi sul tasso di coinvolgimento con loro. (Nota che questo vale solo per gli annunci di testo.)

Le impostazioni dei bordi ideali variano leggermente da sito a sito, quindi è difficile suggerire esattamente come dovresti modificare le impostazioni con il tuo primo esperimento. Ma ci sono alcune impostazioni generali che vale la pena provare. (Ricorda, la maggior parte degli esperimenti produrrà risultati negativi!)

  • Bordo = stesso colore dello sfondo del sito (ovvero, apparirà come nessun bordo)
  • Bordo = colore brillante e ben visibile (ad es. Rosa)
  • Bordo = colore primario dello schema del tuo sito

Prova cose simili con lo sfondo; ad esempio, inizia con una combinazione di colori brillanti che risalterà e assicurerà che gli occhi dei visitatori siano attratti lì. Questa unità pubblicitaria probabilmente non funzionerà altrettanto bene, ma dimostrerà l’impatto che le combinazioni di colori estreme possono avere sulle percentuali di clic e sulle entrate:Colori luminosiAncora una volta, questo tipo di esperimento potrebbe non dare frutti immediati, ma ti aiuterà a capire rapidamente come queste modifiche alla combinazione di colori possono influire sulle prestazioni.

Divisioni del traffico e altre decisioni

Dovrai prendere una decisione su come dividere il traffico tra l’originale e la variante. La scelta più semplice ed efficace è semplicemente lasciare che Google lo faccia per te; il loro algoritmo è più avanzato di quello che sarai e renderà il processo dell’esperimento un po ‘più semplice. Mantieni la casella selezionata e inizia i tuoi esperimenti.TrafficSplitTi consigliamo inoltre di limitare il numero di variazioni nei tuoi esperimenti in modo da poter individuare il fattore che ha un impatto sulle prestazioni. Se, ad esempio, cambiate il colore del collegamento, lo stile del bordo e il colore di sfondo tutti insieme, avrete a che fare con tre variabili contemporaneamente. Non saprai quale, se del caso, ha avuto un impatto positivo o negativo sui guadagni. È possibile che il cambiamento complessivo sia negativo, ma una delle variabili ha avuto un impatto positivo.

Linea di fondo

L’impatto degli esperimenti varierà per ogni sito e non migliorerai mai il tuo potenziale di guadagni se non inizi da qualche parte. Ci sono innumerevoli varianti che possono essere testate sul tuo sito; speriamo che le idee sopra ti diano un punto di partenza mentre cerchi di migliorare le tue entrate complessive di AdSense.

• • •

Torna in cima

Come guadagnare di più con gli annunci display con le unità di collegamento

Le unità di collegamento rimangono piuttosto rare ma la maggior parte dei siti che incontriamo, compresi quelli che utilizzano Google AdSense come mezzo principale di monetizzazione degli annunci display, non utilizzano affatto questo tipo di annuncio. La maggior parte dei webmaster e proprietari di siti che leggono questo articolo probabilmente non sanno cosa sia un’unità di collegamento e certamente non hanno preso in considerazione l’idea di usarli sui loro siti. Ulteriori letture:  come guadagnare di più con gli annunci display con le unità di collegamento

• • •

Torna in cima

Qual è la migliore rete pubblicitaria per il tuo sito Web?

Questa è una domanda che è stata posta da milioni di proprietari di siti Web e imprenditori online nel corso degli anni. Mentre ci sono una serie di diversi metodi di monetizzazione disponibili – come il marketing di affiliazione  e l’  e-commerce – la maggior  parte delle proprietà online genera una parte sostanziale dei loro guadagni dagli annunci display offerti attraverso le reti.

Esistono numerosi fattori che incidono sulle entrate degli annunci display e la scelta della rete è sicuramente una di queste. Quindi questa è una domanda molto importante da porre, ed è anche una domanda difficile a cui rispondere. Faremo del nostro meglio per evidenziare alcune delle migliori reti pubblicitarie display disponibili e formulare raccomandazioni per passaggi specifici. (Puoi anche  saltare direttamente alla nostra linea di fondo , che include un piano dettagliato da 10 punti per scegliere una rete pubblicitaria.)

Fattori da considerare

Prima di immergerci nelle reti specifiche, dovremmo spiegare i fattori principali che consideriamo quando valutiamo l’attrattiva di una rete pubblicitaria. Esistono cinque punti principali di valutazione per qualsiasi rete pubblicitaria:

Fattore Descrizione
guadagni Questo è ovviamente quello grande; più una rete pubblicitaria paga per ogni impressione che offri, più attraente è.
Qualità dell’annuncio Per molti editori, la qualità degli annunci è importante tanto quanto i dati sui profitti. La maggior parte degli editori preferirebbe pubblicare annunci puliti e di qualità da marchi di punta invece degli squallidi  annunci “uno strano trucco”  che sembrano essere ovunque adesso.
Facilità di installazione Alcune reti semplificano molto più di altre. La quantità di tempo e assistenza dalla registrazione alla pubblicazione del tuo primo annuncio può variare notevolmente tra le reti. Per gli editori che non hanno ampie competenze tecniche, questo fattore può essere particolarmente importante.
Opzioni di personalizzazione Alcune reti pubblicitarie offrono ai loro partner la possibilità di personalizzare quasi tutto ciò che riguarda i loro annunci, dalle dimensioni e dalla forma ai tipi di annunci autorizzati a essere pubblicati. Altri non offrono quasi nessuna opportunità di personalizzazione; puoi pubblicare i loro annunci oppure no.
Dettagli sui rapporti Questa funzione è più importante per i publisher che prevedono di dedicare una quantità significativa di tempo all’ottimizzazione delle implementazioni degli annunci; una migliore segnalazione rende più facile vedere cosa funziona (e cosa non funziona) e individuare opportunità di miglioramento.

Prima di approfondire alcuni consigli specifici, dovremmo fornire una breve panoramica del panorama della rete pubblicitaria. Esistono attualmente centinaia (forse migliaia) di reti pubblicitarie. La maggior parte di questi sono generalmente privi di valore, offrendo capacità di guadagno molto limitate con interfacce utente ingombranti e trasparenza limitata.

Di seguito ci concentreremo solo sulle  reti pubblicitarie di qualità superiore  che, a nostro avviso, vale davvero la pena utilizzare. Queste opinioni si basano sulle nostre esperienze personali con ciascuna di queste reti e fornite in modo obiettivo. Naturalmente ci saranno editori che hanno avuto esperienze diverse o che possono aver avuto qualche successo con reti che non trattiamo nemmeno qui. In tal caso, ci piacerebbe sentirne parlare; lasciare una nota nei commenti.

Livello superiore: Google AdSense e Media.net

Per fare una generalizzazione generalizzata, ci sono due reti pubblicitarie che sono una spanna sopra il resto: Google AdSense e Media.net . Queste due reti mantengono i pool più profondi di inserzionisti e sembrano avere la migliore tecnologia, con conseguente pubblicazione di annunci pertinenti e pagamenti elevati agli editori.

Google AdSense

AdSense è la più grande rete pubblicitaria al mondo; lo scorso anno hanno pagato oltre 9 miliardi di dollari a oltre 2 milioni di editori. Con un pagamento medio inferiore a $ 5.000 per partner di publisher, AdSense collabora chiaramente con editori di tutte le dimensioni. AdSense è ottimo per i piccoli editori perché non è richiesto un numero minimo di visualizzazioni di pagina. Se disponi di un account Google e di un sito che soddisfano i loro standard di qualità (ovvero non si trovano in una nicchia riservata), puoi essere attivo e funzionante in pochi minuti. Di seguito delineiamo perché AdSense è la migliore rete pubblicitaria secondo noi:

  • Guadagni:  AdSense offre generalmente i migliori CPM di qualsiasi rete pubblicitaria. Ciò è attribuibile a una serie di fattori, tra cui: 1) generosa ripartizione delle entrate ( 68% per gli editori ); 2) pool profondo di diversi milioni di inserzionisti; e 3) tecnologia superiore che offre annunci pertinenti e mirati. Mentre i  CPM variano in base al sito e alla nicchia , AdSense generalmente batterà tutte le altre opzioni.
  • Qualità degli annunci:  Google ha soglie di controllo della qualità abbastanza elevate, il che significa che gli annunci pubblicati su AdSense non sono generalmente spammy o poco costosi. C’è anche una dashboard che consente agli editori di bloccare inserzionisti specifici o intere nicchie (ad es. Prodotti per il fitness personale).
  • Facilità di installazione:  mentre è improbabile che tu riceva assistenza da un essere umano, il processo per ottenere l’approvazione e completare l’installazione iniziale è abbastanza semplice. C’è un’enorme quantità di documentazione attorno al processo di configurazione degli annunci, sebbene sia necessario un certo livello di conoscenza tecnica.
  • Opzioni di personalizzazione:  uno dei principali vantaggi di AdSense è l’ampio controllo che gli editori hanno sugli annunci pubblicitari. Modificare il tipo, il colore e le dimensioni degli annunci è un  processo piuttosto semplice .
  • Dettagli sui rapporti:  esiste anche un’estrema personalizzazione disponibile nell’interfaccia dei rapporti, che consente ai publisher di ottenere dati su qualsiasi cosa desiderino.

Per i grandi e piccoli editori, è molto difficile battere ciò che AdSense ha da offrire. A nostro avviso, nessun’altra rete pubblicitaria lo fa; AdSense è il più popolare per un motivo.

  • I più grandi vantaggi:  guadagni competitivi, opzioni di personalizzazione estreme. Profondo pool di inserzionisti + tecnologia superiore = annunci pertinenti, guadagni più elevati.
  • Svantaggi maggiori:  se hai domande sul tuo account AdSense, entrare in contatto con qualcuno per aiutarti attraverso di loro è quasi impossibile, sebbene ci sia una quantità impressionante di documentazione e un numero di forum attivi.
  • Leggi la nostra recensione approfondita di Google AdSense .

Esempio di blocchi di parole chiaveMedia.net

Medit.net è una collaborazione tra Yahoo! e Bing, i due maggiori concorrenti di Google nello spazio dei motori di ricerca. Sebbene questa rete stia iniziando a pubblicare banner più “tradizionali”, l’azienda si è storicamente concentrata sui blocchi di parole chiave che inviano i visitatori a una pagina di destinazione piena di annunci pertinenti. A destra è un esempio di uno di questi blocchi, e di seguito è una pagina di destinazione di esempio in cui i visitatori vengono indirizzati dopo aver fatto clic su uno degli “argomenti dell’annuncio”. (Ulteriori informazioni su  come funzionano le unità di collegamento .)Pagina di destinazione delle parole chiave

  • Guadagni:  Media.net non è sempre menzionato nello stesso respiro di AdSense, ma la capacità di guadagno qui è altrettanto buona. Questa rete farà guadagnare a molti editori RPM equivalenti o addirittura migliori rispetto alla rete pubblicitaria display di Google.
  • Qualità dell’annuncio:  l’implementazione dei blocchi di parole chiave mostrati sopra potrebbe essere un po ‘una svolta per i publisher che preferiscono vedere annunci di sole immagini. Mentre Media.net ha un profondo pool di inserzionisti premium, l’aspetto degli annunci non è necessariamente eccezionale.
  • Facilità di installazione:  ottenere l’approvazione per Media.net è un processo semplice e anche la pubblicazione degli annunci è molto semplice.
  • Opzioni di personalizzazione:  Media.net offre agli editori un discreto controllo sull’aspetto dei loro annunci sul sito, presentando opzioni per la selezione di stile e colore. Non vi è alcun controllo, tuttavia, sugli inserzionisti e le nicchie specifici visualizzati nel tuo sito.
  • Dettagli sui rapporti:  i rapporti per Media.net sono un po ‘ritardati, il che può essere frustrante. Ma per il resto, la granularità è piuttosto buona (anche se non dettagliata come AdSense).
  • Leggi la nostra recensione approfondita di Media.net .

Media.net fa alcune cose meglio di AdSense. Il supporto dell’editore è un ottimo esempio; anche i piccoli editori non hanno problemi a mettersi in contatto con un essere umano per aiutare a risolvere i problemi, cosa quasi impossibile con AdSense.

Se non hai il tempo o l’interesse a tentare di massimizzare i guadagni della tua rete, Media.net potrebbe valere la pena provare come partner principale. Se hai un pubblico di dimensioni decenti, dovresti essere in grado di ottenere suggerimenti di ottimizzazione da un rappresentante dell’account. Questi suggerimenti, che possono tradursi in significativi aumenti delle entrate se attuati correttamente, non saranno resi disponibili alla stragrande maggioranza dei publisher AdSense.

Il riposo

Oltre AdSense e Media.net, il resto delle reti pubblicitarie là fuori generalmente non si avvicina alla corrispondenza. Gli utili saranno notevolmente inferiori, la qualità degli annunci diminuirà e anche i dettagli e la tempestività dei rapporti diminuiranno. Citeremo alcuni brevi pensieri su questi di seguito:

Reti supplementari

Quando si discute della pubblicità display, molti editori pensano ancora ai banner pubblicitari tradizionali (ad es. Rettangoli 300 × 250 e classifiche 728 × 90). In realtà, tuttavia, l’ombrello della “pubblicità display” copre ora una gamma significativamente più ampia di tecniche e strategie di monetizzazione. E ci sono un certo numero di reti pubblicitarie che offrono pacchetti pubblicitari display di nicchia:

Esplorazione dei “marketplace” degli annunci

Per i marchi premium – siti di alta qualità con un vasto pubblico – potrebbe valere la pena espandersi oltre i soliti sospetti della rete pubblicitaria. Esistono un paio di importanti “mercati” di annunci che consentono agli editori di mostrare il loro inventario di annunci agli acquirenti di media e agli inserzionisti interessati a stabilire una presenza lì:

BuySellAds : abbiamo già menzionato questo sito come un’ottima risorsa per l’  intelligence sulle tariffe CPM . Gli editori possono elencare qui il loro inventario e gli inserzionisti interessati possono trovarlo cercando in nicchie e argomenti diversi. A giudicare dal numero di posizionamenti “esauriti” su questo sito, gli editori sembrano avere un discreto successo nel collegarsi direttamente con gli inserzionisti che hanno la possibilità di spendere da $ 100 a $ 100.000 al mese su questo sito, quindi c’è la possibilità di entrare davanti a clienti grandi e piccoli.

iSocket : questa piattaforma è simile a BuySellAds, che funziona come un mercato in cui gli acquirenti di contenuti multimediali possono navigare tra editori di qualità superiore e acquistare annunci su un sito specifico. I publisher sono in grado di impostare tariffe per determinati annunci e pacchetti sul proprio sito e quindi riceveranno un messaggio quando gli inserzionisti interessati desiderano prenotare quella posizione.

Bottom Line (Plus 10-Point Plan)

Se sei in grado di ottenere l’approvazione per entrambi, l’approccio migliore per monetizzare il tuo sito tramite annunci display dalle reti sarà quello di utilizzare una combinazione di annunci Google AdSense e Media.net. Per un sito con 2-4 unità pubblicitarie standard, suggeriamo il seguente approccio in 10 punti alla creazione di una rete pubblicitaria. Questi sono presentati in ordine di difficoltà / tempo, impegno e importanza. In altre parole, tutti dovrebbero fare il primo passo, ma la maggior parte non riuscirà a passare al punto dieci (e va benissimo):

  1. Apri un account AdSense , crea le tue unità pubblicitarie e pubblicale sul tuo sito.
  2. Sperimenta con le impostazioni (colore, stile, ecc.) Di queste unità AdSense fino a trovare una combinazione che genera il massimo RPM. ( Questa funzione può essere d’aiuto .)
  3. Apri un account Media.net . Inizia a pubblicare annunci Media.net in una o due delle unità in cui era in esecuzione AdSense.
  4. Sperimenta con le impostazioni (colore, stile, ecc.) Di queste unità Media.net fino a trovare una combinazione che generi il massimo RPM.
  5. Suddividere le unità pubblicitarie di prova tra le diverse reti, riempiendo il 50% delle impressioni con AdSense e il 50% con Media.net. Se c’è un chiaro vincitore, sposta il 100% delle impressioni su quella rete, se possibile. (Tieni presente che non ti è consentito avere più di tre unità AdSense per pagina.)
  6. Crea unità di link AdSense   e aggiungile al tuo sito.
  7. Aggiungi un  motore di ricerca personalizzato  al tuo sito.
  8. Crea un profilo con un marketplace di annunci (BuySellAds o iSocket) ed elenca il tuo inventario lì.
  9. Sperimenta con altre reti pubblicitarie (Chitika, Kontera, ecc.). Dubitiamo che qualcuno possa battere la linea di base stabilita con AdSense / Media.net, ma la sperimentazione in corso è sempre una buona idea, in particolare se stai cercando di integrare (anziché sostituire) le entrate di AdSense e Media.net.
  10. Leggi la nostra guida su  101 modi per guadagnare di più con AdSense e ottimizzarla dove appropriato.
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close