Probabilmente è sicuro supporre che gran parte della tua strategia di marketing oggi sia digitale. I consumatori e le imprese allo stesso modo sono quasi sempre online e in viaggio – e tu vuoi essere in grado di raggiungerli e osservare il loro comportamento dove trascorrono il loro tempo.

Ma quando fai crescere un’azienda, può sembrare che questo panorama digitale in continua evoluzione possa rapidamente diventare travolgente. Con una serie di altre responsabilità e compiti che devono essere svolti, come puoi anche creare, mettere a punto e mantenere in modo efficiente una strategia di marketing digitale agile?

Abbiamo messo insieme questa guida sulle strategie di marketing per aiutarti a migliorare la tua presenza digitale e crescere meglio.

  1. Che cos’è una strategia di marketing?
  2. Che cos’è una strategia di marketing digitale?
  3. Che cos’è una campagna di marketing digitale?
  4. Crea una strategia di marketing digitale
  5. Esempi di campagne di marketing digitale

Cos’è una strategia di marketing?

È importante capire in che modo una strategia di marketing differisce da una strategia di marketing digitale prima di implementarne una o entrambe in azienda.

Una strategia di marketing è un piano per raggiungere uno o più obiettivi specifici correlati al marketing in modo mirato e realizzabile. Tiene conto di ciò che la tua azienda sta attualmente facendo bene e di ciò che ti manca rispetto all’obiettivo che hai fissato, quindi hai maggiori probabilità di raggiungerlo.

Ma qual è la differenza tra una strategia di marketing e tattiche di marketing – due termini spesso usati in modo intercambiabile?

Marketing digitale per le piccole imprese

Strategia di marketing vs. tattica

Come accennato in precedenza, una strategia è un insieme realizzabile e mirato di passaggi utilizzati per aiutarti a raggiungere un obiettivo specifico.

Marketing o no, ci sono tre parti di ogni strategia : 1) una diagnosi della tua sfida, 2) una politica guida per affrontare la sfida e 3) una serie di azioni mirate necessarie per realizzare la politica.

 

A seconda delle dimensioni della tua attività, la tua strategia di marketing può includere diverse parti mobili, ognuna con obiettivi diversi. Detto questo, lavorare sulla tua strategia può diventare scoraggiante al momento. Quindi, se ti senti mai sopraffatto dalla tua strategia di marketing, fai riferimento a questi tre passaggi per concentrarti sul raggiungimento dei tuoi obiettivi.

Le tattiche di marketing , o tattiche di qualsiasi tipo, sono le azioni specifiche che scegli di intraprendere durante la tua strategia per aiutarti a raggiungere il tuo obiettivo finale. In altre parole, una strategia è la tua destinazione: è il piano realizzabile e mirato per raggiungere il tuo obiettivo. Le tattiche sono passaggi concreti e definibili all’interno della tua strategia che ti garantiscono di raggiungere il tuo obiettivo.

Per fornire una migliore comprensione di ciò che possono comportare, consultare il seguente elenco di strategie di marketing di base comunemente utilizzate dai team in una vasta gamma di settori.

Strategie di marketing di base

  • Pubblica un blog.
  • Pubblicizza su specifiche piattaforme di social media (ad esempio Facebook Ads, Instagram Ads).
  • Offri risorse educative gratuite
  • Il motore di ricerca ottimizza i tuoi contenuti digitali.
  • Crea un omaggio e / o un concorso.
  • Prova diversi tipi di campagna per determinare quale funziona meglio per il tuo pubblico.
  • Organizza un webinar.
  • Prodotto un podcast.
  • Crea una campagna e-mail.

Ora che capisci cos’è una strategia di marketing, vediamo come si differenzia da una strategia di marketing digitale.

Simile alle strategie di marketing e alle tattiche di marketing, un’altra coppia di termini simili che sono spesso, erroneamente, usati in modo intercambiabile sono la strategia di marketing digitale e la campagna di marketing digitale. Quindi in cosa differiscono?

Che cos’è una campagna di marketing digitale?

Come accennato, una strategia digitale è la serie di azioni pianificate e intraprese per raggiungere il tuo obiettivo generale di marketing digitale. Al contrario, le campagne di marketing digitale sono i mattoni e le azioni all’interno della tua strategia che ti spingono verso un obiettivo finale digitale specifico.

Ad esempio, se l’obiettivo generale della tua strategia di marketing digitale è generare più lead attraverso i social media, potresti eseguire una campagna di marketing digitale su Twitter. Puoi condividere alcuni dei contenuti gated con le migliori prestazioni della tua attività su Twitter per generare più lead attraverso il canale.

Successivamente, esaminiamo i passaggi necessari per la creazione di una strategia di marketing digitale per la tua azienda.

1. Costruisci i tuoi acquirenti.

Per qualsiasi strategia di marketing – digitale o no – devi sapere a chi stai commercializzando. Le migliori strategie di marketing digitale si basano su personalità dettagliate dell’acquirente e il tuo primo passo è crearle.

 

Gli acquirenti rappresentano i tuoi clienti ideali e possono essere creati ricercando, rilevando e intervistando il pubblico target della tua attività.

È importante notare che queste informazioni dovrebbero essere basate su dati reali ogni volta che è possibile, poiché fare ipotesi sul tuo pubblico può far muovere la tua strategia di marketing nella direzione sbagliata.

Per avere un quadro completo della tua persona, il tuo pool di ricerca dovrebbe includere una combinazione di clienti, potenziali clienti e persone al di fuori del tuo database di contatti che si allineano al tuo pubblico di destinazione.

Ma che tipo di informazioni dovresti raccogliere affinché i tuoi clienti acquirente informino la tua strategia di marketing digitale?

Dipende dalle tue attività: è probabile che vari a seconda che tu sia B2B o B2C o che tu venda un prodotto ad alto o basso costo.

Ecco alcuni punti di partenza che puoi perfezionare e adattare al tuo business particolare.

Informazioni quantitative e demografiche

  • Posizione: utilizza gli strumenti di analisi web per identificare facilmente la posizione da cui proviene il traffico del tuo sito web.
  • Età: a seconda della tua attività, potrebbero essere o meno informazioni rilevanti. Ma se siamo noi, è meglio raccogliere questi dati identificando le tendenze nella tua prospettiva esistente e contatta il database .
  • Entrate: è meglio raccogliere informazioni sensibili come le entrate personali attraverso interviste di ricerca personale, in quanto le persone potrebbero non essere disposte a condividere questi dettagli tramite moduli online.
  • Titolo di lavoro: questo è qualcosa di cui puoi avere un’idea approssimativa dalla tua base di clienti esistente ed è più rilevante per le aziende B2B.

Informazioni qualitative e psicografiche

  • Obiettivi: a seconda della sfida che il tuo prodotto o servizio risolve, potresti già avere una buona idea degli obiettivi del tuo acquirente. Consolida i tuoi presupposti parlando con clienti reali e addetti alle vendite interne e al servizio clienti.
  • Sfide: parla con i clienti, i rappresentanti delle vendite e del servizio clienti e tutti gli altri impiegati rivolti ai clienti per avere un’idea delle sfide comuni che devono affrontare i membri del tuo pubblico.
  • Hobby / Interessi: chiedi ai clienti e a coloro che si allineano con il tuo pubblico di riferimento sui loro hobby e interessi. Se sei un marchio di moda, ad esempio, è utile sapere se ampi segmenti del tuo pubblico sono interessati anche al fitness e al benessere per informare contenuti e collaborazioni future.
  • Priorità: parla con i clienti e i membri del pubblico di destinazione per scoprire cosa è più importante per loro in relazione alla tua attività. Ad esempio, se sei una società di software B2B, sapere che il tuo pubblico apprezza l’assistenza clienti a un prezzo competitivo è un’informazione molto preziosa.

Combinando tutti questi dettagli, sarai in grado di creare personalità acquirenti accurate e di grande valore per la tua attività.

2. Identifica i tuoi obiettivi e gli strumenti di marketing digitale di cui avrai bisogno.

I tuoi obiettivi di marketing devono sempre essere ricondotti agli obiettivi fondamentali della tua attività.

Ad esempio, se l’obiettivo della tua azienda è aumentare le entrate online del 20%, l’obiettivo del tuo team di marketing potrebbe essere quello di generare il 50% di lead in più sul sito web rispetto all’anno precedente per contribuire a tale successo.

Utilizza un modello di piano di marketing di alto livello per delineare la tua strategia di marketing annuale, identificare le massime priorità e altro ancora.

Qualunque sia il tuo obiettivo generale di marketing digitale , devi essere in grado di misurare il successo della tua strategia lungo il percorso con i giusti strumenti di marketing digitale .

Ad esempio, la dashboard dei rapporti in HubSpot riunisce tutti i tuoi dati di marketing e di vendita in un unico posto, in modo da poter determinare rapidamente cosa funziona e cosa non migliora la tua strategia per il futuro.

3. Valuta i tuoi canali e risorse digitali esistenti.

Quando rivedi i tuoi canali e risorse di marketing digitale esistenti per determinare cosa includere nella tua strategia, è utile prima considerare il quadro generale – questo ti eviterà di sentirti sopraffatto o confuso.

Raccogli ciò che hai e classifica ogni veicolo o risorsa in un foglio di calcolo, in modo da avere una chiara immagine dei tuoi mezzi di proprietà, guadagnati e pagati esistenti.

Quadro multimediale posseduto, guadagnato e pagato

Per fare ciò in modo efficace, utilizzare il framework dei media posseduti, guadagnati e pagati per classificare i “veicoli” digitali, le risorse o i canali che stai già utilizzando e decidere qual è la soluzione migliore per la tua strategia.

Owned Media

Ciò si riferisce alle risorse digitali di proprietà del tuo marchio o della tua azienda, siano essi il tuo sito Web, i profili dei social media, i contenuti del blog o le immagini. I canali di proprietà sono ciò su cui la tua azienda ha il controllo completo.

Ciò può includere anche alcuni contenuti off-site di tua proprietà che non sono ospitati sul tuo sito Web (ad esempio un blog che pubblichi su Medium).

Media guadagnati

I media guadagnati si riferiscono all’esposizione che guadagni attraverso il marketing del passaparola. Che si tratti di contenuti che hai distribuito su altri siti Web (ad es. Post degli ospiti), di lavoro PR che hai svolto o dell’esperienza del cliente che hai fornito. I media guadagnati sono il riconoscimento che ricevi come risultato di questi sforzi.

Puoi guadagnare media ottenendo menzioni sulla stampa e recensioni positive, nonché da persone che condividono i tuoi contenuti tramite le loro reti (ad es. Canali di social media).

Media a pagamento

I mezzi a pagamento si riferiscono a qualsiasi veicolo o canale su cui spendi soldi per attirare l’attenzione dei tuoi acquirenti.

Ciò include cose come Google AdWords , post sui social media a pagamento, pubblicità nativa (ad esempio post sponsorizzati su altri siti Web) o qualsiasi altro mezzo attraverso il quale si paga in cambio di una maggiore visibilità.

Dato che hai una migliore comprensione di ciò che comporta questo framework, diamo un’occhiata a un esempio.

Supponi di avere un contenuto di proprietà in una pagina di destinazione sul tuo sito Web che è stato creato per aiutarti a generare lead. Sai che vuoi incorporare diverse parti del framework piuttosto che lavorare solo con i media di proprietà, guadagnati o pagati.

Per amplificare il numero di lead generati dal contenuto, fai uno sforzo per assicurarti che sia condivisibile in modo che il tuo pubblico possa distribuirlo tramite i loro profili sui social media. In cambio, ciò aumenterà il traffico verso la tua pagina di destinazione. Questo è il componente multimediale guadagnato .

Per supportare il successo dei tuoi contenuti, potresti pubblicare dei contenuti sulla tua pagina Facebook e pagare per vederli da più persone nel tuo pubblico di destinazione.

Ecco come le tre parti del framework sono in grado di lavorare insieme, anche se non è necessario per il successo. Ad esempio, se i tuoi media di proprietà e quelli guadagnati hanno già entrambi successo, potresti non dover investire in pagamenti. Quindi, valuta la soluzione migliore per aiutarti a raggiungere il tuo obiettivo, quindi incorpora i canali che funzionano meglio per la tua attività nella tua strategia di marketing digitale.

Ora sai cosa è già in uso, puoi iniziare a pensare a cosa conservare e cosa tagliare.

4. Controlla e pianifica le tue campagne multimediali di proprietà .

Il cuore del marketing digitale sono i media di proprietà – e quasi sempre ci vuole sotto forma di contenuto. Questo perché quasi tutti i messaggi trasmessi dal tuo marchio possono essere classificati come contenuti, che si tratti di una pagina del sito Chi siamo , descrizioni dei prodotti, post di blog, e-book, infografiche, podcast o post di social media.

I contenuti aiutano a convertire i visitatori del tuo sito Web in lead e clienti migliorando al contempo la presenza online del tuo marchio. E quando questo contenuto è ottimizzato per i motori di ricerca (SEO), può aumentare la tua ricerca e il traffico organico.

Qualunque sia l’obiettivo della tua strategia di marketing digitale, ti consigliamo di incorporare contenuti di proprietà. Per iniziare, decidi quali contenuti ti aiuteranno a raggiungere i tuoi obiettivi.

Se il tuo obiettivo è generare il 50% di lead in più sul sito web rispetto allo scorso anno, è molto probabile che la tua pagina Chi siamo non verrà inclusa nella tua strategia, a meno che quella pagina non sia stata in qualche modo una macchina di generazione di lead in passato.

Ecco un breve processo che puoi seguire per capire quali contenuti di proprietà hai bisogno per raggiungere i tuoi obiettivi di strategia di marketing digitale.

Controlla i tuoi contenuti esistenti.

Fai un elenco dei tuoi contenuti di proprietà esistenti e classifica ogni articolo in base a ciò che ha funzionato meglio in relazione ai tuoi obiettivi attuali.

Ad esempio, se il tuo obiettivo è la generazione di lead, classifica i tuoi contenuti in base a quali pezzi hanno generato il maggior numero di lead nell’ultimo anno (come un post sul blog, un ebook o una pagina del sito).

L’idea qui è di capire cosa sta funzionando attualmente e cosa no, in modo che tu possa prepararti al successo quando pianifichi contenuti futuri.

Identifica le lacune nei contenuti esistenti.

In base ai tuoi acquirenti, identifica eventuali lacune nel contenuto che hai. Ad esempio, se sei una società di tutoraggio di matematica e sai attraverso la ricerca che una delle maggiori sfide per i tuoi personaggi è trovare modi efficaci di studiare – al momento non hai contenuti che esprimano tale preoccupazione – crearne alcuni.

Osservando il controllo dei contenuti, potresti scoprire che gli ebook ospitati su un determinato tipo di landing page si convertono davvero bene (meglio dei webinar, ad esempio). Nel caso di questa compagnia di tutoraggio di matematica, potresti prendere la decisione di aggiungere un e-book su “come rendere lo studio più efficace” ai tuoi piani di creazione di contenuti.

Crea un piano di creazione di contenuti.

Sulla base delle tue scoperte e delle lacune che hai identificato, crea un piano di creazione di contenuti che delinei i contenuti necessari per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.

Ciò dovrebbe includere:

  • Titolo
  • Formato
  • Obbiettivo
  • Canali promozionali
  • Perché stai creando il contenuto
  • Livello di priorità del contenuto

Questo può essere un semplice foglio di calcolo e dovrebbe includere anche informazioni sul budget se stai pianificando di esternalizzare la creazione di contenuti o una stima del tempo se lo stai producendo da solo.

5. Controlla e pianifica le tue campagne multimediali guadagnate .

La valutazione dei media guadagnati in precedenza rispetto ai tuoi obiettivi attuali può aiutarti a farti un’idea di dove concentrare il tuo tempo. Guarda da dove provengono il traffico e i lead (se questo è il tuo obiettivo) e classifica ogni fonte multimediale guadagnata dal più efficace al meno efficace.

Puoi ottenere queste informazioni utilizzando strumenti come i rapporti Sorgenti nello strumento Analisi traffico di HubSpot .

Fonti nel pannello di analisi del traffico in HubSpot

Potresti trovare un articolo particolare che hai contribuito alla stampa di settore che ha spinto molto traffico qualificato verso il tuo sito Web, il che ha favorito le conversioni. Oppure, potresti scoprire che LinkedIn è il luogo in cui vedi la maggior parte delle persone che condividono contenuti, aumentando il traffico.

L’idea è quella di creare un’immagine di quali tipi di media guadagnati ti aiuteranno a raggiungere i tuoi obiettivi (e cosa no) sulla base di dati storici. Tuttavia, se c’è qualcosa di nuovo che vuoi sperimentare, non escluderlo solo perché non è mai stato fatto prima.

6. Controlla e pianifica le tue campagne multimediali a pagamento .

Questo processo prevede gran parte dello stesso processo: è necessario valutare i supporti a pagamento esistenti su ciascuna piattaforma (ad esempio Google AdWords, Facebook, Twitter, ecc.) Per capire quali sono le probabilità che ti possano aiutare a raggiungere i tuoi obiettivi attuali.

Se hai speso molti soldi in AdWords e non hai visto i risultati che speravi, forse è il momento di affinare il tuo approccio o di eliminarlo del tutto e concentrarti su un’altra piattaforma che sembra produrre risultati migliori.

Utilizza questa guida gratuita per ulteriori informazioni su come sfruttare AdWords per la tua strategia di marketing digitale .

Entro la fine del processo, dovresti avere un’idea chiara di quali piattaforme multimediali a pagamento desideri continuare a utilizzare e quali (se presenti) desideri rimuovere dalla tua strategia.

7. Riunisci la tua campagna di marketing digitale.

Hai fatto la pianificazione e la ricerca e ora hai una solida visione degli elementi che costituiranno la tua strategia di marketing digitale.

Per rivedere, ecco cosa avresti dovuto consolidare finora:

  • Cancella profilo (i) delle persone dell’acquirente
  • Uno o più obiettivi specifici del marketing digitale
  • Un inventario dei supporti di proprietà, guadagnati e pagati esistenti
  • Una verifica dei media di proprietà, guadagnati e pagati esistenti
  • Un piano di creazione o lista dei desideri di proprietà

Ora è il momento di riunire tutto insieme per formare un documento di strategia coerente. Rivisitiamo il significato della strategia digitale : la serie di azioni che ti aiuteranno a raggiungere i tuoi obiettivi attraverso il marketing online (digitale).

In altre parole, il documento di strategia dovrebbe mappare la serie di azioni che intraprenderai per raggiungere i tuoi obiettivi, in base alla tua ricerca fino a questo punto.

(Suggerimento professionale: un foglio di calcolo è un formato efficiente per questo – e per motivi di coerenza, potresti trovare più facile mappare in base al framework dei media di proprietà, guadagnato e pagato che abbiamo usato finora.)

Dovrai anche pianificare la tua strategia a lungo termine – in genere, circa 6-12 mesi è un buon punto di partenza, a seconda della tua attività. Ciò ti consentirà di sovrapporre quando tu e il tuo team eseguirete ogni azione. Per esempio:

  • A gennaio, inizierai un blog che verrà continuamente aggiornato una volta alla settimana, per l’intero anno.
  • A marzo lancerai un nuovo ebook, accompagnato da una promozione a pagamento.
  • A luglio ti preparerai per il tuo mese lavorativo più importante: cosa speri di aver osservato a questo punto che influenzerà il contenuto che produci per supportarlo?
  • A settembre, ti concentrerai sui media guadagnati sotto forma di PR per indirizzare il traffico aggiuntivo durante il periodo di preparazione.

Adottando questo approccio, creerai una sequenza temporale strutturata per la tua attività, che ti aiuterà a comunicare i piani tra i colleghi.

Infine, ecco alcuni esempi ben noti di campagne di marketing digitale e le strategie che adottano per farti ispirare.

1. GoPro: video realizzato dagli utenti dei media guadagnati

GoPro è famosa per i suoi filmati unici in stile punto di vista, tutti tratti dal classico obiettivo fisheye dell’azienda.

Quello che potresti non sapere è che gran parte dei contenuti video che vedi sul canale YouTube di GoPro non sono stati realizzati da GoPro – piuttosto, hanno creato i loro fedeli utenti.

Popolando il proprio canale YouTube con contenuti video creati dagli utenti, GoPro ha incoraggiato i propri fan a catturare filmati e avventure, quindi a pubblicarli online (accreditando il prodotto GoPro per il filmato e l’esperienza).

Questa campagna di marketing digitale in corso ha sostenuto l’uso del video per spargere la voce sulla linea di prodotti GoPro e ha creato una community di clienti e fan fedeli.

2. Delta Air Lines: storie di proprietà su Twitter

Delta Air Lines è un utente prolifico dei social media, in particolare su Twitter. Il marchio utilizza la piattaforma per coinvolgere i potenziali passeggeri in una varietà di modi tempestivi ed emotivamente stimolanti.

Ad esempio, in onore del mese della sensibilizzazione sul cancro al seno, la società ha condiviso storie personali di dipendenti Delta con membri del pubblico tramite il feed Twitter dell’azienda.

le compagnie aeree delta possedevano un esempio di storia su Twitter

Questo tipo di campagna digitale promuove la lealtà, la consapevolezza positiva del marchio e offre ai potenziali e attuali clienti un’idea di ciò che Delta si prende cura e rappresenta.

3. Geico: annunci preroll YouTube a pagamento

Per molti, quando senti la parola ” Geico ” , ricordi automaticamente che puoi “risparmiare almeno il 15% sull’assicurazione auto”.

Ma anche un’azienda con un tale slogan così memorabile e di successo può rischiare fastidiosi membri del pubblico (le cose ripetitive possono invecchiare, rapidamente) quando una campagna di marketing diventa troppo prolissa.

Ecco perché Geico ha lanciato una serie di annunci preroll su YouTube che ammettono la brevità dell’annuncio. Gli annunci Preroll sono una forma di contenuti a pagamento su YouTube in cui paghi YouTube per pubblicare annunci da 15 a 20 secondi prima di video con lo stesso pubblico dell’inserzionista.

Mentre alcune aziende cercano di spremere più messaggi possibili in quella breve slot, Geico ha colto l’occasione per prendere in giro il loro marchio per prendersi il tuo tempo in primo luogo.

Questo rende gli spot preroll di Geico su YouTube divertenti e unici e mostra il livello di autocoscienza del marchio.

4. Wayfair: tag Instagram di proprietà media

Wayfair , un commerciante di mobili e decorazioni per la casa, ha un’innovativa strategia Instagram: le sue foto Instagram non sono solo foto. Questo perché Instagram offre alle aziende la possibilità di creare pagine di acquisto all’interno della piattaforma.

Con Instagram Shopping , Wayfair ha pubblicato scatti interni a casa su Instagram e ha taggato i prodotti nelle foto con informazioni e dettagli sui prezzi.

Campagna di marketing digitale di Wayfair che utilizza i tag shopping di Instagram in una foto di mobili per soggiorno

Questa è una campagna di marketing digitale che mostra alle persone esattamente quanto costa ogni articolo nelle foto. Inoltre dirige i membri del pubblico ad acquistare gli oggetti visti nelle foto senza mai uscire dall’app. In cambio, Wayfair può aumentare conversioni e entrate da Instagram.

5. Mastercard: blog di viaggi multimediali di proprietà

Mastercard basa il suo marchio sulle storie e le avventure vissute dai titolari di carte. Ma a cosa serve un marchio basato sui viaggi senza una campagna di marketing digitale basata sui viaggi?

Le città senza prezzo , il blog di viaggio di Mastercard, sono una risorsa che i clienti accoppiano con le carte di credito che li aiutano a pagare per i loro viaggi.

mastercard città inestimabili viaggi bl

Questa campagna consente all’azienda di allinearsi meglio alle cose in cui investono i loro clienti e ai luoghi in cui viaggiano i loro clienti.

6. Titoli ETF: contenuti sponsorizzati LinkedIn a pagamento

ETF Securities è un piccolo servizio di gestione patrimoniale che si rivolge a gestori patrimoniali e investitori in Europa.

etf securities sponsored content linkedin

L’azienda ha appreso che i suoi clienti trascorrono la maggior parte del tempo su LinkedIn, interagendo con contenuti sponsorizzati e a pagamento sulla piattaforma.

Investendo il loro tempo qui, ETF Securities ha suscitato maggiore interesse negli investimenti ed è stato in grado di aiutare i propri clienti a prendere decisioni finanziarie più intelligenti. Con questa campagna digitale, ETF Securities ha registrato una crescita del 95% anno su anno nei follower di LinkedIn.

7. Red Bull: Owned Media Lifestyle News

Red Bull è diventato famoso per la sponsorizzazione di sport estremi, non solo per la bevanda energetica che vendono.

Homepage del blog Red Bull con una campagna di marketing digitale incentrata sugli sport estremi

Invece di creare contenuti digitali relativi alla bevanda energetica, Red Bull cattura il suo pubblico con articoli e video sugli ultimi avvenimenti nella comunità degli sport estremi.

In una delle loro campagne di marketing digitale, Red Bull ha dimostrato che ciò che vendi non è sempre il focus ideale per una strategia di contenuto. Piuttosto, può essere significativamente più prezioso personalizzare una campagna in base allo stile di vita che i tuoi clienti vivono o desiderano associare.

Crescere meglio con strategie di marketing che migliorano la tua presenza digitale

Il tuo documento di strategia sarà molto individuale per la tua attività, motivo per cui è quasi impossibile per noi creare un modello di strategia di marketing digitale a misura unica.

Ricorda, lo scopo del tuo documento di strategia è quello di mappare le azioni che intendi intraprendere per raggiungere il tuo obiettivo per un periodo di tempo – fintanto che lo comunica, quindi hai fissato le basi della creazione di una strategia digitale.

Se sei ansioso di sviluppare una strategia veramente efficace per aiutarti a far crescere la tua attività, dai un’occhiata alla nostra raccolta gratuita di modelli di marketing dei contenuti di seguito.

Nota del redattore: questo post è stato originariamente pubblicato nell’ottobre 2019 ed è stato aggiornato per completezza.