Cerca

La guida definitiva a Google Ads per l’E-Commerce (2020)

Per molte aziende di e-commerce, Google Ads è uno dei principali canali di marketing.

In alcuni studi di ricerca , Google Ads rappresenta fino al 18% di tutte le entrate e-commerce.

Quindi, se hai deciso di iniziare con Google Ads o desideri ottenere risultati migliori da questa, questa guida è per te.

Poiché Google Ads è una piattaforma abbastanza grande con tonnellate di diverse opzioni tra cui scegliere, non è sempre chiaro quale di queste funzioni sia rilevante per te.

Quindi, in questa guida agli annunci di Google per le aziende di e-commerce, ti guiderò attraverso l’intera piattaforma e ti mostrerò su cosa concentrarti per il massimo impatto.

 

Iniziamo!

 

Sommario

Fondazione indispensabile

Google Ads non è adatto a qualsiasi attività commerciale.

So di aver menzionato nell’introduzione come le aziende di e-commerce ottengono un sacco di vendite da Google Ads, ma questa è solo la media.

Qui ci sono un paio di importanti must prima di andare avanti.

bilancio

Alcuni negozi online semplicemente non hanno i soldi per testare davvero Google Ads.

L’obiettivo iniziale non è quello di sviluppare un canale di vendita completo. Il tuo primo obiettivo è bagnarti i piedi, capire cosa si può avere da Google Ads. E poi fatti strada.

Un paio di cose influenzano il budget di cui hai bisogno:

  • Quanto tempo di solito le persone acquistano?
  • Quanto guadagni da una vendita?
  • Quanto è competitivo il tuo settore?

Minimo nudo: $ 10 / giorno per un mese

Minimo ideale: $ 1.000 / mese

Puoi farlo per meno. Ma sarai molto più nervoso e nervoso e probabilmente non rimarrà abbastanza a lungo.

Troppo spesso vedo i nuovi inserzionisti essere nervosi:

lamentarsi-about-poveri-prestazioni
Nuovo inserzionista che si lamenta di non vedere risultati

Mi rendo conto che $ 1,000 possono essere molti soldi per iniziare un’attività. Pertanto, se il budget è ridotto, mantenere basso il numero di prodotti / parole chiave.

Non provare a pubblicare una campagna con 2000 prodotti con $ 5 al giorno per un mese. Distribuirai il tuo budget troppo in fretta e non sarai più intelligente se questo può funzionare. Quindi concentra il tuo budget sulle cose che potrebbero comportare vendite.

Prerequisiti del negozio

Due negozi che hanno lo stesso budget e iniziano le stesse campagne di Google Ads potrebbero vedere risultati molto diversi.

Si potrebbero organizzare campagne che commettono errori di base ma continuano a generare profitti.

Mentre l’altro gestisce campagne Google Ads perfette, perde comunque denaro ad ogni clic.

L’ho visto succedere molte volte. E mi ci è voluto del tempo per capire perché questo stesse accadendo.

Oggi ho isolato questi tre fattori che sono un buon barometro del potenziale e-commerce di Google Ads:

  1. La conoscenza del prodotto
  2. Economia unitaria che ha senso
  3. Infrastruttura: acquisizione e-mail, abbandono del carrello, benvenuto, programma ripetizione, ecc.

Credo che queste tre cose siano essenziali per andare bene PRIMA di iniziare con Google Ads.

Questi non sono solo belli da avere ma possono significare la differenza tra guadagnare o perdere denaro.

Strategia annunci Google

Parte della complessità per le persone che non conoscono Google Ads è che non esiste un “annuncio Google”.

Google Ads è una piattaforma che ti consente di fare pubblicità in luoghi diversi, utilizzando diversi tipi di campagne e diversi formati di annunci.

Quindi la prima cosa che devi fare è capire quali di questi sono rilevanti per la tua attività in questo momento e quali per cui metterli in un secondo momento.

Ordine al caos

Sebbene tu possa iniziare con qualsiasi tipo di campagna e vedere i risultati, non è l’approccio più efficace basato sulla mia esperienza di insegnamento alle persone su come eseguire Google Ads.

Con Google Ads, se non presti attenzione a questo, potresti finire per competere per parole chiave che sono molto più competitive e con altri negozi che lo fanno da ANNI.

Quindi suggerisco di eseguire i diversi tipi di campagne in Google Ads passo dopo passo:

  1. Annunci commerciali
  2. Annunci di remarketing
  3. Cerca annunci
  4. Annunci YouTube
  5. Annunci display

Il motivo principale di questo particolare ordine è di semplificare le cose.

Ridurre al minimo gli errori

Se esegui campagne nell’ordine che descrivo sopra, diventa più difficile per te fare errori di base.

Supponiamo che salti il ​​mio consiglio e inizi invece con gli annunci della rete di ricerca.

Sono in giro da 20 anni e molti inserzionisti sono diventati DAVVERO bravi con loro.

Sono molto facili da avviare e ottenere traffico, ma gli errori vengono facilmente commessi quando si tratta della struttura del gruppo di annunci e dei tipi di corrispondenza.

Quelli rendono immediatamente difficile raggiungere la redditività.

Quindi, in ciò che segue, seguiremo quell’ordine.

Ma all’interno di ogni tipo di campagna, c’è anche molta complessità, quindi nel resto di questa guida, ho diviso tutte le sezioni in 3 livelli:

  • Principiante : fallo se hai appena iniziato
  • Intermedio : hai qualche esperienza ma vuoi assicurarti di fare le cose nel modo giusto
  • Esperto : sai come ottenere risultati (e ne vorresti di più)

Quindi, invece di cercare di ottenere tutto perfetto in una volta, concentrati sul fare tutte le cose per principianti.

Una volta che hai capito, inizia a salire. Con ogni livello che sali, i risultati saliranno anche man mano che diventerai più intelligente, più raffinato e dettagliato.

Questo evita anche di rimanere aggrappato a dettagli che non sono realmente rilevanti a questo punto.

Nozioni di base su Google Ads

Mentre Google Shopping richiede alcune impostazioni e configurazioni aggiuntive, la maggior parte degli altri tipi di campagna condivide le stesse nozioni di base.

La cosa più importante, ovviamente, è un account Google Ads. È libero di creare .

(Se stai creando una campagna per un cliente, potrebbe valere la pena esaminare un account Centro clienti Google Ads , che ti consente di gestire più account con l’accesso e la disconnessione).

L’interfaccia di Google Ads (Principiante)

Non importa se stai creando campagne di Google Shopping o YouTube Ads, controlli tutto dall’interfaccia di Google Ads:

Google-ads-interfaccia
Panoramica dell’interfaccia annunci di Google

Google fa costantemente modifiche. Quindi, se non apri Google Ads molto spesso, le cose potrebbero essere cambiate molto.

Le prime due colonne sono tutte relative alla navigazione, trova la strada per la parte corretta delle tue campagne. (Passerai la maggior parte del tempo nelle schede Campagne / Gruppi di annunci / Gruppi di prodotti / Parole chiave della navigazione centrale.)

La sezione Grafico offre una rapida panoramica di ciò che accade nel tuo account, quindi assicurati di selezionare le metriche più importanti per te.

I dati sui clic sono la parte più importante del rapporto, è qui che vedrai cosa funziona e cosa no.

Editor annunci Google (intermedio)

Mentre puoi fare tutto dall’interfaccia di Google Ads, alcune cose diventano piuttosto noiose.

Il Google Ads Editor è uno strumento gratuito da Google. È fatto per gli utenti esperti di Google Ads e ti consente di essere molto più efficiente.

Google-ads-editore
Editor annunci Google

Ecco i principali vantaggi:

  • Apporta modifiche in blocco
  • Copia / incolla elementi (risparmia un sacco di tempo durante l’impostazione di nuove campagne)
  • Modifica le impostazioni senza dover passare attraverso la procedura guidata
  • Lavora “offline”: aiuta a preparare un sacco di cambiamenti o modifiche

Google Analytics (Principiante)

Il secondo strumento di cui hai bisogno è Google Analytics .

Funziona immediatamente, ma è necessario apportare alcune modifiche per ottenere il massimo dalle sue funzionalità di e-commerce :

  1. Monitoraggio e-commerce
  2. Collega Google Ads e Google Analytics insieme (ora puoi importare transazioni in Google Ads)
  3. E-commerce avanzato per una migliore visualizzazione del carrello e delle prestazioni di pagamento

Inoltre, mantenere attiva la codifica automatica predefinita. A meno che tu non sappia esattamente cosa stai facendo, tienilo così com’è per evitare di rovinare i tuoi dati anche prima di iniziare: p

Abbastanza preparazione, è tempo di iniziare a girare !!

Annunci di Google Shopping

Molte persone sono scoraggiate da Google Shopping Ads , e questo è principalmente a causa del lavoro che è necessario per iniziare. Se sei sfortunato, i primi lavori possono diventare piuttosto tecnici.

Ottimizzazione dell'immagine del prodotto di Google Shopping Ads
Esempio di annunci commerciali

Ma se riesci a superare quell’ostacolo, ci sono molte ricchezze davanti a te.

Feed prodotto (Principiante)

Per eseguire Shopping Ads, devi creare un feed di prodotto . Questo è fondamentalmente un grande foglio di calcolo con tutte le informazioni sul prodotto.

Google_Merchant_Center_feed_template_in_Google_Sheets

La sfida con questo è che devi fornire tutti i diversi attributi che Google vuole E fornirli nel formato che Google vuole .

Se sei su una delle grandi piattaforme di e-commerce, di solito c’è un’app o un plug-in per occuparsene.

Ma a volte, quelli non funzioneranno e dovrai trovare una soluzione diversa .

Google Merchant Center (Principiante)

Google Merchant Center (un altro strumento gratuito di Google ) è il luogo in cui avviene tutto il sollevamento pesante.

Lì connetti il ​​tuo feed di prodotto al sistema di Google. Alcune piattaforme (Shopify, Magento) si collegheranno direttamente attraverso l’API. Su altri, dovrai aggiungere il feed manualmente.

Successivamente, puoi ottenere i dettagli sulla qualità delle informazioni che hai fornito:

google-merchant-centro-diagnostica-Panoramica

Non riesco a prevedere quali errori e avvisi vedrai. Questi dipendono dal feed del tuo prodotto.

problemi-google-merchant-centro-conto

Se sei bloccato, consulta questa guida per aiutarti a correggere tutti gli errori.

Quando tutti gli errori (almeno quelli rossi) sono stati risolti, sei pronto per passare a Google Ads!

Smart Shopping Vs Campagne Shopping standard (Principiante)

Una delle prime cose che dovrai decidere quando impostare una nuova campagna Google Shopping è se scegliere una campagna Smart Shopping o una standard.

Lo shopping intelligente è ancora il nuovo bambino sul blocco. Google lo sta promuovendo duramente ma non sono ancora un fan.

Smart-shopping-vs-Standard-shopping-campagne
Shopping intelligente e campagne Shopping standard

La differenza più grande tra i due è che con Smart Shopping, Google automatizzerà molte delle cose che fai manualmente con gli annunci commerciali standard.

Cose che non puoi controllare con Smart Shopping:

  • offerta
  • Dove vengono visualizzati i tuoi annunci
  • Quali query di ricerca stai mostrando

Tutti questi riducono la complessità, quindi se hai appena iniziato è facile essere tentati. Ma sfortunatamente rendere molto più difficile realizzare un profitto o scoprire cosa sta funzionando per fare di più.

Se hai esperienza con le campagne Shopping standard, puoi eseguire un test.

Ma se stai iniziando le tue prime campagne, ti suggerisco di pubblicare annunci commerciali standard. (Che è quello che faremo nel resto di questa sezione).

Parole chiave a corrispondenza inversa (principiante)

Per impostazione predefinita, non è possibile selezionare le parole chiave per le quali visualizzare gli annunci Shopping. (Condividerò una soluzione alternativa per quello in una delle prossime sezioni).

Ma puoi aggiungere quelli in cui desideri impedire la pubblicazione dei tuoi annunci.

Un paio di esempi comuni di parole chiave a corrispondenza inversa : gratuito, manuale, rimborso, lavoro, ecc.

Puoi trovarli attraverso cose come la ricerca di parole chiave o da campagne precedenti.

Offerta (intermedio)

Troppe persone sono bloccate dalle offerte.

Non fraintendetemi, avere la giusta strategia di offerta è importante, ma iniziare non otterrà alcun vantaggio dall’uno o dall’altro.

Puoi essere fregato da cose come Massimizza i clic. Quindi, se stai iniziando, utilizza il CPC manuale e vai avanti per ora.

Quindi, quando arrivano i dati sulle conversioni, puoi iniziare a testare strategie di offerta automatizzate come CPC ottimizzato o ROAS target.

Struttura della campagna commerciale (intermedia)

Una campagna Shopping pronta all’uso è molto semplice: una singola campagna con un singolo gruppo di annunci e un singolo gruppo di prodotti

google-shopping-catch-all-campagna

Alcuni inserzionisti potrebbero suddividere alcuni gruppi di prodotti per fare offerte diverse per ciascun prodotto.

Ma la maggior parte degli inserzionisti rimane bloccata lì.

E questo è un peccato.

Il mio problema più grande con questa impostazione predefinita è che stai pagando lo stesso importo esatto per qualsiasi query di ricerca che Google decide di abbinare ai tuoi prodotti.

Facciamo un piccolo quiz. Se vendi questa motosega:

Stihl-MSA-200C-motosega
Per quali query di ricerca desideri che vengano mostrati gli annunci per questa motosega?

Pagheresti lo stesso per un clic sul tuo annuncio se qualcuno cercasse “motosega” rispetto a “motosega stihl msa 200”?

Se non sei sicuro della risposta giusta, forse le seguenti informazioni ti aiuteranno.

Quel secondo termine di ricerca, quello che include il marchio e il nome del prodotto, ha un tasso di conversione almeno 2 volte superiore rispetto al primo.

Ciò significa che un clic sul tuo annuncio dopo che qualcuno lo cerca è molto più prezioso per te, il che significa che puoi permetterti di spendere molto di più per quel clic.

Ora come si fa a implementare questo?

Invece di avere un’unica campagna indirizzata a tutte le query di ricerca, hai creato (quasi) campagne duplicate destinate a un diverso gruppo di parole chiave E con un CPC massimo diverso.

Se guardiamo l’esempio sopra, potremmo avere una campagna indirizzata a tutte le query di ricerca che includono il marchio (“Sthil”) e i nomi dei prodotti (“MSA 200”) e un’altra campagna che prende di mira tutte le altre ricerche.

La chiave per farlo funzionare è un’impostazione chiamata priorità della campagna . L’ho contrassegnato come una tattica intermedia perché non è super facile farlo bene.

Etichette personalizzate (intermedie)

Un altro modo per condurre campagne più efficienti è quello di allocare il tuo budget ai prodotti che vendono bene, hanno un buon margine o un buon profitto complessivo.

Tale logica non è disponibile in Google Ads, ma utilizzando etichette personalizzate è possibile aggiungerla al feed del prodotto.

Showcase Shopping Ads (Intermedio)

Mentre le campagne Shopping intelligenti e standard producono effettivamente lo stesso formato di annunci, gli annunci Showcase Shopping in realtà sono un diverso tipo di annuncio.

Vetrina-shopping-annunci-pentole
Esempio di annuncio pubblicitario in vetrina per pentole

Invece di mostrare un singolo prodotto, un annuncio shopping vetrina mostra la selezione di prodotti di quel rivenditore. Se qualcuno fa clic su quella scheda iniziale, può vedere i prodotti reali che corrispondono alla query di ricerca:

ampliato-vetrina-commerciale-ad-pentole
Esempio di annuncio commerciale in vetrina espanso per pentole

Questi annunci vengono pubblicati principalmente su dispositivi mobili per ricerche di categorie molto generiche come “pentole” o “materassi”.

Quando vengono visualizzati, altri annunci commerciali “normali” non verranno visualizzati. Quindi non esiste competizione interna.

Per quanto riguarda i risultati, non hanno ancora prodotto nulla di straordinario per i miei clienti.

Ma poiché stanno comparendo per le ricerche TOFU (nella parte superiore della canalizzazione), aiutano con la visibilità e potrebbero svolgere un ruolo di supporto nella conversione.

Quindi non aspettarti troppo da esso, ma puoi aggiungerlo come test in aggiunta alle tue campagne regolari.

Aggiustamenti delle offerte (intermedio)

Gli aggiustamenti delle offerte sono modifiche che puoi apportare per aumentare o ridurre i tuoi CPC in base alle caratteristiche di un utente.

Gli aggiustamenti delle offerte vanno da -100% (disattivando qualcosa) a un aumento infinito.

Ad esempio, potresti ridurre il CPC massimo del 45% sui dispositivi mobili. Lo faresti se sapessi che i clic provenienti da dispositivi mobili hanno un valore inferiore del 45% per te.

Possibili aggiustamenti delle offerte:

  • dispositivi
  • Ad schedule
  • Posizione
  • Segmenti di pubblico (vista la prossima sezione)

I documenti di supporto di Google hanno una panoramica di tutti gli aggiustamenti delle offerte.

Consulta questo articolo per un bell’esempio di come eseguire correttamente gli aggiustamenti delle offerte .

Pubblico (intermedio)

Il pubblico è un tipo speciale di aggiustamenti delle offerte.

Qui puoi modificare le tue offerte in base ai visitatori che fanno parte di un pubblico diverso (questo è anche chiamato “Elenchi per il remarketing per gli annunci della rete di ricerca”).

Ad esempio, potresti aumentare il CPC massimo del 70% per un visitatore che è stato sul tuo sito e ha iniziato il checkout, ma non ha terminato.

Suggerimento importante: assicurati di aggiungere il tuo pubblico alle tue campagne come osservazione, non come targeting (poiché ciò escluderebbe tutti gli altri visitatori dalle tue campagne).

osservazione del targeting per pubblico di annunci Google
Targeting vs osservazione sul pubblico in Google Ads

Per maggiori dettagli sui visitatori di retargeting, dai un’occhiata alla sezione sugli annunci di remarketing più avanti in questa guida.

Ottimizzazione feed prodotto (esperto)

Google Shopping viene eseguito sulle informazioni fornite nel feed di prodotto.

Quindi un altro modo per ottenere risultati migliori è ottimizzare le informazioni fornite nel feed.

Ecco i tre di maggiore impatto:

1 – Titoli di prodotto
Una gran parte della corrispondenza della query di ricerca avviene con il titolo. Quindi, se hai parole chiave sbagliate nel titolo, Google non ti abbinerà sempre alle query giuste.

Per farlo bene, potresti dover fare qualche ricerca per parole chiave.

Un secondo aspetto di aver ottimizzato i titoli dei prodotti è l’ordine delle parole. Con Shopping Ads, c’è un limite, quindi vuoi assicurarti che le tue parole chiave più importanti siano all’inizio del titolo.

2 – Identificatori del prodotto

Gli identificatori di prodotto sono i numeri di marca, gtin o mpn. Sono la causa di molti mal di testa durante l’impostazione del feed.

Ma ottenerli nel modo giusto è essenziale per garantire la visibilità dei tuoi prodotti.

Perché se stai utilizzando lo stesso numero gtin di un altro venditore, Google ha un po ‘più di informazioni su quali query di ricerca mostrare i tuoi prodotti.

3 – Immagini dei prodotti

Se vendi prodotti venduti anche da altri, considera di cambiarli per distinguerti.

Modificarli può variare dal capovolgerli, fino allo scatto delle foto dei tuoi prodotti.

Quest’ultimo è probabilmente troppo laborioso per la maggior parte dei negozi. Ma è qualcosa di cui molti negozi dropshipping possono beneficiare.

Scarica questo articolo : vuoi avere una versione pdf di questa guida di 59 pagine per riferimenti futuri? Prendilo qui!

Annunci di remarketing di Google

Il prossimo livello di annunci è il remarketing. (Chiarimento rapido: il remarketing è il nome di Google per il retargeting, questi termini significano esattamente lo stesso)

Gli annunci di remarketing sono un tipo speciale di annunci display che appaiono su altri siti alle persone che hanno visitato il tuo sito web.

Ecco un annuncio che ho ricevuto dopo aver visitato mahabis.com.

Mahbis-Google-Remrketidag-Ad
Se ti senti coraggioso, visita mahabis.com e fatti inseguire per le prossime settimane 🙂

Sono un buon esempio di un programma di remarketing aggressivo. Se visiti il ​​loro sito Web, ti perseguiteranno per i mesi a venire 🙂

Una cosa importante da menzionare è che dovresti provare a vedere se gli annunci di remarketing funzionano per la tua attività.

Per alcuni dei miei clienti, fanno miracoli, ma per altri è difficile generare abbastanza ritorno da loro.

Annunci di remarketing statici (per principianti)

Esistono 2 grandi gruppi di campagne di remarketing: campagne statiche o dinamiche.

Le campagne di remarketing statico sono quelle in cui mostri lo stesso annuncio a tutti i visitatori. Puoi creare annunci separati per i visitatori di pagine specifiche del tuo sito, ma tutti quei visitatori vedranno tutti lo stesso annuncio.

Il precedente annuncio Mahabis ne è un esempio.

Campagna di remarketing dinamico (intermedio)

L’altro tipo sono le campagne di remarketing dinamico . Invece di avere gli stessi annunci, gli annunci presentano prodotti che un visitatore stava guardando.

Google lo sa a causa del codice di monitoraggio che hai inserito sul tuo (sito Web. La campagna è collegata al tuo feed che consente a Google di mettere insieme un annuncio “personalizzato” per quell’utente.

Il motivo per cui questo tipo di remarketing è “intermedio” è che il codice di monitoraggio può essere piuttosto complicato da ottenere correttamente.

Di seguito puoi vedere un esempio dell’aspetto di Dynamic Remarketing Ads per il rivenditore Yeti:

google-dinamico-remarketing-banner-ad-yeti

Questi annunci non sembrano fantastici, ma mostrare prodotti reali che le persone hanno guardato di recente può funzionare molto bene.

Se vedi buoni risultati, puoi investire alcune risorse extra per farli apparire belli.

Creazione di annunci di remarketing efficaci (per principianti)

Quando crei un annuncio di remarketing, non troverai alcuna opzione per selezionare annunci statici o dinamici. Google chiama tutti gli annunci display reattivi.

Ecco come appare nell’interfaccia:

google-reattiva-display-ads
Molte opzioni per creare un buon annuncio display reattivo

La parte reattiva nel tipo di annuncio si riferisce al fatto che stai fornendo a Google un mucchio di risorse che combinano in diverse combinazioni.

Per gli annunci di remarketing statico, queste risorse sono titoli, loghi, immagini, descrizioni e persino video.

Per gli annunci di remarketing dinamico, stai facendo esattamente lo stesso. Ma Google può anche mostrare una galleria di prodotti come quella dell’esempio Yeti che ti ho appena mostrato.

Sfortunatamente, non hai alcun controllo su quali creatività o elementi vengono attivati.

C’è un rapporto in cui puoi vedere quali risorse sono più efficaci:

google-reattiva-display-annunci-asset-report
Scopri quali asset del tuo annuncio display reattivo hanno il rendimento migliore

Segmenti di pubblico per il remarketing (Principiante)

Oltre agli annunci, la principale differenza tra il remarketing statico e dinamico è il codice di monitoraggio che devi inserire sul tuo sito web.

Per il remarketing statico, farà un unico codice. Sulla base di questo puoi indirizzare i visitatori che sono stati (non) a pagine specifiche.

Ma se desideri le funzioni dinamiche reali, devi aggiungere un codice di remarketing più complesso . In questo modo Google può abbinare quali prodotti ha visitato un utente specifico.

Poiché ora Google “capisce” ciò che i visitatori fanno sul tuo sito, hai un paio di segmenti di pubblico interessanti nel tuo account:

Google-ads-pubblico
Segmenti di pubblico “Starter” di Google Dynamic Remarketing

Un buon inizio è indirizzare i visitatori che hanno maggiori probabilità di convertirsi: carrello della spesa o abbandoni della cassa. Se quelli sono redditizi, puoi espandere da lì.

Ma questi gruppi predefiniti stanno solo graffiando la superficie. Puoi (e dovresti) ottenere molto più granulare se vuoi ottenere buoni risultati.

Scarica questo articolo : vuoi avere una versione pdf di questa guida di 59 pagine per riferimenti futuri? Prendilo qui!

Annunci di ricerca di Google

Infine, arriviamo al tipo “normale” di Google Ads. Questo è il tipo di annuncio a cui la maggior parte delle persone fa riferimento quando parlano di Google Ads.

mvmt-search-ad-march-20

Poiché questi sono così comuni, potrebbe essere strano aspettare così tanto tempo per presentarli. Il motivo è perché sono in circolazione da molto più tempo. Significa che più persone hanno avuto più tempo per diventare brave con loro. Sono anche iper ottimizzati da Google.

Quindi la curva di apprendimento è ripida.

Ma ormai dovresti avere delle fondamenta piuttosto buone:

Hai imparato l’interfaccia, conosci i vari rapporti, imparato le tattiche di base per l’ottimizzazione di Google Ads come parole chiave a corrispondenza inversa e offerte.

Con Search Ads, hai molta più libertà e opzioni tra cui scegliere (e ottenere il giusto).

Diamo un’occhiata ai dettagli!

Impostazioni (Principiante)

Sebbene le impostazioni sembrino una cosa molto semplice, ci sono un paio di opzioni che devi evitare per avere una possibilità con ciò che verrà dopo.

Innanzitutto sono le reti, questi sono i luoghi in cui i tuoi annunci possono essere pubblicati. Per impostazione predefinita, Google ha attivato i partner di ricerca e la Rete Display:

google-shopping-reti

A partire da questo, annulla l’iscrizione per assicurarti di sapere dove vengono visualizzati i tuoi annunci. Una volta stabilito, è possibile aggiungere i partner di ricerca al mix.

Un altro errore comune è la selezione della strategia di offerta. Per la maggior parte delle persone che non conoscono Google Ads, non sanno davvero cosa sta succedendo. Quindi si fidano della raccomandazione di Google.

Non innamorarti di quella trappola. Approfondirò ulteriormente le offerte in questo articolo, ma a partire da questo, opterò per il CPC manuale e starò lontano dalle strategie automatizzate come conversioni massime o valore di conversione.

Parole chiave e tipi di corrispondenza (Principiante)

Il nucleo degli annunci della rete di ricerca sono le parole chiave selezionate nel punto in cui si desidera pubblicare i tuoi annunci.

Questo è un passaggio davvero importante. Scegli parole chiave troppo generiche e anche i visitatori che attirerai sono meno propensi ad acquistare. qualcosa.

Ma se scegli parole chiave troppo specifiche e ricevi solo una manciata di clic sui tuoi annunci.

Questo secondo tipo di errore è migliore del primo, ma entrambi sono molto frustranti all’inizio.

Puoi evitare quelle frustrazioni e trovare il giusto equilibrio tra traffico sufficiente e traffico specifico attraverso una solida ricerca di parole chiave . Tale processo ti consentirà di trovare query di ricerca con volume e intenti di acquisto sufficienti.

Se conduci le tue campagne Shopping da un po ‘di tempo, puoi anche utilizzare i rapporti sui termini di ricerca come fonte di ricerca per parole chiave. Questi mostreranno le query di ricerca effettive (e i dati di vendita da accompagnare).

Google-ads-ricerca-termini-report

Quando hai un elenco (o foglio di calcolo) pieno di parole chiave interessanti, è tempo di aggiungerle alle tue campagne.

Google lo rende davvero facile. Puoi semplicemente copiare / incollare le query di ricerca che hai trovato.

Ma se lo fai, ti imbatti in uno degli errori più comuni con gli annunci di ricerca: utilizzare i tipi di corrispondenza delle parole chiave sbagliati .

Questi sono modificatori che aggiungi alle tue query di ricerca e indicano a Google quanto vicino vuoi che trovino varianti sulla tua parola chiave.

Ecco una rapida panoramica dei diversi tipi di corrispondenza:

panoramica-di-google-keyword match-tipi
Panoramica dei diversi tipi di corrispondenza delle parole chiave in Google Ads

Se non fai nulla di speciale, Google utilizzerà la corrispondenza generica, il tipo di corrispondenza predefinito.

Sfortunatamente, ciò significa anche che dici a Google di cercare la parola chiave che fornisci e a molti altri piace.

Se metti scarpe da tennis,  Google potrebbe mostrare i tuoi annunci per scarpe da trekking .

Se questo suona pazzo per te, è perché è 😭

Quindi assicurati di conoscere la corrispondenza generica , a frase e esatta modificata e come utilizzare questi diversi tipi di corrispondenza nelle tue campagne.

Suggerimento professionale : più specifico è meglio iniziare. Ciò vale sia per le tue parole chiave sia per il loro tipo di corrispondenza.

Struttura della campagna di annunci di ricerca (intermedia)

Simile a Shopping Ads, la struttura della campagna è essenziale per eseguire campagne di ricerca efficaci.

Una buona struttura garantisce la visualizzazione dell’annuncio giusto per la query di ricerca corretta.

Una buona struttura semplifica la gestione delle tue campagne e ti assicura punteggi di buona qualità per le tue parole chiave.

Ciò significa che devi decidere su cose pratiche come:

  • Quali campagne crei?
  • Quali parole chiave dovresti inserire nello stesso gruppo di annunci?
  • Quanti tipi di corrispondenza dovresti usare?

Quando arrivi a questo stadio, ci sono così tanti consigli contrastanti. (Come l’intero dibattito sull’opportunità o meno di utilizzare gruppi di annunci con una sola parola chiave )

Ma per l’e-commerce, c’è una dimensione in più perché hai tante pagine diverse sul tuo sito.

Quindi dovresti creare annunci per ogni prodotto? O solo per ogni categoria?

Qui dipende davvero dai prodotti che vendi e da quanto sono popolari. Non ha senso creare gruppi di annunci (e annunci) per ciascuno dei tuoi prodotti se nessuno sta cercando quel marchio o prodotto specifico. Quindi è meglio creare un gruppo di annunci con annunci destinati al nome della categoria.

Ecco un paio di altre regole empiriche che potrebbero aiutare:

  1. Dividi marchiato dal traffico non marchiato
  2. Dividi campagne per Paese e lingua
  3. Replica la struttura che hai sul tuo sito Web con le tue campagne

Cerca annunci (Principiante)

Oltre alle parole chiave, la creazione di annunci di ricerca efficaci è un altro ostacolo che devi affrontare.

Non sono difficili da creare, ma possono richiedere molto tempo se si desidera farlo bene.

Quando crei il primo annuncio, hai letteralmente un sacco di opzioni:

creare-google-reattiva-search-annuncio
Molte opzioni tra cui scegliere quando si crea un annuncio di ricerca reattiva

Esistono due tipi di annunci che è possibile creare, un “annuncio di testo” e un “annuncio di ricerca reattiva”.

La differenza principale tra loro è che l’annuncio di testo richiede solo poche risorse, mentre gli annunci di ricerca reattiva (RSA) ne richiedono una tonnellata. (Nella schermata sopra puoi vedere 7 titoli e 2 testi descrittivi.

Con gli annunci di testo, spesso ne aggiungi più di un a un gruppo di annunci e li lasci combattere contro chi è il campione. Con RSA, Google eseguirà i test internamente.

Negli ultimi anni, gli annunci si sono evoluti da essere contenuti (= il modo in cui si inserisce l’annuncio è come verrà visualizzato), a una cassetta degli attrezzi tra cui scegliere Google. Fornisci loro tutte le risorse: titoli, descrizioni, ecc. E trovano la combinazione ideale.

Ecco, ad esempio, un rapporto su tali combinazioni:

google-responsive-search-annunci-beni-combinazioni-report
Scopri quali combinazioni del tuo annuncio di ricerca reattiva hanno il rendimento migliore

Per accelerare i tuoi sforzi se hai molti gruppi di annunci e campagne, puoi copiare / incollare annunci.

Quindi puoi personalizzarli in base a quanto tempo hai a disposizione.

Ecco un paio di altre idee su come migliorare i tuoi annunci:

  • Minimo: inizia con un buon annuncio di testo che riutilizzi in tutti i gruppi di annunci, modificando solo il titolo 1
  • Upgrade n. 1: crea un secondo annuncio di testo con più risorse (più titoli, testo descrittivo, ecc.)
  • Upgrade n. 2: aggiungi un annuncio di ricerca reattiva nel mix

Estensioni annuncio (Principiante)

Le estensioni annuncio sono una parte essenziale delle tue campagne. Ti aiutano a catturare più proprietà immobiliari nei risultati di ricerca, aumentando la possibilità di un clic.

esempio di estensioni annuncio di Google

Di solito vengono visualizzati soprattutto se ti presenti nella posizione 1-2 dei risultati della ricerca. (Di seguito compaiono anche, ma la loro visibilità è molto più bassa)

Le estensioni annuncio come sitelink , callout o estensioni di chiamata sono in circolazione da un po ‘di tempo e la maggior parte degli account ne ha almeno un paio attivi.

Google continua a sperimentare nuovi tipi come snippet strutturati, prezzo o estensioni di promozione. Se i tuoi concorrenti non li stanno usando, hai il vantaggio di distinguerti ancora di più.

Forniscene abbastanza in modo che Google possa scorrere tra loro e capire quali funzionano meglio.

Un tipo speciale di estensioni annuncio sono quelle automatizzate .

Questi sono extra che Google aggiunge ai tuoi annunci. E non sono sempre ciò che vorresti che aggiungessero .

Ecco un esempio di annuncio del marchio DTC Away :

Google-ads-away-ad-call-extension-call-wait-time

Per l’e-commerce, le estensioni automatizzate più importanti sono le valutazioni del venditore:

google_ads_seller_ratings_automated_extensions

Catturano l’attenzione e mostrano la forza del tuo negozio (in entrambe le valutazioni e contano). Sono di grande valore, quindi dai un’occhiata a questo articolo su come implementarli .

Offerta (intermedio)

Le persone vogliono sempre conoscere la migliore strategia di offerta .

Ma come con praticamente tutte queste sezioni intermedie, dipende dalla situazione.

Lasciatemi anche dire che non AVETE BISOGNO di essere fantasiosi e utilizzare strategie di offerta più complesse, semplicemente perché gestite le campagne da un po ‘. (Uso ancora il CPC manuale negli account che gestisco da anni).

Poiché non esiste una risposta chiara, dovrai provare per capire quale sia l’opzione migliore per te. (Ti mostrerò nella sezione “Esperimenti” come testare efficacemente le strategie di offerta).

Inizialmente, il CPC manuale è spesso un buon inizio. Dopo un po ‘, puoi testare con CPC ottimizzato. E una volta che hai ricevuto più conversioni, puoi iniziare a testare strategie di offerta automatiche come il CPA target o il ROAS target, entrambi molto adatti alle campagne di e-commerce.

Confronta le metriche prima e dopo e adatta il tuo approccio di conseguenza.

Annunci dinamici della rete di ricerca (intermedi)

Se hai seguito i consigli di cui sopra, puoi vedere che ottenere gli annunci di ricerca corretti richiede molto lavoro.

Ci sono parole chiave da trovare, annunci da creare.

Se usi gli annunci dinamici della rete di ricerca, non devi preoccuparti di nessuno di questi. Invece, fornisci gli stessi feed di prodotti che utilizzi con i tuoi annunci Shopping.

Quindi si selezionano quali pagine, le categorie dovrebbero essere incluse.

Infine, crei alcuni “modelli” di annunci. Google popolerà automaticamente il titolo con contenuti dinamici.

creare-dinamico-search-annuncio
Basta compilare le descrizioni di questo annuncio dinamico della rete di ricerca

Qui è dove una buona struttura della campagna può fare la differenza. Più i gruppi di annunci sono granulari, migliore sarà l’adattamento di questi modelli di annunci ai prodotti che stanno promuovendo.

Puoi vedere che questi annunci dinamici della rete di ricerca ti consentono di impostare rapidamente campagne per molti prodotti.

Mi piace utilizzare questo tipo di campagna come una campagna catch-all a offerta molto bassa che si rivolge a tutti i prodotti o categorie per i quali non ho creato una campagna specifica.

Ma c’è un lato oscuro in tutta questa facilità. Meno controllo significa più automazione e più Google fa quello che vuole fare.

Quindi devi mettere i corrimano in posizione.

Tieni d’occhio il rapporto sui termini di ricerca ed escludi le parole chiave su cui stai già pubblicizzando nelle campagne più specifiche o che non corrispondono in generale.

Script di annunci Google (esperto)

Se ritieni di essere limitato nei rapporti che possono essere visualizzati in Google Ads e Analytics o desideri ottimizzare le tue campagne in base a elementi non disponibili per impostazione predefinita, gli script di Google Ads possono aiutarti.

Questi sono piccoli frammenti di Javascript che esegui in background. Se non sei un programmatore, possono diventare abbastanza tecnici. Ma per fortuna ci sono molti script disponibili che puoi copiare / incollare e modificare leggermente.

Due dei miei script preferiti:

Se vuoi saperne di più, dai un’occhiata a questo solido tutorial su quali script sono e quali usare.

Esperimenti (esperto)

Gli esperimenti sono una funzione speciale di Google Ads che ti consente di testare A / B su ogni parte delle tue campagne.

Puoi testare ogni genere di cose, ma gli esperimenti più comuni che eseguo sono strategie di offerta.

Crea una versione bozza di una campagna con l’unica modifica che è una diversa strategia di offerta, avvia un esperimento e voilà.

Di solito lo faccio solo dopo aver completato gran parte del lavoro sulla campagna. Perché se stai apportando modifiche a parole chiave e annunci in una campagna, devi assicurarti che anche questi vengano copiati nell’altra campagna.

Quindi dopo 30 giorni, puoi guardare i risultati e decidere come procedere da lì:

Google-ads-esperimenti-Risultati
Panoramica dei risultati dell’esperimento dopo 30 giorni
Scarica questo articolo : vuoi avere una versione pdf di questa guida di 59 pagine per riferimenti futuri? Prendilo qui!

Annunci display di Google

Gli annunci display sono annunci di testo, illustrati o video che vengono pubblicati sulla Rete Display di Google, un gruppo di proprietà di proprietà di Google e siti Web di terzi.

bellroy-google-display-banner

Questo è un posto molto grande. Include:

  • Youtube
  • Gmail
  • 2 milioni di siti Web (e app) che mostrano annunci AdSense

Le campagne Display di Google sono gestite anche dall’interfaccia di Google Ads, ma è un canale completamente diverso.

Per pubblicare annunci display efficaci, è necessario un cambiamento di mentalità.

Con Shopping e annunci di ricerca, stiamo mostrando annunci alle persone che sono attivamente alla ricerca di prodotti.

Ma con gli annunci display, ti fai vedere a persone che non stanno necessariamente cercando i tuoi prodotti. Quindi è necessario interromperli per essere efficaci.

Un avvertimento importante con questa sezione:

Gli annunci display (e più in particolare i codici di monitoraggio che li alimentano) sono il motivo per cui oltre il 2 °% degli utenti di Internet utilizza i blocchi di annunci. È una tendenza che continua a crescere. Ne uso anche uno. È anche un’area infestata da clic fraudolenti .

Personalmente trovo che gli annunci display siano un residuo del passato. Detto questo, li eseguo ancora per i clienti per i quali offrono risultati solidi 🤷‍♂️

Creativo (Principiante)

Gli annunci display sono molto simili al normale tipo di annunci di remarketing che ti ho mostrato sopra.

I più comuni sono gli annunci display reattivi in ​​cui aggiungi loghi, immagini, titoli e testi descrittivi, che Google combina nelle sue forme più ottimali.

Molte persone non sono grandi fan di come appaiono gli annunci “predefiniti”. Una lamentela comune è che non assomiglia al loro marchio.

Soprattutto perché molti degli annunci che vedi (di aziende con grandi budget) sembrano davvero buoni. Come quello che ti ho mostrato all’inizio di questa sezione di Bellroy.

Puoi saltare l’aspetto predefinito e progettare i tuoi banner . Ma questo può essere un affare costoso (anche perché ne hai bisogno in tutte le diverse dimensioni).

Non sto dicendo che non ne valga la pena, ma potrebbe essere utile iniziare con quelli predefiniti per testare le acque e investire più denaro in essa una volta che vedi un po ‘di trazione.

Quello che metti sui banner è una discussione completamente diversa. Possono essere semplici:

battuta-google-display-banner

O legato a un’occasione specifica, promozione o collezione, come questo annuncio a tema vacanza di Away :

via-vacanze-display-banner

Opzioni di targeting (Principiante)

Le grandi pubblicità sono essenziali, ma l’altra parte sta mostrando quella pubblicità alle persone giuste.

Quindi come trovi le persone giuste?

Ogni volta che si sente parlare dell’ultima violazione della privacy da parte di aziende come Facebook e Google, questo è ciò che è al centro delle cose.

Per ognuno che interagisce con uno dei loro siti Web o strumenti, Google crea un profilo per capire chi sono e cosa piace.

Poi sgretolano tutti quei dati e li rendono disponibili agli inserzionisti come te da scegliere.

Diamo un’occhiata più da vicino a tutte le opzioni di targeting in Google Ads:

demografia

Le opzioni più facili da comprendere sono i dati demografici.

Queste sono le opzioni di targeting di base come sesso, età, stato parentale e reddito familiare (questi ultimi due sono disponibili solo negli Stati Uniti).

Da soli, questi gruppi sono ancora piuttosto grandi, anche se li combini.

Pertanto, il mio suggerimento è di utilizzare le altre opzioni di targeting riportate di seguito e utilizzare i dati demografici per filtrare i gruppi che non sarebbero adatti ai tuoi annunci.

Ecco un esempio di un mio cliente che vende gioielli per donne. Abbiamo escluso le persone che Google ha identificato come maschio.

demografia Google-ads-display-targeting-genere-esclusione
Escludere facilmente tutti i maschi “noti” da una campagna di annunci di Google

Esiste sempre un gruppo di utenti “sconosciuto” che Google non è in grado di identificare.

parole

Se scegli come target parole chiave sulla Rete Display, dici a Google di mostrare i tuoi annunci quando una pagina o un sito Web specifici corrispondono alla parola chiave che fornisci.

Se vendi bici elettriche, potresti aggiungere “bici elettrica” ​​come parola chiave. (Non preoccuparti dei tipi di corrispondenza qui, dovrai utilizzare la versione a corrispondenza generica).

Pertanto, quando un visitatore guarda un articolo sulle mountain bike elettriche, il tuo annuncio display può essere pubblicato:

rete di targeting per parole chiave-google-display
Esempio di annuncio display che potrebbe essere attivato da parole chiave

Temi

Una seconda opzione di targeting, simile alle parole chiave, sono gli argomenti.

Questi sono interessi predefiniti che Google ha messo insieme.

Ecco alcuni esempi:

Google-ads-display-targeting-argomenti
Esempio di argomento interessante per gli appassionati di pesca

Se vendo attrezzi da pesca, potrei selezionare l’argomento “Viaggi avventura”, perché sto cercando appassionati di pesca che viaggiano per trovare grandi luoghi di pesca.

Quindi su un sito che Google elenca come parte di quell’argomento, singletracks.com (un sito con i migliori percorsi per mountain bike al mondo), il mio annuncio mostra:

argomenti Google-ads-display-targeting--example

posizionamenti

Con Parole chiave e Argomenti, indichi indirettamente a Google su quale sito web vuoi apparire.

Con i posizionamenti, puoi selezionare i siti Web e le app specifici in cui desideri pubblicare i tuoi annunci.

Rimanendo con l’esempio della pesca, ecco alcuni siti Web sui quali posso fare pubblicità:

Google-ads-display-tirocini targeting
Esempio di un paio di posizionamenti interessanti per gli appassionati di pesca

Il pubblico

Tutte le opzioni precedenti erano basate sul “posizionamento”, ora vedremo come utilizzare quei profili ricchi di dati che Google ha su tutti i suoi utenti.

La prima è l’ opzione di targeting del pubblico .

Questi sono gruppi che Google ha classificato in diversi modi:

Google-ads-display-audience targeting
Tipi disponibili di pubblico per le campagne display

Se esegui il drill down in ognuna di queste opzioni, troverai altre opzioni:

  • Affinità : gruppi di persone basati sul loro stile di vita, abitudini di acquisto e interessi a lungo termine
  • Intento : persone che ricercano attivamente prodotti o servizi
  • Remarketing : persone che hanno interagito in precedenza con la tua attività

Ecco un utile elenco di tutte le opzioni di targeting messe insieme dalla gente di ZATO.

Come puoi vedere, elencare le diverse opzioni richiede già molto tempo. Quindi quali dovresti usare?

Oltre ai segmenti di pubblico per il remarketing, probabilmente utilizzo spesso segmenti di pubblico in-market e di affinità.

Ma trovare una buona corrispondenza tra i tuoi annunci e un pubblico è la chiave del successo con la pubblicità display.

Quindi dovrai verificare quale pubblico ti offre i migliori risultati. Ho spesso trovato un tipo di pubblico che funziona per un inserzionista, non fa nulla per gli altri.

Visualizza la struttura della campagna (intermedio)

Nella sezione precedente, potresti essere stato un po ‘sopraffatto da tutte le opzioni di targeting.

Ti ho detto di testarne molti per trovare quelli che funzionano meglio per te.

E per testare in modo efficace, la struttura delle tue campagne entra di nuovo in gioco.

Perché se mescoli tutti i tipi di pubblico, non hai idea di cosa funzioni e cosa no.

Così simile all’approccio con Shopping e annunci di ricerca, si desidera strutturare le campagne in modo da consentire di isolare tutte le diverse parti.

Dispongono di campagne diverse con opzioni di targeting e all’interno di gruppi di annunci diversi con elementi più specifici.

Ecco un esempio della struttura delle campagne display:

Campagna n. 1: display – retargeting

  • Gruppo di annunci n. 1: visualizzatori di prodotti (targeting: pubblico di remarketing)
  • Gruppo di annunci n. 2: abbandoni del checkout (targeting: pubblico di remarketing)

Campagna n. 2: display – pubblico in-market

  • Gruppo di annunci n. 1: attrezzature ricreative all’aperto (targeting: pubblico in-market)
  • Gruppo di annunci n. 2: prodotti e servizi per il fitness (targeting: pubblico in-market)
  • Gruppo di annunci n. 3: articoli sportivi (targeting: pubblico in-market)

Come sempre, più budget devi spendere, più test puoi eseguire per determinare davvero quali segmenti di pubblico si comportano meglio per te e più granulare puoi realizzare le tue campagne.

Annunci Gmail (intermedi)

Per concludere questa sezione, desidero menzionare un tipo speciale di campagna display: Gmail Ads.

Google-ads-gmail-campagne
Le campagne Gmail sono un sottotipo di campagna speciale

Questi annunci vengono visualizzati in cima alle caselle di posta di Gmail:

Google-ads-Inbox-gmail-ads-esempi
Esempio di annunci Gmail

Una volta cliccato, si aprono come una normale e-mail, ma mostrano invece un annuncio.

Google-ads-Inbox-gmail-annunci-espanso-example
Esempio di annuncio Gmail espanso

A differenza dei normali annunci display, questo particolare posizionamento riceve molta attenzione.

È proprio di fronte alle persone che aprono i loro account e-mail. Pertanto, il “clic” o le percentuali di apertura su questo tipo di annuncio sono molto elevati.

Ecco un esempio di una campagna che ho pubblicato qualche tempo fa:

gmail-annunci-campagna-risultati
Molte aperture, non molti clic

Puoi vedere il CTR, il numero di persone che hanno fatto clic sull’annuncio all’interno di Gmail è del 70,5%!

Ma da quei 1.111 clic, solo 13 persone hanno fatto clic sul sito Web del rivenditore, un CTR dell’1,2%.

Dato che ti viene addebitato il primo clic, devi assicurarti che anche il CTR sul tuo sito sia elevato per garantire un rendimento sufficientemente elevato.

Puoi utilizzare tutte le opzioni di targeting che ho descritto sopra. Se il tuo pubblico per il remarketing è abbastanza grande, provalo sicuramente.

Quando si tratta di decidere cosa inserire nei tuoi annunci, ho visto i migliori risultati legati a una promozione.

Cattura l’interesse con una buona “linea tematica”, mostra un’offerta attraente e sensibile al tempo e converti sul tuo sito.

Per maggiori dettagli, dai un’occhiata a questo tutorial su Gmail Ads .

Scarica questo articolo : vuoi avere una versione pdf di questa guida di 59 pagine per riferimenti futuri? Prendilo qui!

Annunci YouTube per e-commerce

Nonostante facciano parte della Rete Display, gli annunci YouTube sono un tipo speciale.

Soprattutto perché sono più difficili da ignorare.

Si integrano molto bene nell’interfaccia di YouTube e gli utenti sono costretti a guardarli (almeno in parte) prima di arrivare al motivo per cui sono su YouTube in primo luogo: essere intrattenuti o imparare qualcosa.

Il tuo successo come inserzionista di YouTube risiede nel modo in cui puoi colmare il divario tra il motivo per cui sono su YouTube e i prodotti che vendi.

La società di poster che esegue bene YouTube Ads è una società chiamata Purple Mattresses .

Questo annuncio video, come la maggior parte dei loro annunci, è un mix di intrattenimento ed educazione.

I dettagli pratici su come configurare le campagne video saranno molto familiari perché condividono molte somiglianze con altre campagne DIsplay.

Quindi, in questa sezione, mi concentrerò su ciò che è diverso per gli annunci YouTube di e-commerce.

Creatività con budget elevato (esperto)

La creazione di un video come quello che ho mostrato sopra richiede MOLTO budget (pensate a $ 250-500k).

Questo è solo per produrre le riprese video. Probabilmente otterrai un sacco di video diversi da quel materiale (diverse introduzioni / CTA / sequenziamento, ecc.) Quindi dovrai iniziare a spendere per testare diverse varianti ed eseguire i vincitori su un pubblico abbastanza grande da vedere un impatto e un ROI abbastanza alto.

Per un’azienda come Purple, spendono da qualche parte nel quartiere di $ 1-2 milioni al mese, solo in pubblicità.

Quindi, se puoi permetterti di ottenere un aiuto professionale , puoi attingere a tutte le competenze che hanno accumulato creando questi video.

Creatività a budget ridotto (intermedio)

Per la maggior parte delle aziende, spendere 6 cifre per la produzione video è un bel salto.

Quindi cosa puoi fare con YouTube Ads se non puoi sborsare quel tipo di denaro in anticipo?

Ci sono molti approcci diversi che puoi adottare.

L’alternativa più comune è fare il meglio che puoi, ma con molte meno risorse.

La maggior parte delle aziende segue questa strada, ma è molto difficile da fare.

Ecco un ottimo esempio di Purple:

Questo utilizza un video creato da un cliente. Hanno appena schiaffeggiato il logo e fatto.

Ma questo è un valore anomalo, la maggior parte dei video si appiattisce e la gente lo salta o lo ignora.

Se non vuoi sborsare $$$ per la produzione, dovrai mettere il tempo per fare grandi annunci.

Il mio approccio sarebbe quello di creare un sacco di varianti e diversi tipi di video, per trovare uno stile che risuoni con il tuo pubblico.

Crea contenuti educativi

Invece di provare a creare un video virale con un budget ridotto, puoi anche essere di grande aiuto.

Esempio n. 1: se vendi prodotti per pulire le biciclette, crea annunci con suggerimenti per la manutenzione delle biciclette.

Esempio n. 2: se vendi un paio di diversi tipi di umidificatori d’aria, crea un video di revisione del prodotto confrontando un paio di modelli diversi.

Alcune risorse extra:

Formati di annunci di YouTube (principianti)

Dopo aver creato i tuoi annunci e averli caricati su YouTube, è tempo di iniziare a creare una campagna attorno a loro.

In Google Ads, quando crei una nuova campagna video (senza selezionare un obiettivo), hai le seguenti opzioni:

campagna tipi youtube-ads-
Sottotipi di campagna diversi per una campagna YouTube

Farò una rapida carrellata dei diversi formati di annunci video tra cui scegliere:

  • Annunci In-stream ignorabili : questi annunci vengono visualizzati prima, durante o dopo un altro video e possono essere saltati dopo 5 secondi
  • Annunci In-stream non ignorabili : questi annunci non possono essere saltati e riprodotti per 15 secondi (o meno)
  • Annunci di scoperta video : si tratta di annunci che appaiono come video sponsorizzati accanto a un video in riproduzione o nei risultati di ricerca
  • Annunci paraurti : annunci di 6 secondi o meno che non possono essere saltati
  • Annunci in uscita : sono annunci video che vengono pubblicati all’esterno di annunci video
  • Annunci masthead : annunci che occupano la home page di YouTube (portata massiccia)
  • Shopping : annunci video collegati a un feed Shopping (maggiori dettagli più in profondità in questa guida)
youtube-Ad-formati
Fonte immagine

Dai un’occhiata a questo articolo per trovare maggiori dettagli su tutti i diversi tipi di formati di annunci e su quando usarli.

Il mio consiglio è di non provare a fare tutto in una volta.

Gli annunci di YouTube hanno molte parti mobili, quindi scegli un formato video che ritieni adatto all’annuncio che hai creato e testa diversi segmenti di pubblico.

Targeting (Principiante)

Molte opzioni di targeting sono le stesse della Rete Display.

Ma su YouTube hai accesso a un paio di quelli interessanti:

  • Dati demografici più dettagliati : istruzione, stato civile, proprietà della casa
  • Canali della concorrenza (un tipo di posizionamento)
  • Eventi della vita : persone che si trovano nel bel mezzo di traguardi come muoversi, laurearsi o sposarsi
  • Retarget persone che hanno interagito con il tuo canale

Per maggiori dettagli consulta questo elenco completo di opzioni di targeting YouTube .

Offerta (Principiante)

In Shopping e ricerca (e display), la metrica centrale è il clic. Con YouTube Ads, si tratta principalmente della vista.

Pertanto, quando si tratta di decidere l’importo da pagare, sono disponibili diverse strategie di offerta.

Questi dipendono anche dal formato dell’annuncio utilizzato dalla tua campagna. Per alcuni annunci video, ti verrà addebitato qualunque cosa, per altri video, pagherai solo quando qualcuno non salta e guarda più di 30 secondi.

Tutte le strategie di offerta di YouTube possono essere suddivise in tre grandi gruppi:

  1. Offerta basata sulla conversione: massimizza la conversione, CPA target
  2. Offerta CPM (costo per miglio) : CPM target, CPM massimo e CPM visualizzabile
  3. CPV (Cost per view) bidding: Maximum CPV

Quale scegli dipende dalle tue campagne e dai tuoi obiettivi. Mentre la maggior parte degli inserzionisti sarà incline a utilizzare una strategia basata sulla conversione (si desidera effettuare le vendite nel modo giusto), potrebbe non essere la migliore per iniziare.

Come per tutto quanto sopra, prova per trovare ciò che funziona per te.

Costruisci il tuo canale (principiante)

Gli annunci YouTube fanno parte dell’intero ecosistema YouTube di canali, abbonati, commenti e Mi piace.

Quindi, se stai spingendo le persone a guardare il tuo video con annunci di scoperta video, devi dedicare un po ‘di tempo a rendere il tuo canale bello. Ciò contribuirà a trasformare più persone in abbonati.

Confronta il canale di FC Goods :

fc-merci-youtube-channel

Con quello del suo concorrente, Bellroy:

bellroy-youtube-channel

Piuttosto una differenza, e non ci vuole troppo tempo per farlo sembrare così:

  • Immagine di intestazione
  • Aggiungi collegamenti al tuo sito Web o ai social
  • Organizza i tuoi video in playlist
  • Aggiungi un video introduttivo

Puoi trovare istruzioni più dettagliate per configurare il tuo canale YouTube in questo articolo .

Annunci TrueView per acquisti (intermedi)

Se parliamo di annunci YouTube per negozi di e-commerce, quest’ultimo formato dell’annuncio non può essere escluso.

Il loro nome ufficiale è TrueView Ads For Shopping. YouTube continua a cambiare nome, il che lo rende abbastanza confuso.

Ma questo formato di annunci è una combinazione di un annuncio “in-stream”, insieme a Shopping Ads (precedentemente noto come annunci con scheda di prodotto).

Ecco come appare il rivenditore di orologi MVMT :

mvmt trueview shopping ad
MVMT TrueView Shopping Ad

Questi sono ottimi per collegare un video con alcuni prodotti reali, quindi assicurati di controllarli .

Su cosa concentrarsi adesso

Questa guida contiene molti elementi di azione da implementare. Se ci sei passato, la tua lista di cose da fare probabilmente sta esplodendo.

Spero però che, usando l’approccio delineato all’inizio, così come il punto di messa a fuoco a seconda del tuo livello di abilità, sia chiaro su cosa concentrarsi sul prossimo.

Usando queste linee guida, avrai un momento migliore per cercare maggiori informazioni e anche sapere a cosa prestare attenzione in questo momento e cosa riporre in seguito.

Per aiutarti a farlo, ho messo insieme una guida di questo intero articolo che include la panoramica dei diversi tipi di campagna e livelli di abilità, per aiutarti a guidare il tuo apprendimento.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close