Cerca

La guida completa all’Email Marketing per i principianti

Tempo di lettura: 23 minuti

Sapevi che ci sono 3 volte più account e-mail rispetto agli account Facebook e Twitter messi insieme? O che hai una probabilità 6 volte maggiore di ricevere un click-through dall’e-mail che su Twitter?

Come esperto di marketing, probabilmente hai visto i rapporti che mostrano che l’e-mail ha il ROI più alto di qualsiasi canale di marketing disponibile e probabilmente vorrai iniziare a usarlo per incrementare le vendite e le entrate della tua attività.

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Ma come inizi esattamente? Quali sono i passaggi che devi adottare per iniziare a utilizzare l’e-mail e garantire il successo delle tue campagne?

In questa guida ti spiegheremo come iniziare con l’email marketing per aiutarti a garantire il successo della tua prima campagna.

Foglio informativo sull’e-mail marketing

Step 1: Stabilisci i tuoi obiettivi

Può essere allettante semplicemente iscriversi a uno strumento di email marketing come Campaign Monitor e iniziare a inviare la tua prima campagna.

Ma prima di saltare in testa per primo, vale la pena dedicare un minuto a pensare ai tuoi obiettivi e a ciò che vuoi veramente raggiungere con l’e-mail, poiché ciò determinerà il tipo di campagne che invii, chi scegli come target, il contenuto che includi e come misurare il successo.

L’email dovrebbe essere una componente importante di ogni piano di marketing digitale a causa della sua efficacia nel favorire le conversioni e nel fidelizzare il marchio.

Esempio di piano di marketing: modello di piano di marketing di esempio 

La chiave per stabilire gli obiettivi corretti per la tua iniziativa di email marketing è allinearli con gli obiettivi di marketing e gli indicatori chiave di prestazione più ampi della tua azienda. L’obiettivo è favorire nuove iscrizioni per il tuo prodotto? Nuovi contatti per il tuo team di vendita? Più partecipanti per il tuo evento? Altre donazioni per la tua causa ?

L’email marketing è il canale più potente per raggiungere il tuo pubblico e può essere utilizzato per raggiungere una serie di obiettivi diversi, quindi vale la pena dedicare un po ‘di tempo a pensare a ciò che desideri raggiungere prima di entrare.

Per aiutarti a identificare quali dovrebbero essere i tuoi obiettivi, ecco alcuni esempi di come i clienti di Campaign Monitor utilizzano l’email marketing:

  • BuzzFeed – Il famoso sito Web di notizie e intrattenimento guadagna vendendo annunci pubblicitari sul loro sito, quindi l’obiettivo principale del loro team di marketing è quello di indirizzare più traffico. Tenendo presente ciò, BuzzFeed invia regolarmente newsletter via e-mail contenenti collegamenti a storie sul proprio sito Web con l’obiettivo di aumentare il numero di visite che ricevono ogni mese e aumentare la quantità di entrate che generano.
  • Rip Curl : il marchio mondiale del surf genera entrate attraverso la vendita di mute, magliette, pantaloncini da surf e altri prodotti per il surf. L’obiettivo del loro team di marketing è aumentare le vendite, quindi usano la posta elettronica per promuovere nuovi prodotti che stanno lanciando per cercare di guidare le persone nei loro negozi online o fisici per acquistare quei prodotti.
  • UNICEF  – L’organizzazione benefica globale fornisce aiuti umanitari e assistenza a madri e bambini nelle nazioni in via di sviluppo di tutto il mondo. Il successo del loro team di marketing digitale è costituito da donazioni, quindi usano l’email marketing per raggiungere la loro base di donatori, educarli sui progetti di aiuto che l’UNICEF sta intraprendendo e chiedere donazioni.
  • SXSW, Inc. – Questa organizzazione snella organizza alcuni degli eventi più famosi al mondo, tra cui il film SXSW, la musica e i festival interattivi che si tengono ogni anno ad Austin, in Texas. L’obiettivo del loro team di marketing è quello di aumentare le vendite dei biglietti e i partecipanti a questi eventi, quindi usano l’email marketing per tenere aggiornati gli abbonati mentre nuovi artisti e relatori si uniscono alla formazione.
  • Soho House – Questo prestigioso club per soli membri è un ritrovo regolare per celebrità e magnati dei media di tutto il mondo. L’obiettivo del loro team di marketing è quello di mantenere la loro base di membri impegnata nel club e di utilizzare regolarmente le strutture, in modo che utilizzino l’email marketing per mantenere i loro membri aggiornati su eventi e funzioni a cui possono partecipare.

Come puoi vedere da questi esempi, pianificare ciò che vuoi ottenere con l’e-mail prima di iniziare a inviare rende molto più facile identificare cosa inviare e a chi inviarlo e ti aiuta a creare campagne di posta elettronica mirate e ad alte prestazioni che raggiungeranno i tuoi obiettivi di marketing.

Passaggio 2: crea la tua lista e-mail

Ora che hai stabilito i tuoi obiettivi e quello che vuoi raggiungere dall’e-mail marketing, è tempo di costruire la tua lista e-mail in modo da poter iniziare a inviare campagne a tali obiettivi.

Esistono un paio di modi diversi per creare la tua lista e-mail, ma il metodo giusto per ogni campagna dipende davvero dagli obiettivi che stabilisci nel Passaggio 1.

Importa un elenco di contatti noti

Se prevedi di utilizzare la posta elettronica per rimanere in contatto con i clienti esistenti, la tua lista di posta elettronica può essere costruita in gran parte importando i dettagli dei tuoi clienti esistenti nello strumento di email marketing scelto.

Per i clienti di Campaign Monitor, è possibile caricare manualmente un elenco esistente (ad esempio da un file Excel) oppure collegare l’account Campaign Monitor allo strumento in cui vivono i dati dei clienti (come CRM, contabilità, strumento di e-commerce e centinaia di altri ) e sincronizzare automaticamente le informazioni sui clienti nel proprio account Campaign Monitor.

Prima di importare qualsiasi contatto, assicurati di disporre delle autorizzazioni adeguate per inviare via email questi abbonati. Se non sei sicuro, consulta la nostra guida alle autorizzazioni o contatta il nostro team di supporto in quanto saranno felici di chattare con te sulle autorizzazioni e sul caricamento dell’elenco.

Crea un nuovo elenco da zero

Se prevedi di utilizzare l’e-mail per comunicare con un pubblico di cui potresti non avere ancora l’indirizzo e-mail, dovrai iniziare a catturare gli indirizzi e-mail e creare il tuo elenco da zero.

Fortunatamente per te, esiste una formula in 2 parti per la creazione della tua lista e-mail che è seguita da molti dei marketer e-mail di maggior successo in circolazione. La formula è:

Un valido incentivo + semplici opportunità di abbonamento = grande mailing list

Sebbene sia un po ‘una semplificazione, è anche solo logica. Indipendentemente da quante opportunità di abbonamento presentate a un visitatore, è improbabile che agiranno senza un valido incentivo. E non importa quanto sia buono il tuo incentivo, devi comunque rendere semplice per le persone iscriversi se vuoi farli iscrivere al tuo elenco.

La vera domanda è: cosa rende un fantastico incentivo? E come puoi rendere la sottoscrizione alla tua lista davvero semplice e facile?

Mentre questo è coperto in modo molto più dettagliato nella nostra guida alla creazione di elenchi di e-mail , qui ci sono alcuni incentivi che potresti utilizzare per invogliare le persone a unirsi alla tua lista di e-mail:

  • Contenuti convincenti : se disponi di un blog o produci contenuti sul tuo sito Web, l’offerta di inviare i tuoi contenuti migliori agli abbonati via e-mail è un potente incentivo a farli entrare nel tuo elenco.
  • Sconti sul primo ordine – Se vendi merci attraverso un negozio online, offrire alle persone uno sconto sul loro primo ordine se si abbonano alla tua lista e-mail è un incentivo straordinario. Non solo incoraggia le persone ad abbonarsi, ma dà loro anche un incentivo all’acquisto.
  • Upgrade di spedizione gratuito o espresso – Offrire la spedizione gratuita o aggiornata sull’acquisto dei tuoi clienti è un grande incentivo a iscriverti alla tua lista. Questa offerta non solo è altamente pertinente – in particolare se offerta durante il processo di pagamento – ma essere in grado di ottenere un oggetto desiderabile nelle loro mani più rapidamente è un potente motivatore per le persone a iscriversi.

Inoltre, l’altra parte dell’equazione offre numerose e semplici opportunità di abbonamento in quanto ciò semplifica la partecipazione delle persone. Mentre il tipo di modulo di iscrizione che usi dipenderà dall’incentivo che stai offrendo, ecco alcune idee:

Barra di intestazione

La barra di intestazione si trova nella parte superiore del tuo sito Web e contiene un invito all’azione che incoraggia le persone a partecipare, nonché un modulo per inserire il tuo indirizzo email.

Bufferopen - Call to Action - Header Bar

I clienti di Campaign Monitor possono facilmente aggiungere una barra di intestazione al loro sito Web utilizzando strumenti come Hello Bar e SumoMe e tutti gli indirizzi e-mail acquisiti verranno automaticamente aggiunti all’elenco prescelto nel tuo account Campaign Monitor.

Slider

Un dispositivo di scorrimento è una piccola casella che “scorre” nell’angolo inferiore del sito Web e contiene un invito all’azione che incoraggia le persone a iscriversi insieme a un campo in cui i visitatori possono inserire il proprio indirizzo e-mail.

Campaign Monitor - Call to Action - Slider

Uno strumento eccellente per l’impostazione sul proprio sito Web è Scroll Box (parte della suite di strumenti SumoMe). Questo semplice strumento semplifica la personalizzazione e l’inserimento di un dispositivo di scorrimento nel tuo sito Web e si integra direttamente con Campaign Monitor per alimentare tutti gli indirizzi e-mail acquisiti nell’elenco.

Seguendo la formula di creazione dell’elenco e-mail sopra menzionata e associando un prezioso incentivo a importanti opportunità di iscrizione, ti sarà facile creare un nuovo pubblico a cui inviare le tue campagne di email marketing.

Parte superiore della barra laterale

Se il tuo sito utilizza una barra laterale, in genere utilizzata nei blog e nei segmenti di articoli, questo è il posto ideale per incorporare un opt-in per il tuo elenco di iscritti . Idealmente, si desidera che l’opt-in sia sopra la piega nello spazio più alto della barra laterale per la massima visibilità, assicurandosi che sia visto per primo.

Questo è molto efficace con una barra laterale allineata a destra in quanto sfrutta gli utenti che eseguono la scansione dei contenuti secondo uno schema a “F” , mettendo il tuo CTA opt-in in primo piano e al centro non appena arrivano sul tuo sito o blog / articolo.

Fine della posta

Quando un visitatore legge i tuoi contenuti fino alla fine, è giusto presumere che abbiano apprezzato la lettura. Quindi, perché non chiedere loro di registrarsi per assicurarsi che non perdano mai i contenuti in arrivo?

Gli opt-in di fine post sono un ottimo posto per catturare gli abbonati in uno spazio in cui i marchi altrimenti raramente includono un invito all’azione diverso dal dire ai lettori di commentare e condividere. Invece, includi un invito all’azione visivo con l’iscrizione alla newsletter.

Vedrai sicuramente un miglioramento nelle conversioni se hai un aggiornamento dei contenuti offerto nel contesto (sull’argomento) con il post in questione.

 

 

Seguendo la formula di creazione dell’elenco e-mail sopra menzionata e abbinando un valido incentivo a importanti opportunità di iscrizione, ti sarà facile creare un nuovo pubblico per le tue campagne di email marketing.

Lightbox

Mentre i pop-up possono essere visti da alcuni come invadenti e fastidiosi, innumerevoli studi e test hanno dimostrato che possono essere efficaci. Ci sono alcune cose che devi fare per creare un opt-in pop-up efficace che non scorra il tuo pubblico:

  • La giusta offerta di valore
  • Un forte invito all’azione
  • sincronizzazione

Il tempismo è uno a cui prestare attenzione. Un opt-in pop-up che mostra quando un lettore termina un articolo, o circa 3/4 della pagina scorsa, ha molte più probabilità di convertirsi rispetto a uno che si innesca su ogni pagina del sito non appena arriva un visitatore.

Alcuni siti mostrano solo opt-in di lightbox che si attivano quando un utente mostra l’intento di uscita (spostando il cursore del mouse fuori dall’area del browser). L’autore più venduto del New York Times, Neil Patel, ha testato gli opt-in con l’intenzione di uscire ed è stato in grado di aumentare le conversioni del 46% .

Sperimenta con il messaggio e la tempistica degli opt-in di lightbox per trovare ciò che porta la più alta conversione di nuovi abbonati.

Passaggio 3: seleziona il tipo di campagne che desideri inviare

Esistono diversi tipi di campagne e-mail di marketing che puoi inviare agli abbonati e il tipo che scegli dipende in realtà dagli obiettivi che hai stabilito nel passaggio 1.

Diamo un’occhiata ai diversi tipi di campagne e come possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di email marketing.

notiziario

Una newsletter via e-mail è una campagna di posta elettronica regolarmente distribuita che generalmente tratta un argomento principale di interesse.

AirBnB, cliente di Campaign Monitor, invia regolarmente un’ottima newsletter alla propria rete di fotografi freelance.

Airbnb - Newsletter via email

Come puoi vedere, la campagna viene inviata mensilmente e contiene contenuti riguardanti un tema particolare: suggerimenti e storie di fotografia.

Se il tuo obiettivo è quello di rimanere in contatto con un elenco di persone che già conosci (ad es. Clienti esistenti), una newsletter è il tipo perfetto di campagna da inviare. Manterrà la tua azienda e i tuoi prodotti in primo piano e rimanderà le persone al tuo sito web.

Per uno sguardo più approfondito agli elementi chiave da includere nelle newsletter via e-mail, controlla il nostro post sul blog sull’anatomia di una newsletter e-mail perfetta .

Offerta di marketing

Un’e-mail di offerta di marketing è essenzialmente qualsiasi campagna inviata con l’obiettivo di generare una risposta diretta.

Questo può assumere diverse forme, tra cui:

  • Una campagna che mostra alcuni degli ultimi stock e incoraggia le persone ad acquistare
  • Una campagna che offre uno sconto o una promozione speciale sui tuoi prodotti o servizi

Un ottimo esempio di una campagna di offerte di marketing è questa e-mail del cliente Pizza Hut di Campaign Monitor:

Pizza Hut - Offerta marketing via e-mail

La campagna presenta uno dei loro prodotti a un prezzo speciale e promozionale e include un invito all’azione diretto all’acquisto: il pulsante verde “Ordina ora”.

L’email di offerta di marketing è efficace se il tuo obiettivo con l’e-mail è quello di guidare direttamente le vendite. Presenta un prodotto o un’offerta di sconto e include un invito all’azione diretto per consentire alle persone di fare clic sul tuo sito Web ed effettuare un acquisto.

Annuncio

Una campagna di annunci è un’e-mail inviata ai tuoi abbonati che annuncia un nuovo prodotto, funzionalità o servizio.

Un primo esempio di una campagna di annunci è questa e-mail del cliente Showtime di Campaign Monitor che annuncia il lancio del loro nuovo spettacolo Penny Dreadful.

Showtime - Campagna e-mail di annuncio

L’e-mail di annuncio è perfetta se desideri mantenere aggiornato un pubblico coinvolto (ovvero i clienti esistenti) sugli ultimi prodotti o funzionalità. Sebbene la condivisione delle informazioni sia l’obiettivo principale, l’e-mail può avere l’ulteriore vantaggio di riportare le persone nel tuo negozio o sito Web dove possono effettuare un acquisto.

Invito all’evento

L’email di invito a un evento è una campagna progettata per aumentare la consapevolezza del tuo evento e incoraggiare le persone a partecipare.

Ecco un ottimo esempio dal cliente Lincoln Motors di Campaign Monitor.

Lincoln Motors - Email di invito all'evento

Come puoi vedere, la campagna invita gli abbonati al lancio di MKX 2016 e contiene dettagli su data, ora e luogo dell’evento, nonché informazioni su come rispondere a RSVP.

Come accennato in precedenza, il tipo di campagna e-mail che invii dipende interamente dai tuoi obiettivi con e-mail. Se stai cercando di guidare le vendite dirette, l’invio di offerte di marketing e campagne di annunci restituirà i migliori risultati, tuttavia se stai semplicemente cercando di mantenere i tuoi clienti esistenti aggiornati sugli ultimi progetti, prodotti o sviluppi presso il tuo società, quindi l’invio di una newsletter regolare sarà il modo migliore per raggiungere questo obiettivo.

Passaggio 4: crea la tua prima campagna

Ora che hai deciso i tuoi obiettivi, creato un po ‘di pubblico e selezionato il tipo di campagna che invierai, è ora di iniziare a costruire la tua email.

Strumenti di posta elettronica come Campaign Monitor rendono incredibilmente facile creare bellissime campagne di email marketing, ma ci sono alcuni concetti fondamentali che dovresti sapere per assicurarti di ottenere i migliori risultati da ogni campagna.

Dai un’occhiata al nostro builder e -mail drag-and-drop e alla guida alla modifica delle foto .

Struttura la tua campagna per una facile lettura

La ricerca mostra che l’intervallo di attenzione di un adulto è, in media, otto secondi . Con un intervallo di attenzione così breve, puoi presumere che le persone non stiano leggendo da vicino le tue campagne parola per parola e invece le scansionano cercando qualcosa di interessante.

Pertanto, scrivere campagne di posta elettronica lunghe e pesanti non è l’approccio migliore. Devi strutturare le tue e-mail per aiutare le persone a leggere i tuoi contenuti mentre li guidano verso l’invito all’azione.

Un modo efficace per farlo è utilizzando il modello piramidale invertito:

Monitoraggio campagna: struttura della campagna e-mail

Come puoi vedere dall’esempio sopra, le e-mail che seguono il modello contengono un titolo sintetico che evidenzia il messaggio chiave della campagna, nonché informazioni di supporto e elementi visivi per aiutare i lettori a convincere i vantaggi del click-through. Al lettore viene quindi presentato un importante pulsante di invito all’azione che rende chiaramente chiaro cosa fare dopo.

Utilizzando il modello a piramide invertita per strutturare le tue e-mail per una facile lettura, contribuirai a garantire che le tue campagne catturino l’attenzione delle persone e ottengano un elevato tasso di clic.

Usa immagini e immagini per aumentare il coinvolgimento

Nell’esempio di modello piramidale sopra, la maggior parte dell’email è visiva con un testo minimo. Idealmente, si desidera evitare muri o blocchi di testo. Questo perché la grafica – sia video che immagini – è più accattivante.

Sono anche più memorabili e aiutano a distinguere i contenuti.

In effetti, studi hanno dimostrato che le persone possono ricordare fino al 65% dei contenuti visivi fino a tre giorni dopo rispetto al solo 10% dei contenuti testuali.

Le persone seguono anche le istruzioni visive meglio del 32% rispetto alle istruzioni scritte, quindi è una buona idea usare gli oggetti visivi quando si indirizzano i lettori a compiere l’azione desiderata.

Personalizza le tue campagne e-mail

Quando abbiamo intervistato gli esperti di marketing, abbiamo scoperto che il miglioramento della personalizzazione della posta elettronica era  l’obiettivo numero uno per il 38% degli esperti di marketing ed era anche la sfida numero uno per il 36% degli operatori di marketing . Automazione del marketing, elenchi segmentati e integrazioni di terze parti rendono la personalizzazione della posta elettronica   più semplice ed efficace.

È molto probabile che i tuoi lettori rispondano ai contenuti più pertinenti ai loro interessi. Inizia aggiungendo il loro nome nella riga dell’oggetto, quindi personalizza i contenuti della campagna in base ai segmenti dell’elenco per massimizzare il coinvolgimento (ne parleremo più avanti).

Assicurati che la tua campagna sia pertinente per ogni abbonato

Anche nelle prime fasi di crescita dell’elenco e-mail, è una buona idea classificare gli abbonati in diversi segmenti di elenco. I segmenti di elenco consentono di scegliere facilmente quale tipo di contenuto inviare a quale abbonato. Quando è possibile personalizzare i contenuti e renderli più pertinenti per un determinato gruppo, si migliorano i tassi di risposta.

Questo tipo di ottimizzazione mirata è molto meglio dell’invio di e-mail coperte a tutti.

Perché è importante la segmentazione dell’elenco e-mail? Sappiamo che al di là della pertinenza, la segmentazione degli elenchi è importante dal punto di vista delle entrate. I dati del DMA indicano che le e-mail segmentate e mirate generano il 58% di tutte le entrate e-mail. Inoltre, la nostra ricerca ha scoperto che gli esperti di marketing che hanno utilizzato campagne segmentate hanno registrato un aumento del 76% delle entrate e oltre il 76% degli esperti di marketing afferma che la segmentazione di base fa parte della loro strategia di email marketing.

Ecco alcuni segmenti comuni di elenchi di e-mail che è possibile creare per aumentare i click-through nelle campagne e pianificare contenuti più mirati in base a tali segmenti:

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com
  • Posizione geografica: utile per promuovere informazioni specifiche del negozio e indirizzare mercati specifici ignorando gli abbonati fuori sede in cui il messaggio non sarebbe pertinente.
  • Dati demografici: utile per personalizzare i messaggi della campagna in base a qualsiasi combinazione di fasce di età e sesso.
  • Mercato: utile per segmentare gli utenti in base all’interesse del mercato / settore per evitare di inviare la stessa e-mail a tutti. Al contrario, personalizza il messaggio in base a contenuti specifici di settore / prodotto / mercato.
  • Attività passata: utile per segmentare gli abbonati in base a comportamenti aperti e di click passati. Studia il comportamento per determinare quale tipo di contenuto funziona meglio per segmenti specifici per personalizzare le campagne future.
  • Attività del flusso di lavoro: utile per creare campagne specifiche per gli abbonati che rientrano in determinate fasi della canalizzazione, come l’invio di una campagna solo a quegli abbonati che superano il 50% attraverso una serie di risponditori automatici.
  • Dati dei clienti: utili per i marchi di e-commerce che desiderano inviare campagne mirate ai clienti VIP, nonché campagne destinate esclusivamente ai clienti che rischiano di perdersi e che non hanno effettuato un acquisto entro un determinato periodo di tempo.

Esistono due modi principali per avvicinarsi alla segmentazione:

  1. Ordinare gli abbonati esistenti sul back-end utilizzando i dati degli abbonati forniti al momento dell’iscrizione
  2. Consenti agli abbonati di autosegmentarsi utilizzando elenchi di iscrizione separati.

Con il secondo metodo, il tuo pubblico vede gli stessi opt-in in tutto il tuo sito, ma l’elenco viene aggiunto alle modifiche in base al contenuto con cui interagisce. Quindi, se un utente visita un sito di ricette e si abbona da una pagina con ricette vegane, verrebbe iscritto a un elenco segmentato per vegani.

La società globale di abbigliamento da surf Rip Curl comprende il valore della pertinenza e lo esegue bene nelle loro newsletter via e-mail:

Rip Curl - Campagna e-mail - Rilevante per gli abbonati

Sebbene Rip Curl venda anche mute e bikini da donna, sanno chi sono i loro abbonati maschi, quindi inviano solo prodotti e contenuti pertinenti ai loro abbonati maschi.

Utilizzando le funzionalità del tuo account di Campaign Monitor, come segmenti e contenuti dinamici , puoi assicurarti che le tue e-mail siano pertinenti per ciascuno dei tuoi abbonati e aumentare le possibilità che possano fare clic sulla tua campagna ed effettuare un acquisto.

Assicurati che le tue campagne siano incentrate sul marchio e crea fiducia

È probabile che le tue campagne e-mail non siano l’unica interazione che i tuoi abbonati hanno con la tua attività. In effetti, i tuoi abbonati probabilmente hanno visitato il tuo sito Web o la pagina dei social media per iscriverti alla tua email.

Per questo motivo, è importante che le tue campagne e-mail siano allineate con i colori, i caratteri e il marchio che usi su tutti gli altri punti di contatto dei clienti in modo che i tuoi clienti abbiano un’esperienza coerente con il tuo marchio.

Il cliente di Campaign Monitor Freshbooks lo fa efficacemente nelle sue campagne di email marketing. I caratteri, i colori, i pulsanti e persino lo stile iconografico che usano sul loro sito Web sono perfettamente replicati nelle loro campagne e-mail.

Freshbooks - Campagna e-mail - Allineato con il marchio

Assicurandoti che le tue campagne siano allineate con il marchio che i tuoi abbonati vedono altrove, crei fiducia nel fatto che l’e-mail sia legittima e aumenti le possibilità che possano fare clic.

Semplifica la conversione

Per indurre i tuoi iscritti a fare clic sulle tue campagne e-mail, devi renderlo il più semplice possibile per loro.

Secondo la nostra ricerca , il 41% delle e-mail si aprono su dispositivi mobili, quindi se le tue campagne non sono ottimizzate su tutti i dispositivi, allora c’è una buona probabilità che tu abbia reso inutilmente difficile la conversione per i tuoi iscritti.

Controlla la nostra newsletter via email come esempio:

Campaign Monitor - Newsletter via email - Promuovi conversioni

Poiché il modello è reattivo, le tre sezioni centrali del contenuto si sovrappongono l’una sull’altra quando vengono visualizzate su un dispositivo mobile. Ciò garantisce che il testo e i pulsanti rimangano di dimensioni utilizzabili (anziché essere ridotti) e che la conversione per gli abbonati sia semplice.

Adotta un approccio strategico per programmare le tue campagne

Quando crei campagne, ti consigliamo di adottare un approccio strategico in modo che le tue e-mail seguano un calendario promozionale o editoriale. Pianificare le tue campagne ti aiuta a evitare di aspettare troppo a lungo tra invii o, peggio ancora, inondando abbonati con troppi contenuti.

La frequenza è importante e la frequenza con cui invii e-mail può avere un impatto significativo sulle tue entrate e sui tassi di coinvolgimento (e di annullamento dell’iscrizione) della posta elettronica. Invia troppo e gli abbonati possono soffrire dell’affaticamento della posta elettronica provocandone il disimpegno e la cancellazione. Invia troppo pochi e perdi l’attenzione del tuo pubblico. Potrebbero persino dimenticare il motivo per cui si sono registrati e li hanno portati a cancellarsi.

Quindi, con quale frequenza inviare e-mail?

Fortunatamente, ci sono alcuni dati sulla frequenza con cui alle persone piace ricevere e-mail. La tabella seguente di MarketingSherpa ti dà un’idea della frequenza di invio ottimale:

I dati sono stati compilati da un sondaggio di 2.057 adulti che hanno risposto alla domanda: “Con quale frequenza, se mai, desideri ricevere e-mail promozionali (ad esempio, coupon, notifiche di vendita) da società con cui intrattieni rapporti commerciali?”

I dati mostrano una diffusione di interesse verso campagne di posta elettronica ad alta frequenza. C’è una cosa da tenere a mente però: questi non sono i tuoi iscritti.

Se non sei sicuro della frequenza e-mail, la soluzione più semplice è chiedere ai tuoi abbonati. Lascia che scelgano le impostazioni di frequenza o eseguano il polling per scoprire la frequenza con cui desiderano avere tue notizie.

Invia più di contenuti promozionali

Nel 2015 Marketingsherpa ha condotto uno studio chiedendo ai consumatori “in quale dei seguenti modi, se del caso, preferiresti che le aziende comunichino con te?”

Oltre il 70% degli intervistati ha scelto la posta elettronica , dominando un elenco di altre scelte tra cui sms, social media, direct mail e pubblicità online / stampate. Da allora non è cambiato molto e i consumatori preferiscono ancora la posta elettronica.

Ma solo perché lo vogliono non significa che vogliono che ogni e-mail sia una palese promozione.

Questo è un modo sicuro per far sì che la tua lista odi il tuo istinto.

Quando pianifichi le tue campagne e-mail e scegli il contenuto da includere, punta a un mix 80/20 usando il Principio di Pareto. In poche parole: l’80% dei tuoi contenuti dovrebbe essere dedicato a informazioni utili e utili e il 20% dovrebbe essere dedicato alle promozioni, alle vendite e ai prodotti / servizi che stai vendendo.

Dai un’occhiata a queste previsioni e tendenze condivise da Convince e Convert , compilate sia da tornasole che dai nostri rapporti :

È importante notare come una serie di tendenze in crescita ruotano attorno ai contenuti di valore, non ai contenuti promozionali. Cose come la personalizzazione e il valore della vita degli abbonati, contenuti di dimensioni ridotte che sono facili da digerire, narrazioni più forti e narrazione, esperienze più ricche … questa è la chiave per creare e-mail altamente coinvolgenti che aumenteranno i tuoi tassi di apertura e coinvolgimento.

Trova ispirazione per l’invio di campagne email più preziose

Se stai arrivando a corto di argomenti e cosa includere nelle tue e-mail oltre alle promozioni generali, non temere. Ogni azienda, in ogni settore, ha molte informazioni da condividere. Indipendentemente dal fatto che tali informazioni siano pertinenti o interessanti agli occhi dei tuoi abbonati, è ciò che devi determinare.

Non ti preoccupare, abbiamo già fatto un po ‘di lavoro per inventare tante idee per reperire contenuti per le tue campagne e-mail. Di seguito sono riportate alcune idee tratte dalla nostra guida completa con 50 idee di contenuto per le tue campagne e-mail e newsletter :

  • Informazioni sull’azienda come opportunità di carriera, stampa con la tua azienda e contenuti dietro le quinte
  • Aggiornamenti e informazioni sui prodotti come contenuti pratici, video sui prodotti, prossime uscite e sconti
  • Contenuti basati sul valore come infografica, studi di settore, risultati del sondaggio e blog recenti
  • Contenuti incentrati sulle persone per umanizzare il tuo marchio come nuovi bios a noleggio, interviste ai dirigenti, feedback e testimonianze dei clienti e blog dei membri del team
  • Informazioni di supporto come aggiornamenti FAQ, case study, storie di successo e risorse gratuite
  • Informazioni sugli eventi per eventi aziendali e della comunità, webinar e fiere

Cerca ogni opportunità per condividere contenuti di valore rispetto a contenuti promozionali per mantenere alto l’interesse e il coinvolgimento.

Applicando questi fondamenti di  campagne  ad alta conversione alla tua prima e-mail, sarai in grado di creare e inviare una campagna che catturi l’attenzione dell’abbonato, presenti loro informazioni pertinenti e faciliti la conversione.

 

Passaggio 5: misura i risultati

Con la tua prima email fuori casa e iniziando ad essere aperto e cliccato dai tuoi abbonati, sarai in grado di iniziare a monitorare il successo della tua campagna.

Esistono due punti attraverso i quali puoi monitorare il successo delle tue campagne di email marketing: il tuo strumento di email marketing (come Campaign Monitor) e il tuo strumento di analisi dei siti Web (come Google Analytics).

La sezione dei rapporti del tuo strumento di email marketing è il posto dove andare per capire come le persone hanno interagito con le tue campagne e-mail.

Per i clienti di Campaign Monitor, esistono numerosi report che possono aiutarti a farlo, ma il più utilizzato è il report Snapshot.

Campaign Monitor: misura i risultati di marketing via email

Il rapporto ti presenta le metriche chiave della tua campagna di email marketing, tra cui:

  • Numero di aperture uniche : il numero di abbonati unici che hanno aperto la tua campagna.
  • Numero di rimbalzi : il numero di indirizzi e-mail ai quali non è stato possibile recapitare la tua campagna ( per una serie di motivi diversi ).
  • Numero di email non aperte : il numero di abbonati unici che non hanno aperto la tua campagna.
  • Tasso di apertura : la percentuale di tutti gli abbonati che hanno aperto la tua campagna.
  • Percentuale di clic : la percentuale di persone che hanno aperto la tua campagna che hanno fatto clic su un link.
  • Tasso di annullamento dell’iscrizione – La percentuale di persone che hanno annullato l’iscrizione all’elenco e-mail tramite questa campagna.
  • Reclami spam – Il numero (e la percentuale) di persone che hanno contrassegnato la tua campagna come spam facendo clic sui pulsanti “Segna come spam” nel client di posta elettronica scelto (ad es. Gmail, Yahoo Mail, Outlook, ecc.).
  • Condivisioni : il numero di persone che hanno inoltrato la tua campagna a un amico (utilizzando l’icona di inoltro nel modello di posta elettronica) o l’hanno condivisa tramite social network come Twitter e Facebook.

Queste metriche offrono una panoramica di alto livello su come i tuoi abbonati interagiscono con le tue campagne e ti consentono di confrontare il successo di una campagna con un’altra. Se vuoi andare più a fondo e vedere le persone esatte che hanno aperto e fatto clic sulla tua campagna, quali link hanno fatto clic, ecc. Puoi farlo scegliendo alcuni degli altri rapporti dal menu a destra.

Dopo aver trascorso un po ‘di tempo ad analizzare il modo in cui le persone hanno interagito con la tua campagna e-mail, puoi fare un passo ulteriore e vedere cosa è successo dopo aver fatto clic sul tuo sito web.

Per fare ciò, devi avere uno strumento di analisi web (come Google Analytics) installato sul tuo sito. Se lo fai e hai abilitato la nostra integrazione con Google Analytics , sarai in grado di vedere i dettagli di eventuali visite al tuo sito web dalle tue campagne e-mail, incluso il tempo trascorso sul tuo sito, quali pagine hanno visitato, quali campagne vengono da e altro ancora.

Puoi anche scaricare la nostra dashboard di Google Analytics che ti mostrerà alcune statistiche chiave sui tuoi visitatori e-mail in un’unica comoda posizione.

Con tutti i dati pronti puoi iniziare a fare e testare le modifiche alle tue campagne e-mail per migliorare le percentuali di apertura e di clic.

Suddividere le righe dell’oggetto del test per migliorare i tassi di apertura

Quando presti attenzione alle tariffe aperte per le tue campagne di posta elettronica, inizierai a vedere cosa funziona e cosa no nel catturare l’attenzione e il clic di vari segmenti di posta elettronica.

Ma l’unico modo per migliorare sistematicamente i tassi di apertura è di dividere il test delle linee tematiche.

Gli esperti di marketing via e-mail che desiderano migliorare i tassi di apertura testeranno le righe dell’oggetto A / B (split test). Per fare ciò, assicurati che ogni bit dell’email sia lo stesso, tranne l’oggetto. È possibile testare diverse lunghezze della riga dell’oggetto, parole di potenza diverse nelle righe dell’oggetto e righe dell’oggetto generico o specifico.

Ad esempio, puoi testare come i tuoi segmenti rispondono alla personalizzazione testando una riga dell’oggetto identica che include il nome dell’abbonato rispetto a uno che non include il loro nome. Campaign Monitor ha eseguito questo test e ha riscontrato che le linee tematiche personalizzate hanno registrato un aumento del 26% delle tariffe aperte .

Esistono più modi per migliorare le percentuali di apertura rispetto alla personalizzazione, a partire dall’uso di modelli di riga dell’oggetto provati e testati come:

  1. Stop {Emozione indesiderabile} Adesso
  2. {Risultato auspicabile} (i tuoi primi 3 passaggi)
  3. Novità {Cosa}: cosa significa per {il ruolo del pubblico}
  4. Cosa dicono {Argomenti credibili} {Argomento}
  5. {Qualcuno guarda in alto} Può permettersi qualsiasi {prodotto}, usa …
  6. Migliore {Emoji} + {Emoji} + {Emoji} = {Emoji}
  7. {Argomento}, {Argomento} e {Argomento apparentemente non correlato}?
  8. {Nome azienda personalizzato} + 497% in più {Need} = {Emoji}
  9. {Emoji} Il tuo {Emoji} con …
  10. {Nome personalizzato}, guadagna {qualcosa di desiderabile} solo oggi
  11. Ti stai perdendo {Qualcosa di desiderabile}
  12. Solo stasera: il sogno di {Audience’s Role}
  13. Vuoi il 587% in più {Qualcosa di desiderabile}? {} Emoji
  14. Questa è un’e-mail di vendita {Emoji}
  15. Non dimenticare! {Evento} Oggi {Emoji}
  16. … Quando sei malato e stanco di {Something Ind indesiderabile} {Emoji}
  17. “{Citazione}”
  18. Un {Topic} processo per ridurre il carico di lavoro del 30-50% {Emoji}
  19. {Argomento} + {Argomento} + {Argomento}
  20. “I Love {Something Un indesiderevole}!” (ha detto nessuno mai)

Quando si dividono i test e si ottimizzano le linee del soggetto, è possibile fare alcune cose per provare a migliorare le prestazioni, a cominciare dall’uso di parole potenti che catturano l’attenzione come quelle condivise da CoSchedule:

Durante il test, si desidera anche rimuovere ed evitare le parole che possono attivare i filtri antispam e ridurre significativamente i tassi di apertura.

Successivamente, considera l’inclusione dei numeri nella riga dell’oggetto della tua e-mail, ma solo se funziona in modo naturale. Secondo uno studio di YesWare che ha analizzato 115 milioni di campagne e-mail, compresi i numeri nella riga dell’oggetto, è possibile che vengano generate percentuali di apertura e risposta più elevate.

 

E, mentre stai testando le linee del soggetto, prova soggetti di diversa lunghezza. Poiché oltre il 50% di tutte le e-mail viene aperto su dispositivi mobili , aiuta a creare linee di soggetti più brevi che non si spostano dal bordo di schermi più piccoli. Le migliori pratiche suggeriscono linee tematiche lunghe circa 17-24 caratteri o da 3 a 5 parole.

Miglioramento delle percentuali di clic per le campagne e-mail

Idealmente, vuoi che gli abbonati passino dalla tua e-mail a una pagina di destinazione, all’acquisto di un prodotto, ecc., In sostanza, devono fare clic su qualcosa nell’e-mail per fare il passo desiderato successivo. Tenendo d’occhio le metriche della campagna ti aiuterà a modificare continuamente le tue email per migliorare le percentuali di clic.

C’è molto che puoi fare per aumentare tali tassi oltre a creare un invito all’azione più forte, tra cui:

  • Miglioramento del layout: regola il tuo modello per rendere più leggibile il contenuto in modo che scorra naturalmente verso un invito all’azione. Quando abbiamo ridisegnato un’e-mail sul blog, abbiamo riscontrato un aumento del 127% dei click-through.
  • Prova nuove immagini: ricordi cosa abbiamo detto sul contenuto visivo? Le campagne con immagini più coinvolgenti avevano una percentuale di clic superiore del 42% rispetto a quelle senza.
  • CTA visivi: le persone sono cablate per fare clic sui pulsanti. È un concetto chiamato ” convenienza ” o una possibile azione tra un oggetto e un individuo, quindi prova diversi CTA visivi e stili di pulsanti per aumentare le conversioni e le percentuali di clic.
  • Test del posizionamento CTA: il punto in cui metti il ​​tuo invito all’azione è importante, quindi dividi le campagne di test con il tuo CTA in posizioni diverse. Digital Donut ha testato il posizionamento e ha scoperto che un CTA sul lato destro dell’e-mail ha aumentato le percentuali di clic per le loro campagne.
  • Segmenta le tue e-mail – Se non vedi le conversioni che ti aspettavi, controlla la tua lista e-mail per opportunità di segmentare ulteriormente e migliorare chi stai prendendo di mira
  • Tempi del test: l’invio di e-mail è importante quanto la frequenza con cui vengono inviati. La ricerca di Spaceship mostra che le persone hanno maggiori probabilità di aprire e fare clic sulle e-mail tra le 20:00 e la mezzanotte. Assicurati di testare quando invii e-mail e guarda i rapporti della campagna per tempi di invio ideali.

Video: richiesta di e-mail

A volte, per iniziare a utilizzare l’email marketing è necessario sostenerlo prima all’interno della propria organizzazione. Nell’episodio Minuto email di seguito, Shane Phair fornisce consigli su come giustificare l’investimento nell’e-mail con alcune potenti statistiche.

Suggerimenti bonus post-campagna (aggiornati)

Le tue metriche possono dirti molto sul rendimento della campagna e su come migliorare le tue campagne e-mail, ma ci sono tre cose che dovresti sempre fare dopo ogni campagna, indipendentemente dal loro rendimento.

1. Rinvia la campagna

Non importa quanto sia efficace l’oggetto, avrai sempre abbonati che non lo aprono per una serie di motivi. Invia di nuovo la tua email specificatamente indirizzata a un segmento di elenco di coloro che non si sono aperti per la prima volta.

Questa non è solo una seconda possibilità nel caso in cui abbiano perso la prima e-mail, ma è anche un’altra opportunità per dividere ulteriormente le righe dell’oggetto del test e i tempi di invio.

2. Pulisci la tua lista

Se i round di split test, segmentazione e rinvii comportano comunque punteggi di coinvolgimento bassi per alcuni dei tuoi abbonati, non aver paura di pulire l’elenco. Revisionare regolarmente i dati degli abbonati per monitorare le valutazioni di attività e coinvolgimento. Rimuovi o segmenta ulteriormente coloro che non sono coinvolti per migliorare le percentuali di apertura complessive dei segmenti di abbonati principali.

3. Aumenta la consapevolezza del tuo marchio

Una volta terminata la tua campagna e i passaggi finali, crea consapevolezza per il tuo marchio su tutti i canali di marketing disponibili. Ciò include metodi più comuni (come il social media marketing e gli eventi), nonché campagne di sensibilizzazione del marchio più insolite (come omaggi e concorsi).

Aumentando la consapevolezza del marchio, puoi guadagnare più follower e abbonati. Ciò giocherà nelle tue prossime campagne dandoti un pubblico più ampio e più coinvolto.

Avendo un gruppo più ampio e diversificato di abbonati, hai maggiori probabilità di attirare più lead e ottenere più conversioni. In definitiva, questo significa maggiori interessi e ricavi per la tua azienda.

 

Incartare

L’email marketing è un potente motore di vendite e ricavi per la tua azienda e ha una portata e un ritorno sugli investimenti maggiori rispetto a qualsiasi altro canale disponibile oggi per gli esperti di marketing.

Quindi, segui i 5 passaggi indicati in questa guida per iniziare rapidamente e facilmente con l’email marketing. Scoprirai che è semplice creare e inviare una campagna e-mail e genererà risultati impareggiabili per la tua attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close