Se stai cercando di ottimizzare il tuo marketing, dovresti iniziare con la tua strategia di automazione dell’email marketing e-commerce.

Questo perché, indipendentemente dal modo in cui lo dividi, l’ e-mail fornisce comunque il ROI più elevato rispetto a qualsiasi altro canale di marketing per le aziende di e-commerce. 

Diamo un’occhiata al marketing e-mail eCommerce in modo olistico: dall’alto verso il basso della canalizzazione, dove si inserisce l’automazione dell’email?

La risposta: ovunque.

In questo post, spiegheremo il ruolo dell’email marketing per le aziende di e-commerce e perché è così importante per generare consapevolezza e guidare le vendite.

Da lì, tratteremo i due principali tipi di flussi di posta elettronica che dovresti utilizzare come parte della tua strategia di marketing e-commerce: la serie di benvenuto e la serie di carrelli abbandonati. Tratteremo quindi come scrivere ciascuna di queste e-mail per ottenere i migliori risultati. 

Spiegheremo come misurare il successo e ti forniremo uno schema su come riferire in modo efficace e migliorare l’impatto della tua automazione di e-mail marketing e-commerce. Quindi, esamineremo come scalare la tua attività con l’automazione del marketing e, infine, illustreremo le domande che dovresti porti quando selezioni uno strumento di automazione della posta elettronica. 

Siete pronti?

Facciamo un salto.

  1. Che cos’è l’automazione dell’email marketing per l’e-commerce?
  2. Perché l’automazione dell’email marketing è importante per le aziende di e-commerce
  3. Tipi di campagne di email marketing che puoi provare per aumentare la consapevolezza e guidare le vendite
  4. Principali metriche per misurare le prestazioni dell’automazione dell’e-commerce di e-commerce
  5. Come scalare la tua attività di e-commerce con Marketing Automation
  6. Scelta del miglior software di automazione dell’email marketing e-commerce

 

CHE COS’È EMAIL MARKETING AUTOMATION PER L’ECOMMERCE?

Come probabilmente già saprai, non tutte le email sono automatizzate. Duh! Alcune e-mail non saranno pre-scritte e programmate attraverso uno strumento di automazione del marketing, dove altri lo faranno. Se stai cercando una guida per principianti all’automazione dell’email marketing, dai un’occhiata a questa .

Ai fini di questo post, non ci concentreremo sulle super basi. Invece, ci concentreremo sulla differenza tra due diversi stili di e-mail automatizzate : uno a molti e uno a uno.

EMAIL AUTOMATIZZATE UNO-A-MOLTI:

Questi tipi di e-mail di solito compaiono in un imbuto o in una serie di tre, quattro o addirittura venti! In genere vengono creati attorno a una campagna e inviati a un ampio elenco di contatti, ma possono comunque essere personalizzati. 

EMAIL AUTOMATIZZATE ONE-TO-ONE: 

Queste sono e-mail scritte da te (il marketer) e inviate a ONE (o solo a un piccolo gruppo) di contatti. Questi tipi di e-mail vengono in genere inviati dopo aver notato un comportamento specifico o una serie di comportamenti. In seguito, invierai un’e-mail altamente mirata (basata su tutti i dati di comportamento) per porre una domanda, prenotare una chiamata di vendita o incoraggiare un’azione specifica.

L’obiettivo delle e-mail one-to-many e one-to-one può essere lo stesso, è semplicemente l’esecuzione che è diversa. Le e-mail automatizzate una-a-molte richiedono un po ‘meno personalizzazione quando si raggruppano i contatti. Ciò non significa che richiedano meno pensiero, però. In effetti, è dimostrato che più è possibile personalizzare le proprie e-mail (ovvero più è possibile rendere tutte le e-mail inviate come se fossero e-mail individuali), meglio è il rendimento delle e-mail.

 

PERCHÉ L’AUTOMAZIONE DELL’EMAIL MARKETING È IMPORTANTE PER LE AZIENDE DI E-COMMERCE

L’email marketing è ancora il canale di vendita più redditizio per le aziende di e-commerce. Il ROI dell’email marketing è di 38: 1 . 

Ma perché l’email marketing ha un ROI così elevato? In che modo l’email marketing produce effettivamente risultati così eccezionali?

Questi risultati sono raggiunti perché l’email marketing raggiunge tre obiettivi principali: 

  1. L’email marketing aumenta il riconoscimento e la fedeltà del marchio
  2. L’email marketing riduce i costi di acquisizione dei clienti (CAC)
  3. L’email marketing aumenta il valore medio degli ordini (AOV)

L’EMAIL MARKETING AUMENTA IL RICONOSCIMENTO E LA FEDELTÀ DEL MARCHIO

Uno dei maggiori vantaggi dell’email marketing è la sua capacità di sensibilizzare il marchio connettendoti con i tuoi clienti ideali. Ogni email che invii avvia una conversazione con i tuoi contatti, dandoti la possibilità di far luce su tutte le cose belle della tua attività e del tuo prodotto.

Come utilizzare l’email marketing per aumentare la fedeltà al marchio

Per migliorare il riconoscimento e la lealtà del marchio, una strategia efficace è quella di utilizzare la posta elettronica come metodo per condividere grandi contenuti con i tuoi contatti … gratuitamente. 

Più contenuti utili e gratuiti condividi, più umanizzi il tuo marchio e crei connessioni più profonde con i tuoi contatti.

Prendi in considerazione l’aggiunta di una nota personale a una newsletter settimanale con un pensiero, un’idea o uno scherzo che darà al tuo pubblico una sorta di nuova prospettiva. 

Adoriamo il modo in cui Mat di Help Scout fa questo:

 

Aiuta lo scout

Condividi i tuoi collegamenti o post di blog preferiti della settimana. Crea risorse premium ben studiate che aiuteranno i tuoi contatti a ottenere più valore da te come azienda … e a farli tornare di più.

Sperimenta con l’invio di e-mail personali in uno stile personale ai contatti che interagiscono regolarmente con i tuoi contenuti. Inizia una vera conversazione con loro, chiedi loro come personalizzare ulteriormente la loro esperienza e usa questi tipi di email per saperne di più su come migliorare i tuoi contenuti.

Più infondi nella tua email marketing contenuti utili e ponderati, più è probabile che i tuoi contatti rimangano coinvolti. A sua volta, sarai più armato di mobilitare i tuoi contatti per fare un acquisto perché sanno, ti amano e si fidano di te.

L’EMAIL MARKETING RIDUCE I COSTI DI ACQUISIZIONE DEI CLIENTI (CAC)

Per le attività di e-commerce, il costo di acquisizione dei clienti è senza dubbio la metrica più importante. 

Se non sei sicuro di come calcolare il tuo CAC, prendi semplicemente l’importo che spendi per acquisire clienti (tramite tutti i canali, come pagato, e-mail e social) e dividerlo per il numero di nuovi clienti acquisiti durante quel periodo di tempo.

 

Calcola-cac

 

L’obiettivo quando si tratta di CAC è garantire che i soldi spesi per acquisire clienti paghino … e proficuamente. Il modo più semplice per ridurre e ottimizzare il tuo CAC è attivare i tuoi contatti attuali per effettuare un acquisto. Ecco dove entra in gioco l’email marketing. 

Come ridurre il CAC con l’automazione dell’email marketing

Come accennato in precedenza, è più probabile che i contatti acquistino da te se conoscono, amano e si fidano del tuo marchio. Bene, questo rende gli abbonati attivi il frutto più basso per generare vendite. 

Se stai costruendo un solido programma di posta elettronica che fa sì che i tuoi abbonati tornino per ottenere di più, è più probabile che mordano quando offri un’offerta a cui non possono resistere. Incentiva i tuoi abbonati offrendo loro offerte speciali extra sui prodotti in modo che continuino ad aprire le tue e-mail, interagendo con i tuoi contenuti e acquistando i tuoi prodotti.

Ma non fermarti qui. Sperimenta le e-mail sia di tipo one-to-one che one-to-many e personalizzale in base a interessi e comportamento dei contenuti. 

Ad esempio, supponiamo che tu venda prodotti per capelli online. Nelle ultime settimane, hai parlato dei benefici dei trattamenti proteici. Durante le tue e-mail, ti sei collegato a un mucchio di contenuti gratuiti che educa i tuoi contatti sui vantaggi di ottenere questi trattamenti, come aiutare a prevenire la rottura e dare ai tuoi capelli il bagliore sano che merita! 

Un sottoinsieme dei tuoi contatti ha fatto clic e letto almeno uno dei tuoi contenuti gratuiti sui trattamenti. E un sottoinsieme ancora più piccolo ha letto ogni singolo. 

Dividi questi gruppi e invia al primo uno-a-molti (ma personalizzato!) E-mail sul tuo prodotto per il trattamento delle proteine. Aggiungi un affare! 

All’altro segmento, invia un’e-mail di stile uno a uno. Parla con precisione dei loro interessi, riconoscendo che stanno leggendo e conoscendo questi trattamenti lungo la strada. Quindi, consiglia il tuo prodotto per il trattamento delle proteine. 

L’EMAIL MARKETING AUMENTA IL VALORE MEDIO DEGLI ORDINI (AOV)

Pertanto, mentre sei impegnato a creare e-mail stile uno a molti e uno a uno, promuovendo le vendite dei tuoi prodotti, dovresti anche pensare a sfruttare l’e-mail marketing per aumentare il valore medio degli ordini (AOV).

Il valore medio dell’ordine (AOV) misura l’importo medio speso ogni volta che qualcuno effettua un acquisto. Per calcolarlo, dividi semplicemente le entrate totali per il numero di ordini effettuati. 

 

Calcola-AOV

 

Il modo più semplice per aumentare il valore medio dell’ordine attraverso la vendita incrociata e la vendita al dettaglio di altri prodotti. E l’email marketing è il canale perfetto per fare entrambe queste cose!

Il cross-selling è la pratica di raccomandare un prodotto rilevante, simile a quello che stanno già guardando. Il ribaltamento, d’altro canto, consiste nell’incoraggiare i clienti ad acquistare un prodotto comparabile, ma che costa un po ‘di più di quello originale che stavano osservando. 

Come aumentare AOV con e-mail automatizzate

Se guardiamo di nuovo l’esempio del prodotto per il trattamento delle proteine, in ognuna di quelle e-mail tutto ciò che serve è un altro strato. 

Per il cross-selling, aggiungi una nota personalizzata che spiega i vantaggi dell’utilizzo di trattamenti proteici insieme a un altro dei tuoi prodotti. 

Per l’up-selling, prova a menzionare una versione di fascia alta del prodotto in questione (se ce l’hai) e spiega perché vale un po ‘di più. Indica tutti i vantaggi e i risultati extra che questo prodotto di fascia alta offre … e perché il tuo contatto dovrebbe afferrarlo.

 

SCARICA LA NOSTRA INTRODUZIONE SUL MARKETING E-COMMERCE PER GUIDARE LA GUIDA ALLA GENERAZIONE PER IMPARARE COME AUMENTARE LE VENDITE E RIDURRE I COSTI DI ACQUISIZIONE DEI CLIENTI

 

TIPI DI CAMPAGNE DI EMAIL MARKETING CHE PUOI PROVARE PER AUMENTARE LA CONSAPEVOLEZZA E GUIDARE LE VENDITE

Quindi, ora che abbiamo esaminato l’importanza dell’automazione dell’email marketing e abbiamo esaminato alcuni esempi di modi per sfruttare sia le email di stile one-to-one che le e-mail di stile uno-a-molti per coinvolgere i contatti, esaminiamo il specifiche. 

Esistono molti tipi diversi di campagne di email marketing che puoi creare per aumentare la consapevolezza e le vendite della tua attività di e-commerce. Ma ce ne sono due che sono più importanti di qualsiasi altro: la serie di e-mail di benvenuto e la serie di carrelli abbandonati. 

Diamo un’occhiata a entrambi.

LA SERIE DI E-MAIL DI BENVENUTO

Questo è uno dei tipi più importanti di campagne e-mail che dovresti creare per la tua attività di e-commerce. In effetti, le e-mail di benvenuto hanno una delle più alte percentuali di apertura rispetto ad altri tipi di e-mail, con una percentuale di apertura media dell’82% . 

Ma la creazione delle migliori serie di benvenuto in realtà non inizia con l’e-mail. Si inizia con il tuo sito Web.

Per creare una serie di benvenuto efficace, devi prima assicurarti di avere una sorta di modulo di iscrizione sul tuo sito. Cosa c’è di più? Deve essere chiaro a cosa si sta esattamente registrando l’utente. 

Tante volte i siti Web di eCommerce generalizzano l’iscrizione o non spiegano esplicitamente quali tipi di comunicazioni qualcuno può aspettarsi di ricevere dopo aver completato il modulo. Questo è un grande no-no e potrebbe far sì che le tue e-mail di follow-up vengano contrassegnate come spam, il che può avere gravi ripercussioni negative sulla tua linea di fondo aziendale.

Puoi anche utilizzare il modulo per saperne di più sul tuo utente, anche prima che ti forniscano il loro indirizzo email. Certo, c’è il rischio che troppa frizione possa interferire con l’iscrizione. Ma ci sono modi per aggirare questo. 

Utilizzare campi nascosti o strumenti di amplificazione dei dati come Clearbit se non si desidera aggiungere campi modulo aggiuntivi.

E poi scrivi una e- mail di benvenuto .

Tre semplici passaggi per scrivere un’e-mail di benvenuto killer:

  1. Personalizza il tuo messaggio. Ricordi quanto prima ho continuato a parlare dell’importanza di far suonare il più possibile i messaggi di posta elettronica uno-a-uno come se fossero uno a uno?

    Questo è particolarmente importante per la tua e-mail di benvenuto. Usa tutte le informazioni che hai su qualcuno per personalizzare la copia e-mail, il messaggio e l’offerta. Se inizi forte fuori dal cancello, i tuoi contatti avranno maggiori probabilità di rimanere fidanzati e continuare ad aprire le tue e-mail.

    Cosa c’è di più? Usa i token di personalizzazione nella riga dell’oggetto. Sarà aiutare con tassi di apertura .

  2. Concentrati sull’ottimizzazione della tua posta elettronica per dispositivi mobili. Le persone adorano i loro telefoni. È una cosa: vai ovunque, fai qualsiasi cosa e sei sicuro di vedere quasi tutti quelli che ti circondano andare sul proprio smartphone più volte in un determinato periodo di tempo. Questo è buono per gli esperti di email marketing. Perché? Perché il 49% delle persone legge l’e-mail sul proprio telefono. Quindi assicurati che il design e il layout della tua e-mail siano concisi, facilmente digeribili per la visualizzazione mobile e ottimizzati per il piccolo schermo.
  3. Includi un incentivo o un’offerta. Dato che è la prima volta che comunichi con qualcuno, perché non addolcirlo con un’offerta speciale in più ringraziandoli per aver consegnato il loro indirizzo e-mail? Includi uno sconto, un affare o qualcosa di esclusivo.

    Ecco un esempio di e-mail di benvenuto che ho ricevuto da JCrew e che mi ha fornito un dolce incentivo:

    Welcome-incentive-mail

LA CAMPAGNA DI CARRELLI ABBANDONATI

Dopo aver impostato una serie di e-mail di benvenuto, dovresti concentrare i tuoi sforzi verso il fondo della canalizzazione creando una campagna di e-mail con carrello abbandonata .

Una campagna di e-mail del carrello abbandonata ha un obiettivo: far tornare il cliente che ha lasciato qualcosa nel carrello online e completare l’acquisto.

Le e-mail del carrello abbandonate possono essere estremamente preziose per la tua attività e i numeri lo confermano. In effetti, il 50% dei contatti che fanno clic su un’e-mail del carrello abbandonata completa l’acquisto .

Tre semplici passaggi per scrivere una grande e-mail abbandonata nel carrello:

  1. Tempo perfettamente. Quando si tratta di e-mail del carrello abbandonate, è necessario inviarle entro un’ora dall’abbandono del carrello per ottenere i migliori risultati. Più a lungo aspetti, più è probabile che i clienti non tornino per completare l’acquisto.

    Le percentuali di apertura, le percentuali di clic e le percentuali di acquisto diminuiscono con il passare del tempo, quindi utilizza l’automazione e-mail per pianificare l’e-mail del carrello abbandonata esattamente un’ora dopo che qualcuno ha lasciato un prodotto nel carrello.

  2. Sii breve e semplice. Il punto centrale di questo tipo di e-mail è riportare le persone sul tuo sito Web per completare l’acquisto. Questo è tutto.
    Quindi personalizza l’e-mail ricordando il prodotto esatto che hanno abbandonato.

    Trasmetta i vantaggi dell’acquisto di quel prodotto di nuovo in modo che sia la cosa migliore. Quale valore stanno perdendo i clienti non afferrando quel prodotto in questo momento?

    Quindi concentrati sull’invito all’azione, riportandoli al carrello.

  3. Aggiungi un incentivo … ma non subito. Non devi aggiungere un incentivo alla prima email. Perché? Perché puoi usarlo in seguito come potente tattica se, dopo qualche spintone, non hanno ancora completato l’acquisto.

    Con la prima e-mail, potresti non sapere perché qualcuno ha abbandonato il carrello. Forse sono appena stati distratti. Forse il browser si è bloccato.

    È solo dopo alcune e-mail che puoi davvero sospettare che abbiano abbandonato il carrello a causa della sensibilità dei prezzi, ed è allora che li colpisci con un affare, uno sconto o qualcosa di speciale. Ecco un esempio di Bath & Body Works:

    abbandonato-cart-mail

PRINCIPALI METRICHE PER MISURARE LE PRESTAZIONI DELL’AUTOMAZIONE DELL’E-COMMERCE DI E-COMMERCE

Ora che abbiamo stabilito perché l’automazione dell’email marketing è importante e ti abbiamo dato alcune idee e strategie su come eseguire efficacemente un solido piano di automazione dell’email, copriamo rapidamente i tipi di metriche che dovresti considerare per misurare le prestazioni.

Ecco quattro dei più importanti:

  1. Tasso aperto. La percentuale di contatti che ha aperto la tua email. Le righe dell’oggetto e il testo del preheader sono giocatori estremamente importanti qui.
  2. Percentuale di clic. La percentuale di contatti che hanno fatto clic sui collegamenti e sui CTA nelle e-mail. È qui che conta una copia persuasiva e personalizzata.
  3. Tasso di conversione. La percentuale di contatti che ha fatto clic su un’e-mail e ha completato l’obiettivo o l’azione desiderati. Ecco come misurare se si sta facendo l’email marketing nel modo giusto o se è necessario ripensare la propria strategia.
  4. Frequenza di rimbalzo. La percentuale di contatti a cui non è stato possibile recapitare l’e-mail. Esistono due tipi di rimbalzi: rimbalzi “soft”, che sono dovuti a problemi temporanei come la posta in arrivo dei destinatari era troppo piena e rimbalzi “hard”, come se l’indirizzo e-mail non esistesse. Fai attenzione qui e assicurati che l’elenco sia pulito rimuovendo i contatti rimbalzati.

 

COME SCALARE LA TUA ATTIVITÀ DI E-COMMERCE CON MARKETING AUTOMATION

Dalla comprensione dell’importanza dell’email marketing alla promozione della consapevolezza e delle vendite, oltre all’aumento di CAC e AOV, il tuo obiettivo finale è quello di utilizzare l’email marketing per aiutarti a scalare un business di e-commerce di successo. Ecco 4 modi in cui l’automazione del marketing può aiutarti a scalare la tua attività:

  1. Scala con una solida base
  2. Gestisci un elenco di email in crescita
  3. Personalizza i contenuti e accendi le promozioni
  4. Tieniti aggiornato con Analytics

SCALA CON UNA SOLIDA BASE

L’automazione in linea di principio inizia con un software per la gestione completa del processo di marketing e dei lead stessi; idealmente, i tuoi clienti dovrebbero essere assistiti in ogni fase della canalizzazione di vendita. Il software CRM (Customer Relationship Management), in gran parte scalabile nel design, è progettato proprio per questo scopo.

Uno strumento CRM consente la memorizzazione di dati personali di clienti e potenziali clienti, registra tutte le interazioni con la tua azienda e tiene traccia delle tue campagne di marketing da una posizione centrale. Di conseguenza, è più facile offrire promozioni più mirate che costruiscono relazioni migliori con i clienti.

Aiuta anche a gestire i flussi di lavoro, che possono essere attivati ​​da un sistema di avvisi e regole basato principalmente su determinate azioni (o tipi di azioni) intraprese dai clienti. Tieni presente che le funzionalità di un particolare CRM possono coprire tutte le categorie elencate ulteriormente in questo articolo, dalle campagne e-mail ai social media all’analisi.

Se stai cercando CRM generalisti all-in-one o preferisci delegare queste attività a più strumenti di automazione di nicchia, puoi essere certo che esiste un CRM per te.

Strumenti per iniziare:

GESTISCI UN ELENCO DI EMAIL IN CRESCITA

La posta elettronica rimane la spina dorsale del nutrimento di piombo per i clienti di e-commerce, ma un elenco di contatti più ampio comporta responsabilità maggiori. Pertanto, una sofisticata strategia e-mail richiederà spesso l’incorporazione di tre tipi principali di e-mail: blast, nutrimento e campagne di gocciolamento.

Mentre le esplosioni di e-mail inviano un’offerta all’intero database, le campagne di gocciolamento sono programmate strategicamente, mentre le e-mail di supporto del lead si basano su tempi e contenuti sul comportamento dei contatti. Una piattaforma di automazione della posta elettronica scalabile deve essere in grado di gestire tutto ciò, in particolare le campagne di sensibilizzazione e di gocciolamento , che sono notevolmente più efficaci.

Le caratteristiche da cercare possono includere:

  • Un sistema di pianificazione automatizzato completo
  • Oggetto e personalizzazione del corpo con informazioni di contatto
  • Modelli e-mail intuitivi ed eleganti
  • Alta capacità per l’esecuzione di più tipi di campagne contemporaneamente
  • Analisi e-mail per consentirti di misurare i risultati e migliorare continuamente le tue campagne

Inoltre, l’email marketing di maggiore complessità dovrà gestire una più ampia varietà di campagne. Esempi significativi di e-mail B2C includono benvenuto, feedback dei clienti, sconti, referral, conferme d’ordine, up-sell o cross-sell e, naturalmente, tutte le e-mail del carrello abbandonate. Il tuo client di posta elettronica dovrebbe essere uno strumento facile da usare per destreggiarti facilmente!

Strumenti per iniziare:

PERSONALIZZARE I CONTENUTI E POTENZIARE LE PROMOZIONI

L’automazione può essere il tuo migliore amico quando si tratta di distribuire contenuti personalizzati a un numero sempre crescente di clienti.

Come discusso per quanto riguarda le campagne e-mail, ciò può essere realizzato in parte attraverso una programmazione selettiva; tuttavia, la natura delle offerte e delle promozioni inviate può anche essere personalizzata per il tuo pubblico. Le e-mail, i social media e le pagine di siti / app fungono da veicoli per la trasmissione di queste informazioni.

Ad esempio, alcuni software possono inviare notifiche push e messaggi in-app sulle offerte più rilevanti per i clienti, mentre l’automazione dei social media può procurarsi argomenti di tendenza nel settore della tua azienda per i post, creare pulsanti di plug-in di condivisione dei media personalizzati e monitorare l’account dei tuoi clienti attività per vedere quali argomenti stanno affrontando di più.

È stato provato che testi, immagini e CTA personalizzati producono tassi di conversione e di coinvolgimento più elevati e possono essere tutti incorporati nelle campagne di marketing con gli strumenti giusti. In definitiva, l’automazione semplifica il processo di personalizzazione di tutto, dalla grafica alle landing page, alle newsletter e alle vendite stagionali.

Strumenti per iniziare:

TIENITI AGGIORNATO CON ANALYTICS

Secondo HubSpot , il 39% dei marketer ritiene che la loro più grande sfida sia dimostrare il ROI delle loro attività di marketing. Statistiche come questa sono la ragione per cui l’analisi automatizzata è così parte integrante della crescita di un business e-commerce: le metriche giuste possono fare la differenza per un’efficace strategia di ridimensionamento. E con la sequenza temporale più veloce del reporting eCommerce, avrai bisogno di software in grado di tenere il passo con la consegna dei dati per criteri sufficientemente avanzati.

Un uso importante dell’analisi è l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) e il tracciamento delle parole chiave; un altro è la valutazione del ROI con metriche come imbuto, conversioni, conservazione / decadimento del database, ecc. Inoltre, le funzioni di test A / B possono essere incorporate nel software di analisi per testare i contenuti in modo interattivo con i visitatori del sito Web in tempo reale.

La segmentazione del database svolge un ruolo importante nel processo, con schemi di segmentazione specifici del servizio — che segmentano i clienti in base a caratteristiche quali le loro esigenze o desideri, valore attuale e potenziale e ciclo di vita con la vostra azienda — fornendo una buona misura per molti rivenditori di e-commerce.

Per saperne di più sulla segmentazione B2C e sulla cura dei lead, consulta il nostro articolo sull’argomento qui .

Strumenti per iniziare:

 

SCELTA DEL MIGLIOR SOFTWARE DI AUTOMAZIONE DELL’EMAIL MARKETING E-COMMERCE

Investire nel giusto software di automazione può rendere il processo di ridimensionamento più economico, più efficiente e meno stressante minimizzando il lavoro manuale nelle aree chiave della vostra strategia di marketing. Il 64% degli esperti di e-commerce ha dichiarato che l’email marketing e l’automazione del marketing possono aumentare i visitatori del 37%, un coinvolgimento del 30% e una migliore conoscenza del pubblico target del 24%.

Per eseguire un’ottima strategia di email marketing, hai bisogno di una straordinaria piattaforma di automazione della posta elettronica. Quando si valutano le piattaforme di posta elettronica, porsi le seguenti domande:

  1. Sono disponibili funzionalità e componenti aggiuntivi espandibili per questo software? Esiste una varietà di piani offerti a prezzi differenziati?
  2. Il software è facile da usare per una piccola azienda inesperta? In alternativa, può supportare le esigenze di un’azienda più grande?
  3. Questo strumento di automazione della posta elettronica può gestire un elenco di posta elettronica in crescita? Quali sono i limiti e quando mi verrà addebitato?
  4. Quali sono le capacità di segmentazione, flusso di lavoro e automazione? Sarò in grado di impostare le serie di e-mail del carrello di benvenuto e abbandonate in modo relativamente semplice?
  5. Quanto sono buone le analisi? Posso misurare tutte le metriche sopra dall’interno dello strumento stesso?
  6. Come funziona con la mia piattaforma / strumento di eCommerce? C’è un’integrazione nativa … o ne ho nemmeno bisogno?

Ci sono così tanti strumenti là fuori, ma ecco un breve elenco di quelli che consigliamo di provare:

Ora che hai imparato qualcosa sull’automazione del marketing, puoi iniziare il processo di scelta della piattaforma di automazione del marketing giusta per la tua attività di e-commerce.

 

Per saperne di più, scarica la nostra guida ECommerce Marketing: introduzione a Lead Geneartion per portare la tua azienda al livello successivo!