Cerca

La differenza tra Retargeting e Remarketing

Immagina di avere la capacità di sapere, con un solo sguardo, chi è disposto ad acquistare il tuo prodotto. Saresti in grado di spingere facilmente i clienti da “Oh, stiamo solo guardando le vetrine” a “È ora di concedersi il lusso di questo prodotto!” Sarebbe l’ideale, giusto?

Ricorda quando hai visitato un sito di e-commerce e lo hai fatto scorrere ma non hai finito per comprare nulla, e poi improvvisamente Facebook ha iniziato a mostrarti annunci su quegli stessi prodotti e hai pensato tra te: “Il governo mi sta guardando ?!”

No. Loro non sono. Ma è qui che entra in gioco il concetto di retargeting e remarketing. Probabilmente hai sentito questi termini e probabilmente li stai usando in modo intercambiabile. Lascia che te lo dica subito: è sbagliato.

Questo articolo approfondirà per spiegare in che modo questi due concetti sono diversi in modo da poterli utilizzare correttamente e assicurarti di ottenere il massimo da essi.

Cos’è il retargeting?

Poiché circa il 79% delle persone abbandona il carrello degli acquisti online su un sito Web, l’obiettivo principale è convincerli a completare l’acquisto. Il problema sta nel capire chi sono queste persone che non effettuano l’acquisto sul tuo sito.

Come ci ricorda Brian Barr , ci sono molti motivi per cui un cliente potrebbe non completare il checkout:

  • Hanno ricevuto un’importante e-mail dal loro capo
  • La loro figlia di 7 anni è corsa nella tana piangendo
  • Stavano solo facendo acquisti sul telefono e volevano salvare i prodotti per dopo
  • Volevano solo verificare quanto costerebbe la spedizione
  • Sono ancora un po ‘incerti se il valore che offri vale il prezzo

La cosa buona è che molti di questi problemi possono essere superati con una piccola spinta o offrendo un valore in più, come uno sconto. Entra nel retargeting.

Aggiungendo pixel (un breve frammento di codice) al tuo sito web, sarai in grado di tracciare le azioni dell’utente attraverso i cookie inseriti nel suo browser. Ciò significa che saprai cosa ha fatto l’utente sul tuo sito web e dove trovarlo online in modo da potergli mostrare nuovi annunci personalizzati.

“Seguendoli” su Internet, ti assicuri che il tuo marchio sia visto da loro abbastanza spesso che quando sono pronti per effettuare l’acquisto, pensano a te e tornano al tuo sito. La chiave del retargeting è che i tuoi annunci sono rivolti a quei visitatori del sito web che hanno già dimostrato interesse per i tuoi prodotti , non a nuovi potenziali clienti.

Ecco come appare il retargeting :

SG - La guida definitiva al retargeting nel tuo imbuto di marketing

Approfondisci : retargeting 101: perché è essenziale per qualsiasi canalizzazione di marketing

Che cos’è il remarketing?

Sebbene entrambe queste strategie siano progettate per riportare i clienti che sono rimbalzati dal tuo sito Web dopo aver eseguito una determinata azione, il remarketing generalmente utilizza l’email anziché gli annunci.

Il remarketing comporta la raccolta delle informazioni sui visitatori del tuo sito e quindi l’invio di e-mail per convincerli a tornare al carrello degli acquisti abbandonato sul tuo sito Web e completare un acquisto.CLICCA PER TWITTAREPensa alla differenza tra retargeting e remarketing come l’invio di un venditore al centro commerciale per trovare potenziali clienti rispetto al fatto che un venditore venga a casa tua. Molti marketers e proprietari di negozi e-commerce utilizzano entrambe le strategie  che coinvolgono sia una persona che ha mostrato interesse per il prodotto, ma non ancora comprato  per i migliori risultati.

Post-Imbuto-email-statistiche-infografica

Approfondisci: come utilizzare la personalizzazione per aumentare l’impatto dell’email marketing

Perché dovresti usare il retargeting?

Molte aziende finiscono per concentrare i loro sforzi sul raggiungimento di nuovi clienti e dimenticano di coltivare le relazioni esistenti con i clienti attuali.

I clienti che hanno già visitato il tuo sito web comprendono i tuoi prodotti e il tuo obiettivo, quindi non devi creare un messaggio completamente nuovo per questo pubblico. Dal momento che hanno già familiarità con il tuo marchio, si fidano di te, il che rende più facile la comunicazione con loro.

In effetti, non è solo che ti capiscono, ma, cosa più importante, li capisci. Sai che tipo di prodotti gli piacciono, cosa non gli piace e dove si trovano nella canalizzazione di acquisto. Questo ti aiuterà a creare annunci personalizzati per queste persone che li aiuteranno a convertire meglio.

Il retargeting consente fondamentalmente di dare al cliente specifico il giusto tipo di attenzione nel modo migliore.

Imbuto di marketing

Ulteriori informazioni: come creare una canalizzazione di marketing che generi vendite (modelli inclusi)

Il retargeting cade sotto l’ombrello del remarketing

Dopo essere stati in grado di identificare quale gruppo pubblico dovrebbe essere ripetizione del bersagliamento, è inoltre necessario capire come li si dovrebbe indirizzare  in termini di quali canali utilizzano e ciò che l’annuncio dovrebbe contenere. L’intero processo è il remarketing.

Idealmente, vuoi creare questi annunci in modo tale che siano diretti e mirati al fine di convertire un pubblico di destinazione in clienti reali.

I diversi canali che puoi utilizzare per il remarketing possono essere gli annunci di Facebook, gli annunci di Google e le liste di posta elettronica. Creando contenuti interessanti, attraenti e personalizzati per il tuo pubblico, sarai in grado di attirare la loro attenzione.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Tipi di remarketing

1) Facebook Pixel Remarketing

Cos’è un pixel di Facebook? Shopify lo descrive in questo modo:

“Un pixel di Facebook è uno strumento di analisi che consiste in un codice che puoi inserire nel tuo sito web. Il pixel attiva [i cookie] per monitorare i visitatori del sito. Questi dati ti consentono di effettuare il retargeting di quegli utenti con annunci di Facebook in futuro, oltre a vedere cosa stanno facendo sul tuo sito quando tornano. “

Sarai in grado di accedere a questo pubblico e, soprattutto, ai dati su di esso tramite i segmenti di pubblico personalizzati . Quindi ora hai il potere dei segmenti di pubblico personalizzati e il potere dei dati demografici del pubblico : ottieni il meglio da entrambi i mondi per creare il targeting personalizzato perfetto.

Per fare ciò, devi aggiungere il codice pixel di Facebook al tuo sito web , che consentirà a Facebook di monitorare il tuo traffico. Quindi utilizza questi dati per realizzare le tue campagne di remarketing.

Ulteriori informazioni: 30 annunci Facebook vincenti e perché sono così efficaci

2) Remarketing sulla Rete Display di Google

Monitorando i dati dei visitatori del tuo sito web tramite Google Analytics, puoi retargetizzarli con annunci sulla Rete Display di Google :

remarketing

Ciò darà alle persone che hanno visitato il tuo sito web solo un po ‘più di una spinta mostrando loro quei prodotti che hanno lasciato sul tuo sito. Puoi abilitare Google Analytics e collegarlo al tuo sito per monitorare il comportamento del tuo pubblico e di conseguenza attirarlo attraverso annunci personalizzati.

Ulteriori informazioni: estensioni annuncio di Google: tutto ciò che devi sapere

3) Remarketing e-mail

Questo è il canale originale per il remarketing. Le aziende usavano solo questo prima dell’introduzione di Facebook e Google pixel. Tramite tutti i moduli per i lead che le persone compilano sul tuo sito web o tutte le persone che si registrano sul tuo sito di e-commerce, sei in grado di creare un ampio database di email. Con questo elenco di e-mail, puoi reindirizzare tutti i visitatori del tuo sito indipendentemente dal fatto che abbiano effettuato un acquisto o meno.

Dai un’occhiata a questo esempio. Tarte Cosmetics esegue il retargeting dell’utente sulla base di ciò che è nel carrello tramite il remarketing tramite e-mail. Il contenuto dell’email è molto interessante perché mostra che il prodotto che l’utente voleva (ma non ha acquistato) è quasi sparito. È incluso anche un invito all’azione che dice “Finisce presto”, creando un senso di urgenza.

immagine incollata 0 18

Ulteriori informazioni: Hacking dell’email marketing: 14 tattiche che funzionano [Infografica]

Perché non puoi ignorare il remarketing:

  • Il remarketing aumenta le possibilità di acquisto sul tuo sito ricordando costantemente al cliente i tuoi prodotti.
  • Consente ai clienti esistenti di effettuare acquisti ripetuti poiché puoi mostrare prodotti correlati o nuovi prodotti in base al loro comportamento di acquisto.
  • Coinvolge nuovamente i clienti che non si connettono con il tuo marchio da un po ‘.
  • Spinge i clienti più in basso nell’imbuto di vendita con offerte promozionali di prodotti che sarebbero di loro interesse.
  • Hai un maggiore controllo sul raggiungimento del tuo pubblico di destinazione, poiché hai già raccolto dati su di loro.
  • Il pubblico che stai raggiungendo è molto più preciso ed esatto. Vuoi raggiungere persone che hanno una reale possibilità di eseguire azioni sul tuo sito web.
Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Come ottenere il massimo dalla tua strategia di remarketing

1) Usa personalizzazione

La parte migliore del retargeting sono le informazioni che hai sul tuo pubblico, che non sono disponibili attraverso la folle quantità di buyer personas che si creano.

Sappiamo esattamente cosa sta cercando il potenziale acquirente e questa è una miniera d’oro per la comunicazione che puoi utilizzare. Puoi creare contenuti che coinvolgano direttamente il cliente. Tieni presente che il 25% dei consumatori apprezza gli annunci con retargeting comportamentale perché gli ricordano i prodotti che hanno visualizzato in precedenza e il 78% degli utenti afferma che i contenuti personali rilevanti dei marchi aumentano il loro intento di acquisto.

In questo esempio, la società Nykaa ricorda al cliente che ha già fatto acquisti con Nykaa mostrando prodotti nuovi e preferiti con la frase “rifornisci i tuoi preferiti di tutti i tempi”:

immagine incollata 0 17

Inoltre, puoi utilizzare le righe dell’oggetto dell’email come “Ci sei mancato” o “Dove sei stato?” per i clienti che non interagiscono con il tuo marchio da tempo.

Approfondisci: la guida completa per iniziare con la personalizzazione del sito web

2) Offrire sconti e altre promozioni

Un aspetto importante del remarketing è includere un’offerta promozionale che costringerà il cliente ad agire. Offerte come la spedizione gratuita, sconti e “paghi uno prendi uno gratis” sono tattiche che attireranno la loro attenzione.

Come accennato in precedenza, alcuni dei motivi per cui una persona potrebbe abbandonare un carrello della spesa potrebbero essere che stavano confrontando i prezzi o volevano calcolare il costo della spedizione. Quindi uno sconto sui prodotti o la spedizione gratuita tramite un promemoria via e-mail potrebbe essere la cosa giusta per convertire un potenziale cliente incerto in un cliente reale.

3) Sfrutta i tuoi migliori contenuti

Il content marketing è l’ultimo contributore per spingere un utente più in basso nel funnel di vendita. Quando il contenuto di un marchio è coinvolgente e offre qualcosa di valore, le strategie di remarketing avranno automaticamente successo.

Con i dati che hai raccolto dai visitatori del tuo sito, puoi creare contenuti specifici che attirano persone specifiche in ogni fase del tuo funnel di marketing. Di seguito sono riportati diversi esempi di contenuti ideali per ciascuna delle quattro fasi :

Fase 1: attrarre

  • Annunci
  • Pagine di destinazione
  • Sito web
  • Video (spiegazione o demo del prodotto)
  • infografica
  • Comode liste di controllo

Fase 2: conversione

  • Social media
  • Post del blog (come Tos o Guide)
  • White paper / e-book
  • Casi studio
  • Webinar

Fase 3: chiusura

  • Valutazioni e recensioni
  • questionari
  • Autovalutazioni
  • Le e-mail

Fase 4: delizia

  • indagini
  • Offerte speciali
  • Concorsi e omaggi
  • Le e-mail
  • Social media
  • I post del blog
  • White paper / e-book

Approfondisci: come scegliere il contenuto giusto per ogni fase dell’imbuto di marketing

Questi annunci sono davvero inquietanti?

Una semplice risposta a questa domanda è no. Secondo le statistiche :

  • Il 25% delle persone gradisce vedere gli annunci di retargeting
  • Gli annunci di retargeting hanno il 76% di probabilità in più di ottenere clic rispetto ai normali annunci display.
  • La percentuale di clic (CTR) di un annuncio con retargeting è 10 volte superiore al CTR di un tipico annuncio display.
  • Mentre gli annunci display guadagnano circa lo 0,07% di CTR, gli annunci con retargeting arrivano allo 0,7% circa.

È chiaro che gli utenti adorano ricevere questi cosiddetti annunci inquietanti.

Tieni presente che, se fatto bene , il remarketing non è inquietante. Se non sembri una frode e crei strategicamente la comunicazione giusta, potresti aiutare il tuo pubblico ricordando loro che il tuo marchio esiste e che i tuoi prodotti possono aiutarli.

Uno dei principali aspetti positivi di questi tipi di annunci è che ti dà la possibilità di migliorare le tue offerte personalizzando la tua comunicazione con i tuoi clienti e fornendo migliori offerte promozionali. Questo sarà un grande contributo nell’aiutare il pubblico a convertirsi.

Case Study: Airbnb

Una delle migliori industrie per il retargeting è il turismo e Airbnb è la più grande storia di successo. Usano sia Facebook che gli annunci display di Google per reindirizzare il loro pubblico che ha cercato “alloggi in famiglia” in una città specifica. Su Facebook, eseguono quante più campagne di remarketing dinamico possibile:

immagine incollata 0 16

Tracciando ciò che gli utenti hanno cercato sul loro sito web, effettuano il retargeting per le stesse città. Ciò che questo ha permesso ad Airbnb in una settimana è stato:

  • Aumento di 3 volte del ritorno sulla spesa pubblicitaria rispetto alla campagna precedente
  • 238 milioni di persone raggiunte in tutto il mondo
  • Costo per acquisizione ridotto del 47%

Letture consigliate: analisi di 1 milione di backlink: Airbnb

Suggerimenti per il retargeting e il remarketing

1) Comunicare con il pubblico in modo appropriato

Che tu stia mirando a potenziali clienti o clienti attuali, non sopraffarli con troppi annunci. Comprendi che si irriteranno vedendo lo stesso annuncio ancora e ancora.

A meno che tu non abbia una strategia adeguata per quanto riguarda il numero di volte in cui desideri mostrare loro lo stesso annuncio, il tuo processo di remarketing non funzionerà e sovraccaricherai il pubblico con gli stessi fastidiosi annunci. Ciò rovinerà le tue possibilità di convincerli a convertirsi.

2) Comprendi il tuo pubblico

Se non capisci con quale tipo di clienti stai parlando, potresti ricevere il messaggio sbagliato. Supponiamo che tu stia effettuando il remarketing per persone che non hanno effettuato un acquisto sul tuo sito web con annunci che dicono “Fai un altro acquisto”. Questo può andare terribilmente storto e rendere il tuo pubblico completamente disinteressato a interagire con il tuo marchio.

Questo è il motivo per cui è importante analizzare i dati raccolti e segmentare ulteriormente questo elenco in modo da poter inviare il messaggio corretto al potenziale cliente corretto.

3) Prova diversi annunci

Un utente vede centinaia o migliaia di post e annunci al giorno sui feed dei social media, nelle caselle di posta in arrivo e in tutto il Web. Chiaramente, la concorrenza è alta, quindi il tuo lavoro come marketer è distinguerti dalla massa e creare contenuti accattivanti che attirino il tuo pubblico.

Se non vedi il tipo di conversioni che desideri, esplora il tipo di annunci che funzionano meglio con il pubblico a cui ti rivolgi con il test A / B.

Approfondisci: come eseguire test A / B che aumentano effettivamente le conversioni

4) Avere un obiettivo chiaro

Devi assicurarti di essere chiaro su quale azione vuoi che il tuo pubblico esegua dopo aver fatto clic sui tuoi annunci. Se si sta registrando o acquistando un prodotto, è necessario creare il giusto invito all’azione e avere la giusta comunicazione per questo risultato. Se un visitatore arriva alla pagina di destinazione del tuo annuncio e non sa cosa stai offrendo o come procedere per acquistarlo o saperne di più, hai incasinato una grande opportunità.

Questa pagina di destinazione da Uber in modo molto chiaro e conciso spiega la loro offerta – guadagnare denaro sul  vostro  calendario, guidare quando  si  desidera, e guadagnare quello che  si  ha bisogno (e una CTA che dice “Registrati adesso”):

uber-landing-page

Approfondisci: la guida definitiva alla creazione di una pagina di destinazione ad alta conversione nel 2019

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Il remarketing e il retargeting sono essenziali per il successo

In poche parole, la differenza tra retargeting e remarketing è l’approccio: il retargeting implica la visualizzazione di annunci tramite i cookie del browser ai potenziali clienti e il remarketing implica la raccolta di informazioni sui potenziali clienti e l’invio di e-mail di vendita. L’obiettivo di entrambi gli approcci è convincere il potenziale cliente a convertirsi.

Con un numero sempre maggiore di consumatori online con accesso a informazioni e prodotti quasi illimitati, il retargeting e il remarketing sono diventati importanti per tutti i marchi. Queste tattiche ti consentono di posizionare il tuo marchio nella mente dell’utente ed è uno dei modi più semplici per diffondere la consapevolezza del marchio.

Sebbene retargeting e remarketing non siano esattamente la stessa cosa, vanno di pari passo. È parte integrante di una buona strategia di marketing digitale attuare entrambe le strategie, poiché è così che promuoverai e coltiverai le relazioni con il tuo pubblico , che si tratti di potenziali clienti o clienti già convertiti.

Open

info@ibdi.it

Close