Cerca

In che modo le recensioni negative dei dipendenti danneggiano il tuo marchio di datore di lavoro e come fermarle

 

recensioni negative datore di lavoro brand

Amiamo parlare di noi stessi e della nostra vita: le cose che mangiamo, vediamo, amiamo e soprattutto ciò che odiamo. Osserviamo ciò che guardano gli altri, evitiamo ciò che non piace agli altri, individuiamo le tendenze, impariamo un nuovo gergo e vediamo il mondo con occhi nuovi. Niente è troppo banale o sublime da pubblicare, da come il barista ha sbagliato a scrivere il nostro nome al cocktail decadente che sembra un’esplosione di antipasti con tutte le sue propaggini.

Pubblicare una recensione brillante è piacevole. Ci sentiamo come se stessimo aiutando a supportare un’azienda o un prodotto che amiamo. Pubblicare una recensione feroce forse si sente ancora meglio. Che tu lo chiami schadenfreude o semplicemente dessert, è incoraggiante trasmettere un’esperienza negativa in un forum pubblico. E il potere è reale: Go Fish Digital ha scoperto in un recente sondaggio che oltre il 67 percento delle decisioni di acquisto degli intervistati è stato influenzato dalle recensioni online.

E proprio come i parrucchieri non possono permettersi di ignorare le recensioni di Yelp, i datori di lavoro non possono permettersi di ignorare le recensioni di Glassdoor. Software Advice ha rilevato in un sondaggio che il 48 percento degli intervistati aveva utilizzato Glassdoor ad un certo punto nella ricerca di lavoro. Mentre il 40% degli intervistati ha affermato che avrebbe fatto domanda per un’azienda purché avesse una stella, un terzo delle persone in cerca di lavoro ha affermato che un’azienda aveva bisogno di almeno tre stelle per candidarsi.

E Glassdoor non è l’unica opzione a disposizione dei dipendenti quando si tratta di forum per la trasmissione di rimostranze. Facebook, Twitter, Medium, LinkedIn, In effetti, i blog: praticamente ovunque qualcuno possa pubblicare su Internet è un gioco leale. Mentre alcune persone pubblicano commenti positivi sulla loro esperienza lavorativa, sono le sfortunate recensioni negative che catturano l’attenzione, a volte diventano virali e possono influenzare i profitti.

La maggior parte delle persone diffama i propri datori di lavoro con relativa immunità e, poiché la tendenza continua, le aziende non riescono a proteggere il proprio marchio e la propria reputazione. Attrarre talenti in un’azienda i cui ex sono così arrabbiati da sentire il bisogno di sfogarsi online può essere una battaglia in salita. E in un mercato del lavoro competitivo, i migliori talenti sono fondamentali.

L’impatto delle recensioni negative

Un sondaggio di Bayt.com ha rilevato che il 76% dei professionisti ricerca un’azienda online prima di considerare un’opportunità di lavoro. Un sondaggio di Indeed mostra che è probabile che l’ 83% delle persone in cerca di lavoro basi la propria decisione su dove candidarsi sulle recensioni dell’azienda e che il 46% peserà pesantemente la reputazione di un’azienda prima di accettare un’offerta di lavoro. Se la tua presenza online mostra uno schema di feedback negativo, i candidati passano rapidamente all’offerta successiva. Perché saltare nella padella di qualcun altro?

Molti siti consentono alle aziende di rispondere alle recensioni negative e persino di fare ammenda per un servizio scadente. Ma se la tua azienda viene attaccata da un ex dipendente, dovrai pensarci due volte prima di rispondere. Difendersi con “Dan è stato licenziato per aver dormito sul lavoro” potrebbe metterti nei guai. Pubblicare i dettagli del file del personale privato di un ex dipendente è un grande no-no. A seconda delle leggi locali o della natura del problema, potresti violare il loro diritto alla privacy o divulgare informazioni protette.

Anche se rientri nei tuoi diritti, l’impatto sui potenziali dipendenti potrebbe essere dannoso. Non vuoi sembrare meschino e sulla difensiva, ma anche scegliere di non rispondere può avere effetti dannosi.

Diffamazione o legale?

In qualità di datore di lavoro, tieni presente che il ricorso legale per le recensioni negative è alquanto limitato. Le politiche odierne sui social media possono aiutare a scoraggiare la pratica del dissing mentre un membro dello staff è impiegato con te, ma solo in una certa misura. I tribunali hanno stabilito che lamentarsi della propria azienda nel tentativo di migliorare le condizioni di lavoro per se stessi e/o per gli altri è un discorso protetto (anche online).

Il National Labor Relations Board ha presentato reclami e vinto quando i dipendenti pubblicano post online e persino sollecitano commenti da altri su condizioni di lavoro scadenti. Se i dipendenti diventano personali, inveiscono o si lamentano di essere stati scelti per un trattamento ingiusto, quel discorso non è consentito. Ma qui le acque sono fangose, quindi il datore di lavoro fa attenzione.

Cosa puoi fare per fermare i commenti tossici? Far sapere ai dipendenti che una condizione per l’impiego è che non ti insultano pubblicamente può essere complicato e deve rimanere dalla parte buona delle normative NLRB. Ma una tale politica è più facile da applicare quando i dipendenti sono ancora in servizio. Una volta che se ne sono andati, hai poco controllo sul loro comportamento. L’approccio migliore è rallentare questa tendenza prima che colpisca il ventilatore.

Protezione proattiva

Le aziende non solo devono essere rapide nell’affrontare i post dannosi, ma in primo luogo proattive nell’impedire che si verifichino. Ecco alcuni passaggi da eseguire:

  • Imposta avvisi che ti avvisano quando la tua azienda viene menzionata in un post o sui social media.
  • Chiedi ai dipendenti di informare le risorse umane se vengono a conoscenza di post di dipendenti che potrebbero avere un impatto negativo sull’azienda.
  • Se trovi un post negativo e puoi identificare il dipendente, chiamalo e chiedi che affronti le sue preoccupazioni attraverso canali interni anziché online. Chiedi gentilmente che lo tolgano e non discutino i meriti del post.
  • Se si tratta di un dipendente attuale, questo può essere più facile da realizzare. Se non lo sono, fai appello al loro senso di equità: fai sapere loro che questi commenti stanno influenzando i loro ex colleghi e chiedi che il post venga rimosso.
  • Se non funziona, chiedi a un collega all’interno dell’azienda di fare un altro ricorso. Danneggiare l'”uomo” è una cosa, sapere che stai influenzando negativamente gli amici è un’altra.
  • Se il post rimane aggiornato e i commenti sono dannosi, prendi in considerazione un’azione legale. Potrebbe essere emesso un ordine di cessazione e desistere, a seconda della natura del posto. Dovrai consultare un consulente per questo passaggio.
  • Per commenti particolarmente sgradevoli o diventati virali, considera la possibilità di rilasciare una dichiarazione. Non affrontare le condizioni di lavoro dell’individuo, ma affrontare e confutare le questioni sollevate dal post.

Metti in atto una politica

Prendi in considerazione la creazione di una politica di “protezione del marchio”, che affronti i social media e le linee guida di non disprezzo. Questa potrebbe non essere la mossa giusta per ogni posto di lavoro, a seconda della tua cultura. Ma se stai pensando di aggiornare una politica attuale o di crearne una nuova, dovrebbe essere formulata in questo modo:

Nell’interesse della cortesia professionale e del rispetto reciproco, ci si aspetta che i dipendenti affrontino le preoccupazioni relative al lavoro, ai colleghi e alle condizioni di lavoro attraverso i canali appropriati: supervisione, direzione e/o risorse umane. La pubblicazione di dubbi o reclami su Internet o sui social media è controproducente e non risolve i dubbi legittimi sulle condizioni di lavoro.

La pubblicazione di reclami, preoccupazioni o pratiche o politiche aziendali attraverso i social media durante il lavoro potrebbe comportare azioni disciplinari fino al licenziamento, a seconda del livello dell’infrazione. Sebbene il diritto di modificare le condizioni di lavoro sia un discorso protetto, la natura dei commenti sarà esaminata caso per caso per determinare se si è verificata un’infrazione.

I dipendenti che lasciano l’azienda sono invitati a discutere di eventuali problemi che hanno portato alla loro separazione attraverso il processo di colloquio di uscita, piuttosto che online, sui social media o siti Web di terze parti in modo che possano essere affrontati dal personale dirigente appropriato.

I reclami online attuali e successivi al rapporto di lavoro comporteranno un addendum alla politica di controllo delle referenze. Le referenze rifletteranno il comportamento online di un membro del personale nei confronti dei futuri datori di lavoro.

Certo, non vuoi entrare in una guerra su Twitter con un ex. Tuttavia, avvisare che si è disposti a informare future referenze sul loro comportamento, anche dopo che non erano più sul libro paga, è una risposta equa al problema. Se non avessero voluto che i futuri datori di lavoro sapessero di essere impegnati in questa attività, non l’avrebbero pubblicata su Internet. E, poiché è ampiamente disponibile, il tuo ricorso per segnalarlo a potenziali datori di lavoro non dovrebbe violare i loro diritti in alcun modo.

Pensieri finali

I dipendenti intelligenti capiranno che i post negativi non si limitano a riflettere male sulle aziende, ma possono anche riflettersi male su di loro. Stacey Gawronski osserva su The Museche la decisione di un dipendente di lamentarsi con Medium del proprio lavoro presso Yelp non è stata saggia. Non solo l’ha fatta licenziare, ma “scegliendo di pubblicare, probabilmente le ha reso ancora più difficile andare avanti e ottenere l’aumento di stipendio che stava cercando”.

Nel suo sondaggio annuale sul reclutamento sui social media, il 34% dei responsabili delle assunzioni e delle risorse umane ha risposto che parlare male di ex aziende o dipendenti era un importante punto di svolta del candidato, anche superiore alle scarse capacità comunicative (30 percento) e ai commenti discriminatori (29 percento). È probabile che questo atteggiamento cresca, quindi avvisare i membri del personale della possibilità è nel tuo interesse, è anche nel loro.

Se sei chiamato per un riferimento per un ex dipendente che ti ha criticato pubblicamente, offri solo che il dipendente si è impegnato in commenti su Internet. Non discutere in alcun modo della natura dei post. Lascia al nuovo datore di lavoro la ricerca e la determinazione del contenuto.

Non è solo un tuo diritto, ma anche una tua responsabilità proteggere la reputazione della tua azienda. Offri al personale degli sbocchi ragionevoli per discutere di eventuali problemi che incontrano, ma se non lo fanno, ci sono modi per proteggere il marchio del tuo datore di lavoro da questa sfortunata nuova pratica.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close