Cerca

Impara la SEO nel 2020: La guida per principianti che anche tua nonna potrebbe capire

Capitolo 1

Nozioni di base SEO

Prima di approfondire tecniche e aspetti specifici su come apprendere il SEO nel 2020, iniziamo dalle cose di base nel primo capitolo. Siete pronti? Benvenuto nella guida SEO definitiva per principianti!

Sei nuovo di SEO? Ti chiedi come funziona e cosa conta di più nel 2020? Sei nel posto giusto!

Che cos’è il SEO?

L’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) è un processo di miglioramento delle posizioni nei risultati di ricerca organici (non pagati) nei motori di ricerca. Più è alto il sito Web, più le persone lo vedono.

La storia della SEO risale agli anni ’90 quando i motori di ricerca sono emersi per la prima volta. Oggi è una strategia di marketing essenziale e un settore in continua crescita.

Risultati organici di Google

Se vuoi imparare il SEO, dovresti essere pronto per un sacco di lavoro creativo, tecnico e analitico. Esistono molte tecniche con obiettivi diversi, tuttavia il punto principale rimarrà lo stesso: essere tra i risultati più alti nelle ricerche organiche.

Detto in parole povere, la SEO si basa sulla gestione del sito Web giusto per le persone giuste.

Non si tratta solo di una struttura perfetta o di un background tecnico del sito Web. Il tuo sito Web deve essere pieno di contenuti di qualità e ben ottimizzati su misura per le esigenze del tuo pubblico. E, naturalmente, deve essere abbastanza buono per essere collegato da altri siti Web.

SEO è difficile?

Motori di ricerca come Google, Bing, Yahoo! e altri indicizzano i siti Web per creare un ordine basato su vari algoritmi di classificazione. Possiamo identificare questi algoritmi? Sì e no.

Google utilizza più di 200 fattori di classifica. Sebbene ne conosciamo molti: contenuti di qualità, backlink o aspetti tecnici come la velocità del sito, molti di essi sono tenuti segreti.

Naturalmente, non è necessario conoscere tutti i fattori per classificare con il tuo sito Web. Per capire di cosa si tratta SEO, immagina una scodella di zuppa. Vi sono tre aspetti importanti:

  1. La ciotola rappresenta le cose tecniche  dietro al sito web ( SEO tecnico e on-page ) – senza una ciotola adeguata, la zuppa si riverserebbe su tutto il tavolo.
  2. La zuppa rappresenta il contenuto del tuo sito Web – è la parte più importante. Cattivo contenuto = nessuna classifica , è così semplice.
  3. Il condimento rappresenta i backlink di qualità che aumentano l’autorità del tuo sito Web: l’ultimo ingrediente per rendere perfetta la tua zuppa SEO.
Zuppa SEO

I motori di ricerca vengono utilizzati dagli utenti di Internet quando cercano qualcosa. E tu vuoi essere quel “qualcosa. Non importa se vendi un prodotto, un servizio, scrivi un blog o qualsiasi altra cosa, l’ottimizzazione dei motori di ricerca è un must.

Il tuo sito web deve essere indicizzato dai motori di ricerca. Altrimenti, ti sei perso.

Le sagge attività SEO migliorano le tue classifiche nella pagina dei risultati dei motori di ricerca (SERP). Classifiche più alte significano traffico più elevato. Se il traffico è attivo, porterà conversioni.

Per riassumere, se hai intenzione di avere successo con il tuo sito web, devi fare SEO. Alcuni aspetti sono più complicati, ma molto spesso il successo SEO si basa sul buon senso e su alcune migliori pratiche.

Come posso imparare il SEO? Ho bisogno dell’aiuto di qualcuno?

Anche le modifiche di base possono fare una grande differenza nel modo in cui i motori di ricerca vedono il tuo sito web. In questa guida SEO definitiva per principianti, tratteremo tutti gli argomenti critici e le basi SEO. Acquisirai abbastanza conoscenze per procedere con il SEO da solo.

Se ti chiedi come imparare il SEO nel 2020, abbiamo una risposta semplice per te: You’ll need a lot of study and practice. The good thing is that you’ll find tons of information on the internet for free (including this SEO guide) but you should choose wisely. On top of that, you can attend various courses, classes or webinars.

Vuoi imparare dai migliori sul campo? Consulta i  suggerimenti SEO per i nostri 30 esperti SEO.

Se non vuoi disturbarti così tanto o non hai tempo, puoi chiedere aiuto a consulenti, specialisti o agenzie SEO. Tieni presente che in questo modo non sarà gratuito rispetto a questa guida.

Vocabolario dei termini di base

  • SEO on-page vs. off-page
  • Cappello bianco contro cappello nero contro cappello grigio SEO

SEO on-page vs. off-page

Fare SEO on-page (on-site) significa ottimizzare il tuo sito Web per influire sui risultati di ricerca organici. È tutto ciò che puoi fare sul sito Web, dall’ottimizzazione dei contenuti agli aspetti tecnici:

  • meta tags
  • intestazioni
  • Struttura URL
  • ottimizzazione delle immagini
  • soddisfare
  • dati strutturati
  • dimensioni e velocità del sito web

… e molti altri. Ci occupiamo di loro nel terzo capitolo.

La SEO off-page (off-site) copre tutte le attività che è possibile eseguire per migliorare l’autorità SEO del sito Web tramite il recupero di backlink da altri siti Web. Esistono molti modi per ottenerli:

  • sensibilizzazione via email
  • blog degli ospiti
  • osservazioni
  • sforzi sui social media
  • cooperazione con influencer
  • scrivendo contenuti di valore, così le persone vorrebbero collegarsi al tuo sito web

… e molti altri che sono trattati nel sesto capitolo .

Cappello bianco contro cappello nero contro cappello grigio SEO

I cappelli neri contro i cappelli bianchi hanno la loro origine nei film occidentali. È come i cattivi contro i bravi ragazzi. Ma non prendere queste parole troppo sul serio. Le opinioni su entrambi gli approcci SEO tendono a differire.

SEO black hat vs white hat

Black hat SEO è un insieme di pratiche non etiche per migliorare il posizionamento di un sito Web nella pagina dei risultati dei motori di ricerca. Sono progettati per influenzare i motori di ricerca senza prendere in considerazione il fattore umano.

La SEO black hat ti porterà in cima alla SERP in breve tempo, tuttavia, i motori di ricerca molto probabilmente penalizzeranno e bandiranno il sito Web prima o poi.

Gli elenchi delle pratiche di violazione sono disponibili nelle Linee guida per i webmaster di Google o nelle Linee guida per i webmaster di Bing.

Il cappello bianco SEO è un insieme di tecniche etiche che rispettano le linee guida e le regole. Le parti di base del cappello bianco SEO sono:

  • qualità e contenuti pertinenti
  • ottimizzazione generale del sito web
  • costruendo collegamenti

SEO white hat è una strategia a lungo termine orientata a migliorare l’esperienza dell’utente. In generale, essere un bravo ragazzo nel mondo della SEO è considerato la giusta direzione.

C’è anche un termine chiamato SEO cappello grigio , una pratica in cui potresti rischiare di meno rispetto alle tecniche del cappello nero. Le tecniche di cappello grigio non sono chiaramente definite da Google, quindi puoi guadagnare migliaia di utenti del sito Web senza essere penalizzato o perso tutte le tue classifiche il giorno dopo.

In generale, non vuoi rendere Google tuo nemico.

capitolo 2

Motori di ricerca

Nel secondo capitolo di questa guida SEO, imparerai come funzionano i motori di ricerca, come le persone li usano e che tipo di query di ricerca inviano. Daremo uno sguardo al background tecnico dietro Google.

Diamo un’occhiata più da vicino ai motori di ricerca e quali sono i fattori di classifica più tipici su cui dovresti concentrarti.

Come funzionano i motori di ricerca

I motori di ricerca sono composti da tre ingredienti principali:

  1. crawling
  2. indicizzazione
  3. Scegli i risultati

Il processo procede in questo modo:

schema di scansione e indicizzazione

crawling

Scansionare o spidering significa scansionare il sito Web, le sue sezioni, il contenuto, le parole chiave, i titoli, i collegamenti ipertestuali, le immagini di migliaia di piccoli robot. Tutti i dati che possono essere trovati sul sito Web vengono sottoposti a scansione.

I crawler rilevano tutti i collegamenti ipertestuali su un sito Web che puntano ad altri siti Web. Quindi analizzano ripetutamente quelle pagine per nuovi collegamenti. I bot eseguono regolarmente la scansione di Internet per aggiornare i dati.

indicizzazione

Una volta eseguita la scansione del sito Web, viene eseguita l’indicizzazione. Immagina l’  indice come un gigantesco catalogo o una biblioteca piena di siti Web da tutto il mondo. Di solito ci vuole un po ‘di tempo prima che un sito web venga indicizzato. Dalla nostra esperienza, dura da 1 a 10 giorni.

Suggerimento professionale: puoi controllare quali pagine del tuo sito web sono già state indicizzate utilizzando questo operatore di ricerca: sito: dominio.com

Inoltre, ogni volta che viene cambiato, il nostro buon amico crawler lo scansiona di nuovo. Tieni presente che fino a quando gli aggiornamenti sul sito Web non vengono indicizzati, non saranno visibili nei motori di ricerca.

Scegli i risultati

I risultati sono fondamentali sia per gli sviluppatori che per gli utenti. Una volta che l’utente di Internet invia una query di ricerca, il motore di ricerca scava nell’indice ed estrae i risultati corrispondenti. È un processo di controllo della query rispetto a miliardi di siti Web basato su vari algoritmi.

Le aziende che gestiscono motori di ricerca (Google, Microsoft, Yahoo!) mantengono segreti i calcoli esatti dei loro algoritmi. Tuttavia, molti fattori di classificazione sono ben noti.

Fattori di classifica

La maggior parte di questi fattori sono comprovati, ma alcuni sono solo speculazioni o persino miti. Inoltre, alcuni sono più importanti di altri. Cyrus Sheppard di Zyppy ha fatto una bella lista di fattori di ranking di Google .

Non devi conoscere a memoria tutti i fattori di classifica a memoria per imparare il SEO, ma è bene avere almeno una panoramica di base.

Fattori di posizionamento SEO

Uno dei fattori più importanti, il profilo di backlink si basa sul numero e sulla qualità dei backlink che conducono a un sito Web. È una visione molto semplificata dell’approssimazione di Google dell’autorità del sito Web. Ogni backlink è sostanzialmente un’analogia di una citazione accademica.

Alcuni altri importanti fattori di classificazione includono (in nessun ordine particolare):

  • uso di parole chiave e frasi pertinenti
  • HTTPS
  • pertinenza del collegamento
  • grammatica e ortografia
  • autorità topica
  • condivisione sociale
  • età del dominio
  • AMP
  • impaginazione

I fattori di classifica possono essere suddivisi in fattori SEO on-page (incluso SEO tecnico) e fattori di link building o SEO off-page.

Suggerimento rapido: controlla l’autorità di dominio del tuo o di qualsiasi altro sito Web per trovare i suoi punti di forza e di debolezza.

Come le persone usano i motori di ricerca

Ricapitolando: il punto principale della SEO è essere amichevoli sia con gli utenti che con i motori di ricerca. Se investi tutto il tuo tempo e denaro in un SEO tecnico perfetto, va bene. Ma se l’interazione dell’utente è scarsa, le tue posizioni possono risentirne. Ed è così che inizi a sprecare soldi. Il punto di vista dell’utente è una priorità numero uno.

L’immagine seguente rappresenta uno dei percorsi più comuni degli utenti nella Ricerca Google:

come le persone usano i motori di ricerca

Le interazioni con i motori di ricerca si sono evolute nel corso degli anni. Tuttavia, il principio rimane lo stesso:

  1. Necessità di una soluzione, informazioni o una risposta
  2. Digitando la necessità sotto forma di query (parola chiave) nel motore di ricerca
  3. Passando attraverso i primi risultati
  4. Facendo clic su uno o più risultati (siti Web)
  5. Scansione di siti Web per la risposta
  6. Esaminando più risultati sulla 1a SERP e / o modificando la query di ricerca, se la risposta non viene trovata.

Quota di mercato dei motori di ricerca

Nelle tabelle sottostanti puoi vedere quali motori di ricerca le persone usano di più. I dati provengono dai rapporti di Netmarketshare .

Quota di mercato dei motori di ricerca desktop e mobile 2018-2019

Scopri di più sui motori di ricerca più popolari e sulla loro storia .

Come classifichiamo le query di ricerca?

Esistono tre tipi di query di ricerca:

  1. Query di ricerca della navigazione
  2. Query di ricerca informativa
  3. Query di ricerca transazionali

Query di ricerca della navigazione

Rappresentano l’intenzione di cercare un marchio o un sito Web particolare. Le persone tendono a digitare “youtube” o “google” nei motori di ricerca anziché utilizzare la cronologia o i segnalibri del browser.

Sulla base del nostro caso di studio in cui abbiamo analizzato 1,6 miliardi di parole chiave, marchi come YouTube, Facebook e Google raggiungono i volumi di ricerca più elevati insieme ad altre query di ricerca di navigazione.

Query di ricerca informativa

Questi vengono inviati quando gli utenti cercano informazioni. Non stanno cercando un sito Web particolare, ma una risposta o una guida su come fare qualcosa. Ad esempio, “Come cuocere la pizza”.

Query di ricerca transazionali

Questo tipo è intenzione di effettuare una transazione. Di solito viene fornito con un nome di prodotto (Nike Airmax) o categoria (scarpe da ginnastica). Inoltre, può essere scritto con “Dove acquistare …” , “… prezzo” o in modo simile.

Esistono molti post di blog su come indirizzare una determinata query di ricerca. Tuttavia, potrebbe non essere così facile in futuro a causa della crescente popolarità degli assistenti vocali  come Siri, Google Now o Alexa.

Le query di ricerca informativa possono rapidamente trasformarsi in transazionali aprendo una nuova app o offrendo un’opzione per effettuare un acquisto.

Aggiornamenti SERP

Essere sulla prima pagina dei risultati di ricerca organici è buono, segnare i primi tre è fantastico ma c’è un solo vincitore, giusto? O è? È una questione di prospettiva.

I siti Web in tutto il mondo vengono aggiornati su base giornaliera, settimanale o mensile, … ok, alcuni non lo sono, ma questo è un caso diverso. Il fatto è che Internet cresce ogni singolo giorno. Quando nuovi siti Web e modifiche vengono indicizzati da un motore di ricerca, i risultati organici potrebbero cambiare.

Un altro fattore molto importante è l’ algoritmo di Google che cambia continuamente. Piccole modifiche potrebbero non causare nulla, ma un importante aggiornamento dell’algoritmo può finire come un terremoto.

Suggerimento professionale: iscriviti al nostro tracker di volatilità SERP per rimanere aggiornato in caso di modifiche all’algoritmo.

Schermata Aggiornamento volatilità SERP

Quello che stiamo cercando di dire è che anche se sei il vincitore, le tue posizioni possono (e probabilmente lo saranno) essere sostituite dai concorrenti l’altro giorno e viceversa.

Nella tabella seguente, puoi vedere l’importanza delle classifiche più alte in Google a seconda della loro distribuzione organica della percentuale di clic (CTR) per maggio 2019 (in base ai dati di Advanced Web Ranking ).

Risultati della ricerca organica CTR studio 2019

Funzionalità SERP

Certo, classificare per primi è importante, ma oggigiorno bisogna prendere in considerazione la cosiddetta “posizione zero”.

Diamo un’occhiata ai risultati della query di ricerca “Come cuocere le patate”. Il primo risultato è uno snippet in primo piano di Google con tutte o le informazioni più importanti, quindi non è necessario controllare gli altri risultati.

Google ha mostrato un esempio di frammento
ULTERIORI LETTURE

28 rich snippet di Google che dovresti conoscere nel 2020 [guida + infografica]

Esistono molte funzionalità SERP (chiamate anche rich snippet). Perché dovresti preoccuparti di loro? I rich snippet influenzano il comportamento degli utenti quando vedono la SERP. In altre parole, i risultati di ricerca organici generici possono avere e in molti casi hanno percentuali di clic (CTR) inferiori.

È perché le funzionalità SERP hanno un maggiore impatto visivo e spesso forniscono informazioni sufficienti in modo che gli utenti della Ricerca Google non debbano fare clic su altri risultati o facciano clic solo sui risultati in primo piano.

Questi sono alcuni dei rich snippet più comuni che vedrai nella SERP:

  • Snippet in primo piano
  • Casella di risposta
  • Carosello (immagini, video, prodotti)
  • Pacchetto di immagini
  • Pacchetto mappe
  • Funzioni sponsorizzate (annunci Google, voli, acquisti su Google)
  • Grafico della conoscenza
  • Le migliori storie
  • eventi
  • sitelink

La cosa buona è che ci sono modi per individuare e analizzare l’impatto di questi risultati migliorati. Ad esempio, SERPChecker farà il lavoro.

Basta digitare la parola chiave, selezionare la posizione e il tipo di dispositivo. Questo strumento ti mostrerà i risultati della ricerca e le funzionalità SERP se ce ne sono. Stima l’impatto su una scala da 0 a 5.

Per saperne di più, fai clic sulla funzione. È inoltre possibile visualizzare l’aspetto effettivo della SERP se si fa clic su “Anteprima snapshot”.

Analizza le funzionalità SERP

capitolo 3

SEO on-page e tecnico

La SEO on-page include un elenco di controllo piuttosto lungo di attività da svolgere. Qualche anno fa, si trattava principalmente di meta tag, contenuti e titoli ottimizzati. Se vuoi imparare la SEO nel 2020 ti divertirai molto di più con le cose sulla pagina. Immergiamoci.

Gli algoritmi dei motori di ricerca hanno fatto molta strada e sono diventati più sofisticati dai tempi in cui contenuti, titoli e descrizioni pieni di parole chiave erano sufficienti per raggiungere un posizionamento elevato nei risultati di ricerca.

Se vuoi imparare il SEO, non puoi rimanere bloccato in passato. Uno dei maggiori miglioramenti dei motori di ricerca è che considerano il fattore umano, in altre parole, il coinvolgimento degli utenti.

Non dimenticare che il SEO si rivolge a persone reali, non solo ai motori di ricerca.

Meta tags

I meta tag fanno parte del codice HTML. Descrivono il contenuto del sito Web. I più importanti sono meta titoli e meta descrizioni.

meta tag nel codice

Per informazioni dettagliate, assicurarsi di leggere le definizioni e suggerimenti per l’ottimizzazione avanzati nel nostro SEOpedia sia per i tag title e meta descrizioni .

Non sono così importanti come lo erano dal punto di vista tecnico.

titoli e le descrizioni eta pieni di parole chiave non influenzano direttamente le tue classifiche, ma rimangono un forte fattore psicologico che influenza il CTR e il coinvolgimento complessivo degli utenti. Pertanto, sono ancora molto importanti per il SEO.

Non essere confuso dai blogger che affermano che i tag del titolo e le meta descrizioni non sono affatto importanti. D’altra parte, tieni presente che l’algoritmo di Google modifica i titoli e le descrizioni per indicare meglio la loro rilevanza per la query di ricerca nel caso in cui la tua copia non corrisponda abbastanza.

Esistono molti strumenti e plug-in (ad es. Yoast per WordPress ) che analizzano i tuoi contenuti in termini di utilizzo delle parole chiave focalizzate nel meta titolo, meta descrizione, titoli, densità generale delle parole chiave, attributi dell’immagine alt e altro.

tag del titolo e meta descrizione

Offrono molti suggerimenti, ma difficilmente possono seguire l’algoritmo di Google focalizzato quando si tratta di fattore umano. Assicurati di considerare sia i punti di vista tecnici sia l’esperienza dell’utente durante la creazione di meta tag.

Elenco di controllo SEO on-page

Cominciamo con le cose che puoi fare in WordPress o in qualsiasi altro sistema di gestione dei contenuti.

1. Scopri cosa cercano le persone prima di iniziare a scrivere

Pensi di scrivere su un argomento che le persone cercano? Sei sicuro che il tuo punto di vista sia diverso, unico? Potete offrire un nuovo valore aggiunto all’argomento? Il tuo tempismo è giusto?

Queste sono le domande principali prima di iniziare a scrivere e non importa se si tratta di un blog o di una pagina di destinazione del prodotto. Esistono molti modi per scoprirlo. La ricerca di parole chiave è una parte inevitabile di essa. Parliamo di come fare la ricerca di parole chiave nel quinto capitolo.

2. Tag titolo e titoli

Crea un tag titolo accattivante, meta descrizione e titoli. Tieni presente ciò che abbiamo menzionato in precedenza. La tua parola chiave principale dovrebbe essere ancora lì, quindi gli utenti sanno di cosa tratta il tuo sito web. Utilizzare la meta descrizione come una grande opportunità per l’enfasi dell’invito all’azione (CTA).

Convinci sia gli utenti che i motori di ricerca che il tuo sito web è quello su cui fare clic.

FURTHER READING

I 11 errori principali nella creazione dei tag del titolo

Ancora una volta, pensa al coinvolgimento dell’utente, quindi non esagerare usando parole a buon mercato o troppo sdolcinate. Guarda i tuoi concorrenti, analizza ciò che funziona per loro e costruisci la tua strategia.

Suggerimenti rapidi per titoli e titoli:

  • Google mostrerà i titoli se sono composti da un massimo di 70 caratteri e meta descrizioni fino a 155 caratteri (aggiornato a maggio 2019).
  • Assicurati di usare la struttura <h1>, <h2>, <h3>,… corretta per una buona leggibilità e struttura.
  • Controlla l’anteprima dei risultati della ricerca in strumenti come il nostro simulatore SERP (screenshot sotto), i plugin SEOSiteCheckup o WordPress.
Strumento di simulazione SERP

3. Utilizza URL SEO-friendly

Evita di utilizzare URL generati automaticamente con cifre e caratteri:

www.example.com/2017/post318e7a349f6

Usa gli URL corrispondenti al tuo contenuto e al suo titolo:

www.example.com/how-to-bake-pizza

Se usi WordPress, puoi impostare i permalink nelle impostazioni comuni.

Permalink di WordPress

Gli specialisti SEO e i blogger affermano che gli URL brevi si posizionano meglio su Google. Pensiamo che si tratti dell’esperienza dell’utente. Ovviamente, ciò non significa che un URL di 20 parole sia corretto.

4. Multimedia

Vuoi coinvolgere i tuoi visitatori? Usa immagini, infografiche, grafici e video. Portano a tassi di rimbalzo più bassi e maggiore coinvolgimento. Alcune cose devono essere scritte alla vecchia maniera, ma i contenuti multimediali sono indispensabili.

Lo streaming video è stato uno dei trend di marketing più in voga negli ultimi due anni. Inoltre, motivano le persone a mettere mi piace, condividere o commentare i tuoi contenuti.

Suggerimenti rapidi per contenuti multimediali:

  • Ottimizza le immagini utilizzando nomi di file pertinenti (how-to-bake-pizza.jpg) , attributi di immagine alt e dimensioni del file.
  • Incorpora contenuti multimediali interattivi come video o grafici.
  • Non dimenticare di includere le trascrizioni in modo da non perdere parole chiave importanti (i crawler dei motori di ricerca non possono “leggere” il video).

5. Collegamenti interni ed esterni

L’uso dei collegamenti in uscita fornisce a Google un segnale di pertinenza del tuo argomento. Assicurati di collegarti a fonti pertinenti e autorevoli.

I collegamenti interni sono un modo perfetto per promuovere altri tuoi articoli o sezioni di siti Web. Rende più facile visitarli e porta a un maggiore coinvolgimento. Il collegamento interno aiuta anche i bot di Google a comprendere la struttura del sito Web.

Suggerimenti rapidi per collegamenti interni e in uscita:

  • I link in uscita potrebbero non migliorare direttamente le tue classifiche, ma è consigliabile utilizzarle.
  • Utilizzare fino a 2-3 collegamenti interni, a seconda della lunghezza del contenuto.
  • I crawler dei motori di ricerca eseguono la scansione di questi collegamenti, quindi non cercare di imbrogliare e fare attenzione ai collegamenti interrotti.
  • Seguire il modello di cluster di argomenti per i collegamenti interni.
il modello di cluster di argomenti

Uno dei modi migliori per collegare i contenuti è seguire il modello di cluster di argomenti

6. Lascia che le persone si impegnino

Si condivide un ottimo contenuto. Sì, forse in passato. Le persone sono pigre in questi giorni, quindi i pulsanti di condivisione dovrebbero essere sempre sul tuo sito web. Secondo BuzzSumo, la condivisione sociale è diminuita della metà dal 2015.

Oltre a Facebook, Twitter o LinkedIn, considera l’aggiunta di social network specifici e relativi all’argomento, come Reddit, Pinterest e molti altri.

Elenco di controllo SEO on-page tecnico

Siamo in grado di classificare il SEO tecnico come parte del SEO in-page che si occupa di argomenti più tecnici. Di solito richiede almeno alcune abilità di sviluppo o uno sviluppatore web. Ma non spaventarti troppo, ci sono molte cose che puoi fare facilmente in WordPress 😎.

Questi sono i più importanti fattori tecnici SEO su cui concentrarti:

1. Search Console

Il collegamento del tuo sito a Google Search Console (ex strumenti per i Webmaster) è una delle basi SEO. Ti aiuta a monitorare e mantenere la presenza e le prestazioni del tuo sito nella Ricerca Google.

Search Console ti aiuta ad analizzare il posizionamento delle parole chiave, i CTR, le possibili penalità di Google e molti altri dati utili per la SEO tecnica.

Rapporti sul rendimento in Google Search Console

Altre caratteristiche includono l’usabilità dei contenuti mobili, la scelta di ciò che si desidera indicizzare e cosa no, errori del sito, errori di dati strutturati e collegamenti.

Consigli veloci:

Come verificare la tua proprietà (sito Web) nella Search Console

Come verificare la tua proprietà (sito Web) nella Search Console

2. Velocità del sito Web

La velocità del sito Web è uno dei fattori di classifica, quindi dovresti sempre mirare a migliorarla. È noto che il 50% degli utenti Web si aspetta che un sito venga caricato in 2 secondi o meno. Se non si carica in 3 secondi, se ne andranno.

Consigli veloci:

  • Prova la velocità in PageSpeed ​​Insights.
  • Ottimizza le immagini, abilita la compressione GZIP, la compressione HTML, la minificazione JS e CSS e prova a ridurre i tempi di risposta del server.
  • Il web hosting di qualità gioca un ruolo importante nella velocità del sito Web, quindi assicurati di selezionare un fornitore affidabile.
Page Speed ​​Insights

Test della velocità del sito Web

3. Ottimizzazione mobile

L’ottimizzazione mobile è un must. Il mondo si sta spostando dal desktop al cellulare. In effetti, la gestione di un sito Web non ottimizzato per dispositivi mobili influenzerà negativamente le tue classifiche.

Google ha iniziato a implementare l’ indicizzazione mobile-first a marzo 2018. L’indicizzazione mobile-first significa che Google utilizzerà la versione mobile del tuo sito Web per indicizzare e classificare.

Consigli veloci:

  • Prova la reattività del tuo sito Web nel  Test ottimizzato per dispositivi mobili.
  • Monitora il posizionamento delle parole chiave nei risultati di ricerca mobile.
  • Assicurati che la versione mobile del tuo sito Web funzioni come un fascino.

Puoi anche prendere in considerazione l’AMP (pagine mobili accelerate). È un codice HTML esteso con proprietà personalizzate che consentono di rendere più veloce il contenuto statico. Nel 2017 è stato uno dei principali progetti di ricerca mobile di Google. Vedremo se c’è futuro per questo.

4. Mappa del sito

Una Sitemap aiuta i motori di ricerca a eseguire la scansione dei tuoi contenuti. È un file in cui sono elencate tutte le sezioni del sito Web. È utile averne uno quando si esegue un sito Web di grandi dimensioni con una struttura complicata o quando si utilizzano contenuti multimediali.

ULTERIORI LETTURE

Cosa tenere a mente quando si crea una Sitemap

Avere una Sitemap non significa che le tue classifiche miglioreranno. Secondo Google, è un vantaggio ma non sarai mai penalizzato per non averne uno.

Consigli veloci:

  • Non tutti i siti Web richiedono una Sitemap.
  • Esistono più tipi di Sitemap oltre alla Sitemap XML.
  • La Sitemap non deve contenere più di 50.000 URL e non può superare i 50 MB.
  • Inserisci la Sitemap nella directory principale del sito Web:
https://example.com/sitemap.xml

5. Robots.txt

Robots.txt è un file che indica ai crawler a quali sezioni del sito Web non si desidera che accedano. Si trova in  https://example.com/robots.txt ed è pubblico.

È utile quando non si desidera indicizzare alcuni script, file o immagini non necessari.

sintassi robots.txt:

User-agent: * (ad es. Googlebot) Non consentire: /   (ad es. /Images/pizza.png)

Consigli veloci:

  • Non utilizzare robots.txt per nascondere il contenuto dai motori di ricerca.
  • I crawler o i robot malware non dovrebbero essere in grado di violare robots.txt

Ulteriori hack tecnici SEO

Ci sono molti hack SEO che miglioreranno le prestazioni del tuo sito web. Innanzitutto, inizia con l’analisi dello stato corrente. Ti aiuterà a trovare le opportunità.

ULTERIORI LETTURE

Come eseguire un audit SEO on-page in 15 minuti

SEOSiteCheckup è un ottimo strumento per l’analisi SEO in-page. Puoi analizzare un URL al giorno e scaricare un rapporto PDF senza registrarti.

screenshot dello strumento seositecheckup

Imposta Google Tag Manager per la gestione avanzata dei tag, quindi non hai bisogno di assistenza da parte degli sviluppatori web.

Configurazione di Google Tag Manager

HTTPS vs. HTTP: nel 2014, Google ha annunciato che aumenterà il posizionamento dei siti Web HTTPS / SSL. Oggi sappiamo che è un fattore di ranking leggero che influenza una piccola percentuale di query di ricerca.

Tuttavia, la sicurezza è un forte fattore psicologico. Google Chrome, ad esempio, etichetta un sito Web che non è crittografato con SSL come “non sicuro”, il che influenza il coinvolgimento degli utenti.

Esempio Web non sicuro

Canonicalizzazione URL / IP: la canonicalizzazione IP è importante quando un sito Web è indicizzato sia con il suo indirizzo IP sia con il nome di dominio. La canonicalizzazione dell’URL significa che:

https://example.com e https://www.example.com/ devono essere risolti nello stesso URL

Se vuoi approfondire l’ottimizzazione on-page, dai un’occhiata alla nostra pratica guida SEO on-page per principianti. Copre tutto, dalle cose tecniche, attraverso l’ottimizzazione dei contenuti e dei CTR, il monitoraggio e l’analisi dei tuoi progressi.

Chapter 4

Contenuto e SEO

Content & SEO sono due termini indipendenti o una coppia ideale? Molti esperti di marketing pensavano di essere giocatori separati. Scopriamo come trarre vantaggio dalla loro sinergia.

C’era un mito popolare tra alcuni esperti di marketing secondo cui i contenuti perfetti non hanno bisogno del SEO. La verità è che avevano torto. E ti mostreremo il perché.

Smetti di pensare “SEO vs. content marketing” e inizia a esplorare quanto bene si comportano insieme.

Seriamente, riesci a immaginare contenuti di alta qualità senza ottimizzazione sulla pagina o senza un unico backlink? Allo stesso modo, riesci a immaginare un sito Web perfettamente ottimizzato pieno di contenuti che nessuno potrebbe leggere?

Alcune persone credono ancora che:

  • SEO è per i motori di ricerca
  • Il contenuto è per gli esseri umani

Hanno torto! Contenuto e SEO si sovrappongono. Devi semplicemente creare contenuti unici e ottimizzarli contemporaneamente per i motori di ricerca e le persone. Questa tecnica viene talvolta definita “contenuto SEO” o “SEO copywriting”.

Quale contenuto devo creare?

Questa è la prima e più importante domanda. La risposta (almeno in teoria) è semplice: “Sii unico” . Creare contenuti originali, stimolanti e coinvolgenti è un ottimo inizio. Contenuto e SEO devono andare di pari passo dall’inizio. Puoi scegliere tra vari tipi di contenuto:

Blog

I blog sono molto popolari, specialmente negli ultimi anni. Un buon blog è un’ottima fonte di coinvolgimento degli utenti non solo per i blogger ma anche per i siti Web di e-commerce, le aziende SaaS o i fornitori di servizi professionali.

Il blog è anche un modo per guadagnare denaro facendo ciò che ami (travel blogger, marketing blogger, ecc.). Blog unici con articoli approfonditi, guide e how-to possono renderti un influente rispettato nel settore.

Consigli veloci:

  • Distinguiti dalla massa, sii originale
  • Conduci le tue ricerche e usa dati unici
  • Non si tratta di lunghezza, si tratta di qualità e valore aggiunto per i lettori
  • Sii coerente per creare un marchio personale forte
  • Cooperare con aziende e influenzatori

Puoi essere davvero creativo con i tipi di contenuti che pubblichi sul tuo blog. Ecco quelli più comuni (basati su un sondaggio di GrowthBadger ):

tipi di contenuto

Pagine del prodotto

Le pagine di prodotti di qualità dovrebbero essere la massima priorità di ogni attività online. Sono spesso utilizzati come landing page per campagne PPC, incluso il remarketing di AdWords o i social media a pagamento.

Consigli veloci:

  • Quando si tratta di eCommerce, la semplicità è un must per descrivere chiaramente il prodotto, quanto costa e come acquistarlo (CTA)
  • Usa le foto professionali dei prodotti e scrivi una copia accattivante
  • La velocità del sito Web e la UX sono più importanti che mai

Recensioni

Vuoi essere un influencer? Scrivere una recensione non è una novità, ma nel mondo di Internet è possibile rivedere tutto. Puoi scrivere recensioni di strumenti, film, bar, ristoranti, elettronica, e basta.

Se riesci a diventare un influencer affidabile, formerai le opinioni delle persone e trarrai profitto dalle recensioni sponsorizzate. Le recensioni sono un ingrediente inevitabile del marketing degli influencer.

Consigli veloci:

  • Scegli un argomento specifico
  • Non venderti solo perché alcune aziende pagano bene per una recensione a 5 stelle
  • Crea il tuo standard di ciò che è superbo o povero
  • La coerenza è la chiave per diventare un marchio forte
SERP di Google con recensioni

Casi studio e ricerca originale

Spiega al mondo come fai, condividi i dati interessanti che hai raccolto, rivela qual è la tua strategia di soddisfazione del cliente o come hai fallito nel lancio di un nuovo prodotto. Fai esperimenti, testa vari miti nel tuo settore.

Probabilmente la cosa migliore dei casi di studio è che sono sempre unici e portano nuove informazioni per i lettori.

Consigli veloci:

  • Prenditi il ​​tuo tempo, fai le tue ricerche, prepara abbastanza dati originali e sii onesto (non mentire)
  • Se stai scrivendo della tua attività, mostra gli umani dietro l’azienda
  • Non essere timido, le persone non sono interessate a noiose storie di successo

Dai un’occhiata a questo sondaggio sui vantaggi della pubblicazione di ricerche originali di Buzzsumo :

Vantaggi della carta di ricerca originale di BuzzSumo

infografica

A tutti piacciono! Sono facili da condividere e scaricare. Tuttavia, gli autori li usano spesso come sostituzione del testo. Le infografiche finiscono per essere immagini complicate con un mucchio di copie, quindi hanno perso il potenziale.

Creare infografiche significa rendere le informazioni piacevoli e facili da leggere.

Consigli veloci:

  • Le infografiche hanno ancora un grande potenziale di condivisione e collegamento, quindi assicurati di giocare sia con i dati che con il design
  • Usa solo i dati più importanti
  • Crea una storia, aggiungi grafici o immagini
  • Quando carichi infografiche come immagini, non dimenticare di scrivere una trascrizione perché i crawler non possono “leggere” il testo nell’immagine

Guide, tutorial, trucchi e consigli

Molte volte, le guide vengono pubblicate come parte dei blog. La “… guida” e “Come …” sono parole chiave interessanti. Puoi scrivere guide o istruzioni, ma tieni presente che ce ne sono già migliaia.

Non copiare gli altri, fornire trucchi e suggerimenti diversi rispetto ai tuoi concorrenti.

Consigli veloci:

  • Registra i tuoi video o almeno utilizza registrazioni e schermate personalizzate
  • Rivolgiti al proprietario o al venditore del prodotto per ottenere eventualmente un backlink o condividere sui loro profili social
  • Se stai scrivendo una guida sul tuo prodotto, inseriscila nella pagina di destinazione del prodotto per ottenere traffico aggiuntivo e un backlink interno

Top list

Un’altra forma popolare di contenuto scritto. Ci sono migliaia di elenchi principali là fuori, quindi pensa saggiamente all’argomento.

Scrivere liste è un’opportunità per includere elementi scaricabili per raccogliere lead, guadagnare commenti preziosi e creare un buzz grazie a condivisioni social e backlink.

Consigli veloci:

  • Il titolo dice tutto sul post
  • Sottolinea fatti straordinari
  • Mantieni la struttura semplice
  • Utilizzare fonti di dati comprovate
  • Chiedi ai lettori di suggerire altri elementi alla tua lista nei commenti

interviste

Ottenere informazioni e opinioni uniche da un guru del settore è eccellente! Aiuta a costruire credibilità, traffico, condivisioni social e backlink.

Inoltre, gli intervistati con un vasto pubblico generano traffico elevato gratuitamente se condividono l’intervista. Puoi scrivere, registrare un video o un podcast.

Consigli veloci:

  • Prova a intervistare un leader di pensiero (personaggio famoso nel settore)
  • Stabilisci una struttura chiara dell’intervista
  • Le domande dovrebbero fluire naturalmente
  • Concedi un po ‘di spazio all’intervistato, i lettori sono curiosi dei loro pensieri

video

Maggiore coinvolgimento, condivisioni social, Mi piace, backlink, più lead e conversioni. Questi sono i maggiori vantaggi dell’utilizzo di contenuti video. I video possono aumentare i tassi di conversione dell’80% .

Consigli veloci:

  • Scrivi una sceneggiatura, correggi le bozze e esercita la sceneggiatura
  • Prepara un po ‘di budget per hardware e software di editing o per assumere un produttore di video professionale
  • Includi trascrizione
  • Formulare un piano di marketing o almeno pianificare le attività promozionali di base per giustificare il tempo e il denaro che hai investito

Naturalmente, non è sempre necessario creare i tuoi video. Rendi il tuo post più interessante condividendo o incorporando il video da un esperto del settore! Può arricchire i tuoi contenuti e far rimanere il lettore più a lungo sul tuo sito web.

E per mettere in pratica ciò che predichiamo, ecco un video sulla strategia di content marketing di Julia McCoy:

ebooks

Gli ebook vengono generalmente utilizzati per la generazione di lead. Forse di più nel settore B2B, ma ci sono ancora molti siti Web B2C che richiedono un indirizzo e-mail per scaricare un ebook.

Nessuno ti fornisce i dettagli di contatto in questo modo. Devi dare ai lettori una buona ragione. Gli ebook di solito vengono in PDF e contengono un lungo contenuto.

Consigli veloci:

  • Scrivilo come un vero libro: hai bisogno di un argomento killer, titolo, anteprima, autore credibile, corretta correzione di bozze e design accattivante
  • Motivare gli utenti a scaricare: utilizzare ebook con dati unici e trucchi speciali che non possono essere trovati sul tuo sito Web o rispetto ai concorrenti

Qual è la lunghezza ideale dei post sul blog?

Alcuni anni fa, i post lunghi pieni di parole chiave si posizionavano facilmente nelle prime posizioni. In qualche modo, è arrivato al punto, dove sembra che ci siano centinaia di articoli quasi identici con le stesse parole chiave.

La creazione di contenuti per motivi di contenuto non funziona più.

Se scrivi un articolo, devi mantenere l’attenzione del lettore. Inizia con il titolo, il primo paragrafo, il tipo di contenuto e, soprattutto, la struttura generale del contenuto. Utilizzare <title>, <h1, h2, h3, …> e altri tag HTML correttamente.

Per quanto riguarda il tempo, i post con un tempo di lettura di 7 minuti sono ideali in base al mezzo . Quando si tratta di SEO, ci sono molti studi. La maggior parte di loro dimostra che i post più lunghi si posizionano leggermente meglio.

Case study sulla lunghezza dei contenuti

Il grafico con la correlazione tra lunghezza del contenuto e posizioni organiche, basato sullo studio di Can I Rank.

Che dire dei contenuti duplicati nei miei altri articoli o sezioni del sito Web?

Prima o poi arriviamo tutti al punto in cui dobbiamo ripetere alcune parole che abbiamo scritto altrove sul nostro sito Web.

Se il tuo sito Web contiene troppi contenuti duplicati, puoi utilizzare reindirizzamenti 301 o l’ elemento link “canonico” rel = . Puoi trovare ulteriori informazioni nelle pagine della guida di Google Search Console .

Mantieni la calma se non prevedi di copiare righe di testo. L’algoritmo di Google distingue se lo fai apposta o come parte naturale dei tuoi nuovi contenuti.

Nel caso in cui pensi di copiare il contenuto di qualcun altro, puoi smettere di leggere questa guida SEO. È plagio e siamo fortemente contrari. I rischi, per non parlare dei costi, di essere un imitatore sono eccessivi. Google penalizzerà e salterà il tuo sito Web dai risultati di ricerca.

Uno strumento popolare per rilevare il plagio è Copyscape . Tutto quello che devi fare è inserire l’URL del post.

screenshot di copyscape

La creazione di grandi contenuti inizia con una ricerca adeguata. Pensa all’argomento, fai ricerche per parole chiave, chiedi ai tuoi amici, conduci sondaggi su Facebook o altrove.

Una volta scelto l’argomento, scansiona il mercato e leggi attentamente tutti i siti Web più importanti. Non copiarli, prova a creare i tuoi contenuti unici e ottimizzali perfettamente. Subito dopo, puoi iniziare a promuoverlo.

Capitolo 5

Ricerca per parole chiave

La ricerca di parole chiave è una delle attività SEO di base. In questo capitolo, imparerai come trovare la tua nicchia e come trovare parole chiave redditizie per le quali puoi classificare.

La creazione di contenuti senza la ricerca di parole chiave non paga. Il contenuto senza un’ottimizzazione adeguata non verrà classificato e il traffico del sito Web sarà basso. Devi semplicemente sapere quali parole chiave scegliere come target per generare traffico di qualità sufficiente.

Suggerimento:  per approfondire questo argomento, dovresti leggere la nostra  guida definitiva alla ricerca di parole chiave per il SEO . Alla fine c’è un breve quiz per testare le tue conoscenze sulla ricerca di parole chiave 😉

Dove trovare le parole chiave?

Esistono vari modi per trovare parole chiave.

Il tuo primo compito è quello di inventare le parole chiave seed : frasi che utilizzerai come trampolino di lancio per trovare più idee per le parole chiave. Se gestisci un blog sul caffè, frasi semplici come “chicchi di caffè” , “macchine da caffè” o “espresso” funzioneranno alla grande.

I modi classici di cercare parole chiave:

Suggerimenti di Google

Google offre molti suggerimenti di parole chiave direttamente nella SERP. Funzionalità come il completamento automatico di Google , anche le persone che chiedono o le ricerche correlate possono essere un’ottima fonte di idee per le parole chiave.

Con la funzione di completamento automatico, devi solo scrivere la parola chiave seed nella ricerca di Google e i suggerimenti appariranno automaticamente.

Completamento automatico di Google

È possibile combinare la parola chiave seed con lettere diverse dell’alfabeto per trovare altre idee di completamento automatico (ad es. Email marketing a , email marketing b , …)

Ecco un altro esempio di idee per le parole chiave che puoi trovare nella pagina dei risultati di Google:

Ricerche correlate a Google

Tutti i suggerimenti basati sulle query di ricerca reali utilizzate da persone di tutto il mondo.

Strumenti per le parole chiave

Esistono molti strumenti per parole chiave gratuiti che possono offrirti centinaia di idee per le parole chiave basate su una singola parola chiave seed. Uno dei più popolari è lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google, sebbene il suo obiettivo principale sia la ricerca di parole chiave per gli annunci PPC.

Un altro strumento gratuito popolare è AnswerThePublic . Genera automaticamente centinaia di suggerimenti per il completamento automatico di Google.

AnswerThePublic 2

Ovviamente, gli strumenti gratuiti sono molto limitati nelle loro funzionalità. Offrono molti suggerimenti per le parole chiave, ma cosa fare con 500 idee per le parole chiave?

Gli strumenti professionali per le parole chiave a pagamento offrono altre utili metriche e approfondimenti SEO per valutare le parole chiave e scegliere quelle migliori. Inoltre, ti fanno risparmiare un sacco di tempo e ti danno un vantaggio competitivo.

Ecco uno screenshot dallo strumento per le parole chiave KWFinder:

Difficoltà delle parole chiave di KWFinder

Oltre ai suggerimenti di parole chiave, calcola la difficoltà di posizionamento per le parole chiave e SERP per ogni parola chiave per aiutarti a stimare le tue possibilità e analizzare i concorrenti.

Suggerimento: prova KWFinder con una prova gratuita di 10 giorni . Non è necessaria la carta di credito.

Puoi anche cercare le parole chiave per i tuoi concorrenti digitando semplicemente il loro dominio.

cerca per dominio

Potresti pensare: ho bisogno di uno strumento per le parole chiave a pagamento? La mia regola empirica è questa: se guadagni in qualche modo dal tuo sito web, uno strumento di parole chiave di qualità è un ottimo investimento che prima o poi pagherà.

Altre piattaforme

Puoi cercare idee per le parole chiave quasi ovunque. Concentrati sui siti Web utilizzati dalle persone nella tua nicchia per porre domande, comunicare e condividere idee.

Alcune delle piattaforme più popolari per trovare idee per le parole chiave:

  • Youtube
  • Reddit
  • quora
  • Wikipedia
  • Forum
  • eccetera.

Metriche delle parole chiave

In passato, i creatori di contenuti effettuavano ricerche di parole chiave solo per trovare parole chiave con elevati volumi di ricerca. Li hanno inseriti nei contenuti per ingannare gli algoritmi dei motori di ricerca e garantire un posizionamento elevato nella ricerca organica. Questo non aiuta più perché la ricerca di parole chiave è diventata molto più complessa!

In questi giorni devi lavorare con più metriche, considerare l’algoritmo RankBrain di Google e l’attuale SERP in cui prevedi di classificarti.

RankBrain di Google RankBrain
è un componente dell’algoritmo di Google basato sull’intelligenza artificiale. Aiuta Google a comprendere l’intento alla base della query di ricerca e a fornire i risultati più pertinenti grazie al sistema di apprendimento automatico.

Parole chiave pertinenti con elevati volumi di ricerca e bassa difficoltà delle parole chiave: una combinazione ideale dei tre fattori più importanti della ricerca di parole chiave.

Lo chiamiamo la regola del treppiede nella ricerca di parole chiave : questi tre fattori rappresentano le tre gambe. Non appena prendi una delle gambe, il treppiede collasserà.

la regola del treppiede per la ricerca di parole chiave

Sfortunatamente, non è sempre così facile e devi cercare un equilibrio tra questi fattori.

Parole chiave a coda lunga e volumi di ricerca

Inizia cercando le parole chiave coda lunga o coda media.

Le parole chiave a coda lunga hanno volumi di ricerca più bassi ma ce ne sono migliaia che rappresentano l’opportunità per te. Contali e vedrai il loro enorme potenziale.

I visitatori che ti trovano tramite parole chiave a coda lunga interagiranno con i tuoi contenuti molto di più e i loro tassi di conversione sono più alti. È perché la query è abbastanza specifica per trovare risultati pertinenti. E vuoi essere al top di questi risultati rilevanti.

parola chiave long tail vs. short tail

Il più grande svantaggio di parole chiave a coda lunga è il loro volume di ricerca. A volte, può arrivare fino a 100 ricerche al mese. Ecco perché devi trovare il giusto equilibrio e la metrica chiamata difficoltà della parola chiave ti aiuterà a raggiungere questo obiettivo.

Difficoltà delle parole chiave

Una volta individuate le parole chiave per le quali desideri classificare, dovrai valutare quanto sarà difficile. La difficoltà della parola chiave è una metrica molto utile che ti aiuterà a farlo.

Il valore è generalmente indicato su una scala da 0 a 100. Più è alto il punteggio, più è difficile classificarsi sulla 1a SERP per la parola chiave.

intervalli di difficoltà delle parole chiave

Esistono molti strumenti di ricerca per parole chiave sul mercato che calcolano la difficoltà delle parole chiave. I valori possono variare: puoi vedere il punteggio 30 in uno strumento e 50 in un altro esattamente per la stessa parola chiave.

Questo perché i calcoli si basano su metriche e algoritmi leggermente diversi. L’importante è confrontare i risultati all’interno di uno strumento.

ULTERIORI LETTURE

Qual è la difficoltà SEO delle parole chiave?

Intento di ricerca

L’analisi SERP è una parte molto importante della ricerca di parole chiave. Ti aiuta a scoprire se:

  1. Sei in grado di competere con i siti Web della 1a SERP
  2. L’ intento di ricerca dietro le parole chiave che si desidera ottimizzare
ULTERIORI LETTURE

Che cos’è l’analisi SERP e in che modo migliora la ricerca di parole chiave?

Osservando la SERP è possibile identificare qual è l’intenzione alla base della query di ricerca. Quando stai cercando una “ricetta per la pizza fatta in casa” , probabilmente non vuoi comprare una pizza.
Tienilo sempre presente in modo da non finire per ottimizzare le parole chiave sbagliate.

Esistono 4 diversi tipi di intenti di ricerca:

  • Navigazione : cerca un sito Web / marchio specifico (“console di ricerca di Google”)
  • Informativo : cerca informazioni generali (“come fare il caffè”)
  • Transazionale : l’utente desidera acquistare qualcosa online (“acquista apple iphone xs”)
  • Commerciale : l’utente esegue la ricerca prima dell’acquisto (“canon 6d review”)
ULTERIORI LETTURE

Come eseguire ricerche di parole chiave per Google RankBrain

Abbiamo registrato un video per mostrarti come trovare parole chiave a coda lunga con bassa difficoltà SEO:

Se gestisci un blog sulle ricette della pizza, non devi classificarti al primo posto per la parola chiave “pizza” (con oltre 4 milioni di ricerche mensili a livello globale)? Guarda la SERP per la parola chiave:

pizza serpente

Non avrebbe senso essere lì a meno che tu non abbia intenzione di competere con Pizza Hut o Domino’s. Sì, questi tipi di parole chiave sono molto interessanti, ma nella maggior parte dei casi non sono pertinenti alla tua nicchia. Inoltre, rappresentano solo alcune delle ricerche in tutto il mondo. La maggior parte delle ricerche sono query a coda lunga.

Come NON effettuare ricerche per parole chiave

I neofiti e i creatori di contenuti impazienti di solito trovano una parola chiave con un volume di ricerca elevato in Google Keyword Planner o in qualsiasi altro strumento di ricerca di parole chiave senza pensare ad altre metriche.

Come abbiamo spiegato sopra, trovare una parola chiave ideale non riguarda solo il volume di ricerca.

Un altro errore è l’interpretazione errata dei dati. Un esempio comune è il punteggio “Concorrenza” in Google Keyword Planner. C’è una confusione tra questa metrica e la difficoltà della parola chiave.

La competizione in GKP rappresenta il livello di concorrenza in Google AdWords. Non rappresenta quanto sia difficile classificare per quella parola chiave.

concorso per la pianificazione di parole chiave

Un’altra cosa che dovresti evitare a tutti i costi è il riempimento delle parole chiave . La ricerca per parola chiave non riguarda più la ricerca di una parola chiave ideale e il suo utilizzo il più possibile.

Invece, seleziona una parola chiave focus e usala in:

  • Il titolo
  • Tag del titolo e meta descrizione
  • Uno dei primi paragrafi del testo
  • Un paio di volte nel testo (dipende anche dalla lunghezza della parola chiave)

Google si è evoluto e comprende di cosa tratta il contenuto. Se è ben scritto, completo e intuitivo, potresti effettivamente classificare per parole chiave che non hai nemmeno usato nel tuo testo.

Se non mi credi, controlla questo esempio .

Invece di utilizzare più volte la stessa parola chiave, prova a cercare parole chiave LSI.

Le parole chiave LSI (Latent Semantic Indexing) sono parole chiave semanticamente correlate alla parola chiave seme principale. Sono un ottimo componente aggiuntivo per la ricerca di parole chiave.

ricerca di parole chiave semantiche parole chiave guide seo

Le parole chiave LSI cambiano continuamente in base alla tendenza attuale. L’aggiunta di parole chiave semantiche ai tuoi contenuti è una buona idea. Puoi utilizzare LSIGraph per generare una serie di idee per parole chiave utili.

Capitolo 6

Costruendo collegamenti

Nel sesto capitolo della nostra guida SEO per principianti, discuteremo della costruzione di link, uno degli aspetti più importanti dell’ottimizzazione dei motori di ricerca. Impariamo come è possibile creare un profilo di collegamento di qualità.

La creazione di collegamenti è un processo per ottenere collegamenti da altri siti Web. Dal punto di vista tecnico, i backlink sono collegamenti ipertestuali che servono da navigazione tra i siti Web. I collegamenti vengono sottoposti a scansione dai motori di ricerca che consente loro di indicizzare il contenuto Web.

che cos'è un backlink

Perché la costruzione di link è così importante?

I motori di ricerca utilizzano i collegamenti per esplorare nuovi siti Web e per impostare la classifica generale di un sito Web in SERP. In altre parole, esplorano nuovi contenuti e determinano l’autorità di un sito Web in base all’autorità trasmessa da fonti esterne.

Ciò significa che il profilo di collegamento di un sito Web è uno dei fattori di classificazione più importanti.

Quando Google ha introdotto PageRank negli anni ’90, il numero di backlink è stato utilizzato come metrica importante della classifica generale. Più link hai guadagnato, migliore è stata la tua classifica.

Poiché questo potrebbe essere facilmente utilizzato in modo improprio, diversi aggiornamenti dell’algoritmo di Google si sono concentrati sulla penalizzazione delle tecniche di costruzione di link ombreggiati.

Oggi, la costruzione di link non riguarda più il numero di backlink, ma soprattutto la qualità e la pertinenza.

Tipi di backlink

In generale, ci sono due tipi di backlink:

  • I backlink Do-follow passano l’autorità della pagina di collegamento alla pagina collegata. Questa autorità è anche spesso chiamata “link juice”.
  • I backlink senza follow non segnano alcun punto sul sito web collegato. Non passano l’autorità a causa del tag HTML rel = “nofollow” che dice ai crawler di non contarlo.
Collegamento Do-follow vs. No-follow

Nella figura sopra, del sito collega sia B del sito e il sito C . Ma solo il link al sito B passa il “link juice”. L’altro ha un tag no-follow, in modo da nessuna autorità è passata al sito C .

I link non seguiti non hanno alcun valore dal punto di vista SEO.

Testo di ancoraggio

Il testo di ancoraggio è una parte visibile e cliccabile di un collegamento ipertestuale. Aiuta i crawler a indicare di cosa tratta la pagina collegata.

Se più pagine rimandano a te con determinati termini usati nei testi di ancoraggio, può aiutarti a classificarti per questi termini nei motori di ricerca.

Bene, allora tutto ciò di cui ho bisogno sono molti backlink con la mia parola chiave focus come testo di ancoraggio, giusto?

Non è così facile. Un profilo di testo di ancoraggio troppo ottimizzato può comportare una sanzione algoritmica da parte di Google. È meglio lasciare che i testi di ancoraggio siano naturali piuttosto che cercare di modificarli artificialmente.

testo di ancoraggio

Dovrebbe esserci un equilibrio tra i seguenti tipi di ancore:

  • Parole chiave e frasi (“strumenti SEO”)
  • Marchi (“mangools”)
  • Termini con marchio (“Strumenti SEO di mangools”)
  • Ancoraggi generici (“pagina”)
  • URL nudi (“mangools.com)
  • CTA (“fai clic qui,” leggi di più “)
distribuzione del testo di ancoraggio

Diagramma di distribuzione del testo di ancoraggio in SiteProfiler

Per informazioni più dettagliate sui testi di ancoraggio e su come ottimizzarli, consulta l’ articolo della nostra SEOpedia dedicato ai testi di ancoraggio .

Aspetti di qualità dei backlink

Google considera molteplici aspetti di qualità dei siti Web di riferimento:

  • Autorità di dominio
  • Autorità della pagina
  • Altre metriche sulla qualità del profilo di collegamento

Esistono diverse metriche di Moz e Majestic che ci aiutano a valutare / approssimare queste qualità:

  • Moz Page Authority (PA)
  • Moz Domain Authority (DA)
  • Majestic Trust Flow (TF)
  • Majestic Citation Flow (CF)

Più alto è il valore, maggiore è la qualità del backlink.

Quando diamo un’occhiata al “Trust Flow e al” Citation Flow “di Majestic, avremo un’altra valutazione dei collegamenti.

Il primo menzionato afferma che i siti strettamente collegati a un sito di seed attendibile possono vedere punteggi più alti, mentre i siti che possono avere alcuni link discutibili vedrebbero un punteggio molto più basso. Citation Flow prevede quanto possa essere influente un URL in base al numero di siti collegati ad esso.

Pertinenza

I collegamenti che fanno riferimento a un sito Web devono essere pertinenti al suo contenuto. Un backlink da un negozio di abbigliamento sarà inutile per te se scrivi un blog sulle ricette.

Posizionamento del collegamento

I collegamenti inseriti negli articoli o nelle sezioni principali sono migliori dei collegamenti nei piè di pagina e nelle barre laterali. I collegamenti singoli tendono ad essere più preziosi dei collegamenti a livello di sito.

I collegamenti a livello di sito vengono visualizzati su tutte le pagine di un sito Web. Di solito si trovano nel piè di pagina, nell’intestazione, nella barra laterale o nei blogroll. I collegamenti a livello di sito sono ottimi sia per la costruzione di collegamenti interni che esterni.

Possono generare molto traffico. Non aver paura di loro, ma assicurati di utilizzare solo link naturali e tieni presente che il loro potenziale SEO potrebbe essere un po ‘più basso rispetto ai singoli link.

Oltre agli aspetti sopra menzionati, dobbiamo considerare la freschezza del collegamento, la qualità dell’ancora, la popolarità e i segnali sociali.

Strategie di link building

Non è facile acquisire un backlink di alta qualità. Le tecniche più semplici (collegamenti reciproci o invii di directory) non funzionano più, quindi i SEO impiegano molto tempo a provare approcci diversi.

Diamo un’occhiata a ciò che funziona meglio in questi giorni:

Pubblicazione degli ospiti

La pubblicazione degli ospiti è probabilmente la tecnica di costruzione di link più popolare. L’equazione è semplice: scrivi un post e lo pubblichi su un altro sito web. Il sito Web otterrà contenuti gratuiti e otterrai un backlink gratuito. Win-win.

ULTERIORI LETTURE

Come trovare le opportunità di guest post: il cheatheet definitivo

Certo, tutto si riduce alla qualità. Se desideri un buon backlink, devi portare il tuo A-game in termini di qualità del guest post. La popolarità di questa tecnica significa che tutti la usano e che ci sono troppi post degli ospiti cattivi e email di sensibilizzazione. Ecco cosa dovresti tenere a mente quando fai la campagna di sensibilizzazione post ospite:

  • Non usare modelli
  • Sii personale
  • Offrire argomenti pertinenti e ben studiati

Backlink della concorrenza

Una strategia che richiede tempo ma ancora abbastanza efficace è trovare ciò che funziona per gli altri. Controlla i siti Web che si collegano ai tuoi concorrenti, crea contenuti migliori e contatta le persone rilevanti dietro questi siti Web per collegarti al tuo sito Web.

Il modo più semplice per trovare i backlink della concorrenza è utilizzare uno strumento di backlink come LinkMiner . Tutto quello che devi fare è entrare nel dominio del tuo concorrente e gli strumenti ti mostreranno i backlink che hanno.

concorrente di dominio

Puoi fare lo stesso con l’URL specifico del tuo concorrente. Ciò è utile soprattutto quando stai cercando le opportunità di creazione di link per un post di blog specifico. Tutto quello che devi fare è trovare le pagine migliori per la tua parola chiave focus e analizzarne i backlink.

concorrente di pagina

Una volta trovati i backlink dei tuoi  concorrenti , è tempo di analizzare le migliori opportunità. Dovresti considerare:

  • Link relevance – Is the link relevant to your content?
  • Forza del collegamento – Qual è l’autorità della pagina di collegamento?
  • Possibilità di replicare il backlink – Sarò in grado di ottenere lo stesso backlink?

Il passo successivo è la cosiddetta diffusione dell’e – mail : contattare i proprietari del sito Web per sostituire il backlink del concorrente (noto anche come The Skyscraper Technique ) o aggiungere il backlink come risorsa aggiuntiva.

Ecco alcune altre tecniche di costruzione di link popolari:

  • Creazione di link basati sul contenuto : crea contenuti che attireranno naturalmente backlink, condivisioni social e traffico di referral
  • Backlink social: condividi i tuoi contenuti sui social media, promuovili su Facebook, partecipa a discussioni, commenta post pertinenti e crea connessioni
  • Creazione di collegamenti interrotti: trova siti Web con collegamenti inattivi e dai loro i tuoi contenuti a cui collegarti
  • Articoli di PR scritti da professionisti e pubblicati su portali di notizie ti forniranno backlink di alta qualità ma prepareranno un po ‘di budget per questo e assicureranno che siano veramente rilevanti
  • Acquisto di backlink tramite post di blog a pagamento
  • Scrivi una testimonianza per un prodotto con un backlink al tuo sito web
  • Backlink da forum, siti di domande e risposte, elenchi principali, commenti, aggregatori di contenuti, elenchi di attività commerciali, ecc. (Tenere presente che la maggior parte di essi sono backlink non seguiti o di bassa qualità)
  • Tecniche di cappello grigio / nero come la costruzione di collegamenti PBN (Private Blog Network)
ULTERIORI LETTURE

Elenco di controllo per oltre 60 tecniche di costruzione di collegamenti [aggiornamento 2020]

Tecniche e penalità del cappello nero

I backlink a pagamento e il link PBN (Private Blog Network) sono un altro modo per creare backlink ma queste tecniche sono considerate black hat (o gray hat). Google potrebbe rilevare il modello e penalizzare il tuo sito Web.

D’altra parte, queste tecniche funzionano. Devi solo stare molto attento e pensare a tutti i possibili rischi prima di prendere la strada del cappello nero 🙂

sanzioni

L’aggiornamento dell’algoritmo di Google Penguin da aprile 2012 ha iniziato a rilevare e penalizzare collegamenti non validi, spam o di bassa qualità.

Email di penalità di Google

Nessuno vuole ricevere uno di questi

Tuttavia, se hai backlink spam o di bassa qualità che non hai creato, non farti prendere dal panico! Google comprende che non tutti i backlink errati sono stati creati apposta e di solito, lo scenario peggiore è che ignorerà questi backlink. Se vuoi esserne sicuro, puoi comunque rinnegare tali backlink nella Search Console.

Migliori pratiche

  • Realizza link building regolarmente, non è uno sforzo una tantum
  • Acquisisci alcuni link di alta qualità anziché molti link di bassa qualità
  • Effettua una distribuzione naturale del testo di ancoraggio in base ai suggerimenti che abbiamo elencato nella sezione “Testo di ancoraggio”
  • Evita i backlink da siti Web e reti spam
  • Prova ad acquisire posizionamenti di backlink che potrebbero generare traffico di riferimento

Capitolo 7

UX e SEO

UX e SEO sono due aspetti del marketing digitale che vanno di pari passo. In questo capitolo, ci concentriamo sulla loro sinergia per scoprire come migliorare le tue classifiche facendo un piccolo extra sul tuo sito web.

Se avessi iniziato con la SEO nel 2008, i tuoi compiti principali sarebbero riempire il tuo contenuto di parole chiave, idealmente nascosto come testo bianco, fare scambi reciproci di backlink e creare pagine di contenuti di bassa qualità per ogni variazione di parole chiave .

Fortunatamente, siamo nel 2020 in cui le tecniche menzionate non funzionano e alcune di esse concederanno una penalità per il tuo sito web.

Leggiamoli di nuovo tutti e pensiamo come un essere umano. Hai trovato qualche valore positivo? No. Questo è esattamente ciò per cui erano destinati: ingannare l’algoritmo del motore di ricerca.

E qui arriva l’esperienza dell’utente (UX) che si trova sul lato opposto della barriera …

Mentre i SEO devono capire che non si tratta solo di classifiche, gli specialisti di UX devono ammettere che l’esperienza utente inizia anche prima di utilizzare il sito Web.

L’esperienza utente inizia inviando una query di ricerca a un motore di ricerca.

L’esperienza utente. Che cos’è?

L’esperienza dell’utente è l’interazione di ogni utente con l’azienda, il suo sito Web o i suoi prodotti. È l’esperienza complessiva che influenza lo sviluppo del prodotto, la progettazione, il marketing e l’assistenza clienti.

In questa guida SEO, ci concentriamo sull’esperienza utente “online” e sulla sua relazione con la SEO. UX non riguarda più solo le esigenze dei clienti. Si tratta di andare oltre questi requisiti.

Dovresti pensare fuori dagli schemi e sviluppare un sito Web che copra naturalmente ogni possibile esigenza di un cliente senza disturbarlo.

Ricorda:
UX non è UI (interfaccia utente). Sì, ne fa parte, ma dobbiamo distinguere questi termini. Immagina un negozio online. Nonostante la sua interfaccia utente per trovare un prodotto perfetto, la UX complessiva sarà scarsa se si fa clic su “Ordina e paga” e improvvisamente viene visualizzato un messaggio di errore che indica che il prodotto è esaurito.

Le regole UX al giorno d’oggi mondo

La prima e più importante parte è capire che UX è un processo infinito di miglioramenti verso i clienti. È una filosofia alla quale l’azienda dovrebbe attenersi e sviluppare il proprio sito Web di conseguenza.

La UX Web è un mix di contenuti e UX tecnica. Se volessimo dirlo semplicemente, diremmo che UX è tutto. Ecco perché dobbiamo comprenderne la complessità e l’influenza su tutti all’interno e all’esterno dell’azienda. Stiamo parlando di:

  • Struttura del sito Web e navigazione
  • Ottimizzazione dell’imbuto di conversione
  • Facile processo di onboarding
  • Velocità della pagina
  • Responsabilità del sito Web
  • Ottimizzazione del contenuto
  • Struttura del contenuto
  • Tag del titolo e meta descrizioni
  • Assistenza clienti in tempo reale
  • Flusso di lavoro regolare
Piramide UX

La UX è composta da fattori sia oggettivi che soggettivi.

Sfide UX e SEO

Quando pensiamo “UX e SEO” anziché “UX vs SEO” , dobbiamo affrontare le sfide ogni tanto. Non tutti i suddetti sono direttamente collegati al SEO. Diamo un’occhiata a quelli che lo fanno.

Struttura del sito Web e navigazione

Mettiamo tutto in un’unica pagina per garantire una UX fluida. Questa è un’idea valida nel mondo UX. È facile e ha senso. Ma i SEO sanno che il traffico organico è almeno la metà del successo.

Molti visitatori dovrebbero provenire dalla ricerca organica o accedere direttamente alla pagina in base alle loro azioni precedenti. Altri visitatori vengono indirizzati da varie fonti come social media, blog o campagne PPC.

Riesci a immaginare un’esperienza a pagina singola per tutte queste diverse intenzioni e query di ricerca? Le persone usano Google per trovare quello che vogliono. Il tuo sito web dovrebbe essere la scoperta.

Quando si tratta della navigazione del sito Web, non cercare di adattare tutte le pagine di destinazione possibili per motivi di SEO. Avere un link al tuo ultimo post sul blog nella navigazione indica a Google che l’URL è importante ma potrebbe non essere pertinente per i visitatori del tuo sito web.

Esempio: il
nostro blog aveva un pulsante di invito all’azione diverso nell’angolo in alto a destra. È stato progettato per convertire i lettori in utenti dei nostri strumenti SEO. Non pertinente, vero? Abbiamo deciso di aggiungere invece “Iscriviti alla newsletter”. Ha più senso dal punto di vista della UX e dà la possibilità di lavorare di più sulle nostre attività di marketing in entrata.

Velocità della pagina

Più veloce è il tuo sito Web, migliore è la UX. Come accennato nel terzo capitolo , la velocità della pagina è uno dei fattori di classifica. Esiste una chiara relazione tra SEO e UX. Questo è probabilmente il caso più semplice da spiegare.

Ottimizzazione del contenuto

Comprendi la lingua di un tipico ricercatore e adegua i tuoi contenuti. In altre parole, fai una ricerca per parole chiave e ottimizza i tuoi contenuti di conseguenza.

Il punto è rendere i tuoi contenuti accessibili a tutti coloro che cercano un prodotto, una soluzione o qualsiasi informazione che il tuo sito web possa fornire. Naturalmente, non dimenticare l’intento di ricerca di tutte le tattiche di ricerca di parole chiave che spieghiamo nel quarto capitolo in modo da non finire per ottimizzare le parole chiave sbagliate.

Tag del titolo e meta descrizioni

Maggiore è la SERP, maggiore è la possibilità di essere cliccati. Questa è matematica veloce.

foto di matematica veloce

Tuttavia, se si rovinano il tag del titolo e la meta descrizione, la matematica veloce può andare storto. Il tuo obiettivo è catturare l’attenzione del ricercatore utilizzando la copia che li incoraggia a fare clic sul tuo sito Web nella SERP.

Ci sono 3 elementi principali da considerare quando si creano tag titolo e meta descrizioni:

  1. SEO : utilizza le parole chiave giuste in modo che i crawler possano capire di cosa tratta il sito Web e quali sono i contenuti più importanti.
  2. UX – Fornisci agli utenti informazioni chiare e significative che li motiveranno a fare clic perché troveranno ciò che stanno cercando.
  3. Marketing : una copia irresistibile con un chiaro invito all’azione porta a percentuali di clic più elevate.
ULTERIORI LETTURE

I 11 errori principali nella creazione dei tag del titolo

Come misurare UX e SEO

Da Google Analytics a report specializzati fino a dati interni, puoi utilizzare una varietà di opzioni.

Metriche di coinvolgimento e comportamento in Google Analytics

“Frequenza di rimbalzo”, “Pagine per sessione” e “Media. durata della sessione “ fornisce una visione di base sull’interazione dell’utente. Queste metriche sono quasi in ogni rapporto in GA, quindi puoi vederle per varie fonti di traffico.

Come misurare il coinvolgimento in Google Analytics

Metriche di coinvolgimento in “Comportamento” di Google Analytics

Informazioni più dettagliate sono disponibili nella categoria “Comportamento” . Il “flusso di comportamento” ti informa su come i visitatori interagiscono con varie sezioni del sito Web. Le opzioni avanzate ti consentono di visualizzare rapporti basati su fonti di traffico, landing page, campagne e altro.

Sebbene il rapporto si basi generalmente su una piccola percentuale di visitatori del sito Web, viene fornito con un consiglio utile: ti dice quanti utenti hanno attraversato o abbandonato durante la visita a quella particolare sezione.

Rapporto sul flusso di comportamento in Google Analytics

Rapporto sul flusso di comportamento in Google Analytics

ULTERIORI LETTURE

Nuovo nel SEO? Inizia con queste 9 metriche SEO!

Canalizzazioni di conversione in Google Analytics

Questo rapporto spiega come le persone interagiscono con la pagina di pagamento sul tuo sito web. Hai più di un passaggio nel processo di pagamento? In questo caso, non dimenticare di impostare correttamente il monitoraggio degli obiettivi nel menu di amministrazione.

Impostazioni della canalizzazione in Google Analytics

Impostazione della canalizzazione in Google Analytics

In questo modo, misurerai quante persone hanno attraversato tutti i passaggi e quante sono state abbandonate durante il processo. Può essere un modulo di registrazione, un processo di acquisto o un modulo di iscrizione sul tuo blog. Sono solo altre informazioni estremamente utili per l’ottimizzazione della UX.

Se la maggior parte degli utenti del sito Web che hanno visitato la procedura di pagamento non ha nemmeno compilato il primo modulo, allora sai che c’è qualcosa che non va.

Rapporto sulla canalizzazione di conversione in Google Analytics

Rapporto sulla canalizzazione di conversione in Google Analytics

Mappe di calore e registrazioni

Le mappe di calore visualizzano il comportamento dei visitatori del sito Web fornendo al contempo molti report utili. Strumenti sofisticati di mappe di calore come  Hotjar o  Crazyegg sono dotati di soluzioni analitiche complesse, ma possono essere troppo costosi per i blogger o le piccole imprese. Per i principianti, un piano gratuito limitato da Hotjar o  Ptengine potrebbe essere un buon inizio.

anteprima di esempio hotmap di calore

Le mappe di calore aiutano molto quando si tratta di UX e SEO. Il potere delle mappe di calore è nella capacità di vedere esattamente dove le persone fanno clic, quali elementi si aspettano siano cliccabili, come scorrono, interagiscono, compilano i moduli.

I migliori strumenti della mappa di calore includono le registrazioni del comportamento dell’utente. Ne valgono la pena? Sì, ma non per tutti. Le aziende con pagine più complicate (e-commerce) (e di solito con budget più grandi) dovrebbero fare questo, ma non ha senso per i blogger spendere centinaia di dollari in questi strumenti esperti. Le versioni gratuite limitate dovrebbero fare il lavoro.

Dati interni

Sai cosa c’è di eccezionale nei dati interni? Non ci sono costi aggiuntivi. Questi rapporti vengono creati sempre con informazioni utili:

  • Domande dei clienti
  • Moduli di feedback
  • Commenti e reazioni
  • Desideri e reclami dei clienti
  • Rapporti di marketing
  • Risposte via email
  • Rapporti dagli sviluppatori web

Test e velocità del sito

Testare il sito Web prima che venga lanciato è un must! I beta tester forniscono molte informazioni utili. Sono i primi utenti reali. Inoltre, puoi eseguire alcuni test di usabilità con colleghi, amici o fan durante il processo di sviluppo.

Presta attenzione agli elementi chiave come la velocità della pagina, l’ottimizzazione per dispositivi mobili e altri importanti aspetti SEO sulla pagina. L’elenco completo con un’infografica scaricabile si trova nel  terzo capitolo.

Capitolo 8

Ottieni il certificato
[test SEO]

Speriamo che ti sia piaciuta la nostra guida SEO per principianti tanto quanto noi. Ora è il momento di vedere cosa hai imparato facendo un test e ottenendo il nostro certificato SEO. Dita incrociate!

Scaviamo in quello che hai imparato! Metti alla prova le tue abilità SEO e le conoscenze acquisite in un test rapido.

Se superi il quiz, otterrai il certificato SEO Mangools.

1. Che cos’è il SEO?


2. Che cos’è il SEO off-page?


3. La SEO da cappello bianco è:


4. Che cos’è la scansione del sito Web?


5. Che tipo di query di ricerca è “Come prepararsi per un test”?


6. Le meta parole chiave sono ancora importanti per migliorare la SEO?


7. L’uso dei contenuti multimediali è utile per aumentare il coinvolgimento degli utenti?


8. Dove inizieresti a cercare errori tecnici sull’aspetto del tuo sito web nella ricerca di Google?


9. L’indicizzazione mobile-first implica che Google utilizzerà la versione mobile del tuo sito Web per indicizzare e classificare?


10. “Se il contenuto è abbastanza unico, non deve essere ottimizzato.”


11. Google Bots può “leggere” il contenuto in video o immagini incorporati?


12. Aggiunta di quante più parole chiave popolari possibile …


13. Perché dovremmo usare parole chiave a coda lunga?


14. Che cos’è un collegamento follow follow?


15. Quando realizziamo il link building:


16. “UX e SEO sono due giocatori separati, quindi la loro sinergia non porterà alcun risultato positivo.”


17. C’è un modo per misurare UX?


18. Link a livello di sito:


19. Dovresti collegarti ad altri siti web dal tuo articolo?


20. Durante la ricerca di parole chiave, a cosa dovremmo prestare attenzione oltre al volume di ricerca e alla difficoltà della parola chiave?


Capitolo 9

Risorse SEO

Oltre a questa guida SEO per principianti, ci sono molte ottime fonti che ti aiuteranno a imparare il SEO e migliorare le tue capacità di ottimizzazione. Abbiamo scelto quelli migliori per te!

La SEO è un settore in crescita e ci sono letteralmente centinaia di risorse dalle quali puoi imparare: chiunque preferisca blog, e-book, infografiche, forum o seguendo gli esperti. La nota società di marketing online Ignite Visibility ha persino realizzato un film SEO !

Naturalmente, troppe risorse possono essere un po ‘schiaccianti per un principiante SEO in quanto potrebbe essere difficile distinguere i contenuti di qualità da quelli schifosi. Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di dedicare l’ultimo capitolo della nostra guida SEO per principianti alle migliori risorse SEO che abbiamo scelto personalmente!

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close