Cerca

Il glossario dei termini del Content Marketing

Sei mai stato seduto in una riunione di marketing e ti sei sentito sconcertato dal gergo misterioso o dagli acronimi lanciati nella stanza?

Hai assunto la persona che ha detto “Che tipo di contenuto è necessario per la TOFU?” stava parlando di un pranzo vegetariano? Ti chiedi se CTA e CTR fossero reti televisive extra-statali? Preoccupato per il plagio quando uno scrittore ha menzionato il “copywriting”?

Come qualsiasi altra disciplina, il content marketing ha un suo gergo che potrebbe non avere sempre un senso immediato per i neofiti. Aggiungi questo pratico elenco di termini nel glossario di marketing dei contenuti, fai riferimento prima di inviare quel messaggio Slack e presto parlerai come un professionista!

Poiché molti termini di marketing dei contenuti si sovrappongono al marketing generale, conserveremo questo elenco con i cinquanta termini di marketing dei contenuti più comunemente usati di cui dovresti essere a conoscenza.

Sopra la piega

La parte della pagina Web che viene visualizzata nella finestra del browser quando si carica per la prima volta un sito Web è nota come “above the fold”. Questo termine richiama i vecchi tempi dei giornali quando above the fold significava letteralmente il contenuto che appariva sopra la piega del foglio quando era piegato a metà:

Sopra la piega

Online, è la sezione che è prima visibile senza scorrere la pagina. Il motivo per cui questa sezione è così importante è che, poiché è la prima (e forse unica ) cosa che un lettore vede, questo contenuto dovrebbe essere estremamente coinvolgente se vuoi che il visitatore del tuo sito web continui a leggere / scorrere.

Test A / B

Conosciuto anche come split test, il test A / B si riferisce al processo di test di due varianti di un elemento specifico sul tuo sito Web, pagina di destinazione, annuncio, ecc. Mantenendo costante tutto il resto al fine di dedurre quale versione è più efficace.

Ad esempio, puoi provare due varianti del titolo di un post di blog in un periodo di, diciamo, due settimane, per vedere quale ottiene una percentuale di clic più elevata.

Dive Deeper: 5 importanti elementi della pagina di destinazione che dovresti sottoporre a test A / B

Algoritmo (aggiornamenti)

Un algoritmo è semplicemente un insieme di regole che spiega come eseguire un’attività specifica, in particolare quelle eseguite da un computer. Un semplice esempio di ciò è la ricetta (insieme di regole) che segui per cuocere una torta (eseguire un’attività).

Nel marketing, un algoritmo di ricerca è un insieme specifico di regole che un motore di ricerca segue per recuperare e analizzare i dati per determinare la pertinenza delle pagine Web in conformità con la query di ricerca.

In genere, uno dei principali obiettivi alla base del marketing dei contenuti è migliorare le classifiche del tuo sito sui motori di ricerca, in particolare Google.

Poiché Google utilizza un algoritmo abbastanza complesso per valutare e classificare i contenuti, apportano regolarmente modifiche al loro algoritmo di classificazione e questi vengono definiti aggiornamenti dell’algoritmo .

Dive Deeper: che cos’è l’aggiornamento dell’algoritmo di ricerca di Google BERT?

analitica

Il content marketing non riguarda solo processi creativi come la scrittura di post sul blog. Devi usare anche un po ‘di quel succo di cervello sinistro, se vuoi ottenere risultati migliori.

L’analitica è essenzialmente la forma del nome di analisi e significa l’esame sistematico e dettagliato dei dati. Perché un marketer dei contenuti si preoccupa dell’analisi? Bene, come dice il vecchio detto: ciò che viene misurato, viene migliorato.

Strumenti come Google Analytics ti consentono di misurare l’output dei tuoi contenuti per determinare se sta funzionando bene e, in caso contrario, mostrarti dove devi migliorarlo per attirare più traffico, ottenere più condivisioni, guadagnare più conversioni, ecc. Per saperne di più su cosa dovresti misurare, vedi Indicatori chiave di prestazione (KPI) di seguito.

Dive Deeper:  Google Analytics per Content Marketing: come monitorare e migliorare il ROI

Modelli di attribuzione

Le persone di solito non leggono solo un articolo sul tuo blog e decidono di fare affari con te. Se solo fosse così facile! Piuttosto, navigano nel tuo sito Web e nei canali social, imparano di più sulla tua attività e, se tutto va bene, alla fine si convertono in un cliente pagante.

Quindi, come fai a sapere quali di questi canali di marketing (blog, social media, e-mail, pubblicità a pagamento, ecc.) Hanno contribuito alla conversione e di quanto? Immettere il modello di attribuzione , che fa parte dell’analisi sopra menzionata.

Secondo Google, un modello di attribuzione è l’insieme di regole che determina in che modo il credito per vendite e conversioni viene assegnato ai punti di contatto nei percorsi di conversione. È così che saprai quanto business stanno generando i tuoi contenuti.

modellazione dell'attribuzione

ritroso

I backlink sono hyperlink da altri siti Web che conducono al tuo sito Web. In generale, quando si tratta di backlink , tanto più meglio è in termini di ranking dei motori di ricerca e traffico. Tuttavia, la qualità dei collegamenti che rimandano al tuo sito o blog è altrettanto importante, se non di più.

Vale a dire, un paio di backlink da siti Web ad alta autorità superano di gran lunga venti link da siti Web a bassa autorità o spam.

Dive Deeper: la tecnica del grattacielo: come creare backlink di alta qualità per i tuoi contenuti

Bottom of the Funnel (BOFU)

Il fondo dell’imbuto (o, come lo chiamiamo noi professionisti: BOFU) è, letteralmente, il fondo di un imbuto di marketing. È la fase di “impegno” o “acquisto” del processo di acquisto del cliente.

Quando una persona è in questa fase, di solito hanno scoperto un problema che hanno, hanno fatto qualche ricerca sul modo migliore per risolverlo, quindi lo hanno ridotto a prodotti o servizi di alcune aziende.

Vedi sotto per Top of Funnel (TOFU) e Middle of the Funnel (MOFU) .

Imbuto di marketing - 3 fasi (2)

Dive Deeper: come creare l’imbuto di marketing definitivo (modelli inclusi)

Frequenza di rimbalzo

La frequenza di rimbalzo è la percentuale di visitatori che atterrano sul tuo sito Web e poi escono immediatamente (“rimbalzo”) senza interagire con il contenuto o visualizzare qualsiasi altra pagina.

Una frequenza di rimbalzo elevata (oltre il 60%) può apparire negativa ma non è necessariamente una cosa negativa. Ad esempio, se il tuo sito Web è principalmente un blog e se la frequenza di rimbalzo di un post è superiore al solito, forse i tuoi visitatori stanno ottenendo esattamente la risposta che stanno cercando, il che significa un’ottima esperienza utente per loro.

D’altra parte, questo potrebbe non essere il motivo, motivo per cui è importante tenere traccia e analizzare i dati dei tuoi contenuti con Google Analytics o uno strumento simile.

Il viaggio del compratore

Come accennato in precedenza, ogni cliente con cui intrattieni rapporti commerciali ha un percorso unico di conversione. Il viaggio dell’acquirente è il percorso verso quella conversione, mentre ricercano i tuoi prodotti o servizi, li confrontano con alternative concorrenti e si istruiscono prima di prendere una decisione di acquisto finale.

I potenziali clienti hanno requisiti di contenuto diversi nelle diverse fasi del percorso del cliente , quindi è importante personalizzare i contenuti per ogni fase.

Dive Deeper: qual è il contenuto giusto per ogni fase della canalizzazione di marketing?

Buyer Persona

L’acquirente o la persona del cliente è una descrizione vivida e dettagliata dei tuoi clienti ideali, basata su dati dei clienti come dati demografici, titolo professionale, comportamento, punti critici, motivazioni, ecc. Più conosci il tuo pubblico di riferimento, più ciò che la conoscenza consente per creare contenuti pertinenti e personalizzati.

Buyer Persona - Maggie Manager

Dive Deeper: The Ultimate Guide to Developing Personer Buyer (with Templates!)

Call to Action (CTA)

Un CTA è essenzialmente un pulsante o una breve e specifica riga di testo che sollecita l’utente a compiere l’azione desiderata come condividere l’articolo, iscriversi alla newsletter o scaricare un PDF.

Un invito all’azione è in genere uno degli elementi del sito Web che gli esperti di marketing A / B verificano per determinare quale copia, colori o posizione sulla pagina ottiene il maggior numero di clic.

CTA

Dive Deeper: come creare CTA che causano effettivamente un’azione

Percentuale di clic (CTR)

CTR è la percentuale di utenti che fanno clic sul tuo link quando lo vedono. Pertanto, se 100 persone visualizzano il link del tuo sito su Google e 10 persone fanno clic per visitare il tuo sito, il CTR sarebbe del 10%.

Questi dati possono aiutarti a capire quali titoli di contenuti e argomenti di posta elettronica attirano più attenzione.

Controllo dei contenuti

Una verifica dei contenuti è un processo di valutazione approfondita dell’efficacia dei contenuti e delle prestazioni generali per verificare se è possibile apportare modifiche per migliorare i risultati.

Un controllo dettagliato dei contenuti, eseguito su base annuale, può darti grandi spunti sulla tua strategia di marketing dei contenuti.

Dive Deeper: la guida dettagliata alla conduzione di un audit dei contenuti

Curazione del contenuto

La curation dei contenuti è il processo di ricerca e assemblaggio di grandi contenuti su un argomento specifico da varie fonti con l’intento di fornire valore per il tuo pubblico. Contenuti curata spesso si presenta sotto forma di una retata, e soprattutto quando a cura di un esperto, può essere molto utile per il pubblico che non può sempre sapere dove trovare questi contenuti di alta qualità  – o semplicemente non hanno il tempo.

cura del contenuto

Sistema di gestione dei contenuti (CMS)

Un CMS è solo un software che facilita la pubblicazione, la modifica e l’organizzazione del contenuto. I sistemi di gestione dei contenuti più noti e ben progettati  includono WordPress e Squarespace.

Content Marketing

Il content marketing  è un aspetto del marketing digitale che si concentra sulla creazione e distribuzione di contenuti preziosi come post di blog e video per acquisire nuovi clienti.

Dive Deeper: 22 marchi con le migliori campagne di marketing dei contenuti

Strategia di contenuto

Il processo di strategia di tutte le tue attività relative ai contenuti  – tutto da cosa produrre e quando alla creazione e promozione effettive  – è noto come strategia dei contenuti.

Come afferma Ana Gotter, il content marketer : “I grandi contenuti non sono nulla senza una strategia alla base, e questo è il più grande errore di marketing che vedo fare costantemente i marchi…. Una strategia di content marketing è essenziale e dovresti idealmente averne uno in atto prima di iniziare a creare. La tua strategia dovrebbe tenere conto dei tuoi obiettivi di business in modo da poter avere una visione d’insieme di come vuoi raggiungerli. “

Una buona strategia di contenuto include anche l’identificazione di canali appropriati che potrebbero essere più efficaci nell’attirare e coinvolgere i potenziali clienti durante il viaggio dell’acquirente.

Dive Deeper: come sviluppare una strategia di marketing dei contenuti ad alte prestazioni

copywriting

La scrittura effettiva di qualsiasi testo di marketing o pubblicitario (noto anche come “copia”) è nota come copywriting. Copia in genere si riferisce al contenuto testuale che ha lo scopo di guidare direttamente l’azione desiderata dal lettore evidenziando i vantaggi o le caratteristiche del tuo prodotto / servizio.

Al contrario, lo stesso “contenuto” di solito si riferisce a post di blog, immagini e video di natura informativa, educativa o divertente.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Calendario editoriale

Il content marketing consiste nel diffondere costantemente contenuti solidi che sono estremamente preziosi per il tuo pubblico. E per essere coerenti nel corso dei mesi e degli anni, un calendario correttamente pianificato, noto come un calendario editoriale o di contenuti, è un must.

Un calendario editoriale delinea gli argomenti che tratterai, il formato del contenuto (post di blog, infografica, video, ecc.) E quando e dove pubblicare ogni pezzo, aiutandoti così a rimanere concentrato sui tuoi obiettivi di marketing dei contenuti a lungo termine.

Per creare il tuo calendario editoriale, puoi utilizzare uno strumento come CoSchedule o un semplice foglio di calcolo come Fogli di lavoro Google.

Dive Deeper: come trasformare il tuo calendario editoriale in una macchina per contenuti ben oliata

Fidanzamento

No, non stiamo parlando dell’impegno di matrimonio del tuo migliore amico! Nel gergo di marketing, l’impegno si riferisce alla capacità di convincere il pubblico a interagire con i tuoi contenuti in modo significativo, come commentare i tuoi post, condividerli sui social media, rispondere al tuo quiz e, infine,  acquistare il tuo prodotto.

Contenuto sempreverde

Il contenuto che rimane pertinente e utile per il tuo pubblico per gli anni a venire, piuttosto che essere attuale o datato, è chiamato contenuto sempreverde. Il vantaggio di questo tipo di contenuto è che ha un grande valore SEO.

Dive Deeper: come identificare le opportunità di contenuti sempreverdi [podcast]

gamification

La gamification è un modo per rendere le cose più interessanti per il tuo pubblico integrando meccanismi simili a giochi – premi, badge, livellamento, guadagno punti e classifica nelle classifiche – per incoraggiare il coinvolgimento e la fedeltà al marchio.

Ad esempio, Starbucks utilizza la gamification con la sua app mobile che ti premia con bevande e prodotti alimentari gratuiti per raggiungere un certo numero di stelle:

App Starbucks

Contenuto recintato

I contenuti recintati sono contenuti esclusivi e di alta qualità che non sono disponibili per tutti coloro che visitano semplicemente il tuo sito Web. Al contrario, è accessibile solo ai visitatori che sono disposti a scambiarsi i loro preziosi dati personali (come nome e indirizzo e-mail).

L’hosting di contenuti gated è un modo collaudato per aumentare la generazione di lead.

Pubblicazione degli ospiti

Un modo antico per guadagnare backlink (vedi “Backlink” sopra) e una maggiore visibilità del marchio per il tuo sito web sta contribuendo con articoli di qualità ad altri siti Web e pubblicazioni. Questo è noto come guest post e oltre a migliorare le classifiche su Google, aiuta anche a creare fiducia con il nuovo pubblico.

Ecco alcuni altri vantaggi della pubblicazione degli ospiti :

vantaggi per la pubblicazione degli ospiti

Dive Deeper: il potere del guest blogging (e come iniziare!)

Hashtag

Le piattaforme di social media come Twitter e Instagram hanno reso popolare l’uso dell’hashtag, che essenzialmente sono solo parole con un cancelletto (#) davanti a loro. Gli hashtag sono inclusi nelle didascalie dei post per associarli a contenuti simili sul Web.

Oltre ad essere alla moda , gli hashtag migliorano la visibilità di un post, poiché puoi cercare hashtag sui motori di ricerca o sui social media per trovare contenuti correlati. Ad esempio, puoi cercare #olympics per trovare tutti i contenuti relativi alle Olimpiadi su Twitter o Instagram.

Hypertext Markup Language (HTML)

HTML è il linguaggio universale standard usato per creare ogni sito Web o pagina Web che vedi su Internet. Viene utilizzato per fornire struttura al contenuto di un sito Web come l’aggiunta di paragrafi, titoli e immagini.

Ecco un esempio del paragrafo precedente in HTML:

HTML

Per la maggior parte dei marketer e dei blogger di contenuti, ti atterrai alla scheda “visiva” di WordPress e non ti avventurerai mai nella scheda “testo”.

Marketing in entrata

Il marketing in entrata è un approccio al marketing in cui ti concentri sulla creazione di contenuti utili che attirano il pubblico sul tuo sito Web anziché utilizzare annunci di disturbo per attirare la loro attenzione con forza.

Il content marketing si allinea perfettamente con il marketing inbound ed entrambi hanno lo stesso obiettivo di guadagnare la fiducia del pubblico fornendo valore.

Dive Deeper: che cos’è il marketing in entrata?

Infografica

Le infografiche sono elementi visivi impressionanti che forniscono informazioni su un determinato argomento in modo semplice e intuitivo. Di solito sono pieni di statistiche e fatti (piuttosto che tonnellate di testo) intrecciati con deliziose illustrazioni per spiegare un’idea elegantemente e in modo nitido.

Ecco un esempio di infografica sul content marketing:

content marketing IG

parole

Una parola chiave è una parola o una breve frase che può essere utilizzata per riassumere il contenuto di una pagina Web. In termini di SEO, le parole chiave vengono immesse nella barra di ricerca dagli utenti per trovare contenuti su un argomento specifico e i motori di ricerca li utilizzano per determinare l’argomento di una pagina Web. Ad esempio, la parola chiave di questo post del blog potrebbe essere “content marketing” o “glossario dei contenuti”.

La parola chiave principale di un post o di una pagina di blog è posizionata strategicamente nel titolo, nei sottotitoli e sparsa in tutto il contenuto. Tuttavia, l’uso eccessivo di parole chiave può essere visto come riempimento di parole chiave e può danneggiare il posizionamento dei motori di ricerca.

Dive Deeper: un blog dovrebbe concentrarsi su una parola chiave o più parole chiave per SEO?

Indicatori di prestazioni chiave (KPI)

I KPI sono un insieme di metriche quantificabili, come nuovi utenti, costo per lead e percentuale di clic, che vengono utilizzati per valutare le prestazioni di marketing rispetto a obiettivi aziendali specifici.

Dive Deeper: i principali KPI di marketing che ogni azienda B2B deve tenere traccia

Pagina di destinazione

Una landing page è una pagina web su misura per indurre i visitatori a intraprendere un’azione specifica. Potrebbe contenere un modulo destinato a catturare informazioni sui visitatori e convertirle in lead, spesso offrendo contenuti recintati come una guida o un white paper, in cambio di informazioni di contatto.

Ogni landing page ha un obiettivo specifico come vendere un prodotto, guardare un video o ottenere iscrizioni alla newsletter. La landing page può essere molto corta o piuttosto lunga, ma dovrebbe avere solo un obiettivo e un CTA.

uber-landing-page

Dive Deeper: la guida definitiva alla creazione di una landing page ad alta conversione nel 2020

Conduce

I lead sono persone che hanno il potenziale per trasformarsi in clienti o utenti paganti per la tua azienda. In altre parole, si tratta di persone che mostrano interesse per ciò che hai da offrire facendo clic su un invito all’azione, fornendo così i loro contatti o informazioni personali.

Il contact marketing è eccellente per il lead-gen perché, “a differenza di altre strategie di generazione di lead, il content marketing  offre ai potenziali clienti, invece di chiedere loro qualcosa”.

Dive Deeper: le migliori tattiche di generazione di lead per il marketing di contenuti, e-mail e social media

Costruendo collegamenti

Come accennato in precedenza durante la discussione dei backlink, i link sono la valuta dei creatori di contenuti online: più sono, meglio è. I backlink di siti di alta autorità e di alta qualità possono aiutare a migliorare le classifiche dei motori di ricerca del tuo sito web come nient’altro.

La creazione di collegamenti è il processo per ottenere sempre più collegamenti al tuo sito con vari mezzi come la pubblicazione degli ospiti, la divulgazione di blogger, la promozione di risorse collegabili (come una guida dettagliata) e altro ancora.

Dive Deeper: The Marketer’s Guide to Link Building

Parole chiave a coda lunga

Le parole chiave a coda lunga sono frasi più precise anziché solo una o due parole. E più specifica è una query di ricerca, minore è il volume di ricerca per quella frase, il che significa che è più facile posizionarsi in cima a quelle frasi specifiche.

Ad esempio, “acquista scarpe sportive” è una frase chiave più generica, ma una variante della coda lunga potrebbe essere qualcosa di simile al “miglior posto dove comprare scarpe da corsa nere” che, se incorporato strategicamente nei tuoi contenuti, potrebbe facilmente portare a classifiche su Google. Le parole chiave a coda lunga sono il modo migliore per potenziare la tua strategia SEO.

parole chiave a coda lunga

Dive Deeper: perché dovresti usare parole chiave a coda lunga nella tua campagna SEO

Metrica

Le metriche sono simili agli indicatori chiave di prestazione in quanto sono misure quantificabili che tengono traccia delle prestazioni aziendali. Gli indicatori chiave di prestazione, tuttavia, fanno un ulteriore passo in avanti aiutandoti a valutare se hai raggiunto i tuoi obiettivi, piuttosto che semplicemente monitorarli. Ecco una rapida occhiata alla differenza tra metriche e KPI :

Metrics-v-KPI

Middle of the Funnel (MOFU)

Il centro dell’imbuto (MOFU) è proprio quello che sembra: la parte centrale di un imbuto di marketing. È la fase di “interesse” o “valutazione” del processo di acquisto del cliente.

Quando una persona è in questa fase, di solito ha scoperto un problema che ha e ora sta cercando opzioni per risolverlo, ma non lo ha ancora ridotto al punto da effettuare un acquisto.

Vedi sotto per la parte superiore dell’imbuto (TOFU) e sopra per la parte inferiore dell’imbuto (BOFU) .

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Indicizzazione Mobile-First

Nel 2016, Google ha aggiornato il loro algoritmo per eseguire la scansione e classificare le versioni mobili dei siti Web anziché le versioni desktop, quindi se il tuo sito mobile non è conforme ai loro standard, potresti avere grossi problemi dal punto di vista del traffico.

I fattori di posizionamento mobile che creano un’esperienza utente positiva come il caricamento rapido e le immagini di qualità miglioreranno il tuo posizionamento. I fattori di classifica mobile che danneggiano l’esperienza dell’utente come errori e pulsanti difficili da fare clic abbasseranno il tuo grado.

Dive Deeper: indicizzazione mobile-first: ciò di cui hai bisogno per migliorare il posizionamento del tuo sito

Newsjacking

Quando c’è una notizia che si sta diffondendo come un incendio e si agisce prontamente per creare alcuni contenuti preziosi intorno ad esso, c’è un’alta probabilità che i tuoi contenuti attirino molta attenzione. Il tuo post sul blog potrebbe anche essere descritto nelle notizie dai giornalisti, il che aumenterebbe esponenzialmente la visibilità del tuo marchio.

Inoltre, come ci si aspetterebbe, tali contenuti potrebbero avere un posizionamento elevato nei risultati di ricerca e generare molto traffico istantaneo. Il newsjacking è un ottimo modo per ottenere la consapevolezza del marchio e le condivisioni social con poco sforzo, come ha dimostrato Oreo con il loro ormai classico newsjack Superbowl .

Superbowl Oreo

Dive Deeper: come Newsjack: una guida per i marketer dei contenuti

Ottimizzazione off-page

Come qualsiasi altra attività, desideri che il tuo sito Web sia in cima ai risultati di ricerca. L’ottimizzazione off-page si riferisce ad attività di marketing che non vengono eseguite direttamente sul tuo sito Web, ma facilitano comunque classifiche e autorità migliori. Notevoli tecniche di ottimizzazione off-page includono la creazione di link, commenti su blog, divulgazione di influencer e pubblicazione di forum.

Ottimizzazione sulla pagina

L’ottimizzazione on-page, d’altra parte, sono quelle tecniche SEO eseguite direttamente su un sito Web per migliorare il posizionamento nei motori di ricerca. Ciò include l’ottimizzazione di tag del titolo, meta descrizioni, collegamenti interni, contenuti e URL.

Una combinazione strategica di ottimizzazione off-page e on-page è il modo in cui la maggior parte delle aziende crea la propria autorità online.

Owned Media

Tutto il contenuto controllato dal tuo marchio comprende tutti i tuoi media di proprietà e include il tuo sito Web, blog e profili di social media. Il contenuto che contribuisci ad altre pubblicazioni non è di proprietà dei media, perché non è più completamente sotto il tuo controllo. Certo, ci vuole molto tempo e fatica, ma a lungo termine i media di proprietà sono un must per stabilire un’autorità di marchio online sostenibile.

In confronto, i media organici includono SEO, content marketing e post sui social media (ma non post sponsorizzati) e  i media a pagamento si  riferiscono a qualsiasi contenuto collocato al di fuori del proprio immobile per il quale si paga, come annunci PPC, annunci display e annunci di ricerca.

PageRank

PageRank è il nome dell’algoritmo principale utilizzato da Google per classificare i siti Web nei risultati di ricerca. Prende il nome da Larry Page, il co-fondatore di Google. Anche se il famoso punteggio PageRank non è più pubblicamente visibile, questo algoritmo è ancora considerato la spina dorsale che decide la pertinenza e l’importanza di una pagina Web nei risultati di ricerca.

Personalizzazione

Tutti apprezzano l’attenzione personalizzata e nessuno dei tuoi clienti vuole essere trattato come un cliente unico. Pertanto, personalizzare i contenuti in modo che corrispondano a segmenti specifici del pubblico può fare una grande differenza nel ROI del marketing.

Se pensi a aziende come Netflix o Amazon, capirai quanto sia efficace la personalizzazione: entrambi questi marchi tengono traccia dei film che hai visto o dei prodotti acquistati (o addirittura navigati) sul loro sito e, in base su tali dati, ti inviano consigli specifici e pertinenti che potrebbero piacerti.

Dive Deeper: come utilizzare la personalizzazione per aumentare l’impatto dell’email marketing

Podcast

Nella vita frenetica di oggi, le persone spesso non hanno il tempo di leggere contenuti testuali. Molte persone preferiscono ascoltare i tuoi contenuti durante il pendolarismo, per esempio. Ecco dove entrano in scena i podcast. Un podcast è solo contenuto audio che puoi ascoltare su richiesta.

Lanciare un podcast è facile, ma tenerlo mentre si pubblicano contenuti regolari sul tuo sito Web e sui social media può essere una sfida.

Dive Deeper: Podcast Production 101: la guida completa per iniziare il tuo show

Responsive Design

I siti Web responsive sono quelli che adattano automaticamente tutto il loro contenuto alle dimensioni del dispositivo. Un design reattivo garantisce ai visitatori un’esperienza di navigazione del sito Web ugualmente buona sia su un grande computer desktop che su un piccolo schermo per smartphone. Se i visitatori del tuo sito devono pizzicare e ingrandire lo schermo o scorrere in orizzontale, il tuo sito Web non risponde.

Non solo è probabile che oltre la metà del tuo pubblico stia utilizzando un dispositivo mobile come uno smartphone o un tablet per consumare i tuoi contenuti, ma un sito Web reattivo converte meglio di uno non reattivo.

reattivo-vs-non-responsive-web-design

Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)

L’uso delle tecniche di ottimizzazione off-page e on-page descritte sopra per ottenere il posizionamento del tuo sito Web nella prima pagina delle SERP è noto come ottimizzazione dei motori di ricerca o SEO.

In altre parole, è pratica migliorare la visibilità di un sito Web nei risultati di ricerca organici (non pagati) di un motore di ricerca creando backlink, incluse parole chiave pertinenti, pubblicando contenuti utili e così via.

Dive Deeper: 9 efficaci tecniche SEO per guidare il traffico organico nel 2020

Pagina dei risultati dei motori di ricerca (SERP)

La pagina piena di collegamenti forniti da un motore di ricerca in risposta a una query di ricerca viene comunemente definita SERP. Di solito, ogni voce del motore di ricerca è costituita da un titolo, una breve meta descrizione del contenuto con parole in grassetto che corrispondono alla query di ricerca e l’URL del sito Web.

SERP

Contenuto snack

I contenuti testuali o visivi in ​​forma abbreviata come brevi post di blog, infografiche e video progettati per trasmettere in modo succinto l’essenza dell’argomento sono spesso definiti contenuti appetibili.

In questi tempi di schermi più piccoli e tempi di attenzione più brevi, creare contenuti brevi e facilmente digeribili che rinforzi la voce del tuo marchio è una grande idea.

Narrativa

Solo perché sei un imprenditore o un marketer di contenuti non significa che non hai una storia da raccontare. Lo storytelling nel content marketing è un modo potente di scrivere che coinvolge una narrativa ben ponderata che consente ai lettori di relazionarsi a livello emotivo con un business e vedere i benefici delle sue offerte.

Le storie avvincenti coinvolgono i potenziali clienti, accendono le loro emozioni e incoraggiano la fedeltà al marchio.

Dive Deeper: 7 esempi di contenuti narrativi che puoi utilizzare nelle tue campagne di marketing

Top of the Funnel (TOFU)

La parte superiore dell’imbuto di vendita (TOFU) si riferisce alla fase di “consapevolezza” del viaggio dell’acquirente in cui i potenziali clienti hanno incontrato per la prima volta il tuo sito Web o la tua attività. Stanno cercando informazioni più generali su un argomento particolare e potenziali soluzioni ai loro problemi.

La pubblicazione di contenuti informativi, educativi e divertenti può aiutare a guidarli lungo la canalizzazione di vendita alle fasi successive, convertendoli infine in clienti.

Vedi sopra per il fondo dell’imbuto (TOFU)  e il  mezzo dell’imbuto (MOFU) .

Visualizzazioni di pagina uniche

Secondo Google, le “visualizzazioni di pagina” come metrica sono definite come il numero totale di pagine visualizzate in un periodo di tempo specifico. Le “visualizzazioni di pagina uniche” sono le visualizzazioni di pagina combinate di un singolo utente durante la stessa sessione.

Pertanto, se un utente visita la stessa pagina tre volte in una singola sessione, verrà misurato come tre visualizzazioni di pagina ma solo una visualizzazione di pagina unica.

Proposta di vendita unica (USP)

USP è ciò che rende unico il tuo prodotto o servizio e qualcosa che nessuno dei tuoi concorrenti offre.

Ad esempio, dai un’occhiata a questi tre negozi di scarpe e vedi cosa distingue ciascuno di essi:

  • Il punto di forza unico di Zappos è: resi gratuiti.
  • L’ unico punto di forza di Toms Shoes è: per ogni paio di scarpe che un cliente acquista, l’azienda dona un paio a un bambino bisognoso.
  • L’ unico punto di forza di Nike è: scarpe da ginnastica di alta qualità con importanti sponsorizzazioni con atleti famosi.

Contenuto generato dall’utente (UGC)

Qualsiasi contenuto che commercializza direttamente o indirettamente la tua attività e che non è stato creato da te (o dal tuo team) è chiamato contenuto generato dall’utente o CGU. In altre parole, contenuti come post di blog, foto, meme, video e GIF creati e pubblicati online dal tuo pubblico o dai clienti che non sono pagati è UGC.

Una foto Instagram di un cliente che utilizza il tuo prodotto, un tweet che menziona il tuo marchio o una recensione del prodotto su Yelp costituiscono tutti UGC. Questo è più autentico dei contenuti generati dal business, quindi crea prove sociali e fiducia.

Dive Deeper: 8 modi per incoraggiare più contenuti generati dagli utenti (UGC)

Virale

Questo probabilmente non ha bisogno di spiegazioni, ma se i tuoi contenuti diventano “virali” su Internet, significa che ha guadagnato molta attenzione attraverso la condivisione sociale (passaparola online).

Ad esempio, se crei un meme relativo al tuo settore e diventa virale , significa che è così divertente, intelligente o pertinente o toccante che tutti sono costretti a condividerlo su varie piattaforme social, che guadagnano molta attenzione e quindi, il traffico.

Dive Deeper: dalla A alla Z del marketing virale (+ infografica)

Carta bianca

Un white paper è un contenuto testuale, spesso recintato, che educa il pubblico fornendo analisi e ricerche complete su un particolare argomento di cui la tua azienda è esperta. Viene solitamente offerto come risorsa scaricabile in cambio dell’indirizzo email del potenziale cliente, convertendoli in vantaggio.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close