Cerca

Il futuro dell’E-Commerce: Le tendenze dell’E-Commerce da tenere d’occhio nel 2020

Il futuro dell'eCommerce: tendenze dell'eCommerce da tenere d'occhio nel 2020

Il monitoraggio delle tendenze dell’e-commerce non dovrebbe essere solo un hobby. Ogni tendenza deve essere analizzata e adottata a tempo debito se davvero  spingerà il tuo marchio e-commerce in avanti  , altrimenti corri il serio rischio di rimanere drasticamente indietro rispetto alla concorrenza.

Mentre passiamo al 2020, ecco 15 tendenze di e-commerce da tenere d’occhio nel 2020 e oltre.

Di fretta, ecco un elenco delle tendenze dell’eCommerce per il 2020:

  1. L’ascesa del mercato dell’usato noto anche come “re-commerce”
  2. Le opzioni di adempimento si espandono
  3. PWA per eCommerce è previsto
  4. Le prime aziende di eCommerce scelgono il mattone e il mortaio
  5. I prezzi dinamici favoriscono vendite e profitti ottimali
  6. Adottare la mentalità fast-fashion
  7. Fornire un viaggio multipiattaforma con messaggistica specifica per piattaforma
  8. Riproposizione di contenuto intenzionale
  9. L’esplosione del commercio sociale
  10. Il carrozzone del servizio di abbonamento prosegue
  11. La consegna del drone arriva finalmente
  12. L’eCommerce è senza testa
  13. Le conversazioni in tempo reale, i chatbot e l’intelligenza artificiale diventeranno una parte standard del toolkit di eCommerce
  14. Un focus verso Direct-to-Consumer (D2C)
  15. Gli assistenti domestici intelligenti e i sistemi di riconoscimento vocale emergeranno come un nuovo campo di battaglia e-commerce

La guida definitiva per far crescere e ridimensionare un business e-commerce

Tutto ciò che abbiamo appreso durante il nostro viaggio di oltre 18 anni in una guida PDF di 30.000 parole.

[Tendenza e-commerce n. 1] L’ascesa del mercato dell’usato noto anche come “re-commerce”

Chiamalo e-commerce di seconda mano, re-commerce o con qualsiasi altro nome, il mercato online dei prodotti usati non è mai stato così grande.

Secondo i dati raccolti da Thredup , il mercato dell’usato è pronto a esplodere negli anni a venire :

tendenze e-commerce per il 2020: l'ascesa del mercato dell'usato noto anche come "recommerce"

Numerosi fattori contribuiscono a questa tendenza crescente, tra cui:

  • Una maggiore attenzione alla sostenibilità
  • La capacità di ottenere prodotti ricercati per meno soldi
  • La necessità di stare al passo con le tendenze della moda e di altri settori

Mentre ci spostiamo verso il 2020, è chiaro che il mercato dei beni usati è ancora vivo e vegeto. Da siti di nicchia come Poshmark a piattaforme più generali come Facebook Marketplace, la domanda di beni di seconda mano è diffusa in lungo e in largo.

Cosa fare

Se vendi merci che possono essere restituite e rivendute senza perdere la qualità, entra in questa tendenza in crescita.

Naturalmente, molte cose vengono fatte in questo modo in modo da fornire valore ai tuoi clienti ed è redditizia per la tua azienda.

Ad esempio, dovrai pensare a:

  • Se i tuoi clienti acquisteranno oggetti usati (e quali)
  • In che modo rimborserai gli articoli restituiti nel tuo negozio (ad es. Denaro contante o credito del negozio?)
  • Il costo della ristrutturazione e della preparazione dei prodotti per la rivendita rispetto al prezzo che otterrai per la rivendita

Un altro fattore da considerare è come sarai in grado di commercializzare la tua nuova iniziativa di re-commerce:

Ti concentrerai su sostenibilità, costi inferiori o altre proposte di valore?

Ad esempio, Poshmark si concentra fortemente sulla costruzione di una comunità di fashioniste affini attraverso i suoi servizi di seconda mano:

tendenze e-commerce per il 2020: Poshmark punta sulla costruzione di una comunità

Ancora una volta, tutto dipende da cosa vendi e da chi. La chiave non è “andare di seconda mano” perché lo fanno altre aziende; deve farlo perché avrà un impatto positivo sull’esperienza dei tuoi clienti con il tuo marchio (… ahem e i profitti della tua azienda).

 

[Tendenza e-commerce n. 2] Le opzioni di adempimento si espandono

Delle molte ragioni che i consumatori online danno per abbandonare il loro carrello , alcune delle scuse più comuni ruotano attorno ai problemi di realizzazione.

Più specificamente, stiamo parlando di:

  • Spese di spedizione
  • Tempi di spedizione lunghi
  • Mancanza di opzioni di consegna

Certo, è impossibile piacere a tutti in questo senso – e farlo in modo proficuo.

Per le aziende di e-commerce con sedi in mattoni e malta, esiste una soluzione semplice.

Cosa fare

Offri ai tuoi clienti un’opzione di acquisto online, ritiro in negozio (BOPS).

Questo è tutto.

Ironia della sorte, mentre l’intera premessa dell’eCommerce è quella di consegnare gli articoli a casa propria, a volte può essere più conveniente consentire ai tuoi clienti di ritirare il loro ordine nel luogo fisico più vicino.

Per i marchi senza una sede fisica, potresti prendere in considerazione la possibilità di collaborare con le aziende esistenti per soddisfare i clienti BOPS  ,  come Amazon e Kohls .

Guardando il quadro generale, vuoi anche fare tutto il possibile per mitigare eventuali problemi che i tuoi clienti potrebbero avere con le tue politiche di spedizione o di restituzione . Meno attrito provano i tuoi clienti quando ricevono i loro ordini, più è probabile che continueranno a fare affari con te.

 

[Tendenza eCommerce n. 3] Si prevede la PWA per l’eCommerce

Una web app progressiva è un sito web mobile che ha l’aspetto di un mobile app nativa.

Mentre siti Web come Twitter e Gmail usano la tecnologia PWA da un po ‘di tempo, stiamo iniziando a vederlo sanguinare anche in molti siti Web di e-commerce popolari.

Aliexpress, ad esempio, ha aperto la strada all’uso dei PWA nell’e-commerce con grande successo .

tendenze e-commerce per il 2020: PWA è previsto

Fonte )

L’obiettivo generale dell’implementazione della tecnologia PWA è garantire l’usabilità ottimale del tuo sito e-commerce su tutti i dispositivi mobili. Ecco perché la parte nativa dell’equazione è così importante:

La tecnologia PWA garantisce che l’aspetto del tuo sito Web corrisponda a quello delle app native sul dispositivo in uso .

In altre parole, fa apparire i siti come app Android se visualizzati su dispositivi Android e app iOS se visualizzati su dispositivi Apple.

Questo, ovviamente, consente un’esperienza più comoda e ottimizzata per gli utenti di qualsiasi dispositivo, senza richiedere loro di scaricare effettivamente un’app.

Cosa fare

Per essere schietto:

Investi nella tecnologia PWA.

Man mano che sempre più consumatori iniziano ad aspettarsi un’esperienza omnicanale dai loro marchi preferiti, l’uso delle PWA nell’eCommerce sarà presto visto non come “un qualcosa in più”, ma come una parte essenziale dell’esperienza del cliente.

Ancora più importante, presta attenzione al motivo per cui i PWA stanno prendendo piede in primo luogo e assicurati di portare queste qualità al tuo sito Web in ogni modo possibile. Cose come la velocità del sito, la navigabilità e la funzionalità sono fondamentali per il successo dell’e-commerce nel 2020 e oltre.

 

[Tendenza eCommerce n. 4] Le prime aziende eCommerce scelgono il mattone e il mortaio

Deirdre O’Donoghue di G2 ritiene che “il 2020 sarà l’anno in cui i marchi di e-commerce si appoggeranno allo spazio esperienziale di mattoni e malta”.

tendenze e-commerce per il 2020: aspettatevi più negozi popup

Mentre l’approccio tradizionale alla vendita al dettaglio continua a declinare in termini di efficacia, la vendita al dettaglio di mattoni e malta sta attualmente vivendo una sorta di rinascita. In alcuni casi, come nel caso di Toys R Us e GameStop, le aziende stanno persino decidendo di chiudere il negozio e reinventare completamente la loro esperienza di costruzione.

La ragione principale di ciò è che il consumatore non ha più bisogno di visitare la sede principale per effettuare un acquisto; possono semplicemente farlo online. Stando così le cose, il consumatore moderno, quando visita un negozio di mattoni, sta cercando molto di più dall’esperienza.

Cosa fare

Come spiega O’Donoghue, i marchi di eCommerce che offrono ai clienti esperienze del mondo reale saranno quelli che prospereranno nel 2020 e oltre.

Per le aziende solo e-commerce, ciò può significare la creazione di negozi pop-up , eventi di co-sponsorizzazione o collaborazione con rivenditori affermati (come hanno fatto Sephora e JCPenney).

Tendenze e-commerce per il 2020: più negozi pop-up

Fonte / Negozi pop-up continueranno a prosperare nel 2020)

Per i marchi che attualmente operano in mattoni e malta (o stanno pensando di fare il salto), assicurati che le tue sedi fisiche forniscano un fattore X unico e prezioso ai tuoi clienti.

Ovviamente, ciò risale al dare ai tuoi clienti ciò che stanno cercando in un determinato momento.

Alcuni esempi:

  • Fornire un servizio di ritiro rapido per gli ordini BOPS
  • Creazione di eventi ed esperienze una tantum in singoli luoghi di mattoni e malta
  • Personalizzazione dell’esperienza in negozio tramite il marketing di prossimità (ad es. Geofencing e beacon)

O’Donoghue chiarisce:

 

“Se stai cercando di anticipare la curva dell’eCommerce, scopri in che modo i tuoi fedelissimi vogliono interagire con il tuo marchio e costruire un’esperienza completa che gli consente di farlo”.

 

 

[Tendenza eCommerce n. 5] I prezzi dinamici favoriscono vendite e profitti ottimali

Probabilmente sai che l’ottimizzazione dei prezzi dei tuoi prodotti non è semplice come la concorrenza.

In effetti, seguendo questa strada inizierà solo una “corsa verso il basso”, che alla fine svaluterà i tuoi prodotti, nel complesso.

Il miglior modo di agire, come spiega Yigit Kocak di Prisync , è quello di valutare i tuoi prodotti in base al contesto:

 

“Per distinguersi in questo ambiente altamente competitivo, le aziende di e-commerce devono monitorare i prezzi dei loro concorrenti, analizzare la domanda stagionale e storica e reagire a queste intuizioni quasi in tempo reale.”

 

tendenze e-commerce per il 2020: prezzi dinamici

Cosa fare

In breve:

Adottare tecnologie e strategie di determinazione dei prezzi dinamiche .

L’obiettivo qui è quello di essere in grado di fissare il prezzo ottimale per un determinato prodotto in qualsiasi momento. Per “ottimale” intendiamo il prezzo al quale hai le migliori possibilità di vendere il tuo prodotto e ottenere il massimo profitto dalla vendita .

Per fare ciò, dovrai avere accesso ai dati relativi ai prezzi della concorrenza, alla domanda del mercato e al valore percepito dei tuoi prodotti. Inoltre, questi dati devono essere forniti e trattati in tempo reale per essere utili a tutti.

Mentre ci spostiamo nel 2020 e oltre, è probabile che prezzi veramente personalizzati continueranno a essere qualcosa su cui lottare.

Tendenze e-commerce per il 2020: esempio di prezzi dinamici

Fonte / Sebbene nulla di nuovo per il settore aereo, i prezzi dinamici diventeranno più diffusi in tutto il mondo dell’eCommerce nel 2020)

Il primo passo verso il prezzo 1: 1 è quello di abbracciare il prezzo dinamico il più rapidamente possibile.

 

[Tendenza e-commerce n. 6] Adozione della mentalità fast-fashion

Non si può negare che il settore dell’eCommerce di fast fashion sia esploso in modo assoluto negli ultimi anni.

In effetti, un rapporto di McKinsey & Company prevedeva che l’industria sarebbe cresciuta dal 3,5 al 4,5% per tutto il 2019.

Come sottolinea Econsultancy , ci sono quattro ragioni principali per cui le società di fast-fashion come Zara e H&M hanno sperimentato tale crescita negli ultimi anni:

  • Velocità e agilità (in termini di sviluppo del prodotto e evasione degli ordini)
  • Approvazioni di influenza
  • Vendite sociali (di cui parleremo più avanti)
  • Sostenibilità

Sfruttando questi fattori e opportunità, le aziende di fast-fashion hanno iniziato a riscuotere un enorme successo sia online che offline.

Cosa fare

Indipendentemente dal settore in cui opera il tuo marchio, dovresti mirare a prendere una pagina dal playbook fast fashion in qualsiasi modo possibile.

Per quanto riguarda la velocità e l’agilità, pensa a come ridurre al minimo gli sprechi e / o il consumo di risorse senza sacrificare la qualità del prodotto o dell’esperienza . L’approccio just-in-time di Zara allo sviluppo e alla realizzazione garantisce che l’azienda abbia sempre esattamente la quantità di risorse necessarie in qualsiasi momento.

Ciò va di pari passo con la sostenibilità, di cui abbiamo discusso in precedenza.

L’idea è di cercare modi per creare di più usando meno.

Ecco cosa ha detto Casey Armstrong di ShipBob al riguardo:

“Altri marchi di eCommerce lanceranno prodotti per creare clienti abituali con acquisti ricorrenti, in modo simile al modo in cui il software genera entrate ricorrenti. Ciò rende le loro attività più prevedibili e stabili. Al di fuori di questo business intelligente, l’afflusso della concorrenza in quasi tutti i settori verticali e l’aumento dei costi di acquisizione dei clienti, i marchi di e-commerce devono aumentare il valore della vita dei clienti. Ciò è necessario (per molti) per avere un ROI positivo sulla spesa per marketing e vendite e per separarsi dalla concorrenza ed espandere il proprio marchio “.

 

Tendenze e-commerce per il 2020: adozione della mentalità fast-fashion

 

[Tendenza eCommerce n. 7] Fornire un viaggio multipiattaforma con messaggistica specifica per piattaforma

Consentiamo a Mark Patchett di The Ecommerce Academy di scomporlo per noi:

 

“2020 per l’e-commerce è tutto sull’onnipresenza. Il percorso del cliente è ora tutt’altro che lineare; non è solo multi-dispositivo, ma multipiattaforma. I tuoi potenziali clienti rimbalzeranno da Facebook, Instagram e Snapchat a e-mail, FB Messenger, di nuovo a SMS … e così via. Il 2020 sarà incentrato sul raggiungimento dell’efficienza multicanale e sull’elaborazione di messaggi specifici della piattaforma per essere nel posto giusto, al momento giusto, con il giusto gancio di guida per l’azione “.

 

Tendenze e-commerce 2020: viaggio multipiattaforma, che significa messaggio multipiattaforma

Cosa fare

È importante attirare l’attenzione su una delle ultime cose menzionate da Patchett: “Messaggi specifici della piattaforma”.

Parte di ottenere il messaggio giusto per la persona giusta al momento giusto è sapere come riceveranno meglio quel messaggio nel momento in questione .

Come semplice esempio, un individuo potrebbe essere felice di ricevere una newsletter informativa più lunga tramite e-mail, ma preferirebbe ricevere informazioni di risposta rapida tramite notifica push o SMS. Se dovessero ricevere un messaggio prolisso via SMS, probabilmente finirebbero per ignorarlo.

Il punto è che, quando si adotta un approccio multicanale o multicanale all’eCommerce , è necessario sapere come utilizzare ciascun canale per a) provvedere al cliente come desidera e b) interagire con loro e alimentarlo ulteriormente verso la conversione .

 

[Tendenza eCommerce n. 8] Riproposizione di contenuti mirati

La richiesta dei consumatori moderni di contenuti di alta qualità non è mai stata così elevata.

Per la moderna azienda di eCommerce, questo a sua volta significa che dovrai produrre più contenuti di alta qualità che mai. Naturalmente, questo è molto più facile a dirsi che a farsi; i contenuti di alta qualità non sono solo qualcosa che puoi montare con un semplice tocco di un interruttore.

Al posto del tentativo (e probabilmente del fallimento) di estrarre nuovi contenuti giorno dopo giorno, molte aziende di e-commerce hanno scoperto il vero valore del riutilizzo dei contenuti.

Scott Ellis di Lifestyle Frisco spiega:

 

“Dato che la cotta della creazione di contenuti si fa sentire e ai marketer viene chiesto di fare di più con meno (meno budget, meno persone, ecc …) la riproposizione dei contenuti sembrerà meno un imbroglio e più un marketing intelligente.”

 

Tendenze e-commerce per il 2020: rielaborazione dei contenuti

Cosa fare

Il punto di riqualificare i contenuti è consentire al tuo pubblico di ricevere le informazioni che hai per loro, comunque desiderino riceverle.

Come spiega Ellis, persone diverse imparano e cercano contenuti in modi diversi. Fornendo informazioni ai tuoi singoli clienti in un formato che funziona meglio per loro , aumenterai le possibilità che in realtà interagiranno con essi in primo luogo.

Ora, è importante notare che riutilizzare il contenuto non significa copiarlo direttamente. Piuttosto, implica l’utilizzo di un pezzo di contenuto come framework per un altro pezzo di contenuto, creato in un formato diverso.

Ad esempio, crei un video con un influencer che dimostra l’uso del tuo prodotto. Sebbene questo contenuto sia prezioso in sé, potresti anche riutilizzarlo in diversi modi, come ad esempio:

  • Un PDF o un’infografica che fornisce istruzioni dettagliate su come utilizzare il prodotto
  • Un’intervista dietro le quinte o di follow-up con l’influencer in formato podcast
  • Un post di blog collaborativo con l’influencer che si concentra sulle migliori pratiche per l’utilizzo del prodotto
Curiosità: una piattaforma di commercio senza testa ti consente di creare i tuoi contenuti una volta, quindi adattarli a piattaforme diverse, se necessario. Più su questo più tardi.

 

[Tendenza e-commerce n. 9] L’esplosione del commercio sociale

Il commercio sociale, ovvero il processo di acquisto diretto su piattaforme di social media, ha continuato a guadagnare terreno negli ultimi anni.

Questa tendenza continuerà assolutamente nel corso del 2020.

A guidare la carica nel mondo dell’eCommerce occidentale sono piattaforme come Instagram Shopping, così come il Checkout appena rilasciato su Instagram.

Tendenze e-commerce per il 2020: l'ascesa del commercio sociale

Fonte )

Mentre la versione originale di Instagram Shopping comporta il portare il cliente da Instagram a un vero sito Web di e-commerce, Checkout su Instagram consente che l’intero processo avvenga direttamente all’interno dell’app Instagram.

Nota: abbiamo specificato che il commercio sociale diventerà presto la norma nel mondo occidentale semplicemente perché lo ha già fatto in paesi come la Cina, tramite WeChat.)

Cosa fare

Ci sono due lezioni chiave da trarre da questa discussione sul commercio sociale:

Innanzitutto, devi pensare a come potresti vendere sui social media. Questo significa:

  • Pensando a dove i tuoi clienti sono più attivi
  • Quando è più probabile che effettuino un acquisto
  • Come è possibile utilizzare le caratteristiche e le funzioni della piattaforma per stimolare le conversioni

In tale nota, vorrai anche investire in strumenti e tecnologia che ti consentano di interagire meglio con il tuo pubblico su queste piattaforme.

Ad esempio, i marchi che vendono su Facebook vorrebbero probabilmente pensare all’utilizzo dei chatbot di Messenger per alimentare il proprio pubblico di Facebook verso la conversione.

Infine, sebbene sia utile ora essere in grado di completare completamente le transazioni tramite i social media, vuoi comunque convincere questi clienti a controllare regolarmente anche il tuo sito web di e-commerce . Detto questo, è fondamentale continuare a migliorare la tua esperienza in loco con il passare del tempo, in modo che il tuo pubblico abbia sempre un motivo per tornare.

 

[Tendenza eCommerce n. 10] Il carrozzone del servizio di abbonamento prosegue

Una scommessa sicura verso il 2020 è che la domanda (e la prevalenza) di servizi basati su abbonamento è destinata ad aumentare.

E questo ha senso – sia per il cliente che per l’azienda.

Da parte del cliente, i servizi di abbonamento offrono un’esperienza regolarmente fornita, sempre come previsto, attraverso ogni impegno . A seconda del tipo di servizio fornito, il valore per il cliente si presenta sotto forma di personalizzazione, convenienza e risparmio monetario.

 

“Molte aziende adattano anche i loro contenuti all’individuo, curando una selezione di prodotti in base alle informazioni che hanno raccolto sul consumatore, che soddisfano il nostro desiderio di personalizzazione nella nostra esperienza di acquisto.” –Emil Kristensen,Sleeknote

 

Tendenze e-commerce 2020: più servizi in abbonamento

Le aziende che possono offrire regolarmente questo valore, ovviamente, otterranno enormi ricompense.

Inoltre, l’esecuzione di un servizio di abbonamento può intrinsecamente risparmiare tempo, denaro e altre risorse, in diversi modi:

  • Previsioni più affidabili portano a una migliore gestione dell’inventario
  • Gli acquisti ripetuti e pianificati consentono transazioni semplificate
  • Concentrati sulla fidelizzazione dei clienti di alta qualità , non sull’acquisizione di grandi quantità di consumatori unici

Tenendo presente tutto ciò, non vi è dubbio che un numero sempre maggiore di marchi di e-commerce salirà sul carrozzone a abbonamento nel 2020.

Cosa fare

Non importa in quale settore operi, ci deve essere un modo per farlo accadere.

Le tue opzioni principali:

  • Un servizio di rifornimento che consegna regolarmente articoli di consumo al cliente
  • Un servizio di cura , che fornisce collezioni di prodotti altamente personalizzati ai clienti su base programmata
  • Un servizio di accesso , in cui i tuoi clienti pagano una tariffa ricorrente in cambio dell’accesso ai tuoi prodotti o servizi

 

[Tendenza eCommerce n. 11] La consegna dei droni arriva finalmente

Quella che è stata una conversazione di fondo negli ultimi dieci anni diventerà probabilmente una realtà mainstream nel 2020.

In effetti, come spiega Luke Fernandez di Wikibuy , molte grandi aziende (come Amazon, UPS e persino Dominos) hanno già iniziato a sperimentare la tecnologia di consegna dei droni .

Mentre l’uso nel mondo reale dei droni a scopo di consegna è isolato (e nella sua infanzia), non saremmo sorpresi di vedere sempre più aziende adottarlo per consegne locali più piccole

Tendenze e-commerce per il 2020: consegna di droni

Fonte )

Come ci dice Fernandez, “La FAA prevede che ci saranno 7 milioni di droni in onda entro il 2020 e che le vendite commerciali di droni raggiungeranno $ 2,7 milioni. Detto questo, è solo questione di tempo prima che i droni consegnino i pacchi alle nostre porte. “

Tendenze e-commerce per il 2020: finalmente arriva la consegna dei droni

Cosa fare

Preparati a prendere il volo – letteralmente.

Va bene, anche se probabilmente non avrai le stesse capacità di un’azienda come Amazon, c’è una lezione più universale da prendere da questo:

Poiché i servizi di consegna dei droni sono praticamente all’orizzonte, ciò significa che i consumatori del futuro riceveranno gli ordini più velocemente che mai . Stando così le cose, è indispensabile che i tuoi processi di realizzazione siano risolti e ottimizzati al meglio delle tue capacità.

 

[Tendenza eCommerce n. 12] L’eCommerce è senza testa

Abbiamo accennato in precedenza che i contenuti e il commercio senza testa sono il futuro dell’e-commerce .

Le ragioni principali di ciò sono che l’uso di una piattaforma senza testa consente di:

  • Sviluppa senza interruzioni (e indolore) una vera esperienza omnicanale
  • Riutilizzare i tuoi contenuti con relativa facilità
  • A prova di futuro i tuoi contenuti e l’esperienza del cliente

(Consulta il centro assistenza di Core dna per ulteriori informazioni sul motivo per cui dovresti utilizzare una piattaforma senza testa.)

Cosa fare

Migrare su una piattaforma di commercio senza testa il più presto possibile.

Inoltre, devi tenere d’occhio il futuro dell’eCommerce e fare tutto ciò che puoi oggi per rendere il tuo marchio a prova di futuro per domani.

Il primo passo per farlo è pensare a come le tendenze che abbiamo discusso oggi si applicano al tuo settore, alla tua azienda e al tuo pubblico. Da lì, puoi iniziare l’anno 2020 con il piede giusto e lasciare i tuoi concorrenti qui in passato.

 

[Tendenze e-commerce # 13] Le conversazioni in tempo reale, i chatbot e l’intelligenza artificiale diventeranno una parte standard del toolkit e-commerce

Tendenze e-commerce per il 2020: conversazioni in tempo reale, chatbot e AI diventeranno parte standard del toolkit eCommerce

Il marketing conversazionale, i chatbot e l’IA stanno cambiando l’esperienza del consumatore di eCommerce in meglio , e ciò continuerà solo nel 2020. Rimuovono un mucchio di attrito dal percorso medio del cliente, motivo per cui il 48% dei consumatori preferisce connettersi con un’azienda tramite chat dal vivo rispetto a qualsiasi altro mezzo di contatto secondo Hubspot , e il 35% dei consumatori desidera vedere più aziende che utilizzano i chatbot secondo Ubisend .

Cosa fare

Se non lo hai già fatto, ora è un buon momento per investire in un generatore di chatbot o in un’agenzia che può aiutarti a costruire un chatbot su misura per favorire il coinvolgimento, le vendite e un migliore supporto clienti.

 

[Tendenze eCommerce n. 14] Un focus verso Direct-to-Consumer (D2C)

Abbiamo già parlato di come aziende come Away e Quill hanno utilizzato il modello diretto al consumatore per prosperare nei rispettivi settori.

tendenze e-commerce per il 2020: attenzione verso il consumatore diretto (D2C)

Come discuteremo negli articoli sopra, ci sono molti vantaggi nell’andare sulla rotta D2C , come:

  • La capacità di stabilire una relazione più stretta e più profonda con i tuoi clienti
  • La capacità di immettere rapidamente i prodotti sul mercato, consentendoti di capitalizzare sulle tendenze man mano che arrivano
  • Avere il controllo completo sui prodotti del tuo marchio e sulla sua reputazione

Con le vendite online che rappresentano potenzialmente il 18% delle vendite totali entro il 2022 , sicuramente non saremmo scioccati nel vedere sempre più marchi passare a un modello di adempimento D2C.

Cosa fare

Hai bisogno di aiuto per iniziare il turno? Ti abbiamo coperto.

 

[Tendenze eCommerce n. 15] Gli assistenti domestici intelligenti e i sistemi di riconoscimento vocale emergeranno come un nuovo campo di battaglia e-commerce

tendenze e-commerce per il 2020: gli assistenti domestici intelligenti e i sistemi di riconoscimento vocale emergeranno come un nuovo campo di battaglia e-commerce

Secondo eMarketer , nel 2017 35,6 milioni di americani hanno usato un dispositivo ad attivazione vocale almeno una volta al mese, un 128,9 per cento rispetto al 2016. E se pensi che il 2020 porterà qualcosa di diverso da crescita per quel mercato, devi ripensarci.

Amazon Echo, Google’s Home e Apple Homepod faranno avanzare il settore, lasciando i marchi di e-commerce con il compito di passare a quei nuovi canali con esperienze cliente esperte di voce.

Cosa fare

Il lancio di una Alexa Skill è attualmente il modo più semplice (e migliore) di entrare nel mercato degli assistenti domestici intelligenti. Una piattaforma di esperienza digitale senza testa o disaccoppiata ti aiuterà a gestire quel nuovo canale e tutti i canali futuri che emergono e non dimenticare di ottimizzare il tuo sito Web per le ricerche vocali .

 

A voi

Cosa pensi che il 2020 porterà al mondo dell’eCommerce? Facci sapere delle tue sensazioni viscerali nei commenti qui sotto.

Tendenze e-commerce per il 2020

(2020 tendenze dell’eCommerce che devi tenere d’occhio)

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close