Cerca

I 7 fattori di posizionamento più importanti

Google sta diventando più sofisticato e la SEO sta cambiando più velocemente che mai, quindi è fondamentale che gli esperti SEO siano informati sui più importanti fattori di classifica.

Tieni presente che anche se i fattori di posizionamento di Google continuano a cambiare, il loro obiettivo principale  – servire l’utente  – non lo fa. Ciò è significativo perché, anche se i singoli fattori di classificazione cambiano anno dopo anno, qualsiasi SEO che lavora per servire l’utente verrà alla fine premiato.

Dai un’occhiata ad alcuni degli aggiornamenti passati di Google . Un aggiornamento che è stato catastrofico per molti siti Web è stato quando Google ha iniziato a penalizzare i produttori di contenuti. Non è perché Google non voleva più contenuti; voleva solo un contenuto migliore che fosse più autorevole, unico e alla fine sarebbe stato più utile per l’utente.

ISCRIVITI ALLE NOSTRE MAILING LIST PER IMPARARE TRUCCHI MAI VISTI SUL MARKETING, SEO E GUADAGNO ONLINE!

Ecco i 7 fattori di classificazione che sposteranno l’ago nel modo più efficiente per il tuo business. Mentre esaminiamo questo elenco di controllo, prenditi un momento per pensare a come ciascun fattore di classificazione stia creando un’esperienza utente migliore.

1) Segnali di marca

Già nel 2008, il CEO di Google, Eric Schmidt , ha dichiarato:

“I marchi sono la soluzione, non il problema. I marchi sono il modo in cui risolvi il pozzo nero. “

E per “pozzo nero”, si riferiva a Internet.

Sono sicuro che hai notato che è molto difficile posizionarsi al di sopra di un articolo su Forbes o sull’imprenditore anche se hai un articolo migliore che è molto più informativo e facile da usare. Perché? Perché hanno un marchio più forte.

Analizziamo alcuni fattori di classificazione che Google considera.

Traffico Web diretto

Un modo in cui Google può capire se sei un marchio credibile è guardare alla quantità di traffico diretto sul sito web che ottieni.

Il traffico diretto proviene da utenti che digitano l’URL esatto del sito Web o accedono al sito da un segnalibro. Il traffico diretto è importante, poiché ha un impatto significativo sulle prime 10 posizioni su Google.

Quando guardi Google Analytics per il tuo sito, il traffico diretto sarà simile al seguente:

Traffico diretto di Google Analytics

In un certo senso, segnali stradali diretti che gli utenti conoscono il tuo marchio e visitano spesso il tuo sito per trovare informazioni, prodotti, servizi o per accedere a un portale membro. È un’indicazione di fiducia e consapevolezza del marchio da parte dei consumatori.

Nota importante: il traffico diretto può essere inclinato

Il vero traffico diretto può essere leggermente inclinato. Google Analytics segnalerà il traffico come “diretto” se non dispone di dati su come un utente è arrivato al tuo sito (ciò potrebbe avvenire tramite canali “dark social”, come le email).

I dipendenti che accedono al sito Web tramite l’URL possono anche deviare il traffico diretto, quindi escludere gli indirizzi IP dei dipendenti da Google Analytics . Ciò ti consentirà di comprendere meglio il tuo pubblico e quanti utenti reali stanno tornando al tuo sito.

Guarda il nostro video 6 modi per aumentare esponenzialmente il traffico verso i tuoi contenuti :

Dive Deeper: [Case Study] Il metodo Content Sprout: come utilizzare il Content Marketing strategico per aumentare il traffico da 0 a milioni

Domande sul marchio

Un altro modo in cui Google può distinguere un sito Web senza nome da un sito Web di un marchio è quello di esaminare il numero di query relative al marchio. Ecco come appare una query di marca per Single Grain:

immagine1 3

Più volte le persone digitano il nome della tua attività, più forte è il marchio agli occhi di Google.

In effetti, uno studio condotto da Moz ha dimostrato che avere un gran numero di domande sul marchio è ancora più importante di DA o link:

image3 5

Dive Deeper: targeting per parole chiave rispetto a parole chiave SEO: su cosa dovresti concentrarti?

Segnali sociali

Infine, mentre Google in realtà non considera l’interazione sociale come un fattore di ranking diretto, gioca un ruolo nel branding e quindi esiste una  correlazione diretta tra condivisione sociale e classifiche più alte.

I segnali social sono molto rilevanti per il SEO , quindi assicurati di trarne vantaggio:

image16

fonte

Pensa a tutti i marchi credibili che conosci e di cui ti fidi. Tutti hanno profili social e prove sociali sul Web, quindi dovresti anche avere un account attivo su una delle seguenti piattaforme social :

Social-media-piattaforme-per-imprese

Esperienza utente

Uno dei modi migliori per elevare il tuo marchio è offrire un’esperienza utente potente. Gli utenti sono più propensi a visitare nuovamente un sito che è facile da navigare e risponde alle loro domande in modo facilmente digeribile.

L’esperienza dell’utente non solo migliora la qualità del marchio, ma si traduce anche direttamente in entrate. Design Advisor afferma che per ogni $ 1 investito in UX, otterrai un ROI di $ 2- $ 100 .

Dive Deeper:

2) Tempo di permanenza

Una volta che fai in modo che il tuo pubblico visiti il ​​tuo sito, devi tenerlo in circolazione il più a lungo possibile. Se Google vede che le persone non trascorrono molto tempo sul tuo sito Web , penseranno che il tuo risultato non sia utile:

image7 4

Includiamo il tempo di permanenza qui come un importante fattore di classifica, anche se è rilevante solo se la tua pagina è già classificata tra le prime dieci.

Tecnicamente, Google non sostiene che il tempo di permanenza sia un fattore di classificazione, sebbene abbia affermato di utilizzare l’apprendimento automatico per determinare quali sono i risultati migliori per l’utente. Uno dei modi in cui Google fa questo è determinando quanto tempo viene trascorso su un sito Web prima di fare clic sulla pagina SERP, quindi il  tempo di permanenza è ancora molto importante per il SEO .

È importante notare che il tempo di permanenza, la frequenza di rimbalzo e il tempo sul sito sono tutti parametri molto diversi.

Frequenza di rimbalzo: un utente fa clic sul collegamento di un sito Web sulle SERP ma non visita altre pagine di quel sito. Si noti che anche se l’utente è rimasto su quella pagina per due ore prima di chiudere la finestra, se non ha fatto clic su un’altra pagina, viene comunque considerato un rimbalzo.

Tempo sul sito : questa è la quantità di tempo trascorso in qualsiasi pagina di un sito prima di fare clic. Nota che sia la frequenza di rimbalzo che il tempo sulla pagina / sul sito possono essere monitorati in Google Analytics:immagine4 4

Tempo di permanenza: il tempo di permanenza è semplicemente il tempo totale trascorso da un utente sul tuo sito prima di tornare alle SERP.

Perché è importante il tempo di permanenza? Google vuole sapere che i contenuti e le informazioni sulla pagina sono preziosi per gli utenti. Ad esempio, se il tempo di permanenza è inferiore a quello della concorrenza, ciò indica ai motori di ricerca che il contenuto fornito potrebbe non soddisfare le esigenze di un utente. Ciò può comportare una riduzione della classifica.

Mentre il tempo di permanenza varia in base al tipo di pagina, potrebbe essere una buona opportunità per rivalutare qualsiasi contenuto di lunga durata che abbia un tempo medio sul sito inferiore a tre minuti.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Come migliorare il tempo di permanenza

Ci sono alcuni modi per aumentare il tempo sul sito. È un delicato equilibrio tra fornire contenuti facili da digerire e allo stesso tempo dare all’utente ciò che sta cercando.

I suggerimenti per migliorare il tempo sul sito includono:

  • Un’introduzione accattivante per far leggere gli utenti
  • Rompere i paragrafi di grandi dimensioni per rendere più semplice la lettura dei contenuti
  • Molte intestazioni di sezione e punti elenco
  • Un sito Web ottimizzato per dispositivi mobili
  • Risorse altamente visive come immagini, GIF e video
  • Fornire risposte alle domande in modo attuabile

Ad esempio, fornire consigli attuabili sulla ricerca di parole chiave nei tuoi contenuti offre agli utenti valore, il che significa che resteranno in attesa per alcuni minuti per leggere, apprendere e comprendere: 

image14

Una volta che hai utenti sulla tua pagina e impegnati, fornisci una facile navigazione del sito per aumentare le pagine per sessione.

Come ridurre la frequenza di rimbalzo

La frequenza di rimbalzo è un altro buon indicatore del fatto che i tuoi contenuti forniscono un’esperienza scadente, il che porterà a un tempo di permanenza scadente.

Ci sono alcuni hack SEO che puoi utilizzare per ridurre la frequenza di rimbalzo:

  • Collegamento più approfondito: il collegamento a pagine pertinenti all’interno dei contenuti può coinvolgere gli utenti.
  • Pagine più pertinenti: sviluppo di pagine di supporto che possono aggiungere valore, come pagine di prodotti pertinenti come guide, manuali, recensioni e case study.
  • Usa le barre laterali: le  barre laterali sono widget che puoi utilizzare per creare collegamenti a pagine popolari del tuo sito web.
  • Coinvolgi gli utenti visivamente: i video sono un ottimo modo per migliorare il coinvolgimento degli utenti. Ad esempio, puoi incorporare un video nel tuo post di blog sullo stesso argomento.
  • Esamina le  pagine con frequenza di rimbalzo elevata : identifica le pagine con una frequenza di rimbalzo elevata e modificale.

3) Velocità del sito Web

La velocità del sito Web è un altro fattore di classificazione che continua ad essere significativo. Questo aggiornamento è stato lanciato a luglio del 2018 ed è stato chiamato Speed ​​Update .

Come ho detto all’inizio, l’obiettivo di Google è quello di offrire all’utente la migliore esperienza possibile, quindi se il tuo sito non si carica rapidamente, ti perderai sicuramente alcune classifiche. Ma indipendentemente dalle classifiche, la bassa velocità del sito si traduce in un’esperienza utente scadente e questo ha dimostrato di avere un impatto diretto sul ROI.

Amazon ha condotto uno studio che ha dimostrato che per ogni secondo in più il caricamento del sito Web richiede una perdita di $ 1,6 milioni nelle vendite  , quindi assicurati che il tuo sito Web si carichi rapidamente!

Come migliorare la velocità del sito Web

Se non sei una persona molto tecnica, questo potrebbe essere qualcosa che passi al tuo team di sviluppo web.

Prima di farlo, inserisci l’URL del tuo sito Web in Page Speed ​​Insights . Questo è uno strumento gratuito fornito da Google che ti mostrerà la tua attuale velocità di caricamento e ti darà anche consigli su come renderlo più veloce:

Tieni presente, tuttavia, che questo non è sempre preciso al 100%. Puoi confrontarlo con strumenti come GTmetrix . Inoltre, Google ha annunciato che rilascerà uno strumento più accurato direttamente in Google Search Console.

Se vuoi affrontare i problemi da solo, ecco un paio di suggerimenti che puoi fare senza uno sviluppatore:

  • Usa un buon hosting: questo è facile. Se hai un sito Web WordPress, considera l’utilizzo di qualcosa come WPengine .
  • Ottimizza immagini: se non hai ancora ottimizzato le tue immagini, questo dovrebbe essere nella tua lista delle cose da fare. Comprimi immagini di grandi dimensioni con uno strumento come Image Optimizer .
  • Memorizzazione nella cache del browser: quando si visita una pagina Web, il browser memorizzerà (“cache”) le informazioni dalla pagina in modo da non dover ricaricare nuovamente l’intera pagina. Tuttavia, questo alla fine rallenterà il sito. Per evitare ciò,  basta impostare l’intestazione “scadenza”  per quanto tempo si desidera che le informazioni vengano memorizzate nella cache.

Dive Deeper:  SEO trascurato: ottimizzazione di immagini e video per la ricerca

4) Autorità di dominio

Non c’è modo di aggirare questo. Man mano che i marchi diventano sempre più popolari, ha senso solo che Google si preoccupi  dell’autorità del dominio di un sito Web .

È molto improbabile che troverai una parola chiave con un punteggio di difficoltà elevato che mostri risultati su pagine DA basse. Guarda le SERP per SEO:

Immagine 20

Tutti hanno DA oltre 85.

Pensa ai tuoi più grandi concorrenti. Quelli che sono sempre al di sopra di te, non importa quanto sia migliore il tuo contenuto, probabilmente hanno un’autorità di dominio superiore.

Dive Deeper: a partire dal basso: come costruire la tua autorità di dominio da zero

Come migliorare l’autorità di dominio

Il miglioramento dell’autorità di dominio non è una soluzione rapida. Tuttavia, se ci sei dentro per il gioco lungo, c’è ancora speranza. Ecco alcune cose che puoi fare per aumentare l’autorità del tuo dominio.

Costruisci relazioni (collegamenti)

Nota come non suggerisco solo di creare link. Certo, tutto ciò che sto per dire dopo alla fine equivarrà ai collegamenti, ma concentrarsi sulla relazione piuttosto che sul collegamento  ti aiuterà a scalare più velocemente. Prenditi il ​​tempo necessario per conoscere non solo altre persone nello spazio, ma anche i tuoi clienti. Possono davvero essere i tuoi più grandi sostenitori, soprattutto se hanno blog, podcast o canali video.

Il collegamento con gli influencer è un altro ottimo modo per convincere le persone a interagire con il tuo marchio e guadagnare quei preziosi backlink quasi senza sforzo. Puoi anche prendere in considerazione l’assunzione di un team di PR per questo.

Fornire valore (contenuto straordinario)

Il contenuto non è più re. Il contenuto di qualità è ora re. L’abbiamo sentito tutti. Tuttavia, cosa succede quando ci sono già oltre un miliardo di blog disponibili e ognuno di essi ha dei contenuti? Google sceglie i contenuti più preziosi per il lettore. Nessuno ti darà una stella d’oro solo per aver prodotto un altro contenuto che dice la stessa cosa che dicono tutti gli altri blog. Prendi in considerazione la possibilità di scrivere 10 contenuti utilizzando la tecnica Skyscraper di Brian Dean .

Imposta le aspettative

Giusto. Potrebbe non sembrare una tattica che aumenterà direttamente il tuo DA, ma se dici al tuo capo / clienti che ci vorranno mesi e anni, ti risparmierai un sacco di mal di testa lungo la strada. È vero che l’età di un sito gioca nelle sue classifiche SEO, quindi a volte dovrai solo aspettare. Continua a fornire un valore incredibile e starai bene.

Dive Deeper:

5) Backlink

Il numero di backlink che puntano al tuo sito continua ad essere un importante fattore di classifica. Ad esempio, il collegamento superiore nei risultati di ricerca di Google ha il doppio dei domini di riferimento come contenuto nella posizione 10.

Un recente studio con Moz lo conferma:

immagine6 3

Come dice lo scrittore Moz Eric Enge :

“Questo punteggio di correlazione arriva a un solido punteggio di 0,293. Considerando la complessità dei oltre 200 fattori di classificazione dell’algoritmo di Google, avere un singolo fattore presente in un punteggio di correlazione alto che indica un forte livello di correlazione “.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Dominio di riferimento vs. collegamenti a ritroso

Nel recente studio di Ahref, i domini di riferimento sono fortemente correlati con classifiche di parole chiave più organiche:

immagine8 3

Un dominio di riferimento è semplicemente il numero di siti Web che garantiscono essenzialmente la qualità del sito Web, i contenuti specifici sul sito o i prodotti e servizi offerti.

È un po ‘come avere una rete di amici. Nel “mondo reale”, le persone con una vasta rete di esperti, come i CEO delle principali aziende, sono generalmente ottime fonti di informazioni.

Google può esaminare la rete del tuo sito Web analizzando gli altri siti che citano e collegano a te. Se ogni dominio di riferimento è l’equivalente di un amico, Google vede la persona più autorevole (o, in questa analogia, il sito Web) come quella con il maggior numero di amici / rete più grande (in questo caso domini di riferimento).

Dive Deeper: 4 modi per segnalare a Google che sei un esperto creatore di contenuti

image19

Puoi avere più backlink da un dominio di riferimento, ma entrambi dovrebbero crescere in modo un po ‘lineare, anche se non otterrai necessariamente lo stesso rapporto di backlink con domini di riferimento ogni volta. Questo è un esempio piuttosto salutare di crescita:

immagine15 1

Idealmente, hai bisogno di una combinazione di domini di riferimento che puntano al tuo sito, compresi i siti di autorità alta e media.

Una volta che hai un backlink da un dominio, ne hai bisogno? Più backlink dallo stesso dominio aiutano? Più backlink da un dominio di riferimento aiutano, sebbene ci siano rendimenti decrescenti per ogni backlink aggiuntivo dallo stesso dominio.

Un buon modo per sfruttare questo è richiedere backlink aggiuntivi per andare a pagine di prodotti specifici o contenuti in quanto rafforzerà ancora notevolmente le singole pagine:

immagine12 2

Come aumentare il numero di domini di riferimento

Ottenere più domini di riferimento funziona nella tua strategia di costruzione di link SEO e uno dei modi migliori per costruire il tuo portafoglio di link è quello di creare contenuti di alta qualità che siano condivisibili. Ecco come:

  • Creazione di collegamenti interrotti : utilizzando questa strategia, è possibile cercare collegamenti interrotti sul contenuto di altri siti con l’intento di sostituirlo con il proprio. Puoi utilizzare il plug-in Google Chrome  Controlla i miei collegamenti  per identificare i collegamenti interrotti e quindi inviare e-mail di sensibilizzazione lanciando il tuo link in sostituzione.
  • Trova pagine di risorse pertinenti: uno dei modi più semplici per guadagnare backlink è trovare pagine di risorse pertinenti su cui è possibile elencare il sito Web. Trova le pagine delle risorse digitando “Parola chiave” + “risorse utili” o “parola chiave” + “link utili” nella barra di ricerca di Google. Identifica le email più pertinenti e invia messaggi di sensibilizzazione.
  • Menzioni sul marchio:  potresti essere sorpreso da quanti siti web menzionano il tuo marchio senza ricollegarti. Usando  BuzzSumo , puoi identificare le condivisioni dei tuoi contenuti e chiedere un backlink.
  • Campagna di marketing di Influencer: per i siti Web che offrono prodotti e servizi, è possibile utilizzare una campagna di marketing di influencer per aumentare il numero di domini di riferimento. Perché? Gli influencer condividono più contenuti! Gli influencer di Blogger possono essere fantastici per questo, specialmente se scrivono per pubblicazioni di alta qualità.
  • Sforzi offline : questo è spesso trascurato e tuttavia è uno dei più potenti strumenti di costruzione di link disponibili. Ricorda che dietro un blog ci sono persone vere che hanno una vera rete di amici e colleghi. Se un caro amico ti chiedesse di condividere un articolo di qualità, probabilmente saresti felice di farlo gratuitamente. Prenditi del tempo andando alle conferenze, organizzando incontri di caffè e altre interazioni personali per stabilire quell’amicizia.

Uno dei modi migliori per guadagnare più backlink è combinare la tua strategia di costruzione di link con le tue campagne di marketing dei contenuti. Producendo contenuti di alta qualità e altamente condivisibili, i collegamenti naturali vengono semplicemente senza sforzo.

Altri modi per combinare i tuoi sforzi di costruzione di link con la tua strategia di marketing dei contenuti includono:

  • Contenuti visivi  (infografiche, diagrammi e grafici, video)
  • Guide definitive / definitive  (come questa per  YouTube SEO )
  • Post di ricerca originali  (dati che hai compilato)

Lo sviluppo di contenuti di qualità è essenziale per i tuoi sforzi di costruzione di link perché il contenuto è un importante fattore di classificazione.

Dive Deeper:

Guarda il nostro video chiamato Beginner’s Guide to SEO: Introduzione a blog e articoli :

6) Sito sicuro

La creazione di un sito Web era un processo complicato riservato a coloro che avevano una profonda conoscenza della codifica. Quindi non era raro imbattersi in un sito Web che non era sicuro  – e ancora oggi molti siti non sono ancora sicuri.

Cosa intendo per sicuro? Dai un’occhiata a questo URL:

immagine5 4

I siti sicuri hanno un https: // anziché solo un http: // (la “S” sta per “sicuro”).

Google ora rende molto facile individuare se un sito è protetto o meno mettendo un lucchetto verde e la parola “sicuro” nella barra degli indirizzi. Fare clic sul lucchetto verde ti darà maggiori informazioni sulla sicurezza del sito:

Sito Web sicuro

Ecco un esempio di un sito non sicuro:

immagine9 4

Ad agosto 2014, Google ha annunciato che  HTTPS è un segnale di classifica , quindi ho dovuto cercare nella nona pagina per trovare un esempio di sito non sicuro!

Dive Deeper: come la scarsa sicurezza del sito Web influisce negativamente sul posizionamento SEO

Come proteggere il tuo sito Web

Prima di tutto, cosa significa avere un sito sicuro? Avere un https: // significa semplicemente che il tuo sito ha un certificato SSL. ( SSL  sta per  Secure Sockets Layer e, in breve, è la tecnologia standard per mantenere sicura una connessione Internet.)

Se hai uno sviluppatore, puoi inviarlo a loro. In caso contrario, non ti preoccupare, perché non è troppo difficile (leggi la nostra guida sul passaggio da HTTP a HTTPS qui ).

Ecco la versione breve di come acquisire un certificato SSL:

  • Host con un indirizzo IP dedicato
  • Acquista il certificato SSL
  • Verifica e convalida il tuo nuovo certificato
  • Installa il tuo certificato SSL
  • Reindirizzare la versione HTTP alla versione HTTPS protetta

7) Sviluppo di contenuti

In molti modi, i fattori di classificazione che contano di più dipendono dallo sviluppo dei contenuti. Dall’aumento del traffico diretto all’aumento dell’interazione degli utenti con il tuo sito, la creazione di contenuti di alta qualità è fondamentale.

Tieni a mente questi requisiti per contenuti potenti che aumentano il ranking:

Lunghezza del contenuto

Sebbene la lunghezza del contenuto non sia necessariamente un fattore di classificazione prestabilito, esiste una correlazione diretta tra contenuto più lungo e classifiche più alte.

La chiave qui è quella di creare contenuti di lunga durata , non contenuti prolissi . Uno studio condotto da Neil Patel riconferma che i risultati di livello superiore sono generalmente più lunghi:

image17

Invece di riempire la pagina con lanugine, usa la tecnica del grattacielo per scrivere al di sopra e al di là dei contenuti di base, “ci sei stato, fatto” usando casi di studio, suggerimenti attuabili e prospettive uniche.

Dive Deeper: hai davvero bisogno di scrivere post sul blog di 1.890 parole per posizionarti sulla pagina 1?

Usa i punti elenco

Un altro importante fattore di classificazione da considerare quando si tratta di contenuti sono gli elenchi (ovvero i punti elenco). Ciò influisce sull’esperienza dell’utente, poiché i punti elenco facilitano la scrematura della pagina e di solito aumentano il tempo di permanenza.

Brian Dean di Backlinko ha condiviso il tempo medio sulla pagina del suo sito per un contenuto  che era quasi un enorme 7 minuti !!

immagine11 2

E quando fai clic sul post, vedrai che ci sono molti elenchi, immagini e titoli in grassetto, che rendono facile per un lettore rimanere in giro:

image21

Questo spiega perché il tempo medio su quella pagina è così alto.

Promozione

Dopo aver creato il tuo fantastico pezzo di contenuti di lunga durata, non hai finito. È qui che inizia il vero lavoro. Devi assicurarti di promuovere correttamente i post del tuo blog , ad esempio su:

  • Canali sociali: promuovi i tuoi contenuti tramite Facebook, LinkedIn o Twitter o qualsiasi altro sito pertinente alla tua attività.
  • Medio: Medium è un canale ampiamente trascurato per la promozione. Pubblica i primi due paragrafi e poi rimanda al tuo sito web per aumentare il tuo traffico.
  • Sbraccio di link building: non inviare spam ai tuoi post a migliaia di persone, ma inviali alle persone o alle aziende a cui ti sei collegato. Quelle persone saranno probabilmente liete che tu ti sia collegato a loro e potrebbero aiutarti a condividere il contenuto.
  • Annunci a pagamento: se non hai ancora un vasto pubblico, considera la possibilità di pubblicare annunci social a pagamento perché se le persone non sanno chi sei, il modo più semplice per trovarli e indirizzarli con i loro interessi esatti è utilizzare i filtri nei social piattaforme. Ad esempio, gli annunci di Facebook sono davvero bravi con il targeting.
  • Influencer nel tuo spazio: se ti colleghi a qualsiasi influencer all’interno del tuo post sul blog, invia un’email a ciascuno di essi e dì qualcosa del tipo: “Hey [NAME]. Voglio solo farti sapere che sono un grande fan del tuo lavoro, al punto che mi sono persino collegato a te nel mio ultimo post sul blog [NOME / LINK ARTICOLO]. Grazie!” È così semplice.

Dive Deeper: perché il Content Marketing dovrebbe essere sempre una creazione del 20% e una promozione dell’80%

Omnichannel

L’ omnicanale è forse uno dei più grandi obiettivi negli ultimi tempi e avrà un impatto enorme sulle classifiche e sul marchio. Un tempo eri in grado di costruire un marchio con un blog fantastico, ma non è più così.

Se vuoi competere in questo mercato sempre più competitivo, devi avere i tuoi contenuti su più piattaforme.

image13 1

Come si fa a farlo? Non devi produrre un milione di pezzi di contenuto diverso. Prendi in considerazione l’utilizzo della nostra tecnica di sprout di contenuti e inizia con un solo contenuto. Potrebbe essere un post sul blog che si trasforma in un video, che può diventare un podcast che può diventare un’infografica, ecc.

Dive Deeper: marketing multicanale: utilizzo del metodo Content Sprout per superare il sovraccarico di informazioni

Bonus: recupero dalle penalità

Se ti svegli un giorno e vedi un forte calo del traffico, può significare solo una cosa: sei stato penalizzato da Google :

Penguin-Hit

Quindi cosa puoi fare per recuperare da una sanzione di Google ?

Per prima cosa, vai alla tua Google Search Console. Ti darà un messaggio se ci fosse una sanzione manuale.

Se ti hanno dato una penalità manuale, correggi semplicemente ciò per cui ti hanno penalizzato. Quindi è possibile inviare un rapporto sulle azioni manuali .

Se non fosse una sanzione manuale, probabilmente sarebbero state colpite anche molte altre persone. Dai un’occhiata ad alcune pubblicazioni di ricerca, come il Journal dei motori di ricerca o la tavola rotonda dei motori di ricerca per vedere se hanno pubblicato qualcosa su un importante aggiornamento dell’algoritmo.

Molte persone sono state colpite dagli aggiornamenti di Panda e Penguin. Agile Media ha pubblicato un case study su un sito che era stato colpito con la penalità Penguin:

Image22

Avevano un client che aveva un certo numero di link di spam, quindi quando hanno visto diminuire il traffico, hanno fatto un elenco di tutti i siti Web che erano spam e hanno chiesto di rimuovere i link. Hanno presentato una richiesta di riconsiderazione e la sanzione è stata revocata entro 7 giorni.

Se non noti alcun grande clamore dal mondo SEO, segui attentamente le tue entrate. Stai effettivamente perdendo entrate? Google potrebbe aver inviato visitatori non pertinenti al tuo sito e potrebbero aver rappresentato una parte consistente del tuo traffico, ma nessuno di loro stava convertendo. Questa è in realtà una buona notizia perché la frequenza di rimbalzo diminuirà e il tempo sulla pagina aumenterà, il che aumenta automaticamente la qualità del tuo SEO.

Brian Dean una volta ha pubblicato un post Come ottenere backlink di alta qualità . Era di altissima qualità e quindi classificato per molte parole chiave, tra cui “come ottenere alti”. Come puoi immaginare, questo post non serviva l’intento del ricercatore, quindi Google ha iniziato lentamente a farlo cadere nelle classifiche per quella parola chiave. Di conseguenza, la frequenza di rimbalzo è diminuita e il tempo sulla pagina è aumentato.

Dive Deeper: come recuperare da qualsiasi penalità di Google

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

In Conclusion

I fattori di classifica continueranno a cambiare, ma per ora questi sono i fattori di classifica più importanti. Ognuno dei fattori inclusi qui punta a creare una risposta migliore per l’utente, che è un obiettivo sempreverde che Google ha.

Migliorando i suddetti fattori di alto livello, è possibile offrire contenuti di qualità, migliorare le analisi chiave, aumentare il traffico e creare un solido portafoglio di collegamenti. In molti modi, migliorando solo uno o due di questi punti, anche gli altri miglioreranno. Come molte cose sulla SEO, la correlazione tra i fattori di classifica è davvero potente.

Lascia il tuo prezioso commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

[email protected]

Close