Cerca

I 10 fattori SEO più importanti per il posizionamento su Google nel 2019

Google è l’autostrada più trafficata di Internet, sede di 3,5 miliardi di ricerche giornaliere. È riuscito a catturare un’immensa quota di mercato e questo ha implicazioni immensamente potenti per qualcosa di più della linea di fondo dell’azienda.

Marchi in tutti i settori industriali stanno facendo di tutto per placare Google. Questa è la chiave per ottenere buoni risultati nella ricerca organica e impedire alle vendite di passare alla concorrenza. Purtroppo, ci sono tre enormi problemi.

Innanzitutto, il livello di competizione è fuori scala. In secondo luogo, Google valuta la classifica in base a una serie di fattori. In terzo luogo, gli aggiornamenti degli algoritmi avvengono di tanto in tanto, modificando l’ordine di importanza dei fattori o introducendo nuovi fattori di classificazione. Questi cambiamenti scuotono le basi del marketing digitale e dei campi SEO.

Ovviamente, l’obiettivo principale di Google non è quello di metterci al limite, ma di connettere gli utenti con i risultati più utili . Per fare ciò, deve indovinare l’intento di ricerca tramite segnali di classifica. Questo è tutto per dire che il colpo migliore che devi classificare in alto è familiarizzare con le regole.

Sommario

  • 1. Fattori di classifica organici in breve
  • 2. 10 principali fattori di classifica
    • 2.1 Architettura del sito Web (URL)
    • 2.2 Collegamenti in entrata (backlink)
    • 2.3 Meta tag
    • 2.4 Velocità della pagina
    • 2.5 Parole chiave nella pagina
    • 2.6 Sicurezza del dominio
    • 2.7 Qualità del contenuto della pagina Web
    • 2.8 Cordialità mobile
    • 2.9 Segnali sociali e locali
    • 2.10 Altre specifiche tecniche SEO
  • 3. Conclusione

1Fattori di classifica organici in breve

Con grande sgomento di molti, Google non pubblica elenchi dettagliati di tutti i suoi segnali di classifica. Tuttavia, numerosi casi studio SEO e strumenti SEO hanno portato alla luce preziose informazioni. È stato confermato che esistono più di 200 fattori di classificazione esistenti.

Possiamo dividerli in cinque categorie di fattori principali :

  • Fattori relativi al dominio
  • Fattori sulla pagina
  • Fattori fuori pagina
  • Fattori a livello di sito
  • Fattori tecnici SEO

Ci entreremo tra poco, ma per ora, è fondamentale sottolineare che non sono creati uguali. Giocano ruoli diversi nell’equazione di classifica, ma prima di entrare in quello, dovremmo rivedere un paio di fatti fondamentali.

Prima di tutto, RankBrain è il mainframe della preziosa IA di Google. Passa in rassegna, ordina e migliora i risultati per gli utenti, apportando modifiche al volo tramite sofisticati processi di machine learning (ML). È in grado di cambiare contestualmente l’importanza dei fattori e scoprire tattiche SEO black hat .

In secondo luogo, con l’ indicizzazione semantica latente anche nel mix tecnologico, il motore di ricerca si sta finalmente avvicinando per catturare il Santo Graal della ricerca organica: indovinare l’intento dell’utente dietro le query.

210 principali fattori di classifica

Sebbene non possediamo conoscenze pratiche sui buoni meccanismi dell’algoritmo, possiamo comunque farlo funzionare a nostro vantaggio.

Questi 10 fattori sono pane e burro di SEO:

2.1Architettura del sito Web (URL)

L’architettura del sito potrebbe non essere il singolo fattore più importante, ma c’è una buona ragione per cui viene prima nell’elenco. Vale a dire, è fondamentale farlo fin dall’inizio (all’avvio o al riavvio di un sito) perché apportare modifiche in un secondo momento richiede molte risorse.

Passando, Google utilizza questo fattore per capire chi sei e di cosa tratta il tuo sito . Preferisce vedere i contenuti organizzati in diverse sottocategorie (di solito è ottimale) e cancellare stringhe di testo (barre) alla fine dell’URL .

Esistono diversi modi per farlo, ma la strutturazione dei silos è sicuramente una delle tecniche più comuni. Implica il raggruppamento tematico di contenuti, che si traduce in una struttura ad albero con un nodo radice. Di solito, la homepage porta a un numero limitato di argomenti, che poi si ramificano in argomenti secondari. Questo tipo di organizzazione lascia poco spazio alle congetture da parte dei robot di Google.

Una cosa è certa, migliore è la struttura del tuo sito, meno sarebbero le attività off-page che dovresti fare per posizionarti più in alto sul SERP.

Un collegamento in entrata è un collegamento ipertestuale che conduce al tuo sito Web e proviene da un dominio esterno. Queste autorevoli fonti di riferimento fanno la differenza nel gioco SEO . Tra le altre cose, l’ algoritmo PageRank di Google utilizza questo pezzo del puzzle SEO per determinare il tuo “punteggio link”.

In altre parole, i backlink servono come prime indicazioni di affidabilità e autorità per Google. Ed è facile capire perché: altre persone ritengono che i tuoi contenuti siano abbastanza degni di inserire un link.

E così la costruzione di link rimane una tattica di base SEO che si sposta più in profondità nel 2019 e oltre. La grande quantità di collegamenti conta sicuramente, ma non si può trascurare la qualità dei collegamenti (autorità). In effetti, i rischi associati alla costruzione di link si nascondono sotto il cappello nero della SEO.

Quindi, allontanati da link spammati, incoerenti sul tema e di bassa qualità. Effettuare controlli regolari sui backlink e confermare che non fanno più male che bene. Allo stesso modo, astenersi dall’ottimizzare eccessivamente i testi di ancoraggio: qui sono in gioco la vostra autorità e classifica importantissime.

2.3Meta tag

I meta tag sono una componente spesso trascurata dei moderni sistemi di gestione dei contenuti (CMS). Comunicano lo scopo di una pagina e definiscono i ruoli delle sue diverse sezioni in merito agli argomenti e alle parole chiave.

Come probabilmente saprai, devi conoscere tre diversi tipi di tag:

    • Tag del titolo : indicano il titolo dell’articolo, che può essere visto nel suo HTML. Google lo utilizza per generare un titolo blu cliccabile in SERP.

fattori seo-ranking--per-ranking-in-google

    • Testo alternativo immagine : Google esegue la scansione delle immagini in modo diverso e incoraggia le persone ad aiutarle a farlo tramite i testi alternativi. Lo scopo di questi tag è di descrivere l’ immagine rispetto al contesto della pagina web.
    • Meta Description: è una stringa di testo visualizzata sotto collegamenti blu in SERP che funge da riepilogo. Può includere o meno parole chiave di destinazione .

Meta Description

La buona notizia è che esiste una vasta gamma di strumenti per la gestione di questo alimento SEO.

Ad esempio, gli utenti di WordPress possono trarre vantaggio da un plug-in SEO di Rank Math per integrare facilmente Meta Box, popolare meta descrizioni, alterare meta globali e allegare metadati aggiuntivi. Questa è una parte integrante dell’ottimizzazione perché i tag WordPress presentano segnali di pertinenza specifici di questo CMS.

2.4Velocità della pagina

La posizione di Page Speed come fattore di ranking è stata cementata con Google Speed ​​Update. Aiuta anche che la velocità sia abbastanza autoesplicativa: si riferisce al tempo necessario per caricare una pagina dopo che un utente ha fatto clic su di essa.

Migliorarlo ruota attorno all’ottimizzazione di fattori on-page come la compressione di immagini e media. Quindi, elimina gli elementi che appesantiscono il sito. Mentre ci sei , tieni presente che anche lievi differenze di velocità hanno un impatto sulle frequenze di rimbalzo, che sono un segnale di rilevanza sostanziale.

In definitiva, la domanda da un milione di dollari è quale sia la velocità ottimale. Bene, le pagine che si caricano entro tre secondi o meno sono considerate veloci. Detto questo, una parte di Internet sta invadendo la seconda barriera. Non sorprende che i migliori siti Web di e-commerce come Amazon stiano conducendo la gara di ottimizzazione della velocità .

Piaccia o no, gli utenti di Internet cercano risposte e le vogliono velocemente.

2.5Parole chiave nella pagina

parole chiave di ottimizzazione
L’ottimizzazione delle parole chiave è un aspetto vitale di qualsiasi strategia SEO di successo.

Ad esempio, le parole chiave nei tag del titolo sono un modo infallibile per Google per valutare se le tue pagine sono rilevanti per le query di ricerca. Più la parola chiave si avvicina al titolo (idealmente entro le prime 100 parole), migliore è la tua classifica.

Oltre a ciò, le parole chiave dovrebbero essere presenti in:

  • Corpo dell’articolo
  • Testi alternativi
  • H1 giorno

Durante la ricerca di parole chiave , puoi dare la priorità alla parola chiave a corrispondenza esatta . Questa è una linea di condotta prudente, ma tieni presente che il significato di questo termine si è evoluto. Oggi si riferisce alla corrispondenza dell’intento alla base di una parola chiave. In poche parole, agli utenti dovrebbero essere fornite le informazioni che stanno cercando.

Analogamente, tieni presente che Google prevede di vedere un aumento dei tassi di coinvolgimento a seguito della selezione e del posizionamento ottimali delle parole chiave. Implora anche i siti Web di non esagerare con la densità delle parole chiave. Il sovrastampaggio provoca penalità di classifica e lo stesso vale per tattiche come la permutazione delle parole chiave.

Gioca dal libro o rischi a tuo rischio e pericolo.

2.6Sicurezza del dominio

Google mira a aiutare gli utenti a rimanere sul lato sicuro di Internet e separa i siti Web sicuri da quelli non protetti . Inutile dire che vuoi essere riconosciuto come sito Web sicuro . Questo fa sorgere la domanda su cosa sia HTTP e come funzioni questo protocollo.

In breve, questo è un metodo per trasferire informazioni digitali tra browser e siti Web degli utenti. HTTPS rappresenta una versione protetta del protocollo e per poter essere mostrato per il tuo dominio, devi ottenere un certificato SSL , che viene indicizzato direttamente da Google.
dominio-security

Inoltre, anche i metodi di crittografia possono contribuire al tuo posizionamento. Sono una strategia di sicurezza informatica per proteggere la connessione dell’utente e tenere a bada hacker e ladri di identità. Quindi, se non vuoi vedere precipitare il tuo ranking, è necessario crittografare e aggiungere una “S” al tuo HTTP.

2.7Qualità del contenuto della pagina Web

Il contenuto è ancora il re del regno SEO. La sua ambita posizione fa eco alla missione principale di Google e offre un’esperienza utente impeccabile (UX) . Questo stato di cose porta enormi punti di classifica nei siti Web che presentano contenuti unici e preziosi.

RankBrain entra di nuovo in gioco, portando i visitatori a contenuti fluenti in modo naturale con informazioni approfondite, complete e accurate. Panda, Fred e The Maccabee Updates (2018) pongono progressivamente maggiore enfasi sulla qualità, offrendo numerosi incentivi ai webmaster per evitare scraping, duplicazione dei contenuti e il suddetto riempimento di parole chiave.

Inoltre, si desidera prestare attenzione alla lunghezza dei contenuti , poiché le pagine di rango più elevato si inclinano verso i 2000 benchmark. Un altro aspetto vitale è la struttura del contenuto , che si basa su elementi come sottotitoli, punti elenco, elenchi numerati, ecc. Infine, ricorda che l’ aggiornamento periodico del contenuto è fondamentale.

Questa attività aumenta il fattore di freschezza dell’intero sito, mentre sono importanti sia la frequenza che l’entità delle modifiche. Per evitare ritardi in questo dipartimento SEO, metti insieme un calendario dei contenuti e delizia il tuo pubblico su base giornaliera.

2.8Cordialità mobile

Il desktop è stato detronizzato come una delle principali fonti di traffico organico e sulla scia di questo storico traguardo, Google sta spingendo UX mobile in prima linea nel SEO. Il suo indice Mobile-first , noto anche come Mobilegeddon, stabilisce che l’algoritmo esegue la scansione della versione mobile di un sito prima di quella desktop.

Non solo, ma il colosso dei motori di ricerca punisce direttamente i siti Web che non sono ottimizzati per schermi di piccole dimensioni. Inaugurando una nuova era di indicizzazione, Google sta valutando una varietà di segnali, inclusi i micro-momenti (ad esempio, voglio andare o voglio comprare) che si svolgono sui dispositivi mobili.

Invece di farti prendere dal panico, utilizza un design reattivo e altre tattiche di ottimizzazione. Proprio come con la versione desktop del tuo sito, Google si aspetta che tu promuova la navigazione regolare e garantisca l’usabilità. Quindi, sbarazzati di pop-up intrusivi a tutta pagina, testo microscopicamente piccolo e altri assassini UX.

Se non possiedi risorse e competenze da solo, affidati alle agenzie di marketing digitale per svolgere il lavoro. L’outsourcing può rivelarsi utile per migliorare la visibilità e persino risparmiare risorse rispetto all’assunzione a tempo pieno. In ogni caso, l’ottimizzazione mobile non può essere un ripensamento, anche se i vantaggi non sono immediati.

2.9Segnali sociali e locali

La portata della loro influenza è ancora dibattuta, ma i segnali sociali sono i mezzi di Google per misurare la pertinenza e l’autorità a livello di sito.
A seconda della rete in questione, esistono diversi tipi di segnali sociali :

  • azioni
  • link
  • Pins
  • retweet
  • Menzioni del marchio
  • Google + 1 (poco chiaro)

Indicano la popolarità e la trazione che hai con la base di utenti. Pertanto, migliorano anche la credibilità del sito e la visibilità della pagina, a condizione che non provengano da account falsi.

A parte la genuinità, i fattori presi in considerazione sono il numero di segnali, l’autorità dei conti dietro di essi e il testo che circonda il collegamento.

Per quanto riguarda il SEO locale , sta guidando un’altra tendenza importante che sta rapidamente guadagnando importanza: i segnali locali. Già oltre il 40% di tutte le ricerche ha intenti locali e inoltre, si stima che il 97% dei consumatori si rivolga a Internet per cercare marchi / offerte locali.

Quindi, non sorprende che Google tenda a posizionare i risultati locali su quelli “normali”. E state certi che la scheda di attività commerciale locale e le ricerche di smartphone stanno solo per ingrandirsi.

2.10Altre specifiche tecniche SEO

Ci sono altri aspetti tecnici da menzionare prima di concludere:

  • Il markup dello schema è una roadmap di dati che consente al motore di ricerca di interpretare i tuoi contenuti. Si sospetta che abbia un effetto sostanziale sulla percentuale di clic (CTR) e sugli sforzi di generazione di lead. Puoi utilizzare Assistente per il markup dei dati strutturati o lo strumento di test di Google per assicurarti che la configurazione HTML sia in perfetto ordine.
  • Parlando di HTML , aiuta a segnare punti positivi e in più di un modo. Per essere più precisi, i webmaster e i SEO tengono d’occhio la lunghezza degli URL e assicurano che non finiscano nel “territorio eccessivamente lungo”. Il percorso dell’URL è un altro punto di interesse: dovrebbe colpire vicino a casa (pagina) per un leggero aumento dell’autorità.
  • Alla fine, la presenza di una sitemap facilita il processo di indicizzazione delle pagine e migliora la visibilità. L’impotenza fornita da ciascuna pagina tramite il file sitemap.xml influenza la classificazione delle pagine corrispondenti.

3Conclusione

Lo scopo del lavoro a portata di mano è scoraggiante e la pressione sui proprietari di siti Web e sugli esperti SEO è reale.

Saper mettere in ordine di priorità le attività SEO in pratica richiede familiarità con l’algoritmo di Google e i fattori di classificazione. Questo tipo di approccio educato e basato sui dati è il prerequisito per navigare nel tumultuoso mondo della SEO. Naturalmente, la parte difficile è in realtà passare dalla teoria alla pratica e adattare la strategia SEO vincente .

Bene, che ne dici di giocarci in modo intelligente e concentrarti sui fattori che detengono più peso, i “tie-breaker” che elevano la tua posizione nelle SERP. Seguire le migliori pratiche SEO è probabile che paghi dividendi e ti aiuti a guadagnare un vantaggio rispetto alla concorrenza.

Assicurati di fissare gli occhi sull’orizzonte del prossimo futuro, dove si stanno formando nuovi cambiamenti. Adattarsi in anticipo è sempre una buona idea e, più spesso che una nota, una corsia veloce verso la terra promessa delle SERP.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close