Cerca

Guida SEO on-page: 20 consigli attuabili per migliorare i tuoi posizionamenti

Guida SEO on-page di 99signals

Il SEO on-page  è forse la parte più critica per migliorare il traffico di ricerca del tuo sito. Negli ultimi anni, Google ha rilasciato diversi aggiornamenti dell’algoritmo (Penguin, Panda e Hummingbird).

A causa di questi aggiornamenti, gli esperti SEO di tutto il mondo hanno dovuto modificare le loro tattiche SEO per recuperare le classifiche dei motori di ricerca precedenti.

Per aiutarti a tenere il passo con il panorama SEO in continua evoluzione, abbiamo compilato un elenco di 20 suggerimenti SEO on-page.

Il nostro obiettivo in questo articolo sarà quello di mostrarti le tattiche SEO più fruibili che miglioreranno le tue classifiche di ricerca, aumenteranno il tuo traffico e miglioreranno l’esperienza dell’utente sul tuo sito web.

Ma prima, copriamo le basi …

Sommario

  • Che cos’è il SEO on-page?
  • 20 suggerimenti SEO sulla pagina utilizzabili
    • 1. Aggiorna o elimina post di blog precedenti
    • 2. Assicurati che il tuo contenuto corrisponda all’intento di ricerca
    • 3. Utilizzare i tag canonici per evitare la duplicazione del contenuto
    • 4. Aggiungi parole chiave LSI ai tuoi contenuti
    • 5. Aumentare il CTR con il markup dello schema
    • 6. Utilizzare URL brevi e ricchi di parole chiave
    • 7. Pubblica contenuti di lunga durata
    • 8. Scrivi titoli convincenti
    • 9. Migliora le tue descrizioni meta
    • 11. Ottimizza le tue immagini
    • 12. Inserisci la tua parola chiave all’inizio del tag del titolo
    • 13. Includi le variazioni delle parole chiave nei tag H1 e H2
    • 14. Sfrutta il collegamento interno
    • 15. Utilizzare collegamenti esterni autorevoli
    • 16. Rendi i pulsanti di condivisione social facili da trovare
    • 17. Esegui un controllo mensile del sito per correggere gli errori sul sito
    • 18. Usa un numero nel tag del titolo
    • 19. Aumenta il tempo di permanenza
    • 20. Rendi il tuo sito web 100% ottimizzato per dispositivi mobili
  • Pensieri finali

Che cos’è il SEO on-page?

La SEO on-page è il processo di ottimizzazione delle pagine Web per aiutarle a posizionarsi meglio nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Moz lo spiega meglio:

On-page si riferisce sia al contenuto che al codice sorgente HTML di una pagina che può essere ottimizzato, al contrario del SEO off-page che fa riferimento a collegamenti e altri segnali esterni.

Contrariamente alla credenza popolare, il SEO on-page è molto più che ottimizzare i meta tag sul tuo sito web. È un argomento molto più complesso che si è evoluto molto nel corso degli anni. Di conseguenza, è importante tenere il passo con le ultime best practice SEO.

Ecco 20 suggerimenti utili per ottimizzare il tuo SEO in-page.

20 suggerimenti SEO sulla pagina utilizzabili

1. Aggiorna o elimina post di blog precedenti

Vuoi sapere come ho aumentato il traffico organico verso uno dei miei vecchi post sul blog del 146% in 30 giorni ? L’ho aggiornato con nuove informazioni e rilanciato.

Rapporto sul traffico di Analytics - 99signals_v1

Puoi fare lo stesso con alcuni dei tuoi post.

Detto questo, è necessario dare la priorità a determinati post del blog rispetto ad altri. Hai una possibilità molto migliore di migliorare la classifica di un post sul blog che si posiziona nelle posizioni # 5 – # 10 su Google rispetto a un post che si posiziona nella posizione # 30.

Il post che ho aggiornato nell’esempio sopra è stato classificato nella posizione 5 per le parole chiave “i migliori film per imprenditori”. Dopo l’aggiornamento, ha presto iniziato a posizionarsi costantemente nella posizione n. 1, e quindi l’incremento del traffico.

SERP di Google - Posizione n. 1

Questo non vuol dire che i post del blog che non si posizionano in alto su Google non meritano un aggiornamento. Lo fanno certamente. È solo che devi prima aggiornare e aggiornare il contenuto sui post che sono già in alto nelle SERP, quindi passare ad altri post.

Per trovare pagine che richiedono un aggiornamento sul tuo sito, puoi scavare nel tuo Google Analytics per identificare le pagine che stanno perdendo traffico.

Puoi anche utilizzare uno strumento gratuito come Animalz Revive che si sincronizza automaticamente con Google Analytics per trovare le pagine con la più grande riduzione percentuale del traffico.

Animalz Revive SEO Tool

Aggiornare e rilanciare i tuoi vecchi post è un modo garantito per dare nuova vita ai tuoi contenuti. Ma non tutti i post meritano un risveglio.

L’eliminazione di post può sembrare un suggerimento piuttosto controverso, ma questa tendenza all’eliminazione di post meno recenti e irrilevanti sembra prendere piede.

Esperti SEO come Brian Dean di Backlinko e Rand Fishkin di Moz consigliano di eliminare post più vecchi e mediocri che non generano molto traffico di ricerca. Spesso questi post sono post di blog brevi e dolci di 100-400 parole che perdono articoli di 2.000-5.000 parole che sono dettagliati e informativi.

La verità è che se i tuoi vecchi post non generano traffico organico, sono piuttosto inutili. Quindi eliminali o “noindex”.

Letture consigliate: Case study SEO: come ho incrementato il traffico organico verso un vecchio articolo del 146% in 30 giorni

2. Assicurati che il tuo contenuto corrisponda all’intento di ricerca

L’intento di ricerca è l’obiettivo dietro ogni query di ricerca. L’intento di ricerca soddisfacente è la principale priorità di Google.

Ad esempio, quando qualcuno cerca il “miglior microfono per podcast”, Google sa che qui l’intenzione dell’utente non è acquistare, ma imparare. L’utente è alla ricerca di consigli o indicazioni di esperti sul miglior microfono podcast sul mercato.

Di conseguenza, i risultati della ricerca che dominano la pagina 1 per questa query sono principalmente post di elenco.

Intento di ricerca - Sulla pagina SEO

D’altra parte, quando qualcuno cerca “acquista audio technica at2020 online”, Google comprende che l’utente intende acquistare il microfono specifico e desidera acquistarlo online. Pertanto, le SERP a pagina 1 sono principalmente e-commerce e pagine di prodotti.

Intento di ricerca - Intento utente transazionale

Per farla breve, se desideri che le tue pagine abbiano un posizionamento più elevato su Google, devi assicurarti che i tuoi contenuti corrispondano all’intento di ricerca delle parole chiave target.

SERP di Google - Pagina 1 Intento di ricerca

Prima di iniziare a creare contenuti per i termini delle parole chiave target, è importante comprendere l’intento di ricerca dietro le parole chiave.

La maggior parte delle ricerche rientrano in uno di questi quattro tipi di intenti di ricerca: informativo, di navigazione, commerciale e transazionale.

4 tipi di intenti di ricerca per 99 segnali

Dopo aver identificato l’intento di ricerca delle parole chiave target, il passo logico successivo sarebbe selezionare il giusto tipo di contenuto. I quattro tipi di contenuto che dominano le SERP sono i seguenti:

  • I post del blog
  • Pagine della categoria eCommerce
  • Pagine del prodotto
  • Pagine di destinazione

In base all’intento di ricerca delle parole chiave target, seleziona il tipo di contenuto che è più probabile che si classifichi in alto per tali parole chiave. Scopri i concorrenti organici esistenti per le tue parole chiave target e punta a creare contenuti unici per distinguerti dalla concorrenza.

Per ulteriori informazioni sull’ottimizzazione dei contenuti per gli scopi di ricerca, dai un’occhiata a Intenti di ricerca e SEO: la guida definitiva .

3. Utilizzare i tag canonici per evitare la duplicazione del contenuto

Un  URL canonico (un tag di collegamento HTML con attributo rel = canonical) ti consente di dire ai motori di ricerca che alcuni URL simili sono effettivamente gli stessi.

A volte potresti avere contenuti simili accessibili sotto più URL o siti Web. Questo è particolarmente vero con i siti Web di eCommerce. Aggiungendo un tag canonico, puoi assicurarti che contenuti simili esistano su più URL senza influenzare le tue classifiche di ricerca.

Supponiamo che tu abbia un negozio di mobili online che vende tavolini. Potresti avere più URL sul tuo sito web con informazioni simili sui tavolini. Ciò può causare problemi di contenuti duplicati e danneggiare le tue classifiche di ricerca.

Questo problema può essere facilmente risolto utilizzando i tag canonici. Puoi utilizzare la tua pagina preferita come URL canonico (https://www.furnitureonline.com/coffee-tables) e aggiungere un tag canonico a pagine simili (ad esempio, https://www.furnitureonline.com/coffee-table -con-archiviazione ). Ciò consentirà a Google di indicizzare solo la pagina preferita ignorando il resto.

Tag canonici - Esempio: tavolini

I tag canonici non sono utili solo per i siti Web di e-commerce.

Alcuni dei miei post su 99signals sono riproposti o sindacati sul blog della mia agenzia  perché essenzialmente trattiamo gli stessi argomenti. L’uso di un URL canonico mi aiuta a evitare duplicati di contenuti che possono davvero danneggiare il SEO del sito.

Se usi un plug-in SEO WordPress come Yoast o All in One SEO Pack , è facile usare il tag canonico. Su Yoast, fai clic sulla scheda Avanzate e digita l’URL nella casella URL canonico.

Tag canonici - A pagina SEO Suggerimenti 2020

Correlati: 19 migliori plugin SEO per WordPress

4. Aggiungi parole chiave LSI ai tuoi contenuti

Le parole chiave Latent Semantic Indexing (LSI) sono “sinonimi e termini strettamente correlati”. Google utilizza le parole chiave LSI per valutare la pertinenza e la qualità di una pagina.

Spiegazione delle parole chiave LSI - 99 segnali

In altre parole, quando includi parole chiave LSI nei tuoi contenuti, aiuti i motori di ricerca a determinare di cosa tratta la tua pagina.

Parole chiave LSI - Esempio

Come trovi queste parole chiave LSI?

Basta dare una ricerca su Google e scorrere fino alla fine della pagina per vedere altre ricerche correlate alla tua query di ricerca.

Quindi, se stai scrivendo un articolo su “Suggerimenti SEO”, le parole chiave LSI che dovresti includere nei tuoi contenuti sono “suggerimenti SEO unici” e “suggerimenti SEO avanzati” come puoi vedere di seguito.

Parole chiave LSI

Se sei un utente SEMrush come me, puoi trovare parole chiave LSI ancora migliori seguendo questi passaggi:

  • Digita le parole chiave nella barra di ricerca di SEMrush
  • Scorri verso il basso per visualizzare “Parole chiave a corrispondenza frase” e “Parole chiave correlate” per i termini di ricerca
  • Scegli un paio di parole chiave per ogni categoria e includile nei tuoi contenuti

Parole chiave LSI - SEMrush

Puoi farlo gratuitamente registrandoti per una prova gratuita di 30 giorni di SEMrush .

Puoi anche utilizzare LSIGraph , uno strumento gratuito che ti aiuta a scoprire le parole chiave LSI adatte al tuo argomento e alla tua nicchia.

5. Aumentare il CTR con il markup dello schema

Il markup dello schema è l’ultima evoluzione della SEO, ma è raramente utilizzato nonostante sia un potente segnale di ranking di Google.

Secondo Searchmetrics , solo 0,3 di tutti i siti Web utilizzano il markup dello schema. Ciò significa che ci sono un sacco di siti Web che perdono il proprio punteggio SEO.

Ma cos’è esattamente un markup dello schema?

Il markup dello schema è un codice inserito nel tuo sito Web per aiutare i motori di ricerca a restituire risultati più informativi per gli utenti. In altre parole, i markup dello schema possono offrire rich snippet nei risultati di ricerca di Google che a loro volta possono migliorare il tuo SEO e il tuo CTR.

Il markup dello schema aiuta il tuo sito a posizionarsi meglio nelle SERP per tutti i tipi di contenuti, tra cui:

  • articoli
  • Aziende locali
  • Ristoranti
  • Episodi e classifiche TV
  • Recensioni del libro
  • Film
  • Applicazioni software
  • eventi
  • Prodotti

Ecco un esempio di siti di recensioni di film con markup dello schema:

Schema Markup - Recensioni sui giochi finali

6. Utilizzare URL brevi e ricchi di parole chiave

Google e altri motori di ricerca preferiscono URL più brevi rispetto a quelli più lunghi . Gli URL più brevi vanno bene anche dal punto di vista dell’esperienza utente.

È anche una buona idea includere le parole chiave focus nell’URL.

Questo è perché:

  1. Le parole chiave nell’URL forniscono un’indicazione agli utenti che visualizzano il tuo URL sui social media, in un’e-mail, ecc. E hanno una buona idea del tipo di contenuto che possono aspettarsi facendo clic su di esso.
  2. Gli URL vengono copiati e incollati regolarmente. Quando non è utilizzato alcun testo di ancoraggio in un collegamento, l’URL stesso funge da quel testo di ancoraggio (ancora un altro potente segnale di classificazione).
  3. Le parole chiave nell’URL vengono visualizzate nei risultati di ricerca. Secondo la ricerca , l’URL è uno degli elementi più importanti che gli utenti considerano quando scelgono il sito su cui fare clic.

Quindi evita i brutti URL che assomigliano a questo:

99signals.com/27-09-2016/category/article-titile

… e optare per URL brevi e ricchi di parole chiave come questo:

99signals.com/article-title

7. Pubblica contenuti di lunga durata

Esistono molte definizioni di cosa significhi veramente il contenuto di lunga durata. Mentre alcuni affermano che si tratta di articoli con 700 parole o più, altri sostengono che gli articoli di lunga durata sono più lunghi con oltre 2.000 parole. Tuttavia, vi è un certo consenso tra gli esperti di marketing sul fatto che i contenuti di lunga durata si riferiscono ad articoli di circa 2.000 parole o più.

Questa guida SEO passo-passo di Neil Patel è un buon esempio di contenuti di lunga durata.

Le SERP di Google sono dominate da questi articoli di lunga durata che sono dettagliati, informativi e trattano un argomento in modo approfondito.

Gli esperti SEO ritengono che vi sia una forte correlazione tra contenuti lunghi e classifiche più elevate .

Dai un’occhiata a questo grafico di Backlinko che illustra la correlazione tra posizione SERP di Google e contenuti di lunga durata.

Contenuto lungo - Tattica SEO on-page (grafico Backlinko)Credito di immagine: Backlinko

E questo grafico da uno studio condotto da serpIQ:

Importanza dei contenuti di lunga durata - Suggerimenti SEO sulla pagina da 99signals.com

Come puoi vedere, gli articoli con 2.000-2.500 parole stanno attualmente dominando le SERP.

I post brevi e dolci di 300-500 parole sono morti. Se desideri ottenere un posizionamento più elevato nei risultati di ricerca, pubblica contenuti di lunga durata.

Correlati: [Risposto] Quanto tempo dovrebbe essere un post sul blog?

8. Scrivi titoli convincenti

Ecco la dura verità: non importa quanto sia ben studiato o approfondito il tuo articolo. Se non è accompagnato da un titolo convincente, verrà ignorato dal tuo pubblico di destinazione.

Questo è il motivo per cui è necessario impegnarsi nella realizzazione di titoli che attirano l’attenzione che risuonano con il pubblico.

Backlinko ha condotto uno studio CTR in cui ha scoperto che i titoli emotivi venivano cliccati il ​​7% più spesso rispetto ai titoli che non avevano un sentimento emotivo.

Studio CTR di Backlinko

Credito di immagine: Backlinko

Per aggiungere un pugno emotivo ai tuoi titoli, usa parole potenti. Ecco un elenco di oltre 401 parole utili tra cui scegliere.

Se hai bisogno di aiuto per creare il titolo perfetto per il tuo post, puoi utilizzare uno strumento gratuito come l’ analizzatore del titolo di CoSchedule per testare la qualità del titolo.

CoSchedule Headline AnalyzerHeadline Analyzer analizzerà il titolo e fornirà un punteggio del titolo studiando la struttura generale, la grammatica e la leggibilità del titolo. Mostrerà anche consigli su come migliorare il titolo per aiutarlo a ottenere prestazioni migliori nelle SERP.

9. Migliora le tue descrizioni meta

Le descrizioni meta sono spesso trascurate perché non hanno un impatto diretto sulle classifiche di ricerca. Questo può essere vero, ma le meta descrizioni possono aumentare la percentuale di clic (CTR) che a sua volta può migliorare significativamente le tue classifiche.

Lo studio CTR di Backlinko ha scoperto che le pagine con meta description ottengono il 5,8% di clic in più rispetto alle pagine senza descrizione.

Studio CTR Backlinko - Meta Descrizioni

Credito di immagine: Backlinko

Una best practice SEO è scrivere meta descrizioni uniche per i tuoi post, homepage, pagine di prodotti, categorie e qualsiasi altra pagina importante sul tuo sito.

Correlati: 5 semplici suggerimenti per la descrizione della meta per aumentare il traffico organico

10. Ottimizza la velocità della tua pagina

Se desideri che i tuoi visitatori abbiano un’esperienza senza soluzione di continuità sul tuo sito Web, devi migliorare la velocità della tua pagina. La velocità della pagina è anche uno dei segnali utilizzati dall’algoritmo di Google per classificare le pagine. Pertanto, è necessario monitorare costantemente la velocità della pagina utilizzando strumenti come Google PageSpeed ​​Insights e GTMetrix .

Ecco alcuni dei modi in cui puoi migliorare la velocità della tua pagina:

  • Abilita la memorizzazione nella cache del browser
  • Minimizza i file JavaScript, CSS e HTML
  • Ridurre i tempi di risposta del server
  • Ridurre i reindirizzamenti
  • Ottimizza immagini – Vedi # 11 per maggiori dettagli
  • Utilizzare un Content Delivery System (CDN)

Per ulteriori approfondimenti sulla velocità della pagina, consulta 8 suggerimenti utili per velocizzare il tuo sito web .

11. Ottimizza le tue immagini

Le immagini posizionate strategicamente all’interno dei tuoi contenuti forniscono un’interruzione visiva molto necessaria dal testo. Detto questo, devi assicurarti che le immagini sul tuo sito siano ottimizzate per indirizzare un traffico più organico.

La prima cosa che devi fare con le tue immagini è comprimerle. Le dimensioni di file di immagini di grandi dimensioni influiscono sulla velocità della pagina. Pertanto, è necessario comprimere la dimensione del file delle immagini prima di caricarle sul sito.

Strumenti di compressione delle immagini come TinyPNG o ImageOptim (se sei un utente Mac) possono aiutarti a comprimere le immagini senza comprometterne la qualità.

JPEG compresso

Oltre alla compressione delle immagini, ecco alcuni altri modi per ottimizzare le immagini:

  • Includi nomi di file descrittivi per le tue immagini – Nonostante i progressi nelle capacità di apprendimento automatico di Google, devi includere un nome di file descrittivo per le tue immagini per aiutare Google a comprendere meglio le tue immagini.
  • Fornisci testo alternativo per le immagini : Google e altri motori di ricerca non possono vedere cosa c’è in un’immagine. Invece, usano il nome file dell’immagine e il testo alternativo per capire cosa c’è in un’immagine. Ecco perché dovresti includere le parole chiave target nel testo alternativo dell’immagine.
  • Seleziona il miglior formato di file : JPEG e PNG sono due dei formati di immagine più comuni su Internet. Sebbene i file JPEG abbiano dimensioni di file inferiori, non sono l’opzione migliore quando si dispone di testo nelle immagini. In tali casi, optare per PNG. Per tutto il resto, vai con JPEG.
  • Carica in modo pigro le tue immagini – Quando carichi in modo pigro risorse non critiche come immagini e video, le carichi essenzialmente solo quando i tuoi visitatori ne hanno bisogno. Il caricamento lento può aumentare la velocità del tuo sito. Se sei un utente WordPress, installa il plug- in Lazy Load a3 gratuito   per attivare il caricamento lazy sul tuo sito.
  • Ridimensiona le tue immagini : ridimensiona le tue immagini in linea con le dimensioni del tuo sito per migliorare ulteriormente le prestazioni del tuo sito. Utilizza lo strumento SmartResize gratuito  per ridimensionare le tue immagini in blocco.

Per ulteriori approfondimenti su ciascuno dei suggerimenti di cui sopra, dai un’occhiata a Image SEO: 7 suggerimenti attuabili per potenziare il tuo traffico organico .

12. Inserisci la tua parola chiave all’inizio del tag del titolo

I tag del titolo vengono visualizzati nelle SERP come titolo selezionabile per un determinato risultato della ricerca. Abbiamo già stabilito l’importanza di scrivere un titolo convincente che risuoni con il tuo pubblico di destinazione.

Secondo i test e l’esperienza di Moz , le parole chiave posizionate all’inizio del tag del titolo potrebbero avere un impatto maggiore sulle classifiche di ricerca.

Quindi, quando ha senso, metti le tue parole chiave focus all’inizio del tag del titolo del tuo contenuto. Ma non esagerare e riempire il tag del titolo con ripetute varianti della stessa parola chiave.

13. Includi le variazioni delle parole chiave nei tag H1 e H2

A volte l’uso di una parola chiave troppo spesso può essere dannoso per il SEO del tuo sito. Ciò è particolarmente vero se ripeti le parole chiave ripetutamente nei tag H1, H2, H3.

Pertanto, al fine di evitare il riempimento delle parole chiave, utilizzare le varianti delle parole chiave target nei tag H1 e H2.

14. Sfrutta il collegamento interno

Il collegamento interno consente di ridurre la frequenza di rimbalzo del tuo sito e di prolungare la durata della partecipazione dell’utente. Oltre a ciò, può anche fornire una leggera spinta al tuo traffico organico.

Ecco un semplice trucco: collega le pagine più importanti del tuo sito alle pagine che desideri classificare.

Link interni - Suggerimenti SEO sulla pagina

15. Utilizzare collegamenti esterni autorevoli

Un collegamento esterno è un collegamento ipertestuale che punta a un sito Web esterno. C’è ancora molto dibattito sull’opportunità di link esterni per migliorare la SEO di un sito. Uno studio di Reboot Online suggerisce che il collegamento esterno ha un impatto positivo sulle classifiche di ricerca.

Inoltre, i migliori SEO ritengono che i collegamenti esterni siano più influenti dei collegamenti interni.

Link esterni e SEO

Credito di immagine: Moz

Una buona pratica SEO sarebbe quella di collegarsi a siti Web autorevoli laddove pertinenti, utilizzando parole chiave descrittive nel testo di ancoraggio che riflettano le stesse parole chiave che la tua pagina sta cercando di indirizzare.

16. Rendi i pulsanti di condivisione social facili da trovare

Hai mai rinunciato a condividere un contenuto condivisibile solo perché non sei riuscito a trovare i pulsanti di condivisione social? Mi è successo più volte. Ecco perché ti consiglio di utilizzare una barra social che segue il contenuto fino alla fine della pagina. Ciò consente ai lettori di condividere i contenuti del tuo sito ogni volta che lo desiderano.

Snap sociale: pulsanti di condivisione

Se stai usando WordPress, ti consiglio vivamente di utilizzare un plug-in di social sharing come Social Snap . Per ulteriori informazioni su Social Snap, puoi guardare la mia recensione approfondita sul video di Social Snap e la procedura dettagliata di seguito:

17. Esegui un controllo mensile del sito per correggere gli errori sul sito

Se apprezzi davvero la SEO del tuo sito web, dovresti eseguire un audit del sito ogni mese per identificare e correggere gli errori sul sito.

Ti consiglio di utilizzare SEMrush per scansionare il tuo sito per errori. Se non disponi di un account SEMrush,  puoi ottenere l’accesso gratuito a SEMrush Pro per 30 giorni facendo clic qui . Vi esorto a verificare tutte le loro funzionalità e vedere di persona se vale la pena investire in questo strumento.

Suggerimenti SEO on-page per potenziare al massimo il traffico - Controllo sito SEMrush

SEMrush non solo identificherà i problemi in loco sul tuo sito, ma ti consiglierà anche suggerimenti pratici per risolverli.

18. Usa un numero nel tag del titolo

Anche se potresti non essere d’accordo con gli standard editoriali di pubblicazioni come Huffington Post, Buzzfeed e Mashable, non si può ignorare la loro immensa popolarità.

Dai un’occhiata a questi articoli Buzzfeed di seguito. Notare qualcosa di unico?

Suggerimenti SEO on-page per potenziare il tuo traffico - Buzzfeed Guida SEO on-page - Usa numeri15 consigli SEO online utilizzabili per potenziare il traffico - Buzzfeed

Sì, l’hai indovinato! Tutti questi post usano numeri nei loro tag del titolo.

Numerosi rapporti di settore hanno riscontrato che i numeri nei tag del titolo aumentano significativamente il CTR. Quindi, quando possibile, includi un numero nel tag del titolo.

19. Aumenta il tempo di permanenza

Se la maggior parte degli utenti fa clic sul pulsante Indietro immediatamente dopo l’atterraggio sul tuo sito, è un segno di una pagina di bassa qualità e Google ti penalizzerà.

Google e altri motori di ricerca utilizzano il “tempo di permanenza” per valutare la qualità dei contenuti di un sito.

Un modo per aumentare il tempo di permanenza è pubblicare contenuti lunghi e informativi che incoraggino i visitatori a rimanere sul sito più a lungo.

20. Rendi il tuo sito web 100% ottimizzato per dispositivi mobili

I siti Web ottimizzati per i dispositivi mobili hanno avuto un notevole aumento delle classifiche di ricerca dopo l’aggiornamento dell’algoritmo di ricerca di Google nell’aprile 2015, noto anche come mobilegeddon . D’altra parte, i siti Web che non erano ottimizzati per i dispositivi mobili hanno visto cadere le loro classifiche nelle SERP.

Avanti veloce ad oggi ed è più importante che mai avere un sito Web ottimizzato per i dispositivi mobili. Quindi assicurati che ogni pagina del tuo sito web sia ottimizzata per i dispositivi mobili.

Utilizza strumenti come il Test ottimizzato per dispositivi mobili di Google e il Selezionatore di siti Web di HubSpot per determinare la compatibilità mobile del tuo sito Web.

Livellatrice HubSpot

Entrambi questi strumenti forniscono grandi spunti per migliorare la compatibilità mobile del tuo sito web.

Una volta raggiunto il punteggio perfetto in termini di compatibilità mobile , assicurati di seguire le ultime best practice SEO per dispositivi mobili per mantenere un sito Web ottimizzato per i dispositivi mobili.

Pensieri finali

La SEO on-page comporta più lavoro che l’ottimizzazione del tag del titolo e della meta descrizione. Devi assicurarti che i tuoi contenuti corrispondano all’intento di ricerca delle parole chiave target e monitorare costantemente la velocità della tua pagina e i segnali UX per aiutare le tue pagine a posizionarsi più in alto nelle SERP.

Hai una tecnica SEO on-page preferita che potrei aver perso qui? Fatemi sapere nella sezione dedicata ai commenti.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close