Cerca

Guida rapida all’utilizzo dei Cluster di argomenti (Topic Clusters) per migliorare il tuo SEO

Vuoi mostrare a Google che sei un esperto su un argomento particolare? Quindi i cluster di argomenti dovrebbero diventare la tua tecnica di marketing dei contenuti.

L’anno è il 2020 e il SEO si è nuovamente evoluto  Google probabilmente sta cambiando di nuovo il suo algoritmo mentre leggi questo – e i cluster di argomenti sono all’orizzonte. Lo so, lo so. Cluster di argomenti ? Ennesima strategia SEO per distrarti!

Ma ecco l’accordo: i cluster di argomenti continueranno ad essere la stella del rock ‘n’ roll del SEO mentre ci dirigiamo verso il nuovo anno. Possono metterti sulla mappa dimostrando la tua esperienza in particolari nicchie. E mentre costruire la tua strategia di contenuti basata su questi cluster può sembrare scoraggiante, ti porterà sulla corsia preferenziale per le prime pagine di Google – se fatto correttamente .

La buona notizia è che i cluster di argomenti non sono così difficili da padroneggiare. La prossima buona notizia è che tratteremo tutto ciò che devi sapere proprio qui. 🙂

In questo articolo, ti guideremo attraverso ogni fase del processo del cluster di argomenti, dalla creazione all’implementazione finale della tua strategia di clustering di argomenti.

Iniziamo!

Cosa sono i cluster di argomenti?

Un cluster di argomenti è costituito da numerosi contenuti che sono tutti collegati in qualche modo a un contenuto principale.

Ad esempio, se un argomento principale è il SEO, un argomento secondario potrebbe acquisire backlink e un altro argomento secondario potrebbe essere l’ottimizzazione della ricerca vocale e un altro potrebbe essere il SEO dell’immagine. Tutti questi argomenti sono correlati e fanno tutti parte dello stesso cluster di argomenti :

cluster di argomenti

Qual è il punto di tutto questo? Bene, per prima cosa, Google e altri motori di ricerca vogliono contenuti più approfonditi e basati su argomenti, al contrario di contenuti superficiali pieni di parole chiave solo per motivi di classifica.

Per di più, i motori di ricerca vogliono più valore, competenza e coerenza da parte vostra. Un cluster di argomenti consente di creare contenuti più dettagliati su un argomento specifico per educare i lettori. Fatto bene, i cluster di argomenti sono utili per organizzare i tuoi contenuti in modo ordinato e Google preferisce eseguire la scansione di siti Web che sono facili da navigare. Bingo.

Anatomia di un cluster di argomenti

Quindi forse hai l’idea principale, ma non riesci ancora a immaginare come appare un cluster di argomenti. Dividiamo uno per te:

  • Pagina del pilastro : tutti i cluster di argomenti iniziano con un argomento principale , noto come pagina del pilastro. Questa è una pagina che discute un argomento generalizzato, come il marketing digitale. Questa pagina del pilastro deve essere completa e dettagliata e dovrebbe contenere contenuti di lunga durata . Ad esempio, potrebbe essere una guida “how-to” o una “guida definitiva”. Dovrebbe essere facile da leggere e strutturato correttamente con sottotitoli e collegamenti a vari altri argomenti e pagine correlati.
  • Cluster di contenuti  : un cluster di contenuti è un articolo di supporto alla pagina del pilastro. Deve sempre ricollegarsi alla pagina del pilastro e deve essere correlato al contenuto della pagina del pilastro. Può essere più breve e meno approfondito, ma deve comunque essere organizzato correttamente e di facile lettura sia per gli umani che per Google . Diciamo che una pagina del pilastro è Digital Marketing 101: una carrellata completa di termini di marketing digitale per principianti . Un cluster di contenuti, quindi, potrebbe essere un articolo sul social media marketing, che è una componente del marketing digitale.
  • Collegamenti ipertestuali : i collegamenti ipertestuali sono l’elemento finale che collega i cluster di argomenti . In sostanza, è necessario aggiungere un collegamento interno da ogni singolo cluster di contenuti alla pagina del saccheggio in modo che Google sappia che è tutto correlato. Collegando più pagine internamente in questo modo, stai mostrando a Google che sei l’esperto su un argomento particolare.

Ecco un esempio di cluster di argomenti sugli allenamenti da HubSpot:

Esempio di allenamento del cluster di argomenti

Vale anche la pena menzionare le lacune nei contenuti , che sono essenzialmente lacune nella strategia di marketing dei contenuti. In altre parole, quando esegui un controllo dei contenuti , potresti scoprire che hai molti post sul blog da cui puoi ottenere più succo. Ad esempio, potresti avere un post sul blog sul social media marketing sul tuo sito Web, ma hai zero argomenti secondari dedicati specificamente, ad esempio, a Instagram e Facebook.

Ogni sito Web esistente avrà l’opportunità di sfruttare le lacune nei contenuti con i cluster di argomenti. Esegui un controllo dei contenuti per trovare il tuo.

Contenuto relativo:

In che modo i cluster di argomenti influenzano la posizione di ricerca?

I cluster di argomenti aiutano Google a comprendere i contenuti del tuo sito. Questo è importante perché i motori di ricerca hanno spostato l’attenzione nel corso degli anni da parole chiave a valore e competenza.

Creando gruppi di argomenti, stai creando più autorità e mostrando a Google che hai i contenuti di alto valore che i tuoi lettori e clienti stanno cercando. Il valore più si offrono alle persone, più sarà fidarti del tuo sito web  – e più Google fiducia e rango di conseguenza.

È anche importante mantenere la struttura del tuo sito pulita e comprensibile, in quanto ciò consentirà a Google di eseguire la scansione e l’indicizzazione del tuo sito Web più rapidamente. Inoltre, i cluster di argomenti possono essere il vero affare quando si tratta di aiutarti a migliorare il tuo collegamento interno. Una volta fatto correttamente, ti consente di iniziare a ricevere tonnellate di traffico organico.

Sembra troppo bello per essere vero? Dai un’occhiata agli esempi seguenti delle pagine dei cluster di argomenti che ricevono migliaia di visitatori organici su base mensile:

image3

A proposito, l’ultimo URL dell’elenco sopra è la nostra nuova guida di divulgazione e-mail che rappresenta anche l’anatomia perfetta del contenuto dei cluster di argomenti, quindi dai un’occhiata qui . 

Contenuto relativo: 

Fai clic qui per scaricare subito la tua guida gratuita!

Come creare cluster di argomenti

Come accennato in precedenza, la creazione di un cluster di argomenti potrebbe sembrare schiacciante, ma in realtà è solo scrivere diversi post sul blog e collegarli insieme (e la parte di collegamento può essere semplice o elaborata). In questa sezione, ti guideremo passo per passo attraverso il processo del cluster di argomenti.

Rivedi i tuoi contenuti esistenti

È molto probabile che tu abbia già contenuti esistenti che possono essere trasformati in un cluster di argomenti. È una buona idea iniziare dando un’occhiata alle parole chiave che hai preso di mira in passato, così come agli articoli che sono stati classificati al primo posto. Esaminali e chiediti come puoi ricavarne più succo. Quali argomenti secondari puoi creare? Quali domande si pongono le persone su questi argomenti?

Tutti questi dati possono essere facilmente esportati dal tuo account Google Analytics se sono collegati alla tua Google Search Console. Tieni presente che Google non invia dati storici dalla tua Google Search Console al tuo Google Analytics, il che significa che tutti i dati che hai nel tuo account GA iniziano a essere inviati dopo aver impostato questa connessione.

In questo caso, se hai stabilito la connessione qualche tempo fa, puoi usufruire di questo rapporto personalizzato  e vedere che tipo di query di ricerca e pagine stanno portando gli utenti al tuo sito: 

image4

Scegli l’argomento del pilastro e gli argomenti secondari per i quali vuoi posizionarti

Dopo aver esaminato i contenuti esistenti e aver deciso su alcuni cluster di argomenti, è tempo di elaborare alcuni nuovi argomenti del pilastro.

Un argomento del pilastro deve essere un argomento chiave nella tua nicchia . Deve essere qualcosa con cui il tuo pubblico ha davvero bisogno di aiuto e deve essere un argomento generalizzato. Inoltre, dovresti anche capire l’ intento dietro una parola chiave in  modo da affrontare il tuo argomento dall’angolo giusto. 

In sostanza, devi capire perché le persone sono alla ricerca di questo argomento e che cosa esattamente vogliono uscirne. A tal fine, potresti dedicare un po ‘di tempo a controllare le SERP per vedere che tipo di pagine sono attualmente classificate nella parte superiore di Google e come gli autori si stanno avvicinando agli argomenti .

Dovrai fare il brainstorming di alcune idee e ci sono molti strumenti per aiutarti. SEMrush Keyword Magic Tool è un buon punto di partenza per la ricerca di parole chiave . Con l’aiuto di questo strumento, puoi trovare un elenco di termini di ricerca che gli utenti stanno anche cercando all’interno di quell’argomento: 

image5

Il più grande vantaggio dell’utilizzo dello strumento SEMrush è che ti dà anche un’idea di quanto sia popolare un particolare termine di ricerca (colonna del volume di ricerca) e di quanto sia difficile classificarlo su Google (colonna di difficoltà delle parole chiave).

Quando stai classificando per parole chiave altamente competitive e generiche potresti voler lavorare da zero. In altre parole, inizia a classificare prima le parole chiave più specifiche e solo successivamente passa a quelle generiche.

Ad esempio, Bid4Papers è una piattaforma che offre servizi di scrittura accademica e vogliono classificare la parola chiave “scrittura di articoli”. Poiché il termine è piuttosto ampio, sarebbe saggio per loro utilizzare uno strumento come lo strumento magico di parole chiave SEMrush per scoprire parole chiave più specifiche e iniziare prima a classificarle.

Dato che offrono anche articoli di marketing educativo , sarebbe una buona idea, ad esempio, scrivere una guida su come scrivere utili contenuti di marketing. Da quel momento, la società potrebbe farsi strada e indirizzare termini più ampi, come “scrittura di articoli”.

Un altro strumento che consiglio vivamente di provare è Answer The Public . Tutto quello che devi fare è digitare una parola chiave nella barra di ricerca in alto:

image2

E ottieni i risultati  – quali sono le domande che le persone stanno scrivendo nelle barre di ricerca. È possibile visualizzare i risultati in forma di elenco o in formato di visualizzazione (come questo):

image1

Rispondi I dati del pubblico si basano sulle funzionalità di suggerimento automatico di Google e ti danno l’ispirazione necessaria per rispondere a più domande che le persone hanno sull’argomento del pilastro.

Collega i tuoi contenuti

Il thread che unisce i cluster di argomenti è il collegamento interno. Dopo aver creato la pagina del pilastro e le pagine degli argomenti secondari, è necessario assicurarsi che tutti i contenuti siano collegati. Ciò significa che il collegamento da ciascuna pagina dell’argomento secondario alla pagina del pilastro e talvolta dalla pagina dell’argomento secondario A alla pagina dell’argomento secondario B.

Nel post del blog di Single Grain The Ultimate Guide to Blockchain, Digital Marketing and Cryptocurrency , la pagina del pilastro ha un sommario con collegamenti a ciascun cluster di contenuti (o pagina di supporto o pagina di argomento secondario):

Pagina del pilastro SG Blockchain

Quando fai clic sul capitolo 1, troverai altri collegamenti interni nella parte inferiore della pagina:

Blockchain a sinistra

Una breve nota sul testo di ancoraggio: è allettante utilizzare lo stesso testo di ancoraggio ogni volta che si collega alla pagina del pilastro, ma Google potrebbe penalizzarlo. Prova a mescolare le cose; usa testo ottimizzato ma anche testo non ottimizzato.

Traccia, misura e modifica

Ci vorranno alcune settimane prima che i risultati inizino a giungere. Una volta fatto, utilizza uno strumento SEO per tracciare, misurare e apportare le modifiche necessarie. Google Analytics dovrebbe essere la soluzione ideale. È gratuito e include una funzione Raggruppamenti di contenuti che ti consente di mettere una struttura logica attorno ai tuoi contenuti:

Qualunque strumento tu utilizzi, assicurati che sia dotato di una funzionalità di analisi del traffico che ti permetta di approfondire i tuoi cluster in modo da poter vedere come si comportano in termini di conversioni, acquisizione dei clienti, sessioni e così via. La frequenza di rimbalzo è anche una metrica chiave da tenere d’occhio, in quanto aiuta a evidenziare quanto siano utili i cluster di argomenti per l’utente.

È anche una buona idea impostare una campagna di tracciamento della posizione che ti aiuti a vedere la crescita delle tue classifiche prima che inizi il traffico:

grafico-options pt-panoramica-

 

Conclusione

I cluster di argomenti sono potenti modi per rafforzare la tua strategia di marketing dei contenuti e la  tua strategia SEO posizionandoti come esperto su argomenti specifici.

Naturalmente, la creazione di cluster di argomenti significa che dovrai mettere insieme un piccolo esercito di strateghi e scrittori di contenuti, ma con una squadra forte in posizione, puoi facilmente fare le tue ricerche e asso quei cluster!

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close