Cerca

Guida completa alla vendita di un sito Web o attività online

Ci sono molti motivi per cui costruire un business online è un modo ideale per fare soldi, e uno dei motivi più convincenti è il fatto che un business online è un bene che può essere venduto quando sei pronto per andare avanti.

Ovviamente, abbiamo tutti familiarità con alcune delle principali aziende che sono state vendute per milioni o miliardi di dollari (come quando Google ha pagato $ 1,65 miliardi per YouTube nel lontano 2006), ma non sono solo le grandi aziende a essere vendute. Anche le piccole aziende online come blog, siti Web di nicchia e siti di e-commerce sono molto richieste, anche se queste vendite non generano titoli nazionali.

Lavoro online a tempo pieno dal 2008 e, sebbene non abbia mai acquistato un’attività online, ne ho venduti diversi. In effetti, il primo blog in cui abbia mai iniziato a vendere per $ 500.000. In totale, ho venduto poco più di $ 1,5 milioni nelle attività online (circa $ 1,3 milioni nei blog e circa $ 200.000 per un’azienda basata su Amazon).

Se sei interessato, puoi leggere ulteriori dettagli qui:

E puoi saperne di più sul mio approccio alla creazione di blog redditizi in Blog Launch Breakthrough .

Nel 2008, quando lasciai il mio lavoro a tempo pieno come revisore contabile per svolgere la mia attività online, il mio datore di lavoro pagò la mia busta paga finale e quella fu la fine del mio compenso per quel lavoro. Ma nel 2013, quando ero pronto a passare dal mio primo blog, sono stato pagato per alcuni anni di entrate dall’acquirente del sito. Il lavoro che avevo svolto negli anni precedenti mi ha permesso di costruire un asset che avesse valore per gli acquirenti.

Poiché nel corso degli anni ho venduto diverse aziende online, ricevo molte domande da persone che hanno interesse a vendere un’attività in proprio. Può essere un argomento piuttosto estraneo se non l’hai mai affrontato. Questo articolo tratterà il processo che è possibile utilizzare per vendere la propria attività online e, si spera, servirà da guida da seguire.

In questo articolo, userò le parole “sito web” (o “sito”) e “business” in modo intercambiabile. Le informazioni qui coperte saranno applicabili indipendentemente dal fatto che tu stia cercando di vendere un blog, un sito Web di nicchia, un sito Web di e-commerce o qualche altro tipo di attività online.

1. Preparare in anticipo (in modo da poter massimizzare il valore)

Il primo passo nella vendita di un sito Web o blog è estremamente importante, ma la maggior parte delle persone lo trascura. Se vuoi massimizzare il valore del tuo sito e ottenere quanti più soldi possibile, devi prepararti in anticipo.

La maggior parte delle persone decide di voler vendere il proprio sito e passa alla parte successiva del processo. Naturalmente, ci sono molte ragioni diverse per cui potresti voler vendere un sito e potresti trovarti in una situazione in cui è necessario venderlo rapidamente, ma in caso contrario, dovresti pianificare in anticipo.

Idealmente, credo che la maggior parte dei blogger e dei proprietari di siti Web dovrebbe iniziare a prepararsi circa 6-12 mesi prima di voler tentare di vendere il proprio sito. Se ti concedi un po ‘di tempo, ci sono alcune cose che puoi fare per aumentare il valore del business.

2. Elimina eventuali attività e spese che non producono risultati

Lavorando
Foto di Manny Pantoja

Il principale fattore che determinerà ciò che la maggior parte degli acquirenti è disposto a pagare per il tuo sito sarà la quantità di profitto che stai guadagnando.

Ad esempio, un acquirente può esaminare il profitto totale che hai guadagnato negli ultimi dodici mesi e moltiplicare quel numero per tre al fine di determinare il valore del tuo sito.

Ciò significa che ci sono due modi per aumentare il valore del tuo sito: 1) aumentare le entrate o 2) ridurre le spese.

Ti consigliamo di dare un’occhiata a tutte le spese che stai sostenendo con il tuo sito e vedere se ci sono alcune spese non necessarie che potresti eliminare (o addirittura ridurre). Se stai spendendo denaro per qualcosa che non produce risultati tangibili, prendi in considerazione di tagliarlo.

Una delle prime cose che molti potenziali acquirenti ti chiederanno è “quanto tempo impieghi a lavorare sul sito web?” Questa è una domanda davvero importante perché la maggior parte degli acquirenti sono investitori e assumeranno altre persone per fare il lavoro per loro. Potresti non considerare il tuo tempo come una spesa che riduce il profitto della tua attività, ma un potenziale acquirente potrebbe vederlo in quel modo.

Ad esempio, se si trascorrono 20 ore settimanali sul sito Web, l’acquirente può calcolare quanto costerebbe assumere qualcun altro per quelle 20 ore di lavoro e includerlo come spesa per ridurre il profitto che si aspettano di realizzare dopo acquistare la tua attività.

Con questo in mente, dovresti dare un’occhiata a tutte le attività che fai con la tua attività e assicurarti che ognuna abbia uno scopo e produca risultati. Nella maggior parte dei casi, ci sono alcune cose che potresti eliminare che ti farebbero risparmiare un sacco di tempo. Forse trascorri 5 ore a settimana sui social media e potresti ridurre a 1 ora a settimana praticamente senza alcun impatto sul traffico o sui profitti. Ogni volta che puoi eliminare potrebbe aiutarti a presentare un’attività più attraente ai potenziali acquirenti.

Con uno dei miei siti, sono stato in grado di ridurre da 40+ ore a settimana a solo 20 ore a settimana, il che ha reso molto più facile la vendita. Tutto quello che dovevo fare era ottimizzare la mia operazione ed eliminare alcune cose che richiedevano molto tempo ma non generavano risultati significativi.

3. Massimizza i flussi di entrate esistenti

In che modo il tuo sito web guadagna subito? Stai davvero massimizzando quello che potresti fare con questi metodi? Probabilmente ci sono alcune cose che potresti fare abbastanza facilmente per aumentare le entrate per le cose che stanno già funzionando per te.

Ad esempio, se pubblichi contenuti sponsorizzati, forse potresti avvicinarti in modo proattivo a più potenziali sponsor nel tentativo di aumentare le entrate. O forse potresti creare alcune offerte di pacchetti che ti consentono di aumentare il valore dei contenuti sponsorizzati sul tuo sito.

Se stai monetizzando il tuo sito con programmi di affiliazione, dai un’occhiata ai programmi di affiliazione che producono il maggior reddito per te. Ci sono modi in cui potresti iniziare a promuovere quei programmi in modo più aggressivo?

04. Prendi in considerazione i nuovi flussi di entrate

Se ci sono potenziali flussi di entrate che non hai perseguito, ora è il momento di cambiarlo. Ricorda che i tuoi profitti influenzeranno pesantemente il valore del tuo sito, quindi eventuali entrate extra che generi potrebbero aumentare il valore del sito in modo esponenziale.

Un esempio potrebbe essere la vendita di posizionamenti di annunci sul tuo sito Web tramite Google Ads o posizionamenti di annunci one-to-one con un’azienda. Esistono molte attività online e locali che pagheranno per lo spazio pubblicitario se il tuo sito web riceve visitatori che potrebbero essere interessati a un prodotto o servizio che stanno vendendo. Ciò può includere concessionarie di automobili locali, banche, compagnie assicurative e persino  finanziatori di prestiti con anticipo sullo stipendio .

05. De-Personalizza il sito

Ci sono alcuni vantaggi significativi legati al marchio personale e ci sono molte ragioni per cui potresti voler incorporare la tua personalità nel tuo sito web o blog. Tuttavia, quando si tratta di vendere un sito, un forte marchio personale può essere una svolta per alcuni potenziali acquirenti.

Se il tuo sito è fortemente marchiato personalmente, i potenziali acquirenti potrebbero chiedersi cosa accadrà al sito quando non sarai più coinvolto. Le persone seguono il sito solo grazie a te? In tal caso, che impatto avranno sul traffico e sulle entrate se non sei coinvolto?

Quando raggiungi un punto in cui inizi a pensare di vendere il tuo sito, ti suggerisco di prendere in considerazione le modifiche che potresti voler apportare per rimuoverti un po ‘dal marchio.

Questo consiglio vale davvero solo per la vendita di un sito. Penso che il personal branding sia estremamente efficace per creare un seguito reattivo. Ma raccomando di prendere un po ‘di tempo per passare da quello prima di provare a vendere.

6. Preparare una transazione regolare

Ci sono un certo numero di cose che puoi fare in anticipo per rendere la vendita e la transizione un po ‘più agevole. Innanzitutto, è una buona idea avere tutti i tuoi dati finanziari in ordine in anticipo. Ogni acquirente vorrà vedere una ripartizione delle entrate e delle spese, quindi dovresti averlo preparato quando sei pronto per iniziare a parlare con gli acquirenti.

Molti acquirenti saranno anche interessati a continuare a lavorare con tutti i liberi professionisti che hai utilizzato. Prenditi del tempo per pensare a come potrebbe funzionare questa transizione. Hai liberi professionisti che saranno in grado di aiutare un acquirente a svolgere le normali operazioni del tuo sito? In caso contrario, potresti pensare di assumere alcuni liberi professionisti per occuparti di alcune delle operazioni quotidiane del sito. Alla maggior parte degli acquirenti piace vedere una squadra già in atto perché rende la transizione più agevole per loro.

Certo, vuoi essere consapevole delle tue spese ed essere sicuro di ottenere un buon valore da qualsiasi libero professionista che assumi in questa situazione.

Se hai il sito sullo stesso account di hosting con alcuni altri siti di tua proprietà, potresti voler andare avanti e spostare il sito sul proprio account di hosting ora. In questo modo, puoi dire ai potenziali acquirenti che non è necessario alcun trasferimento. Possono semplicemente accedere all’account di hosting, metterlo nel loro nome e aggiornare le informazioni di fatturazione.

07. Ottieni una valutazione gratuita da un broker

Una volta che sei pronto a fare il passo successivo verso la vendita del tuo sito, è una buona idea ottenere una consulenza e una valutazione gratuite da un broker. Certamente non devi usare un broker per vendere il tuo sito (esamineremo le tue opzioni tra un minuto), ma anche se finisci per provare a vendere il sito da solo, può essere davvero utile sapere quanto un broker ritiene valga la pena il tuo sito.

Tieni presente che il broker vuole vendere la tua attività, quindi alcuni di loro tendono ad essere un po ‘aggressivi in ​​termini di quanto dicono che vale la tua attività. Chiedi loro quanto lo elencerebbero e chiedi anche loro quanto pensano che realisticamente venderebbero.

Quasi tutti i broker ti daranno una consulenza e una valutazione gratuite, quindi assicurati di parlarne con almeno uno. Alcune delle opzioni includono Empire Flippers , FE International , Quiet Light Brokerage e Upward Exit .

Pinne Impero

Conoscere il valore del tuo sito Web può essere una delle parti più difficili del processo. In realtà, un sito Web o un’attività online vale qualunque cosa qualcuno sia disposto a pagare per questo. Il valore può variare drasticamente da un potenziale acquirente all’altro.

Mentre ci sono molti fattori coinvolti, un punto di partenza generale per la maggior parte delle aziende online è circa 3 volte il profitto ottenuto negli ultimi 12 mesi. Quindi, se il tuo sito ha guadagnato $ 50.000 negli ultimi 12 mesi, potrebbe valere la pena di circa $ 150.000.

Certo, ci sono molte cose che possono influire sul valore, ma ciò dovrebbe darti un’idea generale.

08. Decidi come vuoi vendere il tuo sito

Hai alcune opzioni diverse quando si tratta di vendere il tuo sito Web o attività online:

  • Usa un broker
  • Elencalo in un marketplace
  • Vendilo da solo

Tutte e tre le opzioni hanno pro e contro. La sua quotazione con un broker ti consente di beneficiare della rete di acquirenti del broker, ma loro prenderanno una percentuale della vendita.

La sua quotazione su un marketplace aumenterà l’esposizione per la vendita, ma pagherai una tariffa fissa o una percentuale del prezzo di vendita. Flippa è il mercato più popolare.

Flippa

Se lo vendi da solo, non devi dividere i soldi con nessun altro (tranne l’uomo delle tasse). Ma sarai in grado di trovare un acquirente o ottenere il miglior prezzo senza l’aiuto di un broker?

Ho venduto siti Web con tutti e tre questi metodi. Se non hai mai venduto un sito in passato, la mia prima raccomandazione sarebbe quella di utilizzare un broker. La maggior parte dei broker prenderà il 10-15% del prezzo di vendita come commissione, ma potrebbe essere in grado di ottenere un prezzo molto più alto di quello che potresti ottenere da solo, quindi potresti finire meglio anche dopo la commissione. Ad esempio, un broker potrebbe essere in grado di ottenere 3 volte il profitto degli ultimi 12 mesi, ma da solo, potresti essere in grado di ottenere solo 2 volte.

Una delle sfide con i broker è il fatto che alcuni di loro sono specializzati in aziende che venderanno per 6 o 7 cifre, o anche di più. Alcuni broker venderanno siti più piccoli, ma se il valore del sito è inferiore a circa $ 25.000, è difficile trovare un broker che elencherà il sito.

Ho lavorato con alcuni broker diversi e ho avuto risultati contrastanti. Se sei interessato a trovare un broker e desideri una raccomandazione, non esitare a contattarmi tramite il mio blog (che è collegato nella biografia del mio autore di seguito) e cercherò di consigliare un broker che potrebbe essere adatto a te.

Se hai esperienza nella vendita di siti Web e hai una rete forte, farlo da solo potrebbe essere una buona opzione. Le mie maggiori vendite sono state fatte da solo senza un broker.

Se lavori con un broker, commercializzeranno e promuoveranno la tua attività ai potenziali acquirenti. Il resto dell’articolo è scritto per le persone che vogliono vendere il sito da sole, senza un broker.

9. Identificare il tipo ideale di acquirente

Prima di iniziare a commercializzare la tua attività con potenziali acquirenti, prenditi del tempo per pensare a chi sarebbe l’acquirente ideale. Che tipo di attività trarrebbe vantaggio dalla proprietà del tuo sito? Potrebbero essere gli stessi tipi di attività che sarebbero disposti a fare pubblicità sul tuo sito, perché ovviamente vedono valore nel raggiungere il tuo pubblico.

Potresti finire per vendere a qualcuno che è completamente diverso da quello che hai identificato come un acquirente ideale, ma nelle prime fasi, pensare all’acquirente ideale può aiutarti a sapere a chi dovresti contattare.

10. Contatta le persone della tua rete

Se hai sviluppato un’attività online per un po ‘, senza dubbio ti sei connesso con altre persone nel tuo settore. Potrebbero essere blogger, altri imprenditori, persone che lavorano per aziende che pubblicizzano nel tuo settore o qualsiasi altro contatto professionale.

Prenditi del tempo per contattare tutti dalla tua rete e far loro sapere che sei interessato a vendere il tuo sito e parlare con potenziali acquirenti. Chiedi loro se conoscono qualcuno che potrebbe essere interessato. Potresti anche voler fornire loro alcuni dettagli su chi pensi possa essere un acquirente ideale, e forse questo li aiuterà a pensare a qualcuno che conoscono.

La tua rete può essere estremamente preziosa. Non solo conoscerai molte persone, ma ogni persona nella tua rete ha anche una propria rete, e questo potenzialmente ti connette a migliaia di persone.

Consiglierei di non fornire troppi dettagli (come il prezzo richiesto) nella tua e-mail iniziale, ma se qualcuno esprime un interesse o ha in mente qualcun altro, puoi prenderlo da lì.

11. Contatta persone / aziende che possiedono più siti nel tuo settore

Potresti conoscere persone o aziende che possiedono più siti web nella tua nicchia. È probabile che probabilmente abbiano acquistato almeno uno dei siti Web, quindi forse sarebbero interessati ad acquistare anche i tuoi.

Se conosci siti web nella tua nicchia che hanno venduto in passato, contatta l’attuale proprietario e vedi se sarebbero interessati ad acquistare il tuo sito.

12. Contatta persone / aziende conosciute per investire in attività online

Gli investimenti nel business online sono diventati sempre più comuni negli ultimi anni e ci sono un numero crescente di aziende che sono attivamente coinvolte nelle acquisizioni. Raggiungere queste società non richiederà molto tempo e potrebbe portare a una vendita.

Alcuni esempi includono:

Club degli investitori

13. Considera i gruppi di Facebook

Se vuoi vendere il tuo sito Web senza un broker, un’opzione per raggiungere molti potenziali acquirenti è pubblicare qualcosa in un gruppo di Facebook. Ecco alcuni gruppi specifici per l’acquisto e la vendita di attività online:

Oltre a questi tipi di gruppi, potresti anche essere in grado di trovare potenziali acquirenti in Facebook specifici di nicchia. Mia moglie ed io avevamo un’attività di vendita di prodotti a marchio del distributore su Amazon e l’abbiamo venduta per sei cifre grazie a un semplice post nel gruppo Facebook di The Amazing Seller . Quell’attività era stata quotata con un broker per quattro mesi (senza successo) e abbiamo trovato un acquirente molto rapidamente attraverso il gruppo di Facebook.

Avvolgendolo

Vendere un business online può richiedere del tempo. Non aspettarti di avviare il processo e di trovare subito un acquirente. Potrebbe funzionare così, ma di solito no.

Le vendite più piccole sono più come accadere rapidamente. Puoi pubblicare qualcosa su Facebook o contattare un’azienda che acquista molti siti e sono pronti a spostarsi immediatamente.

Le vendite più grandi potrebbero richiedere più tempo. Qualunque cifra di almeno sei cifre richiederà spesso almeno alcune settimane affinché l’acquirente esegua la dovuta diligenza e potrebbe aver bisogno di tempo per allineare i fondi. Inoltre, potrebbero essere necessari diversi mesi per trovare un acquirente.

Tieni presente che richiede solo un acquirente. La persona giusta può venire in qualsiasi momento.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close