Cerca

Google Search Console: 6 consigli SEO che devi conoscere

Ricordi di fare i test al liceo? Studieresti per tutta la settimana, realizzerai flashcard e avresti infiniti momenti salienti nel tuo libro di testo. Il giorno del test sarebbe arrivato, e saresti arrivato in classe sentendoti preparato ma ancora nervoso.

E poi otterrai la buona notizia: “Il test di oggi è a libro aperto”.

Ora potresti fare il test sapendo che tutte le risposte erano proprio lì davanti a te nel caso fossi sconcertato.

Ora incontra Google Search Console, la risorsa open-book di Google per tutte le tue domande SEO.

È completo, straordinariamente preciso e, soprattutto, gratuito al 100%. Ecco perché, in questo articolo, esamineremo:

  • Che cos’è Google Search Console
  • Come utilizzare Google Search Console
  • 6 suggerimenti di marketing e SEO fruibili utilizzando Google Search Console

Alla fine di questo articolo, saprai come utilizzare Google Search Console come un professionista per migliorare le tue classifiche, risolvere eventuali problemi sul tuo sito e completare tutti i tuoi test SEO nella vita reale. Ma prima…

Che cos’è Google Search Console?

Google Search Console (GSC) è uno strumento gratuito fornito da Google che consente ai proprietari di siti Web di portare il proprio SEO a un livello completamente nuovo. Utilizzando GSC, puoi:

  • Tieni traccia delle prestazioni del tuo sito
  • Ottimizza i tuoi contenuti
  • Diventa classificato su Google
  • Imposta avvisi per rispondere più rapidamente ai problemi del sito
  • Ottieni un’idea migliore di come i robot di Google stanno “leggendo” il tuo sito web

Con Google Search Console, hai accesso diretto alle principali metriche SEO che mostrano come migliorare il posizionamento del tuo sito su Google.

Come configurare GSC

Configurare Google Search Console può sembrare confuso se sei nuovo, ma è abbastanza semplice.

Innanzitutto, vai alla home page di Google Search Console e fai clic su Inizia ora :

google search console inizia ora

Quindi, dovrai selezionare un tipo di proprietà . Questo può essere un dominio o il prefisso URL :

gsc seleziona domain o url

La differenza è che una proprietà del dominio traccia i dati sull’intero sito (inclusi i sottodomini indipendentemente dai prefissi come “www”, “http: //”, “https: //,” ecc.).

Le proprietà del dominio sono più complete e porteranno a metriche a livello di sito.

Il prefisso URL, d’altra parte, è più facile da verificare, ma fornisce solo dati su un URL specifico, non sull’intero sito. Questo può essere utile se desideri monitorare pagine specifiche separatamente dal tuo dominio, ma può essere più noioso nella configurazione.

Nota: poiché la maggior parte degli utenti dovrà solo impostare una proprietà in Google Search Console in un intero dominio, è quello che faremo oggi.

Inserisci il tuo nome di dominio e fai clic su Continua .

Ora arriva la parte che la maggior parte dei webmaster trova problematica: verificare la proprietà di un dominio. A questo punto, vedrai la seguente schermata:

gsc verifica dominio

Il problema non è tanto il processo di verifica stesso (che è semplice), ma il fatto che ci sono così tanti provider di nomi di dominio (come Bluehost, GoDaddy, NameCheap, ecc.), Ognuno dei quali ha passaggi diversi nel loro processo di verifica .

Nel tutorial di oggi, verificheremo il nostro dominio con Bluehost , ma puoi selezionare altre opzioni se hai un provider di dominio diverso:

Se non riesci a trovare il tuo provider di dominio in quell’elenco, puoi trovare le istruzioni qui per letteralmente ogni provider sul mercato.

Ancora una volta, oggi lavoreremo con Bluehost perché è uno dei nostri provider di hosting preferiti.

Innanzitutto, desideri copiare il record TXT  nella finestra di verifica di Google Search Console:

gsc copia il record txt

Quindi apri una nuova finestra, vai al tuo account Bluehost e accedi:

accedi al provider di hosting

Ora devi aggiungere il record TXT ai record DNS del tuo dominio. Per fare ciò dalla dashboard di Bluehost, fai clic su Domini »Zone Editor, quindi scegli il dominio desiderato dal menu a discesa:

editor di zone bluehost

Dopo aver selezionato il dominio desiderato, sarai in grado di aggiungere un nuovo record DNS.

bluehost aggiungi dns

Nel  campo Record host , immettere il  simbolo @ . Lascerai il TTL predefinito (14400) e cambierai il  Tipo in  TXT . Quindi, oltre il codice di verifica del sito Google che hai copiato in precedenza nel  campo Valore TXT .

Fai clic su  Aggiungi record .

È importante capire che le modifiche con il tuo provider di dominio non verranno aggiornate all’istante. A volte le modifiche al DNS richiedono alcune ore per funzionare.

In questo caso, non ti preoccupare. Riprova più tardi quel pomeriggio o il giorno seguente.

Una volta che sei stato verificato, ora arriva la parte divertente: utilizzare Google Search Console per ottimizzare il tuo sito, aumentare le tue classifiche e, in definitiva, guidare più traffico !

Come utilizzare Google Search Console

Ora che hai installato GSC, potresti chiederti: ” Ok, ma cosa fa Google Search Console?”

La risposta? Praticamente tutto quando si tratta di monitorare le prestazioni del tuo sito su Google.

Dopo aver verificato la proprietà del tuo sito, puoi visitare la tua proprietà.

Qui, vedrai che il lato sinistro ha diversi strumenti per controllare le prestazioni del tuo sito:

barra degli strumenti gsc

Diamo un’occhiata a ciascuno individualmente per imparare come utilizzare GSC per migliorare il tuo sito web.

1. Panoramica

Il display principale su Google Search Console sarà la tua panoramica per impostazione predefinita. Qui puoi vedere le prestazioni complessive del tuo sito, un rapporto sulla copertura (di cui parleremo tra poco) e tutti gli errori che si trovano attualmente sul tuo sito.

panoramica della console di ricerca di Google

Questo è un ottimo posto per un check-in giornaliero per assicurarsi che le cose procedano senza intoppi.

2. Prestazioni

Come suggerisce il nome, questa funzione di GSC ti fornirà dati sulle prestazioni complessive del tuo sito su Google. In altre parole, ti farà sapere quanto stai facendo in termini di traffico e impressioni.

prestazioni gsc

Sarai in grado di tenere d’occhio le query di ricerca pertinenti, vedere chi visita dal desktop o dal cellulare, da quale paese provengono i tuoi visitatori e monitorare le percentuali di clic dai risultati di ricerca di Google.

query gsc

Proprio come la tua panoramica, questo è un buon posto da visitare regolarmente per avere un’idea di quante persone visitano il tuo sito ogni giorno.

3. Strumento di ispezione URL

Questo strumento entra nel nocciolo della SEO guardando pagine specifiche del tuo sito. Questa è un’ottima risorsa per indagare sugli errori di indicizzazione se hai visto cambiamenti o cali nelle prestazioni di una pagina. Basta digitare l’URL specifico di una pagina:

ispezione url gsc

Quindi riceverai un breve rapporto sulla presenza o meno dell’URL su Google se è stato sottoposto a scansione e se è ottimizzato per i dispositivi mobili:

dettagli di ispezione url gsc

Probabilmente utilizzerai questa funzione meno spesso di Panoramica e prestazioni, ma è perfetta per guardare le pagine web che sospetti stiano danneggiando i tuoi sforzi SEO.

4. Copertura

Nella scheda Indice , è possibile trovare un rapporto di copertura . Qui potrai vedere eventuali problemi con le pagine del tuo sito Web indicizzate con consigli su come risolverli.

copertura gsc

Suggerimento professionale di Google: se il tuo sito ha meno di 500 pagine, probabilmente non dovrai preoccuparti del rapporto sulla copertura .

5. Mappa del sito

Questa parte di GSC è cruciale: inviare la tua Sitemap XML. Mentre alcune persone affermano che la Sitemap XML non aiuterà o danneggerà la tua strategia SEO, è una buona idea inviarne una. La tua Sitemap mostra a Google il layout del tuo sito Web e lo aiuta a eseguire la scansione in modo intelligente. Poiché i bot di Google hanno un “limite di scansione”, la tua Sitemap può dare la priorità alle pagine che desideri indicizzare e guidare i crawler in modo più efficiente sulle pagine del tuo sito.

Se non sei sicuro di cosa sia la Sitemap o come crearne una, consulta la guida completa di WPBeginner sulle Sitemap .

Fortunatamente, con Google Search Console, puoi facilmente inviare la tua Sitemap per la revisione:

sitemap gsc

Puoi anche aggiornare e inviare nuovamente le Sitemap in base alle esigenze.

6. Velocità

In Miglioramenti, è possibile verificare le  prestazioni di velocità . La velocità della tua pagina sia su desktop che su dispositivo mobile è fondamentale per la tua strategia SEO. Ciò è particolarmente vero sui dispositivi mobili, dove è probabile che oltre la metà dei visitatori se ne vada se il caricamento della pagina richiede più di 3 secondi.

velocità gscFonte immagine

Un’alternativa al rapporto sulla velocità di Google Search Console è Google Page Speed ​​Insights . Potresti voler utilizzare questo inizialmente quando GSC non ha raccolto abbastanza informazioni sul tuo dominio per fornire un rapporto di velocità accurato.

7. Usabilità mobile

Questa funzione ti consente di sapere quali pagine del tuo sito web hanno problemi con la loro versione mobile. Questo è uno strumento eccellente per assicurarsi che i tuoi utenti ottengano la migliore UX possibile quando visualizzano i tuoi contenuti dai loro smartphone.

usabilità mobile gsc

8. Azioni manuali

Questo si riferisce a quando un essere umano (non un crawler di Google) ha riscontrato un problema con la tua pagina ed è generalmente il risultato di webmaster che manipolano un indice di ricerca.

In altre parole, le azioni manuali sono penalità che ricevi se sei impegnato in strategie SEO black hat come il riempimento di parole chiave, con collegamenti innaturali (o acquistati) al tuo sito, contenuti troppo sottili, reindirizzamenti nascosti, ecc.

L’elenco delle strategie black hat è completo, quindi se desideri saperne di più, puoi leggere qui cosa causa le azioni manuali . Se ti attieni alle strategie SEO white hat, tuttavia, dovresti essere completamente libero da incorrere in penalità!

azioni manuali della console di ricerca di Google

9. Problemi di sicurezza

Proprio come suggerisce il nome, qui si avrà accesso a tutti i problemi con il tuo sito securit y . Questi in genere si presentano sotto forma di malware (virus) e hacking. Proprio come le azioni manuali, vuoi che questo rapporto rimanga vuoto!

problemi di sicurezza di gsc

10. Collegamenti

Con Google Search Console, puoi vedere quali altri siti web si collegano ai tuoi e quali pagine specifiche collegano. Considerando che il link building è uno dei principali fattori di successo SEO, questo è un piccolo strumento incredibilmente utile.

collegamenti gsc

Fonte immagine

Ancora una volta, Google Search Console è uno dei modi migliori per tenere traccia di tutto sulle prestazioni del tuo sito. Tra un secondo, esamineremo 6 hack di marketing e SEO da utilizzare con GSC.

Ma prima, dovremmo guardare un bel trucco per ottenere tutte le funzionalità sopra elencate direttamente nella dashboard di WordPress usando MonsterInsights .

MonsterInsights è il miglior plug-in di Google Analytics sul mercato. Quindi, se hai Google Search Console collegato a Google Analytics, puoi creare report personalizzati da qualsiasi funzionalità GSC e farli comodamente aspettarti in WordPress.

Nota: non sai come iniziare? Dai un’occhiata a questo suggerimento su come configurare il tuo sito WordPress con Google Search Console .

Ma ora che abbiamo una panoramica di base di dove tutto è su GSC, diamo un’occhiata ad alcuni consigli attuabili su come migliorare la strategia SEO e di marketing del nostro sito.

6 Marketing e SEO Hacks con Google Search Console

Sapere di avere uno strumento killer come Google Search Console è una cosa. Saper  usarlo è una questione completamente diversa. Ecco 6 suggerimenti utili per lavorare sul tuo piano SEO e di marketing con GSC.

1. Trova le parole chiave per le quali stai classificando

Una delle parti migliori di Google Search Console è che puoi vedere per quali parole chiave  stai attualmente classificando. Con queste informazioni, puoi controllare ogni termine per vedere come ottimizzare la pagina per un posizionamento più alto.

Per trovare i termini per i quali il tuo sito si classifica, tutto ciò che devi fare è andare su Prestazioni :

Homepage della schermata delle prestazioni su Google Search Console

Quindi scorrere verso il basso fino a Query :

Scorri verso il basso fino a Queires in Google Search Console

Questi sono i termini per i quali il tuo sito è attualmente in classifica. Se vuoi andare per pagina, fai clic su Pagine (che si trova accanto a Query ):

Seleziona Pagine nelle query

E seleziona una pagina specifica dall’elenco:

Vedrai la tua pagina che si classifica per la parola chiave

Dopo aver selezionato la pagina, puoi tornare a Query  per vedere quali termini classifica quella particolare pagina per:

Fai clic di nuovo sulle query per vedere quali parole chiave occupa la tua pagina per min

Se vuoi scegliere una pagina diversa, puoi andare nella parte superiore dello schermo e cancellare la pagina che hai selezionato:

Esci dalla pagina selezionata nella parte superiore di Google Search Console

Queste sono informazioni utili da avere se stai cercando di migliorare le tue classifiche . Puoi vedere se la parola chiave per cui la tua pagina è classificata corrisponde alla parola chiave targetizzata dei tuoi contenuti. In alternativa, puoi utilizzare le informazioni per cercare di ottimizzare i tuoi contenuti per ottenere un posizionamento più elevato.

E se desideri migliorare le percentuali di clic (CTR) per le parole chiave, puoi creare un rapporto personalizzato con un software di monitoraggio analitico come MonsterInsights.

Il rapporto che vuoi creare mostra le parole chiave che si posizionano nella prima pagina, hanno molte impressioni, ma hanno un CTR basso. Quindi quel rapporto ti sta aspettando direttamente nella tua dashboard di WordPress:

Rapporto di Search Console

Dopo aver identificato una parola chiave con un CTR basso, puoi lavorare per migliorarla. Per fare ciò, potresti:

  • Aumenta i tuoi titoli con parole potenti
  • Riscrivi le tue meta descrizioni per renderle più coinvolgenti
  • Prova a ottenere uno snippet in primo piano

Qualunque strategia tu scelga di aumentare il tuo CTR per una parola chiave specifica, il tipo di rapporto sopra elencato è una risorsa inestimabile per i tuoi sforzi SEO.

2. Invia le pagine per Google all’indice

Se sei in cima al tuo gioco SEO, dovresti avere un’idea di quali pagine sono e non sono indicizzate sul tuo sito.

Quando noti che hai contenuti killer che Google non sta indicizzando, è tempo di inviare l’URL tramite GSC.

Per fare ciò, vai nella parte superiore della dashboard di Google Search Console e inserisci un URL per l’ispezione:

Inserisci l'URL da ispezionare

Quindi fare clic su Richiedi indicizzazione :

Fai clic su Richiedi indicizzazione nella console di ricerca di Google

Potrebbero essere necessari alcuni minuti affinché GSC elabori la tua richiesta:

Verifica se l'URL può essere indicizzato

Sii paziente e non provare a ricaricare la pagina. Quindi riceverai un messaggio di conferma quando la tua richiesta è andata a buon fine:

Conferma richiesta indicizzazione

E questo è tutto! Il tuo contenuto è stato inviato ed è nella coda di scansione di Google.

3. Invia una Sitemap

Ogni sito Web dovrebbe avere una Sitemap XML  inviata a Google. Queste sitemap aiutano i bot di scansione di Google a capire come è organizzato il tuo sito. Inoltre, consente loro di eseguire la scansione del tuo sito in modo da non sprecare il loro “budget di scansione”.

Anche se avere una sitemap non ti farà classificare più in alto durante la notte, è una buona pratica SEO comune inviarne una. Fortunatamente, puoi farlo direttamente tramite Google Search Console.

Fai clic su Sitemap nel menu a sinistra:

Invia Sitemap da Google Search Console

E inserisci l’URL della Sitemap in Aggiungi una nuova Sitemap :

Aggiungi una nuova Sitemap dalla console di ricerca di Google

Quindi conferma che la tua Sitemap è stata aggiunta:

Verifica che la tua Sitemap sia stata aggiunta con il segno di successo

L’aggiunta della tua Sitemap richiede letteralmente meno di 30 secondi, ma è un modo eccellente per assicurarsi che i bot di scansione di Google leggano il tuo sito nel modo più efficiente possibile.

4. Monitora i siti collegati a te

Il linkbuilding  è un fattore enorme nel SEO. Una delle funzionalità più interessanti di GSC è che puoi monitorare altri siti che si collegano ai tuoi.

Fai clic su Link nel menu a sinistra:

Fai clic su Link nel menu a sinistra della console di ricerca di Google

Quindi, nella pagina dei collegamenti principali, vedrai le pagine dei collegamenti principali e i siti di collegamento principali . Fai clic su Altro  in Top siti di collegamento :

Link alla home page nella dashboard

Vedrai un elenco di siti che rimandano al tuo:

Visualizza un elenco di siti che rimandano a te

Fai clic su uno dei siti per vedere a quale pagina o pagine sono attualmente collegati:

La console di ricerca di Google mostra a quali pagine sono collegati altri siti

Ancora una volta, questo è utile per alcuni motivi. Con esso, puoi:

  • Costruisci relazioni con siti già collegati a te per future opportunità di linkbuilding
  • Verifica che il tuo link sia utilizzato correttamente o in modo positivo
  • Trova contenuti che spesso ottengono link esterni per creare una campagna di linkbuilding più mirata

Dal momento che il linkbuilding svolge un ruolo così importante nei tuoi sforzi SEO globali , ogni informazione è incredibilmente preziosa.

5. Usa Linkbuilding interno per aumentare i post

Nell’ultimo suggerimento, abbiamo visto come lavorare sul monitoraggio dei collegamenti esterni. Ora è il momento di provare a indirizzare il traffico verso alcuni dei tuoi siti più deboli con collegamenti interni.

Per questo, devi individuare le parole chiave che stai classificando in una delle prime 3 posizioni su Google.

Fai clic su Prestazioni, quindi fai clic su Posizione media nella tabella nella dashboard:

Posizione media sulla home page delle prestazioni di Google Search Console

Tuttavia, la tua posizione media non è molto utile. Se vuoi vedere dove una delle tue pagine è effettivamente classificata per una parola chiave, devi scorrere fino alla tabella:

Vedi le posizioni effettive

Fai clic su una query di ricerca specifica, quindi fai clic su Pagine  per vedere quale delle pagine del tuo sito è classificata per il termine in Query :

Quale pagina si classifica per una query-min-min

E infine, vedrai la posizione della pagina del tuo sito all’estrema destra della tabella:

Posizione della parola chiave

Quello che vuoi fare ora è creare due elenchi:

  • Pagine in cui i tuoi contenuti sono in classifica negli 1-3 punti di Google
  • Pagine in cui i tuoi contenuti sono posizionati nei 4-9 punti di Google

Quindi aggiornerai i tuoi contenuti nei punti 1-3 aggiungendo un link interno alla classifica dei contenuti nei punti 4-9.

In questo modo, aggiungerai maggiore autorità alle tue pagine di rango inferiore e le aumenterai nella pagina dei risultati del motore di ricerca (SERP) di Google.

6. Vieni con nuove idee di contenuto

Abbiamo già esaminato come vedere quali parole chiave stanno generando il tuo traffico. Nel nostro primo suggerimento, abbiamo visto che è possibile fare clic su Prestazioni nel menu a sinistra  e scorrere fino a Query :

Scorri verso il basso fino a Query

Otterrai un elenco di tutti i termini che le persone cercano per accedere al tuo sito. Ma facciamo un ulteriore passo avanti.

Puoi esportare quei dati facendo clic sul simbolo Esporta nell’angolo in alto a destra della tabella:

Esporta query quando gli utenti cercano il tuo sito

Quindi è possibile scorrere l’elenco e organizzare tutte le query per argomento. Questo ti mostra gli argomenti generali dei tuoi contenuti che le persone stanno cercando di più.

Mentre stai creando il tuo calendario editoriale , puoi guardare il tuo elenco organizzato di argomenti che guidano il traffico per trovare nuovi contenuti che probabilmente si classificheranno bene.

Suggerimento Pro: Cerchi altri suggerimenti su come utilizzare Google Search Console per migliorare il tuo SEO? Dai un’occhiata a questa guida per principianti per raddoppiare il tuo traffico con GSC con 1o più strategie killer.

Un ultimo consiglio per Analytics

Google Search Console è uno strumento prezioso per il monitoraggio delle prestazioni del tuo sito Web. Funziona bene se combinato con Google Analytics perché quest’ultimo ti fornisce dati specifici su come il tuo pubblico interagisce con il tuo sito web.

Tra questi due strumenti gratuiti, puoi creare report  per ottenere informazioni preziose su come il tuo sito si classifica e chi è il tuo pubblico. E quando si tratta di SEO, queste sono due cose che devi capire davvero bene .

A tale scopo, ti consigliamo vivamente di investire in software di analisi  che ti consenta di consolidare i tuoi report in un posto conveniente.

Abbiamo già esaminato MonsterInsights in questo articolo, che raccoglie tutti i dati necessari per tenere traccia delle tue campagne e li porta direttamente alla dashboard di WordPress.

MonsterInsights Homepage

Con software come MonsterInsights, puoi fare il check-in con il tuo pubblico e le prestazioni del sito parte della tua routine quotidiana. Invece di fare clic su vari siti, è possibile ottenere tutte le informazioni necessarie a colpo d’occhio:

MonsterInsights-per-inbound-marketing Report-in-

Ricorda, per gli imprenditori, la conoscenza non è potere.

È profitto .

Software analitici come MonsterInsights tengono a portata di mano tutte queste conoscenze.

Ottenere visitatori è solo metà della battaglia

Ancora una volta, se sei serio sul SEO e sul content marketing , devi collegare il tuo sito a Google Search Console. Ti darà un enorme vantaggio rispetto ai concorrenti che stanno lasciando le loro classifiche al caso.

Con tutti gli strumenti trattati nell’esercitazione di oggi, avrai tutte le metriche necessarie per migliorare il tuo sito, classificare più in alto e aumentare il traffico.

Ma ricorda, attirare visitatori sul tuo sito è solo metà della battaglia. È inoltre necessario un sistema robusto per convertire i browser casuali in clienti fedeli (paganti) . Per questo, hai bisogno di OptinMonster .

OptinMonster homepage

Con le nostre numerose funzionalità di generazione di lead , puoi utilizzare OptinMonster per espandere la tua lista e-mail , ottenere più lead e aumentare le vendite .

Se vuoi saperne di più, puoi darci un’occhiata su Facebook o Twitter . Abbiamo anche un sacco di video sul nostro canale YouTube . Infine, se ti è piaciuto questo articolo, sentiti libero di passarlo ad altri che potrebbero trovarlo prezioso.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close