Cerca

Email Marketing per i Blogger: 7 modi intelligenti con cui ho generato 116.596+ iscritti e-mail

Parliamo di email marketing per i blogger .

Una delle domande che mi vengono poste più frequentemente dai lettori che sono nuovi al blog  è: ” Quando dovrei iniziare a costruire la mia lista di email?”

La mia risposta a questa domanda è sempre oggi . Come blogger, non è mai troppo presto (o troppo tardi) per iniziare a costruire la tua lista e-mail.

Mentre ci sono sicuramente molti modi diversi per monetizzare il tuo blog , il potenziale per generare una quantità significativa di entrate dal tuo blog, cresce sostanzialmente con le dimensioni della tua lista di email. Con l’aumentare del numero di lettori nella tua lista e-mail, aumenta anche la tua capacità di raccomandare o vendere prodotti o servizi pertinenti (utili).

C’è anche un antico proverbio nel mondo dei blog che riassume questo … “Ci sono sempre soldi inBanana Stand lista email. “

Email marketing per i blogger Soldi nello stand di banane

A parte tutti gli scherzi, prima di approfondire questa guida sull’e -mail marketing per i blogger , parliamo di cosa è (e non è ) un elenco di e-mail nel contesto del blogging.

Cos’è una mailing list per i blogger?

La tua lista e-mail si riferisce alla comunità di abbonati e-mail che stai raccogliendo dal pool di lettori che arrivano al tuo blog. I tuoi abbonati e-mail sono le persone che hanno aderito (inviando i loro indirizzi e-mail in un modulo incorporato nel tuo blog) per ricevere aggiornamenti regolari, nuove notifiche di contenuti, consigli e / o offerte da te, direttamente alle loro caselle e-mail.

Mentre i blog possono essere il modo migliore per creare una presenza online, catturare il traffico di ricerca e affermarti come esperto nel tuo campo, l’email marketing è il modo in cui puoi connetterti personalmente con il tuo pubblico. A differenza dei social media e dei motori di ricerca, nulla può impedirti di raggiungere tutti nella tua mailing list.

L’email marketing è così potente per i blogger perché è un canale diretto tra te e i tuoi lettori, che puoi possedere e controllare personalmente.

Il blog e l’email marketing sono una delle combinazioni più potenti sia per indirizzare il traffico regolare verso i tuoi contenuti sia per fare soldi dal tuo blog .

È una relazione simbiotica che, se fatta bene, può ripagare BIG TIME.

In questa guida ti aiuterò a comprendere gli strumenti, a fissare gli obiettivi giusti, a creare la tua strategia di email marketing, a misurare i tuoi risultati e a guadagnare di più monetizzando la tua lista in modo efficace.

 

Email marketing per i blogger: 7 modi intelligenti che ho generato 116.596+ abbonati e-mail

  1. I vantaggi dell’email marketing per i blogger
  2. In che modo i blogger possono trarre profitto dall’e-mail marketing
  3. 14 termini chiave per l’email marketing (spiegati)
  4. Come mantenere le e-mail fuori dalla cartella spam
  5. GDPR: cos’è e perché dovresti preoccuparti
  6. Come creare una strategia di email marketing per il tuo blog in 7 passaggi
  7. Considerazioni finali: come inchiodare l’email marketing per i blogger

Ora tuffiamoci.

I vantaggi dell’email marketing per i blogger

Blog Guida all'email marketing Come monetizzare il tuo blog con l'email marketing

Gli strumenti e le tecniche di blogging a disposizione degli esperti di marketing sono in continua evoluzione, il che ha fatto perdere ad alcuni l’interesse per la posta elettronica.

Ma gli ultimi dati sono cristallini: l’ e-mail è qui per restare . Si prevede che il numero di utenti di posta elettronica aumenterà da 3,7 a 4,1 miliardi di utenti  entro il 2021.

Ha alcuni dei ROI più alti di qualsiasi canale di marketing digitale, portando $ 44 per ogni $ 1 speso . I social media possono fare notizia, ma l’e-mail è 40 volte più efficace  nell’acquisizione di nuovi clienti rispetto a Facebook o Twitter.

Chiaramente, l’email marketing può essere un’arma potente nell’arsenale di marketing digitale del blogger.

Ecco quattro modi principali in cui l’e-mail si distingue dalle altre tecniche di marketing per i blogger:

  1. È personale: l’ email marketing ti consente di personalizzare i messaggi per ogni persona nella tua lista di email. Raccogliendo informazioni sui tuoi lettori al momento dell’iscrizione, puoi creare elenchi segmentati (utilizzando uno strumento di email marketing come ConvertKit ) che ti consentono di personalizzare il tuo messaggio in tutti i modi creativi.
  2. È misurabile:  sebbene quasi tutti i canali di marketing digitale includano una sorta di analisi per misurare i risultati, l’e-mail è uno dei più facilmente misurabili. L’impatto delle campagne e-mail può spesso essere misurato in tempo reale attraverso un’ampia gamma di comportamenti, consentendo di determinare con precisione il ROI dei propri sforzi.
  3. È scalabile: l’e -mail è senza dubbio il più grande strumento di comunicazione one-to-many mai inventato, soprattutto per i blogger. Non importa quanto sia grande il tuo elenco, l’e-mail ti consente di offrire un’esperienza coerente a tutti i membri del tuo elenco.
  4. Può essere automatizzato:  non solo le campagne e-mail possono essere scritte e programmate in anticipo, ma possono essere attivate da tutti i tipi di comportamenti degli utenti per dare al pubblico il messaggio giusto al momento giusto.

Bene, quindi chiaramente l’email marketing è un canale importante a cui devi prestare attenzione come blogger.

Ma oltre ai suoi vantaggi dal punto di vista del marketing, l’email marketing aiuta anche a monetizzare il tuo blog in modo molto più efficace.

In che modo i blogger possono trarre profitto dall’e-mail marketing

Non importa di cosa tratta il tuo blog, probabilmente ti stai ponendo ogni giorno questo tipo di domande …

Bene, indovina un po ‘… l’email marketing può aiutarti in tutti e tre questi dipartimenti.

L’email marketing può aumentare il traffico sul tuo blog

Anche i tuoi fan più entusiasti non cattureranno tutti i nuovi contenuti che pubblichi.

Molti di noi semplicemente non hanno il tempo di rivisitare i nostri blog preferiti ogni giorno per vedere se c’è qualcosa di nuovo.

Email marketing per indirizzare il traffico verso il tuo blog

Mentre il lavoro e altre cose continuano a competere per il nostro tempo, è facile perdere interesse e focalizzare la nostra attenzione altrove.

L’e-mail ti dà la possibilità di far sapere esattamente a tutti i membri del tuo elenco quando pubblichi nuovi articoli e ti consente di rimanere al top per potenzialmente migliaia di persone. Se combinato con un programma di pubblicazione coerente, l’email marketing può aiutarti a indirizzare regolarmente grandi quantità di traffico direttamente ai tuoi contenuti più recenti e migliori.

Puoi persino utilizzare campagne di gocciolamento automatizzate (quando utilizzi uno di questi strumenti di marketing via e-mail ) per inviare alcuni dei tuoi post più vecchi a nuovi abbonati, esponendo più persone ai tuoi migliori articoli e prolungandone la durata.

L’email marketing può aumentare i tuoi lettori di blog regolari

I lettori che hanno aderito volontariamente alla tua lista e-mail hanno dimostrato di avere qualcosa di più del semplice interesse per i tuoi contenuti.

Sono fan autentici e potenziali contatti che puoi coltivare in clienti paganti. Sfruttando le e-mail di personalizzazione rese possibili, insieme ad alcuni contenuti intelligenti, puoi trasformare i tuoi abbonati nel tuo personale team di marketing.

Non convinto? Secondo le mie recenti statistiche sul blog, i post sul blog hanno una probabilità 3,5 volte maggiore di essere condivisi sui social media dai tuoi abbonati e-mail.

L’e-mail ti dà anche la possibilità di offrire alle persone bonus speciali come e-book, white paper , modelli o corsi video come incentivi per la registrazione e l’iscrizione alla tua lista.

Prendiamo ad esempio i miei modelli di post di blog gratuiti che offro in relazione alla mia guida su come scrivere un post di blog (noto anche come aggiornamento dei contenuti).

My-blog-post-Template-Screenshot-Immagine-ryrob-Ryan-Robinson-1024x630

Queste interessanti offerte possono attirare più persone sul tuo sito e, a loro volta, far crescere i lettori del tuo blog man mano che più persone scoprono i tuoi contenuti.

L’email marketing può aiutarti a monetizzare il tuo blog

L’email marketing ti consente di creare connessioni reali con il tuo pubblico e personalizzare i tuoi contenuti per abbinarli meglio ai loro interessi.

Costruendo la fiducia con la tua lista e-mail, sarai in una posizione migliore per vendere loro prodotti e servizi. Ecco alcuni esempi di come monetizzare il tuo blog .

Prodotti

  • EBook a pagamento
  • Vertici virtuali
  • Corsi online
  • Digital media
  • Software e app

Servizi

  • consulenza
  • Coaching personale
  • Servizi freelance
  • Servizi promozionali
  • Abbonamenti Premium

Sponsor e marketing di affiliazione

Se la tua lista diventa abbastanza grande o è indirizzata a un gruppo specifico di persone, potresti persino essere in grado di ottenere sponsor e vendere spazi pubblicitari  sia nella tua newsletter e sul tuo blog.

Alcuni inserzionisti sono disposti a raccogliere centinaia, persino migliaia di dollari per annunci, citazioni, recensioni di prodotti o collegamenti nelle newsletter popolari via e-mail.

Puoi anche sfruttare le opportunità di marketing di affiliazione e vendere prodotti e servizi di altre persone (come questi programmi di affiliazione per i blogger ) all’interno delle tue e-mail per ridurre i profitti.

Parola al saggio:  se scegli di seguire questa strada, non caricare le tue e-mail con un sacco di annunci e sacrificare la scrittura di contenuti significativi.

Troppi annunci o annunci che non hanno nulla a che fare con l’argomento della newsletter comprometteranno la tua credibilità e indurranno le persone a fare clic sul pulsante “Contrassegna come spam”. Questo ti mette in acqua calda con il tuo ESP e toglie la fiducia che hai costruito con il tuo pubblico.

Invece, cerca di trovare sponsor che abbiano prodotti e servizi che si allineino bene con i tuoi contenuti e indirizzano delicatamente i tuoi utenti verso di loro quando appropriato.

14 termini chiave per l’email marketing (spiegati)

Come ogni disciplina, l’email marketing ha il suo vernacolo.

Ecco un glossario di alcune delle parole e degli acronimi più comuni che incontrerai.

Indietro T6fDN60bMWY unsplash

  • Frequenza di rimbalzo: questa è la percentuale di indirizzi e-mail nel tuo elenco di iscritti che non hanno ricevuto il tuo messaggio. Un’e-mail viene classificata come rimbalzo quando non può essere recapitata e viene rifiutata dal server di posta elettronica di un abbonato. I rimbalzi sono divisi in due categorie, rimbalzi duri e morbidi. Un forte rimbalzo indica un motivo permanente per cui qualcuno non ha potuto ricevere la tua email. Gli indirizzi e-mail non validi, i nomi di dominio che non esistono più o che vengono bloccati possono causare gravi rimbalzi. Un soft bounce di solito indica un problema di consegna temporanea, come una casella di posta in arrivo completa o un server offline.
  • CTA (Call to action): un CTA è un’immagine o una riga di testo che incoraggia il tuo pubblico ad agire — come fare un acquisto, fare clic su un collegamento, iscriversi a un corso, ecc.
  • CTR ( percentuale di clic ): CTR è la percentuale di persone che hanno fatto clic su almeno un collegamento nel messaggio di posta elettronica.
  • Tasso di consegna: la percentuale di email che sono state recapitate correttamente alle caselle di posta dei destinatari. È il numero totale di e-mail inviate, meno i rimbalzi rigidi e soft, diviso per il numero lordo di e-mail inviate.
  • Double Opt-in: si tratta di una procedura in due fasi mediante la quale gli abbonati devono confermare la propria iscrizione facendo clic su un collegamento in un’e-mail di conferma o rispondendo all’e-mail di conferma in altro modo.
  • Campagna di gocciolamento: le campagne di gocciolamento sono una sequenza di e-mail che vengono attivate da una specifica azione o sequenza temporale dell’utente e vengono recapitate in un ordine specifico.
  • ESP (Email Service Provider): un servizio di posta elettronica fornisce una società che fornisce servizi di email marketing o di posta elettronica di massa
  • Open R ate: questa è la percentuale di abbonati che hanno aperto la tua email. I tassi di apertura variano notevolmente tra i vari settori, ma in generale si desidera vedere almeno il 20% o meglio.
  • Testo pre-intestazione: la piccola quantità di testo che viene visualizzata in alcuni client di posta elettronica per fornire un’anteprima del contenuto del messaggio.
  • Personalizzazione: si riferisce all’aggiunta di elementi personalizzati al messaggio e-mail in base alle informazioni raccolte su quel determinato utente. Ciò potrebbe includere l’uso del nome del destinatario, facendo riferimento alla sua posizione, alla cronologia degli ordini o ad altri dati.
  • Segmentazione: si riferisce all’immersione dell’elenco in varie categorie a seconda della posizione geografica degli abbonati, degli interessi, della cronologia degli acquisti e altro.
  • Spam: messaggi e-mail illegali o non richiesti.
  • Email transazionale: le email transazionali sono messaggi automatizzati attivati ​​dalle azioni specifiche di un utente. Alcuni esempi sono e-mail di benvenuto, avvisi di spedizione, conferme d’ordine, promemoria password e ricevute di acquisto.
  • Annulla iscrizione:  questo è il numero dei tuoi abbonati che hanno volontariamente scelto di annullare l’iscrizione alla tua lista e-mail.

Questi sono i termini di base relativi all’e-mail marketing di cui avrai bisogno per familiarizzare con te, ma aspettati di vedere molto di più entrare nella scena col passare del tempo.

Come mantenere le e-mail fuori dalla cartella spam

jilbert ebrahimi b0p818k8Ok8 unsplash

Nel 2003, è stata approvata una legge che regola l’e-mail commerciale: il Controlling the Assault of non-sollecited pornography and marketing act , o CAN-SPAM.

Ci sono alcuni componenti della legge che incidono sui tuoi sforzi di email marketing, ma possono essere riassunti in tre regole principali:

  • Ogni e-mail deve consentire al destinatario di annullare l’iscrizione in modo chiaro e semplice
  • Le richieste di esclusione devono essere rispettate entro 10 giorni lavorativi
  • Le organizzazioni devono mantenere un elenco di persone che hanno annullato l’iscrizione

Ecco dieci semplici regole che possono garantire che le tue e-mail rimangano fuori dalla cartella spam e siano conformi alle normative CAN-SPAM:

  1. Usa account di posta elettronica reali e attivi per i tuoi indirizzi Da, A e Rispondi
  2. Non acquistare MAI un elenco di indirizzi e-mail
  3. Prendi in considerazione l’utilizzo di una doppia iscrizione ( questi strumenti di email marketing lo richiedono)
  4. Utilizzare un fornitore di servizi e-mail rispettabile (come ConvertKit )
  5. Mantieni le dimensioni dei file ridotte per qualsiasi immagine, GIF o video
  6. Evita gli allegati, in particolare i file .exe o .swf
  7. Includi il tuo indirizzo commerciale o casella postale in ogni email
  8. Evita parole e frasi spammate  sia nell’oggetto che nel corpo principale della tua e-mail
  9. Assicurati di includere un link per annullare l’iscrizione nella parte inferiore delle tue e-mail
  10. Onora l’annullamento dell’iscrizione e interrompi l’invio di messaggi alle persone se non desiderano più riceverli

Successivamente, nella nostra discussione sui regolamenti di email marketing, parliamo (rapidamente) del GDPR.

GDPR: cos’è e perché dovresti preoccuparti

Il 14 aprile 2016, il Parlamento europeo ha votato a favore del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) che ha istituito una serie di leggi sulla privacy dei dati in tutta Europa.

Alcune di queste normative regolano l’uso dell’email marketing in modo che tutti gli esperti di marketing debbano avere familiarità, indipendentemente dal fatto che tu faccia esplicitamente affari in Europa o meno:

  1. Il consenso e-mail deve essere fornito liberamente: gli utenti devono fornire attivamente il consenso. Le caselle pre-selezionate e meccanismi simili non sono conformi al GDPR. Anche il consenso via e-mail deve essere separato da qualsiasi altro termine o condizione. Ai sensi del GDPR, non puoi costringere le persone a iscriversi alla tua lista e-mail in cambio di un eBook, un white paper o un download gratuiti.
  2. I registri di questo consenso devono essere conservati: il GDPR richiede alle aziende di tenere registri accurati del consenso quando le persone si iscrivono agli elenchi di posta elettronica. Il tuo ESP dovrebbe essere in grado di aiutarti in questo senso.
  3. Potrebbe essere necessario ottenere il consenso dagli abbonati esistenti:  se non si dispone di alcuna documentazione o prova del consenso, potrebbe essere necessario avviare una campagna di ri-autorizzazione per documentare il consenso.

C’è di più nel GDPR di queste 3 regole, quindi assicurati di leggere  tu stesso le normative per assicurarti di essere conforme.

Come creare una strategia di email marketing per il tuo blog in 7 passaggi

Per avere successo con l’email marketing del tuo blog (in termini di traffico e monetizzazione dei tuoi contenuti), avrai bisogno di una strategia chiara. Ecco il mio.

1. Identifica i tuoi obiettivi di email marketing

I migliori performer in ogni campo, dallo sport al business, si prefiggono obiettivi per concentrare le proprie prestazioni e dare priorità al loro tempo e risorse.

Obiettivi di email marketing per i blogger

Avere successo nell’e-mail marketing non è diverso.

Ecco alcuni obiettivi che potresti voler prendere in considerazione per i tuoi sforzi di email marketing:

Ottieni più abbonati: i soldi sono nella lista. Un elenco sano e crescente di abbonati è ciò che ti consentirà di realizzare tutte le cose meravigliose che ho menzionato in questo articolo. Ma è importante rendersi conto che gli elenchi decadono di circa il 22%  ogni anno quando le persone cambiano indirizzo e-mail, annullano l’iscrizione e perdono persino interesse. È necessario lavorare costantemente per ampliare l’elenco se si desidera sfruttare il potere dell’email marketing.

Aumenta il coinvolgimento: forse hai già iniziato a raccogliere indirizzi e-mail e inviare newsletter. Ora devi concentrare i tuoi sforzi per aumentare il coinvolgimento. Dopotutto, avere un elenco enorme è inutile se il tuo pubblico non sta prendendo provvedimenti. Il coinvolgimento potrebbe presentarsi sotto forma di aperture, clic, condivisioni social o persino risposte via e-mail.

Aumenta il traffico e aumenta le conversioni: man mano che avanzi nel gioco di email marketing e sviluppi prodotti e servizi da vendere al tuo pubblico, ti concentrerai naturalmente sull’aumento delle conversioni. L’e-mail è un ottimo strumento sia per nutrire i lead che per convertirli in clienti paganti.

2. Creare un piano d’azione strategico

Ora che hai determinato i tuoi obiettivi, puoi iniziare a sviluppare la tua strategia di posta elettronica.

Crea una strategia di email marketing per i blogger

Questo piano non deve essere eccessivamente complesso o lungo: pensalo come uno schema generale per come creerai e pianificherai i tuoi contenuti in modo da poter rimanere concentrato e raggiungere i tuoi obiettivi.

Una buona strategia di posta elettronica ha 4 componenti principali:

Identifica il tuo pubblico.

Tutti i fantastici contenuti iniziano con una presa salda su chi sia il tuo pubblico.

  • Con chi stai parlando?
  • A cosa sono interessati?
  • Come si allinea con ciò che stai offrendo?

Se hai già iniziato il tuo blog , probabilmente hai una buona idea di chi sia il tuo pubblico, ma a seconda del modo in cui hai catturato le e-mail sul tuo blog, il tuo elenco di iscritti potrebbe avere interessi più ristretti.

Ad esempio, se hai inserito moduli di acquisizione e-mail su post di blog con un focus o argomento specifico (come cucinare per esempio), allora sai che gli abbonati che sono entrati attraverso questi moduli sono interessati a quell’argomento. Più conoscerai i tuoi lettori, più facile sarà per te scrivere contenuti accattivanti che li terranno agganciati.

Separare il tuo pubblico in diverse categorie a seconda dei loro interessi, posizione o comportamenti ti consentirà di sviluppare diverse versioni dei tuoi contenuti che possono essere personalizzate per ciascun gruppo.

Definisci i tuoi contenuti.

Bene, ora sai esattamente chi è il tuo pubblico e quali sono i tuoi obiettivi.

Ora devi capire cosa invierai esattamente.

Oltre a inviare al tuo pubblico i tuoi ultimi post sul blog, pensa ad altri modi in cui potresti sfruttare l’e-mail per offrire messaggi più personalizzati e mirati.

Ad esempio, è possibile inviare contenuti associati che offrono uno sguardo dietro le quinte alla struttura del post del blog che ha alimentato il tuo ultimo articolo, scrivere messaggi a tema festività o eventi speciali, inviare sondaggi o sondaggi che chiedono feedback e condividano i risultati o curare i contenuti da altri blog o siti Web.

Inoltre, puoi creare diverse versioni dei tuoi contenuti in base ai segmenti che crei.

Più segmenti hai, più puoi personalizzare i tuoi contenuti per adattarli al tuo pubblico.

Tieni presente che ci vuole tempo per creare più versioni dei tuoi contenuti , quindi pianifica di conseguenza.

Determina la cadenza della tua email.

La maggior parte dei nuovi blogger invia una newsletter mensile, ma non ci sono regole rigide e veloci qui.

Potrebbe essere necessario sperimentare per determinare esattamente quale sia la cadenza giusta per il tuo pubblico e, man mano che inizi a pubblicare più contenuti, avrà senso consegnare più e-mail al tuo elenco in crescita. Alcuni blogger hanno riscontrato con successo l’invio di e-mail settimanali o addirittura giornaliere alla loro lista, specialmente se la loro attività ruota pesantemente attorno alle loro liste di e-mail.

Se scegli di inviare e-mail frequenti, assicurati che siano di alta qualità e offrano valore.

Se dovessi mai scegliere tra dedicare del tempo a scrivere un’e-mail di qualità o dover semplicemente inviare qualcosa ai lettori per tenere il passo con il tuo programma, errore dal punto di vista della qualità.

L’invio di e-mail di valore basso o affrettato solo per mantenere la coerenza farà più male che bene.

Per iniziare, attenersi a una pianificazione mensile e quindi adattarsi man mano che si entra nel solco con i propri contenuti.

Qual è il giorno migliore per inviare e-mail alla tua lista?  Email marketing per i blogger

Dovrai anche scegliere il giorno e l’ora in cui invierai la tua email.

Il lunedì e il venerdì hanno tassi di apertura più bassi rispetto agli altri giorni della settimana, poiché la maggior parte delle persone sta tornando dal proprio fine settimana o sta iniziando.

Secondo i dati di blog più recenti , il martedì è la soluzione migliore, ma ancora una volta, sperimenta per trovare ciò che funziona meglio con il tuo pubblico in particolare.

Crea un programma.

Con i tuoi contenuti e la tua cadenza in mente, è tempo di stabilire un programma di produzione per assicurarti di inviare fantastiche e-mail.

Essere coerenti con l’email marketing è uno dei modi migliori per espandere l’elenco.

Il tuo programma di produzione sarà unico per te in base alle circostanze e ai metodi personali. Inizia stimando quanto tempo ci vorrà per raccogliere idee, scrivere i tuoi contenuti e progettare la tua e-mail o modello e provare a sviluppare un programma realistico a cui sarai in grado di attenersi.

Potresti anche pensare di scrivere alcune campagne e-mail in anticipo e di programmarle nel tuo ESP per darti un po ‘di spazio.

Una volta che tutti questi elementi sono saldamente a posto, l’ultima cosa che resta da fare è premere invia!

Può essere un po ‘snervante eliminare la tua prima e-mail, ma tieni presente che l’email marketing si basa sul miglioramento continuo.

Sfrutta le analisi fornite dall’ESP per iterare e migliorare le tue e-mail ad ogni invio.

L’email marketing fa e non fa.

DO: fai crescere la tua lista e-mail fornendo contenuti di valore
NON FARE: compra un elenco di indirizzi e-mail. Mai.
DO: Scrivi un accattivante testo pre-header
NON: Usa parole o frasi
spammy DO: Segmenta la tua lista e usa la personalizzazione
NON: Invia la stessa email a tutti nella tua lista
DO: Scrivi email che contengono contenuti preziosi o divertenti per il tuo lettori
NON: Spam i tuoi lettori con messaggi di basso valore
DO: Usa le analisi per affinare i tuoi contenuti e la tua strategia
NON: Ignora le tue metriche e-mail
DO: Prova A / B testando più progetti e formati per vedere quale è più efficace
NON : Copia il contenuto di qualcun altro

Ora parliamo di come scegliere il giusto ESP (fornitore di servizi e-mail).

3. Scegli il tuo fornitore di servizi di posta elettronica

I fornitori di servizi di posta elettronica (ESP) sono aziende che offrono servizi di posta elettronica di massa e sono partner critici nelle campagne di email marketing.

ConvertKit vs AWeber vs Mailchimp Il miglior strumento di email marketing per blogger di Ryan Robinson su ryrob

Ecco i 3 principali fornitori di servizi di posta elettronica per i blogger nel 2020:

Se stai valutando le tue opzioni e desideri leggere un’analisi dettagliata di quale strumento di email marketing è il migliore per i  tuoi obiettivi unici, dai un’occhiata al mio confronto tra ConvertKit vs AWeber vs Mailchimp .

Gli ESP come questi tre sopra forniscono una vasta gamma di servizi essenziali per le tue iniziative di marketing via e-mail, tra cui il monitoraggio, la gestione degli elenchi, la consegna delle e-mail e la garanzia che le tue e-mail siano conformi a CAN-SPAM.

Oltre a queste funzionalità di base, potresti voler valutare quali funzionalità avanzate saranno importanti per le tue campagne di email marketing.

Automazione: campagne di gocciolamento, e-mail transazionali e altre forme di automazione possono ampliare notevolmente le tue capacità di email marketing e consentirti di inviare i messaggi giusti esattamente al momento giusto. La maggior parte dei popolari ESP di oggi offre la possibilità di automatizzare e pianificare i messaggi in anticipo, ma ConvertKit è di gran lunga il leader di questa categoria oggi.

Modelli: mentre le e-mail in chiaro forniscono ancora un servizio importante, vorrai inviare e-mail accattivanti che sembrano fantastiche su tutti i client di posta elettronica e i sistemi operativi. La codifica delle e-mail HTML è notoriamente difficile. I modelli flessibili possono aiutarti a creare bellissime e-mail che fanno brillare i tuoi contenuti.

Analisi avanzate: comprendere il rendimento delle tue campagne è una parte essenziale dell’email marketing. A differenza del marketing cartaceo, radiofonico o televisivo, l’e-mail è estremamente tracciabile. Il tuo ESP dovrebbe offrirti una varietà di analisi in una dashboard di facile utilizzo in modo da poter migliorare costantemente le tue campagne e-mail.

Compatibile con i  dispositivi mobili : secondo Hubspot, il 46% delle e-mail aperte si verificano su dispositivi mobili . È fondamentale che le tue e-mail abbiano un bell’aspetto su una varietà di dimensioni dello schermo e sistemi operativi. Un buon ESP dovrebbe offrire strumenti per creare e testare i tuoi progetti di posta elettronica in modo che tu possa essere sicuro che abbiano un bell’aspetto, indipendentemente dai dispositivi su cui vengono visualizzati.

A parte queste caratteristiche chiave, la tua priorità principale dovrebbe essere trovare un ESP adatto al tuo budget.

Fortunatamente, la maggior parte dei principali ESP hanno una varietà di piani a basso costo (e prove gratuite) per blogger e solopreneur.

Man mano che la tua lista cresce e le tue esigenze aumentano, dovrai iscriverti a un piano mensile pagato o pagare una commissione per ogni singola campagna che invii.

Strumenti e risorse di email marketing gratuiti:

  • TestSubject : i tre fattori che influenzano maggiormente i tassi di apertura delle e-mail sono il nome del mittente, l’oggetto e il testo pre-intestazione (la piccola anteprima del contenuto di un’e-mail visualizzata in alcuni client e-mail). Gli esperti di marketing ottimizzano questi tre fattori per dare alla loro e-mail una possibilità migliore per guadagnare. TestSubject è uno strumento gratuito che ti consente di visualizzare in anteprima l’aspetto del nome del mittente, la riga dell’oggetto e il testo pre-intestazione su una varietà di dispositivi mobili popolari. Ti aiuta anche a evitare gli effetti potenzialmente dannosi del troncamento che possono accadere ad alcune linee di argomenti purtroppo formulate (vedi sotto).

Prova le righe dell'oggetto negli strumenti di email marketing

  • ISnotSPAM : la stragrande maggioranza degli account e-mail utilizza sofisticati filtri antispam per impedire che e-mail illegittime o dannose arrivino nella posta in arrivo. Il problema è che molti di questi filtri antispam potrebbero erroneamente contrassegnare il tuo messaggio di spam se ha determinate caratteristiche. Quando la tua e-mail finisce nel cestino, il tuo messaggio non raggiunge il pubblico previsto e il tuo tempo e il tuo impegno vengono sprecati. Inoltre, il tuo ESP potrebbe essere segnalato che potrebbe mettere a rischio il tuo account. ISnotSPAM è un servizio gratuito che analizzerà la tua e-mail per eventuali caratteristiche di spam e metterà in evidenza le eventuali modifiche che dovresti apportare. Basta inviare la tua e-mail all’indirizzo sul loro sito e visualizzare il rapporto.
  • Hemingway : le migliori e-mail sono audaci e chiare. Non sono carichi di un gergo inutile o di parole eccessivamente complicate. Anche i migliori scrittori beneficiano di una seconda serie di occhi per assicurarsi che non siano diventati troppo prolissi. Quindi cosa puoi fare se non puoi permetterti i servizi di un editore professionista? Prova Hemingway, un’app Web e desktop gratuita che analizzerà la tua scrittura e offrirà suggerimenti su come garantire che la tua scrittura abbia un impatto maggiore.
  • Controllo oggetto oggetto email CoSchedules:  un buon oggetto oggetto è uno dei modi più potenti per influenzare qualcuno ad aprire la tua email. Il Controllo riga oggetto e-mail di CoSchedule è uno strumento di facile utilizzo che classifica le righe dell’oggetto e fornisce suggerimenti specifici e supportati dai dati per ottimizzarli.

4. Ottimizza il tuo blog per ottenere più abbonati e-mail

Ottimizza il tuo blog per le e-mail optin

Raccogli indirizzi e-mail inserendo moduli di acquisizione e-mail sul tuo sito web.

Gli ESP in genere forniscono uno snippet di codice HTML / CSS che puoi copiare e incollare nel codice del tuo sito Web o modello e ConvertKit si integra direttamente con tutti i principali temi di WordPress.

La posizione in cui si inserisce il modulo di acquisizione e-mail e quali informazioni vengono raccolte possono avere un grande impatto sui risultati. Inoltre, puoi scegliere di utilizzare una combinazione di posizioni per un effetto ottimale.

Ecco alcuni pro e contro per ciascuno:

Nella tua intestazione: mettere la tua forma di acquisizione e-mail nella tua intestazione tramite la navigazione del sito è una scelta solida. È facile da vedere, visualizzato su tutte le pagine ed essere integrato senza soluzione di continuità nella progettazione del tuo sito.

Nel piè di pagina: il piè di pagina nella parte inferiore del sito Web è un’altra buona scelta per il modulo di acquisizione e-mail. Non è troppo prominente nella pagina, il che è ottimo per l’esperienza dell’utente, ma alcuni potrebbero non vederlo se non scorrono abbastanza in basso.

Su una pagina di destinazione separata: avere una pagina di destinazione separata per il modulo di acquisizione e-mail potrebbe non ricevere lo stesso traffico di altre pagine del tuo sito, ma ti darà la possibilità di vendere persone sul perché dovrebbero iscriversi al tuo elenco e tutto i benefici che possono aspettarsi di ricevere. A sua volta, ciò può comportare abbonati meno volubili e più investiti nella ricezione delle e-mail.

Nella parte inferiore di ogni post del blog: questa è un’ottima strategia perché ti consente di modificare la tua copia per ogni post e anche di segmentare l’elenco in base all’argomento a seconda dei post a cui è collegato ciascun modulo. Può essere un po ‘complicato da implementare, ma è un’ottima tattica che ti aiuterà a personalizzare il tuo messaggio in modi unici.

In un popup di uscita: un popup con intento di uscita utilizza un codice intelligente per visualizzare un popup quando qualcuno tenta di abbandonare il sito Web. È un metodo che attira l’attenzione che può essere davvero efficace, ma può anche irritare alcuni utenti. Usa con parsimonia.

Oltre al posizionamento, vuoi pensare a quali informazioni richiederai nel tuo modulo.

Meno informazioni chiedi, più facile sarà per le persone registrarsi. Anche se questo sembra interessante, avrai pochissime informazioni sul tuo pubblico da scrivere quando scrivi i tuoi contenuti. Ciò rende più difficile indirizzarli con contenuti personalizzati e offerte interessanti.

Se chiedi troppi dettagli, questo crea più attrito e vedrai meno persone che si iscrivono al tuo elenco. Scrivere contenuti accattivanti sarà più semplice, ma meno persone completeranno il processo e si uniranno al tuo elenco.

Sperimenta per trovare un equilibrio sano che funzioni meglio per te.

5. Aumenta le tue tariffe di apertura della posta elettronica

Come aumentare i tassi di apertura e-mail per il marketing di Blogger

Oltre alla fiducia e alla buona volontà che hai costruito con il tuo pubblico, i tre principali fattori che influenzano la tua percentuale di apertura e-mail sono l’oggetto, il nome / e-mail del mittente e il testo pre-intestazione.

Ecco alcune buone pratiche e suggerimenti per migliorare l’efficacia di ciascuno:

Linea tematica

  • Tienilo breve e dolce
  • Non usare parole spam come tempo libero, limitato, offerta speciale, ecc
  • Includi personalizzazione
  • Usa emoji
  • Sii descrittivo e fai appello alla curiosità
  • Usa i numeri
  • Evita tutti i tappi

Nome mittente / email

  • Usa un nome familiare che il tuo pubblico riconoscerà
  • Evita un indirizzo e-mail “senza risposta”
  • Assicurati che il tuo indirizzo email corrisponda al tuo URL

Testo pre-intestazione

  • Lavora con l’oggetto per trasmettere un messaggio emozionante
  • Includi un invito all’azione
  • In genere hai circa 100 caratteri con cui lavorare, usali tutti
  • Sii conciso
  • Usa emoji

6. Aumenta le percentuali di clic della tua email

Se le persone aprono le tue e-mail ma non visualizzi il click-through, questo potrebbe segnalare problemi con il design della tua e-mail, i contenuti o il CTA che stai utilizzando.

Come ottenere più clic nelle campagne di email marketing (blogger)

Ecco alcuni suggerimenti comprovati che puoi provare a generare percentuali di clic più elevate nelle tue campagne di email marketing:

Design.

Un’e-mail di testo eccessivamente pesante, lunga o visivamente poco attraente impedisce alle persone di fare clic.

Concentrati sul rendere scansionabili le tue e-mail e usa immagini accattivanti per rendere le tue e-mail interessanti da guardare.

Utilizza i modelli di email reattivi (come quelli inclusi in ConvertKit ) per assicurarti che le tue email siano perfette su tutti i tipi di dispositivi.

Soddisfare.

Quando si tratta di e-mail, la brevità è il nome del gioco. Nessuno vuole leggere un’e-mail troppo lunga, quindi mantieni i tuoi pensieri concisi e organizza i tuoi pensieri in blocchi scansionabili.

Presta attenzione alle tue analisi per assicurarti che i tuoi contenuti siano in risonanza con i tuoi lettori. Chiedi feedback ai lettori e applica i loro suggerimenti per scrivere contenuti più interessanti.

Call-to-action (CTA).

A volte il problema è semplicemente il tuo invito all’azione. Un CTA poco chiaro o poco attraente sarà inefficace, concentrati sul rendere i tuoi CTA chiari, allettanti e facili.

Usa testo di grandi dimensioni, pulsanti o colori vivaci per attirare le persone.

Inoltre, prova ad avere un solo CTA nella tua e-mail. CTA multipli confonderanno i tuoi lettori e mineranno la loro efficacia.

7. Monetizza la tua lista e-mail

Monetizza la tua lista e-mail come blogger

L’email marketing è un ottimo modo per informare e intrattenere il pubblico, nonché per costruire relazioni e coltivare contatti.

Puoi persino ottenere nuove fantastiche idee per post di blog ascoltando ciò che i tuoi lettori hanno da dire.

Ma alla fine, dovrai monetizzare la tua lista offrendo prodotti o servizi a pagamento.

La monetizzazione corretta di un elenco e-mail è possibile solo se è stata stabilita una relazione e è stata consegnata una quantità accettabile di valore.

Spingere le offerte troppo forte o troppo presto non farà altro che irritare i tuoi lettori e restringere il tuo elenco di iscritti.

Concentrati invece sulla fornitura regolare di contenuti di alta qualità e intrattieni le offerte pertinenti per i tuoi lettori solo dopo che è stata creata la fiducia.

Ci vuole tempo, ma un elenco sano può ripagare per gli anni a venire.

Considerazioni finali: come inchiodare l’email marketing per i blogger

L’email marketing e il blog vanno insieme come burro di arachidi e gelatina.

Si complimentano a vicenda e possono aiutare a ingrandire in modo significativo i risultati dei blog.

Una solida strategia di email marketing ti aiuterà a far crescere il tuo blog e a formare relazioni reali con i tuoi lettori.

A loro volta, queste connessioni ti aiuteranno a coltivare un pubblico di potenziali acquirenti, entusiasti dei prodotti e dei servizi che puoi offrire loro.

Quindi inizia subito a creare la tua lista e-mail, impegnati a scrivere contenuti incredibili e vedi quanto può essere potente l’email marketing.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close