Cerca

E-Commerce Marketing 101: personaggi, sorgenti di traffico, canali pubblicitari e altro

Il marketing e-commerce è la pratica di indirizzare il traffico ad alto imbuto per convertirlo in vendite e clienti. E ci sono centinaia di modi per farlo.

Dalla concentrazione sul traffico organico e SEO all’utilizzo di annunci Facebook o Google per indirizzare il traffico mirato, è possibile mescolare e abbinare strategie a pagamento con strategie non a pagamento, nel tentativo di capire quale mix converte la maggior parte delle persone.

Ma la strategia di marketing non è nemmeno statica. Con l’evoluzione delle tattiche di marketing e degli algoritmi di mercato, anche la tua strategia deve essere finalizzata a ottenere il massimo ritorno sulla spesa pubblicitaria, nonché il ritorno sui costi operativi associati a strategie non retribuite come la SEO.

Potresti aver sentito una volta: “Se lo costruisci, verranno”.

È una grande citazione, da un grande film.

Sfortunatamente, quando si tratta di marketing e-commerce, questa nozione è completamente falsa. Quando lo costruisci, non vengono necessariamente.

In un ambiente in costante cambiamento e sempre più competitivo, è necessario compiere maggiori sforzi per aumentare le vendite online.

Per molte aziende, questo è il motivo principale per cui non vengono raggiunti gli obiettivi di entrate.

Con le entrate degli e-commerce statunitensi previste per raggiungere i $ 4,9 trilioni di dollari nel 2023 , non vorrai perderti la barca.

Da un lato, la semplice costruzione di un sito Web moderno, ricco di funzionalità e intuitivo può sembrare un’attività scoraggiante ( suggerimento, suggerimento: non deve necessariamente essere con le giuste risorse ).

Ma anche solo facendo questo, sei solo a metà strada.

A meno che tu non stia battendo il marciapiede per aumentare la consapevolezza, il tuo sito web di e-commerce esisterà nel vuoto.

E non va bene per nessuno: l’imprenditore, i dipendenti e le persone che vogliono acquistare i tuoi prodotti.

Al fine di far crescere efficacemente un business e-commerce – indipendentemente dal fatto che tu abbia una presenza al dettaglio – hai bisogno di un piano di marketing e – commerce ben ponderato per guidare la consapevolezza del marchio e aumentare le vendite. E non c’è modo di aggirarlo.

Ma non preoccuparti, siamo qui per aiutarti. All’interno di questo blog, trattiamo i seguenti argomenti:

  1. Creazione ed esecuzione di un piano di marketing e-commerce.
  2. Canali di marketing, tattiche e strumenti da considerare.
  3. Costruire un team di marketing: in-house vs agenzia.

Sulla base di questo articolo, avrai le informazioni di cui hai bisogno per costruire con fiducia un piano di marketing e-commerce in grado di scalare efficacemente la tua attività e raggiungere i tuoi obiettivi.

Ricorda, non esiste un “proiettile magico” quando si tratta di sensibilizzare il marchio e guidare le vendite di e-commerce.

I principi che abbiamo delineato dovrebbero essere definiti come “migliori pratiche”, ma la capacità del tuo team di pensare in modo critico e diventare creativo sarà la “salsa speciale” di cui il tuo marchio ha bisogno per accelerare la crescita delle vendite.

Creazione ed esecuzione di un piano di marketing e-commerce

“Un fallimento nel pianificare è un piano per fallire.”

Un’altra citazione valida. Questa volta, di Benjamin Franklin.

Per essere chiari, non c’è carenza di letteratura su “come sviluppare un piano di marketing”.

In effetti, tale argomento mantiene impiegati molti autori, insegnanti e oratori pubblici ad alto prezzo. E giustamente.

Molti principi provati e veri rimangono rilevanti oggi, ma con la continua evoluzione dell’e-commerce, questo non è il momento di essere compiacenti.

Senza un piano di attacco ben ponderato, le possibilità di raggiungere i tuoi obiettivi di marketing saranno ridotte a nessuno.

E senza una comprensione del panorama del marketing e-commerce, sei in grave svantaggio.

Abbiamo applicato gli elementi fondamentali della creazione di un piano di marketing, iniettato alcuni suggerimenti per risparmiare tempo e applicato il nostro arretrato di consigli specifici per l’e-commerce per creare in definitiva questo piano in 12 passaggi che è perfetto per costruire il tuo negozio online.

Con le informazioni fornite, puoi creare da zero un piano di marketing e-commerce da solo, con il tuo team o accanto a un partner di agenzia più esperto. Ecco alcuni suggerimenti e consigli per risparmiare tempo prima di iniziare.

1. Cerca mentori e consigli.

Trova aziende o individui che hanno già costruito e ridimensionato un’attività di e-commerce di successo, idealmente all’interno dello stesso settore. Quindi, chiedi il loro consiglio.

  • Come hanno iniziato?
  • Quali canali di marketing hanno prodotto il ROI più grande a breve termine?
  • Hanno usato un’agenzia? In tal caso, quale agenzia?
  • Quale tecnologia hanno usato per tenere traccia dei dati?
  • Quali prodotti SaaS sono stati più utili ed efficaci?

Ci sono tonnellate di gruppi online in cui è possibile porre queste domande. Il gruppo della community di BigCommerce è solo uno.

2. Se possibile, assumere esperti.

Molto semplicemente, l’ampiezza delle conoscenze e dell’esperienza che un talentuoso marketer può apportare alla tua attività non può essere sottovalutata.

Il tempo e lo sforzo che dedicherai a conoscere e dare uno schiaffo alle campagne di marketing digitale possono essere spesi per lavori più significativi.

Se sei una startup, prendi in considerazione l’assunzione di un libero professionista per aiutarti con parti più sfumate della tua attività come il branding, la pubblicità a pagamento o la manutenzione del sito web.

Se sei un’azienda affermata, considera di assumere un’agenzia con esperienza .

Porteranno una nuova energia, una nuova prospettiva e competenze che completano le tue capacità interne.

3. Sii onesto con te stesso.

Senza prodotti di qualità, finanziamenti adeguati e un team competente, NON esiste un percorso verso il successo. Naturalmente, ci sono sempre delle eccezioni alla regola.

Ma non fare affidamento sul post Instagram di un social influencer per compensare queste carenze. Semplicemente non succede così.

Non c’è da vergognarsi che inizi in piccolo e fai da te il tuo marketing digitale a breve termine. Ma è importante stabilire aspettative realistiche e delineare una tabella di marcia per la crescita.

Come costruire un piano di marketing e-commerce

Mentre stai gettando le basi per il tuo futuro e-commerce, è importante seguire questi esercizi mentre scrivi il tuo piano aziendale per assicurarti che i tuoi metodi e la tua strategia siano ben ponderati e passino la prova del tempo.

Non può essere sopravvalutato: questi sono i prerequisiti per creare un piano di marketing efficace e costruire un business di successo.

1. Sintesi

Ora che hai raccolto consigli sostanziali da mentori esperti, la panoramica generale verrà messa a fuoco.

Scrivendo un riepilogo esecutivo, farai i primi passi per elaborare il tuo piano di marketing e-commerce.

2. Obiettivi e obiettivi.

Rendi i tuoi obiettivi e obiettivi MOLTO chiari e specifici.

Una volta che inizi a eseguire, non c’è vergogna nel modificare i tuoi obiettivi se si sono rivelati troppo bassi o troppo alti.

Alla fine, il tuo obiettivo principale dovrebbe essere la creazione di obiettivi realistici e raggiungibili. E poi, stratificarsi in “allungare gli obiettivi” per eccitare davvero la squadra.

Detto questo, assicurati di includere obiettivi e metriche specifici, come:

  • Aumenta le vendite dell’X% durante la bassa stagione.
  • Aumenta AOV dell’X% il Black Friday e il Cyber ​​Monday.
  • Aumenta i tassi di conversione dell’email marketing dell’X%.

3. Dichiarazione della missione e proposta di valore.

  • Qual è lo scopo di questa azienda?
  • cosa fai?
  • Cosa non fai?

Tu (o la direzione dell’azienda) devi essere in grado di rispondere a queste domande di base.

Non tutte le aziende hanno bisogno di un elemento filantropico per l’azienda (il che sarebbe bello), ma ci deve essere una missione chiara e una proposta di valore.

4. Target clienti, personaggi e mercati.

Conosci il tuo pubblico.

Se non hai una chiara comprensione di chi stai prendendo di mira , quali caratteristiche li definiscono e dove si trovano, sei obbligato a condurre campagne inefficienti che sprecano soldi per individui a bassa conversione e non qualificati.

Assicurati di conoscere quanto segue:

  • Fasce di età.
  • Ripartizione di genere.
  • Posizione geografica.
  • Potere d’acquisto.

5. Analisi della situazione.

“Puoi sapere dove stai andando solo se sai dove sei stato.”

Pertanto, eseguire una valutazione approfondita dello stato attuale dell’azienda, della concorrenza e del piano generale di marketing.

Non lasciare nulla di intentato. Una migliore comprensione della situazione attuale porterà a un migliore processo decisionale e, infine, a risultati migliori.

6. Strategia di prezzi e posizionamento.

Assicurati che i prezzi e il posizionamento forniscano un valore reale al tuo pubblico di destinazione.

Costringere prodotti sui tuoi clienti target che ritengono essere troppo costosi è una proposta persa, soprattutto quando il confronto dei prezzi è COSÌ facile in questi giorni.

Pertanto, fai le tue ricerche!

Naturalmente, ci sono opportunità di test e perfezionamento durante il ciclo di vita del tuo prodotto, ma facendo un po ‘più di lavoro in anticipo, starai meglio nel lungo periodo.

7. Piano di distribuzione e realizzazione.

Anche se stai iniziando in piccolo, dovresti avere una chiara comprensione dei requisiti di distribuzione e evasione degli ordini che si evolveranno man mano che cresci.

Sia che tu stia imballando e spedendo te stesso, supervisionando un piccolo team o sfruttando un negozio di servizi di terze parti, devi sapere se i tuoi processi di adempimento possono soddisfare la domanda della tua prossima spinta di marketing.

Dopo aver scritto i tuoi piani, assicurati di passare un bel po ‘di tempo a modificare, perfezionare ed evolverli nel tempo.

Strumenti di adempimento e-commerce
  • ShipperHQ .
  • Refund Retriever .
  • ShipStation .
  • Spedizione FBA da ByteStand .
  • AfterShip .
  • Printful .
  • Facilità .
  • 71lbs .
  • GlobalShopex .
  • Shippit .
  • Fonte d’inventario .
  • Spedizione Facile .
  • Stamps.com .
  • Shippo .
  • Sunrise all’ingrosso .
  • Ordoro .
  • Wholesale2B .
  • e-ProductPlug .
  • AliExpress Dropshipping di CedCommerce .

Trova altri strumenti di spedizione e consegna per il tuo negozio.

Desideri ulteriori approfondimenti come questo?

Siamo in missione per fornire ad aziende come la tua marketing e consigli di vendita, trucchi e conoscenze leader del settore per costruire il prossimo marchio di famiglia. Non perdere un post. Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.

Esecuzione di un piano di marketing e-commerce

A questo punto, dovresti avere una comprensione molto chiara delle sottili sfumature che definiscono la tua attività.

Se sei una piccola impresa, questo è quando inizi a gettare le basi per la crescita futura, e se sei più affermato, è così che acceleri la tua traiettoria di crescita .

1. Determina la tua strategia di vendita e generazione di lead.

Qui è dove diventi creativo. E sfortunatamente, è qui che si fermano le risposte a misura unica. Il numero di modi in cui puoi commercializzare la tua attività è apparentemente infinito, ed è una buona cosa!

Anche se l’enorme elenco di parole d’ordine di marketing digitale può farti girare la testa, metteremo in evidenza le strategie e gli strumenti che hanno comprovato i risultati dei risultati, insieme ad alcune nuove strategie da considerare.

Per noi studenti visivi, immagina un grafico a imbuto di vendita che mostri il percorso dei tuoi clienti dalla consapevolezza all’interesse al desiderio all’azione .

Ora immagina che ogni fase di quel processo includa note sulle strategie di marketing specifiche che utilizzerai per inaugurare potenziali clienti attraverso quell’imbuto.

Nella parte superiore della canalizzazione, vedrai le strategie di sensibilizzazione del marchio che spesso non producono conversioni immediate, come la pubblicazione di contenuti social organici o annunci display programmatici .

E in fondo, vedrai gli annunci della rete di ricerca di Google, gli annunci di retargeting di Instagram e la comunicazione diretta via email.

Come marketer, ti consigliamo di considerare lo scopo principale di ogni strategia di campagna che utilizzi e dove si adatta alla tua canalizzazione.

Ma non preoccuparti, le strategie e le tattiche della sezione successiva sono destinate a produrre risultati positivi.

2. Ottieni tecnologia e software di reporting.

Prima di fare una seria spinta al marketing, devi assolutamente porsi le seguenti domande:

  • La tecnologia che sto attualmente utilizzando per monitorare l’efficacia dei miei sforzi di marketing è adeguata?
  • Può essere usato per determinare se i KPI che sto cercando di migliorare stanno REALMENTE migliorando?
  • Aiuterà il nostro team a determinare con precisione il ROI delle nostre azioni?

Se la tua risposta è “no”, devi considerare una modifica prima di implementare una nuova strategia di marketing e-commerce. E se la tua risposta è “sì”, è fantastico! Ma ti incoraggio anche a ricontrollare.

Ecco alcuni ottimi strumenti da considerare:

Come accennato in precedenza, il numero incredibile di canali di marketing continua a crescere e gli strumenti che stai utilizzando per tenere traccia di tali informazioni devono essere sufficienti.

Ma non preoccuparti. Gli strumenti sono là fuori. E anche se hai un budget ridotto, ci sono diverse risorse gratuite che possono aiutarti.

3. Inizia con le conversioni.

All’interno della tua generazione di lead e della strategia di canalizzazione di vendita, c’erano alcune strategie di fondo della canalizzazione progettate per portare i clienti al traguardo.

Raccomandiamo vivamente di lanciare prima quelle campagne per generare vendite e slancio positivo.

Quindi, una volta che il tuo team si sente a proprio agio con i risultati iniziali, continua a implementare l’intera strategia di marketing e-commerce (ulteriori informazioni su questi tipi di strategie di seguito).

4. Prova le acque.

Allocare parte del budget di marketing e-commerce per testare nuove strategie.

Dopotutto, non saprai mai cosa funziona bene e cosa no fino a quando non lo provi.

Non spendere soldi a casaccio, ma a seconda delle dimensioni del tuo budget, l’esecuzione di alcuni semplici casi di test in mercati più piccoli può fornirti le munizioni necessarie per giustificare un aumento del budget, convalidare le tue raccomandazioni precedenti e / o aprire le porte a un opportunità di mercato completamente nuove.

5. Affina ed espandi la tua strategia di marketing e-commerce.

Ora diventa davvero divertente! Hai visto un momento positivo e sei pronto a far esplodere le fiamme.

A questo punto, hai una buona comprensione di ciò che funziona, di ciò che ha bisogno di miglioramenti e di quali opportunità esistono ancora. E lo prometto, in nessun momento hai esaurito tutte le tue opzioni.

Pertanto, perfeziona e intensifica le tue strategie iniziali. Avendo dimostrato un ROI positivo, è tempo di aumentare il budget e aumentare le dimensioni!

Oltre a ciò, puoi diventare ancora più creativo.

Alcune strategie da considerare sono:

  • Joint Ventures & Partnerships – I marchi complementari hanno trovato successo attraverso le partnership . Puoi co-creare contenuti che espongano entrambi i marchi alla reciproca lista di email. O raggruppa un pacchetto regalo per le vacanze curato tra più marchi. Le opportunità sono infinite e quando i marchi si allineano, entrambi i marchi ne traggono vantaggio.
  • Aumenta AOV – Sei stato in una missione per aumentare le vendite. Ora prova ad aumentare il valore medio dell’ordine. Livella i tuoi codici sconto per incentivare acquisti più grandi o offrire spedizioni accelerate per ordini superiori del 50% rispetto al tuo attuale AOV.
  • Referral – Offri ai clienti attuali l’opportunità di segnalare un amico e raccogliere i frutti. È una vittoria. Diventano un esercito di sostenitori del marchio, mentre allo stesso tempo, cercano nel tuo catalogo prodotti i modi per utilizzare il loro nuovo codice di sconto.

Canali di marketing e-commerce, tattiche e strumenti da considerare

Nuovi canali di marketing si aprono ogni giorno.

Enormi reti, come Google e Facebook, continueranno a offrire nuovi modi per raggiungere i clienti e attirare più dollari pubblicitari.

Con questo in mente, ecco un elenco dei migliori canali, tattiche e strumenti da considerare quando si elabora il tuo piano di marketing e-commerce.

1. Pubblicità pay-per-click (PPC).

La pubblicità pay-per-click o PPC può essere uno degli elementi fondamentali nella tua strategia di marketing e-commerce.

Nel caso in cui tu non abbia familiarità con PPC, il tuo marchio pagherebbe una rete pubblicitaria, come Google , ogni volta che qualcuno fa clic sul tuo annuncio.

Naturalmente, ci sono diversi tipi di pubblicità PPC a cui vorrei attirare l’attenzione – campagne di ricerca, visualizzazione e shopping a pagamento – poiché sono più rilevanti per il successo del marketing e-commerce.

Ogni tipo di pubblicità PPC può svolgere un ruolo importante, ma diverso nella tua strategia di marketing generale.

E per facilità di comprensione, userò Google come fonte principale di tutti gli annunci PPC, poiché è il più popolare e più facile da usare.

Detto questo, ci sono diverse reti pubblicitarie PPC, come Bing Ads e Amazon Advertising , che vale sicuramente la pena includere nella tua strategia PPC complessiva.

Ecco qualche informazione in più su ciascuno:

Annunci di ricerca a pagamento : un annuncio di ricerca a pagamento verrà visualizzato nella parte superiore dei risultati del tuo motore di ricerca e non includerà alcun tipo di immagine.

Molto semplicemente, Google offre all’utente un annuncio di solo testo basato sui termini di ricerca dell’utente.

Pertanto, è un’ottima strategia, soprattutto per i lead di vendita “sul mercato”. Pensaci … se stai cercando “camicie abbottonate non stirate”, molto probabilmente sei sul mercato ad acquistare quell’oggetto.

Hai identificato un’esigenza personale e stai cercando l’opzione migliore.

Pertanto, gli annunci di ricerca a pagamento possono produrre un alto tasso di conversione e dovrebbero sicuramente essere inclusi nella tua strategia generale.

Annunci display – Gli annunci display , a volte denominati banner pubblicitari, possono essere visualizzati in tutti i siti Web, app e giochi per dispositivi mobili più diffusi.

A differenza degli annunci della rete di ricerca, gli annunci display tendono a seguirti in base alla cronologia di navigazione passata, definita “retargeting”, che toccherò in seguito.

Gli annunci display possono anche essere offerti all’utente in base all’oggetto dell’articolo o del sito Web che l’utente sta visualizzando.

Quindi, se l’utente sta leggendo un articolo su studi di yoga popolari nella loro zona, ci sono buone probabilità che venga visualizzato un annuncio display per uno studio di yoga nelle vicinanze.

Gli annunci display possono essere ottimi per aumentare la consapevolezza del marchio e generare conversioni se utilizzati per effettuare il retarget di un cliente, ma in generale le percentuali di clic saranno molto più basse rispetto agli annunci di ricerca.

E, soprattutto, il tasso di conversione medio in tutti i settori è del 1,77% con gli annunci display, rispetto al 3,75% per gli annunci della rete di ricerca . (statistiche tramite Wordstream)

Annunci con scheda di prodotto (campagne Shopping) : con Google Shopping Campagne e Bing Product Ads i tuoi prodotti possono essere visualizzati direttamente nei risultati del motore di ricerca.

Quindi, se l’utente sta cercando “stivali rossi da donna”, vedrà un gruppo di immagini di stivali rossi nella parte superiore dei risultati di ricerca.

Quindi, a seconda dei prodotti che soddisfano i loro gusti, l’utente farà clic sulla pubblicità e verrà reindirizzato al tuo negozio online.

Tutto considerato, questo può essere un ottimo strumento.

In effetti, gli inserzionisti si sono riversati su Google Shopping, poiché ha generato il 60% dei clic su Google nel primo trimestre del 2018.

Naturalmente, se sei un rivenditore di altre marche, assicurati che i tuoi prezzi siano competitivi prima di immergerti.

Come puoi immaginare, quando visualizza lo stesso paio di stivali rossi su più annunci, l’utente farà semplicemente clic sul prezzo pubblicizzato più basso.

Quindi, assicurati di aver fatto i compiti.

Strumenti da considerare:

2. Ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO).

Negli ultimi 20 anni, l’ottimizzazione dei motori di ricerca si è evoluta in meglio.

In passato, gli esperti SEO erano simili al venditore di olio di serpente, usando tattiche e exploit disonesti per aumentare le classifiche dei siti Web.

Ora, d’altro canto, il SEO è più legato all’adesione alle migliori pratiche in loco e al raggiungimento del tuo posizionamento, piuttosto che al “funzionamento del sistema”.

Detto questo, la SEO NON deve essere trascurata.

In effetti, il 70-80% degli utenti di Google si concentra solo sui risultati di ricerca organici.

Ma non preoccuparti, ci sono tonnellate di risorse utili per testare la salute SEO del tuo sito e tenere traccia dei tuoi miglioramenti nel tempo, come SEMrush e MOZ .

Inoltre, tramite le app BigCommerce come FavSEO , puoi facilmente eseguire un controllo del sito Web, monitorare le classifiche e apportare miglioramenti nel tempo.

Strumenti da considerare:

3. Content marketing.

Il content marketing è un po ‘un unicorno nello spazio e-commerce.

Quando disponi di un piano di marketing dei contenuti altamente testato e completo , quasi tutti gli altri canali di marketing che usi hanno più successo in parallelo.

Questo perché il content marketing è il mezzo migliore per distribuire il tuo prodotto a un pubblico.

Attraverso post di blog, infografiche e video, raggiungi più clienti sul loro territorio: Internet.

Si chiama marketing in entrata – dove gli acquirenti vengono da te – e costa molto meno degli sforzi in uscita, dove esci e trovi gli acquirenti per te stesso.

Se il tuo prodotto ha una causa ambientale, una tecnologia avanzata o è semplicemente innovativo, prendi in considerazione l’idea di lanciare alcuni post di blog scritti che descrivono le specifiche dei prodotti.

Oltre ad essere educativi per chiunque visiti il ​​tuo sito Web, questi post di blog ti aiuteranno a ottenere traffico organico da parole chiave pertinenti.

4. Marketing di influenza.

L’influencer marketing è semplice.

Poiché i consumatori sono esposti a sempre più annunci pubblicitari, i marchi stanno incorporando diverse strategie per raggiungere e attirare i clienti.

Pertanto, un marchio si allineerà con un “influencer”, ovvero qualcuno che ha un ampio seguito e credibilità all’interno di una determinata nicchia.

Attraverso questa partnership, entrambe le parti creeranno insieme contenuti intesi a sensibilizzare e promuovere le vendite.

E poiché l’influencer ha già l’attenzione e la fiducia dei loro seguaci, queste sponsorizzazioni di prodotti a pagamento sembrano meno invadenti delle pubblicità standard.

Pertanto, sono uno strumento prezioso in un toolkit di marketing.

L’influencer marketing è più comunemente visto sui social media, YouTube e blog ben noti. Le fashioniste che condividono le loro guide di stile su Instagram e i giocatori competitivi che trasmettono recensioni di giochi su YouTube o Twitch stanno generando risultati misurabili quando viene chiesto di promuovere sottilmente un marchio.

5. Marketing sui social media.

I social media sono (e rimarranno) un panorama in rapida evoluzione di reti e piattaforme che cambiano continuamente il modo in cui le persone interagiscono con i marchi online.

Come esperti di marketing, abbiamo il compito di comprendere le migliori pratiche e implementare campagne strategiche che coinvolgono potenziali clienti, creano sostenitori del marchio e, infine, alimentano i profitti.

Fortunatamente, i social network popolari come Facebook, Twitter e Instagram hanno continuamente implementato nuove funzionalità e strumenti per aiutare i marchi a raggiungere efficacemente il loro pubblico di destinazione .

Ad esempio, con la nuova funzione Annunci dinamici di Facebook , un marchio può caricare il suo intero catalogo prodotti su Facebook.

Quindi, ogni prodotto verrà automaticamente mostrato ai clienti interessati con prezzi e disponibilità aggiornati, che è un ottimo strumento per i professionisti del commercio elettronico.

Secondo Pinterest , i loro utenti spendono il 50% in più in acquisti rispetto all’utente medio dei social media e il 20% in più rispetto alle persone che hanno acquistato dopo aver fatto clic su un annuncio di ricerca.

Come ho spiegato con la pubblicità PPC, il social media marketing ha il suo set di sfumature e gergo che a volte possono intrecciarsi.

Ai fini di questo post di blog e in nome della creazione di un piano di marketing e-commerce valido, ci concentreremo su ciò che può avere il maggiore impatto sul tuo marchio.

Ecco cosa è importante considerare quando si realizza la tua campagna di marketing sui social media:

Pubblicità sui social media – Ogni popolare rete di social media ha strumenti utili per i marchi (e gli esperti di marketing) per offrire pubblicità mirate ai potenziali clienti.

La maggior parte di essi opera in modo simile agli annunci PPC di Google; crei un annuncio pubblicitario, imposti il ​​budget e paghi per ogni clic (o numero di impressioni) che l’annuncio riceve.

Certo, c’è di più.

Ogni social network offre una vasta gamma di tipi di annunci, su misura per adattarsi alla tua strategia pubblicitaria e offrire ai marketer digitali l’opportunità di essere creativi.

Per farti risparmiare un po ‘di tempo, i seguenti social network si sono dimostrati i più utilizzati e pratici per il marketing e-commerce:

Social Commerce – Come accennato, i social network sono costantemente alla ricerca di nuovi modi per attirare i marchi e, soprattutto, gli inserzionisti nelle loro reti.

Pertanto, reti come Facebook e Instagram (in particolare) hanno creato ecosistemi (abbastanza) senza soluzione di continuità che consentono ai clienti di scoprire i tuoi prodotti e, cosa più importante, acquistare i tuoi prodotti senza allontanarsi dalla rete.

Ciò semplifica il percorso di acquisto e, successivamente, aumenta i tassi di conversione.

Pertanto, assicurando che il tuo catalogo di prodotti di e-commerce sia sincronizzato con Facebook e Instagram consentirà a più clienti di trovare i tuoi prodotti e aumentare l’efficacia delle tue campagne di pubblicità sociale.

L’ app per gli annunci di Facebook di Sales & Orders prende i dati di prodotto esistenti nel tuo negozio BigCommerce, li configura e li pubblica come catalogo compatibile per gli annunci di prodotti di Facebook per ottenere rapidamente gli annunci di Facebook a pagamento.

Contenuti sociali organici – Prima che i social network diventassero colossi, erano forum per interagire con i clienti e promuovere la promozione del marchio.

Certo, questo non è scomparso del tutto.

Ma fino a un certo punto, i marchi sono stati spinti verso il percorso pubblicitario a pagamento per produrre i migliori risultati.

Detto questo, non dimenticare i contenuti sociali organici.

Svolge un ruolo importante nella costruzione della consapevolezza del marchio e, come minimo, è essenziale per mantenere una forte SEO.

Assicurati di abbinare i tuoi contenuti social organici a nuove funzionalità di social commerce, come taggare i tuoi prodotti nei post di Facebook e Instagram e creare post Pinterest “acquistabili” .

In questo modo, continuerai a costruire il marchio, rendendo allo stesso tempo facile per i potenziali clienti trovare e acquistare i tuoi prodotti.

6. Email marketing.

Quando si elabora un piano di marketing e-commerce completo, l’e-mail può svolgere un ruolo molto importante.

Da un lato, potrebbe non ricevere l’attenzione di vie più nuove e più trendy per la commercializzazione della tua attività di e-commerce, ma se fatto bene, l’e-mail può produrre un ritorno sugli investimenti costantemente elevato.

Detto questo, non aspettarti di “raggruppare ed esplodere” verso alti tassi di conversione e valori dell’ordine aumentati.

Adottare un approccio più strategico e ponderato alla posta elettronica alla fine produrrà risultati molto positivi.

Alla fine della giornata, i clienti sono disposti a leggere e-mail che stimolano i loro interessi personali.

Quindi, assicurati che le tue e-mail siano contestuali e coinvolgenti. Non inviare una promozione di biglietti per concerti per uno spettacolo a Los Angeles alla tua intera mailing list.

Sarebbe fastidioso per tutti fuori dalla California del sud.

Come regola generale, prova a segmentare la tua lista e-mail in base alla cronologia degli acquisti passata.

In questo modo, puoi inviare e-mail che risuonano con i loro gusti personali.

Inoltre, con le ultime funzionalità di automazione della posta elettronica , non è nemmeno necessario premere “Invia”.

Mentre inizi con l’email marketing, le campagne di newsletter sono una campagna semplice ed efficace per iniziare.

Nascoste tra le promozioni dei tuoi prodotti, le campagne di newsletter contengono contenuti davvero interessanti.

Un formato newsletter fa risaltare le tue e-mail rispetto alle normali campagne di vendita ed è un ottimo modo per costruire buona volontà con i nuovi clienti.

A parte le campagne di newsletter, come minimo dovresti incorporare le seguenti strategie:

  • Carrelli abbandonati.
  • Up-sell e cross-sell.
  • Offerte promozionali.
  • Lealtà e coinvolgimento del cliente.
Strumenti da considerare

7. Marketing di affiliazione.

Il marketing di affiliazione è il processo con cui un commerciante di e-commerce paga una commissione a un sito Web esterno per qualsiasi vendita generata dal suo traffico di riferimento.

Le vendite sono monitorate tramite link di affiliazione, che possono essere implementati utilizzando vari programmi di affiliazione .

Una cosa grandiosa del marketing di affiliazione per i commercianti di e-commerce è che paghi solo dopo che si è verificata una vendita.

I commercianti possono anche scegliere le proprie commissioni, con una percentuale del prezzo di vendita che di solito va dal 5 al 30% . È anche molto positivo sul ROI.

Dopo aver considerato la commissione di affiliazione e il margine lordo, puoi usufruire di un ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS) di 10: 1.

Strumenti da considerare

8. Marketing locale

Il marketing locale – noto anche come ” marketing basato sulla posizione ” e “marketing di vicinato” – è il processo di ottimizzazione del tuo sito Web e della pubblicità online per favorire il traffico pedonale e la consapevolezza nelle regioni locali.

Se sei un negozio o marchio di mattoni e malta che sta cercando di fare una mossa online, è importante non perdere i clienti di persona esistenti che hai già.

Inoltre, se disponi di una vetrina o di una presenza locale, esistono diverse strategie che puoi utilizzare per continuare a far crescere quell’impronta.

Ottimizza il tuo sito con parole chiave locali

Assicurati di inserire parole chiave pertinenti sulla città in cui ti trovi e su eventuali città o regioni confinanti.

Sviluppa landing page specializzate sulla tua città, crea collezioni di prodotti che promuovono le attività o le tendenze locali o addirittura organizza campagne di eventi locali con aziende vicine.

Anche se le aziende si spostano continuamente sempre più online , il marketing locale ha ancora un impatto su molte decisioni prese dagli acquirenti.

Se un utente è alla ricerca di un prodotto online, nei risultati di ricerca verranno visualizzati negozi locali pertinenti.

4 consigli di marketing e-commerce dagli esperti

Sfrutta il tuo elenco per più di promozioni.

Kaleigh Moore

“Sfrutta quella mailing list per qualcosa di più che sconti e vendite. Mostra la vita dietro le quinte, racconta storie e fai sentire i clienti come parte della tua famiglia. Potrebbe non avere un ROI immediato, ma è un gioco a lungo raggio che si converte sempre. “

– Kaleigh Moore , scrittore freelance, ricercatore e analista

Non stai sperimentando abbastanza.

Nick Raushenbush

“Evita il compiacimento. Sii instancabile con l’ottimizzazione del tuo negozio online e dei canali di marketing per aumentare il tasso di conversione. Se non hai provato più di 50 modifiche al tuo approccio per vedere come influisce sulle tue metriche, non hai sperimentato abbastanza “.

– Nick Raushenbush, co-fondatore, Shogun Landing Page Builder

Ricerca. Seriamente, RICERCA.

Patch Lianna

“Fare. Cliente. Ricerca. Non vi è assolutamente alcun sostituto per dare seguito ai clienti in ogni fase del viaggio di acquisto (e non intendo semplicemente inviando una singola email “Per favore, lasciaci una recensione!”). Installa sondaggi Hotjar sul tuo sito. Esegui test utente su nuovi prodotti. Miniera le tue recensioni per motivi e frasi appiccicose. Questo dovrebbe essere un processo costante e produrrà moltissime intuizioni utili. “

– Lianna Patch, Head Puncher, Punchline Copy

Parla con i tuoi clienti.

Alex Birkett

‘Questo è un consiglio diffuso ma raramente seguito: conoscere meglio i tuoi clienti. Parla con loro, o almeno osservali. Investire in lavori strategici di misurazione e analisi. Trova le lacune nella tua esperienza utente ed esegui esperimenti per provare a risolverli. Più in generale, diventa incentrato sul cliente (e non solo dicendo che sei incentrato sul cliente, ma rendendolo la pietra angolare di qualsiasi tattica che attui). Non so come potresti sbagliare con questo approccio. “

– Alex Birkett, direttore marketing per la crescita, HubSpot

Assumere un’agenzia di marketing e-commerce contro il team interno

Mentre un’azienda delinea la sua potenziale strategia di crescita, sorge l’inevitabile domanda: ” dovremmo assumere un’agenzia o costruire un team interno? 

E come puoi immaginare, non esiste una risposta corretta. Ma piuttosto, è una questione di necessità, circostanze e idoneità.

Un’agenzia può accelerare la traiettoria di crescita, mantenendo bassi i costi? Sì!

Un team interno può produrre risultati simili E raccogliere le ciambelle in occasioni? Sì grazie!

A seconda di dove cadi, entrambe le opzioni potrebbero funzionare bene, ma ci sono diversi fattori da considerare prima di prendere questa decisione.

Domande da considerare che possono guidare il tuo pensiero:

  1. Quali sono le mie principali esigenze di marketing? Sono abbastanza concentrati per consentire a un dipendente interno di gestire ed eseguire?
  2. Quanti soldi possiamo assegnare a entrambe le rotte?
  3. Possiamo (e dovremmo) assumere abbastanza dipendenti a tempo pieno per eguagliare ciò che un’agenzia può offrire in termini di capacità e competenza?

Pro e contro dell’agenzia

Assumere un’agenzia con esperienza può essere una scelta eccellente per qualsiasi azienda.

Spesso le agenzie di marketing digitale possono offrire una vasta gamma di servizi forniti da professionisti altamente specializzati ed esperti.

Per non parlare del fatto che possono essere molto meno costosi dei dipendenti a tempo pieno.

Ma il compratore sta attento, non tutte le agenzie sono uguali. Quindi, fai i compiti.

Professionisti

  • Professionisti altamente qualificati.
  • Offrire la più ampia gamma di servizi spesso necessari per produrre risultati.
  • Processo e comprovata esperienza nella fornitura di risultati.
  • Molto meno costoso della creazione di un team interno con un livello comparabile di competenza.
  • Richiesto contrattualmente di rispettare le scadenze e fornire un livello prestabilito di servizio.
  • Sforzi rapidi e semplici per aumentare la crescita dell’azienda.

Contro

  • Non accessibile come i dipendenti a tempo pieno.
  • Non così profondamente radicato nel marchio.
  • Non in grado di aiutare con compiti al di fuori del campo di lavoro predeterminato.

Pro e contro interni

C’è qualcosa di stimolante nell’assumere un team interno, rimboccarsi le maniche e mettersi al lavoro.

Siete tutti insieme e possedete una profonda comprensione degli attuali punti deboli dell’azienda e della visione finale.

Detto questo, assumere un team interno con competenze comparabili a un’agenzia costerebbe molto, MOLTO di più se si considerano gli stipendi, i benefici e i costi di onboarding.

Per non parlare, il tempo necessario per assumere e formare i dipendenti può portare a opportunità mancate, a seconda della situazione.

Professionisti

  • Profondamente familiare con il marchio e l’industria.
  • Molto accessibile per riunioni estemporanee, compiti, ecc.
  • Può contribuire a una mentalità di squadra sana (se si adatta bene).

Contro

  • In genere, più costoso di un’agenzia.
  • I dipendenti possono offrire 1 o 2 competenze di marketing primarie e in genere non possono corrispondere al livello di competenza di un’agenzia.
  • Le assunzioni interne in genere non dedicano risorse per formazione continua, istruzione e miglioramento dei processi, come farebbe una buona agenzia.
  • Difficile e dispendioso in termini di tempo da licenziare o impiegare in caso di aspettative inferiori.

Utilizzo di un’agenzia gestita dal team interno

Secondo la maggior parte dei conti, questo è un accordo molto comune, a meno che tu non sia nelle prime fasi della commercializzazione della tua attività.

In teoria, questa opzione può essere la migliore di entrambi i mondi, e in pratica può essere il caso in cui tutte le parti sono allineate.

Come puoi immaginare, quando la tua azienda cresce, le tue esigenze di marketing crescono.

Cresce anche il livello di competenza e raffinatezza tecnica necessario a tutte le parti.

Pertanto, quando un team interno che comprende intrinsecamente il marchio può lavorare con un’agenzia che offre una vasta esperienza e la capacità di eseguire, hai le caratteristiche di un team molto forte.

Professionisti

  • Può essere il migliore di entrambi i mondi.

Contro

  • Potenzialmente costoso.
  • Può causare attrito se le squadre non sono allineate.

Sintesi

Elaborare un piano di e-commerce ben ponderato può sembrare scoraggiante.

Ma ancora una volta, la ricchezza di strategie e canali che possono aiutare a guidare le vendite online è enorme (e continua a crescere).

Mentre potresti essere tentato di andare alle gare, l’intenzionalità è la chiave quando inizi a sviluppare una strategia di marketing e-commerce.

Assicurati di avere una conoscenza approfondita del tuo prodotto e della domanda del tuo prodotto e non aver paura di fare ipotesi, purché tu lo collauda.

In un certo senso, gli esperti di e-commerce si sentono come bambini in un negozio di caramelle, cercando di decidere quali nuovi gusti provare oggi.

Quindi, finché sei organizzato e orientato ai dettagli, è difficile sbagliare.

Dopo aver letto questo elenco completo di strategie, strumenti e risorse, sarai sulla buona strada per creare un impatto reale e ottenere entrate reali.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close