Cerca

DropShipping 101: La guida definitiva alla costruzione di un Business di Dropshipping nel 2019

Tempo di lettura: 35 minuti
Che cos'è il dropshipping

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com
“Scaricare la consegna.”  Chiunque abbia mai esaminato il modo in cui funzionano le aziende online ha probabilmente incontrato questo termine.

Tuttavia, ancora meno persone in realtà capiscono come funziona.

A chi è nuovo nel mondo degli affari online e cerca di entrare nella scena dell’e-commerce, il processo di dropshipping può sembrare un po ‘intimidatorio in quanto può essere difficile trovare una fonte affidabile che ti dica tutto ciò che devi sapere.

Quindi eccola qui: la guida definitiva al dropshipping. Copre tutto da ciò che significa essenzialmente il termine, come funziona questo particolare modello di business e, se è per te, come trovare il prodotto e il fornitore giusti per gestire effettivamente un’attività di dropshipping ecommerce di successo e in forte espansione. Quindi tuffiamoci dentro!

 

Comprensione del dropshipping

CHE COS’È IL DROPSHIPPING?

Il dropshipping è un tipo di modello aziendale che consente a un’azienda di operare senza mantenere l’inventario, possedere un magazzino per conservare i propri prodotti o addirittura dover spedire i propri prodotti ai propri clienti. Come funziona è che il rivenditore collabora con un fornitore di dropship che fabbrica e / o immagazzina prodotti, confeziona i prodotti e li spedisce direttamente al cliente del rivenditore, per conto del rivenditore.

In termini più semplici, ecco come funziona il dropshipping:

  • Il cliente effettua un ordine per un prodotto nel negozio online del rivenditore.
  • Il rivenditore inoltra automaticamente o manualmente i dettagli dell’ordine e dei clienti al fornitore di dropship.
  • Il fornitore di dropship confeziona e spedisce l’ordine direttamente al cliente a nome del rivenditore.

Che cos'è il drop shipping

Questo tipo di modello di business è estremamente interessante in quanto elimina la necessità per il proprietario del negozio di avere una sede aziendale fisica come uno spazio ufficio o magazzino, invece, tutto ciò di cui hanno bisogno sono un laptop e una connessione Internet.

Nota: molte aziende che possiedono spazi fisici propri (uffici o magazzini) usano anche il drop shipping per alcuni dei loro prodotti poiché aiutano a liberare risorse e spazio per altri prodotti.

Panoramica video di Drop Shipping

PRO DI DROPSHIPPING

Come modello di business, il dropshipping ha diversi aspetti che si dimostrano utili, come:

  • È facile da installare : non richiede un intero villaggio per la configurazione poiché in sostanza prevede solo 3 passaggi: trova il fornitore, imposta il tuo sito Web e inizia a vendere i prodotti! Per chi è nuovo nel settore dell’e-commerce, questo modello di business è relativamente facile da capire e implementare.
  • Il costo di creazione del tuo business dropship è quasi nulla: nei modelli di business tradizionali, la maggior parte dei costi è legata alla creazione e all’esecuzione delle operazioni al dettaglio, come l’acquisto di inventario. Poiché dropshipping elimina questo passaggio, e quindi il suo costo, tutto ciò che devi pagare sono i costi associati alla gestione del tuo sito Web (hosting, temi, app, ecc.).
  • Non devi preoccuparti dei costi generali esorbitanti: come accennato in precedenza, l’imprenditore non è tenuto ad acquistare l’inventario, quindi i costi di affitto o acquisto di magazzino / spazio ufficio e gli altri costi minori ma sostanziali che lo riguardano (elettricità / telefono banconote, cancelleria, ecc.) non sono un problema. I costi fissi di gestione del sito Web sono tutto ciò di cui un imprenditore deve preoccuparsi.
  • Il rischio di dropshipping come modello di business è significativamente più basso: se l’azienda non vende prodotti non perde ancora nulla, quindi non c’è quasi nessuna pressione sulla necessità di vendere il tuo inventario.
  • Il business può essere gestito da qualsiasi luogo ed è indipendente dalla posizione: nessun ufficio, nessun magazzino, nessun dipendente e nessun problema. Poco o nessun impegno per uno spazio fisico significa che potresti essere seduto su una spiaggia, sorseggiando mojitos e allo stesso tempo ottenere profitti. Tutto ciò di cui hai bisogno è il tuo laptop e Internet.
  • C’è molta varietà quando si tratta dei prodotti che vuoi vendere: esiste un fornitore di navi drop per quasi tutto ciò che vorresti vendere! Puoi fare affidamento su un ottimo prodotto, vendere più prodotti contemporaneamente o mescolarlo; dipende tutto da te. Trova la tua nicchia e ci sarà sicuramente un fornitore che si rivolge ad essa.
  • Più tempo e risorse per scalare il tuo business: nei tradizionali modelli di business al dettaglio, se desideri più profitti devi fare più lavoro e investire molto di più nel tuo pool di risorse. Con dropshipping tutto ciò che devi fare è inviare più ordini al tuo fornitore di dropship e poi lasciarli gestire tutto il resto mentre guadagni i profitti e ti rimane più tempo per sviluppare i tuoi piani aziendali e ridimensionarli!
  • Perdite ridotte sulle merci danneggiate: poiché la spedizione va direttamente dal fornitore al cliente, ci sono meno passaggi di spedizione che riducono drasticamente il rischio di articoli danneggiati mentre si spostano da uno spazio fisico a un altro.

CONTRO DI DROPSHIPPING

Proprio come tutto nella vita, ci sono alcuni svantaggi che derivano dai numerosi vantaggi del dropshipping. Ecco alcuni svantaggi del modello aziendale di dropship:

  • Margini di profitto leggermente inferiori Confronto con il commercio all’ingrosso o manifatturiero: a seconda della nicchia, della posizione o delle esigenze, fornitori e venditori addebiteranno prezzi più elevati per i prodotti dropshipping, che incidono sui margini di profitto.
  • Responsabilità completa quando qualcosa va storto: poiché il cliente sta acquistando il prodotto dal sito Web del rivenditore, se il fornitore incasina qualcosa, è ancora colpa del rivenditore poiché il marchio è il volto del processo di vendita al dettaglio. Questo è uno dei motivi per cui è incredibilmente importante scegliere il fornitore giusto.
  • Il marchio ha un livello di controllo significativamente più basso: la soddisfazione del cliente è spesso legata ai dettagli – imballaggio e marchio personalizzati dei prodotti spediti, omaggi e note che accompagnano l’ordine – sono quasi sempre le cose più piccole che contano. Sfortunatamente, il modello dropshipping offre raramente ai rivenditori l’opportunità di controllare come viene presentato il loro marchio durante il processo di consegna e adempimento poiché il fornitore è colui che spedisce i prodotti. Tuttavia, ci sono alcuni fornitori che potrebbero essere disposti a fare quel miglio in più – attenzione, potrebbe costarti comunque.
  • Alcuni problemi possono sorgere a causa di complessità con la spedizione: vendere più prodotti può sembrare un buon modo per incrementare le vendite e realizzare un sostanziale profitto, ma ciò potrebbe in realtà essere controintuitivo se il rivenditore ha più fornitori per questi prodotti. Fornitori diversi addebiteranno costi di spedizione diversi a seconda di fattori quali ubicazione, tipo di prodotti, ecc. Se un cliente ordina più prodotti che spediscono da fornitori diversi, il rivenditore dovrà elaborare e pagare le spese di spedizione separatamente. Il trasferimento di queste spese di spedizione variabili al cliente può influire negativamente sui tassi di conversione, quindi a sua volta influire sui margini di profitto.
  • Il livello di concorrenza è relativamente elevato: l’attrattiva e la popolarità del modello di business dropshipping significano sempre più rivenditori in ogni segmento e nicchia. A meno che un rivenditore non si rivolga a un segmento o una nicchia estremamente specifici, la concorrenza potrebbe essere dannosa.
  • Gestire l’inventario può essere complicato: tenere traccia delle scorte del fornitore è quasi impossibile. Le comunicazioni errate possono causare problemi come le cancellazioni e la necessità di effettuare ordini in arretrato. Al giorno d’oggi questo aspetto può essere gestito con il software, ma anche quelli hanno un prezzo e possono aumentare i costi generali e fissi

QUANTO È FATTIBILE E REDDITIZIO IL DROPSHIPPING?

In genere, i margini di profitto per il dropshipping possono variare dal 15% al ​​45%. Tuttavia, i margini di profitto per beni di consumo durevoli e articoli di lusso (ad esempio elettronica, gioielli, ecc.) Possono generare un margine di profitto fino al 100%. Si tratta di trovare la nicchia e il fornitore giusti mentre si entra in un mercato che non è già eccessivamente saturo. Un buon modo per garantire margini più elevati può essere quello di procurarsi direttamente da un produttore invece che da un fornitore / fornitore, eliminando così efficacemente l’intermediario.

Una volta che il business è decollato e guadagna un po ‘di trazione, può rapidamente trasformarsi in una macchina per fare soldi che richiede solo un input minimo. Aziende di dropshipping di successo come quella di Irwin Dominguez , un commercialista diventato imprenditore e-commerce, hanno realizzato vendite per 1 milione di dollari in soli 8 mesi dal lancio del business online! Questo non sarà il caso di tutte le attività di dropshipping, ma il potenziale esiste.

I PRODUTTORI, I GROSSISTI E GLI AGGREGATORI DI NAVI A CADUTA NON SONO GLI STESSI?

No . Anche se questi termini sono spesso usati in modo intercambiabile nel mondo dell’e-commerce, non sono gli stessi. Risolviamo la confusione:

  • Un produttore è qualcuno che effettivamente produce i prodotti stessi. Possono avere o meno un programma di dropshipping, ma il rivenditore è fortunato se lo fa in quanto rimuove la seccatura e i costi gonfiati dell’uomo intermedio, offrendo al rivenditore i migliori prezzi possibili. Questi costi ridotti si traducono in maggiori margini di profitto.
  • Un grossista / fornitore di dropship è qualcuno che acquista un tipo di prodotto dal produttore all’ingrosso e aiuta a confezionarlo e spedirlo agli acquirenti online attraverso le attività di e-commerce del rivenditore.
  • Un aggregatore di dropship, d’altra parte, è qualcuno che acquista prodotti diversi da più produttori per fornire al rivenditore una varietà di prodotti da vendere. Diversi svantaggi della consegna drop possono essere risolti quando si utilizza un aggregatore — senza costi di spedizione all’ingrosso multipli, meno tempo per l’invio di più ordini a più fornitori (impedendo quindi una confusione e ritardi negli ordini e nella spedizione) — tuttavia, tenere presente che gli aggregatori subiscono un taglio più elevato che potrebbe influire negativamente sui tuoi margini di profitto.

Per chi è il dropshipping?

Per chi è Dropshipping

Dropshipping è un modello di business davvero eccezionale per un principiante che si sta solo immergendo nel mondo degli affari online. È attraente per un principiante in quanto è un modo a basso rischio e basso investimento di avviare un’attività in proprio, quindi, non sembra così tanto una scommessa.

Poiché la quantità di capitale che deve essere investita in questo modello di business è minima, è ideale anche per chi è già proprietario di un negozio con un inventario ma sta cercando di provare determinati prodotti sul mercato per vedere come funziona prima fare scorta di esso. Se sei interessato a saperne di più su questo, dai un’occhiata al nostro post Come testare idee di prodotti con dropshipping quando non fai dropship .

Per chi si aspetta margini sorprendenti fin dall’inizio, questo modello di business potrebbe essere deludente. Se il profitto è il tuo interesse principale, sarebbe meglio andare direttamente alla fonte, come i produttori, ma i produttori non sempre facilitano il dropshipping. Poiché i margini di profitto del dropshipping sono anche considerevolmente più bassi rispetto ad altri modelli di business come la produzione e il commercio all’ingrosso, il dropshipping forse non prometterebbe bene con un marchio che è una nuova startup, poiché l’azienda non ha il massimo controllo quando si tratta di clienti soddisfazione attraverso il marchio e l’esperienza del marchio.

Ci sono alcuni tipi di imprenditori per i quali il modello di drop shipping funzionerà bene. Diamo un’occhiata ad alcuni di essi:

  • Convalida dell’imprenditore:  Dropshipping può essere un ottimo modo per testare nuovi prodotti, o anche una nuova startup, prima di investire pesantemente in inventario che potrebbe non essere venduto, rendendolo il modello di business perfetto per l’imprenditore che richiede un alto livello di business e di validazione del prodotto prima investimento.
  • Imprenditore economico: il  drop shipping è sicuramente il metodo meno costoso per vendere online perché non è necessario acquistare alcun inventario in anticipo. Per questo motivo, il metodo di consegna drop funziona bene per gli imprenditori che hanno un budget limitato o preferiscono mantenere i costi di avvio il più bassi possibile.
  • Imprenditore per la prima volta:  il modello di drop shipping per la vendita online è anche un buon modello di business per qualcuno che ha appena iniziato a vendere online. Il fatto è che vendere online non è facile. Guidare il traffico e convertirlo per il marketer medio può richiedere molto tempo per capire e ottimizzare. A causa dei bassi costi associati all’avvio di un’attività di drop shipping, consente ai nuovi imprenditori di apprendere le basi della creazione di un negozio, guidando il traffico e l’ottimizzazione delle conversioni prima di investire migliaia (o più) in spazi pubblicitari con cui potresti rimanere bloccato.
  • Walmart Entrepreneur:  Drop shipping è anche per la persona che vuole vendere un’ampia varietà di prodotti e modelli. A seconda della fascia di prezzo dei prodotti che intendi vendere o se desideri vendere centinaia o migliaia di prodotti diversi, è quasi impossibile senza un ingente finanziamento acquisire tutto questo inventario. In questo caso, il dropshipping sarebbe il modello appropriato perché, ancora una volta, non è necessario acquistare l’inventario in anticipo.

Per chi non è disponibile il drop shipping?

Chi Dropshipping non è per

Ci sono anche alcuni tipi di imprenditori che dropshipping non è per:

  • Imprenditore incentrato sul marchio: Costruire un marchio sostenibile a lungo termine è difficile ma i vantaggi possono essere incredibilmente utili. Tuttavia, costruire un marchio utilizzando il modello di business del drop shipping è esponenzialmente più difficile poiché ci sono così tanti elementi dell’intera esperienza del cliente che non sarai in grado di controllare. Ad esempio, molte volte potresti scoprire che dopo che un cliente ha acquistato qualcosa da te, è esaurito con il tuo corriere. Questo ti lascia nella posizione scomoda e frustrante di cercare di coordinarti tra il tuo cliente e il tuo spedizioniere e può diventare un’esperienza davvero negativa per il tuo cliente. Un altro punto da tenere a mente è che non spedendo il prodotto da soli non si ha alcun controllo sull’esperienza del cliente che riceve il pacco. Quasi il 100% delle volte sarà il prodotto in una grande scatola marrone con arachidi da imballaggio. Devi chiederti se questa è l’esperienza che vuoi che i tuoi clienti abbiano. Infine, poiché non spedisci i prodotti da solo, non detieni il rapporto con le compagnie di navigazione. Quando qualcosa va storto e il cliente non riceve il pacco, non puoi semplicemente chiamare UPS e correggere la situazione. È necessario coordinarlo con un impegnato rappresentante dell’account che potrebbe richiedere giorni per risolvere, di nuovo, lasciando ai tuoi clienti un sapore amaro in bocca. Quando qualcosa va storto e il cliente non riceve il pacco, non puoi semplicemente chiamare UPS e correggere la situazione. È necessario coordinarlo con un impegnato rappresentante dell’account che potrebbe richiedere giorni per risolvere, di nuovo, lasciando ai tuoi clienti un sapore amaro in bocca. Quando qualcosa va storto e il cliente non riceve il pacco, non puoi semplicemente chiamare UPS e correggere la situazione. È necessario coordinarlo con un impegnato rappresentante dell’account che potrebbe richiedere giorni per risolvere, di nuovo, lasciando ai tuoi clienti un sapore amaro in bocca.
  • Imprenditore incentrato sul margine:  probabilmente il problema più grande con il modello di business dropshipping sono i margini sottilissimi. In generale, per i prodotti e le aziende di spedizione drop tradizionale i tuoi margini lordi (il prezzo che vendi meno il costo che paghi il tuo corriere) sono circa il 10-20%. Alla fine della giornata, quando pagherai le commissioni di transazione della carta di credito, il carrello di spedizione, il servizio di posta elettronica e altre commissioni per le app, vedrai solo alcune percentuali. Vi è una buona dose di imprenditori online che gestiscono entrate da 1 milione di dollari all’anno, che vendono drop shipping che alla fine della giornata stanno realizzando un profitto di 40-50k.
  •  Commercialisti non creativi: la maggior parte dei produttori (che possono anche essere spedizionieri dei propri prodotti) hanno obiettivi di vendita in cui il 30% delle vendite deve provenire da vendite dirette al consumatore, di solito attraverso il proprio sito di e-commerce. Ciò significa che se vendi i loro prodotti, competerai direttamente con il tuo fornitore, un fornitore in grado di avere margini molto più alti di te sugli stessi prodotti. Ogni possibilità di competere testa a testa contro di loro è inutile. Vinceranno quasi sempre perché possono permetterselo. Se hai intenzione di battere il tuo fornitore, devi essere creativo, trovare e sfruttare i canali che non utilizzano per acquisire clienti. Se le tue uniche idee sono di utilizzare Google Ads e Facebook Ads, probabilmente sei sfortunato.

Trovare i prodotti dropshipping perfetti da vendere

Trovare i prodotti dropshipping perfetti da vendere

CRITERI PER LA SCELTA DEI MIGLIORI PRODOTTI DROPSHIPPING

Per avere un business di e-commerce di successo, devi trovare i prodotti giusti da vendere, ma quando si tratta di dropshipping trovare il prodotto giusto è probabilmente l’ aspetto più importante della tua attività.

Non c’è quasi modo di accertare quali prodotti sono completamente “perfetti” per il modello di business dropshipping, tuttavia, avere un elenco di idee di prodotti che si è sicuri venderà (sulla base di fatti concreti, cifre e ricerche) è un buon modo per inizia a determinare i prodotti che finirai per vendere.

Ecco una serie di criteri che possono aiutare a decidere se un prodotto è adatto al dropshipping:

  • Il prezzo al dettaglio: quando si tratta di dropshipping, il prezzo al dettaglio e il prezzo all’ingrosso sono fondamentali. Si tratta di colpire il punto debole con il modo in cui valutate i vostri prodotti: i prezzi bassi possono incoraggiare un numero maggiore di vendite, ma otterrete un margine di profitto più piccolo per prodotto, mentre gli articoli più costosi potrebbero vendere di meno ma sarete in grado per guadagnare di più per articolo. Trova l’equilibrio che funziona per te e le aspettative dei tuoi clienti. Come accennato in precedenza, i margini di profitto per il dropshipping possono essere compresi tra il 15% e il 45% ed è quello a cui probabilmente dovresti mirare come rivenditore. Ciò significa in genere che gli articoli con prezzi compresi tra $ 50 e $ 100 sono ottimali, a seconda del prodotto.
  • Dimensioni e peso: i costi di imballaggio e spedizione variano tra i diversi prodotti in base alla quantità di materiale di imballaggio richiesto e allo sforzo (sforzo manuale o sforzo della macchina) necessario per spedire il prodotto. In tal senso, avere oggetti più piccoli e leggeri è il più economico per abbandonare la nave e darti il ​​margine di profitto più grande. Anche i prodotti più grandi possono essere spediti con un margine di profitto relativamente elevato, ma partire da piccoli è il modo migliore di procedere.
  • Vendita incrociata di prodotti: la vendita di set di prodotti correlati è un ottimo modo per dare più valore ai tuoi clienti e incoraggiarli ad acquistare di più ogni volta che effettuano un ordine. Considera quali prodotti puoi vendere insieme per una nicchia correlata. Ad esempio, se lasci cadere i cavalletti delle navi, potrebbe essere logico rilasciare anche tele, pennelli e altri oggetti d’arte per navi. Se scegli di seguire questa strada, considera come puoi strategicamente valutare i tuoi prodotti per rendere la vendita altrettanto preziosa per te e per i tuoi clienti. Potresti scegliere di vendere il tuo prodotto principale con un margine di profitto inferiore (diciamo, 10-15%) per incoraggiare i tuoi clienti ad acquistarlo, ma poi recuperare il profitto perduto vendendo altri accessori e componenti per il prodotto principale in un markup più grande (come il 100%).
  • Durata: se i prodotti e i prodotti che vendi sono usa e getta e / o rinnovabili, c’è una maggiore possibilità che i tuoi clienti effettuino ordini ripetuti, aumentando così le tue vendite. Molti rivenditori impostano opzioni di abbonamento per i loro clienti, il che garantisce che ci siano sempre acquisti ripetuti. Puoi rendere l’offerta ancora più interessante per i tuoi clienti offrendo uno sconto agli abbonati al tuo servizio.
  • Tasso di turn-over: considera il tasso di turnover dei prodotti che stai vendendo (il tasso con cui il prodotto viene cambiato, aggiornato, scontato, ecc.). Come rivenditore con un negozio online, gran parte della tua attività proviene dalla fotografia del prodotto e dalla copia / contenuto che pubblichi sui prodotti. Questi richiedono molto tempo e potenzialmente ti costeranno. Pertanto, se vendi prodotti che continuano a cambiare nel breve lasso di tempo, dovrai continuare a cambiare il contenuto che sarebbe un costante reinvestimento di tempo e denaro, con lo stress aggiuntivo di aggiornare effettivamente tutto fisicamente. Ulteriori informazioni su come scattare splendide foto di prodotti , creare una bella pagina di prodotti e come scrivere descrizioni di prodotti eccezionali .
Nota: valuta la tua idea di prodotto dropshipping in modo più dettagliato con il nostro strumento Instant Product Evaluator ! Con questo strumento, valuterai la tua idea di prodotto rispetto a 18 dei criteri più critici per saperne di più sui potenziali punti di forza e di debolezza del tuo prodotto.

ERRORI DROPSHIPPING DA EVITARE

Errori comuni che dovrebbero essere evitati quando si sceglie un prodotto per dropshipping:

  • Non  basare la scelta del prodotto su ciò che piace e non piace: basare sempre la decisione del prodotto su fatti, ricerche, due diligence e valutare e convalidare la domanda del mercato.
  • Non vendere knock-off o “vere copie”:  non solo è un trucco economico che non ti porterà necessariamente da nessuna parte con i clienti, ma è anche illegale nella maggior parte dei paesi! Evita questo tipo di prodotti in modo da evitare i fastidi o i prodotti di dropship da merchandiser affidabili e ufficiali come MXED  ( MXED Review ).
  • Non limitarti a salire sul carrozzone:  “Se tutti lo vendono, dovrei farlo anch’io” non è sempre la ragione giusta per scegliere un prodotto. Il mercato dei prodotti di tendenza è in genere molto saturo, quindi ci saranno alti livelli di concorrenza. Se i prodotti di tendenza sono qualcosa che vuoi perseguire, assicurati di condurre una ricerca approfondita sull’ascesa e la caduta della tendenza in modo da sapere cosa aspettarti dagli interessi dei consumatori. Dai un’occhiata a uno strumento come Google Trends per valutare le tendenze.

CONOSCI IL TUO TARGET DI MERCATO E NICCHIA

Assicurarti di svolgere bene le tue ricerche di mercato costituirà una solida base per la tua attività. Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a conoscere meglio il tuo mercato di riferimento e la tua nicchia:

  • Primo passo: il primo e primo passo è misurare l’attuale domanda del tuo prodotto. Usa lo strumento KWFinder per scoprire come la parola chiave del tuo prodotto viene classificata su base mensile — questo ti darà un’idea di quante persone stanno cercando il tuo prodotto nei motori di ricerca come Google ogni mese e ti darà un’idea generale di come è la domanda per il tuo prodotto. Idealmente, vuoi trovare migliaia di parole chiave con ricerche mensili se hai intenzione di costruire un’attività intorno ad esso, ma se il tuo prodotto serve un mercato emergente, allora potrebbero non esserci ancora persone che lo cercano. Per ulteriori informazioni sulla ricerca di parole chiave e su come può aiutarti a costruire la tua attività con successo, consulta la nostra guida definitiva alla ricerca di parole chiavee se vuoi saperne di più sullo strumento KWFinder, dai un’occhiata alla nostra recensione di KWFinder .
  • Secondo passo : il secondo passo è capire come la stagionalità può influire sui modelli di acquisto dei tuoi clienti. Alcuni prodotti sono solo prodotti stagionali, mentre altri faranno bene tutto l’anno, ma come si fa a capire la differenza tra i due? Le congetture possono essere inutili e inutili quando puoi semplicemente utilizzare Google Trends . Questo strumento offre all’utente un’analisi grafica delle stagioni di picco di ricerca per un determinato prodotto (o parola chiave) per un lungo periodo di tempo. Le tendenze di previsione possono aiutarti a prepararti per cali o picchi di vendite durante tutto l’anno e assicurarti di non essere colto alla sprovvista.
  • Terzo passo : il terzo passo è definire la concorrenza e osservare come interagiscono con il mercato. Cerca i siti Web dei tuoi concorrenti, le piattaforme di social media o la loro presenza su mercati come Amazon ed eBay e presta molta attenzione al numero di valutazioni, recensioni, commenti e impegno complessivo che ricevono e alle opinioni dei loro clienti. Scopri se riesci a trovare opportunità in cui i tuoi concorrenti non soddisfano le aspettative del mercato in modo da poter andare avanti e colmare tale divario.

FATTI DA CONSIDERARE SUL TUO MERCATO DI RIFERIMENTO

I fattori che dovresti considerare quando analizzi il tuo mercato di riferimento, includono:

  • Dati demografici: i dati demografici come la posizione fisica / geografica, la fascia di reddito, ecc. Del tuo pubblico sono importanti da capire per sapere quanto è grande il tuo pubblico, dove si trova la maggior parte di essi e come puoi soddisfare i tuoi prodotti dropshipping .
  • Genere: statisticamente, uomini e donne acquistano in modo diverso e hanno modelli di spesa e di acquisto diversi quando si tratta di beni dropshipped o solo prodotti in generale. Mentre il genere del tuo potenziale mercato di riferimento potrebbe non essere l’aspetto più importante da conoscere, può comunque valere la pena esaminarlo. Il tipo di dispositivo che usano per fare acquisti, il tipo di contenuto che funziona per loro (testimonianze, descrizioni dei prodotti, ecc.), Il tipo di linguaggio che richiederebbe la conversione del cliente – tutti questi sono fattori che possono essere influenzati anche dal genere.
  • Fascia d’età: essere in grado di comprendere i modelli di spesa e i modelli di acquisto di diverse fasce di età può essere incredibilmente utile. I millennial (individui nati tra il 1980 e il 2000) hanno dimostrato di rientrare in una fascia di reddito inferiore e di spendere statisticamente meno, quindi potrebbe non essere consigliabile rinunciare a prodotti costosi che mirano specificamente alla fascia di età dei giovani adulti. Lo stesso vale per la fascia 60+ in quanto in genere non sono a proprio agio con l’acquisto di prodotti, dropshipped o no, su Internet.
  • Tipo di istituzione: vendi i tuoi prodotti direttamente a clienti, altre aziende o organizzazioni governative? Indipendentemente dal fatto che tu stia vendendo i tuoi articoli drop-to-business (B2C), Business-to-Business (B2B) o Business-to-Government (B2G) influenzerà molti aspetti della tua attività come chi sono esattamente i tuoi clienti, quale quantità di prodotti acquistano da te, il loro obiettivo principale per l’acquisto dei tuoi prodotti, come li commercializzi e altro ancora. In genere, quando effettui il dropshipping, il mercato più comune a cui venderai è direttamente ai consumatori, quindi considera come ciò avrà un impatto complessivo sulla tua attività.

CONOSCERE LA CONCORRENZA

Per battere la competizione, devi conoscere la competizione. Se il prodotto che vuoi vendere ha già stabilito venditori, in realtà è un buon segno. Tuttavia, se ci sono troppi venditori in quello spazio, ciò potrebbe rappresentare un problema per la tua azienda distinguersi tra tutte le altre attività.

Al fine di definire la concorrenza, è possibile utilizzare queste tattiche:

  • Utilizza gli strumenti online per esplorare il sito Web della concorrenza: gli esploratori di siti online come SEMrush ti consentono di controllare la classifica e l’autorità del dominio di qualsiasi sito Web di tua scelta utilizzando solo un URL. Questo ti aiuta a tracciare una buona immagine di quanto del loro traffico è diretto da parole chiave e altri collegamenti e da dove proviene esattamente. Questo, insieme a individuare personalmente il loro sito Web, dovrebbe fornirti una visione completa del funzionamento del loro sito Web su cui puoi basare fatti e cifre. Scopri di più su SEMrush qui nella nostra recensione SEMrush .
  • Ordina i prodotti dal concorso per avere un’idea di come funziona il loro processo: il modo in cui qualcosa appare online può ovviamente essere diverso nella vita reale. Ordinare dalla concorrenza può darti un’idea delle stranezze che li contraddistinguono, aspetti negativi sulla loro esperienza di marca e forse anche idee e suggerimenti per la tua attività. Detto questo, non necessariamente copiare alcuni o l’intero processo di acquisto e spedizione, semplicemente osservare i loro difetti in modo da poter lavorare per migliorarli per la propria esperienza del cliente.
  • Analizza i loro canali di social media: i canali di social media dei tuoi concorrenti sono un modo fantastico per ottenere un feedback diretto dei clienti sulla loro attività e ti offrono anche una buona base per analizzare la loro strategia di marketing. Controlla il tipo di impegno del loro marchio e i difetti su cui potresti eventualmente lavorare per il tuo marchio. Mettere i tuoi contenuti contro i loro può anche diventare più facile quando sai che tipo di contenuto e in che scala lo producono.

TROVARE I PRODOTTI GIUSTI PER DROPSHIP

Una volta che sai quale prodotto ti interessa dropshipping, devi scoprire da dove proviene effettivamente quel prodotto.

Inizia questo processo creando un elenco, preferibilmente un foglio di calcolo (usa Fogli Google o AirTable ) con nomi e fonti in modo da non perdere traccia di dove hai trovato un prodotto. Questo foglio di calcolo / elenco può anche fungere da database per riferimento in futuro.

Non sottovalutare la potenza di una semplice ricerca su Google. Cerca il tuo potenziale prodotto su Google e guarda il completamento automatico fare la sua magia. La maggior parte dei suggerimenti di completamento automatico sono parole chiave popolari basate su ciò che altri utenti dei motori di ricerca (come potenziali clienti o fornitori) stanno cercando. Puoi persino affinare questi risultati di completamento automatico per orientare la strategia del tuo marchio, poiché puoi trovare termini correlati, ecc. Inoltre, i risultati di ricerca di Google produrranno anche un elenco di “ricerche correlate”, che sono essenzialmente parole chiave simili che sono alte- frasi di ricerca del volume.

Un altro modo unico di basare la scelta del prodotto sulla domanda dei consumatori è controllare i forum dei prodotti e rivedere i siti. Cerca i commenti che cercano determinati tipi di prodotti o ne sono entusiasti, quindi forniscili. I siti di recensioni possono anche fungere da parametro di classificazione poiché i prodotti più popolari si posizioneranno più in alto, il che significa una migliore possibilità di fare più vendite su quel particolare bene. Dai un’occhiata a questi thread Reddit relativi al prodotto per comprendere meglio i pensieri e la domanda dei consumatori e dai blog di recensioni di prodotti popolari come Uncrate , AcquireMag e Bless This Stuff o pubblicazioni di tendenza come PSFK , Cool Hunting e The Cool Hunter. Trova un elenco più completo di queste risorse nella nostra guida definitiva alla vendita di prodotti di tendenza online .

Ecco alcuni prodotti che sono stati estremamente popolari in passato e che sono stati specificamente in tendenza quest’anno:

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Molti di questi prodotti possono essere correlati alla cultura pop e alle tendenze nei media che influenzano gli acquirenti, quindi questo non è un elenco definitivo di ciò che funziona e cosa no: solo gli articoli più venduti negli ultimi anni. Una volta che puoi capire le tendenze nei media, può essere utile anche a te, in quanto imprenditore, prevedere le tendenze dei prodotti.

Trovare il giusto fornitore di dropshipping

Trovare il giusto fornitore di dropshipping

L’intero modello di spedizione drop si basa sul fatto che il fornitore svolga bene il proprio lavoro e soddisfi gli ordini puntualmente ed efficientemente. Pertanto, è ovvio che scegliere il fornitore giusto è uno dei, se non il più importante passo verso la creazione di un marchio di successo. Se il tuo fornitore / fornitore incasina un ordine, tu e la tua azienda siete responsabili, quindi la chiave è trovare qualcuno che si attiene al piano ed è aperto a comunicare eventuali problemi.

Ecco alcuni fattori da tenere a mente quando si sceglie un fornitore di dropship:

  • Trova un dropshipper esperto con utili rappresentanti di vendita:  niente è meglio dell’esperienza. Un drop shipper che conosce le insidie ​​del drop shipping e come gestirle in modo efficiente, insieme a un rappresentante di vendita che può rispondere a qualsiasi domanda per mettere a proprio agio la mente, costituirà una buona squadra e rifletterà sicuramente positivamente sulla tua attività.
  • Trova un dropshipper che offra prodotti di  alta qualità e di alta qualità : i prodotti di alta qualità producono un livello più elevato di soddisfazione del cliente, il che significa un tasso più basso di articoli restituiti e clienti insoddisfatti. Le recensioni e le testimonianze dei prodotti possono fare molto per incrementare il business, quindi avere un prodotto di buona qualità è indispensabile.
  • Trova un dropshipper che abbia abilità tecnologiche:  quando scegli il tuo corriere, assicurati che abbiano le capacità tecnologiche per stare al passo con i tempi. Se hai bisogno di ridimensionare il tuo business, sarebbe un peccato se dovessi rompere una grande partnership commerciale con il tuo spedizioniere solo perché non sarebbero in grado di tenere il passo con la tua crescita.
  • Trova un dropshipper che sia puntuale ed efficiente con il processo di spedizione: i  corrieri che spediscono i prodotti entro un periodo di 24-48 ore sono un ottimo modo per garantire clienti soddisfatti. A causa della competitività del mercato, i lunghi tempi di spedizione possono essere poco attraenti per i tuoi clienti. Sarebbe consigliabile effettuare ordini di prova con il proprio fornitore per vedere come funziona il processo e farsi un’idea migliore prima di prendere una decisione informata.

Per quanto possa sembrare semplice, Google è la soluzione migliore quando cerchi fornitori di dropship. Diversi incubatori di startup e siti Web dedicati all’e-commerce, che compaiono come risultati di ricerca, avranno directory complete di drop shipper e le loro informazioni di contatto. Una volta ottenuti i dettagli di contatto per i fornitori dropshipping che forniscono i prodotti che ti interessano vendere, invia loro una breve ma educata e-mail ponendo alcune domande pertinenti. In questo modo sarai in grado di valutare la velocità con cui rispondono e quanto sono utili i loro rappresentanti di vendita.

Bonus: consulta la nostra directory dei fornitori di spedizioni drop per un elenco curato di spedizionieri controllati, comprese le informazioni di contatto, l’URL del sito Web e quali prodotti sono specializzati in dropshipping. Inoltre, consulta il nostro articolo delle 10 migliori app di dropshipping di Shopify per aiutarti ad acquisire inventario per la tua attività per trovare spedizionieri affidabili che si integrano direttamente con il tuo negozio Shopify.

Non è sempre possibile sapere se tu e i tuoi fornitori sarete subito pronti, ma è possibile porre domande specifiche che renderanno il processo di verifica più efficiente.

Alcune delle domande che poni nella tua prima e-mail potrebbero includere alcune, ma non tutte, le seguenti (prova ad attenersi a 3 domande nella prima e-mail, quindi non è troppo travolgente per il fornitore):

  • Produci articoli personalizzati se necessario?
  • Quali sono i termini dei prezzi e sono negoziabili?
  • Ci sono altri costi aggiuntivi oltre ai costi diretti? (Assicurati sempre che non ci siano altri costi nascosti)
  • Hai una politica di restituzione?
  • Sei anche un rivenditore / venditore diretto?
  • Che tipo di margine di profitto posso aspettarmi?
  • I prezzi oscilleranno mai?
  • I prodotti vengono forniti con una garanzia o garanzia?
  • Hai un rappresentante dedicato che risponderà a una qualsiasi delle mie domande che potrebbero sorgere?
  • Hai e usi un feed di dati?

Il punto è assicurarsi che il fornitore non ti tragga vantaggio perché queste domande dimostrano che hai fatto i compiti. L’ultima cosa che vuoi è non prendere sul serio perché sei considerato un principiante. La relazione rivenditore-fornitore è a lungo termine, quindi necessita di un certo impegno.

Detto questo, ci sono anche molte truffe dropshipping là fuori. Al fine di salvaguardare te stesso e il tuo business da loro, devi tenere d’occhio eventuali bandiere rosse. Ad esempio, se un dropshipper non accetta assegni o credito e richiede solo bonifici bancari, potrebbe essere un segnale di avvertimento.

I truffatori eviteranno inoltre di utilizzare un indirizzo nella corrispondenza commerciale, nel sito Web e così via. Qualsiasi fornitore che lavora legalmente deve visualizzare un indirizzo. Inoltre, molte truffe implicano anche le antiche “quote associative” e, sebbene questa non sia sempre una truffa, è consigliabile condurre ricerche approfondite e fare la propria dovuta diligenza!

Ovviamente puoi prendere alcune misure per evitare di essere vittima di tali truffe e frodi:

  • Utilizza gli strumenti online per verificare l’età di un dominio : questo ti aiuterà a verificare i fatti con quanto affermato dal fornitore. Un dominio più recente potrebbe indicare una truffa, soprattutto se non corrisponde alle loro risposte. Inoltre, come discusso in precedenza, il controllo dell’età del dominio può anche aiutare a stabilire l’esperienza online del fornitore.
  • Controlla le recensioni sul particolare fornitore online: è probabile che qualcuno sia stato truffato dal fornitore prima che la vittima possa aver inviato un messaggio di avviso / recensione negativa.
  • Le attività del fornitore dovrebbero essere registrate e l’indirizzo del loro magazzino / ufficio dovrebbe idealmente essere elencato come luogo di attività o spazio commerciale. Ottenere risultati spaziali “residenziali” online può essere un cattivo indicatore.
  • Se non sei ancora sicuro, puoi sempre contattare direttamente il produttore per un controllo incrociato di tutti i fatti. Diffidare del fatto che se si tratta di una grande truffa, anche il presunto “produttore” potrebbe essere coinvolto.

Porre le domande giuste, prendere le precauzioni necessarie e fare le tue ricerche dovrebbe aiutarti a trovare il fornitore giusto adatto alla tua attività! Una volta trattati tali aspetti importanti, è possibile concentrarsi sulla creazione di un sistema per eseguire le operazioni quotidiane nel modo più agevole possibile.

Bonus: ci sono molti ottimi consigli per aiutarti a proteggerti dai fornitori di truffe nella nostra Guida definitiva per l’approvvigionamento sicuro del tuo prodotto Dall’articolo di Alibaba , oltre a ulteriori informazioni su come contattare con successo un potenziale fornitore.

Gestisci la tua attività di drop shipping

Gestisci la tua attività di dropshipping

Quindi hai fatto le tue ricerche, sei riuscito a scegliere i prodotti perfetti per il dropship e hai cercato il miglior fornitore possibile. Sei pronto per iniziare a dropshipping merci e fare quel mullah! Tuttavia, avviare un’attività è di solito una cosa, ma eseguirla quotidianamente è un gioco con la palla completamente diverso. Esistono diversi aspetti della gestione di un’azienda, anche se si tratta di un dropshipping, che tu come rivenditore devi considerare: marketing, rimborsi, resi, sostituzioni, inventario, realizzazione, assistenza clienti e altro ancora. Quindi tuffati in questi vari aspetti della gestione di un dropshipping.

COMMERCIALIZZA LA TUA ATTIVITÀ DI DROP SHIPPING

Come venderai i tuoi prodotti se nessuno li conosce o il tuo marchio? Perché qualcuno dovrebbe fidarsi di te online, un estraneo? Questa è la magia del marketing; può fare in modo che anche gli estranei si fidino di te abbastanza da consegnarti volontariamente i loro soldi guadagnati duramente.

Il marketing è un campo soggettivo e ci sono un miliardo di tattiche che possono essere utilizzate per posizionare efficacemente il tuo marchio, aumentando la consapevolezza e le vendite del tuo marchio. Se la tua strategia è ben pianificata, può aiutarti a eliminare anche il resto della competizione.

SOCIAL MEDIA PER LA TUA ATTIVITÀ DI DROP SHIPPING

Uno dei modi più efficaci per promuovere, pubblicizzare, acquisire clienti e distribuire contenuti è attraverso i social media, quindi non sorprende che le piattaforme social vengano utilizzate anche per il marketing digitale. Facebook, ad esempio, ha oltre 1,7 miliardi di utenti attivi di diversi ceti sociali ed è questa varietà che lo rende così attraente per i professionisti del marketing digitale.

Una cosa da ricordare è che il contenuto è la chiave. Non importa quanto sia grande una piattaforma o quanto sia straordinario il prodotto che stai vendendo, ciò non significa nulla senza un ottimo contenuto di backup.

VALUTAZIONI DEI CLIENTI E RECENSIONI DELLA TUA ATTIVITÀ DI DROPSHIPPING

Nel modello di business dropshipping , alcune recensioni negative dei clienti possono letteralmente rovinare un business. Pensaci: quando acquisti online da siti Web come Amazon ed eBay, uno dei fattori decisivi per l’acquisto può essere la valutazione del prodotto e ciò che gli altri clienti hanno da dire al riguardo: è lo stesso caso anche per il drop shipping. Alcune ottime recensioni possono anche darti un vantaggio rispetto alla concorrenza e questo è ciò che ti aiuterà a convertire con successo i visitatori del tuo sito web .

Un modo infallibile per ottenere ottime recensioni dei clienti è seguire la straordinaria esperienza del cliente: brevi tempi di spedizione, prodotti di alta qualità, un eccellente servizio clienti e chiedendo feedback per migliorare in futuro. Puoi anche utilizzare il feedback dei clienti come testimonianze per il tuo sito Web e i social media, che può anche aiutarti a convertire con successo più clienti.

MARKETING TRAMITE E-MAIL PER LA TUA ATTIVITÀ DI DROPSHIPPING

Questo è uno degli strumenti più sottovalutati nel kit di un marketer digitale. L’email marketing può essere utilizzato per tenere i clienti aggiornati su eventuali cambiamenti importanti nell’azienda: variazioni di prezzo, vendite, sconti, contenuti relativi al prodotto e contenuti specifici del settore sono solo alcuni dei modi in cui è possibile utilizzare l’email marketing.

In questi giorni, software come Klaviyo, Converio e Jilt eliminano il fastidio di inviare e-mail al pubblico automatizzando alcuni processi, creando e salvando modelli e producendo report e analisi.

PUBBLICITÀ PPC (ANNUNCI PAY PER CLICK) PER LA TUA ATTIVITÀ DI DROPSHIPPING

Come accennato in precedenza, diversi canali di social media consentono la pubblicità pay per click, ad esempio Facebook Ads . Questa è una tipica mossa di marketing digitale che scambia denaro per il traffico sul sito Web dell’acquirente di annunci. Google Ads è un’altra piattaforma molto popolare per la pubblicità digitale ed è attraente grazie allo strumento Google Analytics che può aiutare gli esperti di marketing a creare report con fatti e cifre con facilità.

CRESCITA DELLA CRESCITA PER IL TUO BUSINESS DROPSHIPPING

L’hacking della crescita è un modo economico ma molto efficace per ottenere campagne di marketing creativo online. Alcuni esempi di hacking di crescita includono il retargeting di vecchie campagne e la visualizzazione come guest blogger per un sito Web popolare nella tua nicchia particolare. Fondamentalmente la maggior parte di questo riguarda il content marketing .

RIMBORSI, RESI E SOSTITUZIONI PER PRODOTTI DROPSHIPPED

Come imprenditore online, è inevitabile occuparsi di rimborsi, resi e sostituzioni. Inizialmente, questo può sembrare scoraggiante, tuttavia è solo parte integrante della gestione di un negozio online. La soddisfazione del cliente al 100% è un mito, non importa quanto ci provi.

La procedura per il rimborso dei prodotti dropshipped è la seguente:

  • Il cliente effettuerà un ordine per il rimborso con la tua attività, tramite e-mail o per telefono.
  • È quindi necessario chiedere al fornitore un numero di autorizzazione per la restituzione della merce.
  • Una volta che il cliente rispedisce il prodotto al fornitore, il fornitore rimborserà l’importo all’ingrosso sul proprio account, dopodiché è possibile avviare il rimborso del prezzo al dettaglio per il prodotto al cliente.

Anche se questo processo può sembrare noioso, se il cliente restituisce un prodotto entro il periodo indicato nella politica di restituzione del fornitore, non dovrebbero esserci problemi. L’unico piccolo inconveniente che potresti dover affrontare è se il fornitore addebita una commissione di rifornimento, di cui tu come rivenditore dovrai sostenere il costo. In realtà, questo non dovrebbe essere una grande perdita, ma solo un piccolo inconveniente che si presenta come un effetto collaterale della proprietà di un business online.

Importante: sebbene questa potrebbe essere una procedura generale di restituzione e rimborso operata da molti fornitori di dropshipping, ciò non significa che tutti i fornitori di dropshipping operino con questo sistema. È importante chiedere al proprio fornitore di dropshipping come gestiscono i resi e i rimborsi in modo da sapere come gestirli e comunicare chiaramente il processo ai propri clienti.

PRODOTTI DROPSHIPPING DIFETTOSI

Gli articoli difettosi possono essere leggermente più complicati: anche se il cliente restituisce un prodotto difettoso, qualcuno dovrà comunque sostenere i costi di restituzione del prodotto. Tuttavia, se il costo atterra su di te, non sarebbe saggio trasferire il costo sul cliente a rischio di perderlo o alienarlo. Non è colpa del cliente se hai venduto loro un prodotto difettoso, quindi sembra ingiusto aspettarsi che sostengano il costo della restituzione del prodotto.

COSA FAI QUANDO È COLPA DEL FORNITORE?

Se il fornitore incasina l’ordine, di solito è disposto a rimborsare il cliente o a sostituire il prodotto gratuitamente. Il più delle volte si tratta di comunicare ciò che ci si aspetta dal fornitore se sbagliano un ordine. Nella maggior parte dei casi, è meglio comunicare tramite e-mail in quanto funge anche da record scritto delle conversazioni.

Nei casi in cui una confusione ha causato una grave perdita alla tua azienda e il fornitore si rifiuta di rimborsarti intraprendendo un’azione legale è sempre un’opzione praticabile, che dovrebbe essere mantenuta solo come ultima risorsa in casi estremi.

GESTIONE DELL’INVENTARIO DROPSHIPPING

Con il modello di business dropshipping, anche se non si mantiene personalmente alcun inventario, in quanto rivenditore potrebbe essere necessario gestire gli ordini di inventario se gli ordini non vengono inoltrati automaticamente al proprio fornitore di dropshipping. Questo processo può richiedere molto tempo e essere noioso, ma ora è disponibile online un software di gestione dell’inventario e molti drop shipper avranno un’app che puoi connettere direttamente al tuo negozio Shopify in modo da poter inoltrare automaticamente i tuoi ordini.

COSA FARE QUANDO I PRODOTTI DROPSHIPPING SONO ESAURITI

Se un cliente ha effettuato un ordine e il prodotto è esaurito, è sufficiente mettere in ordine il prodotto nell’inventario del fornitore e comunicare al cliente che non sarà in grado di evadere immediatamente l’ordine. Dai loro la possibilità di attendere fino a quando il prodotto non sarà nuovamente disponibile o per un rimborso completo. La chiave è comunicare chiaramente con i tuoi clienti se il prodotto sarà presto disponibile. Se non sei assolutamente sicuro, fai un’ipotesi calcolata e fai sapere loro lo stesso. L’onestà e la comunicazione con il cliente sono la migliore politica in questa situazione.

DROP SHIPPING & ADEMPIMENTO

Il processo di adempimento della dropship dipende fortemente dal tuo livello di coinvolgimento: vuoi automatizzarlo o no? Alcuni aspetti saranno automatizzati come la ricevuta di acquisto, le informazioni di spedizione, ecc.

Se hai più fornitori, il processo di evasione includerà l’invio di tutti i tuoi ordini al fornitore appropriato via e-mail. Il miglior fornitore per ogni prodotto e cliente farà affidamento su posizione, costi di spedizione e disponibilità. Questi processi possono essere automatizzati a vari livelli.

PROBLEMI DI DROPSHIPPING DA EVITARE

Anche se abbiamo discusso di truffe da parte del fornitore dropshipping, le attività fraudolente non si limitano a loro. Durante la gestione di un negozio online, può essere comune imbattersi in ordini fraudolenti di dropship da parte di clienti fraudolenti.

Un modo per distinguere questi ordini fraudolenti da quelli autentici è quando l’indirizzo di spedizione e l’indirizzo di fatturazione sono diversi. A volte anche il nome su uno dei due indirizzi sarà diverso. Questi potrebbero essere chiari indicatori di frode con carta di credito.

ASSISTENZA CLIENTI PER LA TUA ATTIVITÀ DI DROPSHIPPING

Fornire un buon supporto clienti può determinare quanto bene fa la tua attività di dropshipping. A causa della competitività del settore del drop shipping, se un marchio ha un buon sistema di assistenza clienti può fare miracoli per l’azienda.

Ecco i tipi di assistenza clienti più utilizzati e diffusi nel settore dell’e-commerce:

  • Assistenza telefonica: disporre di un sistema di assistenza clienti via telefono è uno dei modi più rapidi ed efficienti per connettersi direttamente con il cliente. Non solo è più facile disinnescare situazioni difficili, ma è anche il modo più veloce per ottenere feedback dal cliente. Google offre strumenti come Google Voice che ti consente di impostare un numero gratuito che instrada le chiamate verso qualsiasi numero specificato da te. Alternative simili includono OpenPhone (che è specificamente progettato per le aziende di e-commerce) e  Hushed .
  • Supporto e-mail:  mentre il telefono è un metodo popolare di supporto clienti, è più probabile che il servizio e-mail sia il metodo principale per fornire supporto. Si consiglia di impostare e-mail di dominio per il tuo sito Web (esempio: hello@tuodominio.com). Non solo questo professionista, ma stabilisce anche che il tuo marchio è un’entità legittima nella mente dei tuoi clienti. Help Scout è un eccellente software di supporto e-mail come Gorgias se stai utilizzando la piattaforma di e-commerce Shopify.
  • Supporto per i social media : i clienti si rivolgono alle pagine dei social media dei marchi a volte anche prima di contattare il marchio stesso. Questo perché i social media sono un forum pubblico e il più delle volte i clienti troveranno già lì le risposte alle loro domande. Un buon rappresentante dell’assistenza clienti sui social media sarà sicuro di interagire con il pubblico anche se il feedback è negativo. Questo può aiutare a stabilire una buona fede tra un cliente e il marchio.
  • Supporto chat dal vivo: diversi marchi stanno incorporando chat dal vivo sui loro siti Web come parte del loro servizio clienti e sistemi di supporto. Questo metodo sta guadagnando popolarità perché è veloce come una telefonata, ma meno intimidatorio rispetto alla pubblicazione di query su un forum pubblico. Se non vuoi ancora investire in questo, puoi semplicemente utilizzare i social media come Facebook Messenger o i servizi di messaggistica diretta su piattaforme come Instagram e Twitter. L’assistenza clienti tramite chat dal vivo potrebbe non essere il modo migliore di procedere se la tua attività è ancora limitata a una persona e può valere la pena esplorarla quando la tua attività si ridimensiona.  Dai un’occhiata anche a Gorgias per avviare la chat dal vivo sul tuo negozio Shopify.

Far crescere il tuo business in dropshipping

Far crescere il tuo business in dropshipping

Una volta che hai gestito un’azienda in modo scientifico, è solo questione di tempo prima che la tua azienda inizi davvero a decollare. Il ridimensionamento del tuo negozio online può essere eccitante, ma ci sono alcune cose che dovresti tenere a mente. Il punto chiave da ricordare è che il ridimensionamento non significa raddoppiare le ore di lavoro per maggiori profitti, ma al contrario, implica essere in grado di aumentare ulteriormente il numero delle vendite con meno tempo investito, attraverso l’efficienza e l’allocazione intelligente delle risorse.

Mentre ridimensionare il business non significa necessariamente attirare più dipendenti o appaltatori, sembra la progressione più naturale. Può essere un’esperienza stimolante fidarsi degli altri con il tuo marchio, ma quando trovi le persone giuste che corrispondono alla tua lunghezza d’onda, può essere anche un passo gratificante.

Innanzitutto, elabora un elenco di attività che puoi probabilmente esternalizzare e un’altra che necessita di un approccio più specifico. Questo elenco ti aiuterà a identificare le attività che sono monotone e che non richiedono necessariamente il tuo input diretto. Puoi reindirizzare le tue risorse per elaborare strategie aziendali migliori, creare e rafforzare le tue relazioni con i tuoi fornitori e lavorare per prendere migliori decisioni di marketing.

ASSUMI UN ASSISTENTE

Ci sono due modi in cui potresti fare questo, a seconda di come dipendi dalla posizione che vuoi o devi essere. Puoi assumere qualcuno che conosci e lavorare insieme ogni giorno in un piccolo ufficio / spazio di coworking o magari anche da casa. L’alternativa a quella è assumere un VA, comunemente noto come Assistente virtuale.

La qualità più attraente di assumere un VA è che la persona non ha nemmeno bisogno di trovarsi nello stesso continente per essere in grado di svolgere il lavoro con successo, purché abbia accesso a un laptop, un telefono e Internet, mentre parla a almeno una delle lingue in cui conduci gli affari, sei a posto.

Ciò significa che se scopri che gli assistenti / VA nelle vicinanze fanno pagare tariffe estorsive, potresti esternalizzare il lavoro a qualcun altro che sia indipendente dalla posizione, forse da qualche parte in Asia o Europa orientale, che farà lo stesso lavoro a un prezzo molto più ragionevole . Alcune responsabilità che possono essere date all’assistente sono:

  • Social media marketing e gestione
  • Assistenza clienti e servizi
  • Graphic Design e Content Writing / Copywriting
  • SEO / SEM
  • Manutenzione del sito Web
  • Gestione degli ordini di inventario

Crea un flusso di processo e una struttura di ogni lavoro per assicurarti che chiunque assumi possa capire come funziona il tuo particolare sistema per la tua attività di dropshipping.

È possibile elencare potenziali aperture per VA in diversi siti di lavoro remoti e in gruppi per nomadi digitali. C’è quasi sempre qualcuno che conosce qualcuno che potrebbe essere perfetto per il lavoro. La maggior parte delle comunità nomadi di lavoro a distanza / digitali sono molto utili e spesso collaborano tra loro. Assicurati solo che la descrizione del lavoro sia ben scritta in modo tale che la persona candidata possa avere una comprensione completa di ciò che comporta il lavoro: usa il flusso di processo che hai creato per questa parte.

Dai un’occhiata a queste risorse per assumere assistenti virtuali:

Esistono diversi modelli per la descrizione dei lavori online, ma eccone uno che può essere modificato in base alle tue esigenze:

“Ehilà,

Stiamo cercando un assistente virtuale proattivo che ti aiuti a eseguire e gestire [inserisci qui quello che ti serve aiuto] su [inserisci qui il nome della tua azienda dropshipping].

Le tue attività settimanali includeranno:

– [Task one]
– [Task two]
– [Task three]

Dovresti avere una conoscenza approfondita di [inserisci le competenze qui], essere a tuo agio nell’utilizzare software / i come [inserire strumenti qui] ed essere fluente in inglese (verbale e scritto) [+ qualsiasi altra lingua se necessario].

Nella prima riga dell’applicazione, comunicaci qual è il tuo hobby preferito. Se non rispondi a questa richiesta, assumeremo che tu non abbia letto la descrizione del lavoro e non ti considereremo.

Attendiamo un vostro riscontro!”

Tali modelli possono essere utilizzati per siti Web di elenchi di lavoro, forum, social media e persino per la stampa.

Per scegliere la persona giusta come VA, conduci un’intervista approfondita su Skype e di persona, se possibile. Assicurati di aver esaminato la loro applicazione e assicurati che abbiano tutti gli attributi richiesti. In base a quanto tempo dovresti addestrarli, puoi dire quanto si adatteranno alla tua attività. Scegli una lista di almeno 2-5 persone in modo da avere dei backup affidabili se il tuo candidato originale non lo taglia.

La formazione del VA scelto può essere un’autostrada della conoscenza a due vie. Non solo stai insegnando loro, ma puoi anche imparare dalle loro esperienze precedenti, dentro e fuori dal settore.

Fornisci loro strumenti (come questa guida) e altro materiale video che sia facilmente disponibile, quindi discuti su come possono implementare ciò che hanno imparato. Questo materiale può anche raddoppiare come corso di aggiornamento nel caso in cui dimentichino determinati aspetti del lavoro. Dai un feedback costruttivo sul loro lavoro e lodalo quando fanno un buon lavoro! Si tratta di creare relazioni di lavoro durature.

RIDIMENSIONAMENTO TRAMITE CANALI MULTIPLI

Man mano che la tua attività cresce, sarebbe logico che tu voglia vendere attraverso più canali, in particolare Amazon , eBay , Shopify , ecc. In modo da poter accedere a un mercato più ampio. Il problema è che puoi elencare lo stesso prodotto dello stesso fornitore su due siti diversi e ottenere due ordini di clienti diversi. Va bene se il prodotto è disponibile, tuttavia, potrebbe non essere problematico. Una volta che gli ordini arretrati iniziano ad accumularsi e le spedizioni iniziano a essere ritardate, i clienti spesso diventano infelici.

Ciò non dovrebbe in alcun modo scoraggiare chiunque desideri ridimensionare il proprio business online attraverso più canali, ma serve piuttosto a ricordare che è importante pianificare strategicamente queste cose in anticipo. Un buon modo per gestire questo problema potrebbe essere quello di ottenere un assistente virtuale come menzionato prima e avere un software di gestione dell’inventario a portata di mano.

COSTRUISCI IL TUO NEGOZIO DROPSHIPPING ONLINE

Mentre l’utilizzo di altri mercati online può arrivare solo lontano, la chiave per far crescere e ridimensionare veramente la tua attività è avere il tuo negozio online. Avere il tuo negozio garantisce ma hai il massimo controllo sull’esperienza del cliente e sul posizionamento del marchio. Ciò significa anche che dovrai sostenere commissioni più basse ma ottenere profitti più elevati.

Esistono diversi creatori di negozi online, come Shopify , che possono aiutarti a creare il tuo negozio Web – viene fornito con vari modelli diversi tra cui scegliere e tutto ciò che devi fare è aggiungere i tuoi prodotti. Per saperne di più su Shopify e le caratteristiche e i servizi offerti agli imprenditori e-commerce, dai un’occhiata alla nostra recensione su Shopify .

UTILIZZANDO LA TUA LISTA E-MAIL AL MASSIMO

Costruire una buona mailing list significa avere destinatari altamente mirati e costantemente impegnati. Quando si dispone di una forte lista di e-mail, può finire per essere uno dei singoli beni di marketing più importanti che possiedi. Le forti mailing list sono strettamente correlate alla proprietà del tuo negozio (Shopify) invece di utilizzare un marketplace (Amazon, eBay o Etsy). Con un elenco di email, hai accesso diretto ai tuoi clienti: non devi sperare che siano online e scorrano i loro feed di notizie per vedere i tuoi post, non devi pagare per inserire le tue email nelle loro caselle di posta, e non devi competere con altri venditori nelle tue e-mail. Le email sono uno dei modi più diretti per interagire con il tuo pubblico.

Costruire una mailing list non è troppo complicato. Tutto quello che devi fare è convincere i visitatori del tuo sito a darti la loro e-mail (provare strumenti come Sumo  o Privy che offrono molte diverse strategie di acquisizione e-mail) e quindi inviare newsletter via e-mail attraverso un servizio come Klaviyo, Converio o Jilt .

MARKETING E PUBBLICITÀ

Aumentare semplicemente le tue spese di marketing non è il modo migliore per ridimensionare la tua attività di dropshipping. Non importa quanti soldi spendi ma quanto spendi i tuoi soldi che conta.

Allocare risorse per la pubblicità pay per click è una mossa più intelligente per il modello di business dropshipping. Puoi acquistare annunci PPC su quasi tutte le piattaforme di social media possibili da Facebook a Instagram a Twitter e Pinterest.

Mentre gli annunci PPC possono sembrare semplici, può essere difficile sapere dove investire i tuoi soldi. Non vuoi investire in un tipo di pubblicità sbagliato solo per rendersi conto che non stanno portando il traffico di cui hai bisogno o che desideri. Come per tutto il resto: fai le tue ricerche, soprattutto quando si tratta di marketing e pubblicità online.

Esempio di un’azienda di spedizioni di successo

Come accennato in precedenza in questa guida, Irwin Dominguez, un commercialista diventato imprenditore e-commerce, è stato uno dei maggiori successi per il dropshipping negli ultimi tempi. Nel giro di soli 8 mesi dalla sua attività di drop shipping, Irwin stava già guadagnando oltre 1 milione di dollari di vendite. Raggiungere un record di vendite fino a $ 30.000, dice, era il suo obiettivo e non mirava a vivere lussuosamente, solo per essere in grado di provvedere alla sua famiglia.

Ecco un estratto della sua intervista con Oberlo:

Alla domanda su come ha iniziato e quali sono i suoi migliori consigli per chiunque sia interessato al drop shipping, ha detto:

“Ho letteralmente appena aperto un account Shopify, creato il mio negozio, aggiunto alcuni prodotti drop shipping con Oberlo, e il gioco è fatto. Non ho fatto molte letture o ricerche perché cerco sempre di imparare facendo. Il successo dell’e-commerce in dropshipping richiede pochissimo capitale e ti consente di sperimentare molto. Questo è ciò che amo di più.

Devo ammettere, tuttavia, che Google molte domande che sorgono mentre sto imparando facendo …
… Se avessi ricominciato da capo l’e-commerce, ricomincerei prima. Ho aspettato un mese e mezzo intero dopo che il mio buon amico mi aveva parlato del suo successo nel commercio elettronico. Per avviare un negozio non costa nulla ed è così “semplice” iniziare con tutta la tecnologia disponibile in questo momento – basta iniziare, non hai letteralmente nulla da perdere.

Opportunità, sì – vorrei iniziare prima perché se lo avessi fatto anche solo un anno prima, ci sarebbe stata molta meno competizione; Avrei fatto molti più soldi; e avrei potuto stabilirmi in altre nicchie. Ma nel complesso, ci sono ancora molte opportunità: devi solo essere un po ‘più creativo con il marketing “.

Risorse aggiuntive per il drop shipping

COME AVVIARE UN VIDEO AZIENDALE DI DROP SHIP

Bonus: consulta il nostro articolo sulla ricerca di società di spedizioni di drop shipping o acquista la nostra directory di fornitori di spedizioni di drop premium che include un elenco curato di fornitori di dropshipping controllati. Inoltre, non dimenticare di dare un’occhiata a questi post del blog: Come avviare un’attività di T-Shirt con drop shipping in 24 ore e 72 ore di drop shipping business  per più ispirazione dropshipping.

Conclusione

Quindi questo conclude la nostra guida definitiva al dropshipping. Se ce l’hai fatta qui, ora sai come impostare e avviare la tua attività di dropshipping. Proprio come con qualsiasi altro impegno nella vita, la creazione di un’attività in proprio richiede anche un certo grado di impegno, impegno e passione per farlo funzionare. Non si tratta solo di creare l’azienda, ma anche di seguire e imparare a gestirla quotidianamente.

La parte migliore di dropshipping è che puoi imparare testando i tuoi prodotti e idee, in tempo reale e se qualcosa non funziona tutto ciò che devi fare è rimuoverlo dal tuo negozio. Questo modello di business è anche un ottimo modo per testare idee di prodotti per modelli di business tradizionali. Dropshipping offre uno spazio sicuro per sperimentare e vedere cosa funziona senza incorrere in perdite rilevanti che possono sicuramente dare agli imprenditori la sicurezza di affermare di avere una conoscenza operativa del funzionamento del settore. Nessun costo iniziale e pochissimi rischi rendono il modello di business dropshipping un entusiasmante modello di business in cui avventurarsi.

Quindi sperimenta dropshipping a modo tuo e facci sapere come funziona! Condividi questa guida con qualcuno che potrebbe trovarla utile. Hai qualche suggerimento o consiglio generale che potrebbe aiutare la community di e-commerce? Facci sapere nei commenti qui sotto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close