Cerca

Cosa NON fare quando hai il blocco dello scrittore

Succederà. Il blocco dello scrittore è inevitabile. Potresti uscire dalle porte con una raffica di attività quando inizi il tuo blog per la prima volta, ma alla fine inizierai a sentirti come a corto di idee. È perfettamente normale e lo attraversiamo tutti. O forse hai un’idea vaga, ma non sei davvero sicuro di come concretizzarlo in un intero post sul blog. Anche questo è abbastanza tipico. Siamo stati tutti lì.

Questo è parte integrante del mondo dei blog, anche se hai attentamente deciso quanto stretta o ampia dovrebbe essere la tua nicchia. E se hai raggiunto questo punto nella tua carriera di blog, potresti aver iniziato a cercare su Google modi per superare anche il blocco dello scrittore. Ancora una volta, è quasi fuori dall’ordinario.

Mentre guardi uno schermo vuoto con la speranza e la preghiera che alcuni contenuti davvero sorprendenti – ricorda che il contenuto è re (ma non è abbastanza da solo) – improvvisamente uscirà fuori da quelle dita, attraverso la tastiera e su sullo schermo, potresti voler evitare queste quattro insidie ​​comuni.

1. Sfoglia i social media

So cosa stai pensando, perché sono colpevole di questo come chiunque altro. Sei seduto al tuo computer, faticando a trovare una grande idea di cui blog. La finestra del tuo browser è già aperta e, quasi per riflesso, ti fai strada verso Facebook, Twitter o YouTube o un numero qualsiasi di altri pozzi senza fondo di contenuti generati dagli utenti su Internet.

Parte di ciò ha a che fare con la nostra dipendenza dai social media, certo, ma c’è anche un elemento di falsa speranza lì. Il pio desiderio è che mi sto sfogliando su Twitter alla ricerca di potenziali idee per post di blog. Sto guardando un tutorial video, perché potrebbe portare a un post sul blog che potrei scrivere. Capisco. Ci sono stato.

Ma cosa succede davvero? Puoi abbattere una tana di coniglio delle teorie dei fan del Marvel Cinematic Universe o cadere in una discussione tossica sulla politica controversa su Facebook. La prossima cosa che sai, sono diverse ore dopo e non hai ancora un post sul blog. Basta non farlo.

 

2. Gioca ai videogiochi

C’è una teoria in psicologia e neuroscienza che dice che alcune delle idee più creative verranno da te quando non ci pensi attivamente. Questo tipo di momenti “eureka” si verificano mentre il tuo cervello lavora su problemi in background, il tutto mentre ti concentri su qualcos’altro. Ecco perché può essere utile fare una passeggiata o fare uno spuntino se stai lottando con sforzi creativi.

Ho giocato ai videogiochi per quasi tutta la mia vita, a partire dal vecchio Atari a metà degli anni ’80. I videogiochi sono accattivanti, gratificanti e divertenti. E mentre potresti pensare che questa sia una buona scusa per attivare quella “creatività di fondo”, in realtà non lo è.

La tua coscienza diventa così immersa nel mondo del gioco a cui stai giocando, e alla fine, nulla verrà fatto. Gioca quando è il momento di giocare, non quando dovresti blog.

 

3. Aspetta l’ispirazione

È un mito totale . O meglio, è un malinteso molto comune. Le persone sembrano pensare che scrivere liberamente sia l’aspettativa di default, e colpire le sfide del blocco dello scrittore è l’eccezione. Questo è l’ostacolo che si apre “a volte” e devi solo aspettare che finisca.

La verità è più vicina all’esatto contrario. Più spesso, ti siederai con niente (o molto poco) da dire. Non è che tu abbia un pozzo senza fondo di creatività, che aspetta solo di essere sfruttato. Invece, è più come se dovessi continuare a riempirti così bene da solo.

Non puoi semplicemente aspettare che l’ispirazione colpisca, perché la tua musa potrebbe non venire mai. Per lo meno, devi essere disposto a incontrarla a metà strada.

 

4. Rinuncia

Questa è forse la cosa più importante da evitare quando incontri il blocco dello scrittore. Non mollare. È del tutto irragionevole aspettarsi che avrai un successo dall’oggi al domani, ed è del tutto irragionevole pensare che avrai sempre qualcosa di straordinario su cui blog. Basta attenersi ad esso, cambiare la routine di tanto in tanto e trovare un nuovo modo. Non è quante volte vieni abbattuto; è quante volte ti alzi e continui a digitare.

Open

info@ibdi.it

Close