ibdi.it

Cosa dovresti fare con i vecchi contenuti che non ricevono traffico

Se pubblichi articoli o post di blog da diversi anni, ci sono buone probabilità che tu abbia un sacco di contenuti che non sono in classifica e non ricevono traffico. Potrebbe essere datato, potrebbe essere irrilevante per la tua attività o potrebbe non essere molto buono.

Quindi cosa fai con tutto quel contenuto? Molte persone direbbero di eliminarlo – potare e ritagliare. Il problema con questa strategia è che se lo fai in modo sbagliato, potrebbe avere un impatto negativo sul tuo SEO. Quindi cosa dovresti fare? Ti dirò.

Il caso dell’eliminazione di vecchi contenuti

Ci sono molte ragioni per cui le persone scelgono di eliminare vecchi contenuti scarsamente performanti, come:

  • Aiutare Google a classificare le pagine migliori : se hai diversi contenuti sullo stesso argomento, desideri che i collegamenti più aggiornati e più recenti vengano visualizzati nella ricerca. L’eliminazione di quelli che non forniscono il miglior valore aiuterà Google a dare la priorità a quelli giusti.
  • Ottimizzare la ricerca interna del tuo sito Web : se qualcuno viene al tuo sito Web e cerca un argomento particolare, cosa succede? È il contenuto che desideri? La tua ricerca interna potrebbe fornire contenuti errati ai visitatori del tuo sito Web e disattivare potenziali clienti e clienti.
  • Migliorare la tua autorità di dominio : se Google indicizza solo i tuoi contenuti migliori, allora hai maggiori possibilità di posizionarti in alto per le tue parole chiave rispetto a se hai molti contenuti di bassa qualità sugli stessi argomenti.
  • Spostamento della strategia di contenuto : se la tua strategia di contenuto si è spostata notevolmente, potresti non volere che le persone trovino vecchi contenuti che ora sono fuori marchio. Ad esempio, se scrivevi pezzi brevi e innovativi ma ora ti concentri su contenuti approfonditi e di lunga durata, potresti non voler che le persone vedano quegli articoli precedenti.

Questi sono tutti buoni motivi per voler intraprendere un controllo del contenuto e ripulire il database. Ma a mio avviso, ci sono modi molto più efficaci per ripulire il tuo database di contenuti.

 

Il caso per mantenere vecchi contenuti

Potresti avere centinaia di articoli che non vedono più alcun traffico, ma potrebbero avere qualcos’altro che va per loro: backlink o condivisioni social. Quel contenuto sta ancora creando buoni segnali di marca e buone metriche utente per te. L’eliminazione di tali contenuti potrebbe causare il calo delle classifiche. L’ho visto accadere alla gente. Mi è persino successo, e da allora ho imparato dai miei errori.

Ancora peggio, se qualcuno si è collegato a una pagina del tuo sito Web e la elimini, stai creando un link non funzionante sul loro sito – non è un ottimo modo per ripagare qualcuno che si è preso la briga di darti un link.

Ecco perché non consiglio la strategia di potatura e ritaglio per gestire vecchi contenuti. C’è troppo in gioco quando si tratta di SEO .

Invece di eliminare il contenuto, aggiornalo

Se hai vecchi contenuti che non funzionano per te, aggiornali invece di eliminarli. In questo modo, non butterai via nessuna di queste azioni di collegamento o rischi di perdere il tuo posto nelle classifiche di Google.

Facciamo un paio di cose diverse con i vecchi contenuti di Single Grain e hanno avuto molto successo nel far funzionare di nuovo quelle pagine per noi.

 

1) Cerca le vecchie pagine che iniziano improvvisamente a classificarsi

A volte una pagina che è stata a lungo dimenticata ricomincerà improvvisamente di nuovo in classifica, sia perché ho fatto un’intervista o qualcuno ha parlato di un concetto su cui abbiamo scritto e che ha giocato molto sui social media. Monitoriamo da vicino la nostra analisi, quindi se compare qualcosa di sorprendente nelle nostre prime 25 o 50 pagine, daremo un’occhiata più da vicino.

Innanzitutto, leggeremo il contenuto e vedremo se è datato. Quindi inseriremo l’URL in SEMrush per vedere quante parole chiave classifica la pagina e, se è significativo – un paio di centinaia o più – lo metteremo in coda per l’aggiornamento:

Aggiornare un vecchio contenuto potrebbe essere semplice come assicurarsi che non ci siano collegamenti non funzionanti o vecchi e che tutto sia aggiornato. Ma se si tratta di contenuti davvero preziosi o di un argomento molto importante, potremmo aggiornarlo a 4.000 o 5.000 parole. Spesso passerà dalla classifica di centinaia di parole chiave a migliaia di conseguenza – e questo significa più traffico di ricerca sul nostro sito e più equità dei collegamenti. Inoltre, puoi prendere un contenuto più completo e riconfezionarlo in video o podcast per prolungarne la durata. Puoi persino riutilizzare visivamente il post come infografica .

Aziende come HubSpot  hanno interi team che gestiscono e aggiornano i contenuti. E alcune di quelle pagine hanno centinaia di migliaia di visualizzazioni di pagina e migliaia di backlink. Anche Neil Patel . Non lo farebbero se non funzionasse per loro.

Dive Deeper:

2) Test A / B per aiutare a classificare i vecchi contenuti

A volte tutto quel vecchio contenuto ha bisogno di portare più traffico di ricerca è un titolo diverso. Il test A / B per testare diversi tag del titolo è un modo semplice per determinare se un branding della pagina aggiornato aumenterà il tuo traffico. Assicurati solo che il contenuto sia aggiornato prima di iniziare a sperimentare. Non vuoi che i contenuti obsoleti inizino improvvisamente a classificarsi.

Strumenti come ClickFlow  ( divulgazione completa: è il mio prodotto ) rendono facile A / B titoli di pagine di test e gruppi di pagine per imparare quali raggiungeranno un ranking migliore, il che lo rende un ottimo modo per riportare in vita vecchi contenuti senza mettere molto lavoro in esso: 

Dive Deeper:

3) Esegui ricerche di parole chiave su vecchie pagine

Usando strumenti come SEMrushAhrefs o (se vuoi uno strumento gratuito) Neil’s Ubersuggest , puoi vedere per quali parole chiave viene classificato il vecchio contenuto. Se non è classificato per nessuna parola chiave, prova a capire quali parole chiave stava cercando di classificare. Forse quelle parole chiave sono obsolete, ed è per questo che non sta ottenendo risultati. O forse le modifiche dell’algoritmo di Google lo hanno appena declassato nel corso degli anni.  

Qualunque sia la ragione per cui i tuoi vecchi contenuti non funzionano bene, pensa alle parole chiave per le quali dovrebbe essere classificata – o potrebbe essere classificata – e quindi ottimizza il contenuto per colpire quelle parole chiave.

Dive Deeper: 

4) Analizzare i backlink

Le tue vecchie pagine hanno backlink? In tal caso, si desidera sicuramente aggiornarli (o almeno reindirizzarli in modo appropriato). In caso contrario, probabilmente non vorrai preoccuparti di contattare altri siti per creare link quando si tratta di vecchi contenuti.

Invece, identifica alcune pagine di alto rango sul tuo sito web in cui puoi inserire collegamenti interni alle pagine aggiornate. Nel tempo, scoprirai che quelle pagine più vecchie inizieranno a posizionarsi meglio.

Dive Deeper: 4 modi per creare ottimi collegamenti che aumentano la classifica del tuo sito web

5) Leggi i commenti

Lo so, nessuno vuole leggere i commenti. I commenti sono generalmente terribili. Ma se stai aggiornando vecchi contenuti, devi farlo. C’erano cose che alla gente piaceva davvero? In tal caso, aggiungine un po ‘di più. Cose che odiavano davvero? Porta fuori quella roba. Se il feedback è valido – buono o cattivo – usalo per migliorare il contenuto.

Per quanto riguarda i commenti esistenti, se non sono più pertinenti all’articolo, è possibile eliminarli o rispondere per notificare al poster che la pagina è stata aggiornata. Oppure, puoi sempre semplicemente ignorarli: si spera che un nuovo raccolto di commenti li spingerà abbastanza in basso che nessun altro li leggerà.

6) Vedi come ti classifica contro la concorrenza

Utilizza gli strumenti per le parole chiave che ho menzionato sopra per esaminare le pagine esterne che sono effettivamente classificate per le parole chiave che desideri (o che desideri) classificare per la tua vecchia pagina.

Dai un’occhiata ai primi 10 articoli per ogni parola chiave. Hanno dei punti in comune in termini di conteggio delle parole, contenuto o struttura? Ci sono cose che tutti hanno che i tuoi contenuti non hanno? Impara da quello che stanno facendo, quindi integra queste funzionalità nei tuoi vecchi post sul blog, a seconda dei casi.

Dive Deeper: Come eseguire l’analisi della concorrenza di marketing (+ 6 Confronto dei migliori strumenti)

6) Controlla il tuo punteggio sempreverde

BuzzSumo  ha una nuova funzione chiamata Evergreen Score , che misura la quantità di coinvolgimento che un contenuto sta ottenendo dopo il periodo iniziale di 30 giorni dopo la sua pubblicazione. Più condivisioni social e backlink, maggiore è il punteggio: 

Questa funzione ti consente di esaminare il punteggio sempreverde dei tuoi contenuti, nonché i punteggi dei contenuti che i tuoi concorrenti pubblicano.

Questo può darti una buona idea di cosa dovresti fare con i tuoi vecchi post: concentrarti su come renderli sempre più verdi significa che non devi aggiornarli continuamente. Continueranno a generare traffico e tale traffico aumenterà nel tempo. Quando è altopiano, cerca di nuovo un aggiornamento, se ha ancora senso.

Dive Deeper:

Modi semplici per gestire vecchi contenuti

Fare un controllo completo di tutto il contenuto del tuo sito Web e aggiornare tutto è un processo arduo e che richiede tempo. Ma ricorda che non devi farlo tutto in una volta.

Dai la priorità alle pagine che vengono effettivamente classificate per le parole chiave target e salva il resto per dopo. Oppure no. Avere contenuti vecchi, cattivi e / o morti sul tuo sito può disturbarti da un punto di vista emotivo, ma potrebbe non danneggiare effettivamente la tua attività.

Se non vuoi intraprendere un progetto di queste dimensioni – o se vuoi solo aggiornare o migliorare le tue pagine classificate – ci sono due semplici modi per tenere le tue pagine fuori dal pubblico senza eliminarle completamente:

  • Imposta reindirizzamenti : se hai più contenuti sullo stesso argomento, scegli quello migliore e aggiornalo. Quindi, imposta 301 reindirizzamenti dalle pagine che non vuoi che le persone vedano a quello nuovo. In questo modo, chiunque segua un vecchio link finirà nella pagina in cui vuoi che arrivi. Assicurati solo che i tuoi reindirizzamenti 301 puntino a pagine tematicamente rilevanti. Altrimenti, potrebbero essere trattati  da Google come morbidi 404 .
  • Noindex la pagina : se hai una pagina che non vuoi mostrare nei risultati di Google, aggiungi il codice alla pagina dicendo a Google di non indicizzarla. Ciò manterrà intatti i backlink di altri siti Web, ma non comparirà nei risultati dei motori di ricerca.

Segui le istruzioni di Google  per le pagine “noindex” utilizzando meta tag o intestazioni di risposta HTTP, a seconda di quanto controllo hai sul tuo sito web.

Dimentica “Fuori con il vecchio, dentro con il nuovo”

Molte persone credono che i vecchi contenuti non abbiano più valore. Lo fa. Più è lungo un articolo o un post sul blog, più è probabile che abbia backlink legacy e condivisioni social. Se si preme “elimina”, qualsiasi utente che segue uno di questi collegamenti visualizzerà un errore “Pagina non trovata”. Questa non è una grande esperienza utente e non è probabile che converta un visitatore occasionale in un cliente.

Più energia puoi dedicare a dare nuova vita ai tuoi vecchi contenuti, migliore sarà il tuo SEO. E un po ‘fa molta strada: non aspettare di avere il tempo e le risorse per aggiornare i vecchi contenuti di cinque anni. Invece, dai la priorità all’aggiornamento e fallo un po ‘alla volta. Anche se aggiorni solo due post al mese, migliorerai comunque il tuo traffico nel tempo. Potrebbe volerci più tempo, ma quel contenuto era semplicemente seduto lì senza fare nulla, giusto?

Non tutti possono assumere un team per mantenere i contenuti costantemente aggiornati. Concentrati su dove avrai il maggiore impatto e includi gli aggiornamenti dei contenuti come parte della tua strategia di marketing generale.

Exit mobile version