Cerca

Confronto del ROI del Content Marketing e della Pubblicità a Pagamento

Esiste una regola che dice che non dovresti investire denaro nella pubblicità sui canali a pagamento rispetto a una   strategia di ROI di content marketing ? Io non la penso così.

Che tu sia un marketer B2B o un marketer B2C, puoi comunque generare lead utilizzando la  strategia di content marketing o la pubblicità a pagamento, o entrambi Entrambi i canali possono essere efficaci.

Molti marketer B2B oggi fanno affidamento sul content marketing e sulla pubblicità per ottenere visibilità per il loro marchio e per la generazione di lead .

Per la migliore generazione di lead, ROI di marketing dei contenuti e per aumentare le entrate, è necessario creare contenuti più utili e pertinenti . Dopotutto, il 70% delle persone preferisce conoscere i prodotti attraverso buoni contenuti. E il 68% dei consumatori trascorre il tempo a leggere i contenuti del blog e altri contenuti di un marchio a cui sono interessati.

image33

Ma è importante capire come funzionano ognuna di queste strategie di content marketing e quale ROI di content marketing puoi aspettarti. Certo, non posso darti cifre esatte perché diverse piccole imprese otterranno risultati diversi.

All’inizio della strategia sui contenuti, i contenuti sottili erano sufficienti per attirare potenziali clienti, perché all’epoca non c’erano molti buoni contenuti e non c’erano molti canali di social media di cui preoccuparsi. Ma oggi la concorrenza è agguerrita e Google ha alzato lo standard con i suoi aggiornamenti Panda .

Di conseguenza, le agenzie di marketing digitale, i team di marketing e coloro che operano nel settore dei contenuti dei blog hanno iniziato a creare articoli e infografiche più approfonditi rispetto ad altri tipi di contenuti. Si rendono conto che questo porta loro il miglior ROI di marketing dei contenuti.

image35

In questo articolo imparerai come la pubblicità a pagamento e una buona strategia di marketing dei contenuti possono aiutarti a generare lead migliori .

Meglio ancora, se vuoi concentrarti su un canale, sarai in grado di prendere la decisione giusta sulla tua strategia di contenuti, sia per promuovere i tuoi contenuti gratuitamente sia per pubblicare annunci PPC. 

1. Distribuire contenuti attraverso Content Marketing e canali a pagamento

In parole povere, distribuire grandi contenuti è il modo più efficace per convincere le persone giuste a leggerlo . Adam Robinson aveva ragione: il contenuto potrebbe essere re, ma la distribuzione governa la terra.

image34

Secondo Forbes , un team di content marketing che capisce la distribuzione dinamica sarà molto richiesto. Devi diventare un leader della strategia di content marketing, non solo un follower.

I leader creano reti e si collegano con influencer dei canali di social media che aiuteranno a distribuire i loro contenuti. E vedono risultati drammatici.

Ad esempio, uno studio ha rilevato che l’aumento di anno in anno del numero di visitatori unici è 7,8 volte superiore per i leader del marketing dei contenuti rispetto ai follower (19,7% vs. 2,5%).

image14

Prima di poter distribuire contenuti attraverso qualsiasi canale di social network, sia tramite canali gratuiti che a pagamento, i contenuti devono essere ottimizzati per il pubblico giusto.

Le parole chiave a cui ti rivolgi devono essere importanti nel contenuto, in particolare nei contenuti del blog, non in modo da innalzare la bandiera rossa di Google, ma in modo naturale a dimostrazione della pertinenza dei tuoi contenuti.

Prima di poter iniziare a distribuire contenuti su diversi canali di social media , devi prima capire cosa comporta ogni pratica.

image47

Una grande strategia di content marketing prevede principalmente la creazione di contenuti di alta qualità e la loro distribuzione al fine di connettersi e alimentare un pubblico fedele che si fiderà di te e acquisterà il tuo prodotto. Questo è il sogno di ogni team di marketing là fuori!

Potresti aver investito denaro in ogni aspetto per creare contenuti (ricerca, data mining, split test, grafica e scrittura), ma ora vuoi promuoverlo usando metodi gratuiti per avvicinarti ai tuoi obiettivi di generazione di lead.

Ad esempio, ho investito oltre $ 30.000 nella creazione delle mie guide avanzate , ma ho dato tutto. All’inizio, molti marketer B2B pensavano che mi stavo perdendo i premi a breve termine, che ho capito perfettamente. Ma il mio focus è sul profitto a lungo termine attraverso la generazione di lead di qualità, il ROI di content marketing e le forti campagne di email marketing. 

image01

Finora ho realizzato 10 volte quello che ho investito per creare quelle guide di alta qualità. Ma promuoverli non è sempre stato facile, perché mi sono concentrato sui canali di social media gratuiti.

Io e il mio team di marketing passiamo molto tempo sui social media e scrivo 1 – 3 post sul blog degli ospiti a settimana, il che mi consente di fare riferimento a qualsiasi guida pertinente e indirizzare traffico aggiuntivo sul mio blog.

Supponiamo che passi 2 ore al giorno a distribuire i tuoi contenuti sui social network (Facebook, LinkedIn, Google+, Pinterest, Twitter, ecc.) E altre 2 ore a presentare blogger per opportunità di post degli ospiti .

E diciamo inoltre che guidate 1000 lettori mirati dai canali dei social media dopo una settimana, il che significa che avete investito 2 ore X 7 giorni = 14 ore.

Le ore investite saranno equivalenti a $ 1120, basate su $ 80 / ora. (Un sondaggio di Moz su servizi SEO specializzati ha rilevato che le tariffe orarie statunitensi variano da $ 101 a $ 150 e da $ 76 a $ 100 nel Regno Unito.)

Oltre ai social network, i metodi gratuiti per distribuire grandi contenuti sono:

io). Blogging interno: alcune storie di successo nel marketing dei contenuti provengono da esperti di marketing che hanno aumentato il numero dei lettori di blog a migliaia, se non milioni, nel corso degli anni.

Quindi, quando pubblicano nuovi contenuti del blog, lo leggeranno migliaia di lettori che frequentano il blog. Ricorda che i blog in modo coerente ti aiuteranno a generare rispettivamente l’ 88% e il 67% di lead in più , per i rivenditori B2B e le aziende B2C e ti restituiranno quel ROI di marketing dei contenuti.

image12

ii). Blog degli ospiti: questa è una potente strategia di marketing dei contenuti per distribuire i tuoi contenuti, perché ti aiuta a raggiungere un pubblico completamente nuovo che sarà interessato a ciò che fai. I contenuti del blog degli ospiti sono un metodo eccezionale per la generazione di lead e possono indirizzare il traffico verso il tuo sito Web, oltre a aumentare i tuoi numeri attraverso i canali dei social media. 

iii). Media guadagnati: si riferisce alla pubblicità gratuita ottenuta attraverso la promozione dei contenuti ed esclude la pubblicità tradizionale.

Ciò significa che essere utili e coerenti può esporre i tuoi ultimi contenuti a un nuovo pubblico e migliorare la generazione di lead. I media a pagamento ottengono pubblicità gratuita dalle citazioni dei contenuti del blog, dalla condivisione sui social network e dalle relazioni degli influencer.

Image22

iv). Elenco e-mail: il mio metodo di distribuzione gratuito numero 1 è la mia lista e-mail marketing. Anche se continuo a pagare per rinnovi mensili con autorisponditore, il valore di 1 abbonato è $ 39,40 – quindi ne vale la pena.

Immagine08

v). Commenti sui blog puoi anche promuovere i tuoi contenuti blog scrivendo commenti utili sui blog di settore. Mi impegno anche con i miei lettori rispondendo ai loro commenti in modo tempestivo. Può richiedere molto tempo ma funziona per la tua strategia di marketing dei contenuti. 

Nel 2014, ho generato $ 25.000 con 249 commenti , a dimostrazione del fatto che lasciare commenti utili non solo genererà traffico per te, ma può anche ottenere lead, che puoi trasformare in clienti. Se hai una piccola impresa potresti trovare più difficile adattarlo al tuo programma, ma quelli con i team di marketing dovrebbero inserirlo nel budget del ROI del marketing dei contenuti.

vi). Partecipazione alla comunità: gli utenti della comunità sono il gruppo di utenti web più coinvolto. Avrai accesso a migliaia di utenti attivi e i tuoi contenuti riceveranno la massima attenzione che merita.

Secondo MckInsey , “Gli utenti della comunità visitano nove volte più spesso degli utenti non comunitari e 90 milioni di persone hanno partecipato a gruppi online”.

La partecipazione attiva a forum di discussione, community di blog, canali di social media, gruppi di Facebook, gruppi di LinkedIn e forum specializzati ti garantirà maggiore visibilità. Ma devi contribuire, aiutare gli altri ed essere disposto a lavorare molto di più.

Finché abbracci un approccio basato sui dati , mostri i risultati e condividi come li hai ottenuti, la partecipazione della community online funzionerà per te.

Quindi, con una solida strategia di marketing dei contenuti, hai molti canali che puoi utilizzare per distribuire i tuoi contenuti, generare lead mirati e migliorare le tue classifiche organiche.

Tutto ciò significa che la pubblicità a pagamento non è una strada praticabile per la distribuzione dei contenuti?

Al contrario, questo tipo di media a pagamento è un’opzione perfettamente valida, soprattutto se scopri che stai spendendo regolarmente dalle 10 alle 14 ore ogni settimana per distribuire / promuovere i tuoi contenuti utilizzando metodi gratuiti. Investire in metodi a pagamento potrebbe essere l’approccio migliore per il ROI del marketing dei contenuti.

image44

La pubblicità a pagamento non è uno spreco di denaro. È un investimento di cui tu e il tuo team di marketing potete beneficiare piuttosto rapidamente, supponendo che distribuiate campagne efficaci.

Lo studio di Kenshoo ha rilevato che il ritorno sulla spesa pubblicitaria è superiore del 30% quando un potenziale cliente vede sia annunci di Facebook che annunci di ricerca a pagamento, al contrario dei soli annunci di ricerca a pagamento. Inoltre, il valore medio dell’ordine è del 24% in più.

image07

Alcuni dei metodi di pubblicità a pagamento più efficaci che puoi utilizzare per promuovere i tuoi contenuti sono:

io). Tweet promossi: i tweet a pagamento o promossi sono la strada da percorrere se vuoi raggiungere più follower sul canale dei social media: Twitter. Secondo le statistiche di Twitter e Nielsen , “l’esposizione a un’impressione di tweet promossa ha determinato un aumento medio del 22% dell’associazione dei messaggi rispetto agli utenti che non hanno visto i tweet promossi”.

image10

I tweet promossi, ovviamente, costano denaro. Ma se usi un servizio affidabile, puoi vedere un aumento significativo sia del traffico che della generazione di lead.

Ci sono prove che i tweet a pagamento funzionano. AirBnB doveva promuovere un nuovo programma di subaffitti mensili per i clienti che cercano soluzioni abitative a più lungo termine. Ma la società non è riuscita a trovare un modo efficace per raggiungere le persone giuste.

Infine, la società ha scelto di investire parte del proprio budget di marketing in tweet a pagamento. Hanno creato un’offerta di $ 200 di sconto sui subaffitti mensili per creare un forte interesse.

image45

I risultati dell’esperimento sui tweet a pagamento di AirBnB sono stati significativi.

AirBnB ha aumentato il coinvolgimento di oltre il 4% per un singolo tweet promosso . I follower erano interessati al tweet promosso quando lo hanno visto nelle loro tempistiche e poi hanno continuato a promuoverlo – anche dopo il periodo della campagna – inviando così clienti più mirati ad AirBnB .

image36

ii). Annunci di Facebook: ho notato che quando utilizzo le campagne di annunci di Facebook per inviare traffico mirato a una pagina di contenuti di alta qualità sul mio sito, il livello di coinvolgimento è generalmente elevato.

Molte persone usano gli annunci di Facebook solo per ottenere la generazione di lead per la loro landing page. Non c’è nulla di sbagliato in questo, ma il potenziale di una campagna pay per click (PPC) di Facebook per aumentare il tasso di conversione è significativo su tutta la linea. vale sicuramente la pena considerarlo come parte della tua strategia di marketing dei contenuti.

Ciò che rende gli annunci di Facebook così efficaci sono, in parte, le opzioni di targeting. Ad esempio, Lewis, fondatore di Cloud Income, ha guadagnato $ 400 in una settimana prendendo di mira le persone che avevano un 39 ° compleanno imminente:

Immagine 24

iii). Reti pubblicitarie: puoi anche pubblicare annunci mirati per distribuire i tuoi contenuti sulle reti pubblicitarie. Puoi raggiungere un pubblico mirato, riportarlo sul tuo sito web e trasformarlo in abbonati e-mail.

Esistono molte reti pubblicitarie che puoi sfruttare per distribuire i tuoi contenuti. Tuttavia, la maggior parte delle persone si affida a BuySellAds.

image03

Puoi fare un acquisto diretto da questo sito. Basta trovare il sito in cui si desidera posizionare un banner o un annuncio di testo e pagare per l’area. I tuoi annunci saranno attivi e funzionanti in pochissimo tempo.

Puoi anche utilizzare Google AdWords (reti di ricerca e di visualizzazione), post sponsorizzati, pubblicità nativa, pubblicazione di guest a pagamento per i contenuti del blog e altri come canali pubblicitari a pagamento per la distribuzione dei contenuti.

Uno dei metodi di pubblicità a pagamento più caldi in questo momento sono i pin promossi. Con questo metodo, puoi distribuire i tuoi contenuti visivi (infografiche, meme, immagini, ecc.) Tramite gli annunci Pinterest.

Ezra Firestone non solo ha portato un enorme traffico verso la sua landing page, ma ha anche realizzato 520 vendite di prodotti che hanno generato entrate per 41.254,34 dollari , il tutto da un acquisto di 775,50 dollari su Pinterest. Questa è una strategia di marketing di contenuti killer che ha dato i suoi frutti.

image28

2. Identificazione degli obiettivi di marketing e sfide comuni

Non importa chi tu sia, gli obiettivi danno la direzione della tua vita. Senza obiettivi o obiettivi, la vita viene dettata dai capricci di circostanze casuali. A mio avviso non è un modo di vivere e non è un modo di fare affari.

Che tu sia un marketer B2B o una società B2C, grande o piccola, squadra o solo, gli obiettivi di marketing aiutano la tua azienda a crescere e avere successo. E, in definitiva, le strategie che scegli dovrebbero essere basate su quali sono i tuoi obiettivi.

Nel suo libro, Next Content Level Marketing: Advanced Tactics for Today’s Content Marketers , l’autore Ted Box ha affermato che la creazione di contenuti non è sufficiente. Piuttosto, hai bisogno di strategie avanzate radicate nei tuoi obiettivi in ​​modo da poter coinvolgere e persuadere i lettori sociali di oggi.

Quindi quali sono gli obiettivi alla base di una forte strategia di marketing dei contenuti e pubblicità a pagamento?

Puoi sostenere che i canali di marketing gratuiti e a pagamento ti consentono di far crescere la tua attività. È vero, ma “far crescere la mia attività” non è un obiettivo specifico e misurabile.

D’altra parte, quando il tuo obiettivo è definito – ad esempio, ricevere 2.000 e-mail di lead generation in 45 giorni – allora hai maggiori probabilità di raggiungere tale obiettivo.

Quindi, al fine di scegliere il tuo canale di distribuzione – vale a dire, pagato contro gratuito – devi capire gli obiettivi alla base di ciascuno. Ciò, a sua volta, ti mostra le sfide uniche di ciascun canale e aiuta te o il tuo team di marketing a elaborare solide strategie per affrontare tali sfide.

Secondo Wikipedia , “la pubblicità è una forma di comunicazione di marketing utilizzata per promuovere o vendere qualcosa, di solito il prodotto o il servizio di un’azienda”.

In altre parole, la pubblicità a pagamento ha un obiettivo primario: promuovere o vendere qualcosa.

Ha contenuti di marketing pure hanno un solo scopo primario? E, in tal caso, tale scopo è “promuovere o vendere”?

Ecco come Content Marketing Institute definisce il “content marketing”:

Il content marketing è un approccio di marketing strategico incentrato sulla creazione e distribuzione di contenuti preziosi, pertinenti e coerenti per attrarre e trattenere un pubblico chiaramente definito e, in definitiva, per guidare l’azione proficua dei clienti.

Quindi il marketing dei contenuti è in realtà uno strumento o una pratica che ti consente di connettere il pubblico giusto con i tuoi contenuti preziosi e pertinenti.

Non è abbastanza per attirare quel pubblico – devi anche trattenerlo con contenuti di alto valore. Quando lo fai, sarai in grado di guidare azioni redditizie per i clienti (ad esempio, iscrizioni via email, acquisti, riferimenti passaparola, ecc.).

Il content marketing può aiutarti a raggiungere diversi obiettivi:

io). Consapevolezza del marchio: il content marketing ti aiuta a sensibilizzare sul fatto che il tuo marchio esiste e proietta i tuoi valori fondamentali e la cultura per potenziali clienti. Puoi farlo tramite i canali dei social media o tramite i contenuti del blog.

Per creare consapevolezza del marchio , è necessario un modello organico autentico, ed è attraverso il content marketing e il marketing in entrata che è possibile connettersi naturalmente con le persone alle proprie condizioni.

ii). Conversione di lead: le aziende hanno successo con la generazione di lead quando si concentrano sulla creazione e distribuzione dei loro contenuti attraverso canali gratuiti. È difficile convincere un potenziale cliente a darti le sue informazioni personali senza offrire qualcosa di valore in cambio.

Quando le persone si registrano per una demo, si registrano per un evento o ottengono l’accesso alla pagina delle risorse, è stata stabilita una connessione basata sulla fiducia.

iii). Nutrimento di piombo: preparare i clienti della generazione di piombo ad acquistare il tuo prodotto è fondamentale per il tuo successo.

Un recente studio di Gleanster Research ha rivelato che il 75% dei lead acquisiti non è pronto per l’acquisto. Solo il 25% è pronto per avanzare nel processo di vendita. Devi aiutare quelli che non sono pronti a coltivare il piombo.

Una buona strategia di marketing dei contenuti, come tutti i marketing basati su autorizzazioni, ti aiuta a coltivare i tuoi contatti. Seth Godin ha affermato che il marketing basato su autorizzazioni è marketing senza interruzioni. E sembra offrire sempre i migliori risultati, rispetto ad altre forme di marketing.

image02

Questo perché una volta ottenuto il permesso del potenziale cliente, è molto più facile comunicare con loro a un livello più profondo piuttosto che sentirsi turbati da un team di marketing. Dopotutto, hanno richiesto le informazioni che invierai loro.

Crea i contenuti giusti per esplorarli nel ciclo di acquisto dei clienti . Questa è una fase cruciale ma delicata quando si distribuiscono contenuti, perché è necessario determinare in anticipo quale contenuto sarà adatto per ogni fase del ciclo.

image31

iv). Servizio clienti: quanto stai usando i contenuti per creare un’esperienza cliente eccezionale? È davvero difficile prestare attenzione ai tuoi clienti dalla pubblicità a pagamento, quindi è più adatto ad essere un obiettivo di marketing dei contenuti.

I tuoi obiettivi commerciali a lungo termine possono essere raggiunti attraverso una buona strategia di marketing dei contenuti, mentre la pubblicità a pagamento può aiutarti a raggiungere gli acquirenti più velocemente.

E le sfide? Bene, due delle principali sfide di marketing dei contenuti affrontate dai marketer B2B stanno producendo abbastanza contenuti per blog e producendo contenuti accattivanti.

image23

La pubblicità a pagamento presenta anche una serie di sfide. Jon Crowe , account director di NetBooster, ha affermato che una delle sfide principali sta acquisendo una migliore comprensione di come ogni parola chiave nell’attività di ricerca contribuisce alla conversione finale.

Samantha Noble, direttore marketing di Koozai , afferma che, considerato l’enorme numero di marketer B2B e aziende B2C che utilizzano Google AdWords, sono aumentati sia il costo per raggiungere posizioni di vertice (nelle reti di ricerca e display) sia il livello di concorrenza di altri inserzionisti.

Ciò ridurrà il ritorno sull’investimento (ROI). Incoraggerà inoltre i potenziali inserzionisti con offerte praticabili e contenuti personalizzati a ignorare la pubblicità a pagamento e passare al marketing dei contenuti.

Trovare un equilibrio. Poiché ogni programma di marketing ha i suoi obiettivi e le sue sfide principali, penso che l’approccio migliore sia quello di abbracciarli entrambi.

Matthew Gratt ha affermato che per raccogliere i frutti di entrambe le parti, i team di marketing intelligenti dovrebbero promuovere i contenuti attraverso i media di proprietà, guadagnati e pagati. Utilizza la pubblicità a pagamento per indirizzare i visitatori alla tua canalizzazione, quindi sfrutta contenuti pertinenti di alto valore a cui non potranno resistere.

Ad esempio, Snickers voleva lanciare la sua campagna mondiale ” Non sei tu quando sei affamato di campagna ” a Dubai.

image43

La società ha prima creato contenuti visivamente pertinenti, quindi ha collaborato con Dubizzle.com per offrire agli acquirenti la possibilità di rivendere oggetti indesiderati che avevano acquistato quando erano affamati.

image18

La campagna è stata ben accolta. Significativamente, l’80% degli articoli pubblicati è stato venduto lo stesso giorno e la società ha visto un CTR che era 5 volte superiore allo standard del settore .

3. Test di diversi canali a pagamento per vedere cosa converte meglio

La pubblicità a pagamento è un’industria da miliardi di dollari. Prima di acquistare una fetta di quella torta, prova le tue campagne pubblicitarie su canali diversi.

image09

Non ci sono scorciatoie quando si tratta di test. I risultati sono relativi e settori diversi hanno risultati diversi su diversi canali pubblicitari a pagamento .

È la stessa cosa con la valutazione del ROI sul content marketing : devi usare l’analisi per ottenere risultati accurati.

Innanzitutto, le aziende B2B e B2C misurano il successo della campagna in modi leggermente diversi. Le aziende B2C si concentrano spesso sulla vendita rapida, mentre le aziende B2B sono più preoccupate di raccogliere informazioni sugli utenti  e guidare generazioni che li aiuteranno a prendere decisioni più intelligenti e migliorare le conversioni.

image29

I marketer B2C sono ossessionati dalle conversioni. Vogliono vedere quante persone hanno fatto clic sui loro annunci di Facebook e quante hanno optato per le loro liste di email marketing.

Ecco il ROI sulla pubblicità sui media di ricerca a pagamento . Dai un’occhiata alle cifre “target” e “$ per target” in relazione all’investimento iniziale.

image19

Se stai cercando di migliorare le tue campagne di ricerca di annunci a pagamento, scopri come ottimizzare il tuo CTR e ridurre il CPA (costo per acquisizione). E, se vuoi vedere il canale pubblicitario a pagamento che funziona meglio, la seguente guida ti sarà utile:

Test degli annunci di ricerca a pagamento: gestisci il ROI o il CTR?

Non ho ancora trovato uno strumento per testare insieme Google Ads e Facebook Ads insieme e ottenere risultati accurati. Entrambi richiedono piattaforme e set di annunci diversi.

Ma puoi valutarli in pratica, in base al tuo investimento in ciascuno. Durante il test dei set di annunci, tieni a mente queste note :

image46

4. Progettazione di landing page ad alta conversione

Ogni clic dalla pubblicità a pagamento o da una  campagna di content marketing deve arrivare da qualche parte. È la destinazione che determina se il clic verrà convertito o meno.

Quella destinazione è la pagina di destinazione.

La maggior parte dei team di marketing si contorce quando sente la parola “landing page”, sia perché quelli che ha creato non si sono convertiti, sia perché non sanno come iniziare.

Capisco bene. Dopotutto, uno studio di MarketingSherpa ha rilevato che la creazione e il collaudo di landing page è una delle cinque principali sfide affrontate dai marketer B2B

Ma il fatto rimane: le pagine di destinazione sono cruciali e devi ottenerle giuste per la tua strategia di marketing dei contenuti. Che tu sia un’azienda B2B o B2C, non prendere scorciatoie: presta attenzione al design e alla copia della tua landing page.

Durante la progettazione di una landing page per il traffico proveniente dai tuoi sforzi di marketing dei contenuti, concentrati sulla creazione di coinvolgimento. Ecco una rapida panoramica di ciò che fa una landing page per il successo complessivo del marketing dei contenuti:

Immagine 20

Se la tua pagina di destinazione contiene solo il titolo, i sottotitoli, alcuni punti elenco e un invito all’azione, potrebbe non convertirsi tanto quanto una pagina di destinazione che mostra ai visitatori come fare una determinata cosa.

Uso i contenuti del mio blog come landing page. Nel mezzo dei miei post sul blog, i lettori vedono una casella di opt-in che offre loro valore. Ciò converte meglio per me, rispetto a una landing page separata che utilizza l’hype di marketing.

image13

La progettazione e le pratiche della pagina di destinazione cambiano frequentemente. Il tuo pubblico di destinazione è diventato più intelligente, quindi una landing page mediocre non funzionerà più e si convertirà come forse in passato.

La nuova tendenza in questo momento è quella di utilizzare un “lander articolo”.

Secondo Adbeat, un “lander per articoli” è una pagina di preselezione che sembra un articolo di notizie, un comunicato stampa, un contenuto del blog o uno studio di ricerca scientifica. Possono essere distribuiti su più pagine o su una singola pagina come questa:

image21

Come puoi vedere, l’inserzionista – “Force Factor” – fa uso di questo lander articolo per preselezionare il loro booster di testosterone “Test 180x”.

Una cosa importante da notare è che questo lander non urla “pubblicità”. Ed è esattamente ciò che devi evitare durante la creazione di landing page. La generazione di lead è una cosa delicata quando si tratta di marketing digitale, motivo per cui i team di marketing devono essere molto attenti. 

Se è ovvio che il tuo unico interesse è quello di catturare l’indirizzo e-mail o il denaro di un visitatore, li hai persi subito. Evita i lander in questo modo:

image41

Fornire un valore immenso. Indipendentemente dal canale da cui proviene il tuo traffico, assicurati di offrire prima valore, prima di chiedere qualsiasi cosa.

Nell’articolo lander sopra, non c’è la casella di attivazione nella pagina. Le persone sono abituate a questo. Invece di spaventarli con la tua pagina, vuoi disegnarli dando loro esattamente quello che vogliono.

Molte persone fanno affidamento su un modello per l’ anatomia di una landing page e perdono il valore. Il modulo opt-in non dovrebbe essere la prima cosa, e sicuramente non l’ultimo elemento. L’elemento principale dovrebbe essere sempre il contenuto, perché questo è ciò che lo rende una strategia di content marketing.

image25

Sia che utilizzerai il content marketing o la pubblicità a pagamento per indirizzare il traffico verso la tua landing page, i mattoni fondamentali sono gli stessi. Ecco alcuni dei passaggi attuabili che aumenteranno le tue conversioni:

io). Ottimizza per le parole chiave giuste: prima e dopo aver progettato la tua pagina di terra, assicurati che sia ottimizzata per le parole chiave giuste .

È possibile che tu stia progettando la landing page per scopi pubblicitari a pagamento, ma non pensare a PPC e SEO come aspetti completamente separati della tua pagina. Tratta l’uno come faresti con l’altro.

Idealmente, vuoi vedere la tua campagna PPC guidare la generazione e le vendite di lead iniziali, mentre ti stai preparando per lead organici più mirati. Uno studio ha rilevato che la SEO ha un CPC inferiore e un costo per lead inferiore, rispetto a PPC.

image37

Anche se non vuoi riempire i tuoi contenuti di parole chiave, sicuramente vuoi includere le stesse parole che i potenziali clienti usano per trovarti nei risultati di ricerca.

L’ottimizzazione per le parole chiave può anche portare a un tasso di conversione più elevato. Se un cliente arriva su un sito Web o su una pagina e trova le stesse parole chiave che ha cercato qualche secondo fa, sarà preparato per prestare maggiore attenzione a ciò che hai da dire.

ii). Corrispondenza del messaggio: quando utilizzi pubblicità a pagamento, ad esempio annunci Google AdWords o Facebook PPC, il messaggio della pagina di destinazione deve corrispondere alla copia dell’annuncio.

Per vedere un esempio, cerchiamo su Google “server privato virtuale:”

image27

Il titolo della copia dell’annuncio recita:

Server privato virtuale

Quindi ci aspettiamo che la pagina di destinazione abbia la stessa frase nel titolo.

Ora vediamo se la copia dell’annuncio corrisponde alla pagina di destinazione. Ecco la pagina di destinazione di seguito:

image26

Ecco un esempio di una buona corrispondenza del messaggio tra la copia dell’annuncio e la pagina di destinazione.

image32

Si vede immediatamente che il titolo, l’invito all’azione, i sottotitoli e l’intestazione sono gli stessi. Questo è esattamente ciò che i team di marketing dovrebbero puntare nella loro copia.

iii). Avere un USP convincente (proposta di vendita unica): definisce la posizione della tua azienda sul mercato. Hai bisogno di un USP per differenziare la tua landing page – e il tuo marchio – da tutta la concorrenza che stai affrontando. Devi distinguerti.

Ecco un ottimo esempio di USP in azione, da Saddlebackleather.com: “combatteranno su di esso quando sarai morto”.

image04

Eccone un altro di HelpScout:

image30

iv). Sviluppa un invito all’azione efficace: infine, il tuo team di marketing deve elaborare un buon invito all’azione. Non è facoltativo, è richiesto.

Un CTA è il punto di svolta tra rimbalzo e conversioni. Devi creare il tuo con cura e con un’attenzione intensa ai dettagli.

Immagine11
Il CTA è ciò che li porta attraverso l’ultimo passaggio verso la destinazione finale, ad esempio qualsiasi azione tu voglia che facciano dopo l’atterraggio sul tuo sito. Il CTA è l’ultimo passaggio fondamentale nella canalizzazione della strategia di marketing dei contenuti.

Non esiste una soluzione unica per tutti gli inviti all’azione. Devi provarlo per te stesso per sapere cosa funziona. Non posso dirti di usare sempre i pulsanti arancioni, perché non so se quel colore si adatta meglio al tuo pubblico.

Dividendo il test di un pulsante arancione di invito all’azione contro uno blu (variante 1), potresti scoprire che l’arancione funziona meglio o che il blu è il migliore.

Un marchio di e-commerce europeo ha visto un aumento del 35,81% nella conversione cambiando il colore dei pulsanti da blu a verde sulle pagine di destinazione dei loro prodotti.

image17

Ricorda di rendere altamente visibile il tuo invito all’azione nella pagina di destinazione. Non lasciare che testo, immagine o sfondo si sovrappongano o ostruiscano il pulsante.

Un esempio di un’ottima landing page con il giusto invito all’azione è Spotify Lascia una buona quantità di spazio bianco e i colori si fondono perfettamente con la pagina.

image16

Un altro invito all’azione che si distingue sulla pagina di destinazione è Freshbooks. Dare un’occhiata più da vicino:

image15

5. Il ROI per il Content Marketing e la pubblicità a pagamento

Il 41% degli esperti di marketing conferma che il content marketing ha un ROI significativo. In effetti, il marketing dei contenuti può generare un ROI sbalorditivo se lo fai nel modo giusto.

Da quando ho iniziato a sfruttare il content marketing per far crescere Quicksprout.com, ho visto aumentare il traffico di oltre 700.000 visitatori al mese .

image06

Scott Severson, presidente di Brandpoint.com, afferma che i suoi clienti vedono in media il 200% o più ROI dai contenuti per oltre 36 mesi, misurati dal solo traffico organico.

Quali metriche stai utilizzando per quantificare il ROI? Moz ha suggerito diversi, ma i primi 3 parametri sono: numero di lead generati, numero di link di alta qualità e condivisioni totali attraverso i canali dei social media.

Ho già calcolato il ROI del content marketing in base alle ore lavorate e le ho confrontate con la pubblicità a pagamento. E il 58% delle aziende B2B utilizza il marketing dei motori di ricerca per aumentare i propri contatti.

image05

Le aziende e i team di marketing che sono stati coerenti con la loro strategia di marketing dei contenuti hanno una maggiore generazione di lead e un traffico organico significativamente migliorato.

Ad esempio, InsideOut, una società di formazione aziendale, ha adottato il content marketing nel 2012. La società ha pianificato di creare contenuti interessanti per attirare l’attenzione dell’utente e generare lead. Il loro obiettivo principale era quello di contenuti semplici e di dimensioni ridotte e contenuti di blog: diapositive, articoli e video.

image48

I risultati della società nella prima metà del 2013 hanno mostrato che InsideOut ha aumentato la percentuale di clic del 20% e generato 388% di lead più qualificati .

City Index, una società di servizi finanziari, ha lanciato un’accademia commerciale per dare a 8 trader principianti la possibilità di vincere £ 100.000. La società ha utilizzato la propria strategia di marketing dei contenuti per convincere le persone che non avevano mai nemmeno preso in considerazione l’apertura di un account per partecipare al concorso.

image40

Guarda i risultati che hanno generato :

  • 20 milioni di impressioni generate dal feed Twitter di #TradingAcademy
  • 1 milione di visualizzazioni su tutti i canali di contenuti e social media
  • Oltre 66.700 clic generati dal feed Twitter di #TradingAcademy
  • Ha generato un aumento di oltre il 1440% nelle visite di referral sociali
  • Aumento dell’81% dei visitatori unici del sito
  • Aumento del 60% dell’acquisizione di PPC per i termini del marchio

Nota: sia con il content marketing che con la pubblicità a pagamento, è possibile generare traffico, acquisire lead e trasformarli in clienti, ma i tempi saranno diversi.

La pubblicità a pagamento potrebbe iniziare a generare lead entro 30 minuti o meno, mentre il marketing dei contenuti impiegherà da 3 a 30 giorni per ottenere trazione.

Conclusione

Questo articolo non ha lo scopo di dare a te o al tuo team di marketing una risposta che si adatta perfettamente alla tua attività. Chiunque prometta di sapere che una risposta fin da subito ti sta mentendo.

Devi impostare una campagna di contenuti , provarla su tutta la linea e sui tuoi canali di social media e vedere di sicuro cosa funziona meglio per il tuo marchio. Questo è vero per ogni canale o tecnica di marketing.

Tuttavia, se desideri creare, innovare e posizionare il tuo marchio come quello che i tuoi potenziali clienti dovrebbero affrontare per primi, non puoi permetterti di fare affidamento solo su un canale o l’altro. Hai bisogno sia della pubblicità a pagamento che del marketing dei contenuti.

Trascorri del tempo per capire cosa desidera il tuo pubblico , raccogli informazioni dalle loro domande, utilizza i tuoi canali di social media e i contenuti del blog per incoraggiare quella conversazione e usa queste intuizioni per creare contenuti di blog basati sui dati di alta qualità .

Una volta che il traffico inizia a entrare, scopri come espandere e raggiungere più persone utilizzando Facebook Ads o qualsiasi altra piattaforma pubblicitaria pay per click .

Su quale canale di marketing spendi più risorse: marketing di contenuti o pubblicità a pagamento?

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close