Cerca

Come valutare il prezzo dei tuoi prodotti: una guida di facile utilizzo

Guida ai prezzi dei prodotti per principianti

Il prezzo del prodotto non è un’impresa facile. Troppo caro per i tuoi articoli e i clienti potrebbero fare clic fuori dal tuo negozio e correre verso i tuoi concorrenti. Al contrario, dai un prezzo troppo basso alla tua merce e potresti non realizzare abbastanza profitti per gestire un’attività sostenibile. Per non parlare, corri anche il rischio che gli acquirenti assumano che il tuo prodotto sia di bassa qualità e non è l’ideale!

Valutare i tuoi prodotti significa trovare il giusto equilibrio tra i due risultati, ma spesso è più facile a dirsi che a farsi.

Secondo Charles Toftoy , professore associato di scienze gestionali alla George Washington University, valutare i tuoi prodotti è “probabilmente la cosa più difficile da fare … È in parte arte e in parte scienza”.

Fortunatamente per te, ci sono alcune cose che puoi fare per cercare di trovare il tuo prezzo ottimale, e li prepareremo per te qui in questo post del blog.

Sei entusiasta di saperne di più sui prezzi dei prodotti? Grande. Immergiamoci!

Comprendi il tuo mercato

Capire il tuo mercato

Prima di poter valutare i tuoi prodotti, devi considerare quanti clienti sono disposti a pagare. Questo significa fare qualche concorrente e ricerche di mercato. Al termine, dovresti avere un’idea migliore di quanto i clienti sono disposti a spendere per i tuoi prodotti.

Quindi, per prima cosa, vai ai negozi online dei tuoi concorrenti e usa i prezzi dei loro prodotti come indicatore iniziale. Con queste informazioni a tua disposizione, puoi abbinare questi prezzi o superarli / ridurli.

Idealmente, quando si studiano i concorrenti, si desidera effettuare confronti accurati omogenei per quanto riguarda i loro prezzi e i tuoi. Ciò significa confrontare i tuoi costi netti con i loro, non solo con il prezzo della merce elencata sul loro sito web. Puoi scoprire (o almeno stimare) queste informazioni analizzando i dati pubblicati e i registri pubblici come white paper di settore, documenti aziendali, rapporti finanziari, ecc.

Per raccogliere ulteriori ricerche di mercato, puoi anche:

  • Invia sondaggi informali tramite una campagna e-mail fornendo al tuo pubblico descrizioni ipotetiche del prodotto e chiedendo quale fascia di prezzo sarebbe comodo pagare per loro.
  • Tieniti aggiornato con le novità del settore in merito alle tendenze delle abitudini di acquisto dei consumatori, alle preferenze di acquisto dei consumatori e alle innovazioni del settore.
  • Assumi una società di consulenza di terze parti per raccogliere dati di ricerche di mercato per tuo conto.

Oltre a tutto quanto sopra, puoi anche suddividere i tuoi clienti in gruppi più piccoli e analizzarli. Sono attenti al budget? Stanno cercando qualcosa di eccezionale qualità? Lo stato fa la differenza per loro?

Una volta che hai un’idea migliore in quale categoria rientra la maggior parte dei tuoi consumatori, puoi utilizzare queste informazioni per guidare la tua strategia di prezzo dei prodotti.

Non è solo il prezzo dei prodotti che conta: è la tua capacità di vendita

Sì, hai letto correttamente.

Il prezzo dei tuoi prodotti da solo non favorisce le vendite. Invece, ciò che guida le vendite è la tua capacità di guidare il traffico e commercializzarti come marchio. Ciò significa creare ed eseguire una strategia di vendita. Quindi, se non ne hai già installato uno, questo deve cambiare.

Investi tempo nell’apprendimento del marketing online in modo efficace. Split prova le tue strategie e tieni d’occhio ciò che porta più frutti al tuo pubblico. Questo è importante quanto valutare correttamente i tuoi prodotti!

Scegli la migliore tecnica di determinazione del prezzo del prodotto per la tua azienda

Tecniche di prezzo del prodotto

Esistono alcune tecniche di determinazione del prezzo, quindi assicurati di esplorarle tutte e scegliere la migliore per la tua attività. Tuttavia, dobbiamo sottolineare che non esiste una formula infallibile adatta a tutti i prodotti e mercati.

Di seguito sono riportati alcuni modelli di prezzi dei prodotti che è possibile utilizzare.

IL MODELLO DI PREZZO DEL PRODOTTO COST-PLUS

Il modello di determinazione del costo più vantaggi richiede di aggiungere una percentuale di markup ai costi di pareggio (che sono i costi diretti del materiale del prodotto, i costi della manodopera, i costi generali per l’azienda, ecc.).

La dimensione di questa percentuale varia in base ai prodotti che vendi, alla tua nicchia e al tuo modello di business. Pertanto, dovrai utilizzare la tua esperienza e le norme del settore per aiutarti a elaborare un markup adeguato per i tuoi prodotti.

È interessante notare che il ristorante medio ha un margine di profitto del 4% mentre i negozi di e-commerce fanno tra il 5% e il 40% . Come puoi vedere, c’è una vasta gamma di ciò che può essere il tuo markup percentuale.

Dovresti essere consapevole, tuttavia, che il modello di determinazione del prezzo più vantaggioso non è privo di limitazioni. Il suo più grande svantaggio è che presume che venderai tutte le tue unità. Quindi, se non vendi tutta la tua merce, il profitto che guadagni è inferiore a quello calcolato.

IL MODELLO DI PREZZI DEI PRODOTTI BASATO SUL VALORE

Questo modello funziona in modo simile, ma il margine di profitto ruota attorno al valore che i clienti attribuiscono ai tuoi prodotti. Quindi, per utilizzare questo modello di prezzi dei prodotti, è necessario conoscere a fondo il proprio mercato al fine di comprendere quale sia il valore dei propri prodotti.

I consumatori percepiscono il valore del prodotto in base a molti fattori quali disponibilità, esclusività, qualità, prestazioni, innovazione, valore aggiunto alla propria vita e altro ancora. Questi sono solo alcuni esempi, quindi pensa a ciò che il tuo pubblico di riferimento ritiene importante e valuta in che modo i tuoi prodotti soddisfano le loro aspettative.

Pertanto, sebbene un modello di determinazione del prezzo del prodotto a costo aggiuntivo possa indicare che i tuoi prodotti vengono valutati con un margine di profitto del 20%, se sai che il tuo mercato di riferimento pagherebbe un prezzo che ti farà guadagnare un margine di profitto del 35% a causa di quanto valore li porta , quindi è possibile valutare i prodotti in base al valore, anziché al costo più.

Per iniziare, probabilmente vorrai confrontare i tuoi prodotti con quelli dei tuoi concorrenti se scegli questo modello di prezzi dei prodotti, solo per vedere cosa i consumatori sono disposti a pagare per ciò che già esiste sul mercato.

Che cos’è un punto di pareggio?

Entrambi questi modelli richiedono una comprensione di quale sia il tuo punto di pareggio.

Quindi, cos’è?

In breve, il tuo punto di pareggio è il numero preciso di unità che devi vendere per coprire tutti i tuoi costi (sia le spese fisse che variabili) per guadagnare $ 0 di profitto.

In pareggio, non si ottiene né un profitto né una perdita. Quindi, tutti i soldi che guadagni oltre il tuo punto di pareggio fanno parte del tuo ricavo / profitto totale. Considerando che, qualsiasi cosa al di sotto del punto di pareggio è una perdita.

Nota: si consiglia di ricalcolare il punto di pareggio almeno una volta al trimestre perché i costi variabili possono cambiare di volta in volta.

Perché preoccuparsi di calcolare l’analisi Breakeven?

Il motivo principale per cui vuoi condurre un’analisi di pareggio è capire quanto tempo impiegherai a realizzare un profitto. È inoltre possibile utilizzare questo calcolo per misurare profitti e perdite in diversi periodi di tempo. Di conseguenza, avrai una migliore comprensione di come la modifica del prezzo del tuo prodotto influenzi il tuo profitto.

Oltre a ciò, anche l’analisi in pareggio è una figura eccellente per mostrare agli investitori. Puoi facilmente utilizzare e visualizzare questi dati per mostrare quanto sia redditizia (o sarà) la tua attività.

Come posso calcolare il mio punto di pareggio?

Punto di pareggio

C’è una formula semplice che puoi usare per scoprire il tuo punto di pareggio. È:

Profitto = P (X) – VC (X) – TFC
  • P è il prezzo di vendita (addebito ai clienti)
  • X è il numero di unità vendute
  • VC sta per costi variabili
  • TFC sta per costo fisso totale

Considerando che, per calcolare il margine di contribuzione — lo usi per misurare il profitto incrementale che generi quando vendi un’unità aggiuntiva oltre il punto di pareggio — devi usare questa formula:

Margine di contribuzione = P (X) – VC (X)

Elaborazione accurata dei costi

Elaborando accuratamente i costi intendiamo prendere in considerazione tutti i costi sostenuti per portare il prodotto fuori dalla porta. Ciò comprende:

  • Pagamenti diretti: questo è un tipo specifico di costo variabile. Sono i soldi che hai speso per sviluppare i tuoi prodotti.
  • Costi variabili: queste spese aumenteranno man mano che vendi di più. Ad esempio, materiali, imballaggi, marketing, ecc.
  • Costi fissi: queste sono le spese generali che rimangono coerenti, indipendentemente dal numero di vendite effettuate. Ad esempio, affitto, servizi pubblici, salari, ecc.

Diamo un’occhiata a questi tre diversi costi in modo un po ‘più dettagliato:

PAGAMENTI DIRETTI

Se stai ordinando i tuoi prodotti da un grossista o da una società di dropshipping , calcolare l’importo che ogni unità costa acquisire è molto più semplice. È solo l’importo che ogni prodotto del tuo fornitore costa!

Ma, se realizzi i tuoi prodotti, dovrai approfondire. Ad esempio, quanto costano tutti i materiali per creare un’unità? Ciò si aggiunge al factoring nel tempo che impieghi a creare la tua merce.

Il tuo tempo è prezioso. Periodo. Quindi, considera sempre questo quando calcoli i tuoi pagamenti diretti.

Non sei sicuro di come calcolare il valore del tuo tempo? Prima di tutto, imposta la tariffa oraria che vuoi guadagnare, quindi prendi quella cifra e dividila per quanti prodotti sei in grado di fare in un’ora.

PREZZI FISSI

Come abbiamo già detto, i costi fissi sono le spese che rimangono invariate indipendentemente da cosa o quanto vendi. È facile spingere questa figura di lato e cercare di dimenticarsene, ma per quanto allettante sia, non farlo.

Devi raggiungere l’obiettivo di coprire queste spese effettuando vendite, che come abbiamo già delineato, significa condurre un’analisi in pareggio.

I costi fissi non si estendono al tuo inventario. Ma, si fa coprire tutte le vostre una tantum costi di start-up e le spese mensili-fisso. Per esempio:

  • La tua licenza commerciale
  • Un nome di dominio Web personalizzato
  • I tuoi loghi e immagini (se stai esternalizzando il tuo design grafico )
  • Creazione e copywriting dei tuoi contenuti (di nuovo, se stai esternalizzando queste attività)
  • Il tema del tuo sito Web (se stai optando per un tema premium)
  • Costi di pubblicità e vendita
  • Qualsiasi app e plug-in per siti Web a pagamento
  • Qualsiasi software aziendale che usi per aiutarti a gestire e automatizzare la tua attività
  • Se stai prendendo in prestito denaro, come prestiti commerciali , qualsiasi costo che ne deriva
  • Il tuo stipendio
  • Capitale per future espansioni

Ci sono altri esempi di costi fissi, ma per ora hai un’idea.

Il nostro miglior consiglio è quello di creare un foglio di calcolo che elenchi tutte le spese mensili. Questo ti aiuta ad assicurarti di tenere conto di tutti i costi fissi.

COSTI VARIABILI

Ancora una volta, come abbiamo già accennato, i costi variabili includono:

  • Il prezzo del tuo prodotto
  • Il tuo inventario
  • La tua spedizione
  • Spedizione dal tuo fornitore a te

Se non stai effettuando il dropshipping dei tuoi prodotti, dovrai convincere i tuoi fornitori o grossisti a spedire i tuoi prodotti a te o ad una società di evasione di terzi che hai assunto.

In entrambi i casi, devi calcolare il costo di spedizione del tuo inventario nel posto giusto. Per sapere qual è il costo di spedizione per unità, dovrai contattare direttamente il tuo fornitore.

Alcuni altri costi variabili di cui tenere conto includono:

  • Tassa sui dazi all’importazione: se desideri raggiungere un pubblico internazionale, devi prendere nota dell’imposta sui dazi all’importazione fornita con la spedizione all’estero. Se non sei sicuro di cosa sia, non preoccuparti! È possibile utilizzare un calcolatore di dovere per aiutare a determinare queste cifre.
  • Adempimento Amazon: questo costo è applicabile solo ai venditori Amazon là fuori. Dal momento che Amazon non immagazzina e spedisce la merce gratuitamente, dovrai pagare le spese di evasione multicanale. Puoi usare la calcolatrice di Amazon per scoprire quanto costa.
  • Commissioni sulla carta di credito: a seconda del gateway di pagamento che hai scelto, di solito dovrai pagare le commissioni della carta di credito. Si tratta in genere di circa il 2,9% più $ 0,30, ma come abbiamo già detto, questo dipende dal processore della tua carta di credito, quindi assicurati di controllare le loro tariffe e fattorizzare tali cifre nei costi variabili.

Calcolatore della redditività del prodotto

Calcolatore della redditività del prodotto

Esistono numerosi calcolatori online appositamente progettati per aiutarti a calcolare i costi variabili totali per unità e i costi di pareggio, come ad esempio questo calcolatore di pareggio .

Basta collegare tutte le figure e la calcolatrice farà il lavoro delle gambe per te. Questo calcolatore specifico fa due cose:

  • Ti dice il numero di prodotti che devi vendere per il pareggio
  • Ti dice quante unità devi spostare prima di raggiungere il tuo obiettivo di profitto

Per scoprire il tuo profitto in pareggio, lascia il profitto target a $ 0 e quindi inserisci la cifra che hai per i costi fissi totali.

Ora aggiungi il tuo prezzo di vendita target per unità. Il prezzo di vendita target è l’importo per cui vuoi vendere ogni unità.

Una volta fatto, saprai il numero di unità che devono essere vendute per coprire tutte le tue spese e, quindi, raggiungere il pareggio.

Se, dopo aver effettuato questi calcoli, ti rendi conto che devi vendere una quantità eccessiva di unità prima di raggiungere il pareggio, considera se questa rotta è un piano realistico per la gestione e il mantenimento di un business sostenibile.

Se decidi che non lo è, considera quanto segue:

  • Puoi aumentare il prezzo senza spaventare i tuoi clienti?
  • C’è un modo per ridurre i costi?
  • Puoi scegliere prodotti più redditizi?

Non dimenticare di considerare altri fattori

Non commettere l’errore di dimenticare altre cose che incidono sul tuo margine di profitto. Per esempio:

  • IVA / IVA
  • Differenze regionali nelle tendenze dei consumatori e nel reddito disponibile
  • Se hai bisogno di un flusso di cassa disponibile nel caso in cui alcuni dei tuoi clienti paghino in ritardo o con incrementi (se questo è applicabile al tuo tipo di attività)

È essenziale considerare quanto sopra per garantire un flusso di cassa sano.

Preparati a fare un cambiamento

Ricorda che il prezzo dei tuoi prodotti non è scritto in pietra; puoi cambiare idea e provare qualcosa di nuovo. Solo perché lanci un prodotto a un certo prezzo non significa che devi rispettare questo costo per sempre. Come la maggior parte delle cose nella tua attività, i tuoi prezzi si evolveranno.

Quindi, sii aperto a modificare i prezzi dei tuoi prodotti; ci sono diverse variabili che potrebbero influire sul costo della merce. Ad esempio, le modifiche in:

  • Le tue spese
  • Domanda del cliente
  • Il successo dei tuoi concorrenti

Ciò significa tenere d’occhio le tue uscite e comprendere appieno le abitudini di acquisto dei tuoi clienti. Questo ti aiuta enormemente a rimanere in cima al tuo gioco dei prezzi.

Decidi un margine di profitto

Ricordi quei costi variabili che abbiamo appena menzionato? Vai a calcolare quella cifra. Questo totale è essenziale per aiutarti a realizzare profitti nel prezzo dei tuoi prodotti.

Quando si decide quanto margine di profitto si desidera realizzare, è necessario considerare due aspetti:

  • Non è solo la tua spesa variabile che ti serve copertura. È inoltre necessario effettuare vendite sufficienti per raggiungere il pareggio delle spese fisse.
  • Volete assicurarvi che, una volta aggiunto il margine di profitto alle vostre spese, il prezzo del prodotto rifletta ancora il tasso di mercato corrente.

Queste due considerazioni ti metteranno in una posizione migliore per decidere sulla percentuale di profitto che vuoi realizzare.

Quindi, con tutti questi dati in mente, è tempo di capire il tuo margine di profitto.

Margine di profitto del prodotto: (Prezzo di vendita – Costo del prodotto) / Prezzo di vendita

Controlla il nostro calcolatore del margine di profitto per automatizzare il processo di calcolo e ottenere il margine di profitto del tuo prodotto in forma percentuale.

Dipende interamente da te quanto guadagni per ogni unità che vendi. Ma devi ricordare che il prezzo dei tuoi prodotti è ciò che sostiene la tua attività. Inutile dire che se si è in perdita o si è in pareggio, crescere e ridimensionare la propria azienda sarà una sfida.

Mantieni le migliori tendenze del mercato

Inutile dire che un cambiamento nelle tendenze del mercato potrebbe spingerti a modificare i prezzi dei tuoi prodotti. I fattori che influenzano i modelli del settore variano enormemente da una nicchia all’altra, quindi spetta a te tenere il dito sul polso!

Se vendi qualcosa di stagionale, questo potrebbe cambiare le condizioni meteorologiche. Oppure, se sei nel settore della salute e del benessere, potrebbe essere un nuovo regolamento o una legge che ti influenza. In alternativa, se vendi prodotti in pelle o articoli che contengono molta plastica, allora potresti voler tenere d’occhio le opinioni sulla responsabilità etica in evoluzione della società.

In definitiva, è necessario che la tua missione sia quella di rimanere all’avanguardia e riflettere i cambiamenti nelle tendenze del mercato dei prezzi dei tuoi prodotti.

Quando aumentare o ridurre i prezzi

Quando aumentare o abbassare i prezzi

Come già accennato, è necessario testare continuamente nuovi prezzi, promozioni e pacchetti di prodotti. Questo è l’unico modo per fare i conti con il prezzo ottimale per i tuoi prodotti. Tuttavia, ogni volta che modifichi i tuoi prezzi, assicurati di misurare le tue vendite e prenderne nota. Questo è l’unico modo per monitorare quale prezzo produce il miglior tasso di conversione.

Se aumenti il ​​prezzo troppo in alto, saprai se sei andato troppo lontano: i tuoi clienti smetteranno di acquistare da te e in fretta.

Inoltre, tieni d’occhio la concorrenza. Se noti che hanno iniziato a pagare di più per prodotti simili che stai vendendo, c’è una buona probabilità che il tuo aumento del prezzo scenderà in linea con le norme del settore.

Qualunque cosa tu faccia, non aumentare il prezzo dei tuoi prodotti durante la notte. Ciò potrebbe scoraggiare i potenziali clienti e dissuaderli dal rivisitare il tuo negozio. Quindi, invece di attuare un aumento improvviso, predisporre un piano graduale. Questo dovrebbe durare un anno o un paio d’anni. Questa tecnica ha molte meno probabilità di spaventare i clienti.

In alternativa, se pensi di aver giudicato erroneamente il tuo demografico ideale valutando la tua merce troppo in alto, potresti dover abbassare i prezzi. Se ti è successo, prova a eseguire una promozione scontata per vedere se ciò fa la differenza nei tassi di conversione. In alternativa, considera di offrire ai clienti un omaggio gratuito per farli provare il tuo prodotto.

Ma, nel complesso, in genere non si desidera abbassare i prezzi. L’unica volta che dovresti farlo è accumulare una parte maggiore della quota di mercato. Oppure, se la maggior parte dei tuoi concorrenti sta anche abbassando i prezzi in base agli interessi dei consumatori e alle tendenze del mercato.

In breve, fintanto che stai coprendo le tue spese e generando un profitto, puoi testare vari punti di prezzo. Facendo questo nel tempo, alla fine troverai il costo che converte il meglio!

Alcune ultime cose da notare

Ultimo ma non meno importante, abbiamo pensato di completare questo articolo con alcuni consigli generali per aiutarti a valutare i tuoi prodotti nel modo giusto.

ASCOLTA I TUOI CLIENTI

Ascoltando i tuoi clienti intendiamo chiedere il feedback dei clienti sui tuoi prezzi e analizzare le risposte. Questo non solo fornisce una migliore visione dello stato attuale dei tuoi prezzi, ma ti aiuta anche a costruire una relazione migliore con i tuoi clienti esistenti. Dopotutto, tutti vogliono sentirsi ascoltati.

IL BUDGET È LA CHIAVE

Budget delle spese aziendali con qualche mese di anticipo in modo da poter personalizzare il piano tariffario in base alle proprie esigenze. Guarda i tuoi dati di vendita e ottieni un’idea approssimativa di quanti prodotti venderai entro un determinato periodo di tempo.

Con queste informazioni a portata di mano, è quindi possibile verificare se è necessario aumentare o ridurre il prezzo dei prodotti.

In questo modo, avrai anche una solida conoscenza di ciò che sta già generando profitto. Prenditi del tempo per esaminare la redditività dei tuoi prodotti esistenti. In questo modo, saprai di cosa hai bisogno per fare di più (procurandoti prodotti simili e commercializzandoli allo stesso modo). Ma, soprattutto, puoi anche smettere di vendere gli articoli che non si stanno convertendo e ti stanno perdendo soldi.

Se i tuoi prezzi sono troppo alti e i clienti non mordono, potresti dover considerare di acquistare un prodotto simile a un prezzo più basso altrove (senza compromettere la qualità). Questo potrebbe richiedere un po ‘di tentativi ed errori, ma alla fine potrebbe valerne la pena.

Pronto per iniziare a valutare i tuoi prodotti?

Speriamo di aver letto questo articolo, ora hai un’idea migliore di come valutare i tuoi prodotti. La chiave da asporto di questo articolo è valutare attentamente i tuoi prodotti in modo da poter costruire un business sostenibile. È davvero così semplice! Quindi, una volta padroneggiato, assicurati di continuare a monitorare, analizzare e modificare la tua strategia di prezzo dei prodotti per assicurarti di aver ottimizzato completamente il costo dei tuoi prodotti.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close