Cerca

Come utilizzare YouTube per aumentare il traffico del tuo Blog

Desideri creare una fonte di traffico aggiuntiva, autonoma e costante per il tuo blog?

YouTube è un’ottima opzione ed ecco perché:

Può funzionare per quasi tutti i blog, praticamente in qualsiasi nicchia, e non romperà il tuo budget.

YouTube non è un normale canale di marketing: è una piattaforma di pubblicazione . Ciò significa che è necessario creare contenuti da pubblicare su YouTube per rafforzare la propria presenza lì.

Ma puoi generare traffico da esso.

E il potenziale di generazione di traffico è enorme grazie al pubblico integrato di YouTube.

Per uno dei miei progetti personali basati su blog, YouTube è in realtà la prima fonte di traffico di riferimento. Anche le metriche sul coinvolgimento sono eccellenti:

traffico di YouTube
Statistiche del traffico di riferimento di un mese per un mio blog

In questo post, ti mostrerò esattamente come ridimensionare il traffico del tuo blog usando YouTube. Nel processo raggiungerai un nuovo pubblico e stabilirai un flusso di entrate extra nel processo.

1. Accompagna sempre l’articolo del tuo blog con un video

Il primo passo qui è la creazione di contenuti da pubblicare su YouTube. Come ho già detto, YouTube è una piattaforma di pubblicazione. Senza contenuti aggiunti regolarmente c’è 0 possibilità di creare quanto segue o traffico dal tuo canale.

Non fraintendermi:

Questo articolo non riguarda la creazione di un canale YouTube popolare che diventerebbe abbastanza potente da generare entrate. Ciò richiederebbe un lavoro a tempo pieno e la maggior parte dei blogger che leggono questo articolo ne hanno già uno.

Questo articolo sta creando una presenza su YouTube che supporterebbe il tuo sito principale e aumenterebbe il traffico .

Se hai intenzione di far crescere il tuo canale YouTube oltre questo, questo articolo ti fornirà comunque alcuni suggerimenti, ma non sarebbe sufficiente.

Quindi da dove dovresti iniziare?

Prendi l’abitudine di creare un video veloce ogni volta che lavori su un articolo.

Questo è più facile di quanto tu possa pensare.

Sono finiti i giorni in cui era necessario padroneggiare alcune abilità fantasiose o scaricare un software costoso per creare un video. In questi giorni la creazione di video è per tutti, non è richiesto un budget enorme.

InVideo è uno strumento che ho scoperto per creare video rapidi e brevi tutorial video. In primo luogo, costa $ 10 al mese che penso sia il più basso sul mercato. In secondo luogo, ci vogliono pochi minuti per mettere insieme un video dall’aspetto professionale, soprattutto se hai già un articolo di testo:

  • Scegli l’opzione “Articolo su video” e copia e incolla i tuoi contenuti (la migliore idea è quella di copiare e incollare i tuoi takeaway in modo che i sottotitoli)
  • Scegli YouTube nell’elenco di opzioni
  • Seleziona il tuo modello
  • Lascia che lo strumento generi il tuo video, usando il testo come sottotitoli (tieni selezionata l’opzione “Suggerisci automaticamente immagini / video”)

Il video avrà foto d’archivio, sottotitoli, transizioni e musica in sottofondo. Puoi cambiare e modificare uno di questi elementi, nonché caricare le tue immagini da usare. Puoi persino caricare una voce fuori campo da utilizzare al posto della musica, ma regolarla richiederebbe più tempo.

articolo invideo al testo

Il tuo video non deve essere troppo lungo o troppo completo. In effetti, mantienilo breve ma coinvolgente. Dopo tutto, vuoi che il tuo video generi un clic sul tuo sito.

Nota: è disponibile un software di editing video gratuito. DaVinci Resolve è un buon esempio ma la curva di apprendimento è estremamente alta. Questo è il motivo per cui è una buona idea usare uno strumento a pagamento come InVideo – rende il processo molto più semplice.

2. Ottimizza il tuo profilo YouTube per Google

C’è un motivo valido per ottimizzare la tua pagina di video di YouTube per Google organica: è incredibilmente facile ottenere un ranking di video ospitato su YouTube negli elenchi di ricerca organici di Google.

Le classifiche di YouTube possono essere un mistero: non è mai possibile identificare i segnali di classifica di YouTube. Inoltre, è fortemente personalizzato (ti verranno consigliati video totalmente non correlati in base alla cronologia e alle preferenze di visualizzazione). Nel frattempo, le classifiche di Google sono ancora abbastanza prevedibili. E quando si tratta di YouTube, richiedono il minimo sforzo:

  • Hai bisogno di una parola chiave fattibile (con un po ‘di volume di ricerca e non una competizione folle)
  • Devi inserire quella parola chiave nel titolo della pagina del video
  • Devi scrivere alcuni contenuti originali per la descrizione del tuo video

2.1 Identifica la tua parola chiave

Dal momento che stai creando un video basato sul tuo contenuto già scritto, potresti avere già qualche query di ricerca che stavi prendendo di mira. Ma solo per rendere ogni passaggio attuabile, ecco un breve suggerimento per te:

  • Apri Ahrefs “Keyword Explorer”
  • Digita il termine principale (qualcosa di cui stavi scrivendo)
  • Scegli “Avere gli stessi termini”
  • Imposta la massima difficoltà della parola chiave (KD) su 20 (più basso, più facile sarebbe classificare il tuo video per esso)
  • Seleziona una parola chiave che descriva meglio i tuoi contenuti video
parole chiave ahrefs

Non aver paura di ottimizzare il tuo articolo e il tuo video per la stessa query di ricerca: i video hanno un posizionamento unico nei risultati di ricerca di Google, quindi non competeranno con il tuo articolo:

classifiche video
Il tuo video nel carousel video non competerà con il tuo articolo nei risultati di ricerca organici

Nota: Ahrefs è uno strumento a pagamento, ma offre una versione di prova gratuita a basso costo che potresti utilizzare per questa ricerca e ha dati di parole chiave specifici di YouTube che sono incredibilmente utili. In alternativa, potresti voler consultare il nostro post sugli strumenti di ricerca di parole chiave per alternative.

2.2. Ottimizza la tua pagina video

Ora che conosci le parole chiave a cui ti rivolgi, è tempo di ottimizzare la tua pagina video. Questo passaggio potrebbe richiedere più tempo rispetto al mettere insieme il video reale. Ma questo è un passo importante, anche se noioso.

Il SEO della pagina dei video di YouTube non è diverso da qualsiasi strategia SEO SEO in-page standard (o Bing SEO del resto ):

  • Hai bisogno di un titolo accattivante che contenga la tua parola chiave target
  • Devi scrivere contenuti testuali attorno all’argomento

Ecco un breve elenco di controllo di tutti i campi che devi compilare quando carichi il tuo video su YouTube:

  • Titolo : massimo 100 caratteri, meglio per mantenerlo tra 65 e 80 caratteri
  • Descrizione : massimo 5.000 caratteri: più è, meglio è!
    • 150 caratteri saranno visibili prima del collegamento <<Più>> (sfruttali al massimo)
    • Assicurati di includere #hashtag per una maggiore rilevabilità
    • Max 15 #hashtag
    • I primi 3 saranno visibili sopra il titolo
  • Miniatura : seleziona una miniatura per il tuo video, cerca di essere coerente con il tuo marchio e rendilo accattivante
  • Tag : 500 caratteri max
  • Playlist : ordina i video in playlist
Dettagli caricamento YouTube

Ecco anche un tutorial più dettagliato su come classificare il tuo video di YouTube .

La descrizione del tuo video richiederà probabilmente la maggior parte del tempo in quanto avrà bisogno di contenuti originali scritti da zero. Nel tentativo di semplificarti la vita, ecco un bel suggerimento per te: usa la funzione “Creazione frasi” dello Strumento per ottimizzare il testo che ti consente di creare rapidamente un contesto ottimizzato attorno a una frase:

  • Digita la query di destinazione che hai identificato nel passaggio precedente
  • Seleziona Google, quindi “Nuovo testo”

Lo strumento genererà l’elenco dei concetti correlati da includere nei contenuti. Puoi fare clic su qualsiasi frase nell’elenco e lo strumento genererà un contesto più ottimizzato per esso:

Builder frase ottimizzatore di testo

Lo strumento renderà il tuo lavoro di scrittura di contenuti originali per la tua descrizione molto più semplice. Continua a controllare i concetti che hanno senso per te e crea un contesto ottimizzato per lo sviluppo.

2.3. Link alla tua pagina video

Infine, assicurati di fornire un link testuale al tuo video dall’articolo del tuo blog, non solo di incorporarlo. Un link consentirà alla tua pagina video di posizionarsi nella ricerca organica di Google, quindi non perdere questo passaggio.

link al video

3. Aggiungi link cliccabili alla tua pagina video

I creatori di video erano in grado di creare collegamenti selezionabili dall’interno dei propri video ai siti verificati. Quei giorni sono andati. YouTube ha inasprito le regole al punto in cui è impossibile qualificarsi per questa opzione, soprattutto se sei un editore di video nuovo o part-time.

Ci sono ancora due posti da cui puoi collegarti:

  • La tua descrizione del video . Solo i primi 150 caratteri della descrizione del tuo video saranno immediatamente visibili sotto il tuo video, prima del clic “Altro”, quindi è una buona idea inserire lì il link dell’articolo associato.
  • Il tuo commento appuntato : i creatori di video possono aggiungere uno dei commenti del video affinché sia ​​sempre in primo piano. Non è insolito (o disapprovato) se i creatori di video appuntano il proprio commento. Quando aggiungi un commento con un link cliccabile, assicurati che sia visibile quando esci da YouTube (controllalo in un altro browser). A volte YouTube nasconderebbe i commenti con collegamenti esterni, in particolare da account più recenti. Quindi, se ciò accade, è meglio aggiungere il tuo link solo nella descrizione del video.
collegamenti cliccabili

Puoi giocare con le tue parole per renderlo meno promozionale e più interessante. Ad esempio, è possibile invitare a fare clic su un collegamento per l’elenco completo (scaricabile) di materiali, strumenti o passaggi.

4. Monitora i tuoi progressi

Questo passaggio è essenziale perché vuoi sapere quale dei tuoi trucchi ha funzionato. Devi costruire il tuo stile e la tua strategia unici, e non c’è altro modo per farlo se non quello di tenere d’occhio i tuoi numeri.

Nel tempo, vedrai alcuni segnali su dove devi attirare la tua attenzione dalle tue statistiche di YouTube.

Vai su studio.YouTube.com e fai clic sul collegamento “Contenuto” nel menu di navigazione a sinistra. Ora ordina i tuoi video per visualizzazioni. Questi sono i video che potresti voler esaminare per primi:

visualizzazioni di YouTube

Puoi anche guardare all’interno della sezione “Copertura” per ciascuno di quei video e vedere se Google è una delle fonti di traffico per uno di quei video:

parole chiave di YouTube

YouTube non ti mostrerà quali query generano visualizzazioni per i tuoi video dai risultati di ricerca organici di Google (puoi vedere solo quali parole chiave generano visualizzazioni dal motore di ricerca di YouTube). Ma puoi eseguire Ahrefs per trovare le classifiche di Google di ogni singola pagina di video:

classifiche video ahrefs

Conoscere le classifiche organiche del tuo video è utile perché ti dice se i tuoi sforzi di ottimizzazione sopra si sono dimostrati fruttuosi. Ti aiuterà anche a capire quali domande (es. Query di ricerca) che i tuoi spettatori stanno digitando su Google per trovare il tuo video.

Tuttavia, conoscere le tue statistiche di YouTube non è sufficiente poiché questo articolo riguarda il traffico da YouTube al tuo blog. Pertanto è necessario creare una canalizzazione di conversione del traffico YouTube da guardare utilizzando le analisi in loco.

Uso Finteza per monitorare il mio traffico e analizzare la mia canalizzazione di conversione. Per configurarlo, attenersi alla seguente procedura:

  • Aggiungi il codice di monitoraggio di Finteza al tuo sito (vedrai subito le tue statistiche di traffico iniziali)
  • Vai al rapporto “Referral”, individua “YouTube.com” e fai clic su di esso. Questo filtrerà tutti gli ulteriori rapporti sul traffico proveniente da YouTube:
finteza youtube

Per creare e monitorare la tua canalizzazione di conversione, devi impostare gli eventi in cui è composta. Gli eventi possono essere clic o pagine di destinazione. Puoi impostare i tuoi eventi usando il plugin Finteza WordPress .

Una volta impostati gli eventi, è possibile creare canalizzazioni utilizzando tali strumenti oppure consentire a Finteza di creare canalizzazioni automatiche.

Ad esempio, ecco il mio traffico di referral di YouTube che risponde a quattro diversi CTA “Download” che sono eventi che sto monitorando. Puoi vedere che il traffico di YouTube è molto basso, rispetto al traffico complessivo, ma fa un buon lavoro inviando queste persone ai miei CTA:

Imbuto youtube finteza

Puoi tagliare e tagliare a cubetti i tuoi rapporti sul traffico in base a quali video provengono, quale CTA preferiscono e altro ancora. Se vendi servizi o una piattaforma SaaS, devi anche impostare una pipeline di vendita per catturare tutti i lead che puoi. Nextiva offre uno strumento solido per questo .

Takeaways: creazione di una strategia di generazione del traffico YouTube

La creazione di video è più semplice e accessibile che mai.

Mentre potresti optare per una costosa fotocamera e un costoso software di editing, puoi fare molto utilizzando solo uno smartphone e un software di editing video a basso costo.

E mentre questa strategia ti consente di attirare il pubblico integrato di YouTube, i tuoi video avranno buone probabilità di classificarsi anche nelle inserzioni di ricerca organiche di Google.

Ecco perché è così importante focalizzare i tuoi video su query di ricerca specifiche.

Assicurati di includere la parola chiave target nel titolo del video e crea una descrizione di almeno 300 parole.

Includi i collegamenti al tuo sito dalla descrizione del video (e possibilmente dal tuo commento appuntato).

Quindi, controlla le tue classifiche di Google e le prestazioni del traffico per capire cosa funziona (e cosa non funziona), quindi puoi modificare la tua strategia di conseguenza.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close