Cerca

Come utilizzare i Social Media per migliorare sostanzialmente il tuo SEO

Nel nostro mondo moderno, i social media sono ora uno dei primi posti in cui molti clienti interagiscono con le aziende. Ma ciò che è veramente interessante notare è che ora i social media hanno una forte influenza anche sul comportamento di ricerca dei consumatori – e alcune piattaforme si stanno trasformando in veri e propri motori di ricerca.

In effetti, il 54% degli utenti dei social media ha cercato nuovi marchi e prodotti in particolare attraverso una piattaforma social:

ricerca sui social media

Ora, tutti i bravi esperti di marketing sanno che i social media svolgono un ruolo incredibilmente significativo nel marketing mix per le organizzazioni B2B e B2C. Ma molti non riescono a vedere la connessione tra social media e SEO.

Per essere chiari qui, i social media non sono un hack SEO diretto. In termini di influenza dei social media sull’ottimizzazione dei motori di ricerca, le linee sono ancora un po ‘sfocate. Nel 2010, sia Google che Bing dichiararono che i segnali sociali venivano usati per determinare le classifiche per le SERP. Tuttavia, Twitter ha temporaneamente bloccato l’accesso di Google nel 2014, causando un contraccolpo che ha portato Google a annunciare che stavano cambiando la loro politica sui segnali sociali.

Ma sebbene Google abbia affermato che i social media non  incidono direttamente sulla SEO, sembra comunque avere qualche effetto sui fattori di posizionamento del motore di ricerca.

Analizziamo i modi in cui è dimostrato che i social media hanno un significato per l’ottimizzazione dei motori di ricerca.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Significato dei social media per il SEO

Prima di tutto, i social media influenzano i fattori SEO perché possono dare maggiore credibilità e visibilità a un’azienda, due dei più importanti segnali di posizionamento che Google utilizza. Una delle regole di base per la SEO è quella di aumentare il numero di link interni ed esterni, nonché menzioni del marchio e parole chiave al fine di aumentare la visibilità.

Più le piattaforme di social media della tua attività sono attive, maggiore sarà la tua presenza sul Web e questi account verranno spesso visualizzati sulle SERP quando viene inserito il nome del tuo marchio:

immagine6 2

Un altro fattore SEO chiave che i social media possono influenzare è l’intenzione.

I motori di ricerca cercano costantemente di offrire ai propri utenti i risultati più pertinenti, come fornire una risposta a una domanda. I post sui social media (in particolare i video) possono essere utilizzati per questi risultati. Ad esempio, quando cerchi “Come pulire le grondaie” i risultati migliori sono tutti i video di YouTube, grazie alla partnership di Google e YouTube:

immagine7 3

Pertanto, se un post social può rispondere chiaramente alla domanda del ricercatore o contenere frasi simili, può apparire come risultato di ricerca.

È anche interessante notare che mentre Google secondo come riferito non utilizza i social media come fattore di classifica, Bing lo fa ancora. Google ha sicuramente la più grande presa sulla quota di mercato in termini di motori di ricerca online, ma tieni presente che circa il 25% di tutte le query nel 2018  sono state gestite dal servizio Microsoft.

Quindi, chiaramente, i social media entrano in gioco in un modo o nell’altro – e gli esperti di marketing dovrebbero prestare attenzione e integrare le tattiche dei social media nelle loro strategie SEO. Sebbene l’uso dei social media non possa garantire alla tua azienda il primo posto nelle SERP, può aiutarti in diversi modi.

Discutiamo alcune strategie attuabili che il tuo team di marketing dovrebbe utilizzare al fine di influenzare il loro SEO con i social media.

Dive Deeper:

Utilizzare i social media per promuovere collegamenti pertinenti

Sebbene attualmente i social media non si qualifichino come doppi link esterni per dire su Google, la condivisione di contenuti in loco tramite i tuoi account social può aumentare la visibilità. Inoltre, le persone condivideranno spesso contenuti che ritengono interessanti o pertinenti per i propri follower, il che può aiutare a migliorare la credibilità della tua azienda e la presenza sociale online, raggiungendo contemporaneamente un pubblico più ampio.

Tuttavia, sembra che il coinvolgimento sociale abbia  un ruolo nei fattori di posizionamento di Google. Secondo l’ultimo rapporto di Moz , i segnali sociali (inclusi i tassi di coinvolgimento di Facebook e Twitter) hanno contribuito al 3,47% dei fattori di posizionamento di Google. Sebbene questo numero sia piuttosto piccolo, è interessante notare che Google riconosce l’importanza dell’impegno sociale e lo tiene in considerazione nel determinare le classifiche di ricerca.

Chiaramente, il tipo di contenuto che condividi sui tuoi social media è certamente importante se vuoi aumentare i tassi di coinvolgimento. Il motivo per cui la maggior parte delle persone seguirà attivamente un marchio o condividerà un post è perché trova il contenuto utile, divertente o perspicace.

Ma è anche interessante notare il tipo di contenuto che le persone non  vogliono vedere dalle aziende su piattaforme social.

L’indagine di Sprout Social ha rilevato che il 41% delle persone smetterebbe di seguire un marchio se non condividesse informazioni che sono rilevanti per loro e il 30% non seguirebbe se scoprissero che il contenuto non si adattava necessariamente alla voce del marchio:

grafico-Unfollow-actions-1

Il contenuto del filler può spesso danneggiare i tassi di coinvolgimento online di un’azienda. Quando i marchi condividono contenuti che non risuonano necessariamente con il loro pubblico, i numeri di coinvolgimento tendono ad essere abbastanza bassi.

Alcune aziende pensano erroneamente che il modo migliore per creare coinvolgimento sia condividendo contenuti simili a account “normali”, come meme divertenti o ponendo domande importanti per incentivare le persone a rispondere nei commenti. Tuttavia, questo tipo di contenuto non ha davvero nulla a che fare con il pubblico di destinazione dell’azienda, quindi non genera un coinvolgimento significativo.

Questi post sono spesso anche il risultato della società che cerca di raggiungere la quota di pubblicazione per Facebook . Invece, le pagine social della tua attività dovrebbero essere focalizzate sulla condivisione di contenuti che promuovono un coinvolgimento autentico perché sono direttamente applicabili ai tuoi follower.

Se dai un’occhiata alla pagina Facebook di Trustpilot della piattaforma di recensioni  , puoi vedere che spesso condividono link direttamente al loro blog aziendale su argomenti che sono altamente pertinenti e informativi per il loro pubblico:

immagine3 4

Di conseguenza, questi post ricevono un grande coinvolgimento e hanno maggiori probabilità di essere condivisi.

Inoltre, l’utilizzo di piattaforme social per promuovere collegamenti interni è vantaggioso per tutti. In genere ha un coinvolgimento maggiore a causa della pertinenza e può anche aiutare a far crescere il traffico organico quando i follower lo condividono sulle proprie pagine personali, indirizzando nuovo traffico quando seguono il link.

Come sempre, quando si tratta di condividere su piattaforme social, la cosa più importante da ricordare è connettersi con il proprio pubblico.

Le persone seguono i marchi sui social media per saperne di più sull’azienda o sui loro prodotti e ottenere accesso a contenuti esclusivi, non per condividere informazioni generiche.CLICCA PER TWEETConcentrandoti sulla pertinenza dei contenuti, puoi aumentare in modo significativo i numeri di coinvolgimento, che a loro volta aiuteranno il tuo SEO complessivo.

Dive Deeper: come ottimizzare la tua pagina Facebook per le ricerche locali

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Ottimizza i tuoi profili con informazioni importanti

Ricorda, oggigiorno le piattaforme di social media si stanno trasformando in motori di ricerca propri. Ora è abbastanza comune per le persone cercare le informazioni di contatto di un’azienda sulla propria pagina dell’account Facebook o LinkedIn. Inoltre, Google utilizzerà questi dati anche per creare profili con informazioni pertinenti per le query di ricerca.

Puoi vedere come entrano in gioco le informazioni sui social media per Paw Commons Pet Resort. Google ha tirato i dati dal proprio account di Facebook specificamente per le recensioni evidenziare  – e un link diretto al proprio account è elencato proprio nel loro profilo Google:

image2 3immagine1 2

Le recensioni dei clienti sono un altro importante fattore SEO. Il rapporto di Moz afferma inoltre che i segnali di revisione (inclusi quantità, velocità e diversità) costituiscono il 15,44% dei fattori di classifica.

Pubblicando le recensioni dei clienti su Facebook e altre piattaforme social, puoi lavorare per aumentare la visibilità delle valutazioni. Questo non solo influenza la tua classifica, ma può anche aiutarti ad attirare più clienti.

Il cliente medio legge almeno dieci recensioni online prima di ritenere di potersi fidare di un’azienda. Rendendo queste recensioni ancora più facili da trovare attraverso i canali social, è possibile migliorare contemporaneamente la fiducia e alimentare più conversioni.

Gli esperti di marketing dovrebbero essere ben consapevoli dei modi in cui utilizzare i loro profili sui social media per integrare le informazioni necessarie che Google cerca spesso durante le query dei clienti comuni. Facebook e LinkedIn sono le principali fonti di informazioni di contatto di base, come l’indirizzo dell’ufficio o del negozio, gli orari di apertura e i numeri di telefono.

Ricorda che questo non si applica solo agli account social della tua azienda. Se le persone all’interno della tua azienda usano i loro profili social personali per promuovere il loro lavoro o sono considerati leader nel loro settore, dovrebbero anche ottimizzare i loro profili.

Ad esempio, le persone possono includere un link al sito Web della loro azienda nei loro bios Twitter e Instagram per aumentare la consapevolezza del marchio ogni volta che condividono un approfondimento:

immagine10 4

Includere questi collegamenti e informazioni può anche essere molto utile per Google quando gli utenti sono alla ricerca di persone specifiche che lavorano per un’azienda, come cercare di trovare CFO, CMO o responsabile delle risorse umane.

Dive Deeper:

Usa i canali social per aumentare la consapevolezza

Infine, i social media possono avere un’influenza più indiretta sul SEO costruendo il riconoscimento del marchio che porta al traffico organico. Così tanti clienti stanno ora imparando a conoscere marchi e prodotti direttamente attraverso i canali social, sia cercandoli in modo specifico  – come utilizzare Pinterest per trovare un mobile  – o seguendo gli account degli influencer che li condividono.

È davvero positivo per tutte le aziende diversificare la propria portata utilizzando più piattaforme social per interagire con segmenti diversi. Ogni canale social offre il proprio giro unico sulla rete e le persone che li usano hanno preferenze e intenzioni diverse.

Dai un’occhiata alle ricerche di Convince e Convert . Le fasce di età per le piattaforme sociali più popolari variano in modo piuttosto ampio, con LinkedIn, Pinterest e WhatsApp che sono più ampiamente utilizzati con un pubblico di età superiore ai 35 anni. Snapchat, Instagram e Twitter, d’altra parte, hanno più utenti di età inferiore ai 35 anni :

2019-social-media-ricerca-social-network-utilizzo-by-age

Diversificando i loro contenuti specificamente per ciascun canale, le aziende possono aumentare i propri follower connettendosi con un pubblico più ampio. I marchi devono sfruttare queste piattaforme e vedere come possono integrare i loro contenuti nella loro strategia di vendita per aumentare il riconoscimento e indirizzare il traffico verso il loro sito.

Esistono diversi modi per farlo:

1) Crea contenuti di tipo virale adatti a ciascun canale

Anche se il pubblico varia da canale a canale, così fanno le loro preferenze e motivazioni . Siti come YouTube e Twitter sono i migliori per aiutare il pubblico a scoprire cose nuove, mentre Instagram e Snapchat sono i migliori per creare connessioni più personali:

immagine5 3

Al fine di creare contenuti altamente coinvolgenti, gli esperti di marketing dovrebbero adattare i loro contenuti in base al perché  dietro ogni piattaforma.

Ad esempio, YouTube è più comunemente usato per la scoperta e l’intrattenimento. I marketer di BlendTec hanno deciso di capitalizzare questo creando il loro show chiamato ” Will It Blend “, che presenta il loro potente prodotto.

Hanno cercato di fondere tutto, dall’iPad al baseball, e molti dei loro episodi hanno centinaia di migliaia di visualizzazioni insieme a 877.000 abbonati. Questo contenuto si adatta bene all’intento di YouTube e crea consapevolezza in modo divertente e coinvolgente.

immagine11 1

2) Collaborare con i giusti influenzatori

Non c’è dubbio che l’influencer marketing è un modo popolare per i marchi di aumentare la loro portata. Ma può aiutare con la SEO?

Ancora una volta, non avrà un’influenza diretta, ma è un modo per aumentare la consapevolezza. Inoltre, può indirizzare il traffico verso il tuo sito Web se gli influenzatori incorporano collegamenti nei loro blog o taggano il nome della tua azienda nei loro post.

Ad esempio, Herdez ha recentemente collaborato con la food blogger e influencer Emilie Eats per promuovere la loro salsa al guacamole. Emilie ha creato una ricetta che è stata condivisa sul suo Instagram , con Herdez taggato nel post:

immagine12 2

Emilie ha anche condiviso la ricetta sul suo blog , che aveva un link incorporato al sito Web di Herdez:

immagine8 2

Dive Deeper:

3) Sviluppare consapevolezza del marchio non promozionale

Non devi solo concentrarti sulla promozione di prodotti e servizi tramite canali social; sono anche un’opportunità per sensibilizzare su argomenti più importanti che contano davvero per il tuo pubblico.

Oggi i clienti apprezzano molto i marchi che prendono posizione su temi sociali, come i diritti umani, l’ambientalismo o persino le opinioni politiche. Ad esempio, il marchio di abbigliamento Aerie si concentra molto sulla diversità e l’inclusione, insieme alla positività del corpo. I loro post hanno molto più a che fare con la promozione di tipi di corpo realistici e cause di supporto come le Olimpiadi speciali che non con la semplice vendita di abiti:

immagine9 3

Le persone tendono ad avere maggiori probabilità di condividere contenuti che supportano una causa per la quale si sentono appassionati, rispetto a un post con un outfit che gli piace. I contenuti non promozionali possono essere estremamente utili per aumentare la consapevolezza in modo positivo.

Dive Deeper:

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Conclusione

Anche se i social media potrebbero non essere un fattore di posizionamento SEO diretto oggi, ci sono pochi dubbi sul fatto che le cose potrebbero cambiare poiché queste piattaforme di rete diventano ancora più importanti nel ciclo di vendita.

Tuttavia, ci sono sicuramente alcuni vantaggi di ricerca che i social media possono offrire ai marchi, quindi gli esperti di marketing devono capire come capitalizzare su di essi per migliorare le loro strategie SEO.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close