Cerca

Come utilizzare Google Keyword Planner per la creazione di contenuti

Non sarebbe bello se potessi ottenere idee per le parole chiave per i tuoi contenuti o le tue campagne PPC senza dover spendere soldi per un costoso strumento per le parole chiave?

Bene, puoi fare esattamente questo con Google Keyword Planner, uno strumento di ricerca di parole chiave gratuito offerto da Google, che ti aiuta a:

  • Ottieni nuove idee per le parole chiave sia per i nuovi contenuti sia per i tuoi annunci Google
  • Ottieni ricerche mensili medie per le parole chiave che ti interessano
  • Scopri quali parole chiave sono correlate a determinate pagine online
  • Esporta un elenco di parole chiave pertinenti in un file CSV

Google Keyword Planner può aiutarti a fare tutto questo e altro. E la parte migliore? È gratis da usare.

In questa guida, ti mostrerò come ottenere il massimo da questo strumento, anche se non l’hai mai usato in passato.

Sommario

  • Che cos’è Google Keyword Planner?
  • Come accedere a Google Keyword Planner
  • Come utilizzare Google Keyword Planner
  • Suggerimento extra: utilizza Google Keyword Planner con l’API NLP di Google
  • Avvolgendo

Che cos’è Google Keyword Planner?

Cominciamo con alcune basi.

Google Keyword Planner è uno strumento gratuito che, secondo Google , ti aiuta a:

  • Scopri nuove parole chiave
  • Parole chiave di ricerca
  • Ottieni stime di offerta
  • Fai il tuo piano

Diamo un’occhiata più da vicino a ciascuno di questi punti.

1) Scopri nuove parole chiave

As per Google:

“Il nostro strumento di ricerca per parole chiave ti aiuterà a trovare le parole chiave più pertinenti per la tua attività.”

Ciò significa che Google Keyword Planner è principalmente uno strumento di ricerca per parole chiave.

Anche se è principalmente destinato ad aiutare gli inserzionisti e le aziende che pubblicizzano sulla ricerca di Google, può essere un ottimo strumento anche per la creazione di contenuti e SEO.

2) Parole chiave di ricerca

Lo Strumento di pianificazione delle parole chiave ti fornisce informazioni utili su come le parole e le frasi vengono ricercate nel tempo (ad es. “Volume di parole chiave”), nonché su come queste ricerche cambiano nel tempo.

Come afferma Google:

“Questo può aiutarti a restringere l’elenco delle parole chiave a quelle che desideri davvero.”

3) Ottieni offerte stimate

Keyword Planner ti fornirà le offerte suggerite per le parole chiave che desideri scegliere come target in modo da sapere quanto è competitivo il panorama e determinare quale dovrebbe essere il tuo budget pubblicitario.

4) Crea il tuo piano

Una volta creato un elenco di potenziali parole chiave che desideri utilizzare, puoi aggiungerle al tuo piano pubblicitario e salvare il piano per riferimento futuro o condividerlo con i tuoi colleghi.

Dive Deeper:
9 tecniche SEO efficaci per guidare il traffico organico nel 2020
10 strumenti per monitorare la crescita dei concorrenti e incidere sulle loro strategie
Ricerca di parole chiave SEO semplificata nel 2020

Keyword Planner è uno strumento utile per la creazione di contenuti e SEO

Da queste quattro funzioni principali sopra elencate, comprendiamo che lo Strumento di pianificazione delle parole chiave è principalmente destinato a essere uno strumento pubblicitario.

Tuttavia, oltre ad essere particolarmente utile per PPC, Google Keyword Planner può anche essere uno strumento molto utile per la ricerca di parole chiave per la creazione di contenuti e scopi SEO.

In effetti, molti degli strumenti di ricerca di parole chiave esistenti là fuori utilizzano i dati di Keyword Planner (ad es. CPC o volume di ricerca mensile) per fornire dati ai propri utenti.

Ad esempio, il moderno software SEO Clearscope utilizza il costo per clic (CPC) medio su Google Ads per aiutare i suoi utenti a comprendere la competitività di una determinata parola chiave:

Ricerca di parole chiave Clearscope

Questo motivo per cui altri strumenti di ricerca per parole chiave utilizzano i dati dello Strumento di pianificazione delle parole chiave perché lo Strumento di pianificazione delle parole chiave è uno strumento creato da Google, lo stesso motore di ricerca che tutti cercano di dominare, sia a livello di pagamento che organico.

Pertanto, come puoi capire, è naturale che lo strumento per le parole chiave di Google sia uno dei più popolari e ricercati quando si tratta di ricerca per parole chiave.

Nota: la maggior parte delle persone pensa che per utilizzare lo Strumento di pianificazione delle parole chiave sia necessario spendere soldi su Google. Ma, come vedremo nella prossima sezione, non è sempre necessario.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Come accedere a Google Keyword Planner

Una delle cose più frustranti di Google Keyword Planner è come accedi effettivamente allo strumento. In altre parole, come inizi a usarlo senza dover spendere dollari pubblicitari su Google Ads?

In questa sezione, ti mostrerò come è possibile configurare un account Google Ads (che è gratuito) per iniziare a utilizzare il famoso strumento per le parole chiave.

Prima di tutto, devi visitare la pagina principale di Google Ads :

1 2

Nota: ciò che vedi in questa pagina di destinazione potrebbe essere leggermente diverso in base alla tua posizione. 

Quindi, fai clic sul pulsante blu ” Inizia ora ” per iniziare a configurare il tuo account.

Il messaggio che riceverai dopo è questo. Dato che non hai ancora un account, fai clic su ” Nuovo account Google Ads “:

2

Una volta fatto, vedrai che ti viene chiesto il tuo principale obiettivo pubblicitario con le campagne pubblicitarie che stai per impostare.

Le opzioni qui sono:

  • Ricevi più chiamate
  • Ottieni più vendite o iscrizioni al sito web
  • Ottieni più visite alla tua posizione fisica

Google Ads

Come ho accennato in precedenza, vogliamo iniziare a utilizzare lo strumento senza dover impostare una campagna effettiva.

Per fare ciò, è necessario fare clic sul testo del collegamento ipertestuale proprio sotto le tre opzioni che dice ” Passa alla modalità Esperto “:

5

Dopo aver fatto clic su questa opzione, vedrai un menu che (ancora una volta) ti chiede di definire il tuo obiettivo principale.

Fai clic sul testo del collegamento ipertestuale in basso che dice ” Crea un account senza una campagna “, che ti consentirà di creare un account Google Ads senza dover impostare una campagna pubblicitaria:

6 1

Quindi, in base alla posizione, al fuso orario e alla valuta, dovrai confermare e inviare le informazioni che verranno utilizzate per creare il tuo account.

Dato che risiedo in Grecia, le informazioni che ho fornito sono le seguenti:

7 1

Dopo aver fatto clic su ” Invia “, vedrai il seguente messaggio che si congratula con te per aver configurato il tuo account e ti incoraggia a esplorarlo.

Fai clic su ” Esplora il tuo account ” e attendi un paio di minuti fino a quando il tuo nuovo account è configurato e pronto per l’uso:

8 2

Come puoi vedere dallo screenshot qui sotto, il tuo account sarà “in corso” una volta arrivato a questo punto:

9 1

Tuttavia, e questa è la cosa importante, sarai già in grado di utilizzare lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google per ottenere suggerimenti di parole chiave e iniziare a esplorare nuove opportunità di parole chiave.

Una volta creato il tuo nuovo account, selezionalo e fai clic su ” Passa alla Modalità esperto “:

10 1

Questo ti porterà alla schermata mostrata di seguito, dove sarai in grado di iniziare a utilizzare lo strumento. Per accedere a Google Keyword Planner, fai clic su ” Strumenti e impostazioni ” nel menu in alto:

13

Fai clic su “Pianificazione”:

15

I quattro strumenti che vedrai sono:

  • Performance Planner
  • Pianificatore di parole chiave
  • Raggiungi il pianificatore
  • Anteprima e diagnosi annunci

16 1

Come puoi immaginare, dal momento che abbiamo creato un account pubblicitario, questi strumenti vengono utilizzati principalmente per scopi pubblicitari. Tuttavia, lo strumento di pianificazione delle parole chiave che devi scegliere è uno che (come ho già detto in precedenza) può essere utilizzato sia per PPC che per SEO .

Dive Deeper:
5 motivi per cui il SEO avvantaggia la tua attività SaaS (+ strategia SEO SaaS)
4 modi per segnalare a Google che sei un creatore di contenuti esperti
SEO e CRO: come classifiche e conversioni si completano a vicenda

Seleziona ” Keyword Planner “. Poiché è la prima volta che usi Google Keyword Planner, visualizzerai un popup che spiega cosa può fare lo strumento per te e ti chiede di passare a una procedura dettagliata in 4 passaggi del prodotto:

17

Come puoi vedere dallo screenshot sopra, le quattro funzioni principali dello strumento (secondo Google) sono:

  • Ottieni le parole chiave più pertinenti
  • Escludere i termini con marchio
  • Collabora ai piani
  • Ottieni previsioni stagionali

Anche se la maggior parte di queste funzioni sono strettamente correlate a PPC, hanno un valore reale anche per la creazione di contenuti e SEO.

Se non vuoi seguire la procedura dettagliata in 4 passaggi e preferisci iniziare subito a utilizzare lo strumento, fai semplicemente clic sul pulsante blu ” Inizia “.

Una volta che lo fai, questo è quello che vedrai dopo:

18 1

A questo punto, sei pronto per iniziare a utilizzare lo strumento!

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Come utilizzare Google Keyword Planner

Dopo averti mostrato come accedere a Google Keyword Planner, ora ti mostrerò come utilizzare effettivamente lo strumento.

Ho suddiviso il processo di utilizzo dello strumento in quattro passaggi.

Passaggio 1: Scegli uno strumento

Innanzitutto, devi scegliere uno strumento.

Come puoi vedere di seguito, lo Strumento di pianificazione delle parole chiave ha due strumenti principali:

  • Scopri nuove parole chiave
  • Ottieni volume di ricerca e previsioni

1

Entrambi questi strumenti sono importanti, ma per motivi diversi.

Diamo un’occhiata a ciascuno di essi, a partire dal secondo, che è molto più semplice.

Strumento n. 1: ottieni volume di ricerca e previsioni

Secondo Google, lo strumento ti aiuta a “vedere il volume di ricerca e altre metriche storiche per le tue parole chiave, nonché le previsioni su come potrebbero funzionare in futuro”.

Innanzitutto, fai clic in un punto qualsiasi della casella degli strumenti:

31

Quindi, aggiungi un elenco di parole chiave che ti interessano.

32

Come puoi vedere, abbiamo inserito manualmente un elenco di parole chiave (una parola chiave per riga), ma puoi anche caricare un file con un elenco di parole chiave.

Riceviamo quindi un rapporto con tre opzioni principali:

  • previsioni
  • Parole chiave a corrispondenza inversa
  • Metriche storiche

Le previsioni forniscono metriche importanti per ognuna di queste parole chiave:

33

Con questo semplice rapporto, otteniamo una panoramica di quanto siano competitive e popolari le nostre parole chiave. Per impostazione predefinita, il rapporto include colonne come “Gruppo di annunci”, che è un po ‘irrilevante quando vogliamo solo ottenere idee per le parole chiave per i contenuti.

Le parole chiave a corrispondenza inversa sono un rapporto pertinente e importante esclusivamente a fini pubblicitari.

Metriche storiche è un rapporto che contiene praticamente tutto ciò che possiamo trovare nel rapporto Previsioni.

Quindi, come puoi capire, questo strumento, sebbene utile, non è così importante come l’altro strumento che analizzeremo in seguito.

Strumento n. 2: Scopri nuove parole chiave – Inizia con le parole chiave

Secondo Google, questo strumento ti aiuta a “ottenere idee per le parole chiave che possono aiutarti a raggiungere le persone interessate al tuo prodotto o servizio”.

Innanzitutto, fai clic in un punto qualsiasi della casella degli strumenti:

2 1

Questo è ciò che vedrai dopo:

3 2

Come puoi vedere, lo strumento ha due opzioni principali:

  • Inizia con le parole chiave
  • Inizia con un sito Web

Inizieremo con il primo.

Nell’esempio, supponiamo che tu gestisca un’azienda SaaS che aiuta le persone con divulgazione PR, collegamento e promozione dei contenuti.

Digita una di queste parole chiave e inizia la tua ricerca con quella. Cominciamo con “PR outreach”:

5 1

Una cosa che dovresti considerare qui è l’area o le aree che intendi indirizzare e la lingua per la quale vuoi ottenere risultati. Come puoi vedere nello screenshot qui sotto, la mia lingua / area è impostata su Greco / Grecia, poiché queste sono le opzioni predefinite di Google da quando ho impostato il mio account:

6

 

Nel nostro esempio, tuttavia, vogliamo scegliere come target gli Stati Uniti e utilizzare l’inglese come lingua.

Per cambiare la lingua, fai clic sulla lingua corrente e scegli quella che desideri dall’elenco a discesa:

7 2

Quindi fai lo stesso per i Paesi da cui desideri ottenere i dati delle parole chiave.

Innanzitutto, cerca il Paese di destinazione, selezionalo nell’elenco e fai clic su ” Salva “:

8

Quindi, rimuovi semplicemente il Paese predefinito e mantieni solo quello che desideri scegliere come target (nel nostro caso, gli Stati Uniti). Al termine, fai clic su ” Salva “.

9 2

Ecco cosa vedrai dopo:

10

Nota: tieni presente che puoi utilizzare tutte le “parole chiave seed” (ovvero parole chiave primarie o principali) che desideri.

Qui puoi disattivare il pulsante “Includi nomi di marca nei risultati”.

Tuttavia, non lo faremo perché:

  • Vogliamo avere un’idea completa dei termini rilevanti per il nostro termine target.
  • Vogliamo anche ottenere idee su parole chiave / termini competitivi che possono essere utilizzati per PPC o SEO (ad es. Concorrente A vs concorrente B).

Inoltre, possiamo aggiungere un dominio da utilizzare come filtro:

11 2

Ciò significa che lo strumento ci mostrerà idee per le parole chiave che sono state trovate sul sito che abbiamo utilizzato.

Quando fai clic su ” Ottieni risultati “, noterai che non ci sono parole chiave suggerite, il che è piuttosto deludente:

12

Anche se scegli un intervallo di date diverso, i risultati qui non saranno comunque soddisfacenti. Ciò ha a che fare con la nostra parola chiave target e ci mostra che dobbiamo inserire più termini per cominciare.

Quindi, torniamo indietro e inseriamo quanti più termini possibile:

13 1

A parità di altre condizioni, questa volta i risultati sono molto migliori. Abbiamo 96 idee per le parole chiave da cui possiamo ricavare e che possiamo anche “ampliare la nostra ricerca” in modo da ottenere ancora più idee per le parole chiave:

14 1

Nota: i  risultati possono variare in base alle parole chiave utilizzate.

Per impostazione predefinita, le parole chiave sono ordinate per pertinenza, ma possiamo anche ordinarle per:

  • Avg. ricerche mensili (volume di ricerca mensile medio)
  • concorrenza
  • Offerta per la parte superiore della pagina (gamma bassa e gamma alta)

Le altre colonne esistenti per impostazione predefinita sono “Quota impressioni annunci” e “Stato account”:

15 1

Tieni presente che maggiore è l’offerta degli inserzionisti per un determinato termine, maggiore è il suo valore commerciale. Ciò significa che le parole chiave con un valore commerciale più elevato potrebbero non essere le migliori per idee di contenuto.

Tuttavia, allo stesso tempo, se una parola chiave ha “bassa concorrenza”, ciò non significa che sia facile classificarla organicamente.

Tutto sommato, ricorda che questo è principalmente lo strumento di un inserzionista e quindi i dati che ci fornisce hanno a che fare con la pubblicità.

Dal rapporto che lo Strumento di pianificazione delle parole chiave ha generato per noi, possiamo anche modificare le colonne che vediamo facendo clic sul pulsante ” Colonne ” in alto a destra:

16

Alcune altre opzioni che possiamo usare come colonne sono:

  • Posizione media organica
  • Quota di impressioni organiche
  • Concorrenza (valore indicizzato)

17 1

Nota:  puoi anche modificare la posizione di tutte le colonne diverse da quella del “Testo della parola chiave”.

Ogni volta che Google ha dati insufficienti per una determinata parola chiave, vedrai un ”  ” in quella colonna.

Da lì, puoi anche scaricare i dati grezzi che hai semplicemente facendo clic su ” Scarica idee per le parole chiave “:

Scarica idee per le parole chiave

Una caratteristica interessante qui è “Idee raggruppate”:

18

Questo sta fondamentalmente mettendo le idee in secchi (gruppi) in base ai termini che sono inclusi in tali idee:

19

Nel nostro esempio, il gruppo “PR Pitch” include i seguenti 9 termini / idee:

  • Esempio di passo PR
  • Pitch PR
  • Esempio di email di presentazione PR
  • Esempio di piazzola Fashion PR
  • Email di presentazione PR
  • Le migliori piazzole PR
  • Scrivere un pitch PR
  • Agenzia di PR Pitch
  • Piazzola agenzia di PR

Dive Deeper:
Come posizionarsi sulla pagina 1 di Google per migliaia di parole chiave
Targeting per parole chiave di marca rispetto a parole chiave SEO: su cosa dovresti concentrarti?
Targeting geografico: come trovare i clienti giusti per il tuo marchio

Strumento n. 2: Scopri nuove parole chiave – Inizia con un sito Web

Il secondo modo in cui puoi utilizzare questo strumento “Scopri nuove parole chiave” nel Pianificatore di parole chiave è “Iniziando con un sito Web”:

27

Diciamo che una delle parole chiave che ti interessano è “divulgazione PR”.

Dando una rapida occhiata alle SERPS per questo particolare termine, possiamo vedere che uno dei risultati migliori viene da JustReachOut:

28

Se vogliamo creare qualcosa che superi questo pezzo, dobbiamo copiare / incollare quell’URL (URL della pagina, non l’URL del dominio) nello Strumento di pianificazione delle parole chiave:

29

Usa sempre l’URL della pagina e non l’URL del dominio come fonte di parole chiave selezionando l’opzione ” Usa solo questa pagina “.

Quindi fare clic sul pulsante blu ” Ottieni risultati “.

Ecco cosa vedrai dopo. Come puoi vedere, le idee per le parole chiave che abbiamo qui sono troppe rispetto all’altro metodo, anche se questo dipenderà sempre dalla pagina che stai usando come fonte per le tue parole chiave:

30

Nella fase successiva del processo, dobbiamo filtrare i risultati che abbiamo.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Passaggio 2: filtrare i risultati

Vediamo come possiamo filtrare i risultati al fine di ottenere un buon elenco di parole chiave che possiamo esportare e iniziare a utilizzare.

Innanzitutto, fai clic su ” Aggiungi filtro “:

20

Da lì, puoi scegliere il tipo di filtro desiderato (ad es. ” Concorrenza “):

21

Quindi vedremo le condizioni tra cui possiamo scegliere in base al filtro che abbiamo selezionato:

22

Successivamente, dobbiamo scegliere le condizioni (criteri) che desideriamo, ad esempio solo le parole chiave per le quali la concorrenza è bassa:

23

Lo strumento ci fornirà quindi le idee per le parole chiave che corrispondono ai nostri criteri: nel nostro esempio sono 59 le idee per parole chiave su 96:

24

Nota: è possibile utilizzare questi filtri per creare elenchi di parole chiave a corrispondenza inversa (ad esempio parole chiave ad alta concorrenza) al fine di ottimizzare le campagne pubblicitarie.

Puoi aggiungere tutti i filtri che desideri. Questo ha anche a che fare con le parole chiave seed che hai usato, che nella maggior parte dei casi determinano il numero di idee per parole chiave generate che ottieni.

Una volta terminato il filtro, puoi iniziare ad analizzare le idee per le parole chiave.

Passaggio 3: analizzare le parole chiave

Dando un’occhiata alle idee per le parole chiave che abbiamo basato sulle nostre parole chiave seed e sui filtri che abbiamo implementato, dobbiamo quindi fare un’analisi che ci dirà quali di queste parole chiave potrebbero essere buone opportunità per i contenuti.

Ricorda, nel nostro esempio, gestisci un’azienda SaaS che aiuta le persone con divulgazione PR, collegamento divulgazione e promozione dei contenuti.

Anche se diverse aziende giudicano le opportunità di parole chiave in modo diverso, in questo caso, direi che una parola chiave come “divulgazione PR” (una delle nostre parole chiave seed) sembra essere abbastanza promettente.

La concorrenza è bassa e ci sono alcuni offerenti, il che significa che il termine potrebbe avere qualche intento commerciale dietro di esso:

26

Il modo in cui analizzi le tue parole chiave dopo averle filtrate ha a che fare con i tuoi obiettivi e obiettivi generali, ma anche con le tue capacità e lo stato attuale.

Ad esempio, per un nuovo software di divulgazione PR come Respona, prendere di mira termini con bassa concorrenza è una cosa saggia da fare. Perché? Perché un nuovo sito Web non sarà in grado di classificarsi per parole chiave più commerciali e ad alta concorrenza.

So che la maggior parte delle persone osserva i dati del volume di ricerca durante l’analisi delle idee per le parole chiave. So anche che tendono ad evitare le parole chiave a coda lunga solo perché il volume di ricerca di tali parole chiave non è così elevato (nella maggior parte dei casi).

Tuttavia, è necessario prendere in considerazione anche altre cose. Per esempio:

Una parola chiave con un volume di ricerca più basso e una minore concorrenza potrebbe essere esattamente ciò di cui hai bisogno quando hai appena iniziato.

Passiamo ora alla fase finale del processo.

Passaggio 4: scegli una parola chiave e inizia a creare

Come ho già detto, Keyword Planner è principalmente uno strumento per gli inserzionisti. Tuttavia, essendo l’amministratore delegato di un’agenzia di contenuti e SEO, ho sempre in mente un potenziale organico. Pertanto, l’ultima parte di questo processo è scegliere una parola chiave e iniziare a ideatificare il contenuto che è necessario creare.

Alla fine, la parola chiave scelta dipende da molti fattori diversi, come:

  • La tua autorità di dominio
  • Autorità locale
  • Numero di collegamenti
  • Età del dominio

Questi sono solo alcuni dei fattori che possono influenzare il processo di scelta della parola chiave target corretta.

Anche se il processo di creazione dei contenuti, che viene dopo che hai scelto una parola chiave, è piuttosto complesso e multidimensionale, dovresti sempre iniziare dando un’occhiata alle SERP.CLICCA PER TWEETSe la tua parola chiave target è “divulgazione PR”, vai e cercala online. Dai un’occhiata ai risultati migliori, prova a classificare le intenzioni di ricerca e poi inizia a creare il tuo contenuto.

Scegliere la parola chiave giusta è importante, ma questo da solo non è certo sufficiente.

Dive Deeper:
Non rimanere mai senza idee: 7 strategie per la creazione di contenuti per il tuo blog
30 modi per trovare grandi idee per i tuoi post sul blog
Come capire l’intento dei ricercatori e utilizzarlo per migliorare le classifiche SEO

Suggerimento aggiuntivo: utilizza lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google con l’API NLP di Google

Come ho spiegato, Google Keyword Planner è un potente strumento che può aiutarti con le tue esigenze di ricerca di parole chiave. Un altro strumento che puoi utilizzare insieme a questo è l’API Natural Language di Google (o ” interfaccia del programma applicativo “, un insieme di routine, protocolli e strumenti per la creazione di applicazioni software).

Che cos’è l’API Natural Language?

Come già sapete, Google è un motore di ricerca che esegue la scansione del Web per fornire agli utenti le informazioni più pertinenti in base a ciò che stanno cercando. Uno dei modi in cui determina come offrire le informazioni più rilevanti (risultati della ricerca) è l’elaborazione del testo esistente in una determinata pagina.

Sono diventati molto bravi in ​​questo – specialmente negli ultimi anni.

Tuttavia, oltre ad essere un motore di ricerca o un luogo in cui le aziende di tutte le dimensioni e di tutti i diversi settori e settori verticali possono fare pubblicità, Google offre anche una suite di strumenti per aiutare le aziende moderne con varie esigenze che potrebbero avere.

Questa suite si chiama Google Cloud e uno dei prodotti di quella suite è l’API Natural Language di Google :

1 1

Secondo Google :

“ Il linguaggio naturale utilizza l’apprendimento automatico per rivelare la struttura e il significato del testo. Puoi estrarre informazioni su persone, luoghi ed eventi e comprendere meglio il sentimento dei social media e le conversazioni con i clienti “.

Quindi, cosa accadrebbe se volessimo analizzare un pezzo di testo? Cosa succederebbe se volessimo analizzare il testo di un contenuto di contenuto competitivo che vogliamo mettere in secondo piano nella ricerca di Google? L’API NLP di Google potrebbe aiutarci in questo?

La risposta è semplice:  .

Per metterlo in prospettiva, userò un esempio. Supponiamo che tu abbia condotto una ricerca per parole chiave con lo Strumento di pianificazione delle parole chiave e, avendo creato un elenco di parole chiave che potresti potenzialmente indirizzare, trovi la parola chiave “come creare un corso online” per essere la migliore.

Innanzitutto, Google ti consente di provare l’API, senza dover pagare per il prodotto. Se scorri leggermente verso il basso sulla pagina del prodotto API , visualizzerai il seguente messaggio:

2 2

Nota: se ti interessa analizzare grandi quantità di testo e ridimensionare tale processo, dovrai pagare per le chiamate API che stai effettuando.

Se elimini il breve paragrafo che Google ha come esempio, sarai in grado di inserire il pezzo di testo che desideri analizzare:

3 1

La domanda è: che tipo di testo puoi inserire per provare l’API  – e perché?

Inseriamo la nostra parola chiave target (“come creare un corso online”) nella ricerca di Google per vedere che tipo di risultati otteniamo. Come previsto, otteniamo alcuni annunci Google nella parte superiore della pagina:

4

Dal momento che questa è una parola chiave con intento informativo – nel senso che le persone che cercano quel termine in realtà vogliono imparare come creare un corso online – ci dovrebbero essere alcune pagine informative tra i risultati. E, in effetti, ci sono.

Come puoi vedere dallo screenshot della pagina dei risultati del motore di ricerca, proprio sotto i quattro risultati a pagamento ci sono alcuni pezzi di contenuto attorno a quell’argomento.

Facciamo clic su come creare un contenuto del corso online di LearnWorlds:

5 2

Dopo aver fatto clic su quel risultato, noterai che questo pezzo è contrassegnato come una lettura di 27 minuti :

6

Sebbene questa sia, ovviamente, solo una stima, ci mostra che il pezzo è profondo, il che lo rende un buon candidato per l’analisi con l’API NLP.

Contare le parole che il pezzo ha confermato la nostra ipotesi – questo è davvero un pezzo profondo attorno all’argomento, contenente oltre 7.5K parole:

7

La prossima cosa che dobbiamo fare è copiare / incollare il testo nell’API.

Una volta fatto ciò, dobbiamo fare clic su “Analizza” e attendere fino a quando l’API non analizza il testo che abbiamo inserito:

8 1

Come puoi vedere, una volta che l’API termina con l’analisi, ci offre quattro opzioni tra cui scegliere:

  • Entità
  • Sentimento
  • Sintassi
  • categorie

9

Quello a cui siamo interessati è il primo, Entità .

Quindi, scorrere verso il basso e scorrere i risultati. Molto spesso noterai schemi tra le entità che l’API ti offre.

Ad esempio, come possiamo vedere di seguito, termini come “obiettivi di apprendimento”, “obiettivi”, “contenuto” o “discenti” vengono ripetutamente menzionati tra le entità che l’API ci offre:

10 2

Alcuni altri termini possono essere “corsi di coaching”, “incarichi” o “video”:

11 1

Giusto per essere chiari: il fatto che otteniamo quei termini non significa che dovremmo usarli tutti.

Questi sono solo i termini che l’API NLP di Google estrae dal testo per comprenderne il significato. Dal momento che questo è un pezzo che si colloca già nella top 10, forse il suo significato è qualcosa a cui dovremmo puntare.

In altre parole, puoi usare alcuni di questi termini – o analizzarli ulteriormente e vedere se effettivamente si adattano bene – al fine di essere contestualmente rilevanti e avere maggiori possibilità di posizionarsi più in alto nella pagina dei risultati dei motori di ricerca.

Tuttavia, il mio consiglio qui è questo: non esagerare.

Cerca di capire di cosa tratta un buon pezzo di testo e quali elementi rendono Google un punteggio elevato, ma evita di copiare ogni singola parola o frase inclusa nella sezione Entità. Questo probabilmente porterà a risultati opposti a quelli a cui stai mirando.

Ora che sai come utilizzare due dei prodotti Google per aumentare il livello del tuo gioco di ricerca di parole chiave, concludiamo questo articolo chiudendo con alcune considerazioni finali.

Dive Deeper:
Gli effetti dell’elaborazione del linguaggio naturale (PNL) sul marketing digitale
7 Killer Tendenze della pubblicità digitale che tutti i mercati dovrebbero conoscere nel 2020
Il futuro della SEO: come l’IA e l’apprendimento automatico influenzeranno il contenuto

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Avvolgendo

Google Keyword Planner è uno strumento molto utile, soprattutto per coloro che hanno appena iniziato e non possono allocare un budget per uno strumento di ricerca per parole chiave.

Questo strumento gratuito ti aiuta a scoprire termini di ricerca, ottenere stime sul volume di ricerca medio per parole chiave specifiche che ti interessano e analizzare pagine competitive in modo da poter migliorare i tuoi contenuti. Conoscere ciò che le persone stanno cercando e indirizzare le parole chiave giuste è essenziale sia per SEO che per PPC.

Ora sai come utilizzare lo strumento per le parole chiave di Google e come trarne il massimo. Ora imposta il tuo account e inizia la ricerca. In bocca al lupo!

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close