Cerca

Come Scrivere I Migliori Titoli Per Le Condivisioni, i Backlink E Il Traffico [Guida Basata Su Dati]

Senza un titolo abbastanza buono, nessuno si preoccuperà di leggere i tuoi contenuti.

Ciò rende il titolo la parte più importante di esso.

Fa schifo a dirsi, ma per essere perfettamente puntuali, scrivere un buon titolo batte persino scrivere un ottimo contenuto stesso, poiché i contenuti cattivi ottengono la maggior parte dell’esposizione oggi a causa di titoli migliori.

Inoltre, è molto più facile scrivere un titolo accattivante piuttosto che mettere insieme un ottimo contenuto.

Chiedi alla maggior parte dei giornali.

E, anche se sei una persona SEO hardcore che pensa che questo social media BS non si applichi a te, ti sbagli.

Titoli e titoli cliccabili sono importanti per diversi motivi:

  • Puoi utilizzare la scienza per creare titoli eccezionali per migliorare i tag del titolo e ottenere un CTR più elevato nella ricerca
  • Un CTR più alto nella ricerca è stato collegato a classifiche più alte
  • Esiste una GRANDE correlazione tra contenuto che ottiene condivisioni e contenuto che ottiene collegamenti e traffico organico (e le condivisioni si basano principalmente sul titolo poiché i dati ti mostreranno presto)

Quindi, anche se sei un SEO e desideri qualcosa che ti dia un vantaggio rispetto alla concorrenza, continua a leggere.

Inoltre, le conoscenze che abbiamo messo in questo articolo possono essere utilizzate per:

  • Scrittura titolo post blog
  • Annunci di Facebook e altri annunci di social media
  • Marketing via email
  • Le notifiche push
  • Social media
  • Sbraccio email
  • Pubblicazione di annunci di lavoro

E praticamente qualsiasi altra cosa che abbia un titolo.

Abbiamo analizzato 1,5 milioni di titoli fortemente condivisi in modo da poter mettere insieme una guida semplice per scrivere titoli solidi.

Prima di continuare e leggere come scrivere titoli realmente utili, ecco una breve panoramica dei risultati effettivi:

  • Il 10% dei contenuti ottiene il 90% delle condivisioni e degli impegni sociali (Mi piace, commenti, Retweet.
  • Se lo scomponi ulteriormente, l’ 1% dei contenuti più condivisi supera il 50% di tutte le condivisioni e impegni sociali.
  • I contenuti che condividono molto ottengono anche 2-5 volte più traffico organico e backlink , anche se queste metriche sono probabilmente interdipendenti.
  • I titoli più lunghi tendono a fare meglio sui social media rispetto ai titoli più brevi.
  • Alcuni argomenti danno successo – mentre gli argomenti polarizzanti dominano i titoli più performanti, attraendo l’interesse personale. Anche i bisogni di base, le emozioni, ecc. Sembrano funzionare.
  • Credibilità e autorità vendono.
  • I titoli dei contenuti più condivisi hanno un tono meno positivo rispetto alla media.
  • Le parole del potere di marketing sono piuttosto un mito . L’uso di alcuni rende i titoli migliori, mentre altri sono spazzatura totale.

Quindi è per una rapida occhiata. Ora, sulle cose fruibili.

Come Abbiamo Raschiato 1,5 Milioni Di Titoli Per Questo Studio

Si dice che i marketer di successo trascorrono fino al 60% del loro tempo solo sul titolo, sorprendentemente ci sono pochi dati dietro la scienza della scrittura.

Un paio di buoni studi sono stati condotti negli ultimi anni, uno da Buzzsumo , un altro da CoSchedule , entrambe aziende nel settore del content marketing.

Entrambi questi studi sono fantastici e sono stati d’ispirazione per questo.

Tuttavia, abbiamo adottato un approccio leggermente diverso.

In primo luogo, abbiamo ottenuto 1,5 milioni di titoli che sono stati abbastanza condivisi.

Abbiamo esaminato Facebook, Twitter e Reddit (ora il 5 ° sito Web più visitato negli Stati Uniti )  .

Titolo Social Shares Median
Il punteggio sociale mediano nel nostro set di dati era piuttosto elevato, circa 150, la media era 20 volte più alta.

Nota

Ci siamo concentrati sull’ottenere 1,5 milioni di titoli che avevano già alcuni punteggi sociali significativi.

C’è poca utilità nell’ottenere un set di dati completamente casuale poiché la maggior parte dei contenuti non ottiene condivisioni, quindi si finisce con un numero limitato di “top performer” che ottengono dati statisticamente privi di significato.

Abbiamo utilizzato Content Explorer di Ahrefs, API di Ahrefs, API Reddit e Twitter per ottenere i nostri dati (statistiche come condivisioni, traffico, tipo di contenuto, domini di riferimento, ecc.)

I dati sono stati ripuliti, valori anomali e duplicati rimossi.

Un’altra cosa che abbiamo fatto diversamente è che abbiamo suddiviso tutto tra i primi 20%, i primi 10%, i primi 5% e i primi 1%.

Punteggi Di Soglia

Top 20% Top 10% Top 5% Top 1%
Facebook 945 3.016 7.756 43.303
Reddit (solo collegamenti) 610 1.857 4.136 17.716
cinguettio 42 98 214 1.188

Invece di guardare semplicemente ai fattori presenti tra i titoli più condivisi, ci siamo assicurati che i fattori di presenza aumentassero mentre salivamo verso l’alto dell’1%.

Comunque, diamo un’occhiata a questi risultati.

L’1% Dei Social Media

Sono abbastanza affascinato dalla Regola di Pareto . Conosciuta anche come la legge dei pochi vitali o l’idea che la maggior parte (80-90%) degli effetti provenga da alcune cause (10-20%).

Ciò è stato dimostrato valido in molte discipline e lo è anche con la condivisione sociale.

Nel nostro set di dati, il 20% dei titoli ottiene il 95% di tutte le azioni e interazioni sociali. Dato che abbiamo guardato soprattutto i titoli che vengono condivisi, è sicuro affermare che la distribuzione generale è ancora più “ingiusta” se includiamo tutti i titoli con zero o statistiche minime.

Diventa più interessante. Per essere sicuri di aver identificato “i pochi vitali”, abbiamo analizzato ulteriormente. Si scopre che il 10% superiore ottiene quasi il 90% di tutte le azioni e il 5% superiore ne ottiene circa il 70%.

Impegni Sociali Di Proprietà

Top 20% Top 10% Top 5% Top 1%
Facebook 95.16% 88.32% 78.57% 51.02%
Reddit (solo collegamenti) 88.25% 76,86% 61.79% 23.91%
cinguettio 92.21% 84.81% 76.44% 54.98%

Se sei un operatore di marketing è sempre bene scomporre ulteriormente le cose. Troverai ciò che dà il massimo risultato e poi ti concentrerai su quello nei tuoi sforzi di marketing.

Per essere chiari, puoi prendere il 5% dei migliori performer e scoprire che anche la regola di Pareto si applica lì. Ad esempio, il 20% del 5% principale otterrebbe probabilmente l’80% di tutte le sue azioni.

Anche in questo caso, lo sono anche i titoli dei casi, poiché l’1% superiore ottiene la metà di tutte le azioni.

Distribuzione di Pareto per i titoli

La domanda successiva da porsi è stata: qual è il ruolo dei titoli nel processo di condivisione?

La Maggior Parte Delle Condivisioni Social Proviene Da Persone Che Leggono Solo Titoli

C’è un famoso detto della leggenda del copywriting, Gene Schwartz, secondo cui lo scopo del titolo è farti leggere la prima frase.

E lo scopo della prima frase è di farti leggere la seconda.

Nel content marketing, il suo significato va anche oltre.

Almeno il 59% delle quote e degli impegni sociali proviene da persone che leggono solo il titolo e non si sono mai preoccupate di leggere una sola frase.

Questo è ciò che ha scoperto uno studio di Inria su 2,8 milioni di condivisioni Twitter e 9,6 milioni di clic.

Quindi, anche se i tuoi contenuti sono mediocri ma il tuo titolo è fantastico, la maggior parte delle persone che li condividono non se ne accorgeranno nemmeno.

gaelico

Nota di Gael

Allora perché diavolo sto modificando questo pezzo in questo momento ??

Titoli di impegno sociale

Qui diventa interessante.

La maggior parte delle persone nelle nostre cerchie ignora il successo dei social media perché è visto come di breve durata e solo una seccatura rispetto al traffico di ricerca.

Ma se si osserva il traffico organico dei principali elementi condivisi, il successo sociale sembra correlarsi al traffico di ricerca.

Titoli Social Engagements% Traffic Owned

Come puoi vedere, il 10% superiore dei contenuti condivisi riceve circa il doppio o il 200% di traffico in più rispetto alla media.

E l’1% superiore ottiene il 357% di traffico in più rispetto alla media.

È fantastico, ma anche non sconvolgente.

Dimostra che essere un successo sui social media non ti rende neanche una rockstar in termini di SEO e che molto probabilmente ci sono formati di contenuti che fanno meglio nei social e alcuni che fanno meglio nelle ricerche.

Oh sì, anche la correlazione non è gente causale.

Ora, ecco uno sguardo ai backlink (misurati dal numero di domini di riferimento):

Ancora abbastanza impressionante. Come sapete dai nostri studi SERP, il numero di domini di riferimento è il singolo fattore SEO più importante.

Numero di domini di riferimento e ranking di ricerca di Google

Ora, non so quale sia la relazione tra condivisioni, backlink e traffico, ma molto probabilmente si nutrono a vicenda – cioè le condivisioni ottengono traffico, il traffico ottiene collegamenti, i collegamenti ottengono più traffico, più traffico ottiene più condivisioni.

Azioni sociali, backlink e traffico

La Nostra Esperienza

Ora la domanda che probabilmente ti stai ponendo è:

Questi insegnamenti si applicano ai piccoli editori come la maggior parte di noi? O è solo qualcosa per i grandi conglomerati dei media?

Ecco la storia di un sito che non abbiamo condiviso pubblicamente prima.

Questo sito è stato attivamente promosso solo tramite Pinterest .

Ha funzionato molto bene sulla piattaforma con alcuni post che hanno raccolto oltre 100.000 condivisioni.

Il contenuto è piuttosto sottile rispetto ai nostri standard, ma i titoli sono clickbaitsy che probabilmente spiegano il numero di condivisioni social che abbiamo raccolto.

Non ci aspettavamo che questo sito decollasse su Google perché il contenuto non era realmente concepito per questo, eppure quel sito ora si posiziona in cima a molte parole chiave abbastanza grandi anche prendendo un sacco di frammenti in primo piano :

E nonostante il fatto che non abbiamo fatto assolutamente nessuna costruzione di collegamenti, il sito ora contiene 835 domini di riferimento inclusi diversi collegamenti DR 80+:

Ahrefs Domini di riferimento 835

Questi collegamenti sono stati probabilmente acquisiti attraverso le persone che hanno scoperto i contenuti su Pinterest e si sono collegati ad esso, il che ha fatto salire le classifiche.

Quindi tutte queste cose possono funzionare nella vita reale e aumentare il tuo sito?

Sì, può.

Asporto Chiave:

È abbastanza interessante vedere come le condivisioni alimentano i backlink che poi alimentano il traffico di ricerca. È quasi come le condivisioni social, anche se potrebbero non essere un fattore di classifica, può influenzare le tue classifiche.

Quindi, se vuoi raggiungere i massimi livelli nel SEO, hai bisogno di buoni livelli di condivisione sociale.

E come abbiamo visto in precedenza, la maggior parte delle condivisioni avviene SOLO in base al titolo (la maggior parte delle persone non consuma nemmeno il contenuto).

Pertanto, anche escludendo fattori come la percentuale di clic della ricerca, un grande titolo può probabilmente essere considerato un fattore di classificazione molto indiretto.

Ora, tuffiamoci in ciò che rende i titoli migliori e come è possibile utilizzare queste tattiche per la propria attività.

I Titoli Più Lunghi Ottengono Risultati Migliori

La lunghezza di un titolo è positivamente correlata al successo dei social media. La lunghezza media per i titoli con le migliori prestazioni dell’1% è di 11,6 parole e 70 caratteri.

Rispetto al restante 99% di tutti i contenuti, tali cifre indicano che la maggior parte dei titoli condivisi è più lunga del 10% circa.

Grafico della lunghezza media del titolo

Se lo suddividiamo per social network diventa più interessante. La lunghezza conta molto per Facebook, ma le differenze sono molto più piccole quando si tratta di Twitter.

Conteggio Parole

Top 20% Inferiore all’80% Top 10% Inferiore 90% Top 5% Inferiore 95% Top 1% Inferiore al 99%
Facebook 11.3 10.4 11.4 10.5 11.5 10.6 11.6 10.6
cinguettio 11.1 10.5 11.1 10.5 11.1 10.6 11.1 10.6
Reddit 14.8 13.1 15.4 13.3 16.1 13.3 19.5 13.4

Conteggio Dei Caratteri

Top 20% Inferiore all’80% Top 10% Inferiore 90% Top 5% Inferiore 95% Top 1% Inferiore al 99%
Facebook 68.4 63,7 69.3 64.1 69.8 64.3 70.4 64,6
cinguettio 67.6 63,7 67.6 64.3 68,9 64,4 66,1 64,6
Reddit 89,0 79.8 92.1 80.5 96.9 80,8 118,9 81,3

Ovviamente, c’è un limite a quanto tempo può essere visualizzato correttamente un titolo. Per Twitter, in particolare, poiché esiste un limite di 140 caratteri (recentemente aumentato a 280).

Naturalmente, l’URL occuperà un po ‘di spazio (senza ridurre la lunghezza media degli URL nel nostro set di dati di 90 caratteri) e quindi avrai uno o due hashtag.

Come puoi vedere, i limiti sono molto più ampi per Reddit. La lunghezza media dell’1% degli invii di URL con le migliori prestazioni è di 19,5 parole o 119 caratteri.

Ciò può essere facilmente spiegato dalla natura di Reddit stesso, in quanto il modo in cui è progettato consente ai titoli più lunghi di occupare più spazio sullo schermo.

Lunghezza titoli Reddit

Questo rende il titolo più visibile, attirando più attenzione con più spazio su cui fare clic.

Asporto Chiave:

Scrivere un titolo vicino al numero massimo di caratteri della rete in cui lo condividi genererà più condivisioni e una percentuale di clic.

Fortunatamente, c’è un modo per scrivere titoli diversi per i più importanti social network usando speciali meta tag.

Facebook e diverse altre reti come Pinterest utilizzano tag OG (grafico aperto) .
Twitter utilizza il tag delle carte Twitter .

Ecco un esempio di un recente post su questo sito e di come utilizziamo i social tag per mostrare titoli diversi su reti diverse:

Sul titolo del post:

Titolo post snippet in primo piano

Titolo di Facebook:

Strumento di test di Facebook

Titolo di Twitter:

Strumento di test di Twitter

La cosa grandiosa di questi social tag è che questi titoli non vengono utilizzati solo quando condividi il contenuto.

Vengono utilizzati quando CHIUNQUE condivide il contenuto.

Quindi ottieni una spinta sociale organica permanente usandoli.

Fortunatamente, la maggior parte dei plug-in di WordPress per SEO e social media lo hanno reso facile.

Ecco come appare all’interno del Dashboard usando SEOPress (è simile su Yoast se è quello che usi):

Il modo migliore per utilizzarlo è scrivere titoli personalizzati per ciascuna rete dopo aver pubblicato la pagina e utilizzare gli strumenti di test collegati sopra per assicurarsi che appaiano puliti e utilizzino le tattiche di cui discuteremo di seguito per ottimizzare il ctr e il tasso di condivisione.

9 Ricette Principali Che Dominano L’attenzione

Bene, quindi ora conosciamo la lunghezza ottimale di un titolo a cui dovresti puntare. Scopriamo insieme i suoi contenuti.

Abbiamo analizzato tutti i nostri titoli e cercato parole e frasi che si verificano sempre più spesso nei segmenti più performanti.

E indovina qual è stata la parola chiave vincente?

Briscola.

Questa singola parola chiave era così dominante da battere persino la maggior parte dei pronomi, congiunzioni, preposizioni (come is, on, at, it, you, from, that, as, us, this) che sono comunemente presenti.

Parola Trump nei titoli

Nota

Come puoi vedere, si tratta di forti correlazioni. Altri studi hanno esaminato i migliori artisti e hanno detto: “contengono più queste parole”.

È inutile perché alcune parole, sebbene frequenti tra i migliori, ci sono risultate uguali o persino più frequenti nel campione generale.

Ad esempio, il numero 10 è il numero più frequente tra i titoli più performanti. Ma nel complesso, è meno frequente di quello che trovi in ​​tutti i titoli.

È solo che i titoli con “10” sono molto frequenti nel complesso. Così è con molti altri.

Abbiamo preso in considerazione solo parole e frasi che erano sempre più sovrarappresentate mentre passavamo dal campione generale al 20%, al 10%, al 5% e infine all’1%.

Significa che i tuoi titoli dovrebbero contenere la parola Trump ?

Potrebbe essere d’aiuto, ma non è questo il punto.

La maggior parte di queste parole potrebbe essere collegata alle notizie del momento. Ad esempio, la parola “nero” appariva più alta di quanto normalmente sarebbe dovuta principalmente alle recenti immagini dei buchi neri scattate dagli scienziati.

Esempio di titolo principale

Ciò che possiamo effettivamente imparare sono gli argomenti a cui le persone stanno reagendo.

La maggior parte dei marketer sa che quando si tratta di pubblicità, ci sono alcune ricette principali che sembrano colpire più di altre. Questi includono controversie, bisogni di base, emozioni e così via.

Abbiamo provato a mapparli di seguito:

Quali argomenti dominano i titoli

È stato difficile categorizzare tutto. Alcune parole sono troppo generiche. Ciò che abbiamo scoperto è che molte parole sono associate al formato del contenuto stesso.

Ad esempio, la parola “mostra” si verifica più comunemente quando il post presenta in primo piano un video. Ecco perché è stato contrassegnato come intrattenimento.

Ecco le parole con le più alte correlazioni:

Parole che dominano i titoli più condivisi

Ora diamo un’occhiata a come possiamo usare queste informazioni per creare archetipi di titoli che sono sicuri di generare una percentuale elevata di clic e di condivisione.

# 1. Usa Argomenti Di Politica, Controversia E Divisione Per Aumentare La Popolarità Del Tuo Titolo

La maggior parte delle parole chiave rientrano in questa categoria. E non sono gli argomenti politici più importanti, ma piuttosto i più divisivi.

Considera che i due politici sovrarappresentati nei titoli di testa sono Trump e Ocasio-Cortez. Oggi non troverai figure più divisive nella politica americana.

Un titolo con 983.9K condivisioni su Facebook.

Gli altri argomenti includono i cambiamenti climatici, la razza, il sesso e l’immigrazione.

Ad esempio, la forma più comune in cui compare la parola “muro” è “muro di confine”. Per il cibo, è “buoni pasto”. Per il bianco è “gente bianca”, per conto è “disegno di legge sull’aborto” e così via.

Titolo con un milione di azioni
“Trump”, “tasse”, “cambiamenti climatici”, un altro titolo con quasi un milione di azioni.

Questi argomenti aumentano le emozioni e, ancora una volta, possiamo confermare che sono le emozioni a guidare maggiormente la nostra attenzione.

Ciò significa che il newsjacking e la copertura di qualsiasi tipo di cambiamento legale o menzione del tuo settore sul tuo blog è un’enorme opportunità per condivisioni, collegamenti e altri segnali positivi anche se il tuo argomento non è super correlato come ci insegnano i ragazzi di Vice.

# 2. Scrivi Cosa Fanno Le Altre Persone, Pensano, Mangiano, Merda

Un’altra cosa abbastanza conosciuta nel marketing e nella pubblicità è che le persone sono curiose delle altre persone. Chi fa cosa e così via.

Cosa fanno le altre persone Esempio di titolo

Ciò spiega gli alti tassi di parole come “suo”, “lei”, “lui”, “chi”, “lei” e così via. Fondamentalmente, i pronomi si riferivano alla lettura di cose su altre persone (politici, celebrità).

Parola persone nei titoli

A parte noi stessi, ci preoccupiamo dei gruppi sociali a cui apparteniamo e, in generale, di ciò che gli altri pensano e fanno in quanto i nostri cervelli sono progettati per cercare relazioni sociali .

Questo spiega i punteggi più alti per parole come “persone”, “americani”, “famiglie”, “amici”.

Questo non è sorprendente. La maggior parte delle persone utilizza i social media per l’intrattenimento o per procrastinare, cercare distrazioni o semplicemente perdere tempo.

Quanti articoli relativi a Game of Thrones hai dovuto affrontare durante l’ultima stagione?

Sembra che anche la SEO ci abbia provato.

Hai un esempio di titolo

In generale, parole come “video”, “guardare”, “virale”, “gif”, “artista”, “Hollywood” si sono tutte rivelate fortemente correlate agli impegni sociali.

Esempio di titolo principale
Storia “virale” di un gruppo K-pop, BTS. 11.5k condivisioni Twitter.

Sembra anche che il k-pop sia la cosa più bella in questi giorni, o almeno negli ultimi mesi, poiché due parole che hanno segnato un punteggio molto alto erano BTS e Blackpink. Questi sono gruppi k-pop.

# 4 Scrivi Un Titolo Eccessivamente Emotivo

Come affermato prima, siamo guidati dalle emozioni. Sembra che siamo più guidati da emozioni negative che positive.

Emotional Headline Esempio 3.1k Azioni
K-pop star combatte contro il cancro, azioni 3.1k.

Le parole accusate di emozioni negative, come “morto”, “polizia”, ​​”contro”, “ucciso”, “muore”, “cancro” ecc. Sono più presenti tra i titoli altamente condivisi.

Titolo Facebook per cani adorabili 649.000 condivisioni Facebook
Adorable dog ottiene 649k su Facebook.

Dalle parole chiave delle emozioni positive, abbiamo trovato le più alte correlazioni con “bambini”, “cane” e “bambino / bambini”.

# 5 Salute, Ricchezza E Relazioni

Questi argomenti riguardano tutti e quindi aumentano la condivisibilità dei tuoi contenuti.

Questi includono tutto ciò che riguarda il lavoro, la famiglia, la salute, i soldi e così via. Un’osservazione interessante è stata il punteggio più alto di “cheto” o “dieta cheto”.

Esempio del titolo di ricette di Keto

Un modo semplice per implementare questi nei titoli è parlare dei benefici di ciò di cui stai parlando, quindi diciamo che hai un articolo sui benefici degli spinaci e assicurati di collegarlo a come aiuterà le persone a perdere peso.

# 6 Elenca I Post E I Numeri Più Coinvolgenti

I post degli elenchi hanno sempre generato tonnellate di impegni sociali. Questo perché sai cosa aspettarti e sono facili da leggere, il che va bene con i social media.

300.000 impegni sociali.

Precedenti studi hanno stabilito che il numero 10 è il numero più coinvolgente nei titoli.

Numeri nei titoli

Questo non ha dimostrato di essere il caso. Il numero 10 ha mostrato una progressione negativa, lo stesso per i numeri 5 e 3. Si è scoperto, sono i numeri 50, 20, 30 e 100 che si correlano bene.

Il numero 50, tuttavia, sembrava essere sovrarappresentato con l’aiuto di “50 milioni di account Facebook” compromessi che hanno fatto grandi titoli.

7 # Studio Trova …

Considero questo un risultato molto prezioso. Sembra che stabilire la credibilità proprio nel titolo ripaghi molto.

Parole come “studio”, “scienziato / i”, “rapporto”, mostravano tutte alte correlazioni con gli impegni sociali. Sembra che le persone abbiano fame di fatti e apprezzino la credibilità percepita.

Lo studio trova un esempio di titolo
Un articolo con il punteggio Reddit più alto nel nostro set di dati. Nota le dimensioni del titolo di Reddit e anche “agonia di decadimento”, parole cariche di forte emozione negativa.

Tutte queste parole sono apparse in formati come “scoperte di nuovi studi”, “dicono gli scienziati”, “il nuovo rapporto dice” come il più comune. Tuttavia, la parola “ricerca” non era ben correlata.

È interessante notare che il formato più comune per un’altra parola altamente coinvolgente “notizie” finisce per essere la “notizia falsa”, mentre la parola “falso” ha segnato anche livelli elevati.

# 8 Parla Con Certezza E Autorità

Un’altra regola ben nota alla maggior parte dei copywriter è quella di scrivere con autorità. Il modo di comunicare l’autorità nella tua copia è usando parole come “volontà” invece di “maggio”, “potere” o “dovrebbe” e “possibile” anziché “potere”.

Sia “volontà” che “possono” si correlano positivamente , mentre parole come “potrebbe” o “potrebbero” correlare negativamente con i punteggi di impegno sociale.

Esempio di titolo dell'autorità

Abbiamo osservato che non solo dai conteggi, ma piuttosto dalle frasi complete come “puoi” e “questa volontà” che sono troppo rappresentate.

Questo è piuttosto interessante in quanto può facilmente spiegare perché molti articoli sono etichettati come notizie false o giornalismo negativo.

Se le pubblicazioni vogliono ottenere più condivisioni e collegamenti, devono essere definitive su ciò che dicono.

Non c’è spazio per sfumature sui social media.

# 9 Altri Angoli

Un sacco di altre cose interessanti include la parola “fantastico” che sembra mostrare effetti molto positivi sulla condivisione dei titoli.

Parola eccezionale nei titoli

Molto però viene dalla popolarità di gif divertenti condivise tramite il sito Web gfycat.com che vanno dal titolo “[casuale] – Crea, scopri e condividi fantastiche GIF”.

Quindi, a parte la parola “fantastico”, questa è anche una testimonianza della popolarità delle gif.

Poi ci sono parole “milioni” e “miliardi”. Può essere che abbiano un certo peso con sé come “parole di potere”, cioè la parola “fantastico”.

“Miliardi”, lasciando tutti “sorpresi” e “delusi” allo stesso tempo. Tanta emozione in questo. Anche un punteggio di social share a sei cifre.

Poi ci sono parole che mettono in relazione alcune urgenze o novità come “ora”, “giusto” e “ufficiale”, che appare più comunemente come “è ufficiale”.

Meno sorprendenti sono le parole “tu” (tutti si preoccupano per se stesse) e “sesso”.

Key Takeaways:

Prova a implementare questi argomenti nei titoli e guarda come funzionano (metodo di test del titolo di seguito). Essere creativo. Non devi diventare BuzzFeed.

Scrivi i tuoi titoli con autorità ed evidenzia la loro credibilità. Fai appello all’interesse personale del tuo lettore. Sapere quali emozioni spuntare e usare le parole positive o negative appropriate.

Vale a dire se stai gestendo un blog sulla meditazione zen per le donne, usa più parole come “amore”, “bambini”, “cane” e così via.

Polarità E Soggettività

Come suggerisce la sezione precedente, i titoli polarizzati sembrano andare molto meglio della media.

Volevo approfondire questo aspetto, quindi ho eseguito l’intero set di dati tramite l’algoritmo NLP (elaborazione del linguaggio naturale).

Lo stato della PNL, una sottodisciplina dell’intelligenza artificiale (AI), a volte è ancora piuttosto primitivo ma fa un ottimo lavoro su scala più ampia. Soprattutto quando l’attività è semplice come questa.

Abbiamo usato TextBlob una libreria Python basata su NLTK (una suite di librerie per NLP) in quanto consente di eseguire un’analisi dei sentimenti abbastanza efficiente.

Ciò che ne abbiamo ricavato è stato molto carino.

Sentimento nei titoli

Fondamentalmente una solida correlazione. Più il titolo è condiviso, meno è positivo / più polarizzante.

È importante notare che TextBlob misura la polarità sulla scala da -1 a 1, con qualcosa sotto lo zero che è negativo. Si prega di notare che il grafico utilizza una scala più piccola per una migliore illustrazione.

Quindi, nel complesso, il sentimento è a malapena positivo, ma piuttosto decrescente quando si passa dal campione medio ai titoli più performanti.

Abbiamo anche esaminato i punteggi della soggettività, trovando di nuovo una buona correlazione.

Soggettività nei titoli

La soggettività è misurata su una scala da 0 a 1, dove 0 è il più vicino alle informazioni oggettive e fattuali e 1 è del tutto soggettivo.

Nel contesto della PNL significa fondamentalmente molto legato al parlare con l’autorità, vale a dire usare “volontà” invece di “dovrebbe” e così via, come spiegato prima.

Asporto Chiave:

Per me il punto chiave è che ciò conferma i risultati precedenti, vale a dire che dovresti usare un tono ragionevolmente risoluto (soggettivo) mentre le persone cercano l’autorità nel loro contenuto.

Allo stesso modo, non farei troppo affidamento sulla positività, sebbene possa dipendere dal tuo target di lettori. Metti alla prova le tue ipotesi.

Le “Parole Di Potere” Funzionano?

La prima volta che ho sentito parlare di parole di potere è stato il mio primo lavoro, una società aggressiva per le chiamate a freddo, mi sono iscritto appena uscito dalle superiori.

L’idea è che queste parole ti aiutano a vendere di più.

Nella pubblicità, sono anche un concetto abbastanza comune. Probabilmente la prima persona a nominare specifiche parole di potere è stata la leggenda pubblicitaria, David Ogilvy.

Quando ho iniziato a scrivere alcuni contenuti, leggevo spesso blog come “usare queste 189 parole di potere estremamente efficaci”.

Dato che normalmente leggo siti Web che ritengo legittimi, mi sono fidato di loro. Non mi è mai venuto in mente che parte di questo potrebbe essere solo una cazzata.

Come puoi vedere, le parole di potere dell’Ogilvy non hanno dimostrato di essere correlate. Sospettavo che alcune di quelle parole (come “affare” o “fretta”) siano diventate abusate e suonino squallide oggi.

Quindi ho continuato a testare questa ipotesi con altre serie di parole dai post di blog molto apprezzati, solo per trovare risultati contrastanti.

Un ottimo esempio è questo post: ” 401+ parole di potere ridicolmente utili per aumentare la conversione ” di sumo.com (uno dei miei blog di marketing preferiti tra l’altro.)

Durante il test (non convalidato) ho avuto l’idea che semplicemente alcune di queste parole sono spazzatura, mentre altre funzioneranno.

Ecco cosa ho fatto: ho testato ciascuna parola separatamente per filtrare sia la spazzatura che i vincitori di quell’articolo. E qui ci sono i risultati:

Devo dire che stavo cercando correlazioni molto forti: come puoi vedere, ho ottenuto solo 53 parole da tutta la lista 401+ ” ridicolmente utile “.

Alcune delle altre parole possono essere efficaci o inefficaci, ma non sono riuscito a verificarlo con una certa sicurezza, quindi le ho lasciate fuori.

Ecco un grafico per il tuo riferimento:

Parole di potere nei titoli

Come puoi vedere l’elenco delle parole “efficaci” ha una forte densità che sale nella scala.

Asporto Chiave:

Alcune parole di potere funzionano, altre no. Dovresti evitare “analizzatori di titoli” e strumenti simili poiché sono semplicemente sviluppati attorno a un elenco statico di tali parole.

Trai ispirazione dai titoli di tendenza in questo momento. Fai le tue ricerche. Cerca di essere originale ma non troppo. Allo stesso tempo, evitare ciò che sembra essere abusato.

Ok Michal, È Fantastico. E Adesso?

Molte delle ricette che ti ho dato miglioreranno notevolmente la cliccabilità, la condivisibilità e la linkabilità dei tuoi contenuti così come sono.

Ma se vuoi portarlo alla fase finale, hai bisogno di un ambiente di test.

Per questo, c’è la versione economica e la versione migliore.

Test In Loco (Economico)

La versione economica è utilizzare un plug-in come Thrive Headline Optimizer per inserire semplicemente più titoli nella dashboard di WordPress.

Thrive Headline Optimizer Options

Il plug-in raccoglierà solo i dati dall’utilizzo sul sito, quindi cose come i post widget correlati, i feed dei post ecc.

Quindi, a meno che tu non abbia una discreta quantità di traffico, i dati saranno limitati.

Ma così sarà il costo.

Può essere un discreto approccio 80/20 per coloro che vogliono titoli migliori ma non possono essere disturbati con molta seccatura e costi.

Utilizzando Annunci Di Facebook

Se stai mirando al coinvolgimento sociale, gli annunci di Facebook sono uno dei modi migliori per testare i tuoi titoli.

Ma lanciare i tuoi contenuti a freddo traffico diventa costoso, quindi il mio modo preferito di farlo è quello di costruire un pubblico iper-pertinente ma di piccole dimensioni e testarlo su di essi.

Per questo, un modo semplice per attirare il pubblico è usare Pixel Caffeine di Adespresso.

Pixel Caffeine di Adespresso

Una volta installato il plug-in, collegalo al tuo account di annuncio Facebook nelle impostazioni generali.

Pixel Impostazioni generali caffeina

Quindi vai in Segmenti di pubblico personalizzati.

Pubblico personalizzato Pixel Caffeine

Se hai meno di 50.000 visitatori al mese, probabilmente desideri ripetere il retargeting di tutti i tuoi visitatori utilizzando un semplice pubblico di retargeting di 180 giorni come questo:

Pixel Caffeine Nuovo pubblico personalizzato

Ma se hai un po ‘più di traffico, puoi fare come noi e utilizzare filtri speciali per creare segmenti di pubblico specifici per categoria.

Filtro del pubblico pixel caffeina

Ciò creerà un pubblico altamente coinvolto che puoi utilizzare per testare i tuoi titoli a buon mercato.

Quindi sono andato avanti e ho aperto Adespresso per provare alcuni titoli di questo articolo sulla base di ciò che abbiamo imparato in precedenza.

L’unica differenza tra tutti questi annunci sarà il titolo.

L’obiettivo è stabilire quanta influenza può avere il solo titolo e se vale la pena dedicare del tempo a ottimizzarli.

Test del titolo con Adespresso

Ecco come appaiono gli annunci sui dispositivi mobili (dove verranno visualizzati maggiormente)

Test di Adespresso sul titolo mobile

E le impostazioni che ho impostato su Adespresso

Impostazioni del titolo di Adespresso Mobile

Dopo aver lasciato che gli annunci seguano il loro corso, ecco i risultati:

Anno Domini Velocità di reazione Tasso di azione Tasso di commento Percentuale di clic Punteggio di pertinenza Costo per clic (GBP)
Annuncio 1 4,5% 0,9% 0% 3,4% 8 0,418
Annuncio 2 5% 0,2% 0% 5,57% 8 0.35
Annuncio 3
Annuncio 4 1,4% 1,01% 0,01% 10,3% 9 0.124

Sfortunatamente, l’annuncio 3 (quello sui super affiliati che fanno milioni) non è stato approvato da Facebook.

Certo, era rischioso e clickbaity ma vale la pena provare.

Per gli altri annunci, i risultati sono piuttosto interessanti considerando che l’unica differenza è il titolo dell’articolo.

Possiamo vedere che il titolo di Game of Thrones ha ottenuto il maggior numero di reazioni e complessivamente si è comportato meglio di quello negativo / generico in quasi tutti gli aspetti.

Riducendo così il costo per clic del 17% (è già molto).

Ma il vero vincitore qui è stato l’annuncio 4 incentrato sui vantaggi “Abbandona il lavoro” e sulla leggera inclinazione politica / universalità dell’argomento.

Il costo per clic era del 71% in meno rispetto all’annuncio 1.

Questo è un TON .

Ciò è probabilmente dovuto al fatto che il tasso di condivisione E la percentuale di clic insieme erano molto più alti rispetto agli altri annunci.

Ah Test del titolo

L’annuncio finale ha generato 91 reazioni, 6 commenti e, soprattutto, 65 condivisioni organiche che hanno prodotto 659 clic che saprai che è davvero ottimo se esegui già annunci Facebook.

Alla fine, significa che con il titolo giusto, puoi ottenere il traffico $ 1,000 più un titolo medio ottiene con solo $ 296 in quel caso.

Ora posso prendere questi dati e aggiornare i metadati social del post in modo da ottenere un maggiore coinvolgimento ogni volta che qualcuno li condivide.

Questo è il vero potere di pubblicare annunci di Facebook per i test dei titoli.

Test Del Tag A / B Del Titolo

Questo è un po ‘diverso dato che i tag del titolo hanno le loro regole che condizioneranno le tue classifiche di ricerca e non dovresti ignorarle.

Ma dopo tutte le considerazioni SEO, si applicano le stesse regole di coinvolgimento e dovrebbero essere utilizzate per scrivere i tag del titolo.

Se si desidera testarli, strumenti come gli abranking sono convenienti e forniscono dati accettabili per prendere decisioni.

Conclusione

Scrivere titoli è un lavoro semplice. Dovrebbero essere semplici, comprensibili, suggerire un forte UVP e suscitare curiosità ed emozione.

Buon esempio di titolo
Un bell’esempio di titolo solido. “Questo studio”, (credibilità), “milione” (parola di potere), “persone” (relazione sociale), “cattive notizie” (negativo) e “cheto”. Le statistiche sono di Buzzsumo.

Non dovresti complicarlo eccessivamente.

Quello che dovresti fare è evitare che la tua ricerca finisca qui con questo articolo. Ogni titolo richiede uno studio molto specifico del tuo pubblico.

Non sorprende che persone come Ramit Sethi trascorrano oltre il 50% del loro tempo solo in titoli .

È perché paga.

Una volta terminata la tua ricerca, genera 3-5 delle tue migliori idee ognuna da un secchio diverso (seguendo ciò che è delineato in questo pezzo) e testale con uno dei metodi proposti o simili.

Raccogli i tuoi dati e conserva un registro. Nel corso del tempo inizierai a farti un’idea di ciò che funziona specificamente per te .

Credo che questo sia l’approccio più sensato.

Open

info@ibdi.it

Close