Cerca

Come promuovere il tuo Blog: la guida completa per principianti

Come promuovi il tuo blog? Lo condividi sui social media una volta e speri per il meglio?

Purtroppo, non funzionerà. A meno che tu non abbia milioni di fan che vivono e respirano ogni tua parola. Ma suppongo che tu non abbia raggiunto lo status di celebrità … ancora.

Nel frattempo, perché non provare alcune di queste idee. La maggior parte sono gratuiti, quindi cosa hai da perdere?

Li abbiamo disposti in sezioni in modo che tu possa sceglierne uno alla volta.

Prima di iniziare, un avvertimento. Non provare tutte queste idee insieme. Scegli uno o due con cui ti senti a tuo agio e adatti alla tua nicchia. Quindi valuta i tuoi risultati.

Nel tempo, questo ti permetterà di creare un processo promozionale documentato che puoi seguire per ogni post che pubblichi.

Il risultato? Più occhi su ogni post del blog che pubblichi!

Iniziamo:

Contenuti

Parte 1 – Pre-promozione

La prima parte riguarda il modo in cui il tuo sito Web e i tuoi contenuti sono in ottime condizioni per darti le migliori possibilità di successo.

1.1 – Ottimizzazione del sito (SEO tecnico)

In questa sezione, scoprirai gli elementi essenziali che devi disporre per garantire che il tuo sito WordPress funzioni senza intoppi.

  1. I visitatori hanno un’esperienza piacevole trovarsi nel tuo sito
  2. I motori di ricerca possono trovare e indicizzare il tuo sito

Ospitando

La selezione di un host web affidabile non dovrebbe essere presa alla leggera. Se scegli un host web povero (e ce ne sono molti in giro), allora soffrirai battute d’arresto e frustrazioni. E, soprattutto, se i tuoi visitatori hanno un’esperienza infelice, passeranno a un altro sito.

  • Dai un’occhiata al nostro confronto di hosting WordPress gestito

Velocità

A nessuno piace andare in giro per un sito Web a caricamento lento. Inoltre, Google preferisce i siti a caricamento rapido. Anche se hai un buon hosting, ci sono ancora alcune modifiche che puoi fare. Ad esempio, WPX Hosting consiglia di utilizzare il plug-in W3 Cache per velocizzare il caricamento delle pagine Web.

  • Dai un’occhiata a questi plugin gratuiti per migliorare la velocità di WordPress

Sicurezza

WordPress è la piattaforma di blogging più popolare e, con così tanti siti di destinazione, è altamente desiderabile per gli hacker. Se non metti in atto alcune misure di sicurezza, ad un certo punto verrai attaccato. A seconda del tuo servizio di hosting, potresti già disporre di solide misure di sicurezza. Tuttavia, in caso contrario, ci sono un paio di plugin di sicurezza che consigliamo.

  • Dai un’occhiata ai nostri plugin di sicurezza consigliati per WordPress

Tema

Ci sono migliaia di temi WordPress tra cui scegliere, inclusi tutti i temi gratuiti nel repository WordPress. L’unico inconveniente con alcuni temi gratuiti è che gli sviluppatori li trascurano e diventano obsoleti. Detto questo, anche alcuni temi premium vengono abbandonati. La cosa principale è scegliere un tema ottimizzato per dispositivi mobili che si adatti agli obiettivi del tuo blog, abbia un bell’aspetto e si carichi velocemente.

Ecco alcuni temi da prendere in considerazione:

  • 50 temi WordPress gratuiti per blogger e aziende
  • 35 migliori temi WordPress per blogger e scrittori

plugin

Abbiamo già menzionato alcuni plugin di WordPress e ne suggeriremo altri lungo il percorso perché sono parte integrante di WordPress. I nostri consigli qui sono semplici: usa solo plugin di una fonte attendibile. Un plugin canaglia potrebbe rovinare il tuo sito.

  • Consulta la nostra guida essenziale per i plugin WordPress indispensabili

Indicizzazione e ricerca per indicizzazione

Non lasciarti intimidire dal titolo. Devi sapere che per avere successo il tuo blog deve essere reperibile. E il modo in cui ciò accade è tramite Google e altri motori di ricerca che possono eseguire la scansione e l’indicizzazione del tuo sito tramite un file Robots.txt . Puoi creare il tuo o, indovinare cosa, utilizzare un plug-in per aiutarti.

  • Dai un’occhiata ai nostri plugin SEO consigliati per WordPress

Senza collegamenti esterni Internet non esisterebbe: non ci sarebbe modo di spostarsi da un sito all’altro. Allo stesso modo, senza link interni, i tuoi visitatori non sarebbero in grado di accedere da una pagina all’altra del tuo sito. Quindi, ecco cosa devi fare:

  • Link interni: quando pubblichi nuovi contenuti sul tuo blog, pensa ai post e alle pagine esistenti a cui potresti collegarti. Inoltre, pensa a post e pagine esistenti che potrebbero essere collegati ai tuoi nuovi contenuti.
  • Collegamenti esterni: includi i collegamenti a pagine pertinenti su altri siti dai tuoi contenuti. Ci sono sicuramente delle pagine autorevoli di alta qualità che hai cercato durante la scrittura dei tuoi contenuti, quindi linkali e fai sapere anche al proprietario del sito. (È l’inizio del marketing degli influencer – più avanti).
  • Collegamenti interrotti – Sfortunatamente, i collegamenti interni ed esterni non durano per sempre – gli URL cambiano, il contenuto viene spostato e i siti scompaiono. Quindi è necessario trovare il tempo per trovare e correggere i collegamenti interrotti .
  • Reindirizzamenti: a volte è necessario modificare l’URL delle pagine o del dominio. WordPress a volte implementa i reindirizzamenti ma non sono sempre affidabili. Invece è possibile utilizzare il plug-in di reindirizzamento gratuito . Ma dal punto di vista delle prestazioni vale la pena aggiungere manualmente i reindirizzamenti se si ha dimestichezza nel farlo.

Strumenti di analisi

Gli strumenti di analisi sono essenziali per qualsiasi blog. Ti aiuteranno a capire come le persone interagiscono con il tuo sito web. Se hai intenzione di trascorrere del tempo a creare e promuovere i tuoi contenuti, ti consigliamo di sapere quali sono i contenuti più popolari e quale metodo di promozione ha spinto i visitatori del tuo sito. La maggior parte dei blogger utilizza Google Analytics per tenere traccia dei dati del proprio sito Web, ma sono disponibili altri strumenti.

1.2 – Pianificazione e ricerca dei contenuti

Nella sezione due, imparerai a ricercare e pianificare i contenuti per il tuo pubblico.

Scegli la tua nicchia

Prima di iniziare a produrre contenuti per il tuo blog, devi avere un’idea chiara della tua nicchia o argomento e delle quattro o cinque categorie che lo supportano. Se scegli un argomento a cui nessuno è interessato, avrai difficoltà a promuovere i tuoi contenuti.

Vale la pena controllare Google Trends per vedere come l’interesse per un argomento aumenta o diminuisce nel tempo. Ecco un esempio del termine “content marketing”:

Google Trends Content Marketing

Ricerca di parole chiave e argomenti

Dopo aver finalizzato la tua nicchia, puoi iniziare a pianificare quali contenuti produrre. La ricerca per parole chiave implica la ricerca delle parole chiave (o query di ricerca) che rappresentano il tuo blog.

Dopo aver ricercato le tue parole chiave, puoi ordinarle in argomenti allineati con le tue categorie sopra. È ciò che Andy Crestodina definisce Hub dei contenuti .

Cerca il tuo pubblico

Prima di iniziare a produrre contenuti, devi considerare il tuo pubblico. Prenditi del tempo per creare un’immagine (a volte chiamata avatar ) di chi stai scrivendo e quindi adattare i tuoi contenuti di conseguenza.

Decidi la voce del tuo marchio

Quando hai un’idea del tuo pubblico di destinazione, pensa al tuo tono di voce. Come presenterai i tuoi contenuti ai tuoi lettori? Sarai serio o divertente? Casual o formale? Irriverente o rispettoso? Trova la voce del tuo marchio con Portent’s Tone Of Voice Generator :

Indossa la voce di marca

Considera il tipo di contenuto

Ora che hai organizzato gli argomenti di nicchia e parole chiave, dovresti considerare quale tipo di contenuto stai per produrre.

La ricerca di BuzzSumo –  pubblicata sul blog OkDork di Noah Kagan  – ha mostrato che i post di infografica e elenco hanno ricevuto più condivisioni rispetto ad altri tipi di contenuti:

Tipo di contenuto

Lo abbiamo sperimentato con i nostri post su Blogging Wizard. E per l’infografica, si comportano particolarmente bene su Pinterest.

E le prime 10 liste erano popolari nelle pubblicazioni stampate molto prima che esistesse il web.

In breve, le persone sono affascinate dagli elenchi e dalla grafica basata sui dati.

1.3 – Ottimizzazione del contenuto (OnPage SEO)

In questa sezione, scoprirai come ottimizzare i tuoi contenuti su ogni pagina prima di iniziare a pubblicare.

Aggiungi meta tag al tuo titolo, URL e descrizione

Se usi il plug-in Yoast SEO per WordPress, ti verrà richiesto di completare questi tre campi:

  1. Titolo: prova a mettere la parola chiave all’inizio del titolo, se possibile.
  2. URL: utilizza URL brevi che includono la tua parola chiave
  3. Descrizione: Scrivi meta descrizioni che inducono curiosità a risucchiare le persone
Yoast SEO Fields

L’anteprima dello snippet mostra come apparirà nelle SERP effettive:

SERP

Includi parole chiave nella tua pagina

Prova a includere le parole chiave target in alcuni dei seguenti luoghi:

  • URL
  • Titolo della pagina
  • Titolo principale (H1)
  • Primo paragrafo della pagina
  • Sottotitoli di pagina (H2 / H3 ecc.)

Non è necessario averli in ogni posizione (e certamente non dovresti forzare la tua parola chiave in quei luoghi solo per il gusto di farlo), ma aiuterà a ottimizzare la tua pagina.

Ottimizza le tue immagini

Ci sono tre cose che devi ottimizzare sulle tue immagini:

  • Dimensioni – Rendi le tue immagini della giusta dimensione per la pagina del tuo blog. Ad esempio, sul mio blog, mi assicuro che le immagini siano larghe 600 px, in modo che si adattino al tema e al design.
  • Dimensione file: assicurati di comprimere i file di immagine con uno strumento come TinyPNG o Kraken prima di caricare su WordPress. Questi programmi possono ridurre le dimensioni dei file fino al 65% e aiutare a caricare ed eseguire il tuo blog più velocemente.
  • Testo alternativo: aggiungi sempre una descrizione significativa al testo alternativo delle tue immagini. Questo aiuta i lettori non vedenti a capire a cosa si riferisce l’immagine e aiuta anche i motori di ricerca a indicizzare le tue immagini.
Ottimizzazione dell'immagine

Inizia a creare la tua lista

L’email marketing, come scoprirai nella parte 2, è uno dei modi migliori per promuovere il tuo blog in quanto hai una connessione diretta con i tuoi fan. Ma prima, dovrai costruire un elenco di abbonati. E per questo, avrai bisogno di due cose essenziali sul tuo blog:

  1. Un modo semplice per le persone di iscriversi al tuo elenco.
  2. Un motivo convincente per entrare a far parte del tuo elenco, spesso indicato come un “magnete principale”.

Incoraggiare la condivisione sociale

Far in modo che altre persone condividano i tuoi contenuti sui social media è un vantaggio per te. Oltre ad avere dei fantastici contenuti da condividere, devi chiedere agli utenti di condividerli. Puoi massimizzare i tuoi sforzi di promozione inserendo pulsanti di condivisione social visivamente attraenti e widget di Click To Tweet sul tuo blog con un plug-in di social sharing.

  • Pulsanti di condivisione social : non è necessario includere tutti i social network, solo quelli appropriati per il tuo blog. Guarda alla tua sinistra per vedere un esempio dei pulsanti che usiamo su Blogging Wizard.
  • Widget Fai clic per Tweet : puoi evidenziare una citazione o una frase in modo che si distingua e incoraggi i lettori a condividerla. Ecco un esempio dal vivo che abbiamo aggiunto al post usando Social Warfare:

Esistono molti plugin di social sharing per WordPress, quindi abbiamo ristretto le opzioni per te.

Presentazione del contenuto

Infine, dobbiamo coprire alcuni punti relativi ai tuoi contenuti perché dovrai scrivere contenuti di qualità in modo che sia più facile promuovere:

Notizie

Il titolo è la prima cosa che un lettore vede, sui social media o nelle pagine dei risultati di ricerca, quindi deve avere un impatto. Inizia con un titolo che attira l’attenzione e poi assicurati che i tuoi contenuti si accumulino fino a quello che hai promesso. Prenditi il ​​tuo tempo per creare il miglior titolo possibile.

Lunghezza del contenuto

Diversi studi hanno concluso che i post di blog più lunghi ottengono:

(a) Più quote sociali :

Azioni sociali Conteggio parole

(b) Classifica dei motori di ricerca superiore  :

Conteggio parole SERP

Tuttavia, devi prendere in considerazione la tua nicchia e l’obiettivo dei tuoi contenuti. I contenuti più lunghi possono sembrare più performanti, ma ricorda, il conteggio delle parole è importante solo quando scrivi contenuti di qualità: 5.000 parole di orientamento non vanno a vantaggio di nessuno.

Nota: il contenuto deve essere lungo quanto deve essere necessario per far passare il tuo punto, nel modo più efficace possibile.

Layout del contenuto

Devi rendere i tuoi contenuti facili da consumare. La maggior parte dei lettori esegue la scansione di pagine Web , quindi è necessario assegnare loro degli indicatori per fermarli nelle loro tracce ed evidenziare i punti chiave usando sottotitoli e punti elenco.

Rendi i tuoi contenuti più visivi utilizzando immagini, video, schermate e diagrammi pertinenti. La ricerca di Nielsen afferma:

Gli utenti prestano attenzione alle immagini che trasportano informazioni che mostrano contenuti pertinenti all’attività in corso. E gli utenti ignorano le immagini puramente decorative che non aggiungono contenuti reali alla pagina.

Parte 2 – Promozione blog

Nella parte 2, daremo uno sguardo ai diversi modi in cui è possibile promuovere ogni post del blog. Questo non vuole essere una lista di controllo esaustiva che dovresti seguire religiosamente. Piuttosto è un elenco di idee che puoi provare e vedere quale funziona meglio per te.

Nota: prima di iniziare, è una buona idea preparare un semplice file di testo con informazioni che è possibile riutilizzare su più piattaforme. Ciò accelererà il processo di promozione. Di seguito è riportato un esempio di ciò che utilizziamo nella procedura guidata di blog:

  • URL: inizia con l’URL del post del blog standard.
  • Variazioni di titoli: scrivi 3-5 variazioni di titoli  per il tuo post.
  • Brevi messaggi social: scrivi diversi brevi messaggi social da utilizzare su Twitter. Questi possono essere citazioni, domande o in base alle variazioni del titolo.
  • Messaggi social più lunghi: scrivi diversi messaggi social leggermente più lunghi da utilizzare su LinkedIn, Facebook, ecc. Le formule di copywriting popolari funzionano bene qui.
  • Informazioni di contatto – hai menzionato una persona o un marchio nel post? Includi le loro informazioni di contatto: account Twitter, indirizzo email, ecc. Avrai bisogno di far loro sapere che sono stati menzionati.
  • URL di tracciamento UTM (facoltativo): utilizza il  generatore di URL campagna di Google per creare un link di tracciamento per ogni piattaforma su cui promuovi il tuo articolo. Questo ti aiuterà a tracciare il traffico in modo più accurato.
  • Collegamenti brevi (facoltativi): i collegamenti di tracciamento possono apparire disordinati. L’uso di un accorciatore di URL li metterà in ordine.

2.1 – Email marketing

Nonostante tutte le ultime mode del marketing, l’email rimane la più potente ed economica:

È ancora il mezzo di comunicazione preferito per molte persone, con il numero di utenti in tutto il mondo che dovrebbe raggiungere i 2,9 miliardi entro la fine del 2019 .

Invia la tua lista per email

Nella parte 1 abbiamo parlato della costruzione di elenchi. Ora è il momento di usare quell’elenco.

L’invio tramite e-mail del tuo elenco di iscritti è uno dei modi migliori per iniziare a indirizzare il traffico verso il tuo ultimo post sul blog. Ma non lasciarlo lì. Chiedi loro di commentare, condividere e condividere con la loro comunità in modo da poter raggiungere una cerchia più ampia di persone.

Ed è logico che se qualcuno è già abbonato, sarà più probabile che condividano i tuoi contenuti con i loro follower.

Usa una firma e-mail

Includi un link al tuo ultimo post sul blog nella tua firma e-mail. È un modo semplice e sottile per promuovere i tuoi contenuti. E non sai mai quale destinatario potrebbe fare clic e leggere. Prova WiseStamp per una firma e-mail professionale con collegamenti ai tuoi profili social e all’ultimo post sul blog:

Firma Wisestamp

Invia i tuoi contatti via email

Di tanto in tanto, invia i tuoi contatti via email (amici, familiari, ecc.) E chiedi loro di condividere il tuo ultimo post sul blog. Non si sa mai fino a che punto si diffonderà l’effetto a catena. Chiedi sempre educatamente e offri di aiutarli in qualche modo.

Nota: se usi questa tattica per ogni post del blog, perderai i tuoi contatti!

Chiedi a un collega di inviare una mail al suo elenco

Se hai amici e colleghi che lavorano nella stessa o in una nicchia simile, potresti chiedere loro di inviare una mail al loro elenco. Forse potresti accettare di fare lo stesso per loro in cambio. Ma ancora una volta, non farlo per ogni post che pubblichi.

2.2 – Social media marketing

La condivisione dei tuoi contenuti sui social media è ancora un modo eccellente per ottenere maggiore visibilità e, in definitiva, aumentare il traffico e le condivisioni. Ma non è solo un caso di pubblicare una volta su Facebook e poi passare a qualcos’altro. È necessario disporre di una strategia di marketing sui social media :

  • Concentrati sui social network più pertinenti per il tuo blog.
  • Interagisci con le persone su quelle piattaforme, inclusi influenzatori e marchi.
  • Partecipa a gruppi sociali per aumentare la portata dei tuoi social media.

Mantieni una presenza regolare sui social network scelti e pubblica in modo coerente. Non presentarti solo quando hai un nuovo post sul blog da condividere. I social media sono un canale a doppio senso, quindi interagisci con altre persone amando e condividendo i loro contenuti.

Modifica il messaggio nei post dei social media in base a ciascuna rete. Ad esempio, strumenti come Blog2Social e Sendible ti consentono di personalizzare i tuoi post per rete utilizzando un messaggio lungo o breve, aggiungendo hashtag o menzioni pertinenti e selezionando un’immagine verticale o orizzontale.

Sendible offre anche il riciclaggio dei contenuti in modo da poter continuare a promuovere i tuoi contenuti su base regolare, così come una casella di posta sociale in modo da poter gestire le risposte e interagire con il tuo pubblico .

Siti di condivisione reciproca

Questi siti social successivi funzionano tutti tramite condivisione reciproca. Guadagni “crediti” per condividere i contenuti di altre persone, il che ti consente di pubblicare i tuoi contenuti e condividerli con altri.

  • Triberr è un modo efficace per promuovere il tuo blog. Ognuno dei tuoi post sul blog verrà importato automaticamente (tramite RSS), ma puoi modificarlo se lo desideri. Ad esempio, puoi aggiungere l’immagine del post del tuo blog in primo piano per far risaltare il tuo post nello stream. Ricorda di impegnarti con i tuoi tribemates e condividere i loro contenuti.
  • Viral Content Bee  consente ai blogger di promuovere i propri contenuti su Twitter, Facebook e Pinterest. Quando hai guadagnato abbastanza crediti condividendo i contenuti di altre persone, puoi aggiungere il tuo post per promuoverlo. Per risultati ottimali, connettiti e condividi contenuti dalla tua nicchia.

I siti di social bookmarking consentono agli utenti di pubblicare storie, immagini e video preferiti e utilizzare i tag per organizzarli. Altri utenti possono prendere questi “segnalibri” e aggiungerli alla propria raccolta o condividerli con ancora più utenti. La maggior parte di questi siti ha anche un sistema di voto in modo che i membri possano “votare” i loro post preferiti, che salgono in cima e guadagnano più visibilità.

  • Reddit  non è mai stato inteso come una directory di collegamenti come altri siti di bookmarking. Consiste in piccole comunità basate sugli interessi chiamate subreddits. Alcuni subreddit non ti consentono di condividere link, nel qual caso dovrai scrivere contenuti originali per la tua community.
  • Flipboard  è più un’app social in stile rivista che un tradizionale sito di bookmarking. Ma puoi anche creare le tue riviste selezionando “capovolgi” per ripubblicare i post e condividerli con i tuoi follower.
  • Digg è uno dei migliori siti di bookmarking. Se il tuo post sul blog è condiviso e aggiornato nella home page, puoi aspettarti molto traffico.

Siti di social bookmarking di nicchia

La condivisione dei tuoi contenuti in siti specifici di nicchia genererà condivisioni e traffico più pertinenti perché i tuoi contenuti hanno il pubblico giusto.

Ecco alcuni esempi tra cui scegliere:

Gruppi sociali, comunità e forum

Le community online ti danno l’opportunità di contribuire, costruire relazioni e stabilire la tua autorità . Ma, come Reddit, non funzionerà se si rilasciano solo collegamenti. Devi fornire più valore partecipando alle discussioni.

Cerca gruppi affermati che sono attivi e hanno una buona moderazione. E usa le piattaforme adatte alla tua nicchia:

  • Facebook groups
  • Gruppi Pinterest
  • LinkedIn groups
  • Forum Web
  • quora

Nota: considera la possibilità di creare i tuoi gruppi su una di queste piattaforme. Questo ti aiuterà a sviluppare ulteriormente la tua presenza online. Facebook è di solito l’opzione più popolare, ma può essere necessario uno sforzo per rendere il tuo gruppo di successo .

2.3 – Leva del contenuto

Se scrivi solo un post sul blog e lo pubblichi sul tuo blog, ti perdi. Sfruttando i tuoi contenuti, puoi ottenerli di fronte a un pubblico più vasto.

Ecco quattro modi in cui puoi provare:

Cura del contenuto

Alcuni siti ti consentono di curare i tuoi contenuti in elenchi e raccolte. Ad esempio, se fossi nella nicchia del giardinaggio, potresti creare un argomento su “Bi-annuali Hardy” e quindi salvare il contenuto in esso che include alcuni dei tuoi post.

Ecco alcuni siti in cui puoi curare i tuoi contenuti:

Aggregatori di contenuti

Gli aggregatori di contenuti raccolgono contenuti da altri siti Web e li “aggregano” in un’unica posizione facile da trovare. Non è classificato come furto del copyright fintanto che il sito di aggregazione afferma chiaramente e collega alla fonte e non ripubblicare il contenuto per intero. Inoltre è vantaggioso per tutti:

  • I visitatori hanno accesso a tutti i contenuti in un unico posto.
  • I creatori mettono i loro contenuti di fronte a un pubblico più vasto.

Ecco alcuni degli aggregatori di contenuti più popolari:

Diffusione del contenuto (ripubblicazione del blog)

Secondo Search Engine Watch :

La sindacazione dei contenuti è il processo di invio del tuo post, articolo, video o qualsiasi contenuto basato sul Web ad altre terze parti che lo ripubblicheranno sui propri siti.

La migliore pratica è pubblicare prima sul tuo blog, attendere alcuni giorni (minimo) fino a quando Google non indicizza il tuo post, quindi ripubblicare su altre piattaforme come Medium e LinkedIn .

In alternativa, puoi pubblicare uno snippet o un assaggiatore del tuo post sui siti di syndication con un link al tuo articolo completo.

Ad ogni modo, è un’opportunità per far conoscere i tuoi contenuti a un pubblico più vasto.

Avvertenza: la migliore pratica è quella di aggiungere qualcosa chiamato tag rel = “canonical” al contenuto ripubblicato.

Un tag canonico è un pezzo di codice (metadati) che include un collegamento al contenuto originale. Questo aiuta Google a capire quale sito Web ha originariamente pubblicato un contenuto.

Se ciò non è possibile, si consiglia di ricollegare al contenuto originale dalla versione ripubblicata.

Ma Google non classifica sempre il sito Web che pubblica originariamente un contenuto, anche se sa chi lo ha pubblicato originariamente. In genere classificano il sito Web che “pensano” che i visitatori preferiscono leggere. O in alcuni casi, il sito web più autorevole.

Per questo motivo, potresti preferire solo sindacare contenuti che non hanno come target parole chiave specifiche o uno snippet dei tuoi contenuti.

Riproposizione dei contenuti

La riproposizione dei contenuti consiste nel trasformare il tuo post iniziale sul blog in un altro formato come un’infografica, un video, un podcast o una presentazione di Slideshare.

Ad esempio, Adam ha trasformato il suo post sul blog Intervista di esperti –  Come distinguersi online: 43 esperti condividono i loro migliori consigli  – in un’infografica.

Inoltre, ha pubblicato l’infografica su un altro sito in modo da poter raggiungere un pubblico ancora più vasto. Il post iniziale del blog ha registrato oltre 5.000 visite e 2.000 condivisioni social, mentre l’infografica ha attirato altri 35.000 visitatori.

Esistono diversi  modi per posizionare la tua infografica . È possibile utilizzare grafici, diagrammi di flusso, tabelle, linee temporali e altro. E ci sono molti altri tipi di contenuti da esplorare.

Per di più, assicurati di consultare la nostra guida di riproposizione dei contenuti approfondita .

2.4 – Marketing relazionale

La gestione di un blog è destinata a fallire se si tenta di fare tutto da soli. C’è un’intera blogosfera là fuori che puoi attingere. Tutto ciò che serve è costruire relazioni con le persone giuste. E come ogni relazione, ciò significa che devi dare e avere.

Jason Quey, scrivendo della sua esperienza di lavoro con 1000 influencer , lo ha riassunto perfettamente:

Sii un donatore, non un tiratore.

In questa sezione, imparerai come promuovere i tuoi contenuti con l’aiuto di altre persone.

Influenza sul marketing

L’influencer marketing implica la connessione e la richiesta a persone che influenzano il tuo pubblico di destinazione per aiutare a promuovere i tuoi contenuti piuttosto che cercare di raggiungere quel pubblico da solo.

Ecco tre modi in cui puoi utilizzare gli influenzatori per promuovere i tuoi contenuti:

  • Indica gli influenzatori nei tuoi post (singoli o raccolte di esperti)

Non c’è modo migliore per far sapere a un influencer quanto apprezzi il proprio lavoro se non includendo un link pertinente a loro nel tuo post sul blog. E finché saranno contenuti di alta qualità, saranno più che felici di condividerli con il loro pubblico, che sarà senza dubbio più vasto del tuo.

Non è necessario chiedere loro di condividerlo. Fai loro sapere che apprezzi il loro lavoro e che hai incluso un link. Per esempio, ho fatto sapere ad Andy Crestodina che avevo menzionato lui e il suo libro nel mio post, ed era più che felice di condividerlo con i suoi seguaci. (In realtà, è stato un articolo ripubblicato su LinkedIn, ma ha ricevuto oltre 700 visualizzazioni, 155 Mi piace, 32 ricondivisioni e 12 commenti.)

  • Intervista a un influente blogger

Facendo un ulteriore passo avanti, perché non chiedere a un autorevole blogger un preventivo o due nel tuo nuovo post sul blog. È un ottimo modo per aggiungere alcuni contenuti unici al tuo post che li differenzia dagli altri. Se lo chiedi educatamente, la maggior parte dei blogger sarà felice di accontentarti. E, ancora una volta, quando verrà pubblicato, lo condivideranno con i loro follower.

  • Invita influenti blogger a contribuire al tuo blog

Una delle tattiche di promozione del blog più abusate è scrivere una carrellata di esperti. Ciò che è iniziato come un’idea valida è stato cotto troppo. Ora vedi post come “143 esperti ti dicono come far bollire un uovo”.

Lungo la strada, l’enfasi è passata a coinvolgere il maggior numero possibile di esperti in modo che il post sul blog fosse condiviso da più persone.

Non devi farlo. Scegli la qualità piuttosto che la quantità e conduci un’intervista di gruppo con 5-7 influencer che possono aggiungere valore reale al tuo post e condividerlo con il loro pubblico.

Diffusione del blogger

La divulgazione di Blogger è simile al marketing degli influencer. È un altro modo di chiedere aiuto a persone influenti nella tua nicchia.

L’obiettivo non è semplicemente quello di avere un influencer con un vasto pubblico che collega il tuo prodotto.

Invece, la divulgazione dei blogger è più focalizzata sulla formazione di partnership di contenuti, blog degli ospiti o acquisizione di backlink.

La divulgazione di Blogger è uno dei modi più efficaci per promuovere i tuoi contenuti, ma esiste un modo giusto e un modo sbagliato di condurre la tua divulgazione.

Blog degli ospiti

Guest Blogging è ancora uno dei modi più efficaci per promuovere il tuo blog.

La chiave per farlo funzionare è scrivere i tuoi migliori contenuti su blog pertinenti nella tua nicchia che hanno un alto volume di follower e abbonati. Includi un link nella tua biografia dell’autore a una pagina di destinazione sul tuo sito in cui i visitatori possano ottenere un download esclusivo o trovare ulteriori informazioni sui tuoi servizi.

Ad esempio, Lily Ugbaja usa il suo autore bio per i visitatori diretti al suo assumermi pagina:

Lily Ujaja Autore Bio

Potresti non vedere il traffico notturno inondare di nuovo il tuo sito web. Ma è ancora un buon modo per costruire la tua autorità e farsi riconoscere nella tua nicchia.

Blog commenting

Quando inizi a commentare i migliori blog nella tua nicchia, otterrai l’attenzione di altri commentatori e del proprietario del blog. Se il tuo commento è utile, altri lettori andranno a controllare il tuo blog. E, in definitiva, potresti persino ricevere un invito dal proprietario del blog a scrivere un post ospite.

Ma più che altro si tratta della costruzione di relazioni – di conseguenza possono nascere grandi connessioni e amicizie.

Sono quelle amicizie e connessioni che ti aiuteranno a promuovere meglio i tuoi contenuti in futuro. Assicurati solo di non far cadere link ai tuoi contenuti all’interno del commento stesso.

2.5 – Marketing a pagamento

Finora, abbiamo usato tattiche di promozione del blog “gratuite” che hanno consumato solo tempo. Ma ci sono alcune alternative a pagamento per promuovere i tuoi contenuti, quindi diamo un’occhiata ad alcune opzioni.

Pubblicità sui social media

Man mano che i social media organici (non pagati) raggiungono un calo, puoi prendere in considerazione la pubblicità a pagamento. I ricercatori prevedono che entro il 2019 la spesa per la pubblicità sui social media raggiungerà i 31 milioni di dollari.

Ogni piattaforma di social media ha diversi formati demografici e pubblicitari. Ad esempio, c’è:

Quindi è necessario considerare:

  • il miglior social network per la tua campagna; cioè dove il tuo pubblico è in giro
  • il miglior formato pubblicitario; ad esempio immagini, video, testo
  • i costi per rete e il budget

Per maggiori informazioni:

A parte i principali social network qui sopra potresti voler considerare:

  • Quuu Promote consente ai creatori di contenuti di inviare i propri contenuti nel sistema di curazione dei contenuti Quuu. Una volta approvato, il contenuto viene condiviso da altri proprietari di attività sui social media. I costi della promozione variano in base alla categoria di contenuti.
  • Reddit è una delle più grandi comunità online, con una stima di 17 milioni di utenti mensili. I suoi costi pubblicitari sono più economici dei tradizionali siti social. Dai un’occhiata alla guida di Nate Shivar su come fare pubblicità su Reddit .

Piattaforme di rilevazione dei contenuti

Le piattaforme di rilevazione dei contenuti – a volte chiamate pubblicità nativa – come Outbrain e Taboola offrono un’altra opzione per promuovere i tuoi contenuti.

Gli annunci nativi sono progettati per apparire e sembrare appartenenti al sito Web dell’editore. Di solito compaiono alla fine di un articolo presentato come: “Ti potrebbe piacere”, “Consigliato per te” o “Storie promosse”.

Ecco come potrebbe apparire un post di Blogging Wizard tramite Outbrain:

Esempio di Outbrain

Cerca pubblicità

Cerca luoghi pubblicitari nei risultati dei motori di ricerca. Viene anche definita pubblicità PPC (Pay-Per-Click) perché devi pagare una piccola commissione ogni volta che qualcuno fa clic sul tuo annuncio. Li vedrai nella parte superiore di SERP di Bing e Google contrassegnati con un’icona “Annuncio”:

Google Adwords

Parte 3 – Misurare la promozione del tuo blog

Come fai a sapere quali strategie di promozione del blog funzionano? Misurando i risultati.

3.1 – Web analytics

Nella prima parte abbiamo menzionato l’installazione e l’utilizzo di alcuni strumenti di analisi web. Ora è il momento di vedere quali dati hanno per te. Qualunque strumento di analisi web tu usi, ci saranno molti dati da elaborare.

In Google Analytics, puoi controllare la sezione “Acquisizione” e “Canali” per vedere da dove arrivano i visitatori del tuo blog:

Canale di Google Analytics

Nota: il traffico finisce in questi vari canali secondo le regole qui definite . Per una migliore comprensione dei canali, ti consiglio di leggere questo articolo .

Ecco una breve panoramica dei diversi canali che potresti incontrare in Google Analytics:

  • Ricerca organica: visitatori che arrivano al tuo sito Web dai motori di ricerca; ad esempio Google e Bing.
  • Diretto – Visitatori che visitano il tuo sito Web senza una fonte di rinvio tracciabile; ad es. dopo aver digitato l’URL nella barra degli indirizzi o aver utilizzato un segnalibro nel browser.
  • Social: visitatori che accedono al tuo sito Web da un social network; ad es. Facebook, Twitter, ecc.
  • Referral – Visitatori che arrivano al tuo sito Web da un altro sito Web facendo clic su un collegamento.
  • Altro: visitatori da fonti di traffico in cui il parametro UTM_Medium non è corretto.
  • Ricerca a pagamento: visitatori che arrivano al tuo sito Web da un annuncio di ricerca a pagamento; ad esempio Google AdWords
  • Email: i visitatori che visitano il tuo sito web dopo aver fatto clic sui link nelle tue campagne di email marketing.

In conclusione, Google Analytics è buono solo come i dati che entrano. Quindi, se si desidera monitorare diligentemente i dati, è necessario costruire i parametri di monitoraggio correttamente su tutti i collegamenti che è possibile controllare.

3.2 – Monitoraggio dei social media

Oltre agli strumenti di analisi dei dati web puoi utilizzare gli strumenti di monitoraggio dei social media per verificare il rendimento dei tuoi post sul blog. Google Analytics non è geniale nel tracciare i social media. Ma ci sono molti altri strumenti disponibili in modo da poter vedere quale piattaforma è la migliore per promuovere i contenuti del tuo blog.

Conclusione

Con così tante tattiche di promozione del blog elencate qui, è impossibile usarle tutte in una volta.

Il nostro consiglio:

Inizia con una o due strategie e vedi cosa funziona meglio.

Quindi prova ad aggiungerne un altro. E poi un altro. Fino a quando non trovi lavori per te.

È possibile che una tattica funzioni per un post di blog e una tattica diversa per un altro, a seconda del contenuto e del pubblico. Cerca di non essere troppo frettoloso quando elimini una strategia poiché alcuni potrebbero impiegare più tempo a funzionare rispetto ad altri.

Alla fine, puoi raccogliere tutto ciò che funziona in un solido processo di promozione dei contenuti. Puoi quindi utilizzare questo processo per ottenere più traffico per ogni post che pubblichi

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close